FUMUS DISTRATIONIS, la verità della Giunta su Cosentino

Nicola Cosentino non va in galera. Sui quotidiani di oggi troverete i resoconti approfonditi delle strette di mano, dei batti-un-cinque, dei baci e degli abbracci del Parlamento all’onorevole di Casal di Principe. Nient’altro. Se per caso voleste cercare di capire di cosa non hanno discusso ieri alla Camera, nessuno si premunirà di raccontarvelo.

I fatti non sussistono, nel senso che è come se non esistessero proprio. Chi dice che c’è il fumus persecutionis, chi dice che è una vergogna: nessuno entra nel merito. Ma è proprio il merito che dovrebbe interessare ai cittadini. E’ il merito che consente all’opinione pubblica di prendere una posizione, non certo il vergognoso clima da stadio con il quale un Parlamento ridotto a clacque da avanspettacolo ha accolto  l’esito del voto in aula, certificando una presa di posizione assunta sulla base degli interessi dei partiti, non su quelli degli italiani. Perché delle due l’una: o Cosentino doveva essere arrestato, e in quel caso non ci sarebbe stato nulla da festeggiare, o Cosentino non doveva essere arrestato, e questo significa che la magistratura, in un numero consistente di giudici e di organismi come il Tribunale del Riesame, è viziata dal fumo della persecuzione, e ci sarebbe stato da festeggiare ancor meno. La riprovevole esibizione di corporativismo cui abbiamo assistito, identica alle esultazioni per una vittoria sportiva, non è altro invece che un’autocertificazione di appartenenza alla casta. E’ come se i parlamentari avessero detto agli italiani: “Signori, noi proteggiamo noi stessi, le nostre alleanze politiche, la nostra stessa esistenza come organismo autonomo e indipendente dai cittadini, dai loro interessi ad avere un Parlamento privo di ombre e dubbi. Di voi, insomma, non ci interessa un bel niente”.

Se il voto fosse stato espressione dei contenuti dell’accusa, i toni sarebbero stati alquanto diversi. A cosa serve una Giunta per le Autorizzazioni che valuta le richieste della magistratura, se poi le sue conclusioni vengono ignorate per questioni di mera convenienza politica? Marilena Samperi, la relatrice della Giunta in aula, è stata molto chiara: “gli indizi di colpevolezza nei confronti dell’onorevole Cosentino sono gravi e riscontrati“. Come è possibile dunque ignorare sia gli indizi che le conclusioni, allo scopo di perseguire l’obiettivo per nulla attinente di sconfiggere l’ala dei maroniani e rinsaldare un fronte di alleanze utile in vista di possibili elezioni a Giugno? Quale distanza immensa si è frapposta tra gli elettori e le mitologiche arche del potere che, grazie al patto di rappresentanza stretto con i primi, veleggiano come il vascello fantasma dell’Olandese Volante, lassù tra le nuvole, ormai prive di qualunque ancora terrena?

Forse per questo i giornali si concentrano sui risultati del voto e sul trenino dei festeggiamenti, tralasciando di spiegarvi su cosa la Camera ha davvero votato ieri. Se l’opinione pubblica si concentrasse sulla relazione della Giunta, anziché sui tristi giochi di palazzo, forse l’indignazione troverebbe finalmente un varco per montare.

Allora, in questo irrespirabile fumus che non è persecutionis, ma distrationis (dal latino maccheronico), la relazione Samperi l’ho cercata io. Si trova a pagina 32 del corposo PDF contenente gli atti della seduta n.569, quella di ieri. Leggetelo e fatelo leggere: parla da solo.

LA RELAZIONE SAMPERI

Perché la Giunta per le autorizzazioni pensa che Cosentino debba essere arrestato?


