Un Referendum per salvare l’Italia

La voce dei cittadini  è stata messa a tacere. In Grecia, Papandreou ha provato a indire un referendum popolare ed è stato subito rimosso da una élite economico-finanziaria che non ha tra i suoi poteri quello di interferire con la sovranità di uno Stato. In Italia, un nuovo governo ha sostituito quello precedente in meno di 48 ore, senza nessuna consultazione popolare, per imporre misure drastiche, che incidono esclusivamente sulla fascia debole della popolazione e che, soprattutto, non sono state sottoposte a nessuna discussione, a nessun dibattito, a nessun confronto elettorale. Le sovranità nazionali stanno per essere cedute in nome di un principio di unificazione che deriva dalla convinzione di pochi ma che non è espressione accertata della volontà dei molti. Si può dire che il popolo sia stato esautorato delle sue prerogative democratiche e, con la compiacenza di molti organi di informazione, sia portato a ritenere che i suoi stessi diritti siano, seppure temporaneamente, sospendibili. Tuttavia, il malcontento di una parte vigile della popolazione italiana cresce, sempre più frustrato dalla totale mancanza di rappresentanza.

Per questo lanciamo oggi, insieme, l’idea di un Referendum Salva-Italia. Un ultimo, estremo tentativo di riattribuzione dei poteri decisionali al popolo. Un grido disperato e volitivo con il quale chi è figlio di coloro che hanno dato la vita per instaurare il principio democratico lo riaffermi perentoriamente contro ogni tentativo di annacquamento. Un modo assertivo per ribadire che gli italiani non hanno bisogno di essere salvati da nessuno, ma che sono perfettamente in grado di salvare se stessi.

Qui e su Facebook state già contribuendo con le prime proposte di quesito referendario. Inizialmente verranno raccolte indiscriminatamente, selezionate mediante il vostro voto libero e poi, se sarete in tanti a volerlo, verranno accorpate e rese coerenti con la legislazione che si propongono di modificare e con la necessità di essere di facile comprensione. Il tag Twitter per chi ne vuole parlare è: #ReferendumSalvaItalia

Si inizia esprimendo le vostre preferenze libere. Quelle che vedete le avete inserite voi stessi su Facebook e sono state trasferite qui per una prima scrematura. Per votare quesiti multipli, ricaricare la pagina ed effettuare una nuova scelta. Per aggiungere nuovi quesiti, scriverli tra i commenti al post. E non dimenticatevi di firmare la petizione, in fondo al post.
Buona democrazia a tutti, per gli irriducibili che non smettono di crederci.

FIRMA ADESSO LA PETIZIONE

attenzione: dopo la firma, la piattaforma gratuita di raccolta firme iPetitions presenta una pagina dove richiede una donazione. Potete chiudere tranquillamente la finestra: la vostra adesione è stata raccolta comunque. La donazione richiesta non ha a che vedere con l’iniziativa di questo blog e la raccolta non è destinata a questa iniziativa, ma non è altro che un meccanismo standard, molto diffuso, di supporto alle piattaforme che mettono a disposizione gratuitamente servizi online.

Ecco l’elenco delle vostre firme: http://…/referendum-salva-italia/signatures

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

93 risposte a Un Referendum per salvare l’Italia

  • Pingback: Quei maledetti 98 miliardi che lo Stato non vuole riscuotere | Byoblu.com

  • 72
    Claudio Maffei

    Eh mi arrivano 20 messaggi al giorno, è normale, o è un sollecito, per rispndere? Ho anche altro da fare.

    Comunque, secondo me il problema inerente i referendum è duplice, uno è già stato fatto notare: la proposta referndaria può essere solo abrogativa. C’è che ha scritto di renderla propositiva, come? Con un referendum? A parte che campa cavallo, ma neppure non so se sia costituzionalmente legittimo che una funzione prevista dalla costituzione possa essere modificata attraverso lo strumento che è messo in discussione. La parola spetta ai costituzionalisti.

    L’altro motivo è che i referendum spesso non sortiscono quel che si vorrebbe ottenere, vedasi quello sul’acqua che è stato vinto, ma che è oggetto di stravolgimenti negli enti locali.

