Tutto tranne democrazia

Sta succedendo qualcosa. Qualcosa che va oltre la crisi economica: sembra più che altro una crisi di sovranità. E non è la questione di lana caprina che tanto sembra preoccupare i nostri editorialisti di punta, ovvero se sia giusto o meno farsi commissariare dalla UE e dall’FMI rinunciando così – formalmente e pro-tempore – al possesso delle nostre stesse chiavi di casa. E’ qualcosa di più profondo, una trama nella trama che si può provare a spiegare in molti modi diversi, ma che non è prudente lasciare che si dipani mentre l’attenzione generale si concentra su alcuni personaggi e non su altri.

L’interesse che i mercati finanziari e le istituzioni globali dimostrano da qualche tempo nei nostri confronti è sotto gli occhi di tutti, certo, ma non è che la parte superiore dell’iceberg, quella sberluccicante sotto ai raggi del sole. I giornali e le televisioni (chi più, chi meno) ci spiegano che siamo commissariati da una terna di ferro, composta dal Fondo Monetario Internazionale, dall’Unione Europea e dalla Banca Centrale Europea (BCE). Un accerchiamento totale al quale il gioco della speculazione internazionale ci consegna senza possibilità di fuga. Per il nostro stesso interesse – si dice – e per quello dei sottoscrittori del nostro debito dobbiamo realizzare una serie di riforme. E poiché non siamo più credibili, forti pressioni costringono il Governo in carica a rassegnare le sue dimissioni, nonché tutto un popolo a rinunciare alla propria autodeterminazione. Mutatis mutandis è più o meno quanto è accaduto in Grecia.

Il principio più incredibile che viene sostenuto senza il benché minimo stupore sarebbe quello secondo cui la politica da sola non può realizzare misure impopolari, perché avrebbe il timore di giocarsi il consenso elettorale, per cui sarebbe imperativo affidare le riforme necessarie a un governo di larghe intese, oppure al cosiddetto governo tecnico, magari sotto la direzione di un podestà forestiero. Cosa significa? Se i rappresentanti del popolo, democraticamente eletti, non sono in grado di introdurre una o più misure ritenute necessarie, perché i cittadini non le vogliono, allora va da sé che quelle misure non rappresentano l’espressione della volontà popolare. Dunque, in una democrazia, non dovrebbero essere adottate, o dovrebbero essere posticipate magari dopo l’approvazione di un qualche emendamento condiviso. Il concetto che si sta facendo passare, invece, è che esistono riforme che devono essere realizzate a tutti i costi, al di là della volontà popolare. In altre parole, si sostiene che se la classe politica non è in grado di farsene carico, perché i cittadini non le vogliono, allora deve farlo qualcun’altro. Si materializza cioè per brevi istanti, come in un episodio di Star Trek, una volontà terza e invisibile che prende le decisioni passando sopra ad ogni definizione di democrazia comunemente intesa. Una oligarchia nascosta. O, meglio, una sinarchia.

Quando la Grecia, non molti giorni fa, ha provato a forzare la mano sulla propria sovranità popolare, annunciando un referendum sulle misure della cosiddetta austerity, il sistema bancario internazionale ha reagito minacciando di non tagliare più il debito pubblico del 50%. George Papandreou è stato quindi convocato a una riunione preliminare del G20 ed è stato costretto a ritirare la proposta referendaria. Ma a quella stessa riunione precongressuale, un altro coinvitato eccellente era sotto torchio insieme al primo ministro greco: il presidente del Consiglio italiano, Silvio Berlusconi. Date queste premesse, è davvero singolare che il governo greco sia caduto un paio di giorni fa, subito dopo la convocazione al G20, e che quello italiano stia per rassegnare le dimissione pressocché simultaneamente. Ancor più singolare se si prendono in considerazione i punti in comune tra le alternative avanzate in entrambi i casi per rimpiazzare gli esecutivi: due governi tecnici guidati da uomini esterni al meccanismo del consenso popolare, cioè due podestà forestieri: Mario Monti e Lucas Demetrios Papademos.


