Certificati energetici, la truffa della Classe A che si paga con 30 anni di mutuo

di Giorgio Chiesa


giornalista e fotografo

Siamo riusciti a relegare in cantina il nucleare italiano (probabilmente) per sempre. Ma allora, quanto ci metteranno i nostri rappresentanti a capire che il futuro energetico della nostra Penisola, e del mondo, è ad una svolta? Per “alcuni” ci stanno già mettendo troppo, perché in fondo l’evoluzione industriale avvenuta nel XX secolo non è stata poi così “rivoluzionaria”. Pensandoci bene, non abbiamo fatto altro che scavare un buco nel terreno, per poi scoprire che in un cucchiaio di petrolio c’è l’equivalente di una giornata di lavoro fisico e nel serbatoio delle nostre auto quello di ben due anni.

Tra questi “alcuni”, ci sono anche persone come Norbert Lantschner, direttore dell’Agenzia CasaClima di Bolzano, che in un’intervista su un mensile bergamasco fa sapere che l’edilizia sta diventando l’ennesima baruffa squisitamente italiana, con certificatori ballerini, conflitti d’interesse a pioggia e fette di salame sugli occhi grandi come pannelli fotovoltaici.

La certificazione energetica è uno strumento importantissimo, ma il sistema di calcolo permette troppe interpretazioni. Oggi, in Italia, il tecnico specialista riesce a giocare con i numeri e a ottenere ciò che gli serve. Con questo modus operandi il rischio è che tra un paio d’anni avremo tutte le abitazioni in Classe A senza aver cambiato realmente nulla. L’obiettivo europeo, invece, è salvaguardare l’indipendenza di chi certifica; deve essere un’operazione trasparente, legata alla qualità, deve insomma essere garantita l’imparzialità. Non può funzionare una metodologia in cui il committente si cerca il suo collaudatore di fiducia, pagato profumatamente. È un programmato conflitto d’interessi. Io lo chiamo il virus dell’autocertificazione. La testimonianza è data dal fatto che il prezzo di questo mercato è andato al ribasso e tutto ciò si traduce in una grande opportunità persa, perché in questo modo facciamo danni a lungo termine. Il certificato energetico è vissuto come un semplice pezzo di carta da acquistare al supermercato. La Classe A che oggi viene venduta, in sintesi, non significa efficienza, ma autocertificazione “.

Siamo dunque dinanzi all’ennesima truffa legalizzata, che per i cittadini dura però trent’anni, perché il debito deve essere estinto senza possibilità di rivalersi, in virtù di contratti d’acquisto che ha sottoscritto. Pagherà il cittadino per errori commessi da altri, come al solito.

Forse non tutti sanno che è l’Europa che ha deciso di concedere non più di dieci anni per arrivare ad una classificazione energetica “Gold”. Si dovrebbe quindi partire ora con iniziative, progetti, cantieri. Invece la beffa è che Milano si sta preparando per l’Expo 2015. Non potrebbe andare peggio in quanto anche il resto d’Italia dorme nei suoi edifici colabrodo del dopoguerra. Il dato più scioccante è che, almeno in edilizia, si è praticamente inventato tutto.

A differenza del settore dei trasporti, l’edilizia è pronta al futuro. Siamo quindi immersi in un dramma, perché proprio l’edilizia è un gigante volano di economia. Investire in indipendenza energetica vuol dire creare posti di lavoro e azioni sociali. Non possiamo lasciarci bloccare dagli speculatori e dai “palazzinari”. Se non sali sul treno del futuro, il mercato ti punisce. Una differenza importante con la Germania è nell’informazione. All’estero questi temi sono di uso e consumo quotidiano, sono sempre presenti nelle cronache dei giornali. Quello che non si riesce a far capire è che se ristrutturiamo un edificio a Milano o a Bergamo, intervengono l’artigiano, il geometra e l’architetto del posto. Aumenti il valore dell’immobile, aumenti l’indotto economico e non permetti ad imprese estere di acquisire l’appalto. L’Europa ha certificato che la fonte principale d’inquinamento non deriva dalle auto, bensì dalle case. Se non creiamo questa particolare attenzione, andrà a finire come per il fotovoltaico, dove sono le imprese estere a svilupparsi nel territorio, mentre le PMI locali sono solo in grado di posare il prodotto. Dobbiamo investire in questa nuova era, in cui il rinnovabile prenderà il posto del fossile; bisogna vedere opportunità dove gli stolti vedono un castigo “.

Insomma, ci vuole un regolamento, e qui subentra il lavoro di un ente pubblico. La nuova edilizia richiederebbe l’attivazione dell’intera filiera. Ad oggi, infatti, un semplice comune ha tutti gli strumenti necessari per cambiare il mondo da un giorno all’altro, decidendo quali tipi di normative adottare.

