La colpa del crack BCE è dei No Tav, che vogliono uccidere

Uccidiamo il vitello grasso, bisogna festeggiare! Oggi Ernesto Galli Della Loggia è comparso all’uscio di casa, sulla prima del Corriere, e ha detto:

« Sì, Berlusconi si sta rivelando un pessimo presidente del Consiglio, non si sa come mandarlo via e di fronte alla crisi economica il governo si è mostrato di una pochezza e una goffaggine uniche. Sì, l’opposizione riesce solo a balbettare ma non è capace di nessuna proposta alternativa seria. Sì, la maggioranza è spaccata e l’opposizione è divisa. E per finire c’é l’abominevole casta che tutti ci sentiamo così bravi e onesti a detestare. E’ tutto vero, sì, l’Italia è tutto questo. »

Tutti i blogger primogeniti, come nella parabola del figliol prodigo, insorgono: “perché uccidere il vitello grasso quando noi queste cose le diciamo da anni e nessuno ci ha mai riservato neppure un francobollo sull’ultima pagina?”.
“Cari figlioli,”, rispose la rete,  “voi siete sempre nel vero, e l’informazione libera è la vostra casa, ma bisognava rallegrarsi, perché questo vostro collega era morto ed è ritornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. Ma sarà vero?

Alt! Fermi con il vitello grasso, lasciatelo vivere. Guardate come prosegue l’articolo:

« Ma chi cerca di non fermarsi alla superficie sa che nessuno di quelli ora detti è il vero problema del paese. Il problema vero, profondo, strutturale dell’Italia sta altrove. Sta nell’esistenza di un immane blocco sociale conservatore il cui obiettivo è la sopravvivenza e l’immobilità. […] Ne fanno parte […] gli addetti a un ordine giudiziario intoccabile, i tassisti a numero chiuso, i farmacisti contingentati, […] il milione circa di precari organizzati, […] quelli che non vogliono che nel loro territorio ci sia una discarica, una linea Tav, una centrale elettrica, nucleare o che altro. »

Ok, rimettete il vitello grasso nel recinto e rispedite il figliol Galli Della Loggia da dove è venuto. Subito!

Sintetizzando, Berlusconi è un incapace ma il vero problema non è lui: sono i tassisti, i farmacisti, i precari, i No Nuke, i No Coke e i No Tav. Cioè i lavoratori che hanno pagato profumatamente licenze di esercizio che ora potrebbero valere carta straccia; quelli che da trent’anni vengono assunti dallo stato per fare da tappabuchi senza mai essere messi in condizione di farsi una famiglia e di avere un futuro; quelli che non desiderano per l’Italia una nuova Chernobyl, una nuova Fukushima e neppure qualche chilo di plutonio a spasso per i fiumi; quelli che all’aria inquinata e cancerogena prodotta in prossimità di enormi centrali a carbone preferiscono l’energia solare, eolica, a biomasse, geotermica, democratica e distribuita; quelli che non desiderano una linea ad alta velocità quando ce ne è già una a bassa velocità che non viene utilizzata appieno e che, soprattutto, non desiderano uranio e amianto nell’aria che respirano i loro figli. Tutti quelli insomma, pienamente tutelati dall’Unione Europea la quale prescrive che nessun’opera venga realizzata contro la volontà delle popolazioni locali.

Se è così, caro Della Loggia prodigo, io aggiungerei una categoria: i giornalisti. Non tutti, ma la stragrande maggioranza. Quelli che non hanno mai scritto dell’enormità di un conflitto di interessi che stava consegnando l’Italia nelle mani di un uomo solo; quelli che non hanno mai scritto che Berlusconi ha “rubato” la Mondadori comprandosi una sentenza; quelli che non hanno mai scritto che Dell’Utri ha due condanne per concorso esterno in associazione mafiosa ma fa il Senatore e dichiara, candidamente, che lo fa per sfuggire alla giustizia e che della politica non gliene “pò fregà dde meno“; quelli che se Dell’Utri era contestato a Como non era per i motivi anzidetti, ma perché c’erano dei facinorosi antidemocratici che non lo facevano parlare; quelli alla Cruciani che si vantano di non conoscere l’ultima intervista di Borsellino, dove il magistrato che subito dopo sarebbe saltato in aria dice che Vittorio Mangano era la testa di ponte della mafia al nord e che era in contatto con ricchi imprenditori; quelli che hanno passato sotto silenzio un Presidente del Consiglio, ricco imprenditore, che aveva come stalliere personale proprio “la testa di ponte della mafia al nord”, e che la chiamava “eroe”; quelli che lo hanno lasciato chiamare metà dei cittadini italiani “comunisti” e non hanno mai scritto che i comunisti non esistono più da tanto, e che in ogni caso non può essere un insulto; quelli che si sono inventati falsi attentati; quelli che hanno alimentato la paura del diverso, dell’extracomunitario, dell’islam; quelli che non hanno mai detto agli italiani che c’era la crisi; quelli che non hanno mai scritto che una parte del popolo si stava ribellando e riempiva le piazze; quelli che mandavano in onda servizi sulla carie degli orsi degli zoo, sugli squali, sui polipetti che prevedono i numeri del lotto mentre i cittadini manifestavano e prendevano le manganellate; quelli che sapevano tutto, ma tacevano nella speranza di poter raccattare qualche briciola.

