IL TRICERATOPO

Un triceratopo spinge un enorme tronco con le possenti corna. Si produce in uno sforzo estenuante che ne mette a dura prova l’intelaiatura scheletrica, la poderosa muscolatura e ogni singola fibra nervosa. Sembra completamente assorbito in quell’impresa titanica, mentre vigorosi sbuffi dalle grandi narici tradiscono una fatica che non potrà sopportare ancora a lungo, senza compromettere il suo sistema cardiocircolatorio.

Si potrebbe pensare che non faccia una bella vita. In realtà è felice. Ha uno scopo. E la consapevolezza di stare facendo tutto il possibile per conseguirlo lo rende leggero. Se fosse un uomo, diremmo che ha risolto i suoi sensi di colpa. Lo sforzo fisico scarica ogni sua tensione e, nel contempo, produce sostanze che gli regaleranno un inatteso benessere una volta che, terminato il suo compito, potrà acquietarsi su un soffice manto d’erba. Magari ai piedi di una gigantesca sequoia, sprofondando in un estatico sonno ristoratore.

Una volta era diverso. I problemi erano più comprensibili, circoscritti. Le comunità erano ristrette. Decine di migliaia di anni fa gli uomini avevano obiettivi semplici, a breve termine. Se ti accorgevi, nella tua vita, di avere sbagliato tutto, avevi sempre una possibilità di riscatto. Bastava iniziare a lavorare sodo. Quanto tempo potevi metterci a recuperare la tua credibilità sociale? Un mese? Un anno? Ripartire da zero era possibile. Sempre. E se volevi dimenticare perfino te stesso, ti bastava partire e trovare una nuova tribù a cui unirti e dove, se eri fortunato, trovare anche la felicità. Nessuno ti avrebbe inseguito. Nessuno ti avrebbe localizzato. Nessuno ti avrebbe estradato. Ti bastava costruirti una casa e renderti utile alla nuova comunità. Nessuno te l’avrebbe rubata per compensare un vecchio debito che il tempo ha gonfiato a dismisura rendendolo impossibile da restituire e assolutamente incongruo nelle sue spropositate richieste.

 Ricominciare. Ecco quello che ci è stato rubato. Oggi, se perdi il lavoro non ti basta sostituirlo con un altro, perché il lavoro è diventato il fine, non il mezzo. E’ merce rara, come le pepite d’oro. Se te lo rubano, ti portano via tutto, a cominciare dalla casa, dall’auto. E se non basta si siedono lì, come corvi. Aspettano pazienti. Al primo centesimo che guadagni te lo portano via. Se erediti qualcosa, se lo prendono. Ti rubano il futuro. Non puoi nemmeno scappare: la globalizzazione ha invaso ogni luogo. Chiunque sa chi sei, da dove vieni, cos’hai fatto e a chi devi dei soldi. Uno sbaglio, e sei fottuto a vita. Dio perdona infinite volte, l’uomo neppure una.

Ci sono giorni in cui vorrei essere un triceratopo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

11 risposte a IL TRICERATOPO

  • 3
    luis

    Un’ interessante sfida potrebbe essere rappresentata dal tentativo di coraggiosi pionieri di vivere al di fuori del sistema, rinunciando alla tecnologio o meglio appropriarsi di una tecnologia che permetta loro di essere autosufficenti e indipendenti dal sistema. Se si potesse creare una civililtà in embrione, costituita da un numero relativamente basso di individui, forse si potrebbe indagare sul miglior modo di gestire la collettività e si potrebbe individuare sul nascere un eventuale aberrazione (corruzione, crinine, disuguaglianza, ecc.) e prevenirla. Ma tale comunità dovrebbe rimanere nascosta e la sua esistenza rimanere insospettata, altrimenti il sistema globale la eliminerebbe.

    Il mio è solo un costrutto mentale(forse come quello di Claudio) che tenta di dimostrare quanto oggi sia effimero il concetto di libertà e di autodeterminazione.

    • 3.1

      Non so se involontariamente, ma stai parlando di un concetto ben preciso, quello di Decrescita.

      Senza andare troppo lontano e restando in Italia, cercate su internet i progetti di Ecovillaggi che stanno nascendo un po ovunque, oppure il movimento Transition Italia che sta coinvolgendo alcuni comuni per affrancarsi dal petrolio decrescendo serenamente (e alzando enormemente la qualità della vita), per arrivare agli stessi Comuni Virtuosi. Guardando al passato, ma sono casi davvero estremi, anche in Italia abbiamo avuto e abbiamo comunità semi-indipendenti. Anche i gruppi d’acquisto, l’estromissione della filiera commerciale distributiva, il km 0, le monete locali, le banche del tempo, sono tutte azioni messe in atto dai singoli che vanno nella direzione da te auspicata.

