Di Stefano, lo Spartacus dell’etere

Se c’è un editore che più di ogni altro in questo paese ha pagato e continua a pagare il monopolio televisivo e la spartizione delle frequenze che avviene per diritto di casta, nel completo disinteresse – come è logico che sia – della concorrenza, questo è Francesco Di Stefano: il simbolo degli effetti iniqui che un governo telecratico produce e della conseguente invisibilità di chi viene cancellato dal sistema.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 Kafka non avrebbe saputo scrivere una storia più assurda (qui il video della mia prima intervista, realizzata nel 2008). Uno stato indice una gara per l’assegnazione delle frequenze. Un libero imprenditore spende un milione e mezzo di euro per mettere insieme gli studi più grandi d’Europa e vince la concessione. Rete4 la perde ed è destinata al satellite. Ovunque, perfino nello Zimbabwe (per dirla alla Masi), uno che vince un appalto ottiene il bene oggetto della concessione. E se non lo ottiene scoppia un casino che non finisce più. Qui no. Qui non scoppia neppure una pallina di materiale da imballaggio, di quelle che fanno puff.

Dieci anni di battaglie giudiziarie, condotte a tutti i livelli. Dieci anni di vittorie legali, ottenute anche in sede europea, che rappresentano al meglio la totale impotenza della legge di fronte allo strapotere dei signori dell’etere. Graham Watson, l’ex presidente del gruppo ALDE (Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa) nonché interfaccia del Parlamento Europeo con le istituzioni italiane deputata ad ottenere il rispetto delle sentenze, che ho avuto il privilegio di intervistare nel suo ufficio di Bruxelles, ottenne dall’allora Ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni una bella pacca sulla spalla e il consiglio per Di Stefano di accontentarsi del risarcimento perché – letteralmente – “non tira aria“. E stiamo parlando di un Ministro di centro-sinistra.

Chiedete ad amici e conoscenti se sanno chi o cosa sia Europa7, ovvero quello che avrebbe dovuto diventare il terzo polo indipendente televisivo italiano, ed otterrete la misura scientifica di quanto l’informazione in Italia, sia nel pubblico che nel privato, abbia potere di vita e di morte sulle notizie.

Un paio di anni fa Di Stefano ottiene una frequenza laddove avrebbe potuto fare meno danni possibili: sul digitale terrestre. Che non funziona e che, in ogni caso, costringe ad avere posizioni irraggiungibili sul telecomando. Siccome tutto si può dire tranne che non sia testardo, risoluto e innovatore, decide di sfruttare la situazione buttandosi, primo al mondo, in un’implementazione del DVB-T 2 che gli consente di avere su quella stessa frequenza ben 8 canali in alta definizione, due standard e perfino qualche canale di porno. Il tutto con un decoder personalizzato che risolve tutti i problemi del digitale terrestre prima maniera, che permette di avere più canali, di memorizzarli nelle posizioni che più aggradano e che consente di avere anche il 3D senza occhialini (con televisione predisposta). E con un canale di informazione indipendente, Fly, completamente gratuito.

Uno pensa: è fatta. Cos’altro può capitargli? E invece no, perché il romanzo kafkiano di Europa7 ha più pagine di “Guerra e Pace“. Nel marzo scorso Dahlia, il canale digitale terrestre che trasmetteva tra l’altro le partite del campionato italiano, fallisce. I suoi abbonati si ritrovano con otto partite pagate che non vedranno mai. La Lega Calcio indice un’asta, alla quale inizialmente partecipano Mediaset, I Move ed Europa7, ma l’unica offerta sul tavolo della Lega, il 9 marzo scorso, erano i 5 milioni e 200 mila euro messi sul piatto da Di Stefano. La Lega Calcio rifiuta e preferisce regalare le restanti otto partite a Mediaset. Di nuovo, manco nello Zimbabwe.

Secondo voi Di Stefano si arrende? Sono andato a chiederglielo direttamente a Roma. Nel video in cima al post la nuova intervista. Qui sotto, la trascrizione integrale.

