Comma 29, il nostro emendamento in Parlamento

Chiariamo subito una cosa: sono contrario al diritto di rettifica per i blog se normato facendo ricorso a strumenti obsoleti quali raccomandate, fax, richieste di inserimento amanuensi e così via. Il diritto di rettifica può trovarmi d’accordo, ma deve essere conseguito attraverso l’utilizzo di mezzi tecnologici adeguati ai tempi e al medium cui devono essere applicati. In parole povere, trovo ridicolo che si costringa qualcuno a ricevere comunicazioni scritte, telefoniche, a mezzo R/R, via fax o attraverso segnali di fumo, caricandolo della responsabilità di essere reattivo e dell’onere di ulteriore lavoro manuale, solo per espletare una procedura che potrebbe essere benissimo eseguita in maniera automatica.


 
Detto questo, la definizione di una normativa che sfrutti adeguatamente la tecnologia esistente richiede tempo. Bisognerebbe che deputati e senatori istituissero un apposito tavolo tecnico al quale dovrebbero quindi partecipare gli attori della rete, quelli che la pensano e la fanno tutti i giorni. Poi la proposta di legge dovrebbe essere sottoposta a consultazione pubblica, ovviamente su internet, e finalmente calendarizzata. Peccato che il famigerato Comma 29, quello che vuole applicare una normativa desunta paro paro dalla legge sulla stampa del 1948 ai blog, sia contenuto nel DDL Intercettazioni, e che questo DDL sia sfortunatamente una priorità del governo, nonostante la crisi, la disoccupazione, l’economia da riavviare e così via. Dunque fin dall’inizio ho scelto di perseguire la strada di un emendamento: se proprio il Diritto di Rettifica doveva passare, meglio che fosse light. In calce al post trovate la storia della battaglia contro questa ennesima norma ammazza-blog, forse la più insidiosa di tutte, ricostruita attraverso i video pubblicati su questo blog sin dal 5 febbraio 2009.

L’anno scorso ho chiesto all’On. Cassinelli di rendersi disponibile alla realizzazione di un emendamento al Comma 29 che fosse il frutto di una discussione condivisa sul web e, dopo centinaia di vostri commenti disseminati tra il blog e youtube, eccone finalmente il frutto [scarica il PDF]. Ora che il DDL Intercettazioni, la cui discussione in aula era stata temporaneamente sospesa, è tornato di stringente attualità, Roberto Cassinelli è pronto a richiederne la discussione in aula, cosa che presumibilmente potrebbe già avvenire nei prossimi giorni e che potrebbe non trovare un percorso ostile davanti a sé.

I miglioramenti sono molti e piuttosto essenziali. Innanzitutto i tempi: se non si tratta di una testata regolarmente registrata, le 48 ore si dilatano a 10 giorni. Poi l’entità della multa: per i blog, se avranno cura di pubblicare “anche in forma anonima” un’indirizzo email cui inviare le richieste di rettifica, le sanzioni passeranno da un massimo di 12.500 EUR a un intervallo compreso tra 100EUR e 500EUR. Poi c’è l’esclusione dei commenti dalle rettifiche, l’esclusione dei social network e l’esclusione di tutti i contenuti destinati a un gruppo ristretto di persone. E ancora: la rettifica in calce al contenuto originale deve essere effettuata solo se tecnicamente possibile. Non è colpa vostra, insomma, se remail, reblogger e altri servizi analoghi spammano i vostri contenuti inondando la rete di cloni che non potete controllare. Se poi non siete tecnicamente in grado di effettuare la rettifica, ma sapete a chi ci si può rivolgere, vi basterà rispondere indicando l’indirizzo della persona che può farlo.

Se il Diritto di Rettifica applicato ai siti informatici deve proprio passare, che almeno passi in questa forma ammorbidita.

Ringrazio l’On. Cassinelli per avere lavorato insieme a noi alla stesura di questo emendamento e tutti voi per la vostra preziosa e appassionata collaborazione. Quello che potevamo fare, l’abbiamo fatto. Ora vediamo cosa riesce a fare chi invece ha puntato tutto sullo stralcio totale del Comma 29.