 Relatore per la maggioranza. Signor Presidente, onorevoli colleghi, la brevità del tempo a mia disposizione a fronte di un’ordinanza cautelare molto complessa mi impone di darla per letta e adesso la riassumerò brevemente.L’inchiesta napoletana si inserisce in un quadro socioeconomico e politico assai degradato dove impera la camorra, quadro peraltro ben noto al Parlamento per essere stato rappresentato nel documento conclusivo della Commissione di inchiesta sulla mafia votato all’unanimità nel 2008. Il contesto è quello delle relazioni tra il ceto politico operante nel comune di Casal di Principe e l’organizzazione camorristica dei casalesi, un’osmosi – come si afferma nell’ordinanza – che genera effetti patologici nei settori più rilevanti della vita sociale e politica di quel territorio: quello elettorale, quello economico, e quello istituzionale.Intorno a questo intreccio si muovono enormi interessi economici che si saldano con quelli dei politici nel momento elettorale. I principali protagonisti dell’inchiesta in esame, secondo l’autorità giudiziaria, sono l’allora sindaco di Casal di Principe, Cipriano Cristiano, i fratelli Corvino, Nicola Di Caterino, prima funzionario dell’ufficio tecnico di quello stesso comune e successivamente promotore della realizzazione della costruzione del centro commerciale Il Principe.Il Corvino insieme a Cipriano Cristiano e a Di Caterino, tutti imparentati tra di loro e tutti inseriti nel tessuto amministrativo di Casal di Principe, intendono costruire un centro commerciale, ma il terreno non ha i requisiti richiesti per l’edificabilità e occorre un ingente finanziamento. L’iniziativa è volta in effetti a favorire il clan dei Casalesi e segnatamente le famiglie Schiavone e Russo. La mafiosità dell’iniziativa economica è certificata da un imponente quadro probatorio. La realizzazione del centro e i reati commessi per realizzarlo risultano essere finalizzati ad agevolare gli interessi del clan camorristico cui in definitiva, al di là del paravento della società a responsabilità limitata la Vian, il centro stesso era riferibile.

L’attività di indagine compiuta ha permesso di ricostruire le molteplici condotte illecite concernenti il rilascio del provvedimento di autorizzazione compiute nel corso della lunga e articolata procedura amministrativa che nel 2007 ha portato al rilascio del permesso per costruire: un permesso palesemente irregolare non solo perché si attesta falsamente che la Vian è già proprietaria del terreno ma anche perché adottato in difformità da quanto previsto nel piano regolatore generale. L’altro grosso ostacolo alla realizzazione dell’investimento consiste nella necessità per la Vian di ottenere un finanziamento legale. Si tratta di un affidamento fortemente a rischio perché richiesto in violazione di tutte le prescrizioni imposte dalla Banca d’Italia al fine di evitare infiltrazioni mafiose. Il ricorso al finanziamento ponte bancario è però indispensabile per dare all’operazione un’apparenza lecita. Ma la concessione del finanziamento bancario è quasi impossibile per l’impresa richiedente proprio perché avrebbe dovuto offrire solide garanzie, la dimostrazione di un consistente movimento di affari, una struttura produttiva funzionante. Al contrario la Vian aveva un capitale sociale di diecimila euro, nessun giro di affari, una fideiussione palesemente falsa a fronte di un investimento complessivo di 40 milioni di euro.

Ciò che viene contestato all’onorevole Cosentino sono proprio due interventi che si rileveranno determinanti per l’avvio del progetto di costruzione del centro commerciale Il Principe e che faranno superare resistenze altrimenti insuperabili. Uno riguarda il rilascio dell’autorizzazione amministrativa, l’altro il finanziamento bancario da parte di Unicredit per 5,5 milioni di euro. Mario Cacciapuoti, dirigente dell’UTC di Casal di Principe che avrebbe dovuto rilasciare il permesso a costruire, era interessato ad ottenere un appoggio politico per garantirsi il rinnovo dell’incarico al momento della scadenza. L’ordinanza del GIP, confermata dal tribunale del riesame sulla scorta di dichiarazioni, intercettazioni telefoniche e ambientali, considera provato l’avvenuto scambio corruttivo tra Mario Cacciapuoti e gli altri indagati avente ad oggetto lo scambio tra la riconferma al posto di dirigente dell’UTC dello stesso Cacciapuoti e gli illegittimi atti amministrativi relativi al costruendo centro commerciale.