EUROPA7, LA TELEVISIONE CHE NON C’E(RA)

Lo Spartacus dell’etere non molla e si rialza davanti al gigante Theokoles


Messora: Siamo a Europa 7. Oggi è un giorno veramente speciale. È speciale perché in questi posti si è svolta una battaglia epocale da circa una decina d’anni tra un signore che aveva un sogno, fare una televisione, una televisione che non avesse paura di dare le informazioni e un sistema che proprio questa televisione non gliela voleva far fare. Pensate che Francesco Di Stefano, perché di lui stiamo parlando, vinse le concessioni governative per poter trasmettere nello stesso momento in cui Rete4 le perse e doveva andare sul satellite ma queste frequenze, nonostante tutto l’iter giudiziario che arrivò fino alla Corte Europea che gli diede ragione, non gli vennero mai assegnate.

Di Stefano: Che è successo? È successo che ad un certo punto pur di fregarci ci hanno dato un canale, un canale che hanno tirato fuori con la ricanalizzazione di Rai Uno che tutti hanno un po’ subito in Italia. Comunque ci hanno dato questo canale; invece dei tre di cui avevamo diritto ce ne hanno dato uno. Noi naturalmente ci siamo appellati ma nel frattempo avevamo capito che era un po’ finita in questo modo, perché il Consiglio di Stato italiano gli ha dato comunque ragione, praticamente ha detto a noi “voi avete ragione, in tutti questi anni avete avuto ragione, però accontentatevi di questo andatevene al diavolo“. Allora a quel punto abbiamo cercato di tirarci fuori comunque un progetto. Era febbraio dell’anno scorso. Questo progetto però doveva essere assolutamente un progetto innovativo dal punto di vista tecnologico per poter funzionare con soltanto questo canale e quindi ci abbiamo lavorato tantissimo: è il primo progetto T2, Digitale terrestre 2 nel mondo.

Messora: Vogliamo spiegare di cosa si tratta?

Di Stefano: è un evoluzione del digitale terrestre, una grande evoluzione. Il digitale terrestre è una bicicletta e questa è una navicella spaziale. Il digitale terrestre peggiora la qualità dell’analogico, si vede male, non funziona, squadretta, crea solo problemi alla gente, dove c’è stato il pubblico è disperato, soprattutto gli anziani, nonostante abbiano speso in decoder, eccetera, eccetera. Il nostro risolve tutti questi problemi e non solo risolve questi problemi ma dà una qualità strepitosa, l’alta definizione, il full HD e nel momento in cui una persona ha denaro per comprare un 3D siamo in grado di fargli vedere il 3D a casa. Naturalmente si riceve soltanto con un decoder nuovo, il decoder si chiama Europa 7 HD. Questo decoder ti permette anche di ricevere il digitale terrestre molto meglio, molti più canali del digitale terrestre, anche perché tra 4-5 anni Rai e Mediaset andranno su questa tecnologia. Per cui sei costretto a ricomprarlo, un altro decoder, naturalmente per il primo periodo gratis, poi una parte di questa piattaforma è Pay, ma è una Pay molto low-cost, parte da 6,99 euro con il massimo di 15,99 euro, compreso il porno a 19,99 euro. Parliamo però di 13 canali.

Messora: Adesso che finalmente abbiamo questi 10 canali di cui uno dedicato esclusivamente all’intrattenimento e all’informazione, che cosa si possono aspettare gli italiani?

