Arrivano le Carceri SpA

articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Davvero curiosa quest’idea di superare le crisi economiche con le privatizzazioni. Continuiamo a vendere, pezzo a pezzo, tutta la nostra struttura statale, fatta di servizi e di istituzioni, ai privati, illudendoci che costoro perseguano il benessere del popolo e non l’impinguamento delle loro tasche. L’idea di fondo sembra essere questa: siccome garantire ai cittadini certi servizi comporta allo Stato costi elevati, allora cediamo la gestione e l’esercizio di quei servizi all’imprenditore di turno, cosicché quei costi se li sobbarchi lui. Ci illudiamo così di aver tagliato le spese e non ci accorgiamo che quello che tagliamo davvero è la nostra libertà, dal momento che, demandando ai privati le gestione di servizi che sono pubblici, veniamo esautorati del diritto di decidere sul modo di far funzionare quei determinati servizi.

Ora, non bastavano le autostrade e le banche: pare che il governo voglia cedere ai privati anche la gestione delle carceri. Questo si evince dall’articolo 44 del Decreto Liberalizzazioni, nel quale si prevede di ricorrere ad un “project financing per la realizzazione di infrastrutture carcerarie“. Si intende, cioè, demandare a concessionari l’onere di finanziare e gestire le carceri ed i servizi connessi, “a esclusione della custodia“, in cambio di una tariffa prestabilita e non modificabile, determinata “al momento dell’affidamento della concessione, e da corrispondersi successivamente alla messa in esercizio dell’infrastruttura realizzata“. Questa concessione “ha durata non superiore a venti anni” ed i rischi economici legati alla costruzione e alla gestione dell’opera sono tutti a carico del concessionario. Se la società fallisce, cioè, lo Stato non interviene a finanziarla. Inoltre, “il concessionario nella propria offerta deve prevedere che le fondazioni di origine bancaria contribuiscano alla realizzazione delle infrastrutture […] con il finanziamento di almeno il venti per cento del costo di investimento“. Si fa esplicito obbligo, cioè, di coinvolgere le fondazioni bancarie nel finanziamento dell’opera di costruzione e di gestione delle carceri. Tutto ciò, stando a quanto si apprende dall’articolo, servirebbe “a fronteggiare la grave situazione di emergenza conseguente all’eccessivo affollamento delle carceri“.

Innanzitutto, la domanda che sorge spontanea è questa: se davvero tutto questo progetto serve ad ovviare al sovraffollamento delle carceri, perché non si cerca di recuperare le almeno cento carceri inutilizzate, lasciate marcire, in attesa soltanto del collaudo o complete in tutto e per tutto, oppure abbandonate e riconvertite in deposito di rifiuti, in palestre, in pastifici o più miseramente in dormitori per indigenti e sfrattati? Ce ne sono a Foggia, Monopoli, Catanzaro, Vibo Valentia, Crotone, in Irpinia, a Udine, Gorizia, Pinerolo, Mantova, Ferrara, Pistoia, Massa-Carrara, Ancona, Pescara, Napoli, Bari, Altamura, Gela, Caltanissetta, Agrigento. E poi ovviamente ci sono i super-carceri di Pianosa e dell’Asinara, dove si potrebbero trasferire i boss dei boss, a cui va impedito di comunicare con l’esterno e di continuare ad essere padrini anche da dietro le sbarre. Sarebbe un’operazione molto più rapida ed estremamente più economica, oltreché intelligente dal punto di vista ecologico, dal momento che farebbe risparmiare tonnellate e tonnellate di cemento. Invece, quando si parla di carceri, in Italia la parola d’ordine è costruire: il che significa nuovi soldi, nuovi appalti e nuovi accordi tra politici e imprenditori.

