Volete una dittatura illuminata?

Ok. Abbiamo scherzato. Sapete tutta la storiella del popolo che governa? People have the power, insomma. Reset! Kaput! Buttate i libri di educazione civica. Anzi no… Dimenticavo che da quando l’hanno direttamente abolita non li avete più nemmeno dovuti comprare. A proposito, la storia della costituzionalità o meno del governo Monti è una questione di lana caprina. Esercitatevi voi, io mi annoio. Certo, è evidente che questa è (era) una Repubblica Parlamentare. E’ evidente che i ministri non li scegliete voi. Ma è anche evidente che non avete scelto voi manco i parlamentari, così come è evidente che non esistono i governi tecnici, così come è evidente che le regole scritte non possono tenere conto di ogni possibile forma di tortuoso aggiramento, altrimenti il governo Berlusconi non avrebbe potuto tenere in scacco il paese per gli ultimi cinque anni infilando tutta una serie di leggi incostituzionali che prima o poi venivano seccate dalla Corte In-Costituzionale ma che, nel frattempo, valevano come qualsiasi altra legge, garantendo di fatto quella stessa immunità che in teoria non esisteva. Fico vero? Una legge che non può esistere, ma che viene applicata per un anno e mezzo alla volta. Cosa mi dite? Che è costituzionale? Bravi, continuate a guardare il dito, ma usereste meglio il vostro tempo su YouPorn.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

E così in Europa (e la Commissione Trilaterale) decidono che devono andare verso una totale unione politica e fiscale. Decidono che Berlusconi non va bene e iniziano a ridergli in faccia. Poi, siccome gli italiani non sono svegli abbastanza da mandarlo a casa da soli, gli svalutano le aziende di famiglia e quello finalmente molla il colpo. L’opinione pubblica? Basta parlargli di spread, credit default swap, btp, bund, collateralized debt obligation e si rifugiano subito in X-Factor, terreno su cui si muovono più agevolmente, lasciando campo libero a “quelli che ne capiscono“.  Il governo De Bortoli, dopo mesi e mesi di preparativi, vede quindi la luce in meno di 24 ore. Colpo di stato? Modo legale di sostituire una nuova élite al posto dell’armata Brancaleone raffazzonata dalla volontà popolare? Chiamatelo come volete, tanto la sostanza non cambia. Perché è vero che è il presidente della Repubblica a verificare la squadra di governo, ma è anche vero che (facendo finta che il porcellum non esista) i ministri sono proposti e, solitamente, scelti dai partiti e tra i parlamentari. Quello è il senso. Vedere i partiti (soggetto costituzionale fondante nel meccanismo di rappresentanza) annichiliti, farsi da parte di fronte all’avanzata dei tecnici, vuoi per incapacità, vuoi per codardia, vuoi per l’assedio dello spread, è uno spettacolo osceno dal punto di vista democratico. E’ la luna, non il dito.

Ma non c’è problema, perché i giornali si affrettano a tranquillizzare tutti: finalmente l’Europa non ride più. Sarà che adesso piangono anche loro, sarà che le risatine erano funzionali ad ottenere un obiettivo poi raggiunto, ma il fatto che non ridano non mi sembra un successo sensazionale. Così come non si può certo definire un successo la prima sortita di Monti nella “Trilaterale” di Sarkozy – Merkel. Ora che abbiamo Monti, però, il lato positivo è che possiamo lasciar fare ai grandi. Hanno da fare e devono fare presto! Christine Lagarde, del Fondo Monetario Internazionale, è soddisfatta per la nomina del collega italiano. Non è dato sapere cosa ne avrebbe pensato Strauss-Kahn perché l’hanno fatto fuori prima, in America. Per metterci una francese che però è di fatto americana, avendo lavorato e fatto i soldi negli States sin dai tempi in cui era alle dipendenze di William Cohen, coinvolto pesantemente nel Watergate. Che giri, eh? Che poi dentro a queste élite ci sono sempre le stesse facce.

Ma veniamo al dunque, che la stiamo tirando troppo per le lunghe. Se parli di “Bilderberg” e di “Commissione Trilaterale” e dici che questi decidono tutti insieme negli Hotel di Saint Moritz e poi vengono ad attuare i loro piani nei parlamenti, sei un complottista. Se invece alle parole “Bilderberg” e “Commissione Trilaterale” sostituisci la terminologia standard “élite“, allora ti puoi chiamare Angelo Panebianco e fare l’editoriale di prima pagina sul Corriere della Sera (che poi è buffo perché parlano di se stessi).