    Indubbiamente la raccolta di proposte che sta facendo Claudio, e tutti quelli che collaborano, ha un senso compiuto, per un’azione, per un programma, per un’agenda di governo che sia alternativo alla logica del partitismo, ma che sia ad esclusivo servizio della soluzione di tutti i problemi, che consideri le esigenze delle persone, nell’ottica del bene comune.

    Un errore in cui non bisogna cadere, che invece noto frequentemente, è di confondere la validità inestimabile dello strumento internet, nella comunicazione, con le esigenze necessarie per un’azione politica convincente ed efficace.

    Il partito di internet, è già di per sè una partenza sbagliata, perchè risulta di nicchia e settario. E mi sembra che il flop di Beppe Grillo che era gasatissimo, per il fatto di essere stato il primo a proporre un’azione politica coordinata in rete, sia eloquente. Infine nell’infinita varietà di proposte in continua crescita sul web, si finisce per diventare uno dei tanti.

    Allora il rullare delle idee, delle opinioni, dei problemi da risolvere è molto interessante. Bisognerà fare una cernita delle priorità.

    La soluzione pratica, è un mio assillo già proposto: una formazione politica “totalizzante” che si presenti alle prossime elezioni lontana dai partiti e dalle ideologie, con ben chiaro, evidentissimo di essere ad esclusivo servizio del popolo.

    Avevo proposto “Amare il popolo”, come nome distintivo della forza politica, ma non sono un dittatore, purchè il popolo compaia inequivocabilmente.

    Questo è molto importante, sia per gli stimoli ad essere fedeli ai propositi di chi rappresenterà la “forza politica” (fateci caso, non la chiamo mai partito, perchè partito vuol dire essere di parte), sia per il consenso popolare.

    Stufi dei partiti del c**zo, dei personalismi, del leaderismo, del politichese, il popolo voterà il suo partito.

    Detto questo “Amare il popolo”, mi sembra comunque bono, anzi ottimo, come la pasta del capitano. Che ne dite?

     

    • 72.1
      Danielc.84

      Secondo me suonerebbe meglio…”IL PARTITO DEL POPOLO” ma questo non è il momento di stare qui a discutere su un eventuale nome di un futuro partito o meno, QUI è IL TEMPO DI FARE I FATTI perchè non so voi ma ogni volta che sento un tg,che leggo un giornale e che sento una qualsiasi notizia sulle proposte che stanno per passare di questo governo smutanda-italiani ..non so voi ma io mi sento una nullita impotente nel poter affrontare le cose!!!e non so voi ma io,con un figlio,la rata del mutuo da pagare,la rata della macchina da pagare,il prestito dei $ per pagare la macchina di mia moglie,il lavoro che a poco a poco sta calando,la spesa,le bollette,a volte non dormi dai troppi pensieri che si hanno ma a volte ti viene davvero il pensiero di attaccarti via.perche se dobbiamo vivere una vita per pagare i debiti,x lavorare fino alla morte,per esser sempre li con il pensiero di dire ma che mondo di m**da stiamo dando ai nostri figli e che sta andando sempre in peggio…beh da una parte mi rassegno e dico tanto non sarò io a cambiarlo sto c.zo di mondo non si può farci niente…siamo condannati….ma dall altra parte ti scatta o ti deve scattare una molla!!e bisogna che ci si autoconvinca che se effettivamente ci impuntiamo iniziamo a protestare,a insorgere a far vedere che la maggioranza del popolo non è con questi politici marionette!!forse una speranza di cambiare le cose realmente l abbiamo!!!Bisogna informare inanzitutto piu gente possibile e poi creare una raccolta firme su tutto il territorio per far capire alla gente che qualcosa realmente si puo cambiare!!!

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

       

  • 71
    Danielc.84

    il referendum vero e proprio bisogna iniziare ad organizzarlo ora o se no sara troppo tardi!! bisogna creare una raccolta per ogni paese,in ogni citta e fare una specie di picchetto al costo di prendere il freddo,di perdere ore din ferie o di tempo libero perchè se nessuno di noi si muove, vi ripeto che sarà troppo tardi.Io Claudio, sono pronto a sacrificare il mio tempo per salvare la mia famiglia,i miei amici e tutte quelle persone che si trovano in difficolta grazie a questa crisi e a questa forma di monarchia che si è instaurata nel nostro paese e che ha il solo scopo di metterci in mutande e vendere il piu passibile agli usurai tiranni stranieri!!!!! con la speranza che tu mi risponda e mi indichi “nuovi ordini” resto in attesa

  • 70
    Claudio Maffei

    Fatti. Non credo abitate su Marte. Le proteste e l’indignazione non ci sono forse state? Gli scontri di Roma, la contestazione in val di Susa, già dimenticate? E’ cambiato qualcosa? Sì un pò di manifestanti in galera e meno libertà di dissenso.