Cipriano Cristiano pone all’onorevole Cosentino la nomina del Cacciapuoti come condizione essenziale. E Cacciapuoti, nel luglio 2006, viene rassicurato dallo stesso Cipriano, dopo un incontro con l’onorevole Cosentino, che tutto è a posto. Effettivamente Mario Cacciapuoti sarà nominato dirigente dell’UTC. Trovano così riscontro le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Raffaele Piccolo, Francesco Della Corte, Vargas, che individuano nell’onorevole Cosentino il referente politico di questa iniziativa.

Il secondo intervento contestato all’onorevole Cosentino è quello intervenuto sull’Unicredit per favorire l’erogazione del finanziamento in favore della Vian. Tale affidamento, basato su una fideiussione apparentemente concessa dal Monte dei Paschi di Siena e invece acquistata dal mediatore Flavio Pelliccioni in cambio di rilevanti somme di denaro e assegni postdatati, era, come si dice negli atti, palesemente falso, come risulta poi dai documenti sequestrati presso Unicredit. Il 14 febbraio 2007, una settimana dopo l’incontro tra l’onorevole Cosentino e i funzionari della filiale di Unicredit, Di Caterino ottiene il finanziamento. I riscontri sono costituiti da relazioni della polizia giudiziaria, dichiarazioni di collaboratori di giustizia, accertamenti bancari, intercettazioni e documenti sequestrati.

Il GIP prima ed il giudice collegiale successivamente concordano nel ritenere che l’erogazione del finanziamento ha ricevuto l’avallo dell’onorevole Cosentino, che ha accettato di recarsi personalmente nell’oscura filiale romana dell’Unicredit per fornire garanzie politiche che fossero più affidabili di quelle economico-finanziarie, assolutamente inesistenti.

Sul fumus: dai fatti narrati emerge che gli indizi di colpevolezza nei confronti dell’onorevole Cosentino sono gravi e riscontrati, ma se ciò non bastasse, la pronunzia del tribunale del riesame avverso il ricorso proposto dall’onorevole Cosentino costituisce la pietra tombale su ogni e qualsiasi ipotesi di fumus persecutionis, giacché viene chiarito come la magistratura napoletana, ora nelle vesti del giudice per le indagini preliminari, ora nella veste del tribunale collegiale, esamina esclusivamente elementi oggettivi raccolti dagli inquirenti e non mostra alcuna animosità soggettiva nei confronti del collega Cosentino.

Concludo, signor Presidente: si deve quindi escludere che l’onorevole Cosentino possa essere considerato un perseguitato politico ed è per questo che la Giunta, nella sua maggioranza, chiede all’Aula di poter autorizzare la richiesta fatta dai giudici.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

18 risposte a FUMUS DISTRATIONIS, la verità della Giunta su Cosentino

  • 12

    Bravo Claudio, questa è informazione pura e preziosissima.

  • 11
    Lopa58

    Lopa58 ha scritto :
    Caro ByoBlu, vorrei rispondessi a queste semplici e, forse, ingenue domande: Ma..perchè è necessario carcerare Cosentino, o qualunque altro personaggio, se ormai le indagini sono state fatte e si riferiscono a reati commessi quattro anni orsono?    e ancora: Dal fatto che l’ imputato non sia incarcerato, quali azioni vengono impedite o limitate alla Magistratura? Mi sono appena iscritto al tuo Blog , ma lo seguo con interesse da un po’ di tempo. Complimenti vivissimi                                            Lorenzo

  • 10
    carlin
    Il parlamento (con la p minuscola) italiano è l'unico, nel mondo occidentale,
    che può fottersi allegramente delle richieste della magistratura. la quale
    NON dovrebbe avanzare richieste di arresto, ma semplicemente ESEGUIRLE,
    essendo, SECONDO LA COSTITUZIONE ITALIANA, tutti i cittadini uguali
    di fronte alla legge. Pazienza, da ieri si è aggiunto un candidato alla forca! 
  • 9
    roby67

    senza parole

  • 8
    nicolass

    La verità è che Cosentino è stato salvato dal Parlamento perchè Berlusconi minacciava di staccare la spina al Governo se non fosse stato così.. a questo punto nessuno della coalizione che appoggia il Governo Monti aveva interesse ad andare alle urne e l’inciucio  è servito

  • 7
    NeroLucente

    Credo che di gente indignata ce ne sia molta, peccato non sia visibile quanto le dichiarazioni dei poiltici e quelle dei giornalisti.