Di Stefano: La nostra battaglia è stata una battaglia per il pluralismo dell’informazione oltre che per i nostri diritti. L’hanno percepito e capito in pochi, ma non avremmo fatto una battaglia così grande se non ci fosse stato lo stimolo dell’informazione libera, perché eravamo convinti e siamo convinti che questo paese ne ha un bisogno estremo. Quando quindi abbiamo fatto questo nuovo progetto ci siamo posti il problema: “ma Europa 7 che fa, tradisce tutti quelli che in qualche modo hanno creduto in questa battaglia?“. Allora abbiamo stabilito che un canale di questi dieci sarebbe stato free e dedicato all’informazione libera, alla satira, all’arte, naturalmente fatta da gente indipendente, senza nessuna preoccupazione. Useremo molti giornalisti stranieri, grandi inchieste, roba mai vista su questo paese e sui cialtroni che governano questo paese. Questo noi lo facciamo certamente perché lo sentivamo nel cuore. L’abbiamo fatta free perché noi non siamo mercantili, Sky, “Sky news 24” la fa pagare e devi fare un abbonamento per vedere Sky. Il nostro Fly si vedrà sempre gratuitamente, se poi a uno gli piace il resto lo compra o comunque vede quello, vede il digitale terrestre, vede l’alta definizione del digitale terrestre. Su Roma Rai c’è un canalino che sperimenta l’alta definizione, questo canale si vedrà. Quando loro faranno un’altra digitalizzazione sul digitale terrestre diranno agli italiani “devi cambiare decoder“. Ecco, con questo non dovrai più cambiare decoder, è il decoder definitivo, entra in casa tua e ti risolve, mentre il digitale terrestre oltre i 35 chilometri non sincronizza, oltre i 40 chilometri, per cui dove si supera non si vede. Ci sono molte zone di Roma dove non si vede niente. Io ieri non sono riuscito a vedere Rai 1, Rai 2 e Rai 3. Su Roma è così, la gente lo conosce bene. Su Napoli lo sanno ancora meglio. La sincronizzazione che riusciamo a fare noi è quattro volte quella del T, per cui noi riusciamo a sincronizzare 200 chilometri e non c’è nessuna parte d’Italia che ha questo problema. Per cui non abbiamo i problemi del digitale terrestre che sono immensi.

Messora: Francesco, in un momento storico in Italia dove per fare informazione bisogna veramente sputare sangue, basta guardare in Rai quello che succede, i programmi di approfondimento che hanno uno share altissimo e portano un sacco di soldi in quanto a promozioni e spazi pubblicitari vengono osteggiati con continui reclami, rimbalzi tre l’autorità per le garanzie, la presidenza, il direttore, che futuro vedi per l’informazione in Italia e, come seconda domanda, tu sarai un editore davvero libero?

Di Stefano: In questi undici anni nessuno mai si è permesso di fare una telefonata e di cose ne abbiamo fatte tante con le emittenti locali. Nessuno si è mai permesso, anche perché noi tutti i giorni li bombardavamo, per cui sarebbe stato anche ridicolo. Che noi siamo indipendenti credo che l’abbiamo dimostrato ampiamente. Cerchiamo gente adesso indipendente per fare informazione. Noi vogliamo gente rigorosamente indipendente perché sul fatto che noi lo siamo credo che nessuno possa avere dei dubbi. Certamente partiremo con delle inchieste settimanali, perché gli utenti saranno molto pochi all’inizio, quando gli utenti del decoder, gli abbonati ma soprattutto i decoder che vendiamo diventeranno più numerosi noi la spingeremo sempre di più. Quindi dipenderà molto dal pubblico. Se il pubblico effettivamente ci tiene a un’informazione libera questo è il momento di dimostrarlo. Noi seriamente faremo la nostra parte, ma se loro ci stimolano certamente faremo una televisione indipendente assoluta in questo caso.

Messora: Ci fai vedere un po’ questa tecnologia all’avanguardia di cui ti sei dotato?

Di Stefano: [mostrando le apparecchiature] Questa qui è la messa in onda della piattaforma, è completa praticamente. Lì già ci sono 13 canali, 8 in full HD. Questa qui è la stanza delle [incomprensibile], si chiama, qui c’è tecnologia, la tecnologia più innovativa che in questo momento è al mondo e che ci ha permesso questo salto qualitativo enorme. I partner tecnologici sono di assoluto livello: Sony, Ericsson, Tandberg, Crown Media, norvegesi, la criptazione Conax, di assoluto livello. Ma c’è stato un pool di persone nel mondo che ci ha messo la testa certamente tra i più in gamba che ci sono attualmente sul mondo. Queste sono le macchine che ci permettono di gestire questa tecnologia e di arrivare a questa qualità e ci permettono di gestire tutti gli abbonati, tutti gli abbonamenti, tutte le nostre iniziative con pochissimo personale. Questo è un centro di elaborazione dati dove ci sono integrati tanti, tantissimi standard e tantissime aziende che fanno il loro lavoro. Abbiamo lavorato soprattutto con aziende del nord Europa e con Corea e Cina.