Ieri sera ho intervistato per il blog l’On. Roberto Cassinelli. Ecco le sue risposte.

 IL COMMA 29, DAL BLOG AL PARLAMENTO

Aggiornamenti in real-time da Roberto Cassinelli


Claudio Messora: A che punto è l’iter di approvazione del DDL Intercettazioni, quello che contiene il famigerato Comma 29?Roberto Cassinelli: Il ddl è all’esame dell’Assemblea. Nel giro di poco tempo dovrebbe uscire dalla Camera: se sarà approvato così com’è diventerà subito legge. Se invece, come auspico, verrà modificato, dovrà tornare al Senato.Claudio Messora: Quando la norma cosiddetta “ammazza blog” fu introdotta nel DDL Intercettazioni, l’11 giugno 2010 lanciai dal blog, grazie al tuo sostegno, la proposta di un emendamento costruito coinvolgendo la rete e integrando i commenti dei lettori, al fine di mitigarne gli effetti negativi nell’ipotesi – che almeno al momento si sta rivelando corretta – in cui alla fine non venisse stralciato. L’emendamento divenne realtà, lo annunciai proprio sulle pagine del blog e, ora che il DDL sta per essere discusso, siamo pronti a proporlo alla Camera. Potresti riassumercelo? [Qui il pdf con l’emendamento integrale nella sua versione più aggiornata]
Roberto Cassinelli:
Molto brevemente, la mia posizione è la seguente: il diritto di rettifica deve valere anche su internet, perché anche in rete la posizione di qualsiasi libero cittadino può essere rovinata da affermazioni false. Ma non si può immaginare di chiedere ad un amatore e ad una testata professionale di rettificare negli stessi tempi, per le divergenze strutturali tra le due realtà. Nè si può pensare di applicare le medesime sanzioni in caso di inadempienza.Claudio Messora: Gli emendamenti al Comma 29 presentati dai vari schieramenti dovrebbero essere 7 in tutto, compreso il “nostro“. Sapresti per caso in cosa si differenziano?

Roberto Cassinelli: Non ho ancora avuto modo di leggere alcun emendamento oltre al mio.

Claudio Messora: Qual’è l’orientamento della maggioranza rispetto all’ipotesi di approvazione dell’emendamento? Chi sono i più intransigenti e chi i più disponibili? Ritieni che potrebbe essere approvato?

Roberto Cassinelli: Diversi nella maggioranza hanno espresso il proprio favore: tra questi il Ministro Meloni che, essendo membro del Governo, ha certamente un peso importante. Molti altri, non solo del PDL, mi hanno cercato per discutere e capire la mia posizione. Nessuno, finora, mi è parso intransigente. Staremo a vedere.

Claudio Messora: Nel caso in cui venisse approvato, da quando la legge potrebbe diventare effettiva?

Roberto Cassinelli: Se non sarà indicata una data precisa (e non mi sembra questo il caso), la legge entrerà in vigore dal momento della sua pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale.

Claudio Messora: Non esiste politicamente nessun margine per rinviare una regolamentazione della materia ad una legge più organica e armonica rispetto alla specificità delle tecnologie di rete, magari costruita mettendo intorno al tavolo chi la rete la fa e la gestisce tutti i giorni, dai tecnici ai teorici ai produttori di contenuti?

Roberto Cassinelli: Nel contesto del ddl in questione, il comma 29 ci può stare. In altri casi, invece, credo che la rete vada considerata indipendentemente, come per il diritto d’autore.

Claudio Messora: Possiamo impegnarci in un percorso che definisca presto un quadro normativo diverso, più ampio e al passo con l’innovazione e con i tempi, per formulare una legge che superi questo ed altri comma e non penalizzi questo paese rispetto ad altri che non hanno queste limitazioni?

