Una repubblica fondata sullo spread

” Quello a cui mi volete obbligare a rinunciare per la vostra tranquilltà,
ha un prezzo troppo alto, altissimo da pagare. “

 

Tutti gridano “Fate presto! Fate presto!”. Improvvisamente gli italiani si svegliano e scoprono che non c’è più nemmeno il tempo di bere il caffè. Fino al giorno prima la priorità assoluta del Governo era il decreto intercettazioni, mentre quella indiscussa degli italiani era il video hard di Belen. Poi, dalla sera alla mattina, tutti vanno di corsa. Berlusconi, meno incline alle dimissioni di quanto non fosse Gheddafi, si precipita al colle. Napolitano convoca anche il portinaio del Quirinale. In meno di 24 ore un uomo che il giorno prima era noto solo ai feticisti dell’economia spinta diviene non solo il politico più popolare d’Italia, ma viene insignito della carica di Senatore a vita per i suoi innegabili, inequivocabili altissimi meriti. Senza nessuna discussione parlamentare. Senza nessuna investitura popolare. Senza neppure un misero contrattino con gli italiani negli studi di Porta a Porta. Per decisione dell’uomo che non ha mai preso una decisione, una che fosse una, neppure quando si trattava di rimandare alle camere leggi palesemente incostituzionali. Improvvisamente il presidente della Repubblica si sveglia dal suo torpore, cessa di monitare e avvia le consultazioni. Gli italiani mettono in pausa il video di Belen per lanciare l’hashtag #GrazieGiorgio su Twitter. Come se Monti lo avesse trovato lui, dopo faticose e interminabili ricerche, e non ce lo avessero invece messo altri, lì dov’è, come il Corriere della Sera che da mesi gli preparava il terreno. Il Pdl appoggia. Il Pd appoggia. Fli e Udc appoggiano. Perfino Idv, alla fine, appoggia. Il solito teatrino delle comparse mandate dalla politica, sabato sera, festeggia l’esercito di liberazione straniero, beve champagne e lancia monetine – ma non c’era la crisi? Contenti loro…

 E sia: non c’è più tempo. Fate presto, mi raccomando! Tutti trafelati per bene. Il nodo della cravatta a metà, il paletot che svolazza mentre correte senza sapere dove. L’importante è correre. Del resto c’è la crisi, abbiamo 200 miliardi di titoli in scadenza da qui ad aprile! Come faremo? Forza Monti! Grazie Giorgio! E già che ci siamo perché non Grazie Nicolas, Grazie Angela, Grazie Barack, Grazie Goldman, Grazie Rcs e via dicendo? In fin dei conti, sono loro che hanno deciso… Napolitano che ha fatto? Le televisioni cosa hanno detto? Noi dove eravamo? Sono stati così gentili da fare tutto loro: hanno visto che eravamo impegnati e si sono messi a disposizione. Un G20, due risatine, una speculazione sui nostri titoli, due comunicati stampa et voilà: via il cerotto. Visto? Tutto passato: di cosa avevate paura? Ricordiamoci di ricambiarli, in futuro.

 E poi l’ha detto anche Obama: “L’Italia è un grande paese e sono certo che saprà come continuare a rifinanziare il suo debito“. Sì, perché il problema di avere un debito non è come estinguerlo, ma come continuare a farlo crescere. Sono tutti così presi dal grande spettacolo dello spread che si innalza, come quando c’è un eclissi e tutti col naso all’insù, come quando il mare si ritira e a nessuno viene in mente di scappare dalla spiaggia prima che arrivi lo tzunami, che nel frattempo nessuno si accorge degli sconosciuti che vanno e vengono alle loro spalle.

 Cosa significa avere titoli di stato in scadenza? Che bisogna pagarli, con gli interessi. E come si pagano? Vendendone di nuovi e vendendoli a un tasso di interesse accettabile. Come si fa a venderli bene? Basta convincere chi li compra che si tratta di un investimento sicuro, ovvero che saremo in grado di pagare. Come del resto è sempre stato, perché l’Italia ha sempre remunerato i detentori dei suoi Buoni del Tesoro, nonostante il debito pubblico alto non fosse certo una novità dello scorso mese. Ma, dicono, c’è la crisi. I mercati vogliono essere rassicurati. Va bene: come si rassicurano i mercati? Dando l’impressione di avere un governo serio e misure efficaci sul contenimento della spesa pubblica e sul pareggio di bilancio. Oppure, anche, dando l’impressione di essere sul punto di averli. Come è avvenuto in Spagna: anche lì lo spread aveva raggiunto il livello di quello italiano, ma le dimissioni di Zapatero hanno calmierato la speculazione. La Spagna ha detto: faremo nuove elezioni e ci doteremo di un governo che adotterà le misure necessarie. Hanno dato una dimostrazione chiara di intenti, hanno definito una strada da percorrere e i mercati si sono adeguati. E’ un po’ come mi disse il mio dottore una volta: un medico di base non ha l’obiettivo di guarire un paziente, perché se ci riuscisse perderebbe un cliente. Tuttavia, per lo stesso motivo, non può neanche permettere che muoia. La sua bravura consiste nel mantenerlo in uno stato di costante agonia, cosicché continui indefinitamente ad avere bisogno delle sue cure. Questo è esattamente l’obiettivo dei mercati: se andiamo in default loro perdono i soldi; d’altro canto, se saldiamo i nostri debiti una volta per tutte, loro che sono parassiti, sanguisughe, di cosa vivranno? Dunque sono i mercati ad avere bisogno di noi, e non viceversa.

 Dov’era tutta questa fretta? Se Berlusconi si fosse dimesso, se Monti si fosse presentato a elezioni regolari, con il suo curriculum, con un programma chiaro, chiedendo il voto agli italiani, i mercati giocoforza avrebbero preso atto, lo spread sarebbe sceso e noi avremmo avuto l’impressione di non essere stati presi per il culo. Del resto, un default italiano non conviene a nessuno. Altrimenti, come spiega bene Nicholas Farrel su Libero di oggi, si esce dall’euro, si reintroduce la lira, si soffre un po’ sulle importazioni (ma si impara a fare da soli) e in compenso si vola sulle ali delle esportazioni ripartendo alla grande con la produzione e il lavoro. Un po’ di coraggio, un po’ di dignità, suvvia! Che poi bisogna vedere cosa riuscirà a fare, il senatore a vita Monti, con la stessa accozzaglia di parlamentari che fino a ieri hanno votato le leggi vergogna e che non hanno mai avuto il coraggio di mettere la loro faccia su nessuna riforma utile. Non era meglio fare un Parlamento serio (anche con questa legge elettorale) invece di rischiare di perdere un altro anno?

 Invece i giornali hanno tambureggiato “fate presto!”. I talk-show hanno ribadito “fate presto!”. La politica ha sbraitato “fate presto!”. La gente, tra una cena al ristorante e una partita di Champions, ha twittato “fate presto!”. E così Napolitano è stato riesumato e ha “fatto presto”. Ora siamo ospiti nel nostro paese, per gentile concessione della BCE, dell’FMI, della coppia Merkozy, della Trilaterale, di Goldman Sachs e di tutti quelli che “il mercato prima di tutto”.

 Un tale disse: “non è l’uomo ad essere fatto per il sabato, ma il sabato per l’uomo”. Così io vi dico: “non sono i cittadini ad essere fatti per i mercati, ma i mercati per i cittadini”.

 Ma finché avremo “tecnici” a decidere delle nostre sorti, l’Italia sarà solo una repubblica fondata sullo spread.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

65 risposte a Una repubblica fondata sullo spread

  • 14
    doctorjypo

    Pensando alla considerazione che Berlusconi ha di sè stesso, vedere che se ne sia andato “da solo” dovrebbe dare la misura di chi ci sia dietro Monti. Il fatto poi che questo sconosciuto ce lo abbiano imposto, magnifica l’inutilità dei politici italiani. E’ come quando da bambini si giocava e poi uno esagerava di brutto ed arrivava un adulto. In questo contesto, parlare di elezioni fa molto tossico da seconda repubblica in carenza di droga: suvvia, ignorare l’elefante nella stanza sarebbe grottesco! A me pare poi evidente che a questo Monti di mettere a posto la cucina, in mezzo a 1000 inutili cuochi con vitalizio che lo guardano con tanto d’occhi, non freghi assolutamente nulla. Lui lo hanno mandato per l’argenteria.

    In questo scenario, apprezzo molto chi amplia gli orizzonti come Claudio. Il suo ruolo di portatore di domande, più che di contro-messia (forse l’assonanza del cognome trae in inganno), è purtroppo equivocato. Seguendo la sua riflessione, mi verrebbe da dire allora che se proprio devo stare male, almeno che sia libero di decidere come! Fancu*lo l’europa e il signoraggio bancario. Non soltanto ci dovremmo staccare dall’euro, ma dovremmo anche tassare la moneta! Poi, purtroppo, è ovvio che non lo faremo mai. Perchè a differenza di Islanda e Argentina, per fortuna o purtroppo abbiamo ancora moltissimo da perdere…

  • 13
    Beapera

    La democrazia, con Berlusconi al comando, ha solo contribuito allo sfacelo del Paese. Il prezzo che pagheremo con questo governo tecnico per me non è una novità 

    Tutti sappiamo come funziona la politica in Italia. Il pensiero di una politica orizzontale ha dimostrato un gettito del debito pubblico minore rispetto ad una politica liberale verticale e senza tasse apparenti, almeno secondo le parole di O.Giannino.