    Invito a rileggere bene il post n° 73, se riuscite a risalire il salto nel vuoto del messaggio successivo eheheh.

    In ogni caso ribadisco che i problemi non si risolvono con i referendum, anche perchè la stortura fondamentale del sistema attuale è come è interpretata la politica, non intesa come servizio, ma come acapparramento di privilegi, nell’essere un gradino sopra tutti, nel continuare a litigare, nel fare l’interesse del partito e non quello del paese, nel non essere disposti a riconoscere gli errori, nell’aprofittare delle risorse di tutti per riempire il proprio portafogli, nel far dipendere le scelte in base al consenso che produrranno e non in base alle esigenze ed ai bisogni della popolazione. 

    Ho parlato di creare una forza politica e presentarsi alle elezioni. Le elezioni sono la miglior vetrina, inoltre consentono di esserci. Questi sono fatti che consentiranno di fare fatti.

    Essere movimento politico, senza essere partito. Forza politica. “””Forza””” dà l’idea di qualcosa di alternativo e “potente” che cambia il mondo.

    Allora vediamo, i nomi per ora sono 3, dopo aver scartato l’antesignano “Servire il popolo”, che alcuni utenti fecero notare legato all’ideologia marxista ed al 68.

    AMARE IL POPOLO – PARTITO DEL POPOLO – FORZA DEL POPOLO, aspetto altri lumi.

     

     

  • 69
    Claudio Maffei

    Sto parlando appunto di fatti. Per fare i fatti bisogna esserci, non ci sono ne santi ne madonne che tengano. bisogna essere al posto di quelli che i fatti non li fanno o li fanno male.

    Altrimenti tutto rimarrà chiacchiera. Tante belle inutile chiacchiere. Masturbazioni al pc.

    ok. la protesta. è dal 68 che si protesta senza combinare na mazza.

    questi sono fatti.

  • 68
    Elson

    Ho guardato il video, di fronte al quale non ho oggettivamente i mezzi per decidere se le cose dette siano veritiere e/o attendibili.

    Per il momento opto per il referendum abrogativo/alternativo, perché ritengo sia comunque migliore dell’accettazione passiva del Governo Monti imposto da Napolitano, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola.

    La mia contrarietà verso la manovra Napolitano-Monti, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola nasce da considerazioni apparentemente molto semplici e molto terra-terra.

    La prima è che, guardando la mia vita, e quella dei mie genitori, non riesco proprio a convincermi, con tutta la buona volontà possibile, che noi si abbia contratto, insieme agli altri italiani, ben 1.900 euro di debito pubblico.

    Non dico che il debito, in quanto tale, non possa essere reale!

    Ma, se mi è permesso, prima di pagare un conto, questo conto lo vorrei almeno vedere!

    Se vado in pizzeria, il conto, prima di pagarlo, lo voglio vedere eccome!

    “2 coperti, una margherita, una 4 stagioni, due coca cola”: totale: 1.900MLD di euro?

    Prima di pagare il conto, questa volta, se mi è permesso, voglio vedere le voci che lo determinano!

    Le voglio vedere, le voci del debito pubblico, perché sono convinto che il debito pubblico non è stato determinato certo da cose come il salario dell’operaio addetto in un’azienda tessile, che produceva tessuti venduti poi all’estero, come esportazione!

    Sospetto invece che il debito pubblico, o una parte di esso, sia stato determinato piuttosto dalla realizzazione di opere pubbliche, avvenuta, e non a caso, senza controlli: quelle opere pubbliche durate 10 volte il previsto, e costate 100 volte il preventivato.

    Di fronte a questa eventualità, del DP determinato dal magna-magna, ad es.,  sulle opere pubbliche, potrei anche accettare di sobbarcarmi l’onere di doverlo pagare: ma come minimo voglio vedere dei responsabili, fosse pure soltanto alcuni di questi, finire in galera!

    Ognuno paghi per la sua parte! Chi lavorando 6 anni di più, chi finendo i galera!