« Si pretende che i Paesi membri dell’Unione Europea siano democrazie, ma si pretende anche che se ne dimentichino tutte le volte che sono in gioco questioni di interesse europeo. Si pensi, ad esempio, alla prostrazione che suscitò in Europa la sentenza con cui la Corte costituzionale tedesca nel 2009 pose nella Legge fondamentale, la Costituzione, e nel principio democratico che essa tutela, il limite alla ingerenza del processo di integrazione europea. O al disprezzo con cui vennero pubblicamente giudicati da diversi capi di governo i poveri elettori irlandesi, rei, nel 2008, di avere votato “no” nel (primo) referendum di ratifica del Trattato di Lisbona. O alla indignazione per il comportamento degli elettori francesi che bocciarono il “trattato costituzionale” nel 2005. O all’insofferenza che hanno sempre suscitato i britannici per il fatto che la loro costituzione (consuetudinaria e, quindi, più cogente di una costituzione scritta) non riconosce altra sovranità se non quella del Parlamento britannico. »

E fino a qui – fatevene una ragione – sembra di sentire parlare Nigel Farage quando, nel suo discorso al Parlamenteo europeo del 16 novembre scorso, ricordava a Van Rompuy e soci come i referendum europei contemplassero solo due opzioni: “” e “Sì, ve ne prego!” (vedi anche l’esclusiva intervista dello scorso sabato rilasciata a Byoblu.com). Ma continua il complottista Panebianco:

« Fino a Maastricht (1992) e oltre, il silenzio/assenso degli elettori garantì mano libera alle élites nella costruzione dell’Europa. Le classi dirigenti si erano abituate a credere che gli elettori, nelle faccende europee, non fossero poi tanto importanti. Pensavano: contano solo le decisioni dei leader, l’intendenza (elettorale) seguirà. Come era sempre avvenuto. Fino alla moneta unica non venne presa in considerazione l’eventualità che le questioni europee potessero “politicizzarsi” entro le singole democrazie, suscitando divisioni e conflitti, e riducendo così drasticamente il margine di manovra delle élites. [Oggi] Si immagina (senza dirlo apertamente) che gli elettori europei concederanno senz’altro il loro permesso. […] Sembrano due le ragioni per le quali gli elettori europei possono accettare (e lo hanno dimostrato in sessant’anni di integrazione) uno svuotamento lento, graduale, incrementale, del potere di decisione delle loro istituzioni democratiche nazionali ma non una brusca, radicale e plateale accelerazione del processo. »

Ricapitolando, l’idea che le classi dirigenti vogliano fare e disfare, convinte che gli elettori (l’opinione pubblica) seguirà, non è altro che il senso del rapporto “The Crisis of Democracy” della Commissione Trilaterale, quello in cui si dice che le uniche democrazie che funzionano sono quelle dove larga parte della popolazione resta in apnea. E l’idea dello “svuotamente lento, graduale, incrementale del potere di decisione delle istituzioni democratiche nazionali” cos’è, se non la storia dei piccoli pezzetti di sovranità nazionale che se ne vanno, condotti per mano da Mario Monti, come da lui stesso sostenuto? Messa giù così, Panebianco-style, vi piace di più?

« Si impone [..] un cambiamento radicale nell’atteggiamento delle élite europeiste nei confronti della democrazia (nazionale). Non può più essere trattata con sufficienza, come problema residuale. […] Se si continuerà a pensare che la democrazia non vada presa sul serio, che l’Europa si possa fare senza chiedere il permesso agli elettori, e che i politici preoccupati del consenso elettorale nazionale siano solo degli irresponsabili, alla fine si sfascerà tutto. Non solo l’euro. »

Ecco. Se nei discorsi dei complottisti sostituite al temine “illuminati” il termine “élite”, e alle parole “Nuovo Ordine Mondiale” la locuzione “Europa Unita”, otterrete un discorso che fila liscio, serio, comprensibile da tutti, che può trovare spazio anche in prima pagina sul Corriere e che sostanzialmente ricalca quello che mi sto chiedendo dall’otto novembre scorso, incessantemente. E mi dispiace se alcuni si risentono perché vorrebbero leggere qualche bel post di calcio, magari sul 4-0 del Milan sul Chievo. Non è colpa mia se ormai è chiaro a tutti, perfino a De Bortoli che vi ha contribuito in prima persona, che la democrazia sta passando di moda e che un governo elitario di pseudo-auto-nominati sta facendosi largo al suo posto come nuova forma di governo. Di larghe intese, per carità.