     

    In merito alla vicenda, una delle questioni fondamentali è: “Se Cosentino non va in galera, non dovrebbero andarci nemmeno gli altri imputati collegati alle stesse indagini.”

    Quindi si pone una questione sull’arresto preventivo, o vale per tutti o non vale per nessuno. Ma a quanto pare i politici non si preoccupano di questo punto. Per loro la persecuzione esiste esclusivamente se sei un politico, se fai parte di quel sistema. La realtà sembra dimostrare che i perseguitati veri siamo noi. Chi vota contro l’arresto preventivo dovrebbe farsi promotore di una legge in materia che lo impedisca, altrimenti è un GARANTISMO ANTICOSTITUZIONALE, in piena violazione dell’art.3.

    Come ha ribadito Travaglio a Servizio Pubblico, questa storia non regge, perchè tra i parlmentari che hanno votato contro l’arresto ce ne sono, per una questione di numeri, tanti che hanno votato per la legge che prevede il CARCERE PER GLI IMMIGRATI, considerando in tal modo più grave essere uno straniero su suolo italiano che un presunto MAFIOSO con legami alla criminalità.

    Ma vale anche la voce di Saviano, che insinua il dubbio dell’uccellino, ovvero se questo Cosentino finiva in galera, poi saltavano fuori cose tropop scomode per molti parlamentari…

    In questo quadro unico in europa, si capisce che i nemici da combattere sono forse troppi, siamo circondati da organizzazioni criminali, lobby, gruppi bancari, in un misto micidiale, somministrato alla popolazione meno sovversiva e rivoluzionaria dell’occidente.

     

     

     

     

  • 6
    cloc3

    il declassamento del rating italiano e francese sopraggiunge, con cronometrica puntualità, il giorno seguente alla votazione su Cosentino e alla dichiarazione di inammissibilità dei referundum elettorali.

    è un caso?

    vuol dire che le agenzie di rating fanno politica?

    e se fosse, sarebbe un male?

  • 5
    dragone73

    Perchè pubblicate solo la relazione di maggioranza? Perchè non mettete in evidenza le debolezze di questa relazione?

    Alcuni esempi? Bene:

    viene utilizzata la parola “oscura” riferito alla sede dell’Unicredit. Questo rappresenta l’espressione di una valutazione personale che non dovrebbe affatto comparire in una relazione parlamentare che, al contrario, deve limitarsi a considerare ed esprimere i fatti. L’altra osservazione è riservata ai riscontri: da quando le relazioni della Polizia sono dei “riscontri”? Da quando incalliti delinquenti che opportunisticamente si pentono (???) sono da considerarsi riscontri? Da quando intercettazioni, ancorchè ottenute senza richiedere l’autorizzazione alla Camera di appartenenza, sono riscontri senza che ne venga rivelato e contestualizzato il contenuto? Da quando un estratto conto corrente che certificherà l’effettiva erogazione di un prestito costituisce la prova dell’intervento di qualcuno affinché lo stesso fosse concesso?

    e ancora

    identikit, fattuale e oggettivo, del presidente del tribunale del riesame che chiede l’arresto dell’onorevole Nicola Cosentino. Sto parlando del dottor Nicola Quatrano, abbastanza noto alle cronache in quanto, all’indomani del vile assassinio del professor Massimo D’Antona, subito dopo le quattordici pagine di rivendicazioni delle BR, da un computer partì un messaggio delirante di sostegno alle azioni delle stesse BR; la polizia postale individuò quel computer e rivelò che esso apparteneva al giudice napoletano Nicola Quatrano, il quale si giustificò dicendo: non sono stato io, è stato mio figlio, che ha dodici anni. … Lo stesso magistrato, il 17 marzo 2001, partecipa, insieme ai no global, ad un corteo che mette a ferro e fuoco Napoli ed ai giornalisti dichiara, ancora una volta, che si trova lì per accompagnare i figli. Concludo col dire che il 7 luglio 2009, in un convegno pubblico, lo stesso magistrato Quatrano afferma che l’unico modo per opporsi alla legge sulla clandestinità è la disobbedienza civile. Questo sarebbe un esecutore delle nostre leggi…