    Il dopo Berlusconi non poteva venire meglio di così. Io mi chiedo perché i complottisti non si sono fatti vivi prima visto che mr B. appartiene al cerchio esterno 

    P.S: Berlusconi non molla 

    • 13.1
      Pippo

      Quello che si fa in questo blog ed in altri (ossia ragionare duscutere approfondire aprire gli occhi alla gente sminare dubbi chiedere risposte) non è inutile.

      Non possiamo subire passivamente quello che sta succedendo è un fim già visto di cui conosciamo il finale (almeno chi come me ha + di quarant’anni).

      Il governo della mafia, della  corruzione e della bancarotta lo abbiamo già avuto molto prima di Berlusconi (cfr Andreotti, Lima, Salvo, Gava, Scotti, Craxi, Forlani De Lorenzo, Poggioni ecc ecc ecc).

      Poi nel 1992 sono già arrivati i banchieri e i tecnici  e professori a salvarci (Dini, Ciampi, Amato, Scognamiglio e poi Prodi ecc).

      Hanno privatizzato le banche la telecom le autostrade, hanno iniziato la svendita degli immobili pubblici, hanno precarizzato il lavoro, ed hanno fatto la riforma delle pensioni).

      Nel 1995 (riforma Dini) hanno introdotto da un giorno all’altro il sistema contributio per fchi aveva meno di 18 di contributi (in partica hanno dimezzato le pensioni future di tutti queli che allora avevano intorno au 30 anni penalizzandi in paticolare i laureati e quelli che avevano trovato lavoro tardi).

      poi on l’introduzione dell’euro (che doveva salvarci dell’inflazione) hanno raddoppiato i prezzi reali ed attuato una gicantesca redistribuzione di ricchezza dal lavoro dipendente alle partite iva.

      Tutto questo non è servito a niente perchè dopo quasi 20 anni siamo messi peggio di prima e ci propongono le stesse ricette come se niente fosse.

      Chedere il ritorno alla democrazia come si fa qui e altrove, significa lasciare decidere agli elettori chi deve pagare il conto della crisi (o almeno provarci).

      Del resto le nostre uniche armi dmocrastiche sono il voto, la partecipare alle manifestazioni, e cercare di convinvìcere i pigri con i mezzi a disposizione che ci sono (oggi i blogs ed i social network iri il volantinaggio ed il porta a porta).

      Queste informazioni devono circoare il più possibile ed un fatto positivo che arrivino di tanto in tanto anche nelle televisioni.

      Da ultimo a chi si lamenta della “figuraccia” che avrebbero fatto i “nostri” a matrix faccio presente che loro erano stati chiamati a recitare la parti degli “utili idioti” per avallare la tesi che i mercati cattivi hanno fatto fuori il grande statista.

      La manovra non è riuscita e la figuraccia l’hanno fatto i cosiddetti esperti (che hanno preso visibilmente la calma essendo privi di argomenti)  ed il conduttore cui evidentemente la situazione è sfuggita di mano è già sentiva traballare la poltrona.

       

    • 13.2

      Già, chiediglielo a Godot_74 …

    • 13.3
      Beapera

      Una delle verità determinabili è che la democrazia, in Italia ha fallito ragion d’essere. Ci sta franando la terra sotto i piedi e la colpa è del popolo “sovrano” che si è lasciato imbaccuccare da Berlusconi e dal berlusconismo. Anche il PD è un riflesso del berlusconismo: si cerca solo di andare al potere con qualsiasi mezzo a disposizione.

      Io dico solo che era ora che arrivasse il governo Monti (almeno sono fiducioso)  ed il fatto che la Lega si sia opposto la dice lunga.. Il potere di questo partito dove la moglie del leader è andata in pensione a 39 anni, il figlio che prende 10.000€ al mese (non so la cifra ma credo che percepisca abbastanza) la dice lunga sui favoralismi delle “caste”. E loro, che sono un partito emergente sono molto più “affamati” di quanto pensiamo. Dall’altra parte c’è l’IdV che sono +o- la stessa cosa. E’ tutto un’annichilare.. ecco perché non amo la democrazia in Italia perché si riduce ad un magna magna dove non cambia mai nulla. Se siamo arrivato allo Spread è perché lo Stato non è stato efficiente. 17 anni di berlusconismo, di pubblicità e di consumismo hanno lasciato il segno!!

      MONTI FARA’ LA DIFFERENZA SE IL POPOLO RIUSCIRA’ A CAPIRE LA DIFFERENZA TRA GOVERNO TECNICO E PARAPOLITICA (lo spero) perché è la massa che deve capire di che pasta è fatta la democrazia.

  • 12

    Concordo quasi su tutto ma sulla possibilità di elezioni a breve no: il default è uno spauracchio troppo convincente. Come facciamo a non temere che sarebbe il disastro completo?

    Certo è che questo “governo tecnico” e quindi che esula dalle logiche prettamente democratiche deve durare il minor tempo possibile, il suo principale scopo dovrebbe essere quello di traghettarci alle prossime elezioni… ma purtroppo temo, anche sulla base delle considerazioni che fai anche tu, che così non sarà: http://www.spiritocritico.it/economia/mario-monti-o-la-borsa-o-litalia/

    Purtroppo dopo decenni di malagestione bisogna prendere provvedimenti di austerity… da democratico convinto comincio a pensare che la gente non li voterebbe mai. La cosa più verosimile che possiamo tentare a breve termine e imporci come Cittadini affinchè l’auterità sia imposta PRIMA alla Casta (altro che vitalizi da famiglia reale, auto blu e pensioni a vita dopo manco 5 anni), alle lotta alle mafie corruzione e tangenti (altro che voto di fiducia a ministri imputati per mafia e prescrizione per corruzione dopo 7 anni), agli affaristi (altro che depenalizzazione del falso in bilancio e privatizzazioni cioè svendite dei patrimoni dello stato)… e solo dopo, se proprio sarà provatamente indispensabile, a noi comuni cittadini che abbiamo sempre pagato le tasse e di colpe non ne abbiamo.

    Insomma:: ammesso che col governo tecnico la crisi economica potrà essere arginata è anche vero che la crisi della democrazia rischia un serio aggravamento. Quindi non abbassiamo la guardia, continuiamo a rinnovare i nostri diritti democratici esercitandoli il più possibile.

  • 11
    rg3

    Il cetriolo globale si aggira sopra il Mediterraneo…

    Lasciamo tranquillamente lavorare questo Santo salvatore della Patria (Monti).

    Attenzione però, se, con la scusa della crisi, venderà la riserva aurea della Banca d’Italia (fra le prime tre al mondo) allora avremo la certezza che appartiene veramente alla lobby demoplutomassonica o Illuminati che dir si voglia.

    Gli Illuminati non esistono, il Nuovo Ordine Mondiale non esiste?

    Guardate sul Tubo e vedrete il grande Napolitano che lo pontifica. Purtroppo il video è del Tg1 ma ascoltate bene le parole del Presidente. Future guerre intestine ed estere e crisi finanziarie.

     http://www.youtube.com/watch?v=11F9qDT3hXE&feature=results_video&playnext=1&list=PL087EC7EBC050F08B

     

  • 10
    roberto p.
    roberto p.

    Sono completamente d’accordo con te su tutto. Però …

    Però alcune considerazioni mi sento di farle.

    Innanzitutto sono mesi che cerchiamo aiuto in Europa (Di Pietro acquistò anche una pagina di un giornale estero) per cercare di ripristinare un minimo di legalità, considerando tutte le porcherie compiute da Berlusconi & C.

    Inoltre, dati alla mano, si è dimostrato che quelli che siedono in Parlamento non rappresentano la maggioranza degli Italiani, ma una minoranza di affaristi e malavitosi : quindi se sono degli usurpatori, dov’è la “sovranità popolare” ?

    Allora ben venga un governo imposto dall’esterno, ma non per fare riforme impopolari in campo economico. Bisogna fare quelle riforme impopolari per gli usurpatori, a cominciare da una legge elettorale veramente democratica. Eliminare tutti i conflitti d’interesse, approvare la proposta di legge Parlamento Pulito, abolire tutti i privilegi della casta, dimezzare i parlamentari, ridurre drasticamente auto blu e scorte, abolire le province e tutti gli intrecci tra politica e affari.

    E se gli usurpatori si oppongono all’approvazione di queste misure mi auguro che gli Italiani trovino il coraggio di andare a Montecitorio e cacciarli tutti a pedate nel c**o.

    Soltanto dopo aver spazzato via tutta la feccia che da anni immobilizza questo Paese pieno di storia e di risorse,  si riavvii un processo democratico con elezione  di persone degne che possano prendere quelle decisioni necessarie a salvarci dal tracollo.

    • 10.1

      Innanzitutto sono mesi che cerchiamo aiuto in Europa (Di Pietro acquistò anche una pagina di un giornale estero) per cercare di ripristinare un minimo di legalità, considerando tutte le porcherie compiute da Berlusconi & C.

      Si chiedeva un aiuto “politico”, non un’invasione.

      E poi come fa un governo tecnico che è intrinsecamente intrecciato con gli affari, a togliere di mezzo tutti i legami tra politica ed affari?

    • 10.2
      roberto p.
      roberto p.

      La richiesta d’aiuto all’Europa chiaramente prevedeva una contropartita (certo non palese) e ora a modo suo, passa all’incasso.