Del resto, bisogna pur considerare che il 33% degli italiani, pur sapendo leggere, riesce a decifrare soltanto testi elementari e il 71% si trova al di sotto del livello minimo di comprensione nella lettura di un testo di media difficoltà. Fanno di tutto per metterci di fronte all’evidenza compiuta, insomma: questa democrazia è proprio un gran stupidata.

Vogliamo metterla in questi termini? Ok, ci sto, ma anche in questo caso mi duole avvertirli che il sottoscritto era più avanti di loro. Era il 3 maggio 2009 quando invocavo una patente elettorale a punti. Non significava certo togliere il diritto di voto, quanto subordinarlo a un esamino che certifichi che uno sappia perlomeno cosa sta facendo, quando imbraccia una matita copiativa in una cabina elettorale.

Ora, in ogni caso, non serve più. Ora le elezioni andrebbero direttamente abolite. E il referendum potrebbe essere usato un’ultima volta per scegliere la prossima forma di governo. Qualcosa come “Volete una dittatura illuminata?“. Risposte possibili, ovviamente: “” e “Sì, ve ne prego!“.

Simuliamolo adesso:

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

83 risposte a Volete una dittatura illuminata?

  • 41

    QA proposito di incensare Monti!

    Al mio paesello il PD lo pubblicizza con queste scritte sul pungolo.
    La foto:
    http://www.facebook.com/photo.php?fbid=2462024343460&l=7254e38fdf
    Ho lasciato i miei biglietti di protesta costruttiva ma li hanno tolti dopo poco, nella foto ci sono.

    Sarò un rompiballe ma…come si fa?
    (e poi “prietario” :-) )
    [va a finire che prendo una scarica di legnate :-)]

  • 40
    Claudio Maffei

    Guit ha scritto :
    E’ secondo te possibile sostenere che i movimenti pacifisti di sinistra e la Lega abbiano alla base due diversi sentimenti politici popolari, il primo atlantista e il secondo localista? E’ secondo te possibile sostenere che entrambi i sentimenti hanno diritto a non essere infangati e a dialogare secondo regole democratiche stringenti, prima tra tutte il rifiuto della diffamazione personale?  

    La sinistra non è mai stata atlantista, lo è diventata attraverso la conversione dei propri rappresentanti, soprattutto la destra dell’ex pc.

    Sai i salotti dei potenti, sono più convincenti delle ideologie, se pensi che il governo D’Alema ha partecipato alla guerra in Serbia.

    Nella lega, a parte le prese di posizione ufficiali, peraltro non troppo convinte essendo partito al governo, non ho colto slanci popolari di indignazione per l’aggressione ad un altro popolo, secondo il principio di autodeterminazione dei popoli e secondo il principio fondamentale del rispetto della vita altrui.

    In ogni caso non c’è santo che tenga, rispetto al nulla assoluto ed al tacito consenso della sinistra di ogni dove, sull’intervento in Libia, tanto di cappello alla lega.

    Ti sembrerà strano ma sono stato pubblicato sulla Padania con una certa assiduità.

    Quando era direttore Paragone, gli avevo proposto una svolta opinionistica, per riformare la Lega in senso etico. un’illusione? ciò provato.

    L’errore che non si può e non si deve perdonare alla lega è il secessionismo, perchè crea divisioni e conflitti immaginari che diventano reali.

    Ed il razzismo contro gli immigrati.

    Certamente sono 2 questioni che hanno problematiche reali, non eludibili, ma senza il bisogno di sconfinare nei peggiori contesti umani.

    Atonomismo punto, quante palle col federalismo, tra l’altro applicato in modo indecente. Ci sono regioni autonome che se la spassano. giusto? Portiamo il privilegio di poche, a ordinaria amministrazione per tutte. La soluzione è lì davanti agli occhi.

    Immigrazione, non per vanto, ma sono il primo da quando esiste il problema ad avere proposto condivisione internazionale del peso. Di recente se n’è accorto anche Maroni, con qualche dichiarazione nei confronti dell’UE.