Bisogna specificare che non è una novità di Monti e dei suoi ministri: l’idea di privatizzare le carceri nasce in America negli anni ’80, sotto il governo Reagan, e prende piede, oltre che negli Usa, anche in Australia ed Inghilterra. Eppure l’esperienza non si è rivelata così positiva come tutti si aspettavano: innanzitutto il risparmio effettivo derivato dalle privatizzazioni è stato ben inferiore a quello previsto. Le società concessionarie da un lato si vantano di garantire maggiore efficienza e costi molti ridotti, ma dall’altro non sono mai in grado di dimostrare quanto affermano nelle loro campagne propagandistiche. C’è addirittura chi, come il “Department of Research for the American Federation of State, County and Municipal Employees” – uno dei più grandi sindacati americani -, ribatte che “dalla privatizzazione delle carceri non é derivato né un risparmio economico né un miglioramento nella qualità del servizio fornito“.

Ma non è soltanto una questione di costi. La “Commissione per la lotta contro la discriminazione e per la protezione delle minoranze” dell’Onu bacchetta da più di vent’anni quei paesi, in special modo gli States, che perseguono una politica di privatizzazioni delle infrastrutture carcerarie. La responsabilità del rispetto dei diritti umani, secondo le Nazioni Unite, deve ricadere sullo Stato e non può essere demandata a privati. E molte organizzazioni umanitarie denunciano le forti pressioni delle lobby impegnate nella costruzione di nuove carceri affinché i governi statunitensi ed australiani adottino leggi più severe che tendano ad aumentare la popolazione carceraria e riducano le pene alternative come la libertà vigilata e gli arresti domiciliari. Non solo: le condizioni di vita e di sicurezza, nelle carceri private, sono ben peggiori di quelle pubbliche, tanto che spesso vengono segnalati e denunciati casi di lavoro forzato e di sfruttamento dei detenuti. Tanto nessuno controlla.

Qualcuno potrà obiettare che anche all’Ucciardone o a Poggio Reale le condizioni non sono certo quelle di un Grand Hotel. Ma il punto è proprio questo: essendo le nostre carceri pubbliche abbiamo tutto il diritto, in quanto cittadini dello Stato italiano, di pretendere che si adottino provvedimenti volti a migliorare la sicurezza ed il rispetto dei diritti dei detenuti. Se invece cederemo le carceri ai privati, loro rivendicheranno una piena autonomia di gestione, in virtù del fatto che sono loro a finanziare quelle strutture. Eppure il sistema carcerario è un aspetto fondamentale di uno Stato. Esso garantisce il recupero alla società civile di individui che hanno sbagliato. Deve essere un’officina in cui le persone “colpevoli” dei reati puniti con la reclusione ritrovino le motivazioni e la voglia di reinventarsi. Ed è per questo che le carceri sono la cartina al tornasole di una società: se funzionano, ne mostrano l’alto tasso di civiltà; viceversa denunciano l’esistenza di seri problemi e di un malessere sociale pericoloso.

E’ chiaro a tutti che le carceri italiane, così come sono oggi, rappresentano un mostruoso abominio, come documentato da Samanta Di Persio. Ma venderle alle banche significherebbe una ammissione di impotenza dello Stato nel risolvere problemi importanti. E darebbe, magari, avvio ad un processo molto rischioso di privatizzazione generale di tutti quei servizi che non funzionano, o che dovrebbero funzionare.Oggi si prendono le carceri e l’acqua pubblica, ignorando persino un referendum dell’anno scorso. Poi verranno a prendersi le scuole, la Rai, i trasporti. Alla fine, un bel giorno, ci alzeremo e scopriremo che l’Italia è stata rilevata a prezzi stracciati da quattro banchieri, che hanno speculato sulla crisi per fagocitare servizi e strutture pubbliche. E allora, forse, capiremo il significato di una privatizazione selvaggia e indiscriminata.

