Ridatemi le navi negriere

Kunta Kinte Radici Ridatemi le navi negriere Lampedusa 25 morti nigeriani immigrazione scafisti clandestini

500 anni fa. Navi negriere salpano dalle coste inglesi e sudamericane alla volta del continente nero. Missione: irrompere nei villaggi africani, stuprare tutto ciò che ha due gambe e respira, uccidere chi oppone resistenza e catturare il maggior numero di schiavi, scelti tra i negri più giovani e più forti. Una volta ridotti in catene, i prigionieri si caricano nella stiva di imbarcazioni anguste e malsane, si trattano come bestie per tutta la durata della traversata oceanica – avendo l’unica accortezza di tenerli in vita – e poi si vendono all’asta, come muli da soma, affinché lavorino nelle piantagioni dei ricchi proprietari terrieri. Bianchi. I padroni, prima di acquistarli, controllano che la loro dentatura sia perfetta. Come si fa con i cavalli. Poi, una volta scelti, cambiano loro nome. Come si fa con i cani randagi. Poi li portano stremati nei loro possedimenti. Non c’è bisogno di pagarli: ha forse un salario una vacca? Donne e uomini lavorano fino allo sfinimento, in cambio solo del cibo necessario per vivere. Le donne, in particolare, di notte assolvono alle esigenze fisiologiche dell’uomo bianco. Intanto, la razza superiore brinda, banchetta e manda i figli al mare.

2011. 500 anni dopo. È cambiato tutto. La schiavitù è stata abolita: abbiamo inventato i “diritti umani“. Un progresso innegabile. Non c’é più bisogno di andare a prendere i negri giovani e forti: vengono da soli, spinti da una povertà che lava le nostre coscienze. Pagano e si indebitano per essere deportati. Le grandi imbarcazioni negriere si sono trasformate. Ora sono lussuose e sicure navi da crociera, sono transatlantici. Usate come carro merci erano sprecate. Loro, i nuovi cittadini liberi del continente nero, possono arrangiarsi come meglio credono, o come possono, ammassandosi volontariamente su bagnarole a fine vita che vengono mandate alla rottamazione in mare aperto. Meglio che spendere soldi per demolirle. Unico caso commerciale in cui perdere un carico (pagante) è più vantaggioso che portarlo a destinazione.

Quelli che arrivano si vendono spontaneamente, anzi si regalano, senza bisogno di indire nessuna asta. Finiscono nelle piantagioni. Al posto del cotone ci sono i pomodori. Lavorano fino allo sfinimento, senza diritti, senza dottori. Vengono picchiati e presi a fucilate se osano ribellarsi. In cambio, non ricevono più il solo cibo necessario per sopravvivere: finalmente hanno diritto a un salario. Che è appena sufficiente per sopravvivere in una società di coltivatori immensamente più ricchi di loro. Per agevolare l’uomo bianco, che non sa pronunciare i fonemi della loro lingua, si cambiano spontaneamente il nome. Le loro donne indebitano le loro famiglie di origine per venire al servizio delle facoltose colonie bianche dove, si dice, troveranno un lavoro. Poi si ritrovano con un debito sulle spalle e la costante minaccia dei moderni negrieri di rivalersi sui loro genitori se non sapranno onorarlo. Così, sono libere di battere le strade, ogni notte, per assolvere alle esigenze fisiologiche dell’uomo bianco.

Se questo è tutto quello che abbiamo saputo fare in 500 anni, rivoglio le navi negriere e gli schiavisti. Era quasi tutto esattamente come é oggi, con la differenza che il carico di “bestie nere” deportato nelle stive dei velieri era prezioso e non ci si poteva permettere che andasse perduto in fondo al mare. Come è successo ai 25 “schiavi negri” massacrati a bastonate perché, agonizzanti, volevano uscire dalla camera a gas, nel ventre mefitico di un barcone che li stava portando verso la loro piantagione di cotone, a poche miglia dalle coste della civile ed evoluta Europa del XXI secolo. Dove la razza superiore brinda, banchetta e manda i figli al mare, solo un po’ meno frequentemente di prima, che c’è la crisi.

Ora scusatemi, vado a vomitare.

