Eliminiamo le Regioni autonome

 

per Byoblu.com Valerio Valentini


In questi mesi di accanito dibattito sulla riforma finanziaria, si è perso il conto delle proposte e dei provvedimenti adottati, modificati, bocciati, riadattati, ribloccati di nuovo… Quasi nessuno, però, ha sollevato un quesito molto importante, in quanto fonte di enorme squilibrio economico e sociale nel nostro paese: la riforma delle regioni. In particolare, l’assurdità più incomprensibile è costituita dal mantenimento dello statuto speciale di alcune regioni e province autonome.

La Cgia di Mestre, al termine di un’indagine conclusasi qualche settimana fa, ha dimostrato che negli ultimi dieci anni la spesa delle Regioni è cresciuta in media del 75%.  Ma se nelle Regioni a statuto ordinario è lievitata del 70,6%, in quelle a statuto speciale l’aumento è arrivato all’89%.
Quando si pensa poi agli sprechi delle ragioni autonome, il pensiero corre subito al sud, alla Sicilia e alla Sardegna. E invece l’analisi della Cgia di Mestre porta alla luce una realtà diversa. Se si ragiona in termini di spesa pro capite – riferita al 2009 – la regione più spendacciona risulta infatti la Valle d’Aosta (13.182 EUR), seguita a ruota dalle due province autonome del Trentino-Alto Adige: Bolzano è seconda (10.013 euro), subito tallonata da Trento (8.465 euro). È evidente, insomma, che queste Regioni autonome godano di condizioni economico-sociali di gran lunga migliori rispetto a quelle dell’intera popolazione nazionale.

Facciamo un esempio concreto. In questi giorni in Trentino-Alto Adige c’è molto malumore a causa della decisione di Moody’s di declassare l’Italia da Aa2 ad A2. Eppure Trento e Bolzano se la passano meglio.

Le province autonome di Bolzano e Trento (con rating Aa3) – si legge in una nota informativa della Provincia Autonoma di Trento del 6 ottobre – mantengono un rating superiore di due livelli allo stato italiano per l’unicità del loro statuto, che conferisce un certo grado di isolamento dalle dinamiche macroeconomiche e finanziarie del Paese e per i loro eccellenti indicatori finanziari e di debito. Quindi per Moody’s il declassamento del rating delle Province autonome è connesso al peggioramento delle condizioni della finanza pubblica e dalle prospettive di solvibilità dello Stato italiano“.

Il malumore, dunque, è dato dal fatto che Trento e Bolzano si sentono trascinati giù dalla finanza italiana, che mina la loro credibilità ed affidabilità sui mercati internazionali. E c’è chi invoca addirittura maggiori autonomie o perfino le elezioni anticipate, riscoprendo all’improvviso un interesse alla politica nazionale che non sembrava così fervido – soprattutto in Alto-Adige – in occasione del festeggiamento dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Ora, è ovvio che maggiore spesa non significa necessariamente maggiori sprechi; ed è altrettanto innegabile che anche tra le Province autonome e le varie Regioni a statuto speciale c’è chi sa gestire meglio i finanziamenti e le agevolazioni concesse dallo Stato. Tuttavia, come ha ribadito lo stesso segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi, non si può nascondere che le Regioni a Statuto Speciale e le Province Autonome presentano livelli di spesa che solo in parte sono coperte dalle entrate proprie. Ciò vuol dire che i privilegi di alcuni territori sono stati in gran parte garantiti dallo sforzo fiscale fatto dai contribuenti delle realtà a Statuto ordinario. Un meccanismo, quest’ultimo, che andrebbe eliminato per ripristinare il principio di equità ed uguaglianza tra tutti i territori regionali.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a Eliminiamo le Regioni autonome

  • 6

    Gentilissimo Valerio, non mi trovo in accordo col tuo articolo, avrei preferito leggere un “Impariamo qualcosa dalle regioni autonome!”.Anche se condivido l’idea che gli sprechi vadano assolutamente eliminati, sono sicuro che la maggior parte degli sprechi non provengano dalle regioni autonome.Se posso dare un suggerimento, proverei a concentrarmi sugli aspetti positivi delle regioni autonome e a farmi qualche domanda, ad esempio:-troviamo una buona qualità di vita nelle regioni autonome?-c’è rispetto dell’ambiente nelle regioni autonome?-c’è equilibrio tra azioni personali e sociali nelle regioni autonome?Le regioni autonome non sono tutte uguali, ma potremmo scoprire che Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige rispondono molto bene a queste domande!Un saluto,umberto boselli