Valerio Valentini
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a Arrivano le Carceri SpA

  • 1
    GiuseppeI

    Ci stanno incatenando e nemmeno ce ne accorgiamo. Avete visto il film “Capitalism A love story”? descrive perfettamente come funzionavano le carceri private negli USA e quindi come saranno anche in Italia: arresti di ragazzini per aver fumato marijuana, per liti con gli amici e cose del genere… giudicati sommariamente da giudici collusi e detenuti per mesi per fesserie. Insomma si sa come si inizia ma non si sa dove si va a finre con certe iniziative. Come dice Moore: “il capitalismo ha trionfato sulla democrazia”.

  • 0
    G.Iaco,

    Seppure il rischio della deriva privatistica sussiste davvero in Italia…
    … non credo che il “project financial” sia da considerarsi privatizzazione.

    E’ uno strumento di finanziamento che è stato utilizzato con successo per la realizzazione di ospedali e scuole… e per quel che so funziona benissimo.

    All’esborso di denaro privato corrisponde l’impegno del pubblico all’affidamento degli appalti dei servizi.. ovvero è come anticipare i soldi in cambio di un “canone”.

    La mensa, la lavanderia etc… sono servizi che le carceri danno in appalto o possono comunque farlo… il privato mette fuori dei soldi prima della costruzione delle carceri e dopo, in cambio, gli si affida i contratti dei servizi.. (ovviamente se il contratto ha delle regole di costo che seguono semmai la svalutazione)… alla fine della fiera si può considerare una sorta di coofinanziamento pagato invece che con una rata di un mutuo… con l’affidamento dei servizi.

    Cosa diversa è quella che avviene in USA.. dove si arriva anche ad avere un controllo sulla gestione del reintegro dei detenuti… con, ovviamente, relazioni di merito che influiscono sull’allungamento della pena e quindi sull’economicità delll’appalto!

    Se nell’art.44 c’è scritto solo di costruire e non di riqualificare non mi trova pienamente d’accordo.. ma non sono contro l’art.44 a prescindere… in molti casi è più conveninte costruire da zero che riqualificare.

    Va discusso puoi l’ooportunità di lasciare degli ecomostri in giro.. il governo dovrebbe vuoversi, secondo il mio modesto parere, entro i limiti del miglioramento e non realizzare ex-novo…. considerando che parliamo di un governo tecnico.

    Avrei altre obiezioni all’articolo qui sopra scritto, che per me risulta essere troppo tendenzioso e fomentoso, ma non voglio rischiare lungagini difficilmente leggibili.

    Comprendo, tuttvia, anche le legittime preoccupazioni qui esposte… ma i toni vanno stemperati da tutti, per far si che la verità e il senso delle cose non venga traviato.

    Grazie per lo stimolante testo e per la possibilità dataci di commentarlo.

    Saluti.
    G.Iaco.

  • -1
    Guit

    C’è qualcuno che si domanda perché le carceri sono sempre più strette malgrado la popolazione sia più o meno sempre la stessa?

    Soprattutto: c’è oggi qualcuno che prova a dare una risposta?

    Il modo migliore e più economico per superare il sovraffollamento sarebbe quello di ridurre l’induzione sociale al crimine, invece percepisco un continuo tendere alla sanzione di nuovi reati penali e alla creazione di presupposti per il crimine. Come lo stato di diffusa depressione del “singleismo” che porta spesso all’uso di droghe negli adulti.

    Anche non volendo curare le cause, basterebbe legalizzare la vendita e l’uso di droghe, almeno quelle leggere, per svuotare le carceri.

    Una società civile degna di questo nome non ha bisogno di costruirne di nuove.

     

    • -1.1
      G.Iaco

      In uno stato socialmente cosciente… le droghe non dovrebbero essere viste come una risoluzione del problema.

      L’uso velleitario di droghe provoca danni non solo al singolo ma anche alla società

      Inoltre chi ha definito cosa sono le “droghe leggere”?
      L’acqua può essere una droga… è una “droga leggera”?