(*) dal mio blog sul Fatto Quotidiano

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

16 risposte a Ridatemi le navi negriere

  • 9
    fra2187

    è vero che la civiltà occidentale ha fatto molti errori e cose orrende, ma bisogna anche dire che ha inventato molte cose buone e fatto molti progressi nel campo della scienza e tecnologia

    inoltre ha inventato il relativismo culturale e non solo; nessuno critica l’occidente piu di noi stessi. basta andare sui siti e blog per vedere tutta la gente che critica e sputa sull’occidente e sulla globalizzazione.

    ma ci sono anche scienziati che amano le altre culture e le studiano, come gli studiosi di “rosetta project” oppure “sorosoro.org”

    insomma non tutti i bianchi sono dei mostri sanguinari. basta andare a vedere alcune antiche società tribali dell’Oceania che fino agli anni ’30 praticavano il cannibalismo.

  • 8
    rafabarbosa

    byoblu ha scritto :
    grazie per la precisazione. E’ evidente che, fuori da ogni retorica, gli animali sono per molti versi infinitamente superiori alla nostra razza, essendo assente in essi la volontà e la consapevolezza di arrecare sofferenza. In effetti, su questa Terra esiste una grande, immensa guerra mai narrata, fatta di deportazioni, stermini e di campi di concentramento: è la guerra della razza umana verso i tre regni naturali. Il mio articolo sottolinea come “loro”, gli schiavisti, considerano la razza africana, non certo come la considero io né come considero io il valore che è da attribuirsi alle specie animali.

    Perfettamente d’accordo con te, forse sarebbe ora che qualcuno la raccontasse!

  • 7
    leonida

    IN AFRICA E ANNI CHE STANNO SPERIMENTANDO VACCINI LETALI E NESSUNO DICE NULLA A PARTE ALCUNO MISSIONERO CHE SACRIFICA LA VITA PER AIUTARLI,IO PENSO CHE IL PROBLEMA E’ PIU’ GRANDE E  PROFONDO DI QUELLO CHE VOGLIAMO AMMETTERE,PERCHE NON SOLAMENTE HANNO FATTO SCHIAVI I NEGRI MA QUALSIASI ALTRA RAZZA DEL PIANETA SIAMO ORAMAI TUTTI SCHIAVI DI UN SISTEMA VIOLENTO E SENZA PIETA’,IO SONO SICURO CHE I VERTICI DI QUESTO MONDO CHE DECIDONO I VARI MODI DI SCHIAVITU’ O DI I VARI GENOCIDI ANIMALI E UMANI,NON APPARTENGONO ALLA RAZZA UMANA LI PUOI CHIAMARE REPTILIAN O COME VOLETE PERO’ SE CI PENSATE CE UN VUOTO BIOLOGICO NELLA NOSTRA RAZZA  IL CONTO NON TORNA ANALIZZATE BENE LA NOSTRA STORIA,NESSUNA RAZZA DI QUESTO PIANETA SI AUTODISTRUGGE COME LA NOSTRA QUINDI O SIAMO GENETICAMENTE DIFETTOSI E MERITIAMO DI ESTINGUIERCI O SIAMO PILOTATI COME IO PENSO DA UN ALTRA RAZZA PARASSITA CHE CI USA COME CARNE DA MACELLO E PER QUELLO SIAMO NATI TUTTI SCHIAVI NEGRI, BIANCHI, GIALLI E ROSSI.

     

  • 6
    Anas E.

    Byo Blu :

    In cambio, non ricevono più il solo cibo necessario per sopravvivere: finalmente hanno diritto a un salario.”

    Vorrei solo aggiungere il piccolo/grande dettaglio : Finalmente hanno diritto a un salario IN NERO 

    A tutti noi invece voglio dire una cosa : Ricordiamo questo bel Articolo ogni volta che apriamo una bottiglia di passata di pomodoro per farci un bel piatto di pasta !

  • 5
    drainyou80

    25 morti tra il caffè e la sigaretta poi si chiude la tv e si torna a sorridere.

  • 4
    rafabarbosa

    Salve Claudio, ti seguo ormai da troppo tempo e ti stimo per il lavoro che fai, poche volte commento per motivi di lavoro e quando lo faccio, sempre con molto entusiasmo.

    Detto questo, mi rammarica e disturba vedere nel tuo, peraltro giustissimo post che condivido appieno nelle intenzioni, l’uso di un tono un pò troppo specista.