      Mi rendo perfettamente conto che sperare che Monti risolva i problemi nostrani è una chimera, ma se ci tolgono anche i sogni …

  • 9
    Publio Valerio

    Ultima cosa, domanda che rivolgo a tutti:

    SIAMO COSI SICURI CHE LE SOLUZIONI DI SALVATAGGIO (QUALUNQUE ESSE SIANO) SARANNO MIGLIORI – PER NOI- DI UN DEFAULT?

    SIAMO, SIETE, SICURI CHE IL DEFAULT E’ IL MALE ASSOLUTO?

     

    • 9.1
      Meno Politici

      Mah con questo macello nessuno è sicuro di nulla. Mi domando solo chi  compra i titoli di stato in scadenza se andiamo in default.

  • 8
    Claudio.farna

    Non pensavo l avrei mai detto!! Stasera tutti a guardare Matrix e avvertite amici nonni zii …. Voci Dell ultim ora dicono che ospite ci sia Barnard !!!Per chi non lo sapesse http://www.paolobarnard.info . E’ l attivista più attivista di tutti, se stasera E’ in tv si riaccende una favilla di speranza. Fate eco!!!

    • 8.1
      Claudio.farna

      Scusa, e’ ovvio che Cercheranno di strumentalizzarlo ma portare alla massa critica che tale informazioni valgone questo rischio. Barnard ha detto che dirà ciò che ha scritto nel suo trattato “il più grande crimine” , poi vedremo….Vi dico la verità a leggerlo ( e’ impegnativo e faticoso) si legge la realtà in modo diverso e viene da dire davvero : Forza presidente!Non avrei mai pensato di arrivare a nemmeno pensare una cosa del genere…http://www.liberamenteservo.it/modules.php?name=News&file=article&sid=4382P.s domani mi devo operare ma stasera faro tardi a guardarmi l ultima favilla di speranza che ci e’ rimasta…. Claudio comincia fin d ora a leggere ( se nn l hai già fatto) il “più grande crimine” , registra la trasmissione e in nottata monta un articolo…. Quando mi sveglio dall anestesia vorrei vedere un bell approfondimento dei “tuoi” :)

    • 8.2

      confermo

    • 8.3
      Francesco_F

      Per la serie “il nemico del mio nemico è il mio migliore amico”.

      Senza dubbio è una cosa buona che un giornalista del calibro di Barnard ritorni di nuovo in tv, ma non dobbiamo meravigliarci essendo chiaro lo scopo per il quale è stat invitato: togliere legittimità al governo Monti per rendere evidente lo scippo (?) che è stato fatto ai danni di mr B.

  • 7
    junior-q

    visto dall’alto di una collina la visuale è proprio quella ….

    prima l’arrivo dell’euro che ci fa perdere do vista il metro, la misura, la sensazione di costo maturata con la lira … (vedi le 3200 liire al litro che paghiamo ora per la benzina …)

    poi la fregatura politica dovuta all’incastro monetario …

    è la conferma che l’europa unita è solo un incastro ….

    qualcuno conosce l’architetto ?

    Junior

  • 6
    ubntuwins

    Ciao ora che vai in televisione non serve piu’ che chiedi l’obolo della vedova , che avevo letto che eri in bancarotta , non reputo una cosa furba andare a matrix ora come ora dato che stiamo messi in malo modo. contro bildeberg si combatte senza dirlo , le persone in internet ci vanno e si fanno le loro ricerche , dunque ci si documenta e poi lo si combatte ma non come fai tu ora che loro hanno il coltello alla parte del manico e li’ svergogni . Ti potrai anche guadagnare qualche migliao di euro ma cosi’ fai del male ai tuoi fratelli . ho scritto velocemente qualche concetto lo calcato troppo ma il messaggio e’ corretto , ciao

    • 6.1

      Prima di scrivere simili falsità dovresti perlomeno informarti e chiedere. Non ho preso e non prendo una sola lira in nessuna delle trasmissioni dove mi puoi avere visto (che sono tre: L’Ultima Parola, Servizio Pubblico e Matrix). Anzi: ci ho rimesso, visto che il rimborso spese non copre tutte quelle che ho affrontato.
      Dunque occhio a quello che scrivi, perché rischi di fare del male inutilmente, senza neppure rendertene conto.

  • 5
    Alessandro DSP

    quella che ogni giorno di più si va delineando come una colossale farsa , alla fine ci riconduce ad una vera anche se terribile domanda :

    – è ancora auspicabile ( sempre che lo sia mai stato) per l’Italia restare nell’embito della UE ?

    in effetti se ci si vuol fermare un attimo a riflettere non ci è mai stato chiesto se effettivamente il popolo abbia mai avuto l’intenzione e la convizione che la soluzione unitaria europea fosse la soluzione giusta per le sue esigenze.

    Ricordo con un certo brivido che mi passa per la schiena che , anche in quei giorni in cui ci si accingeva a varare le misure restrittive che ci potessero far staccare il biglietto per l’europa , che aleggiava nell’aria la stessa frenesia, la stessa ansia , la stessa spasmodica agitazione nell’affermare un unica via alla soluzione del problema , lo stesso bombardamento mediatico.

    Ed è proprio quando le soluzioni si riducono ad una sola scelta che di solito c’è qualcosa che non va ,quando viene meno la possibilità di ponderare….. valutare .

    La verità che nessuno vuol dire ma che bisognerà prima o poi affrontare è solo una , l’€uro ha un vizio di… fabbrica.

    Infatti nessun politico o eurosostenioire ha il coraggio di ammettere ( poichè le conseguenze in ordine di voti o di credibilità sarebbero devastanti) che l’euro ha un vizio di fondo e cioè , è privo di valore intrinseco e per poter essere emesso deve essere garantito. La garanzia all’emissione è data dai titoli di stato cioè , proprio quel debito che oggi ci sta soffocando.

    La storia ci insegna che per far ripartire un’economia la ricetta dei tagli e del rigore sono l’anticamera della recessione mentre di contro , l’immissione di nuova moneta a stimolo e supporto dell’economia è risultata la soluzione migliore per la tanto agognata ripartenza della stessa.

    Bene  o forse , sarebbe meglio dire  male , la BCE che dovrebbe fungere da banca centrale ed è preposta al conio  , non può farlo poichè dovrebbe chiedere agli stati di emettere quantità maggiori di debito pubblico  a garanzia del nuovo conio che , non sarebbero recepite dai mercati e che quindi acuirebbero ancora maggiormente le tensioni sui tassi d’interesse. I tre no di Draghi all’emissione di nuova moneta non sono stati dettati da prese di posizioni ma imposti da questa anomalia del sistema monetario comunitario. Nel sistema eurolandia non si può finanziare la ripresa con nuovo conio se non facendo innalzare il debito pubblico dei vari stati.

    La smussatura del potere democratico che è avvenuta con i recenti fatti sia in Italia come in Grecia ed in Portogallo e fra poco anche in Spagna ( e chi sa a chi toccherà di seguito) altro non è che una levata di scudi del sistema eurolandia verso quella che fra poco sarà l’evidenza delle pecche strutturali dell’euro che sta creando di fatto due europe (se ciò forse non era già nelle sue intenzioni) e che impoverirà tutti i paesi ad esso appartenenti ad esclusione della Germania e forse della Francia.

    In queste condizioni ed a queste condizioni , i costi per sostenere l’euro per i  paesi dell’europa due saranno insostenibili e non , i loro debiti pubblici (anche se da rivedere e sicuramente ridimensionare).

    Senza immissione di nuovo circolante , pensare di far crescere un’economia imponendogli tagli e rigore è pura utopia . Sottrarre ulteriore moneta al sistema per doverlo elargire ai mercati che non reinvestono nello stesso sistema è l’anticamera della recessione. Parliamoci chiaro il capitale globalizzato non guarda in faccia nessuno , non ha patriottismi, non ha obblighi sociali , non ha bandiere o ideologie politiche , è mosso solo dalla fredda convenienza che lo porta là dove troverà la maggiore remunerazione. L’escalescion degli spread chi può dire quanto sia data dall’inaffidabilità del debito o sia generata dalla bassa remunerazione dei tassi ? Ma sopra tutto è possibile che i mercati abbiano  capito le deficinze strutturali dell’euro e che quindi non lo stiano attaccando ma … si stiano difendendo dallo stesso  ?

     

  • 4
    StefanoG
  • 3
    amicoditotoro

    Lo spread è schizzato di nuovo… ma che strano.

    A repubblica e corriere son rimasti i titoloni di traverso.

  • 2

    Vi ricordo (mi riferisco agli ultimi commenti) che siete off topic. Se volete rispondere potete farlo sulla pagina ufficiale Facebook Claudio Messora

  • 1

    Caro Claudio, io la vedo cosi’. 

    Fino al giorno prima l’Italia, l’italiano, era sotto i piedi di un pazzo che scopa con le minorenni, compra parlamentari, mandava i figli a scuola accompagnati da un mafioso, spostava miliardi all’estero, faceva inciuci con tutti. Potrei continuare, e lo sai.

    Il giorno dopo arriva uno che non sai chi sia, te ne parlano malissimo, ma dice “vieni con me che ti porto altrove”. E’ spirito di sopravvivenza, è nella natura umana in certi momenti fare anche la cosa piu stupida e incosciente per togliersi da una situazione di evidente pericolo.

    Io la vedo semplicemente cosi’: ora ovviamente bisogna tenere gli occhi aperti sul Salvatore. 