Messora: Pare che ci sia un po’ di diffidenza in rete circa la possibilità reale di fare 8 canali addirittura in alta definizione sulla stessa frequenze e due in standard definition. [rivolto al pubblico] Io vi posso assicurare che sono stato qua e quello che vedete è reale. [scherzando, rivolto a Di Stefano] Mi hai pagato? Mi hai dato qualcosa? Tu devi dire: mi hai dato 100 lire per questa cosa?

Di Stefano: Mai nella vita!

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

19 risposte a Di Stefano, lo Spartacus dell’etere

  • 6
    Boris Pasternak

    Certo per Europa7 sarebbe un’ottimo volano per farsi conoscere acquisire i diritti calcistici delle 8 squadre rimaste piu’ tutta la serie b che aveva Dahlia TV.

    http://www.tvdigitaldivide.it/tag/squadre-ex-dahlia-digitale-terrestre/

     E’ scandaloso ad ogni modo come Europa 7 sia stata danneggiata….a dimostrazione di come negli ultimi 20 anni ci sia stato un progetto per indirizzare il paese in un certo modo.

    • 6.1

      Il problema è proprio che la Lega Calcio ha rifiutato un’offerta di oltre cinque milioni di euro, nella totale assenza di altre offerte, preferendo “regalare” le 8 partite scoperte dall’uscita di Dahlia a Mediaset.

  • 5
    Boris Pasternak

    byoblu ha scritto :
    " Il problema è proprio che la Lega Calcio ha rifiutato un’offerta di oltre cinque milioni di euro, nella totale assenza di altre offerte, preferendo "regalare" le 8 partite scoperte dall’uscita di Dahlia a Mediaset."

     Si infatti l’anomalia è proprio in questo…certo a qualcuno sembrerà strano visto che il presidente del consiglio è padrone di un delle squadre piu’ grandi del campionato di serie A, è padrone della rete televisiva che compra i diritti alla lega calcio, quest’ultima presieduta da un presidente che succede all’attuale presidente della squadra di calcio che fà capo al presidente del consiglio…..ma ovviamente non è per un conflitto d’interesse…

     

  • 4
    aasdf

    Personalmente credo che il patron abbia giocato troppo sul lato politico dicendo troppo a lungo ed erroneamente che gli spettavano “le frequenze di Rete 4”. Tutto questo, sfruttando un cavillo giudiziario.

    Precisamente, il bando del 1999, istituito senza vincolarlo al Piano nazionale di assegnazione delle frequenze, parlava di limite del 20% con 11 canali (cioè max 2 canali/editore). Fintanto che non entrava in vigore non aveva senso parlare di limite per editore per cui Rete 4 di fatto non superava i vincoli. Inoltre, non c’erano frequenze preassegnate a livello nazionale come avviene ora con il digitale terrestre.

    Oltretutto, sbaglio, o se non si parte con le trasmissioni a 6 mesi dalla concessione, quest’ultima decàde? Come ha fatto l’emittente a mantenere la concessione?

    Come ha fatto ad ottenere una concessione priva di frequenze? Cosa è stato di 7Plus? Perché non si parla mai di quest’ultima?

    Queste cose, visto che parliamo di informazione libera, andavano a mio avviso segnalate o ricordate per completezza. Così come per completezza, secondo me, bisognava chiedergli perché non ha seguito la strada di tutti gli operatori nazionali per trasmettere a livello nazionale??

    Con il digitale terrestre, ci sono molte emittenti che stanno trasmettendo da ospiti su altri multiplex (Real Time, K2, Cielo, Sportitalia). Gli avrebbe garantito visibilità immediata, costi di copertura assenti.

    Infine ultima domanda: se Fly per crescere necessità di visibilità, perché non trasmetterlo, almeno inizialmente, in altre modalità come il satellite o il DVB-T ??