E mentre Della Loggia accusa i No Tav di essere sostanzialmente i responsabili di una parabola politica insipiente che ha portato alla spaccatura di ieri della BCE, con le dimissioni di Stark che non vuole più pagare per la prodigalità del cosiddetto Club Med (i paesi dell’eterna villeggiatura per pochi, che dilapidano le risorse di tutti), il Ministro dell’Interno dichiara un’ora fa che i No Tav vogliono uccidere, aggiungendo: “si rassegnino, questi qua, perché l’opera si farà“.

Sapete, se io fossi Ministro dell’Interno e dovessi per forza procedere con un’opera come la Tav, ai danni di una popolazione locale sofferente e stremata da anni di battaglie per avere almeno il diritto di parola, quello negato loro dalla casta dei giornalisti, credo che direi qualcosa come “mi dispiace molto per i disagi causati ai cittadini della Val Susa, ai quali va non solamente la mia solidarietà in quanto responsabile dell’attuazione dei lavori, ma l’assicurazione che saranno ascoltate tutte le loro rappresentanze e che concorderemo insieme gli interventi più idonei a preservare l’integrità del loro territorio e la salute di chi lo abita, minimizzando gli interventi, riducendoli a quelli strettamente necessari e adottando tutte le precauzioni per estromettere eventuali connivenze mafiose dai cantieri e per minimizzare l’impatto sulla qualità dell’aria e dell’acqua. Se proprio si deve fare, la Tav la faremo insieme a loro, e non contro di loro”.

Non mi sarei mai neppure minimamente sognato di riferirmi a popolazioni locali, che in qualità di ministro rappresento, con la locuzione dispregiativa di “questi qua“, né mi sarei rivolto a loro con un arrogante “si rassegnino“.

Questo paese è morto, ma ad ucciderlo non sono stati i No Tav, bensì la diminuzione progressiva di ogni forma di rispetto per i cittadini, per i principi ispiratori della nobile professione del giornalista e per il venir meno di ogni etica politica, con l’occupazione delle istituzioni da parte di individui indegni, neppure lontanamente parenti dei nobili statisti che, in un’epoca lontana, hanno gettato le basi di ciò che abbiamo appena finito di distruggere.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

4 risposte a La colpa del crack BCE è dei No Tav, che vogliono uccidere

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

25 aprile: scontri a Milano. L’altra versione.

25 aprile - scontri a milano - l'altra versioneTitolano così i maggiori quotidiani italiani, mettendo in evidenza il marcato antisemitismo che cresce in Italia. In realtà l’episodio che si riferisce alle brigate ebraiche è stato molto più marginale e vi sono stati tafferugli in tutt'altra parte del corteo, per motivi molto diversi e non riportati. ...--> LEGGI TUTTO

Monica Maggioni alla Trilaterale. Ma va tutto bene.

Monica Maggioni raccontaci - Monica Maggioni alla Commissione Trilaterale   FIRMA LA PETIZIONE: https://www.change.org/p/monica-maggioni-monica-raccontaci-cosa-avete-detto-alla-trilaterale-di-roma #MonicaRaccontaci Venerdì scorso a Roma si è incontrata la Commissione Trilaterale. A porte chiuse. Anzi, a giornali chiusi, a televisioni chiuse, a occhi, orecchie e bocca chiusi. Se non sapete cos'è la Commissione Trilaterale sono affari...--> LEGGI TUTTO

Banche? Tassiamole di più e aiutiamole di meno. Ecco come.

NINO GALLONI - Lancio Crowdfunding Facebook Ricomincia la stagione delle grandi interviste realizzate da Claudio Messora insieme alla Rete. Sappiamo tutto ormai, ma molti si chiedono: cosa fare? Il ciclo "Soluzioni e Proposte" servirà a questo. Oggi realizziamo tutti insieme l'intervista "La contabilità bancaria va cambiata"! Nino Galloni, di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

TTIP, ecco i documenti segreti: è il sabba delle lobby!

Come Ci Fotteranno - Pubblicato il testo del TPPEcco i documenti segreti sul TTIP rivelati poco fa da Greenpeace Olanda: [af_link href="http://www.byoblu.com/go/ttip-documenti-segreti-marzo-2016"]TTIP – Documenti segreti marzo 2016[/af_link] Questi documenti svelano che noi e la società civile avevamo ragione a essere preoccupati: con questi negoziati segreti rischiamo di perdere i progressi...--> LEGGI TUTTO

Banche e mutui: come difendersi dall’esproprio selvaggio della casa, voluto da Renzi.