  • 5
    nabucodonosor

    Vivo nella provincia di Trento e ti devo dire che la cosa e piu complessa di come si pensi,per esempio nel Trentino Alto Adige abbiamo molte competenze che altre regioni non hanno,ma a parte questo se in il modello delle autonomie funziona meglio non sarebbe utile dare uno sguardo da vicino per capire un po meglio la situazione. Da noi sono anni che investiamo per la prevenzione delle calamità naturali facendo argini e bonificando pendii scoscesi,investendo in ricerca e innovazione,sostegno ai contadini e artigiani,cosa che per esempio non succede in altre parti, poi e anche vero che anche da noi non sono tutte rose e fiori. Io credo che tutto dipenda da come venga gestito il settore pubblico perche e inutile parlare di federalismo e altre sciocchezze se poi chi gestisce lo fà malamente. Per non avere giustamente, cittadini di serie A e B sarebbe opportuno innalzare tutte le regioni con gli stessi diritti e doveri delle regioni a statuto speciale e poi vedremo cosa sapranno fare le altre regioni avendo a disposizione piu autonomia.

    • 5.1
      roby

      credo che le regioni a statuto speciale dovrebbero essere l’esempio di cos’è il federalismo .

  • 4
    Luca939

    Gli statuti speciali della Valle D’Aosta e del Trentino-Alto Adige non li si può toccare, perchè sono garantito da accordi internazionali con la Francia e l’Austria (e anche con l’ONU nel caso del Trentino). E’ quindi inutile parlarne.

  • 3
    Oroargento

    Con tutto il ciarpame che c’è in Italia, la speculazione, l’inciviltà le ruberie ecc…andare a toccare l’Alto Adige mi sembra proprio fuori luogo. Premetto sono di Firenze! In Alto Adige i contributi li hanno sempre impiegatii in modo virtuoso e in investimenti continui e si vede anche solamnte passandoci. In Alto Adige si vive molto bene e anche sereni proprio perchè sono altoatesini e non italiani. C’è la rete wi-fi anche nelle malghe a 3000m, ad esempio o la raccolta differenziata ovunque!. Da noi neanche nei comuni limitrofi alle città! I contributi li impieghino razionalmente anche le altre regioni e vedrete che staranno meglio pure loro! Anche la Sicilia ha uno statuto autonomo ma è ben evidente la differenza! Sono avanti anni luce rispetto all’Italia! Io sono contento che prendano i contributi almeno li vedo impiegati al meglio da noi li rubano per andare a p****ne! Non diaciamo “BISCHERATE”!!!

  • 2
    elpayaso

    Magari si potrebbe partire dallo scrivere il titolo dell’articolo in modo corretto, magari un ELIMINIAMO farebbe la sua porca figura.

  • 1

    annosa questione. e da mal di denti e nervi scoperti.

    se devo essere sincero però mi pare proprio che le regioni del Nord saranno pure debitrici di parte del loro benessere, ma hanno anche speso bene il danarto avuto e con intelligenza. parlando chiaro il problema potrebbe essere lo stipendio dei presidenti di regione, ma per il resto io vedo un’amministrazione virtuosa. quante altre regioni d’Italia possono dire lo stesso?

    sulla val d’Aosta mi pare banale dire che se un territorio di montagna vuole vivere col tenore di vita di un territorio più favorito occorre “gettarci” danaro. la montagna è povera, va da sé. turismo, certo, ma non puoi mettere skilift ovunque né spianare a piacere come in Riviera per fare posto al milionesimo albergo. pena la devastazione del paesaggio. si faccia un giro a Rimini e uno a Courmayer per vedere quanto sia stato spremuto il territorio e dove.

    insomma, le regioni autonome mi sembrano decisamente l’ultimo problema.

  • 0
    magicotuz

    …condivido il commento di Umbespace, sarebbe il caso di analizzare ed esportare il modello delle regioni autonome in tutta Italia …in fin dei conti il modello del Trentino Alto Adige mi sembre un modello da esportare, un “esperimento” finito bene, che si distingue dalle altre regioni per la migliore qualità di vita ed i migliori servizi offerti ai cittadini. Perchè eliminare qualcosa che funziona?

     

  • -1

    OT Mi dai una mano a promuovere questo? https://www.facebook.com/pages/Rivoluzione-Arancione/258296624212532 E magari, se potessi aderire diventando un byoblu… orange ;-)

  • -2

    Devo dire che i commenti che dicono che le regioni autonome sono da imitare mi fanno un po’ sorridere. Imitare con quali soldi?

    Erano territori svantaggiati? Si, bene allora a farne regioni a statuto speciale.

    Sono ancora svantaggiati? Probabilmente No, allora manca il presupposto per continuare a sussidiarle a scapito di altre regioni limitrofe che ne subiscono la concorrenza in numerosi ambiti economici (vedi le montagne venete per il trentino o quelle piemontesi per la VdA).

    Se poi queste autonomie vengo anche usate per garantire sprechi e privilegi enormi (vedi costo della macchina pubblica per abitante della sicilia confrontato a quello di altre regioni a statuto speciale e non)

    Vorrei sapere di quante risorse stiamo parlando..

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>