    In attesa di chiarimenti..saluti

  • 3
    TheResearcher80

    Ciao Claudio, giacché mi trovavo su Dailymotion, ho espresso lì il mio commento (a dire la verità un po’ lunghetto) sul tuo servizio e sulla questione Europa7. A tal titolo ho citato Digital-forum di Digital-sat, dove in un thread si parla proprio del tuo servizio (ecco il link: http://www.digital-forum.it/showthread.php?p=2499556#post2499556) e come ti indicavo, i commenti sull’operato di Di Stefano non sono proprio tutti entusiastici. Spero che tu abbia modo di leggere il mio commento e di dirmi cosa ne pensi (magari direttamente su Dailymotion, per evitare che faccia copia/incolla del poema anche qui). Vorrei che tu schiettamente mi dicessi quanta “ciccia” c’è dietro le belle parole di Di Stefano in paragone ai mezzi che hanno a disposizione gli altri broadcaster nazionali. Grazie per l’attenzione.

  • 2
    TheResearcher80

    Ciao Claudio, giacché mi trovavo su Dailymotion, ho espresso lì il mio commento (a dire la verità un po’ lunghetto) sul tuo servizio e sulla questione Europa7. A tal titolo ho citato Digital-forum di Digital-sat, dove in un thread si parla proprio del tuo servizio (ecco il link: http://www.digital-forum.it/showthread.php?p=2499556#post2499556) e come ti indicavo, i commenti sull’operato di Di Stefano non sono proprio tutti entusiastici. Spero che tu abbia modo di leggere il mio commento e di dirmi cosa ne pensi (magari direttamente su Dailymotion, per evitare che faccia copia/incolla del poema anche qui). Vorrei che tu schiettamente mi dicessi quanta “ciccia” c’è dietro le belle parole di Di Stefano in paragone ai mezzi che hanno a disposizione gli altri broadcaster nazionali. Grazie per l’attenzione.

  • 1
    TheResearcher80

    Ciao Claudio, giacché mi trovavo su Dailymotion, ho espresso lì il mio commento (a dire la verità un po’ lunghetto) sul tuo servizio e sulla questione Europa7. A tal titolo ho citato Digital-forum di Digital-sat, dove in un thread si parla proprio del tuo servizio (ecco il link: http://www.digital-forum.it/showthread.php?p=2499556#post2499556) e come ti indicavo, i commenti sull’operato di Di Stefano non sono proprio tutti entusiastici. Spero che tu abbia modo di leggere il mio commento e di dirmi cosa ne pensi (magari direttamente su Dailymotion, per evitare che faccia copia/incolla del poema anche qui). Vorrei che tu schiettamente mi dicessi quanta “ciccia” c’è dietro le belle parole di Di Stefano in paragone ai mezzi che hanno a disposizione gli altri broadcaster nazionali. Grazie per l’attenzione.

  • 0
    pensionato

    Passo la maggior parte dell’anno nei paesi dell’est e vedo le televisioni italiane con la parabola e  decoder sintonizzato su hot bird, astra e quanto altro.  E’ possibile usare il vostro decoder? in caso affermativo dove lo trovo e quanto costa.

  • -1
    midica

    Se su questa piattaforma avranno spazio i nomi sopradetti io lancio sky dal balcone.

    Forza Di Stefano… FACCELA VEDE’ FACCELA TOCCA!!!!!!!! L’informazione libera intendevo che hai capito? Auguri!

  • -2
    Giamporsi

    Beh però allora Claudio non è neanche giusto mettere una immagine con Travaglio, Santoro etc perchè si devia un pò il cliente… uno compera sperando di vedere questi personaggi, ma in realtà sono usati solo come testimonial….

    sbaglio?

    Cioè… se io ora acquisto il decoder… cosa vedo su Fly? nulla?

    • -2.1

      Questo non lo so. Se hanno messo quelle immagini, è plausibile che trasmettano contenuti di Travaglio e altri. Bisogna vedere che accordi hanno.

  • -3
    toscano

    Devo confessare che provo una certa emozione nel registrare che Francesco Di Stefano ce l’ha fatta a uscire dal letamaio dopo anni di sopravvivenza. Benvenuto tra i dannati e auguri auguri auguri per tanti successi strepitosi. Non ci deludere…

  • -4
    Giamporsi

    Speriamo bene per Europa sette… se non altro per tutto quello che ha subito negli ultimi 20 anni… c’è da dire che però, se non hai una tv full-hd, non te ne fai di nulla…

    sono curioso di vedere quel canale completamente dedicato all’informazione… a quando un tuo spazio all’interno Claudio?? Te lo meriteresti!!!