    Ho notato spesso l’accostamento dei “negri” agli “animali da lavoro” nel tuo post proprio per evidenziare la loro situazione paragonabile all’uso, perchè è di quello che si tratta, che ne fa l’uomo degli animali.

    Un disappunto questo, che forse tu troverai puntiglioso, magari etichettandomi anche come animalista, ma che io invece trovo fondamentale. Se continuiamo a far passare questo messaggio che gli animali sono inferiori a noi, difficilmente avremo un mondo migliore.

    Se ci accontentiamo di aver guadagnato(?) i “diritto umani” e non proseguiamo la lotta per alzare la soglia di evoluzione sociale e naturale, continueremo a paragonare le situazioni umane estreme a quelle animali normali.

    Riconosco la sottigliezza del mio discorso, forse un pò utopistico, ma non è mai troppo ricordare alla gente (anche quella che segue il tuo blog) questa disparità di trattamento a cui i nostri occhi e le nostre parole si sono purtroppo abituati.

    Buon lavoro Claudio.

    • 4.1

      grazie per la precisazione. E’ evidente che, fuori da ogni retorica, gli animali sono per molti versi infinitamente superiori alla nostra razza, essendo assente in essi la volontà e la consapevolezza di arrecare sofferenza. In effetti, su questa Terra esiste una grande, immensa guerra mai narrata, fatta di deportazioni, stermini e di campi di concentramento: è la guerra della razza umana verso i tre regni naturali. Il mio articolo sottolinea come “loro”, gli schiavisti, considerano la razza africana, non certo come la considero io né come considero io il valore che è da attribuirsi alle specie animali.

  • 3

    concordo con una precisazione storica: la tratta degli schiavi era stata iniziata e condotta anche con quote rilevanti se non maggioritarie dai mercanti arabi e dai capi neri di tribù che facevano fortuna assalendo i "fratelli" e rivendendoli a mercanti Portoghesi, Olandesi e Inglesi (poi divenuti clandestini per la formale messa al bando della schiavitù nel XIX sec. da parte della Corona). Evitiamo quindi di diffondere visioni sin troppo propalate da troppo mondialismo cialtrone che vorrebbe vendere la leggenda dell’uomo bianco cattivo, mentre a far soldi sulla pelle dei più deboli ci sono stati tutti, anche arabi e "fratelli" di colore.

    per il resto ottimo post. 

    • 3.1

      Vero. Ma ricordiamoci sempre di farci una domanda: per dirla alla Ghedini, chi era l’utilizzatore finale? Arabi (che non sono neri africani, non c’entrano niente) corrotti ci sono e ci sono sempre stati, come è normale che sia statisticamente in qualsiasi popolazione, e la rilfessione non vuole essere un confronto tra razze in termini di “colore della pelle”, ma il predatore, l’ordinante, era la ricca razza bianca. Gli altri erano ovviamente tutti da condannare, ma erano dei tramiti che avevano trovato un modo di campare. Altrimenti rischiamo di mettere tutti allo stesso livello, mentre se esiste una tratta delle bambine nelle Filippine o altrove è perché ci sono italiani (e ovviamente altri) disposti a pagare per abusarne. Poi l’occasione fa l’uomo ladro, ma il motore, il pilota, chi è?

      Concludo dicendo in ogni caso che la riflessione contenuta nel post vuole solo sottolineare le macro analogie, a livello di sistema, tra due periodi storici così distanti nel tempo, eppure così drammaticamente simili nei loro effetti. Alla fine non è cambiato niente, e in alcuni casi la situazione è perfino peggiorata (nessuno, sulle navi negriere, avrebbe preso a bastonate 25 giovani e vigorosi potenziali schiavi: la “merce”, come la consideravano, aveva un valore superiore perfino alla vita dei marinai).

    • 3.2

      Vero. Ma ricordiamoci sempre di farci una domanda: per dirla alla Ghedini, chi era l’utilizzatore finale? Arabi (che non sono neri africani, non c’entrano niente) corrotti ci sono e ci sono sempre stati, come è normale che sia statisticamente in qualsiasi popolazione, e la rilfessione non vuole essere un confronto tra razze in termini di “colore della pelle”, ma il predatore, l’ordinante, era la ricca razza bianca. Gli altri erano ovviamente tutti da condannare, ma erano dei tramiti che avevano trovato un modo di campare. Altrimenti rischiamo di mettere tutti allo stesso livello, mentre se esiste una tratta delle bambine nelle Filippine o altrove è perché ci sono italiani (e ovviamente altri) disposti a pagare per abusarne. Poi l’occasione fa l’uomo ladro, ma il motore, il pilota, chi è?