      Conoscere quel che si consuma, distinguere un bene da una merce, comprendere le implicazioni che i nostri gesti comportano all’intero sistema, applicare il buon senso.

      Qualcosa inizia a muoversi, dirottiamo le nostre energie nel conoscere queste realtà, nell’applicare queste idee ed abbandoniamo a loro stessi gli odiosi attori di un sistema marcio e al tramonto (in parole povere: basta Berlusca e palazzo, avanti con le idee nuove sapientemente taciute, derise o snobbate dall’agenda mediatica che ci viene quotidianamente imposta).

      E in bocca al lupo a tutti i triceratopi italiani.

    • 3.2
      luis

      Impossibile, forse.

    • 3.3

      Qualcosa del genere esiste già.

      Negli anni 60 il paesino Ruigoord  è stato evacuato dal Governo olandese che aveva intenzione di estendere il porto di Amsterdam ma i lavori di ampliamento non iniziarono mai e il paese rimase deserto. Nel 1973 un gruppo di Hippies occupò il villaggio facendolo diventare una comunità indipendente.

      Dicono si tratti di uno spendido esempio di villaggio autogestito.

  • 2
    Valerio/belva64

    Quella in cui viviamo non è più società del consumo, ma la metamorfosi della società capitalista che si è evoluta in “società dello spettacolo”.

    Società che implica la distruzione del reale, qundi del pianeta e dell’umanità stessa, distruggendo l’individuo, isolando colui che con questo assurdo della vita non trova comunanza.

    Essa incentra il suo fulcro, la mistificazione della realtà e della sua verità, l’alterazione di essa e di tutto ciò che le concerne, rapporti sociali e individuali, eleggendo epicentro, di questo devastante terremoto, il cervello e il pensiero di ogni individuo, involontariamente o volontariamente, collaborazionista di questo sistema.

    Il documentario

    http://youtu.be/XDupGWRp_Z4

  • 1
    Anas E.

    Bisogna VOTARE gente capace di emanare leggi di ripristinare il rapporto perverso : Banca / Shiavo  e  Datore di stipendio / Schiavo e farlo tornare alla normarmalità a un rapporto di scambio di servizi : Banca / Cliente  e  Datore di stipendio / Lavoratore.

  • 0
    cloc3

    no. quello che dici non è del tutto vero.

    ricominciare è sempre stato difficile.

    anzi, allora, essere estromessi dalla propria posizione poteva essere ancora più pericoloso. pensa a certe desrizioni bilbiche sul destino delle città prese d’assedio e passate dal nemico a fil di spada.

    vero è che una società veramente civile dovrebbe distinguersi proprio per questo, cioè per la libertà riconosciuta ad ognuno di ricostruire se stesso in qualunque momento, ma non è sempre così.

    • 0.1

      “Decine di migliaia di anni fa”, dice l’articolo. Prima, molto prima delle città. Si parla di Homo Sapiens e di tribù.

  • -1
    Silver Silvan

    Messora, questa sorta di “favola” mi è piaciuta moltissimo: la voce è bellissima e ho ascoltato rapita, invidiando i tuoi bambini che sentono favole narrate da una voca così profonda e coinvolgente. Trovo che questa idea della video-favola sia bellissima, agisce sul bambino che siamo stati, riporta indietro nel tempo in un attimo ad evidenziare l’invivibilità della vita che ci propinano come unica via obbligata. Come non essere d’accordo col messaggio di fondo, del resto? Splendida iniziativa, spero ne seguano altre analoghe. E splendida la musica di sottofondo: la conosco ma non ricordo cosa sia. Grazie, grazie davvero.

  • -2
    gord freeman

    Ho avuto la fortuna  di conoscere molti popoli del mesoamerica popoli e tribu’ con una grande cultura,in equador  ad esempio ci sono ancora macchie di indios che non hanno quasi mai avuto contatti con la nostra civilta’ globalizzata e, oramai culturamente cancerigena,queste persone hanno paura di noi come se avessimo la peste e sono sicuro che se la nostra societa’ collassa e si disintegra(credo cosa oramai invitabile) loro nemmeno se ne accorgeranno e continueranno felici la loro vita’.Perche questo e’ l’importante essere semplicemente.Riempirici di cose unitile e dare tanta importanza a oggetti materiali solamente alla lunga di svuota perche le cose ti possiedono,ho visto ninos (bambini) indios giocare con oggetti di legno e’ ho visto nei loro occhi e nei loro sorrisi una felicita’ che sono sicuro che anche l’uomo piu’ ricco del mondo no  avra’ mai nemmeno per un istante.

    Siamo esseri spirituali dentro un corpo fisico e non il contrario.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>