      Attenzione con le derive da falso mito… 
      … l’OMS ha un principio che dovrebbe essere sempre seguito… cioè che in mancanza di prove che una sostanza non sia dannosa, bisogna stenersi.

      Le droghe, che siano, fumo di sigaretta, oppiacei, alcolici… etc… possono provocare dei danni.

      Tornando al sovraffollamento delle carceri… sono concorde con il fatto che esiste la manipolazione della legge che ha generato nuovi reati (come il reato di clandestinità!) e ne ha levati altri (come ia frode amministrativa che non da pena detentiva!)…
      …a questo dobbiamo porre freno e rimedio.

      Di per se è vero che ci sono REI che vanno .. “RIEducati”… insomma vanno “anagrammati” nel loro agire.. riprogrammati… e in questo la società ha la sua parte di colpa, con le sua “pressioni sociali”, genera questo tipo di reazione (ovviamente non sono io a dirlo ma è dagli anni ’50 che (asch, milgram et al.) è nota la questione.
      La società deve quindi porre rimedio per quei tipi di influenze che generano reati e rieducare e non colpevolizzare con la detenzione.

      ..a mio modesto parere…
      saluti.

      G. Iaco.

  • -2
    Guit

    G.Iaco ha scritto :
    In uno stato socialmente cosciente… le droghe non dovrebbero essere viste come una risoluzione del problema.L’uso velleitario di droghe provoca danni non solo al singolo ma anche alla societàInoltre chi ha definito cosa sono le “droghe leggere”?L’acqua può essere una droga… è una “droga leggera”?Attenzione con le derive da falso mito… … l’OMS ha un principio che dovrebbe essere sempre seguito… cioè che in mancanza di prove che una sostanza non sia dannosa, bisogna stenersi.Le droghe, che siano, fumo di sigaretta, oppiacei, alcolici… etc… possono provocare dei danni.Tornando al sovraffollamento delle carceri… sono concorde con il fatto che esiste la manipolazione della legge che ha generato nuovi reati (come il reato di clandestinità!) e ne ha levati altri (come ia frode amministrativa che non da pena detentiva!)……a questo dobbiamo porre freno e rimedio.Di per se è vero che ci sono REI che vanno .. “RIEducati”… insomma vanno “anagrammati” nel loro agire.. riprogrammati… e in questo la società ha la sua parte di colpa, con le sua “pressioni sociali”, genera questo tipo di reazione (ovviamente non sono io a dirlo ma è dagli anni ’50 che (asch, milgram et al.) è nota la questione.La società deve quindi porre rimedio per quei tipi di influenze che generano reati e rieducare e non colpevolizzare con la detenzione…a mio modesto parere…saluti.G. Iaco.

     

    La funzione di uno stato liberale non è quella di controllare che il cittadino non si faccia del male, a quello si presume debba pensare il cittadino adulto, che non vedo per quale ragione, se non per un profondo malessere affettivo, come accade oggi, dovrebbe cercare di danneggiarsi.

    Allora il problema del rapporto tra Stato e droghe non vive nel conosentire o non consentire il loro utilizzo. Allo Stato che faccia male o bene non dovrebbe interessare, se non per fornire una corretta informazione su ciò che fa male e che fa bene. Oltre quello spetta a me non farmi del male e non a te di darmi le bacchettate sulle mani.

    La droga è un espediente compensativo del disagio affettivo dell’adulto di quest’epoca. Disagio che è promosso direttamente e indirettamente da tutti gli organi di potere (compresa la da te citata OMS che col suo salutismo tecnocratico ci dà sotto). Questo Stato, questi poteri, questa civiltà, creano buona porte dei presupposti del crimine. Se le carceri si riempiono è perché la “società civile” le ha riempite.

    Come sta l’OMS con la menzogna che la circoncisione previene l’AIDS? Va tutto bene? Stanno portando avanti il loro programma antropologico?

     

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>