    La mia proposta è comunque articolata, con il coinvolgimento dei paesi con più alta incidenza migratoria, in cui creare uffici in tutti i paesi, sia dove partono i migranti, sia dove giungono, per lo smistamento della manodopera, in base alle reali necessità di lavoro, con i trasferimenti a carico dell’organizzazione e quindi gratuiti, così da evitare i viaggi organizzati dalla malavita e relativi naufragi.

    La diffamazione personale è un tema più vasto, non restringibile alla lega o alla sinistra.

    La buona educazione è sempre preferibile. Tuttavia la rabbia per avere subito ingiustizie, puà sfociare nell’insulto.  Non si può ignorare che la diffamazione personale, viene esercitata spesso e volentieri, ma l’offesa viene perseguita solo quando chi ha offeso, è molto preciso, fastidioso, scomodo e veritiero per i motivi che lo spingono ad offendere, o per altri ben noti al querelante.

    Nel pollaio politico, dove la gente si insulta a vanvera per avere ragione nel dibattito, difficilmente partono querele, a meno che chi si lascia sorprendere, non dia fastidio per altro.

    Nella mia ormai frequente carriera di scrivano, ho provato anche questo, senza pentimenti.

    Ho anche proposto l’inserimento nel codice penale, “l’insulto per giusta causa”, che comunque seppure nessuno lo sappia, viene già contemplato a discrezione dei giudici.

    Insomma se insulti uno perchè è un guerrafondaio, un corrotto, un oppressore, direi che se lo merita pure.

     

     

  • 39
    Phate

    Rispondo con un articolo di Saverio Raimondo pubblicato sul Misfatto: dovrebbe essere un pezzo di satira ma contiene delle gran verità che sottoscrivo in pieno!

    Il governo Monti non è democratico. Per fortuna

    Ezio Mauro ha definito il governo Monti “un’eccezione democratica”, qualcun altro direttamente un Colpo di Stato. Ok, e allora? Voglio dire, in Italia lo Stato è sempre stato assente; per una volta che lo Stato c’è e batte un Colpo, ci lamentiamo pure? D’accordo che va di moda la nostalgia, ma veramente vi manca così tanto la democrazia?

    Io, visti i precedenti, non è che ne senta tanto la mancanza… La democrazia non mi è mai piaciuta. È qualunquista, demagogica. Ma soprattutto, la democrazia è clientelare. Si fonda sul principio “io-ti-voto-solo-se-tu-fai-quello-che-dico-io-altrimenti-non-ti-voto-più”: la democrazia è un sistema di potere fondato sul ricatto. Il voto democratico è sempre un voto di scambio. La democrazia è illegale!

    E poi – diciamoci la verità – la democrazia ha fallito. Lo so, sulla carta la democrazia sembrava bella, giusta persino: ma quest’idea di dare il voto a tutti e rendere tutti eleggibili in realtà è una st****ta! Non è un caso se poi in Parlamento il lutto al braccio per la “morte della democrazia” lo porta Scilipoti: la democrazia produce mostri! La democrazia ha prodotto Berlusconi, Andreotti, Bush; la democrazia manda Cicciolina in Parlamento – della serie: quando non è tragedia è farsa.

    Dobbiamo ammettere che la democrazia non funziona. Ci abbiamo provato a farla andare, sono anni che ci proviamo: ma non va – e ormai non solo in Italia. Perché insistere? In passato abbiamo già scartato la monarchia e la dittatura; ora non ci resta che fare lo stesso con la democrazia, e provare un altro sistema. Non è mica obbligatorio essere democratici, non sarebbe democratico.

    Mussolini parlava della plutocrazia in termini dispregiativi, il che m’infonde una certa fiducia; e il governo Monti è senz’altro un governo plutocratico. Che vi devo dire? Proviamo con la plutocrazia! Tanto, peggio della democrazia non potrà essere.

  • 38
    Guit

    Claudio Maffei ha scritto :
    Il tema del post è la dittatura illuminata. ciò presuppone che ci sia qualcuno più illuminato da cui imparare. seppure eguali, siamo diversi e qualcuno è più evoluto. 

    No grazie. Coi “più evoluti” ho già dato.

     

  • 37
    LordZanna

    Se consideriamo che chi ha governato se n’è spesso fregato della volonta’ popolare possiamo dire che la democrazia è sempre stata un illusione.

    Il popolo aveva gia’ espresso il proprio parere sul nucleare eppure ci hanno provato, tutte le leggi che Silvio si è fatto per i suoi interessi ne sono una dimostrazione.