    Ma il motivo per cui tanti manifestavano tanta fretta eccolo qui: dopo 17 anni c’era un modo per mandarlo a cagare. Tutto qui. 

    ps – il video di Giannino andrebbe mostrato nei TG, come si fa a diffonderlo di piu ? 

    • 1.1
      Anas E.

      Lo stesso scenario in Irak, Afghanistan, Libia, Italia…..La gente è contenta di poter mandare a cagare il  dittatore ma non sà che chi veramente l’ha cacciato via lo sta sotituendo con altri tiranni peggiori.

    • 1.2
      EC2

      Gravissimo ed emblematico che noi s’aspetti di esser sempre “presi per mano da qualcuno“.

    • 1.3

      Gli spread l’hanno mandato via, ma non sono stati gli spread a imporci un governo tecnico. Quello l’ha imposto qualcun altro per noi. Una volta che si fosse dimesso, sarebbe bastato indire velocemente le elezioni, invece di rubare la sovranità al popolo. Contenti voi…

    • 1.4
      Anas E.

      E non è uno qualsiasi ! E’ la G.S. & Co.

  • 0
    Paramante

    Un piano almeno decennale.

    Abbiamo lo stesso libero arbitrio di uno col cappuccio in testa e la corda intorno al collo, il risultato di un piano iniziato almeno nel 2002. Seguo da poco il blog e forse ripeto cose già dette, ma mi sono sempre stupito di come lo scandalo dei sub prime abbia fatto fare così poco la domanda: “Come è possibile che nella patria del culto del denaro si faccia una roba simile?”. L’unica risposta giornalistica che ho letto è stata che così gli americani finalmente potevano comprarsi casa e il presidente teneva su di morale gli elettori. Mah, non credo proprio. Guardando i grafici a 10 anni degli indici di borsa penso che lo scopo vero fosse far salire la costruzione di nuove case, uno degli indici più importanti, e far girare un’economia reale fondamentale (quella edile con tutti gli annessi), anche se pagata con mutui marci. Tanto poi gli hanno impacchettati e distribuiti a mezzo mondo e adesso richiedono addirittura i danni a chi li ha venduti, roba da matti. Così si è formata la bolla che è scoppiata nel 2007/2008. Tre/quattro anni in cui tradando sul breve e con le opzioni, chi ha il quadro esatto della situazione, può moltiplicare il capitale iniziale per un numero di volte inverosimile. Sapendo anche cosa sarebbe successo dopo, tradando allo short e con le opzioni al contrario hanno continuato a farlo. Hanno spolpato il mercato, Islanda, Portogallo, Irlanda, Grecia, Noi… secondo me ormai hanno un capitale assurdo. L’altra sera alla trasmissione In Onda un giornalista ha chiesto a un “esperto” se condizionare un paese dall’esterno è fantapolitica o no, naturalmente la risposta è stata che è impossibile condizionare e confrontare un debito di 1.900 miliardi. Non mi torna per nulla. Lo stato non rinnova in un anno tutto il debito, forse un quarto. Di cui solo una parte sono BTP. A settembre 2011 ad esempio, ha rinnovato circa 15 miliardi, se la pressione avviene in un tempo ridotto (come è successo) basta possederne una parte ed essere disposti a rimetterci qualche punto percentuale per portarci a rischio default. In sintesi penso che con meno di cento milioni di perdita secca ci hanno fatto a pezzi e con qualche centinaio possono demolire l’europa. Spero di sbagliarmi, ma non penso. Nessuno si è accorto di nulla!!! Parlano del Mercato come se fosse una emanazione occulta dell’oltretomba e non la somma di pochi Mani Grosse e un branco di buoi (definizione insegnata su qualunque manuale di borsa). Il brutto è quello che deve venire, attualmente la cartaccia finanziaria in circolazione è 8 volte il PIL mondiale. Quindi i sub prime erano solo la punta dell’iceberg e le banche sono ingessate perchè hanno a bilancio fogli con scritto sopra 100 ma in realtà valgono molto meno. Il “Sistema” si deve ripulire. Non distribuiscono dividendi, fanno ricapitalizzazioni (così si può fare man bassa a sconto), ma basterà? Se ci sarà da sacrificare ancora qualcosa e qualcuno, sarà in questo continente. Siamo i più inutili e i più appetibili, da quel punto di vista. A mio giudizio NESSUNO ha voluto o era in grado di capire cosa stava succedendo, e questo è gravissimo. I mezzi li hanno. I più “furbi” ci hanno venduti, gli stupidi, che sono la maggioranza in senso numerico, ora sono lì a discutere se meglio il governo tecnico o quello politico. Poveri idioti. 

    un saluto

     

     

     

  • -1
    orkoilrosso

    C’è relazione tra l’aumento degli spread e il risultato dei referendum acqua e nucleare….
    Prima del referendum lo spread era di 185,il 24 giugno raggiunge il primo picco 213..I riesumati al governo ricominciano a parlare del nucleare….L’exministro Romani un un paio di mesi fa aveva messo in discussione il referendum sull’acqua….

  • -2

    io TI ADORO per andare in TV a dire quel che è vero. Sei proprio bravo, non so se  fossi invitata io, riuscirei ad essere incisiva come te. BRAVO

    non hai peli sulla lingua e buchi lo schermo. Se vuoi un gruppo dove c’è gente disinteressata e con le palle ti consiglio “per il bene comune” il gruppo di F rossi che fu emarginato dalla politica per essersi opposto alla guerra in afghanistan. Il miglior gruppo politico oggi esistente. ciao e continua cosi. cloro

  • -3
    GiuseppeI

    Ieri ho visto matrix. L’ho già scritto altre volte ma lo ripeto perchè è di centrale importanza: i tempi e i modi televisivi sono troppo diversi da quelli della rete. Credo che gli scopi delle apparizioni in tv siano: 1) diffondere idee e fare domande diverse dal mainstream e 2) far arrivare queste idee a chi non frequenta il blog e alla enorme fetta di popolazione che non frequenta nemmeno la rete. Per fare questo è fondamentale essere in grado di andare in tv e sottostare alle sue “regole”, quindi ai suoi modi e tempi. Lei, dott. Messora, ci è riuscito abbastanza bene ma avrebbe dovuto accertarsi che anche gli altri definiti “complottisti” fossero in grado di stare davanti alle telecamere. Barnard ha degli argomenti interessanti che andrebbero divulgati a quanta più gente possibile, ma il suo atteggiamento “indisciplinato” ha finito per danneggiare anche lei e Chiesa, facendovi apparire tutti come visionari, un po sconessi dalla realtà. Per me avete perso una buona occasione. Ultima considerazione: il teatrino che si è visto ieri ad un certo punto, con Chiesa che parlava da solo sullo schermo e voi in studio tutti a urlare mentre il pubblico intorno si contorceva dalle risate, è stato davvero qualcosa di grottesco, tipico delle trasmissioni di canale5 (d’altronde il grande fratello e uomini e donne hanno fatto scuola in tv…). Comunque, come si dice, Roma non fu costruita in un giorno, quindi dovete continuare su questa strada, magari su una rete più “abituata” a dibattiti civili e nei modi più consoni alla tv e al suo pubblico. Cordiali saluti

    • -3.1
      Meno Politici

      Giuseppe ha ragione. Andare in televisione e comunicare efficacemente non è sicuramente una cosa semplice, ma Barnard credo abbia massacrato qualunque regola naturale di buona comunicazione. Non parlo delle cose che ha detto, che francamente non sono in grado di valutare se corrette o meno, ma del modo come lo ha fatto, Sicuramente lui è in buona fede, ma ha ottenuto il contrario di quello che voleva. Cioè il grande pubblico non ha capito e lo ha giudicato male.

      Claudio, se mi permetti, hai fatto benissimo a cancellare il termine “complottisti”. Ma anche “Conflitto di interessi” non esprime il concetto giusto. Nessuno può impedire a qualcuno di ritrovarsi per decidere una strategia comune, anche se sono ricchi e potenti. A meno che l’atto sia giudicato illegale per specifici motivi o la strategia comprenda atti illegali. Quindi le questioni su cui far riflettere sono:

      1) Le forze in campo sono predominanti quindi è materia di Antitrust?

      2) Le strategie comprendono azioni illegali?

      3) Ammesso che sia tutto lecito e legale, che razza di cultura sociale è quella occidentale, se consente a una strettissima cerchia di persone che hanno tutto e di più, di demolire scientificamente interi stati e lo status di sopravvivenza di centinaia di milioni di persone considerate amiche? Questo è il punto fondamentale, perchè tutti possono capirlo con semplicità e perchè resta valido anche se i due punti precedenti fossero inutili. Quindi più che Conflitto d’interessi o Cartello, che ha senso solo se dichiarato illegittimo, è una faccenda di Attacco allo Stato sociale e alla sua stabilità.

      In merito alla comunicazione poi non scordiamoci che stiamo toccando un punto dolente nelle coscienze delle persone. Se lo tocchi male immediatamente riceverai una risposta rabbiosa per chiuderti la bocca (come è successo ieri). Il punto è che noi siamo parenti stretti di quella mentalità, adesso stiamo subendo quello che i cosiddetti paesi del terzo mondo hanno subito per secoli, anche da noi. Se con un colpo di magia, si potesse sfilare dal nostro territorio e dalle nostre vite la ricchezza e il benessere che “far parte di un certo giro” ci ha portato, sarebbero tanti a cancellare ogni scrupolo morale per ritornare indietro, forse anche noi.

      Sangue freddo, ci vuole sangue freddo.