    Di cosa stiamo parlando? Siete proprio faziosi e su questo i RISCONTRI sono EFFETTIVI e CONCORDANTI!!!

    • 5.1
      PokeChubby

      Adesso dobbiamo chiedere le dimissioni dei magistrati che fanno giochi politici. In più  li dobbiamo denunciare per diffamazione. Aggiungiamo anche l’alto tradimento perchè tramano contro lo stato. Naturalmente ci uniamo in una class action perchè come cittadini di questo stato siamo danneggiati e vogliamo un risarcimento morale e anche il danno biologico dato che mi è venuta la gastrite al solo pensiero che alcuni faziosi magistrati possono minare le basi della democrazia togliendomi la libertà.

       

    • 5.2
      NeroLucente

      Secondo quanto scrive e quanto è emerso dal voto, abbiamo a che fare con magistrati di sinistra, che per un azione politica hanno arrestato 56 persone.

      Il PM che ha svolto le indagini è riusciuto a trovare un G.I.P. che gli desse ragione, quindi per forza di cose anch’esso coinvolto politicamente, senza dimenticare che sono stati costretti a dire il falso i pentiti che indicano Cosentino come il referente politico per il noto clan dei feroci Casalesi.

      Sfugge come il PM abbia convinto Cosentino ad incontrarsi o a telefonarsi con personaggi di spicco della criminalità organizzata o ad intercedere per le vicende di cui ha scritto Byoblu.

      Ma è chiaro, si tratta di una vicenda di puro terrore. Cinquantasei innocenti incarcerati con l’unico scopo di colpire un avversario politico. Cinque tra giudici e Magistrati tutti coinvolti in una persecuzione di un uomo onesto e puro, al di sopra di ogni sospetto…

      ..i cittadini non possono dormire sonni tranquilli, il vero nemico sembra sia la magistratura, perchè in fondo la questione non è di MERITO, è POLITICA. E noi stiamo evidentemente tutti immersi in un romanzo di fantapolitica, dove essere ragionevoli e pensanti è soltanto una distrazione.

      Ma una cosa da chiedere a chi ritiene giusto l’intervento del Parlamento contro l’arresto: “Perchè gli stessi Magistrati quando arrestano un Boss o un malavitoso privo del titolo di Deputato o Senatore o Ministro, sono invece ritenuti dei buoni Magistrati?”

       

       

    • 5.3
      roby67

      ok, mi sono tornate le parole…

      1° quello che da’ fastidio allo stomaco e’ il tifo da curva nord degno della peggiore repubblica delle banane

      2° se nel nostro ordinamento giuridico e’ prevista una giunta per le autorizzazioni a procedere, si pensa che abbia studiato le carte minuziosamente prima di pronunciarsi, altrimenti se mettiamo tutto in discussione e’ finita, non riusciremo mai ad uscire da questo pantano.

      3° ma pensiamo veramente che circa 500 “onorevoli” abbiano letto le carte inviate dalla procura e che non abbiano votato in base ad altri interessi di parte?

  • 4

    Come si fa a pensare che ci possa essere qualcosa di losco in un incontro casuale tra l’on Nicola Cosentino detto Nick “o mericano”, il Presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro meglio conosciuto come giggino a purpetta e  l’imprenditore Nicola Di Caterino, cugino suo malgrado di due potenti capiclan come i fratelli Giuseppe e Massimo Russo,(mancava solo “Totò u curtu”) avvenuto a Roma nei pressi della sede dell’unicredit.