    MA SENZA ABBANDONARE IL BLOG È!!!!!!!!

    • -4.1

      “se non hai una tv HD non te ne fai nulla”

      Dice Di Stefano che sulle televisioni analogiche (tubo catodico) si vede addirittura meglio..

  • -5

    Ho seguito con interesse negli anni il caso Di Stefano e sono sorpreso di ritrovarlo con alta tecnologia e voglia di fare. La sua storia ne fa un piccolo eroe dei giorni nostri, certamente da stimare. Però mi viene da fare una domanda da cretino: perchè proprio gente come Santoro non si mette in contatto con Di Stefano? Diceva che in Rai avrebbe lavorato gratis. Qualche soldo, Di Stefano, ce lo deve avere, altrimenti fino a qui non ci arrivava. Perchè non mettere sotto contratto un paio di nomi noti che facciano da richiamo? Che so, un programmino della Guzzanti. La rete farebbe il resto, pubblicizzando la cosa. Travaglio non tira su 50mila visualizzazioni a settimana parlando per 45 minuti da seduto ad un tavolo?Faccio l’avvocato del diavolo perchè personalmente sono 10 anni che non ho l’antenna e vivo bene senza tv. Ci tornerei solo per trovare contenuti che nn trovo su internet, come molti censurati degli ultimi 15 anni. Che ci metta Luttazzi, vedrai se nn vende abbonamenti!

    • -5.1
      Giamporsi

      Si potrebbe fare un elenco…

      Santoro, Travaglio, Luttazzi, Grillo, Paolo Hendel….. ce ne sono di quelli che sono stati fatti scendere al volo senza spiegazioni….. Pensate a un bel ritorno di Satiricon o magari degli scetch di Grillo… Il problema, in questo dannato paese, è che poi verrebbe additato di essere una tv di Sinistra…. stessa cosa che sta succedendo a La7…. solo perchè fa informazione pulita deve essere di Sinistra, quando, ad esempio, l’Infedele è fatto si da Lerner, ma anche da Gianluigi Nuzzi, firma di Libero (e giornalista coi contro c**zi)!

      È un paese coi paraocchi….

  • -6
    anywhere88

    Ma quindi l’idea è di acquistare uno dei pacchetti sulla fiducia? Sinceramente per quanto possa essere intrigante un imprenditore che si butta su tecnologie all’avanguardia la prima cosa importante per vendere un prodotto sono i contenuti, e non ne vedo molti sinceramente… sono stato sul sito sperando di vedere un po’ la programmazione, soprattutto del canale che dovrebbe ospitare quei contenuti di cosiddetta “informazione libera”, ma nisba… solo qualche filmaccio da canale 5 proposto nei canali action e horror…

    Qualcuno sa dove trovare i programmi dettagliati che vanno in onda così da capire su che livello siano i contenuti proposti, non solo in termini di pixel? Forse sono stato solo poco capace nella ricerca…

    “Dice Di Stefano che sulle televisioni analogiche (tubo catodico) si vede addirittura meglio..” beh, detto da chi cerca di vendere il prodotto mi sembra da prendere un po’ con cautela, aspettiamo qualche test indipendente ;)

    • -6.1

      Infatti ho premesso “dice Di Stefano”. :) Per il dettaglio della programmazione, forse può tornarti utile Giovanna Ferrero: http://www.facebook.com/profile.php?id=1476538372

      In ogni caso, io credo che i contenuti e il numero di utenti interessati siano due fattori che si influenzano reciprocamente. Se la gente da fiducia a Di Stefano, Fly potrebbe decollare e realizzare quanto proposto. Per ora credo che i budget siano limitati dalla diffusione ancora bassa. Per maggiori approfondimenti, chiedi a Giovanna.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La sfida epocale della Terra contro il Mare

LE PEN TRUMP PUTINdi Paolo Becchi Sbagliano coloro che oggi credono che la partita in Francia sia già chiusa, e che ormai, anche a seguito del “tradimento” di Donald Trump e del suo programma isolazionista, Marine Le Pen sia comunque destinata a soccombere. Più in generale, e sul piano geopolitico,...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>