      Un saluto 

       

       

       

       

    • -3.2
      Francesco_F

      Quoto buona parte di quanto hai scritto. E’ il cosiddetto effetto Grillo, ovvero puoi dire tutte le cose interessanti che vuoi ma se ti poni in maniera aggressiva (Barnard) nessuno ti starà a sentire e ti prenderanno anche per un esagitato. Mettici poi la trasmissione che, a detta dello stesso conduttore, manda in onda filmati tipo dei templari solo per provocazione, senza quindi prendere sul serio le argomentazioni del trio Messora-Barnard-Chiesa; mettici pure Giannino che continuava a fare la parte di quello che non voleva essere coinvolto in “stupidi discorsi sui complotti” ma allora chiedetegli perchè partecipa ad una trasmissione su politica e complotto; mettici allora tutte queste cose e la superficialità dei temi trattati dall’altro trio Bechis, Costamagna e l’ex dirigente GS… e la disinformazione (a dirla semplice) è servita.

  • -4

    Claudio,

     Ti ringrazio veramente di avermi fatto scoprire questo video di Oscar Giannino, che dice ad un certo punro che gli sarebbe piaciuto vedere ogni tanto sui giornali una smentita delle balle continue di Berlusconi e del PDL sul debito pubblico italiano! Se avesse letto il mio blog, sono più di due anni che denuncio questa cosa in una diecina di post, da leggere cliccando sul link associato al mio nome!

    Adesso rifarò i calcoli con i preziosi numeri elencati da Giannino… 

  • -5

    è ora per tutti noi di studiare il signoraggio e tutti i meccanismi della creazione di moneta dal nulla, operata dalle banche (sia centrali che commerciali) con la legalità offerta loro dai politici (anche quelli di domani)..

    o così o si muore. tutti.

  • -6
    rg3

    Caro Claudio, non per dire ma la tesi di Farrel, che hai letto su Libero, l’ho esposta io in un mio commento il 13 di questo mese.

    Ma tant’è, dev’essere il destino di questo blog…

    Travaglio copia te e Farrel me.

    Sic transit gloria mundi (ogni riferimento a Berlusconi è puramente casuale) 

  • -7
    Elisa Anonimo

    Caro Claudio,

    la veritá non é che l’Italia é ostaggio delle banche, ma che tutti i governi – e non solo del mondo occidentale- lo sono (ultimo esempio la fine di Gheddafi). Altra veritá é che ce la siamo andata a cercare,mandando e mantenendo al potere per un’era glaciale un individuo come il berlusca. Io vivo in Austria e,credimi, é pesante girare per le strade quando sui giornaletti gratuiti che tutti hanno in mano compare l’ennesima “bravata” del nano.Ti fa vergognare, perché la derisione ricade su tutti noi,anche se nessuno te lo dice apertamente, qualcuno ti chiede soltanto:”ma perché gli italiani lo hanno votato? perché ve lo tenete?”. Bella domanda! sai che penso? che gli italiani lo hanno votato e se lo sono tenuto perché ognuno vorrebbe essere come lui: pieno di soldi,di femmine e potente. Ricordi il detto”cummannari é mejo ca fottiri”? beh, lui non solo comandava,ma fotteva pure (o almeno lo faceva credere): ogni popolo ha il governo che si merita.Cosa mai potrebbe uscire dalle urne da un popolo che non é piú in grado (a parte una minoranza) di alzare la testa,che cerca una raccomandazione pure per avere un certificato di residenza …e con la legge elettorale che abbiamo (mantenuta dalla sinistra,quando avrbbe potuto abrogarla)!Ci hanno piegato,ci siamo -come popolo- lasciati piegare e questo é il risultato.Non siamo piú sovrani a casa nostra, speriamo almeno che ció serva a farci sopravvivere.Del resto la storia si ripete,ricordi Dante? “Ahi serva Italia, di dolore ostello,nave sanza nocchiero in gran tempesta,non donna di province, ma bordello!”

    • -7.1
      Anas E.

      Bravisssssssssssima………L’ho sempre detto e scritto nei commenti, l’Italia bisogna vederela con gli occhi di chi abita all’estero o con gli occhi dello straniero che abita in Italia ! Perchè vedono un’Italia senza paraocchi.

    • -7.2

      Sì, però… non è che bisogna smettere di riprovarci

    • -7.3
      Anas E.

      Finchè c’è un battito di cuore, un minimo di dignità e soprattutto un minimo di MEMORIA, bisogna continuare a provare .

  • -8
    LunaRay

    Ehm, e secondo te, l’esimio presidente del consiglio uscente sarebbe stato in grado di fare tutte queste valutazioni, di dimettersi seduta stante, di chiedere quindi al capo dello Stato di fare regolarmente le consultazioni e – non trovando accordi possibili – di indire nuove elezioni, dove anche un signor Monti qualsiasi avrebbe potuto presentarsi con un programma di governo accettabile ed essere quindi votato ed eletto, e a quel punto avrebbe formato un bel governo e lo spread magicamente sarebbe diminuito oppure avrebbe detto all’Europa e al mondo: sapete che c’è?, il debito pagatevelo voi e arrivederci e grazie! con dignità???

    No, dico: ma li hai visti quelli che c’erano al Governo? Facciami il piacere, ma. :))

    Ringraziamo la Costituzione della Repubblica Italiana, piuttosto. Che ha consentito al Presidente della Repubblica di dare un bel calcio nel sedere a mister Bunga-bunga, di mangiare la foglia dei mercati nominando (non scegliendo, naturalmente, ma non si poteva continuare col magnaccio e i suoi burattini, ecco dove sta la dignità!) il goldmansachsiano bilderbelgherrimo Monti, contando sull’impianto democratico che dovrebbe espulgerlo quanto prima per andare a nuove elezioni, senza essere più lo zimbello d’Europa. Un po’ di pazienza, suvvìa.

    • -8.1

      Forse non ti è chiara una cosa: Berlusconi si era già formalmente dimesso. La scelta di mettere Monti è una cosa successiva che avrebbe potuto benissimo essere sostituita da quella di indire regolari e veloci elezioni democratiche.

    • -8.2
      maghirko

      Claudio, con le tue parole “non offendiamo la nostra intelligenza”, sappiamo benissimo che con questa legge elettorale le elezioni “libere” produrrebbero un parlamento di nominati e perdipiù, cosa ancora + grave, un Senato spaccato a metà (vedi ultime proiezioni di vari istituti) che di fatto non consentirebbe di governare o al massimo di governicchiare come nell’ultimo anno. ce lo possiamo permettere?

  • -9
    Bisso

    Complimenti Messora…

    Ha fatto benissimo ad andare a Matrix…anche se in apparenza siete stati trattati da persone poco credibili…sappiate che avete contribuito a far in modo che ci sia più consapevolezza di ciò che sta accadendo e nonostante l’ostilità ricevuta in trasmissione, sappiate che comunque alla gente il vostro messaggio arriva lo stesso! Chi ha orecchie per intendere, indente…quindi, continuate, mi raccomando, non mollate!

  • -10
    Publio Valerio

    Personalmente mi trovo nella sostanza d’accordo con l’impostazione generale di Claudio Messora, ossia : il problema italiano piu generale è lo “scippo” di democrazia. Cio secondo me è dovuto

    1- lobby plutocratiche che remano contro (e l’asservimento dell’informazione di massa)

    2- costituzione che permette ampi spazi di contraddizione del principio della sovranità. L’art. 1 della cost. dice che la sovranità è del popolo, MA – attenzione!! – nei limiti della costituzione (giusto, sennò sarebbe populismo)

    3- ora la costituzione consente formalmente i governi tecnici. in sintesi il parlamento e il presidente hanno dei poteri che sono in grado di contraddire la sovranità popolare. E questo secondo me è un limite della nostra costituzione, che sposta di fatto al sovranità al parlamento.

    4- infine lo scippo è possibile anche perchè la massa degli italiani – mi spiace dirlo – è una massa di pecoroni ignoranti e disinteressati, che per cultura e per pigrizia, preferiscono sempre delegare, e demandare senza alcun controllo. Sono sempre in attesa del “buon padre salvatore” che sia Berlusca, o Monti o Fini…

    il Governo Monti non solo non è espressione del popolo, ma neanche il parlamento lo è visto che a parte i partiti, i singoli deputati sono stati nominati non eletti direttamente come prescrive la costituzione. Per cui – ha straragione Claudio – in questo momento la democrazia – già barcollante – e soprattutto la sovranità popolare, sono state sospese e affogate nelle pieghe di una costituzione – aggiungo io- vecchia.

    Quindi l’alternativa è : vogliamo diventare padroni e sovrani veramente o vogliamo restare per sempre dei culi volanti in attesa del Monti-padulo di passaggio?

     

  • -11
    archi

    A volte Claudio mi sembra tu viva in un paese diverso dal mio.

    L’italia è un paese con almeno due problemi mostruosi:

    1. è l’enorme concentrazione di potere che un gruppo di potere, legato strettamente alla criminalità organizzata, si è costruito.

    2. è la debolezza del sistema italia da una serie di punti di vista, che vanno dall’avere un enorme e costoso debito pubblico, per arrivare alla povertà di materie prime e di risorse alimentari interne.

    Quello che abbiamo vissuto fino l’altro ieri è stato il saccheggio incontrollato e legalizzato di tutte le ricchezze nazionali, ad un ritmo mai visto prima… si è arrivati al punto che le persone, tramite una sapiente azione di convincimento mediatico, ritenevano normale ed inevitabile tale saccheggio avvenisse (tanto sono tutti uguali… la sinistra ha fatto lo stesso ecc.).