Entrambi hanno una formazione consolidata da una lunga permanenza all’estero, negli Stati Uniti. Mario Monti si laurea alla Bocconi ma si specializza all’Università di Yale, mentre Papademos si laurea in fisica e in ingegneria presso il Messachussetts Institute of Technology, dove consegue anche un master in economia. Insegna poi alla Columbia University dal 1975 al 1984 dove, in quegli stessi anni, sta concludendo il suo ciclo di insegnamento anche un signore di nome Zbigniew Brzezinski. Di origini polacche, politologo e geostratega, Brzezinski di lì a poco andrà ad occupare un posto estremamente importante per il governo di Jimmy Carter: dal 1977 al 1981 sarà nel Consiglio di Sicurezza Nazionale americano (NSA), influendo con la sua analisi strategica sul rapporto che gli USA avranno in tutti i processi di trasformazione politica più delicati della nostra storia, dall’invasione sovietica dell’Afghanistan alla guerra fredda fino alla conversione dell’Iran da alleato degli States a nemico giurato. Segnatevi dunque questo nome: Brzezinski, perché fra poco ne riparleremo.

Le carriere di Monti e di Papademos proseguono di buona lena. Il primo diviene dapprima rettore e poi, alla morte di Spadolini, presidente della Bocconi di Milano. E’ International Advisor per Goldman Sachs dal 2005, nonché presidente del think-tank Bruegel, finanziato da 16 Stati e 28 multinazionali con lo scopo di influire privatamente sulle politiche economiche comunitarie. Nel 2010 Barroso gli commissiona un libro bianco sul futuro del mercato unico. Il secondo, il greco, nel 1980 diviene un economista senior della Federal Reserve Bank di Boston e poi della Banca di Grecia, di cui assume la carica di Governatore. Poi addirittura vice Presidente della BCE. E’ proprio Papademos a traghettare Atene dalla drachma all’euro. Curioso che adesso sia indicato come la personalità più adatta a rimediare ai danni che, in qualche modo, ha contribuito a produrre.

E’ qui che entra in gioco Zbigniew Brzezinski perché è lui che, nel 1973, viene incaricato da David Rockfeller di avviare un nuovo gruppo di lavoro: la Commissione Trilaterale (The Trilateral Commission). Nata con l’intento dichiarato di sviluppare i rapporti tra gli Stati Uniti, l’Europa e il Giappone, la Commissione Trilaterale è un’organizzazione non governativa e apartitica dove sostanzialmente si discutono le politiche migliori per agevolare le relazioni di interdipendenza reciproca, culturali e – perché no – d’affari. Un luogo di incontro dove i potenti, insomma, possono discutere di ciò che è bene per il mondo senza perdersi nelle lungaggini imposte dai parlamenti e dalle burocrazie diplomatiche. Un club. Un club con tre cariche fondamentali in rappresentanza del Nord America, Giappone ed Europa, quest’ultima ricoperta proprio dal nostro Mario Monti. Che soddisfazione! Ed è certamente significativo che tra i membri della Commissione Trilaterale, dal 1998 figuri anche Lucas Papademos, in virtù dei rapporti che è ragionevole supporre abbia sviluppato negli anni in cui insegnava alla Columbia University insieme a Zbigniew Brzezinski.

A onor del vero, se l’idea che la Commissione Trilaterale ha della democrazia deriva da quella dei suoi fondatori, non c’è da stare eccessivamente rilassati. Sul St. Petersburg Times, il 2 agosto 1974, Brzezinski pubblica le conclusioni di un rapporto dal titolo molto esplicativo di “The Crisis of Democracy”: la crisi della democrazia. Il rapporto evidenzia come negli Stati Uniti l’efficienza della Casa Bianca fosse inficiata da un eccesso di democrazia e come, fin dagli anni ’60, i governi dell’Europa dell’est fossero letteralmente sopraffatti dall’eccessiva partecipazione e dalle richieste che le burocrazia farraginose non erano in grado di smaltire, rendendo di fatto i sistemi politici ingovernabili. Il rapporto rimanda a una decisione politica adottata dalla Francia in semisegretezza, senza nessun dibattito pubblico aperto e altamente lobbizzata e conflittuale. Sembra che molti tra i membri della Commissione Trilaterale avessero un ruolo di rilievo nell’amministrazione Carter e fossero molto influenzati dal rapporto di Brzezinski.

Dunque abbiamo due governi che stanno cedendo simultaneamente il passo alle pressioni internazionali. E abbiamo due podestà forestieri, strettamente legati al mondo della finanza, dei mercati, delle banche ed entrambi membri della Commissione Trilaterale dei Rockfeller. Tutti e due sono in prima linea nella corsa a sostituirsi a due governi democraticamente eletti per prendere decisioni dichiaratamente impopolari. Ovvero, per definizione, contrarie alla volontà popolare.