    Come diveva mio nonno “una volta eletti fanno quello che gli pare e piace”. :-)

  • 36
    Giancarlo58

    L’idea di una patente elettorale è troppo onesta e andava applicata almeno da quando il significato di analfabetismo ha iniziato ad allargarsi e a distaccarsi dal solo saper leggere e scrivere le lettere dell’alfabeto …piu qualche frase.

    Come giustamente hai scritto nell’articolo, oggi le elezioni sono diventate obsolete e assomigliano moltissimo al simpatico “referendum” di fine articolo

    Spero che vincano i “Ni “

    Giancarlo

     

  • 35
    Claudio Maffei

    la Lega sappiamo non essere il massimo dell’etica. I motivi di contrarietà alla guerra erano soprattutto utilitaristici. Lo spauracchio di un esodo di profughi dalla libia verso l’Italia, che si sono aggiunti agli immigrati irregolari.

    Inoltre si era già in fase di crisi economica acuta ed il risparmio sulle spese militari era una voce ritenuta importante dai leghisti. Analisi condivisibile.

    Certo è che abbiam fatto una guerra e questa è la stringata opposizione che c’è stata.

    Le bandiere arcobaleno ed il pacifismo finiti nel cess.

    Per giorni sono stato l’unico ad indignarmi contro la guerra in libia su indymedia, tra l’indifferenza generale.

    Non sono solo i politici in difetto, anche la gente a volte è disumana e non lo sa di esserlo. 

    • 35.1
      Guit

      E’ secondo te possibile sostenere che i movimenti pacifisti di sinistra e la Lega abbiano alla base due diversi sentimenti politici popolari, il primo atlantista e il secondo localista?

      E’ secondo te possibile sostenere che entrambi i sentimenti hanno diritto a non essere infangati e a dialogare secondo regole democratiche stringenti, prima tra tutte il rifiuto della diffamazione personale?

       

  • 34
    Claudio Maffei

    Guit ha scritto :
    Claudio Maffei ha scritto : “Il tema del post è la dittatura illuminata. ciò presuppone che ci sia qualcuno più illuminato da cui imparare. seppure eguali, siamo diversi e qualcuno è più evoluto. ” No grazie. Coi “più evoluti” ho già dato.  

    A chi hai dato? E se ne sei scontento, probabilmente non erano evoluti.

    Sto parlando di persone votate al bene comune, se lo fossero state non avresti da lamentarti.

    Sto parlando forse anche di te che sei meglio di coloro a cui donasti.

    Il problema è nel fatto che il popolo “si dona” spesso e volentieri a coloro che lo fregano. Questo è il perno della democrazia ispirata che non deve lasciar più spazio al peggio, che predomina attraverso le libertà della democrazia. Ecco perchè si parla di dittatura illuminata.

     

    • 34.1
      Guit

      Il tema che abbiamo introdotto è immenso. La democrazia è messa in difficoltà da poteri che non vogliono accettare i verdetti popolari. Non dalle scelte popolari esse stesse. Se questi poteri hanno la forza per mettere in crisi un assetto istituzionale repubblicano, allora saranno loro a governare da illuminati e l’unica cosa che cambierà sarà la difficoltà di manifestare opinioni difformi.

      Questi “evoluti”, tra le altre cose, mirano alla distruzione della famiglia naturale. Se il popolo la vuole, sbaglia il popolo …

       

       

  • 33
    Claudio Maffei

    Guit ha scritto :
    Personalmente considero Filangieri un pre-tecnocratico e sono contrario all’imposizione dall’alto di costumi, che mi sembra una sorta di stupro culturale di massa. Cioè proprio quello operato dai media globali, che hanno prodotto il totale impoverimento delle tradizioni più ricche e artistiche del nostro Paese in favore di un’estetica alla Britney Spears, della la morte del nostro cinema, della nostra musica, delle nostre lingue. In nome del bene della ragione e della tecnica-tecnologia. Credo che sia difficile conciliare la sua interpretazione con la polemica contro i poteri economici sovranazionali. Diffido da chi mira alla modificazione della cultura popolare. Non credo che sia questo il fine di una buona politica. L’educatore, giunto a quasi cinquant’anni, se permettete non lo voglio. Chi mi vuole educare al Bene, ha sempre qualcosa nascosta nella mano dietro alla schiena.  

     

    Il tema del post è la dittatura illuminata. ciò presuppone che ci sia qualcuno più illuminato da cui imparare. seppure eguali, siamo diversi e qualcuno è più evoluto.