    Non so se questo saccheggio sia iniziato proprio per via della crisi (che era prevista e prevedibile da molto tempo e che di certo le alte cariche istituzionali conoscevano da tempo) con lo scopo di arraffare il possibile finché fosse stato possibile… fatto sta che la crisi è inevitabilmente arrivata, dovuta ad una serie di fattori congiunturali, tra i qualila crisi energetica e delle risorse, unita ad un uso criminale della finanza.

    Da un giorno ad un altro si è capito che la situazione era divenuta insostenibile… e che l’enorme castello di intrecci e malaffari che teneva su la nostra classe politica e dirigente stava per collassare. A questo punto si è iniziato a capire che a niente sarebbe valso il controllo dei media, il controllo delle forze dell’ordine… una volta fallito lo stato, una volta ridotta la gente alla fame questa avrebbe rivolto i propri forconi verso chi fino al giorno prima idolatrava.

    A questo punto i nostri politici hanno iniziato ad aver paura ed hanno iniziato a defilarsi, chi prima e chi all’ultimo momento.

    Solo in queste condizioni Napolitano ha avuto la possibilità di provare a giocare le proprie carte, carte che se giocate in precedenza avrebbero portato i nostri governanti (certo privi di scrupoli) a gridare al golpe… ad innescare una vera e propria guerra civile.

    Non so se quello che verrà adesso sarà positivo o meno, ma penso che sarà almeno meglio dell’ultimo periodo di governo Berlusconi.

    Questo almeno è come leggo io la recentissima storia italiana.

    • -11.1
      archi

      E poi insomma… tu credi veramente che dalle elezioni sarebbe nato qualcosa di decente? La gente ha perso del tutto il senso delle istituzioni, pensa e vota per tifoseria. Se vuoi che la gente voti seriamente occorre far tornare ad assaporare alle persone il sapore della vera politica… della gestione dello stao al servizio dei cittadini e possibilmente rompere il muro di omertà che si è costruito in questi anni sui media.

      Se questo governo ci riuscirà possiamo avere una speranza, altrimenti ho il dubbio che tutto sia perduto.

  • -12
    Beapera

    Io se devo essere sincero e se non devo farmi influenzare da tutte le notizie “pessimistiche” che trovo sul mio google reader dico che <<era l’ora di un governo tecnico!>>

    Questa democrazia italiana con Berlusconi che domina “da magnate” ha già fatto troppi danni. E poi è inutile nascondere la situazione italiana e non accettare leggi impopolari; da servi di partito. Non sono convinto neanche dell’opposizione. E’ ora che cominciamo a filare, per il bene di tutti.

  • -13

    Premetto che questo intervento è stato scritto di getto dopo aver “provato” a guardare Matrix, perché altrimenti le idee e le sensazioni si spengono e non si dice più quello che si voleva dire. Detto questo, ciò che emerge in sintesi dalla trasmissione è un po’ il sunto della questione ribadito inutilmente dal sottoscritto una marea di volte in questo blog: voler parlare a tutti i costi di un fenomeno (nel tal caso il complotto delle lobby finanziarie), in un momento in cui la tensione è altissima perché ci sono dei danni pesantissimi da recuperare in un tempo quasi insufficiente, finisce inevitabilmente col diventare nitroglicerina che in un secondo esplode in una rissa. Infatti basta aprire il video della puntata di Matrix per scoprire che il livello della trasmissione è scaduto a quello dei programmetti del calcio (e non come scappò alla Clerici) che si vedono sovente su Telelombardia o 7Gold, dove ci sono tutti quegli pseudo-cronisti ahimé noti per essere dei semplici giullari che urlano e si fanno prendere deliberatamente per il c**o proprio per questo motivo, oltre che per mantenere una “notorietà”.  Nello specifico di Matrix, di sbagliato c’è stato praticamente tutto: l’argomento che in questo momento è una forzatura, certi ospiti come Barnard e Giannino che sono noti per il loro comportamento rissoso (ma purtroppo sono anche i pochi che hanno voglia di parlare della questione), il comportamento del conduttore, di suo molto trash per aver subito dato addosso a Barnard sul discorso delle buffonate e di conseguenza, avendo ceduto al suo gioco. Mi meraviglio di Claudio per aver ceduto anche lui con nervosismo a quel siparietto altrettanto trash con Giannino. Decisamente una trasmissione da 4° serata. Ribadisco ancora la mia (e non solo) opinione: nessuno mette in dubbio che ci siano dei complotti, nessuno rifiuta di farsi delle domande in merito, nessuno vuole mettersi a pecora nei confronti di un governo tecnico senza  un paese vicino alla bancarotta. La questione è che ora non c’è il tempo né il clima per parlarne, dal momento che, come è giusto che sia, sono tutti concentrati a capire come risolvere un problema, piuttosto che perdere tempo in provocazioni riguardo le sue cause e sperando nel colpo grosso, perché la frittata ormai è fatta. Sarà più giusto parlarne ed affrontarle con la dovuta importanza se e quando la situazione sarà meno asfissiante, magari dedicando tutto il tempo per andarci a fondo, visto che nervi così tesi impediscono di trattare l’argomento nel giusto modo. E’ altrettanto inutile insistere perché, come ho ribadito, al momento non abbiamo neppure i mezzi efficaci per combattere un eventuale potere della finanza mondiale, oltre che i suoi complotti. Come vedo Claudio: sono ormai giorni che si è incagliato su questo discorso che magari gli potrà sembrare la causa della vita (a quanto appare) poiché si vedono post, ospitate televisive per certi versi anche inaspettate, dove insiste sempre con le stesse parole e con gli stessi modi sulla questione. Poiché non tutti possono prendere di buon grado questa insistenza, banalmente perché ritengono ci siano anche altri problemi, è lecito che ci si cominci a chiedere dove vuole arrivare, Claudio: nella posizione di quello che l’ha detta fra i primi e quindi in seguito se ne prenderà tutti i meriti di smascheratore/eroe condottiero? Passi pure, peccato che il percorso diventa sempre più impraticabile, specie quando chi segue si stufa ed il rischio di essere scaricati perché troppo pesanti, oltre che oggetto di maldicenze diventi sempre più concreto. In questo senso è meglio che Claudio stia molto attento perché certi commenti poco lusinghieri letti su facebook proprio in merito, nonché quell’innominabile appellativo rivoltogli da Travaglio, cominciano ad essere molto meno marziani, anche se sempre non dimostrati. Poi ognuno è libero di fare E DIRE ciò che gli pare, se questo è un blog libero e non asservito. Ci si sente al tuo prossimo argomento …

    • -13.1

      Anche se nelle modalità tipiche di uno dei templi della demagogia nostrana, per la prima volta in questo paese iniziano a sentirsi anche discorsi ‘altri’ rispetto a quelli che continui a fare tu e che possiamo leggere su qualsiasi giornale o ascoltare in qualsiasi tv, questo il succo dell’ospitata di Claudio dal mio punto di vista.

      Il tuo è il solito mantra ripetuto all’ossesso: correre, muoversi, non c’è tempo, la fine del mondo è arrivata dall’oggi al domani; ok abbiamo costruito un sistema tutto storto, ma ci siamo dentro e dobbiamo continuare a ballare sempre più pesantemente. Si chiama ‘schock economy’ questa, e non è da oggi che la si persegue, visti i lusinghieri risultati. Gl’ingredienti sono i soliti: controllo dei media, funzionalità della classe politica e dirigente, ‘apnea’ (colpevole o meno) delle masse di cittadinanza che nulla possono fare se non assistere e credere al mantra dei ‘sapientoni’ certificati… da loro stessi!

      Messora è da diversi anni che informa, in maniera del tutto personale e secondo le sue sensibilità/visioni delle cose, ma informa. Il fatto di vederlo in TV, pur in arene oltremodo pilotate nei messaggi che vogliono far passare, è un gran risultato, vista la presa che Claudio ha quando racconta il suo modo di vedere le cose. A parte la ‘sbroccata’ legittima con Giannino quando quest’ultimo anziché rispondere a precise domande ha girato la questione sulla ridicolaggine di certi pensieri, io penso che qualcuno proprio dalle parole Claudio qualche dubbio se l’è fatto venire. Anche se statisticamente poco significativo, questo è il riscontro che ho da parte di qualcuno che non legge questo blog ma segue quella demenziale trasmissione (i guai dell’avere la TV anche in camera da letto!).

      Per concludere, Claudio grazie e continua così: poni sempre le domande che ti frullano per la testa e che condividi con questo blog, contribuendo -giusta o sbagliata che sia- a formare una piccola parte di opinione pubblica, quella “2.0”.