Esproprio casa - Come difendersiBanche e mutui - Sono 83 le Direttive Europee a cui il nostro Paese è inadempiente. Molte delle quali importanti, come il rilevamento delle impronte digitali degli immigrati, la gestione regionale dei rifiuti, la riduzione dell'aliquota sull'imposta di registro per l'acquisto della prima casa non di lusso, la qualità dell'aria...--> LEGGI TUTTO

Salute, glifosato: “probabilmente” è cancerogeno, “probabilmente” morirete. #StopGlifosato

Cancerogeno - Vuoi mangiarlo ancora - Stop Glifosato 480Salute: il glifosato è "probabilmente cancerogeno". Lo dicono gli studi. Lo ha inventato la Monsanto ed è un pesticida (un diserbante) che si trova in oltre 750 alimenti destinati al consumo umano. Specialmente nella soia. Quindi, siccome "probabilmente" è cancerogeno, se continui a mangiarlo senza saperlo, probabilmente morirai. Ma hai...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Cane si finge morto per ingannare lo sconosciuto.

Il cagnolino si finge mortoIl cane più comico del web si finge morto quando lo prende in braccio un estraneo. Poi si rianima, quando torna tra le braccia del proprietario, e ringhia minaccioso. Insomma, fa il forte quando ha alle spalle i forti e si paralizza quando...--> LEGGI TUTTO

La rivincita dei complottisti: più razionali, sani, equilibrati e meno fanatici dei convenzionalisti. Ora c’è la prova scientifica.

La Rivincita dei Complottisti - Sono più sani razionali equilibrati Recenti studi scientifici realizzati da psicologi e sociologi statunitensi e britannici hanno chiarito che, al contrario di quanto tradizionalmente affermato dagli stereotipi diffusi dalla cultura di massa, le persone etichettate come 'teorici della cospirazione' siano più sane ed equilibrate rispetto a chi accetti supinamente le versioni...--> LEGGI TUTTO

Astronauta scatta foto a un UFO e la posta su Twitter

FOTO UFO ASTRONAUTA SCOTT KELLY Il 15 novembre, cinque giorni fa, l'astronauta Scott Kelly, in orbita nella Stazione Spaziale Internazionale da ben 237 giorni, ha twittato una foto dell'India dallo spazio. Tuttavia, nell'angolo superiore destro della fotografia si nota un oggetto non identificato. Un UFO, appunto. Secondo UfosightingDaily si tratta di...--> LEGGI TUTTO

Categorie
tasto_newsletter
Video dal web

Smettiamo di bombardarli – Messora a La Gabbia

La Gabbia MESSORA A LA GABBIA Messora a La Gabbia - Smettiamo di bombardarli...GUARDA

Mario Monti vs Gianluigi Paragone – La Gabbia

Mario Monti vs Gianluigi Paragone a La Gabbia - byobluIl lungo faccia a faccia tra Mario Monti e Gianluigi Paragone, a La Gabbia, in versione integrale. Mario Monti affronta Gianluigi Paragone in un lungo faccia a faccia a La Gabbia. L'intervista è integrale ma, per motivi di sintesi, è priva del lungo...GUARDA

Robot Atlas, la verità secondo il Guardian: tutta scena?

Robot Atlas, la nuova incredibile versioneDue minuti incredibili con il nuovo robot Atlas. Ma in questo video, che ha fatto il giro della rete, secondo il Guardian ci sarebbe molta "propaganda", pensata da un'azienda che fa marketing aggressivo e arrogante. Il nuovo robot Atlas La nuova versione del robot...GUARDA

Ricetta maiale: tanto amore e poco forno

Animali divertenti - Il maiale è dolcissimo (ma non al forno)Una nuova ricetta per il maiale: invece di farlo al forno, fatelo rosolare in una teglia piena di amore e conditelo con un po' di coccole. Gli animali non sono solo divertenti, ma sono spesso una sorpresa che va ben oltre il gusto di un maialino al forno. ...GUARDA

La Rochelle, Francia: cargo alla deriva verso la costa con 300 tonnellate di gasolio

La Rochelle - Modern Express - Francia Cargo DerivaLa Rochelle: il cargo Modern Express, alla deriva da quasi una settimana al largo della costa francese che si affaccia sul mare Atlantico, sta per arenarsi a terra, con i serbatoi pieni di 300 tonnellate di gasolio.  I disperati, ultimi tentativi per scongiurarlo. La Rochelle: il cargo...GUARDA

D’Attorre (PD): vi hanno disoccupati apposta!

D'Attorre - PD - Vi hanno disoccupati apposta - Play "È naturale che per questa strategia la disoccupazione debba rimanere alta. Uno dei parametri a cui siamo inchiodati è quello della disoccupazione strutturale. Questi genii di Bruxelles hanno stabilito che ogni Paese ha un certo tasso di disoccupazione sotto il quale non può scendere perché altrimenti sale l'inflazione....GUARDA

Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita

Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita, di fronte a un parterre che cerca di fare la consueta disinformazione sui rischi per il risparmiatore derivanti dal bail in.  (altro…)...GUARDA

Mario Monti: la prima supercazzola del 2016

Mario Monti - La prima supercazzola del 2016 La prima supercazzola del 2016 di Mario Monti, ospite di Giovanni Floris. La spending review? "Un concetto dinamico evolutivo in qualche misura evanescente"....GUARDA