Come se questa emorragia di rappresentanza democratica non bastasse, un altro gruppo di lavoro sovranazionale fondato sulla segretezza delle proprie risoluzioni, il gruppo Bilderberg, nell’ultima esclusiva riunione tenutasi nel giugno di quest’anno a St. Moritz ha accolto tra i propri ospiti proprio Mario Monti e, tra gli altri, Giulio Tremonti, forse la più acuminata spina nel fianco della maggioranza, artefice della paralisi che si è infine consumata nella dèbacle parlamentare di oggi.

Non c’è democrazia senza trasparenza, né può esservi in mancanza di un mandato popolare forte ed esplicito. Tutto può essere, tranne democrazia, la requisizione del nostro diritto di rappresentanza in nome di logiche che vengono assunte a porte chiuse, nelle sedi elettive dove si tutelano interessi privati, dove una ristretta èlite decide le sorti di interi popoli senza che a questi venga garantita una chiara percezione delle cose. Per questo dico che la sovranità popolare, in questo momento, è un concetto chimerico che sta cedendo il passo a una sinarchia di fatto, ovvero un governo ombra che in termini di real politik è sempre esistito, ma che sta diventando dominante, al punto che i suoi effetti iniziano a diventare palesi.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

58 risposte a Tutto tranne democrazia

  • Pingback: RODEA EL CONGRESO! | Byoblu.com

  • Pingback: L'interrogazione UE contro Mario Monti sul Bilderberg e sulla Trilaterale | Byoblu.com

  • 44
    gian65

    grillo si e’ reso conto o gli hanno fatto presente che se vincesse le elezioni non saprebbe cosa fare perche’ un conto e’ parlare ed un conto e’ agire.

    lui ha capito quello che gli hanno suggerito ed ora inizia a fare il ” matto” espellendo persone, dicendo frasi alla berlusconi ecc

    non tocca piu’ argomenti come signoraggio, debito pubblico ecc dice cose che anchio direi ma non ha ne uomini ne mezzi per portare avanti il cambimento.

    cosi vuole ridimensionare il possibile risultato al fine di risultare solo una forza di ” opposizione”che potra’ solamente denunciare quello che succedera’ nel parlamento e governo.

    credo che questo sia poco perche’ si sa gia’cosa succede la dentro.

    GD Star Rating
    loading...
  • 43

    Tutto giusto. Bisognerebbe trovare un modo per farlo capire a mia zia senza troppi discorsi.

    GD Star Rating
    loading...
  • 42
    Jannis il Greco

    Amici Italiani,

    Ho letto questo articolo e veramente mi son rimasto più perplesso. Indignato e disperato a dir la verità.

    Pensavo che queste cose potessero succedere soltanto a mio paese o altri simili, un paese piccolo ma di grande importanza strategica da far gola ai potenti del mondo, non soltanto con una economia distrutta ma –quel che è più spaventoso- con produttività quasi anullata.

    Analisi sul interferenza del fattore straniero per noi è parte della nostra storia recente. È sempre stato così, fin dalla nascita dello stato moderno quando le grandi potenze del tempo stabilirono la dinastia bavarese con re Otto e poi quella dei Glücksburg con re Georgio per creare un protettorato. La sovranità sulla nostra ‘‘democrazia’’ oggi è detenuta da USA in concordanza con EU.

    E cosa vengo oggi a scoprire?

    Che l’ Italia, forse anche la Spagna e chi sa quanti, si trovano come noi esattamente nella stessa miserabile posizione, sotto l’ assoluto controllo della stessa oligarchia inernazionale che si nasconde nelle ombre?

    Almeno io credevo finora che l’ Italia facesse parte degli potenti del mondo! Ai convegni dei G7 o G20 cosa ci va a fare, a fargli il caffè?

    Dio, è spaventoso a pensarci! Papademos e Monti primi flauti ad eseguire la sinfonia della globalizzazione sotto la direzione dei capo banda RockfellerRothchild! Semplice caporale il primo, capo-sergente il secondo in un esercito di ‘disposti’ al commando dei nuovi imperatori!

    Che ne è stata del’ Italia che conoscevo io? L’ Italia di Mattei, delle lotte politiche e sociali, del cinema politico degli anni 50-70, della fermentazione ideologica e culturale? Della tradizione democratica in fine che  percorreva proprio le vene del popolo italiano? Avete ceduto alla ‘modernizzazione’ mimetica e al frivolo consumismo  come noi, a far da rimedio al Andreotti-smo e al Craxi-smo?