La vera sfida sta nella riqualificazione. Gran parte delle costruzioni italiane sono state edificate negli anni del boom economico, tra il 1960 e il 1980, circa un 60% dell’esistente. La difficoltà è che, a differenza ancora della Germania – dove abbiamo grandi consorzi proprietari di migliaia di appartamenti -, in Italia vige una situazione di multiproprietà. L’intervento più intelligente è senza dubbio ritoccare l’involucro, e questi edifici hanno maturato oggi un’età che richiede interventi di manutenzione. Proprio qui dobbiamo cercare di abbinare l’intervento con una riqualificazione energetica. L’Italia, da questo punto di vista, ha la miglior legge degli ultimi vent’anni, che garantisce il 55% di detrazione fiscale se si interviene sull’esistente. Dobbiamo sfruttarla. In Alto Adige sono riusciti a mitigare la crisi edile con incentivi particolari: c’è, infatti, la possibilità di “regalare” ben 200 metri cubi di superficie a chi realizza un intervento energetico che porta l’intera struttura almeno in Classe CasaClima C “.

Per concludere, è il caso che il modello di sviluppo adottato dal mondo venga ripristinato in meglio, una sorta di “Matrix Reloaded” in cui la qualità della vita sia più importante del suo standard. I parametri di valutazione del PIL, è evidente, non possono più essere gli stessi. Un incidente grave è ancora oggi un’occasione economica. Lo sviluppo illimitato non può funzionare in un sistema chiuso così come l’energia solare non può bastare se non si agisce prima alla base della piramide energetica, rimediando agli errori fatti per ebbrezza edilizia.

Quando comprate casa, non fatevi ingannare dalle pubblicità sui pannelli solari, dai grandi manifesti “verdi”. Informatevi prima sul costruttore, su chi ha effettuato la certificazione e su chi ha pagato il certificatore. Ne va della salute dei vostri figli e del vostro conto in banca, perché dalla prima bolletta all’ultima passeranno trent’anni di mutuo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

7 risposte a Certificati energetici, la truffa della Classe A che si paga con 30 anni di mutuo

  • 2
    adrian

    adrian ha scritto :
    Diciamo anche che queste case, cosiddette di classe A, costano un botto, molto di più di una classica costruzione.

    il confronto non è con una casa “classica”  ma con una casa contemporanea dove il progettista e l’impresa non sanno costruire. Le case classiche – nel senso di storiche – erano ben progettate e ben realizzate, ovviamente non i limiti e le caratteristiche dell’epoca.

    Speculazione? Sicuramente. Quindi a uno che non può avere il mutuo per accedere a quelle case, ma una spiccata consapevolezza sul benessere del pianeta che dovrebbe fare?

    in primis vedere la risposta precedente e poi considerare che la tutela dell’ambiente e il comfort ambientale sono direttamente legati, nelle case che consumano di meno si vive meglio

  • 1
    midica

    Diciamo anche che queste case, cossiddette di classe A, costano un botto, molto di più di una classica costruzione. Speculazione? Sicuramente. Quindi a uno che non può avere il mutuo per accedere a quelle case, ma una spiccata consapevolezza sul benessere del pianeta che dovrebbe fare?

    • 1.1
      giorgio.nick

      Senza contare poi che l’eventuale “costo” maggiore (tutto da verificare tra l’altro), sarebbe ampiamente compensato dalle prime bollette energetiche.

      Ricordo che in edilizia si è perfino arrivati a costruire case attive, che cedono energia alla rete.

    • 1.2
      giorgio.nick

      Non avevo mai sentito parlare di “Tripla Classe A”, se non sbaglio è la classificazione degli elettrodomestici, come hai detto tu.

      Quale costruttore ha cercato di venderti una casa in “Tripla Classe A”?

    • 1.3
      midica

      io cercavo casa, e quando mi parlavano del capitolato entrava in gioco tutto il discorso della classe energetica addirittura arrivata qua in lombardia alla tripla classe A come se fosse un elettrodomestico. Tutto molto bello certo, ma se devo pagare 90mq 300.000€ e passa, senza contare poi, l’esclusione del box,  il 4% di iva, notaio e menate varie le cifre crescono. Io ho una famiglia e delle esigenze quindi cercavo una roba così. Invece andando in edilizia non in classi energetiche i prezzi già si aggiravano intorno alle 220/250.000€. Va bene che risparmi poi, ma nessuno mi faceva un mutuo, non avevo un reddito sufficiente a comprarmi casa, nonostante chiedessi solo ed esclusivamente l’80% del valore dell’immobile. Se questo è falso e ho detto delle castronerie allora io sono Berlusconi con in casa le vallette. Mi dispiace ma parlo per esperienza personale.

    • 1.4
      adrian

      assolutamente non vero. Le case a basso consumo energetico devono essere progettate da chi è in grado di farlo e devono essere realizzate da imprese qualificate. Questa è l’unica certezza, per il resto una casa casaclima A potrà costare circa il 10% in più di una casa colabrodo – anche se viene certificata in classe C secondo la normativa nazionale. Il costo folle di una casa casaclima è una bufala – c**zATA –  alimentata da professionisti incompetenti ed imprese becere. La qualità, il miglioramento energetico del nostro patrimoni edilizio ed architettonico è l’unica via per migliorare la nostra economia e il nostro standards abitativo.

  • 0

    In Italia si ha sempre paura delle novità. Per me le novità sono delle cose che costano di più e hanno esito incerto.

    Il mercato mi spaventa perchè compri una cosa che è una novità e la paghi 100, dopo qualche anno arriva un tuo amico che la compra più efficiente e che costa 50.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>