    La dittatura mediatica è l’opposto, perchè asservita agli interessi di pochi.

    Facciamo un esempio a caso: Don Gallo (il prete ligure) e Umberto Bossi.

    Ho ascoltato volentieri una conferenza di Don Gallo, nella quale ho imparato molto, mentre non andrò mai a sentire Bossi, salvo una conversione miracolosa, all’etica dell’uguaglianza.

  • 32
    Claudio Maffei

    LordZanna ha scritto :
    Se consideriamo che chi ha governato se n’è spesso fregato della volonta’ popolare possiamo dire che la democrazia è sempre stata un illusione. Il popolo aveva gia’ espresso il proprio parere sul nucleare eppure ci hanno provato, tutte le leggi che Silvio si è fatto per i suoi interessi ne sono una dimostrazione. Come diveva mio nonno “una volta eletti fanno quello che gli pare e piace”. :-)

    Il problema, come sostengono Barnard, Messora ed il sottoscritto, è che c’è una dittatura sovranazionale, che rende necessaria una contro-dittatura illuminata nei singoli stati.

    Hai citato il referendum sull’acqua. Lì c’è una dimostrazione più che evidente di quanto affermiamo. Privatizzazione dell’acqua pubblica, nel contesto della privatizzazione dei servizi pubblici.

    1 La Privatizzazione dei beni comuni è spinda dall’Ue

    2 La Privatizzazione dell’acqua, ha interessato anche paesi dell’America Latina.

    3 I primi documenti sulla Privatizzazione dei Servizi Pubblici, li ha firmati il Governo Prodi, con le firme dei ministri Bersani e Di Pietro.

    4 Governo Berlusconi: il Parlamento vota il provvedimento per la privatizzazione dell’acqua pubblica, con il consenso di aggioranza e opposizione.

    5 L’unico ad accorgersi dell’immane fregatura per il popolo, nella privatizzazione  di un bene comune primario, è un prete missionario: Alex Zanotelli che informa Beppe Grillo.

    6 Da lì parte la battaglia che culmina nel referendum.

    7 Passa il Referendum sull’acqua, anche con il consenso dei convertiti per convenienze elettorali: Bersani e Di Pietro.

    8 Crisi economica e manovre che molti sbandierano e reputano ineludibili, quali la privatizzazione dei servizi pubblici. Trattasi invece di una truffa legalizzata, essendo le municipalizzate autosufficienti con bilanci propri che non pesano sui comuni, essendo direttamente collegati al pagamento delle bollette dei cittadini.

    Un’astuzia per far rientrare dalla finestra la vittoria del referendum.

    In sintesi vi ho mostrato le tappe di una dittatura sovranazionale, con contesti trasversali nei singoli stati, come succede in Italia.

     

     

     

  • 31
    Orwell67

    La libertà è il poter dire che 2+2=4 (ma a volte può fare 3 o 5 o tutti e tre i risultati insieme)

    L’ignoranza è forza (per chi ci governa)

    La libertà è schiavitù (di dover pensare da soli)

    Scritto da George Orwell nel 1948

    Applicato dalla classe politica degli ultimi 50 anni

    I Prolet (la massa) non potranno mai insorgere se non comprenderanno il potere del singolo.

    Amen

     

  • 30
    todinik

    purtroppo Claudio (ti dò del tu tanto stiamo sulla stessa bagnarola che affonda)

    ho preso coscienza della situazione politica e sociale italiana, mio malgrado….è impossibile non vedere la luna in questo momento storico, l’unico modo non è guardare il dito ma guardare lo smartphon .

    vedo zombies che camminano con il cellulare in mano e malgrado lo strumento sia un vaso di pandora di informazioni loro sono fritti…….sono tanto a non voler vedere, alcuni ,come dici tu con dati alla mano non possono.

    Sono convinto che se ci fosse volontà questa bagnarola ,tappando qualche foro, riusciremmo a portarla in salvo su qualche spiaggia…..ma il problema sono gli scafisti che ,mitra alla mano, ci portano dove vogliono loro ….e molti ne faranno affogare.

    Comunque non sono pessimista, questi falsi potenti che cavalcano il consumismo verso il baratro seguendo l’utopia della crescita infinita, ciechi e sordi (per scielta) ai moniti di chi indica la decrescita e la solidarietà come unica strada per la salvezza del genere umano, sono comdannati già ora ad assistere alla loro fine ….il re è nudo!!!!!!!!!