Roberto Cassinelli: Ho già avuto modo di dire che la rete ha bisogno di un riconoscimento istituzionale: troppo spesso viene sottovalutata ed emarginata. L’auspicio è che questo approccio cambi, e che si vada verso una sempre maggiore sensibilità nei confronti di un fenomeno che più di ogni altro sta caratterizzando il nostro tempo.

Ripercorriamo insieme la storia del Comma 29 su Byoblu.Com:


Ecco un elenco di video, in ordine cronologicamente inverso, che documentano parte degli interventi apparsi su questo blog in difesa della rete e che si occupano specificamente del Comma 29. In coda, accludo anche il video: “La lunga triste storia degl assalti alla Rete“, perché fa sempre bene ricordare in quanti modi il legislatore ha cercato di rendere l’Italia un paese ostile a internet.

 

Il video dell’11 giugno 2010 in cui lanciavo la consultazione per la costruzione di un emendamento:

 

Il video dell’17 giugno 2010 in cui illustravo la nostra proposta di emendamento:

 

Il video dell’27 settembre 2011 in cui denunciavo il ritorno del DDL Intercettazioni con il Comma 29:

 

Insieme a Guido Scorza, il 7 maggio 2010, per denunciare il Diritto di Rettifica:

 

La mia prima proposta, il 5 febbraio 2009, per risolvere il problema delle rettifiche in rete

 

La lunga triste storia degli attacchi alla rete, aggiornata al 3 luglio 2011

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

12 risposte a Comma 29, il nostro emendamento in Parlamento

  • 6

    Caro Claudio,

    Evitiamo di essere ingenui. la norma contenuta nel cosiddetto comma 29 ha come scopo – e tu lo sai meglio di tanti altri – di rendere difficile la vita a chi con passione e dedizione cura un blog.

    Penso sia inutile invitare i proponenti di considerare le nuove tecnologie e non equiparare il diritto di replica alla carta stampata.

    Mi spiace ma sarà difficile che l’emendamento da presentare venga preso in cosiderazione. Addurranno come scusa il fatto che non tutti sono in grado di replicare ad eventuali articoli utilizzando le tecnologie oggi esistenti.

    Non voglio essere pessimista ma, conoscendo gli attor,i penso sia una battaglia persa.

  • 5
    pierluigi

    Roberto Cassinelli è un deputato del PDL!

    Capisco che non si può guardare per il sottile, però se una buona legge deve essere fatta, non mi sembra (vorrei tanto sbagliarmi) il miglior portavoce! Vorrei tanto vedere il suo comportamento nei riguardi dei luogotenenti di B.!

    Ucci ucci sento odor di cristianucci….

    • 5.1

      Quanto hai scritto denota che hai poco seguito il parto di questo “emendamento 2.0”: non è una legge questa, come erroneamente pensi, bensì un emendamento ad un più ampio disegno di legge che sta per essere varato.
      E’, diciamo, l’ultima spiaggia per porre un minimo di argine ai danni che verrebbero fatti se il decreto sulle intercettazioni passasse così com’è per quanto riguarda il diritto di rettifica per i blog.
      Messora ha trovato la disponibilità a discutere e presentare un emendamento da parte di Cassinelli e l’ha colta al volo: posto che il decreto sarà approvato, vista la maggioranza del governo in parlamento, l’alternativa sarebbe quella di stare a guardare o, al massimo, abbaiare senza cavare un ragno dal buco, come fa la sinistra parlamentare e i suoi derivati mediatici.

  • 4
    Stereo86

    Caro Claudio,

    a mio parere dai ogni volta prova di grande senso di democrazia. Aver trovato una spalla PDL è un esempio lampante. Non che io sia militante PDL. Milito per le buone idee e per la giustizia. A volte gli individui singoli possono essere molto diversi da ciò che dovrebbero rappresentare (A mio avviso, PDL=raccontafrottole).

    Io ritengo che la rettifica non sia nient’altro che un commento, dove il mittente è stato chiamato in causa nell’articolo commentato, quindi mi sembra corretto che abbia la stessa visibilità dell’articolo padre in modo da poter essere letto con facilità da tutti. 