    Da noi, per forza di trovarsi fino al naso nella m**da, ognuno si sente di riflettere e riorientarsi e si stano facendo molte considerazioni non soltanto ai problemi e alle responsabilità nazionali ma nello stesso tempo si cercano i legami e il coinvolgimento delle ‘‘istituzioni’’ internazionali o addiritura sovranazionali, sia in scena che nascoste. Cercando a concepire e ad approfondire il mondo odierno in cui ci troviamo e direi che mi meraviglio ormai  a scoprire quanto grande sia il numero della popolazione in riflessione e che, in conversazioni con gente semplice, sia una piacevole sorpresa a constatare quanto sappia. In attesa di una componente comune, speriamo al più presto.

    Sappiamo però bene che siamo pochisssimi e debolissimi. E che stiamo facendo parte di un esperimento che poi diventerrà pratica comune per tutto il mondo.

    Non so in Italia quanto siano diffusi dibattiti e problematica del genere. Mi auguro che siate più avanti e più forti di noi.

    Perchè le nostre speranze di soppravivenza come esseri dignitosi devono per forza basarsi su quello che  voi, prima di tutto, insieme con tutti i paesi meditarranei che subiscono questo  attacco, non soltanto economico ma per il più culturale, potrette tirar avanti. Cercando alleanze nei popoli più grandi e più forti che speriamo di opporsi con determinazione a quanto sia stato organizzato sulle nostre sorti comuni.

    Vedete come le maschere son cadute. Non più burattini dei banchieri, ma gli banchieri stessi a capo dei nostri governi! Certamente al di fuori di procedimenti elettorali anche se notoriamente  ‘‘previsti’’ da manipolazioni di propaganda, menefregandosi   anche di ogni pretesa democratica.

    Staremo a guardare? Spreccheremo tutta la nostra attività in inuttili pettegolezzi sul come e sul chi?

    È il momento delle grandi risposte. Di dire un grande ‘’NO SIGNOR, NO!’’

     Jannis Chondroiannis

    Corfu, Crecia

    GD Star Rating
    loading...
  • 41
    Jighen

    ho una domanda da profano dell’economia..

    Si diceva che l’ingresso di Monti avrebbe fatto calare lo spread, riconquistando la fiducia nei mercati perchè è garanzia della realizzazione di manovra che politicamente non potrebbero essere varate?

    Ma è una presa in giro?

    Ora.. il parlamento è rimasto il medesimo (i governi tecnici non sono previsti dalla costituzione..). I flussi di maggioranza per cui non sono cambiati, bisogna sempre convincere gli stessi che non vogliono prendersi la responsabilità di farlo..

    Detto questo..

    Lo spread, per quanto poco so, è il differenziale che c’è tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi.. più sale più i titoli di stato italiani non sono affidabili (per far un esempio se i titoli tedeschi son al 7% mentre quelli italiani al 3% lo spread è di 400 punti..)
    Per cui lo spread è una misura inversamente proporzionale all’affidabilità del titolo, più è grande più il titolo è inaffidabile.. giusto?
    Ma l’affidabilità dei titolo viene ufficialmente segnalata con l’indice alfabetico delle agenzie di rating (la famosa tripla A e a scendere..).
    Le agenzie di rating sono agenzie private.. quindi con interessi trasversali che possono venir indirizzati (esempio clamoroso è il fallimento di Lehman brothers che solo una settimana prima del crollo veniva giudicata affidabile).

    A questo punto, volevo chiedere se qualcuno può aiutarmi a capire.. è sicuramente un andamento ciclico.. ma in tutto ciò è l’andamento borsistico che determina il rating.. o è il rating (quindi quel valore arbitrario che viene assegnato all’affidabilità) a determinare l’andamento borsistico?

    Perchè mi par di ricordare, che solo facendo trapelare la notizia che gli Usa avevano perso la tripla A, ci fu una corsa alla vendita ai titoli di Stato.. e proprio oggi si titola:

    Non aiuta di certo l’uscita dell’agenzia Bloomberg, verso le due del pomeriggio, che cita dati di Moody’s Analytics. “Anche se l’Italia ha un rating ufficiale pari ad A2, in realtà il debito italiano viene percepito come junk (spazzatura), a un livello di rating più basso, pari a Ba2”.