    LA MIA IDEA :

    ASSUMIAMO UN SOVRANO CON UN CONTRATTO DA PRECARIO (GLI FACCIAMO FIRMARE LE DIMMISSIONI PRIMA DEL CONTRATTO) GLI FORNIAMO SUGGERIMENTI VIA MAILL, LUI LEGIFERA DI SUO PUGNO CON UN GRUPPO DI ESPERTI NON INFLUENZABILI E SPERIMENTIAMO LA COSA PER 5 ANNI:

    LA COSTITUZIONE IN UNA MANO , E TUTTI I NOBILI VALORI DI UN EROE NEL CUORE.

    QUINDI VOTATE:

    1 REPUBLICA PARLAMENTARE

    2 DITTATURA ILLUMINATA

    3 SOVRANO PRECARIO


    tu sei lucido e vivo ,sai che i soldi sono un mezzo, vai a letto inc**zato ma sai che stai facendo la cosa giusta, loro stanno dormendo la loro ultima vita ,senza onore !

    Sono il male, l’unico male di questo pianeta, pensano di essere furbi ma sono stupidi, pensano di sapere ma non sanno nulla di reale……chi sono:

    Li hai nominati tu stesso ,li nomino io ogni giorno ed i loro complici vivono accanto a noi ,purttroppo spesso siamo stati anche noi, tu ed io …..che c*****ni.

    Ma la storia ci insegna che più sono stronzi e più fanno una fine di cacca…..CESARE ,CALIGOLA, NAPOLEONE , BER………

    NO BASTA

    GRAZIE PER GLI AGGIORNAMENTI E GLI SPUNTI DI RIFLESSIONE

    SICURAMENTE TI APRIRANNO IN RAI QUALCHE PORTA MA MI RACCOMANDO…..DAGLI SOLO IL c**o NON L’ANIMA……


  • 29
    Claudio Maffei

    Guit ha scritto :
    ” Per me che capisco poco di economia soprattutto macro, e per tutti quelli come me immagino, ci sono certe cose che sono praticamente incomprensibili. Si ha come l’idea che il denaro sia immateriale, virtuale. Oltre al dato rilevato da Claudio mi chiedo per esempio come sia possibile per un paese in crisi sostenere una spesa militare come quella che si sta sostenendo nelle varie guerre o missioni preventive se preferite, insomma quelle cose dove si va a bombardare i cattivi. Cifre con le quali oltre a risanare buona parte dei problemi nostri si eliminerebbe la fame. Non voglio fare il buonista o il fintopacifista, ma c’è qualcosa che mi sfugge, che non capisco. Questi soldi ci stanno o non ci stanno? Sono veri o finti? Portare “democrazia” equivale a portare nel mondo questa logica, ma questa logica qual’è? l’ONU vuole veramente risolvere il problema della fame nel mondo, oppure fa demograficamente comodo, secondo logiche neo-malthusiane, che un po’ di gente si tolga di mezzo da sola?     

    ,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

    Questo è uno degli aspetti della dittatura sovranazionale.

    Ci sono tante altre stranezze che riguardano la guerra. Tipo questo obama che sembrava l’apoteosi del progressismo, incarnatosi nella rivalsa di un nero, un ex schiavo, chiamato a dirigere nientepopodimeno che la Merica.

    E che non perde un attimo di tempo per operazioni belliche e militari che costano la vita a milioni di persone.

    C’è la stranezza di un Presidente della Repubblica che non dice una parola sull’incostituzionalità di interventi militari verso paesi terzi.

    C’è la stranezza che l’unico partito ad opporsi all’intervento in Libia, è stato la Lega, partito di governo.

    C’è la strana coincidenza che tutti i prsedienti americani, tutti, sia democratici, sia repubblicani, hanno sempre una guerra nel cappello a cilindro.

    Infine c’è l’avvilente constatazione che in meno di 24 ore siamo entrati in guerra contro la Libia, senza che ci sia stato uno straccio di dibattito nel paese.

    Abbiamo aggredito un altro popolo, perchè ce lo ha detto la Nato.

    Vi sembra democrazia?

    Ecco perchè serve un salto di qualità, un’illuminazione politica, per uscire dalle logiche dei potentati sovranazionali, che oltre ad impoverirci economicamente, ci impongono scelte come la guerra che per un paese civile dovrebbero inaccettabili.