    • -13.2

      Godot_74 ha scritto :
      “Il tuo è il solito mantra ripetuto all’ossesso: correre, muoversi, non c’è tempo, la fine del mondo è arrivata dall’oggi al domani; ok abbiamo costruito un sistema tutto storto, ma ci siamo dentro e dobbiamo continuare a ballare sempre più pesantemente. Si chiama ‘schock economy’ questa, e non è da oggi che la si persegue, visti i lusinghieri risultati …”

      Sbagli ancora una volta e temo che la lingua non mi basti più per comunicare il mio pensiero, sempre adattato a piacere del proprio intento per arrivare a delle conclusioni “personalizzate”. Il mio è un semplice discorso di priorità, senza tutto il pippone della tua “schock economy”. Quello che ho sempre detto è che ora bisogna ricostruire rimboccandosi le maniche, per il momento non guardando al passato o alle cause del casino, altrimenti si sta qui all’infinito, bisticciando come in quella puntata di Matrix e non facendo UN c**zO. Correre? Muoversi? Non c’è tempo? … Ma de ché! … Se ho appena detto che la frittata è fatta, significherà che ormai non abbiamo quasi più nulla da perdere, se non le mutande in cui siamo quasi rimasti. Ma questo non significa che non bisogna dedicarsi a risolvere il problema: come? Io e “la mia parte” abbiamo il nostro, voi e Claudio avete il vostro. Quale sarà il più giusto? Ognuno reputa tale il proprio, quindi sarà quello che preferisce di più la gente. Datevi un occhiata ai sondaggi di Pagnoncelli (12/11 e 15/11) per vedere più o meno cosa ne pensa la gente. Poi se la risposta è la solita: quella è la tv, quelli sono i giornali, ecc. allora fatevi anche una casa sulla Luna, perché va bene non prenderli alla lettera, ma ignorarli con altrettanta ottusità, senza saper cogliere quanto serve, è poco intelligente.

    • -13.3

      TheResearcher80 ha scritto :
      Se ho appena detto che la frittata è fatta, significherà che ormai non abbiamo quasi più nulla da perdere, se non le mutande in cui siamo quasi rimasti. Ma questo non significa che non bisogna dedicarsi a risolvere il problema: come? Io e “la mia parte” abbiamo il nostro, voi e Claudio avete il vostro.

      Questa frase l’ho già sentita, guardacaso in un’altra occasione di occlusione delle vie della democrazia.
      Se scrivi su questo blog, se ancora puoi permettertelo, è perché le mutande forse ancora le hai da perdere. Magari non dai il giusto peso a metafore e parole.
      Per quanto ti sforzi ad urlare in questo spazio le tue inquietudini sulla fretta con cui bisogna agire nella direzione della sottrazione di democrazia per consegnarci mani e piedi a chi è portatore di interessi non solo privati, ma speculativi sulla pelle di milioni di persone, non so che risultati tu possa/voglia ottenere.
      Su questo blog sai che se ne parla dal lontano 2007? Non capisco perché pensi che “da questa parte” (di grazia, quale?) si stia con le mani in mano senza dedicarsi a risolvere il problema -come se il problema fosse uno solo, quello del momento-.

      Da questo blog sono passate tali e tante idee propositive, persone, movimenti, persino emendamenti a decreti legge. E’ da tempi molto, ma molto meno sospetti di questi, che Messora ha lanciato l’allarme DEMOCRAZIA. In questo blog hanno trovato spazio decine di realtà e persone, portatrici di PROPOSTE ed IDEE per un paese meno schiavo e più sano. Difficilmente si parla a vanvera.

      Per molti frequentatori abitudinari di questo spazio -riduttivo definirlo solo informativo, vista la partecipazione propositiva di cui è portatore- quel che tu oggi chiami ‘allarme rosso’ non desta poi tanta meraviglia: il problema poteva essere il quando, non il come. E mentre ‘noi’, spronati a farlo dal buon Messora, si discuteva e ragionava di questi ed altri argomenti, molti, troppi, hanno fatto dormire le proprie coscienze, spianando più o meno inconsapevolmente il terreno a nuove dittature, per citare qualcuno che l’aveva vista lunga più di 150 anni fa.

    • -13.4
      TheResearcher80

      OK, allora se ti candidi, ti voto! … Eppure per come ne parli, più che essere un blog, questo sembra essere un club politico (nonostante Claudio abbia specificato il contrario, mettetevi d’accordo). E peccato soprattutto che di “messorini” in giro se ne vedano veramente pochi (per non dire nessuno) dal 2007 ad ora, quindi o siete un organizzazione segreta, oppure hai la fase REM facile. Ma c**zo, siete qui a parlare e a proporre dal lontando 2007 eppure Berlusconi ha vinto le elezioni, CL e Formigoni ancora spadroneggiano nella Lombardia oltre che in tutto il nord-est (e ormai non solo, vedi il governo Monti), le lobby di qualsiasi tipo dettano legge e i “grillini” li vedi solo quando ci sono le elezioni per far cagare in mano i pezzi grossi, dopo di ché vengono inghiottiti nel nulla. Con tutto il rispetto, proprio perché dal nuovo parte sempre la speranza del rinnovamento, ma dov’è finito Calise? Stretto nella tana dei leoni al consiglio di Milano, dopo aver fatto strisciare la Moratti? Sta fresco, lì. Che dire: ce n’è di ciccia da queste parti, non c’è dubbio. Vorrei tanto vedere quanto di ciò che hai appena sparato si è realizzato e si  realizzerà. Per onestà non dico si tratti di nulla di ciò che si discute qui, perché so che la tenacia di Claudio ha permesso di raggiungere diversi risultati “abbordabili”, ma per come la passi te, sembra che qui ci sta l’armata che risolve i tristi mali dell’Italia, oltre che del mondo. Per carità, le intenzioni sono ottime, ma sai dove sta la differenza? Che “fra il dire e il fare, c’è di mezzo il mare”, specie quando quel mare sono le lobby di potere (vedi le P[N]) che non fanno schifo solo a te, ma pure a me. Tuttavia la differenza fra me e te, è che io sono consapevole dei miei mezzi (nulli) su di loro, per cui resto con gli occhi aperti, cerco di ottenere ciò che posso e nel mio piccolo provo a cambiare quelle infinitesime cose che mi dipendono (e standoci attento perché, pisci di fuori ed è un attimo). Io non passo il tempo a sognare un mondo ideale, illudendomi addirittura che discuterne significhi già realizzarlo. Vuoi avere credibilità? Beh, se resti chiuso in un blog, cioé una nicchia, è difficile che la gente si accorga di te/voi e ti/vi conosca: scendete in campo. Fai vedere alla gente il valore e la sostanza: peccato che poi guardi in giro (vedi appunto Calise) e mi accorgo che, in un mondo di caimani, specialmente a Milano, questi risultati si ottengono passettino dopo passettino e chissà se ti basta una vita per arrivare al traguardo. Come si può ben vedere, io e te siamo distanti anni luce, sebbene ci si trovi in un ambiente come questo solo perché si condivide certi aspetti o disagi. Per cui senza rimedio, io per te resto un demagogo sottomesso dal potere e tu per me vivi nel mondo di Biancaneve. Per cui, inutile continuare all’infinito. Come al solito, ti ho portato degli esempi veri per motivare il mio pensiero (… magari la solita demagogia eh, visto che dirlo va di moda), tu invece cosa mi porti sul piatto di altrettanto impietoso a favore della tua tesi? 4 anni di discussioni e furore in un blog, con qualche briciola concessa dai caimani? Magro bottino. Resta il fatto che anche io vengo qui a discutere con voi tutti nell’illusione che si faccia qualcosa di buono, ma sono consapevole sulla mia pelle che, per come va il mondo la fuori, mi tocca mirare molto, ma molto più in basso rispetto a te, mmh?. Sogni d’oro … E se vedi l’ottavo nano ritornare definitivamente dal Parlamento per unirsi ai canonici sette, salutamelo con un bel vaff***ulo.

  • -14
    Francesco_F

    Condivido la maggior parte delle opinioni espresse in questo post e nei precedenti sul tema economico. Considerando la situazione difficile che stiamo attraversando e i tanti errori commessi dai governi che si sono succeduti negli ultimi anni (molto interessante il video di Giannino) il problema è trovare una soluzione ora

    Purtroppo in questo post manca un’analisi ragionata proprio sulla soluzione, non che sia sempre necessaria in quanto far in modo che gli altri si pongano delle domande è gia di per se molto costruttivo, in questo caso però viene immediatamente da chiederersi “e allora che si fa?”

    Claudio tu dici:

    Non era meglio fare un Parlamento serio (anche con questa legge elettorale) invece di rischiare di perdere un altro anno?

    Su questo però non sono daccordo, ovvero se fosse stato possibile fare un parlamento serio con questa legge elettorale non si sarebbe chiamato porcellum. Certo le elezioni sarebbero la cosa migliore, ma non possiamo far finta di non trovarci in Italia con le solite facce che si presentano come se fosse il nuovo che avanza e non il vecchio che marcisce. E poi sapendo che adesso siamo tenuti per le palle dai mercati, mi verrebbe da pensare che nel tempo che ci separerebbe dalle elezioni gli speculatori di GS e co. ci farebbero schizzare volutamente lo spread alle stelle per convincerci a desistere.

    Sono daccordo con Grillo quando scrive che l’unica soluzione sarebbe “…la rivoluzione. Ma l’Italia non ha oggi la consapevolezza, né la forza per attuarla…” e aggiungo che in realtà non le ha mai avute non avendo mai fatto una rivoluzione nella storia del nostro paese. 

    Neanche la Grecia, che versa in condizioni peggiori e ha una piazza molto più rivoluzionaria, è riuscita a pretendere il referendum facendosi poi imporre il suo premier.