      Concludo dicendo in ogni caso che la riflessione contenuta nel post vuole solo sottolineare le macro analogie, a livello di sistema, tra due periodi storici così distanti nel tempo, eppure così drammaticamente simili nei loro effetti. Alla fine non è cambiato niente, e in alcuni casi la situazione è perfino peggiorata (nessuno, sulle navi negriere, avrebbe preso a bastonate 25 giovani e vigorosi potenziali schiavi: la “merce”, come la consideravano, aveva un valore superiore perfino alla vita dei marinai).

    • 3.3

      Vero. Ma ricordiamoci sempre di farci una domanda: per dirla alla Ghedini, chi era l’utilizzatore finale? Arabi (che non sono neri africani, non c’entrano niente) corrotti ci sono e ci sono sempre stati, come è normale che sia statisticamente in qualsiasi popolazione, e la rilfessione non vuole essere un confronto tra razze in termini di “colore della pelle”, ma il predatore, l’ordinante, era la ricca razza bianca. Gli altri erano ovviamente tutti da condannare, ma erano dei tramiti che avevano trovato un modo di campare. Altrimenti rischiamo di mettere tutti allo stesso livello, mentre se esiste una tratta delle bambine nelle Filippine o altrove è perché ci sono italiani (e ovviamente altri) disposti a pagare per abusarne. Poi l’occasione fa l’uomo ladro, ma il motore, il pilota, chi è?

      Concludo dicendo in ogni caso che la riflessione contenuta nel post vuole solo sottolineare le macro analogie, a livello di sistema, tra due periodi storici così distanti nel tempo, eppure così drammaticamente simili nei loro effetti. Alla fine non è cambiato niente, e in alcuni casi la situazione è perfino peggiorata (nessuno, sulle navi negriere, avrebbe preso a bastonate 25 giovani e vigorosi potenziali schiavi: la “merce”, come la consideravano, aveva un valore superiore perfino alla vita dei marinai).

    • 3.4

      Mi sembra che non cogli l’essenza. Affieniti a quanto scritto nell’articolo e non farti prendere da considerazioni che scaturiscono da critiche o conversazioni precedenti, che per “pre-giudizio” magari applichi anche qui. Sollevati e guarda il fenomeno nel suo complesso, dall’alto. Tutte le tue sottili distinzioni, ti accorgerai che non spostano niente.

    • 3.5
      FitTizio

      Scusa Claudio ma la tua mi sembra una semplificazione eccessiva del problema. Dividere in bianchi sfruttatori e neri sfruttati è semplice ma lontano dalla verità. Sono esistiti ed esistono tuttora sfruttatori e sfruttati di ogni colore. La natura umana è indipendente dal colore, no?

      Infatti materialmente i mercanti di schiavi che si occupavano del trasporto dall’africa occidentale all’america non andavano a prendersi gli schiavi depredando i villaggi africani, si limitavano a comprarli. Il lavoro sporco lo facevano gli autoctoni. Inoltre gli schiavi non erano mica tutti destinati ad andare in america. Esisteva anche un mercato interno!

      Quello che succede adesso è tutta colpa della pubblicità e di moderni schiavisti senza scrupoli. In africa sono convinti che nel mondo occidentale stiamo da dio. Ho visto con i miei increduli occhi in Ghana cartelli pubblicitari che auspicavano come progresso fabbriche, ciminiere e fumo!

      Per sfatare un altro mito: chi si può permettere di venire in occidente non è certo la parte povera della popolazione africana. I poveri non possono permettersi di pagare gli scafisti.

       

  • 2
    Naiantara

    Che vergogna…. Niente altro che vergogna. In 500 anni nessuno ha imparato a rispettare la vita, nessuno ha imparato a vergognarsi.

  • 1

    vedi Claudio perché sei un grande?

    Messora direttore del TG1 subito!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>