    Alla luce di questo.. se la risposta fosse per caso, le agenzie di rating hanno un potere che non dovrebbero avere capace di indirizzare l’andamento borsistico e la crescita dello spread.. che governi Monti, Berlusconi o Pincopallino.. sempre che le agenzie di rating non siano equamente delle agenzie senza secondi fini e chiaramente non di parte (ma ci crede qualcuno?).. che differenza dovrebbe fare chi c’è al governo?

    E detto questo, un governo tecnico non è nemmeno previsto dalla costituzione.. per cui, perchè al posto di votare subito così che i cittadini possano eleggere il proprio rappresentante, hanno imposto un “tecnico” della Goldman Sachs?

    Mi indicate le falle del ragionamento? Thanks

    GD Star Rating
    loading...
  • 40

    Buon contenuto, testo interessante. 
    Non fosse per la quantità di banner pubblicitari sulla pagina. O gli annunci google, tra i cuali appaiono annunci per ottenere crediti facili. 

    A proposito di governo tecnico

    http://unristretto.net/2011/11/16/litalie-la-crise-et-une-croisiere-oubliee/

     

    un saluto

     

    David

    GD Star Rating
    loading...
  • 39
    Mun48

    La globalizzazione, tramite l’intervento “occulto” (aggettivo che calza a pennello) della finanza internazionale e con le dinamiche che vengono spiegate e denunciate molto bene nel video, è oggi la forma attraverso la quale il capitalismo del terzo millennio esercita il suo potere.

    La teoria secondo cui la “cupola” della finanza internazionale mirerebbe a limitare l’eccesso di democrazia è del tutto plausibile. Paradossalmente sembrerebbe perfino auspicabile in quanto male minore.

    L’alternativa infatti alla limitazione dell’ eccesso di democrazia operato dalla finanza internazionale, sarebbe la piena sovranità del popolo e quindi  il libero operare di governi democraticamente eletti. Ma la piena sovranità popolare comporterebbe il rischio dell’affermarsi di qualsiasi governo democraticamente eletto dalla maggioranza, quindi anche governi  di segno autoritario. Vale la pena ricordare che nel secolo scorso, ma anche in anni recenti, molti governi che poi sfociarono in brutali dittature e in sanguinose tirannie (di destra o di sinistra), nacquero in seguito a libere elezioni e con il sostegno della maggioranza del popolo.

    La storia politica moderna dimostra quindi che l’esercizio della piena sovranità popolare non garantisce sempre e comunque democrazia, pace e benessere. Spesso purtroppo determina l’esatto contrario.

    Il paradosso a questo punto è proprio nelle parole della Merkel citate nel video e indicate, come una sorta di minaccia: “Se cade l’euro cade l’Europa…”, con conseguenti possibili conflitti dagli esiti imprevedibili.

    Più che una minaccia sembrerebbe la constatazione di una tragica realtà: l’unica alternativa all’ eccesso di democrazia, con tutti i rischi che da tale eccesso potrebbero derivare (governi autoritari, disordine sociale, guerre ecc.), sembrerebbe essere una democrazia controllata da organismi supernazionali di natura economica e finanziaria (ad es.la grande triade di cui si parla nel video).

    Ma ridimensionare il mito tutto moderno della “democrazia diretta” come il miglior sistema politico possibile non significa certo legittimare o giustificare l’operato della grande finanza e le sue trame più o meno occulte.

    Significa semmai prendere consapevolmente ma serenamente coscienza che, in questa epoca, la partita si gioca principalmente tra due poteri: il potere del globalismo mondiale dominato dalla finanza internazionale (in grado di mantenere una relativa pace fondata sul consumismo più sfrenato) da un lato;  e, dall’altro lato, un potere circoscritto a singole aree nazionali o geopolitiche omogenee, fondato inizialmente sul consenso popolare, magari con libere elezioni, ma destinato inevitabilmente a cadere dopo breve tempo o per implosione interna o per esplosione in seguito a conflitti tra aree e/o nazioni diverse in lotta tra loro.

    Il primo tipo di potere, previo il sacrificio delle nazioni e degli individui più deboli, sembrerebbe garantire una pace più duratura (quella che ora stiamo vivendo); il secondo tipo di potere, oggi limitato ad alcune nazioni e aree del mondo e in qualche modo tenuto per ora sotto controllo dalle nazioni occidentali che seguono il modello dominato dalla grande finanza (vedi le recenti “rivoluzioni” arabe o il caso Libia), una volta uscito fuori controllo determinerebbe il rischio paventato dalla Merkel: cioè l’esplosione di conflitti sempre più pericolosi a livello mondiale (un nuovo Hitler potrebbe nascere ovunque).