     

     

    • -14.1
      maghirko

      quoto in toto. come si suol dire mi hai tolto le parole dalla tastiera…

      d’altra parte se ci fosse un’alternativa credibile non staremmo qui a pettinare le bambole con l’NWO e il triangolo delle bermude…

      per il momento mi accontento di questa notizia:

      Dopo Rizziconi, l’Italia di Prandelli prosegue gli allenamenti nei terreni sottratti alla mafia: oggi pomeriggio partitella a Palazzo Chigi (Luca Bottura)
    • -14.2
      anonymous

      prima del porcellum c’era il mattarellum il prossimo sarà un mignottellum e poi chissacos’altro.. i nomignoli vengono dati un pò a tutte le leggi proprio perchè c’è sempre qualcunio pronto a disprezzarle… GRANDE CLAUDIO TI SEGUO SEMPRE CONTINUA COSì!!!!!

  • -15
    preseverando

    Viviamo in Un mondo gestito da governi corrotti  dalle lobbies finanziarie criminali.

    Oltre alla satrapia speculativa di queste, esse hanno il gusto perverso di delinquere, oramai senza riserve. La loro sete di criminalita’  ha imboccato la via piu’ succolenta: impossessarsi della nazioni che hanno indebitato e manipolare le masse  come carne da macello. Altro corpo criminale “inconsapevole” di esserlo e’ la massa di pecore,  80%  della popolazione, che si lasciano tosare senza emettere neanche un belato.  

    Queste rapinano le nazioni che hanno energia, aggredendole con una disinvoltura alla Billy Kid. Ora vogliono rapinare l’Iran. E che e’, bastano un centinaio di migliaia di bombe…certo, se questa avesse veramente  l’atomica la potrebbe usare..o no? Bel casino. Israele ce l’ha, e non viene aggredita, ma addirittura essa diventa aggressore di chi probabilmente non ce l’ha…ha certo, questa pero’ ha il petrolio… 

    Cosa fare: trovare nel restante 20% delal popolazione sana esecutivi che possono governare il Paese; Uscire dall’Euro e ratificare il pagamento del debito a 10 anni senza interessi; Sequestrare i beni fino alla seconda generazione a tutti quelli che hanno depauperato l’Italia,  ( forse molto di piu’ di 500 mila persone) e deportarli ai campi di lavoro forzato, iniziando dal sig Napolitano; sequestro di tutti i beni vaticani sul suolo Italiano; il papa e tutti i suoi sudditi devono avere un passaporto per circolare in Italia; via tutte le basi amerikane dall’italia e dal mediterraneo e di tutti gli amerikani..tutti, compresa l’ambasciata: non ce nazione piu’ nefasta al mondo di questa!! Investire sulla ricerca, sull’ambiente  e sulla scuola con educazione civica obbligatoria a partire dall’asilo;  sostenere l’artigianato, la piccola e media industria privata e nazionalizzare la grande industria; gli esecutivi che dovranno governare le regioni e i comuni del sud saranno formati da persone scelte nel centro nord d’Italia almeno per due mandati; controllo dei grandi capitali mossi da tutte le  banche..tutte!  giudizzi diretti e condanne severe per tutti gli spacciatori di droga..etc!

    Fermo restando che rimane sempre la secolare questione: chi controllera’ i controllori? Inoltre:”ceterum censeo vaticanem esse delendam!” 

    • -15.1
      LunaRay

      Se ti candidi con questo programma, giuro che ti voto! Ma, nel frattempo, ce la ripuliamo un po’ la faccia dalle zozzerie di Berlusconi e dei suoi? E poi, abbiamo sempre la piazza: se Monti non se ne va entro un tempo ragionevole, si scende in piazza. Ma si scende tutti, non sempre i soliti.

    • -15.2
      LunaRay

      Oh, è uscita appena ora fresca fresca la notizia che il sig. Monti vorrebbe restare fino al 2013 alla faccia degli italiani. Penso che dovremmo ridimensionare le sue ambizioni, proprio dalla piazza. Ma comunque, non credo neppure che i politici si sottometteranno (tutti) tanto facilmente alle sue volontà. Loro sono i primi a volere nuove elezioni. Personalmente, a me piacerebbe che il sig. Monti facesse mettere mano anche alla legge elettorale: io chiederei questo come punto fermo durante le consultazioni.

  • -16
    Clausius

    SI,posso essere daccordo con te quasi su tutto,si può discuterne ma la realtà è quella che è,che ognuno di noi conosce diversamente esprimendo dei giudizi.

    Forse la via maestra era quelle di elezioni.Nel frattempo ci avrebbero fatto collassare.Proprio quelli di cui parli tu,quelli d’oltreoceano e d’oltralpe.In effetti siamo in un bel vicolo cieco.

    Avere una visione esatta della situazione non è possibile ma è possibile identificare i colpevoli di questo crack finanziario occidentale.Non sono solo Le banche USA,europee o italiane.Nella finanza occulta ci sono di mezzo tutti,arabi,russi,cinesi ecc..ecc…

    Ora ci stanno ” educando” al prossimo conflitto (come se le atomiche israeliane fossero meno pericolose di quelle “eventuali” iraniane).

    E’ l’insieme che non funziona più,gli ingranaggi sono arrugginiti e vorrebbero porvi rimedio eclusivamente a modo loro.

    Ma che può fare la piccola Italia,ormai derelitta,dopo 60 anni di partitocrazia,18 dei quali sono stati i più rovinosi di tutti gli altri.

    C’era da fare l’Europa degli Spinelli,dei Rossi e non è stato fatto.Ora tremano,vorrebbero tornare indietro.

    Sudditi a sovranità limitata lo siamo sempre stati,fin dai primi anni dopo la Costituzione.

    Cambiamo padrone,oligarchia e non sappiamo quale prezzo pagheremo.

    Qualunque decisione,a seconda di come si possa interpretare la realtà,non la prenderemo noi.

    Se per ipotesi andassimo a votare io non saprei chi scegliere.E siccome non sono uno stupido questo è un bel casino!

    Per la verità non voterei nessuno di quelli che fan parte dell’oligarchia attuale.Quando Pannella e i Radicali erano un partito di lotta democratica li votavo.Ora mi sembrano degli impiegati a ruota del PD.

    I tifosi di questo o di quello mi fanno paura tanto quanto Monti.Hanno votato per 18 anni Berlusconi e Bossi e via dicendo.Non so se mi spiego !

    L’uscita dal tunnel è molto lontana,molto lontana.

     

  • -17

    Sì, vabbé Claudio … per quel che riguarda la Spagna ti ho risposto qui, cercando di spiegarti perché la loro situazione è diversa rispetto alla nostra: per una piccola ma importante differenza nella legge elettorale, ma soprattutto per una grande differenza delle loro classe politica, certamente responsabile e concentrata sul bene del paese, piuttosto che trovare trucchi ed escamotage per garantirsi vitalizi, verginità politica ed evitare quanto più possibile i tagli alla casta. Di fatti Zapatero ed il suo governo hanno fatto un passo indietro per conto loro andando incontro agli indignados, Berlusconi e i suoi invece hanno mollato sotto minaccia degli speculatori (… e voci di Repubblica dicono che a colloquio con Monti, lo psico-nano abbia chiesto di non toccare le sue televisioni … in un momento del genere).

    Ribadisco che il governo Monti, come qualsiasi governo tecnico imposto dall’alto di lobby e porcate varie, non piace neppure a me, ma NOI a differenza della Spagna al momento non abbiamo la sostanza per un governo alternativo “eletto”. Pertanto continua pure con i tuoi idealismi. Ci si risente quando ritorni con i piedi per terra. Per il resto spero almeno che la tua “strada” porti a qualcosa, ma temo che alla fine dovrai piegarti anche te, che ti piaccia o no.

    • -17.1

      Scusa l’intromissione, ma è da tempo che leggo i tuoi commenti e la domanda è: che cosa porti di nuovo al dibattito ripetendo in copia conforme quanto si sente in tv e si legge sui giornali? Stessa retorica, stessa demagogia. Non vedo la novità!

    • -17.2

      Mi dispiace, ma sei fuori … e non soltanto strada. Prima di sparare a zero, leggiti i miei commenti nel post immediatamente precedente, per scoprire che gran parte delle cose che dici (“Qui si discute, si riflette, si fa dibattito”) le ho ribadite prima di te, ma a patto che si imposti una guida, un percorso di dialogo che porti a confrontarsi e non semplicemente dicendo che questo non va e basta. Se a te piace questa linea, buon per te. Per quanto mi riguarda ho fatto la mia parte di “discussione, riflessione e dibattito” nei precedenti commenti. Il risultato è che per il momento, io insieme ad altri dissentiamo, pertanto per quanto che mi riguarda, mi farò risentire quando verrà fuori qualcosa di nuovo oltre che produttivo rispetto alla semplice critica. Almeno non prendetevi a mazzate, per cortesia. (… firmato: I Frondisti di Byoblu X-)) ) … ihihih, scherzo.

    • -17.3
      Lalla

      Ma chè tte rode? E poi come parli? "dovrai piegarti anche tu"? E a cosa dovrebbe piegarsi Claudio? Anzi: a cosa "ci dovremmo piegare", tutti? Questo non è un partito. Qui si discute, si riflette, si fa dibattito. Mi sa che sei un po’ confuso.

      E se vuoi una classe dirigente pulita, basta che ti cerchi un movimento di cittadini onesti e competenti. Ce ne sono tanti, e sono pieni di illustri professori. Come vedi, anche con questa legge elettorale, ce la potevamo giocare. Mi sa che ti rode di essere stato sgamato nella tua sudditanza. Tu continua ad accettare tutto, va… E soprattutto, mi raccomando… "fai presto!" Ma lascia gli altri continuare a ragionare.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>