    • 29.1
      Guit

      Come interpreti il fatto che l’unico partito a essersi opposto alla campagna libica sia stato la Lega?

       

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Hey, Lorenzin, fai un decreto su questo! 1250 morti all’anno per il DieselGate

DieselGate - Concentrazione e MortalitàIl surplus di emissioni dei veicoli diesel, rispetto a quanto dichiarato dalle case automobilistiche, ha causato in Italia 1.250 morti all'anno. A quantificare le conseguenze del Dieselgate sono l'Istituto meteorologico norvegese e l'istituto internazionale Iiasa, in uno studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters da cui emerge che il nostro...--> LEGGI TUTTO

La verità orribile che non viene detta – Gianluca Ferrara

GIANLUCA FERRARA - La verità orribile che non viene mai detta Gianluca Ferrara, direttore editoriale di "Dissensi edizioni" e blogger del Fatto Quotidiano, ha già ottenuto quasi 150 mila condivisioni con questa analisi, fatta nell'ultimo post sul suo blog. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Crociata contro la rete. Il ministro: via i “profili sgraditi”.

Orlando - rimozione di profili sgraditi e ong governative a fare controinformazione in rete Registrazione del Facebook Live del 16 agosto 2017 Un'intervista di Andrea Orlando, sul Corriere della Sera, rivela che esiste un accordo con i social network per la segnalazione dei post e la rimozione dei profili sgraditi, e anche che il ministero ha messo delle organizzazioni a monitorare...--> LEGGI TUTTO

La vera storia di KJ2, l’orsa mamma di Francesco e Soki, del progetto Life Ursus

Un'orsa e il suo cucciolo  Registrazione del live Facebook andato in onda ieri sera KJ2 sembra il nome di una stella cadente, perfetto per la notte di San Lorenzo. Invece è caduta un'orsa, appartenente al progetto Life Ursus. Nel video qualche considerazione da fare insieme sulla vicenda, andata in onda ieri sera...--> LEGGI TUTTO

OneBarter: l’era del baratto high tech

OneBarter - Nico Allegretti Nico Allegretti, presidente di OneBarter, racconta come il baratto, nella sua nuova forma tecnologicamente assistita, possa contribuire ad abbattere la necessità delle imprese di finanziarsi con linee di credito bancarie, e possa rilanciare gli scambi e l'economia. Un settore, quello del barter (cioè "comprare pagando vendendo",...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Pigi Battista a Paragone: i bambini non sono proprietà dei genitori.

Paragone Pigi Battista Nell'annoso dibattito sui vaccini, ci sono i Free Vax, i No Vax, e poi i Pigi Battista. Quelli che "i bambini non sono di proprietà dei genitori". Certamente non sono una proprietà, così come si intende un oggetto acquistato e privo di diritti. Ma il sottinteso...GUARDA

Rula Jebreal a Porro: tu, uomo bianco sessista!

PORRO VS RULA Scontro tra Rula Jebreal e Nicola Porro: "tu uomo bianco sessista che punti il dito contro una come me"....GUARDA

Barbara Lezzi maltratta Luigi Marattin a Omnibus

Barbara Lezzi Luigi Marattin Barbara Lezzi (M5S) si confronta duramente con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio, sui dati della disoccupazione che vede l'Italia, nonostante la "cura Renzi", aumentare il distacco rispetto alla media europea. Ricordati di VOTARE Byoblu ai Macchianera Internet Awards...GUARDA

Ilaria Bifarini – L’Ocse dice che tra 60 anni siamo fritti

Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho visto personalmente, sarà sempre peggiore: salari sempre più passi e sempre più disuguaglianza". Ilaria Bifarini, nota al pubblico di Byoblu per la sua intervista di esordio "Neoliberismo e Manipolazione di massa - storia di una bocconiana redenta", approda a Coffee Break, su LA7. "Il modello a tendere degli economisti dell'OCSE da qui a 60 anni, in un report che ho...GUARDA

Diego Fusaro: il Sacro Romano Impero della finanza e delle banche

Innanzitutto siamo entrati in un Sacro Romano impero della finanza in cui il sistema bancario detta legge, e noi sventurate plebi europee dobbiamo fare i sacrifici: "sacrum facere". Appunto qualcosa di religioso in nome del sistema bancario, una divinità demiurgica: le sofferenze sono sempre quelle del sistema bancario...GUARDA

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>