    La sanzione però, per come la vedo, la concepisco nel momento in cui si tratta di calunnia, di diffamazione, di insulti o da falsità conprovate da documenti (linkabili benissimo nella stessa rettifica magari). La rettifica è già una forma di “bacchettamento” che il lettore vede, analizza e da cui ne trae le conclusioni. Se il lettore trova corretta la rettifica andrà a discapito del giornalista/blogger che non si è informato bene. Se viceversa, il lettore trova consenso, il rettificatore dovrà farsi un esamino di coscienza e amen.

    Che dite? Non sono un giornalista e mi mancano le basi, ma parlandone magari si arriva ad una conclusione positiva.

    Saluti a tutti.

  • 3

    Mi spiace Claudio ma sono d’accordo con Simone: Si finisce per accettare questa vergogna con il contentino dell’eventuale riduzione della multa.

    Non so te ma i piccoli sarebbero comunque in ginocchio.

    Bisogna rifiutare tout court la norma anche se il diritto di replica è condivisibile ma con altri metodi come hai ricordato tu

  • 2
    rutulo

    Se questa oscenità dovesse passare, ci si potrebbe organizzare ed inviare quotidianamente centinaia o migliaia richieste di rettitica ai blog dei politici, ai siti istituzionali ed ai siti gestiti dai partiti che approvano il comma 29! Che ne pensate? Capirebbero cosa stanno facendo?

  • 1

    Riposto un commento che ho lasciato sul sito di Valigia Blu (altro movimento sotto l’ala della chioccia PD/De Benedetti):

    Tutto ciò che è fuori dall’orbita della sinistra parlamentare/PD per voi non esiste e non va preso in considerazione.
    Il grande lavoro svolto su internet da Byoblu.com, da ben più di un anno e che ha avuto come risultato quantomeno di portare in parlamento un emendamento per porre un minimo di argine alla mordacchia per i blog tramite il parlamentare Cassinnelli, non è degno di rientrare nelle rassegne delle mobilitazioni web censite dal gruppo Repubblica/PD e galassia dei loro patrocinati.
    La cosa paradossale è che tutta quest’accozzaglia di filosofi ed intellettuali a copertura mediatica De Benedetti nulla hanno mai ottenuto sino ad oggi. Un solo uomo, Claudio Messora di Byoblu.com, con l’aiuto della rete e senza alcun tam tam mediatico, è riuscito a portare in parlamento nientemeno che un emendamento, e questa volta è il caso di dirlo, allestito in piena filosofia 2.0.
    Naturalmente a Valigia Blu, il Post, Repubblica.it, L’Espresso e compagnia cantante tutto ciò non interessa, meglio continuare ad abbaiare e far caciara.

  • 0
    Wanda W

    E allora? Anzi: a maggior ragione! Significa che ha più probabilità di farsi approvare l’emendamento rispetto a se fosse proposto da Franco Barbato, no?
    Mah… io sto squadrismo proprio non lo capisco.

  • -1
    Wanda W

    E allora? Anzi: a maggior ragione! Significa che ha più probabilità di farsi approvare l’emendamento rispetto a se fosse proposto da Franco Barbato, no?
    Mah… io sto squadrismo proprio non lo capisco.

  • -2
    Wanda W

    E allora? Anzi: a maggior ragione! Significa che ha più probabilità di farsi approvare l’emendamento rispetto a se fosse proposto da Franco Barbato, no?
    Mah… io sto squadrismo proprio non lo capisco.

  • -3
    simone d

    non c’è tutta la differenza che sembra tra 500 e 12.500 euro. 

    e il fatto che chi vuole può chiedere rettifica quando vuole non cambia.

    molti “piccoli” sarebbero comunque fermati da questa norma, per i soldi e per le continue rettifiche che possono subire se il lavoro è ben fatto.

    • -3.1

      No, ti sbagli. E’ molto più morbido e molto più abbordabile. Inoltre scordi una cosa: l’alternativa non è “non averlo per niente”, ma “averlo del tutto, tale e quale a come l’hanno formulato loro”. 

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>