    I giudici della Procura antimafia di Napoli che indagano sul riciclaggio, attraverso attività imprenditoriali, dei capitali appartenenti ai clan camorristici di Casal di Principe. Riciclaggio che, secondo le ipotesi dell’accusa Cosentino avrebbe favorito quando ancora ricopriva l’incarico di sottosegretario all’Economia con delega al Cipe nel governo Berlusconi, facendo pressioni sui funzionari dell’Unicredit affinché sbloccassero la pratica relativa a un prestito di cinque milioni e mezzo di euro in favore dell’imprenditore Nicola Di Caterino.

    Guarda cosa deve sentirsi dire un galantuomo solo perché viene fotografato con alcuni conoscenti che non vedeva da tanto e con i quali quel giorno ha scambiato solo quattro chiacchiere.

  • 3
    Lopa58

    Caro ByoBlu, vorrei rispondessi a queste semplice e, forse, ingenue domande:

    Ma..perchè è necessario carcerare Cosentino, o qualunque altro personaggio, se ormai le indagini sono state fatte e si riferiscono a reati commessi quattro anni orsono?    e ancora:

    Dal fatto che l’ imputato non sia incarcerato, quali azioni vengono impedite o limitate alla Magistratura?

    Mi sono appena iscritto al tuo Blog , ma lo seguo con interesse da un po’ di tempo.

    Complimenti vivissimi

                                               Lorenzo

    • 3.1
      Jonny Dio

      Io direi che non è importante il merito della questione (che pure è necessario conoscere per farsi un’opinione, ma, a meno di non essere avvocato, dubito che si possa valutare in maniera così netta); non ha poi tutta questa importanza se sia giusto o meno, se tanto non cambia niente per il processo, se ci sono o no rischi di fuga o reiterazione, eccetera: queste valutazioni spettano a fior di gente competente, che si suppone le abbia fatte applicando la legge e poi si è espressa per l’arresto (se così non fosse, gli imputati seguiti da schiere di avvocatoni non avrebbero difficoltà a far valere le proprie ragioni).

      Va incarcerato perchè se io o te avessimo fatto le stesse cose (cioè reati da galera, non c**zatine) adesso saremmo dentro, come, del resto, lo sono gli altri 56 che sono imputati con lui. Come motivo mi pare più che sufficiente.

      Inoltre, stai tranquillo che, col garantismo che c’è in Italia, di innocenti in carcere ne finiscono ben pochi, praticamente nessuno se paragonati ai colpevoli a piede libero. A me questa gente non fa nessuna pena, non la farebbe nemmeno se Cosentino dovesse rivelarsi davvero un perseguitato dalla magistratura (sarebbe il primo), dato che hanno perseguitato il popolo finora.

  • 2

    Vorrei far notare a che cosa ci si deve ridurre per ottenere credito in banca oggi… le banche creano denaro tramite false scritture contabili e poi… che garanzie vorrebbero ? Non gli basta di non finire MAI in galera ?

  • 1

    Dai ladroni di centrodx non mi aspettavo nulla di meglio, ma cosa hanno promesso ai radicali? Che in cambio avrebbero abolito la pena di morte in Burkina Faso?

  • 0

    PokeChubby ha scritto :
    Adesso dobbiamo chiedere le dimissioni dei magistrati che fanno giochi politici. In più  li dobbiamo denunciare per diffamazione. Aggiungiamo anche l’alto tradimento perchè tramano contro lo stato. Naturalmente ci uniamo in una class action perchè come cittadini di questo stato siamo danneggiati e vogliamo un risarcimento morale e anche il danno biologico dato che mi è venuta la gastrite al solo pensiero che alcuni faziosi magistrati possono minare le basi della democrazia togliendomi la libertà.  

    Per Napolitano astenersi tutti, prego. Sia mai che risvegliate dal torpore tremendo, durato oramai oltre ogni limite canonico..) il suo Senso del Dovere VERSO IL POPOLO!! e la responsbilità della Sua Carica VERSO LO STATO!!

    Burattino o spettatore passivo (o, peggio, inerme..)?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>