    A questo punto cosa fare?

    Non credo che esistano ricette politiche. Le tragedie del secolo scorso hanno dimostrato che le ideologie non sono state in grado di creare un mondo privo di ingiustizie.

    Se lo stato attuale delle cose può essere compreso attraverso una presa di coscienza individuale (ma anche collettiva), è nella propria coscienza individuale (e collettiva) che bisogna operare una radicale rivoluzione.

    Agire secondo coscienza, operare il bene, essere radicalmente onesti verso se stessi (e quindi verso gli altri), rifiutare ogni forma di violenza, optare per la sobrietà…cercare la Verità (per i credenti sarà Dio per i  non credenti avrà un altro nome ma in entrambi i casi sarà riconoscibile come Vera per il fatto di  presentarsi con caratteri oggettivi, trascendenti…metafisici).

    Un compito arduo certamente; una meta non raggiungibile, se non in modo aleatorio, attraverso la scorciatoia dei referendum popolari o della sovranità popolare, tantomeno nascondendosi dietro il mito illuminista del progresso assoluto o nell’illusione di una libertà individuale portata agli estremi che altro non è che  individualismo esasperato, puro egoismo individuale e sociale. Non raggiungibile nemmeno, come qualcuno subdolamente vorrebbe farci credere, attraverso l’uso della ragione individuale , semmai la principale responsabile dello stato attuale delle cose.

    In realtà una meta forse non totalmente conseguibile in questo mondo, ma che vale la pena di cercare. Una meta a cui tendere con i mezzi che le grandi religioni, quelle tradizionali perché oggettivamente vere, ci hanno consegnato nei secoli ma di cui l’uomo ha fatto spesso un uso scorretto magari per i propri interessi.

    Allora la grande scommessa per l’uomo del terzo millennio è quella di ristabilire un ordine che non è né l’ordine “democratico” delle grandi multinazionali né tantomeno quello della egoistica ragione individuale (riferito al singolo individuo o alla singola nazione) fondato su un concetto di libertà illimitata …ma l’ordine naturale ed oggettivo delle cose che l’uomo ha infranto in un’epoca lontana illudendosi di essere padrone e signore del mondo.

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 38
    ehrliche

    Gentile Signor Byoblu,

    ho ascoltato il suo video “il golpe globale” e mi sono molto meravigliata quando ha citato la frase della cancelliera Merkel “Nessuno può considerare garantiti altri 50 anni di pace in Europa”. La trovo una frase molto forte e mi sembra strano non averla sentita o letta sui giornali. Vivo in Germania e ho fatto una ricerca ma non sono riuscita a trovare la fonte. Me la potrebbe gentilmente inviare? La ringrazio e la saluto cordialmente.

     

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 37
    maxz46

    purtroppo gli italiani sbagliano da troppo tempo, non sanno governarsi…. sarà giunto il momento di togliergli un diritto del quale non sanno proprio godere…

    GD Star Rating
    loading...
  • 36
    miko

    grande claudio

    concordo appieno con quello che dici e con la tua teoria su come stanno andando le cose.

    siamo ufficialmente in mano a poteri internazionali.

    new world order basically.

    cosa possiamo fare a parte che far girare la voce?

    ammiro molto il tuo lavoro e quello che fai per l’italia.

    much respect

    :)

    GD Star Rating
    loading...
«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Crazy Animals
tasto_newsletter
I MINI-BLU

Vogliamo un nuovo presidente!

Mario Draghi e Giorgio Napolitano «Il forte consenso espressosi nelle elezioni del 25 maggio per il partito che guida il governo italiano ha oggettivamente garantito accresciuto ascolto e autorità all’Italia nel concerto europeo». Mai sentito nella storia della Repubblica un endorsement così smaccato da parte del Capo dello...leggi

Perchè io, te, voi… siamo diversi!

Perché sono diverso Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta, ed è per questo che sono diverso....leggi

Un’assemblea che non poteva votare

Espulsione Massimo Artini Paola Pinna Come vi avevo anticipato il 27 novembre (ma non bisognava essere dei grandi profeti), era evidente che l'assemblea parlamentare M5S, su Massimo Artini e Paola Pinna, non avrebbe mai potuto votare: se avesse votato contro la rete, infatti, sarebbe stata da espellere in blocco, ma far votare su...leggi

Dal Videoblog
Categorie
Commenti più votati