    Io, di pagare il DP, non essendo convinto di averlo determinato, senza conoscere almeno il primo 20%, numericamente parlando, delle voci con gli importi più significativi, e senza che si inverta la rotta, ovvero senza che nessuno paghi per le responsabilità dello sfascio in cui ci troviamo, non ci penso nemmeno lontanamente!

    Inoltre, e non ho paura a dirlo, sospetto (per rimanere sul soft), che parte del DP sia stata determinata dalle consorterie di partito.

    Trovo che in Italia sia costume ricambiare il voto, con altri titpi di favori, come il “sistemre” i sodali di casacca soprattutto nei ruoli istituzionali, nella PA, nonché in tutte quelle imprese pseudo-private che vivono e campano grazie alla benevolenza e alla discrezionalità dei partiti. Partiti ai quali, in cambio di benevolenza e discrezionalità, quelle ditte pseduo-private, dovranno necessariamente dare in cambio qualcosa: posti di lavoro.

    Io, di pagare il DP determinato anche da enti, uffici, fondazioni, consorzi, partecipate, istituzioni, associazioni, “formule” che altro non sono se non il mezzo attraverso il quale la politica foraggia le proprie consorterie, rigorosamente con i soldi pubblici, non ne ho nessunissima intenzione!

    Di pagare il debito pubblico, con mio figlio dignitosamente diplomatosi o laureatosi, che annaspa per trovare lavoro, mentre il figlio del mio vicino di casa è stato assunto, per chiamata diretta, in una partecipata comunale (invento!), partecipata  dalla quale, al momento opportuno, il socio privato si è defilato, facendo così in modo che tutti i dipendenti, senza aver fatto nessun concorso, diventassero automaticamente dipendenti pubblici, non ne ho la minima intenzione!

    Proprio ad essere buoni, prima si dovranno cacciare tutti gli imbucati, i raccomandati, “i clienti”, i parentadi (ed è già tanto se non gli si chiedono i danni!), anche con un’operazione non tanto precisa, ma che sia simbolica e significativa, e poi, forse, allora potrei prendere in considerazione di farmi carico di sobbarcarmi il DP!

    Serve, in altre parole, più  che un segnale di discontinuità: serve una garanzia!

    E l’unica garanzia per il futuro, è nel fare giustizia del passato.

     

    Inoltre, non posso accettare non tanto il fatto che Napolitano proponga/imponga un suo esecutivo: il Governo Monti: quanto che a vagliare l’operato di tale Governo ci sia un Parlamento assolutamente delegittimato a farlo!

    Infatti si tratta di un Parlamento che ha origine nelle elezioni del 2008, dove i partiti politici si presentarono in coalizioni, e con programmi, che letteralmente non esistono più!

    Il PD con l’IdV, ad esempio, in una coalizione guidata da Veltroni!

    Cos’è: “roba che se magna”?

    Ora, non c’è cosa al mondo che potrà convincermi sul fatto che il PD, che PERSE le elezioni del 2008, sia oggi legittimato dai voti presi allora, in quella occasione totalmente diversa dall’attuale, per uno specifico programma congruo per quello specifico contesto… che il PD sia legittimato a stare in maggioranza, e che con quei voti del 2008 sostenga, senza vergogna, senza pudore. un Governo NON ELETTO dal popolo, un Governo di Nominati in un Parlamento di Nominati, e che soprattutto con quei voti del 2008, avendo PERSO le elezioni, ci sostenga il programma di detto esecutivo di nominati! Programma che non ha assolutamente niente a che vedere con quello che il PD poté presentare nel 2008!
    Perché se fosse legittima questa posizione del PD: e se fossero legittime le preveggenze di Napolitano, il suo Governo di Nominati, il Parlamento del 2008 a sostenerlo, semplicemente di votare non ce ne sarebbe più bisogno in assoluto!

    Se l’attuale situazione fosse autenticamente Democratica, avremmo raggiunto quella perfezione tale per cui votare, anche nel prossimo futuro, non servirebbe assolutamente!

    Ci potranno pensare, anche per il futuro, gli stessi Napolitano, Monti, Bersani, Berlusconi, Fini, Casini, Di Pietro, Vendola, a governarci: votare, per fare cosa?

    Peccato che non votare, l’inutilità del voto, guarda caso, è proprio spiccata caratteristica dei regimi dittatoriali!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>