Sei stato liberalizzato

Si possono liberalizzare le licenze dei taxi o delle farmacie. Si possono liberalizzare gli orari degli esercizi commerciali. Si può liberalizzare la scelta dei fornitori di carburanti da parte dei gestori delle pompe di benzina e si possono vendere immobili e proprietà comuni. Ma ha senso liberalizzare i servizi più delicati ed essenziali, quelli che incidono profondamente sull’equilibrio instabile dove oscillano, in stato di perenne precarietà, i nostri pochi diritti? Non ci sono settori i quali, rappresentando intrinsecamente l’identità stessa del concetto di Stato, dovrebbero uscire dalle logiche di mercato ed essere esclusivo appannaggio della scienza che governa i rapporti tra i diritti individuali e collettivi, e che si fa garante del loro rispetto? E’ giusto privatizzare le carceri? Si potrebbe mai pensare di liberalizzare le Forze dell’Ordine? Si potrebbe mai liberalizzare un intero potere dello Stato, che so: la magistratura? In fondo, secondo un certo pensiero, sono tutte voci di costo che meglio potrebbero essere gestite da un privato.

E poi: perché “meglio“? Per quale motivo, se la gestione di una funzione pubblica costa “x“, il suo affido a una società privata dovrebbe farla costare “x-n“, considerato inoltre che per comprendere la reale entità del “taglio” è necessario sommare alla differenza tra il vecchio e il nuovo costo (n)  anche i guadagni del nuovo gestore?

Nel migliore dei mondi possibili, questo risparmio deriva esclusivamente da una migliore efficienza gestionale. Ma allora non converrebbe ad uno Stato assumere direttamente i manager e incamerare i guadagni generati, destinandoli ad abbassare la pressione fiscale anziché perdere il controllo e regalare risorse al settore privato?
Nella peggiore delle ipotesi, invece, i risparmi deriverebbero dalla derubricazione dei diritti umani a righe di bilancio su cui operare tagli selvaggi fino al raggiungimento della soglia minima di sopravvivenza, sotto la quale il prodotto deperisce. E’ storia sempre attuale e recente, purtroppo: abbiamo parlato solo qualche giorno fa della casa di riposo che maltrattava i suoi ospiti anziani e malati, avendo usufruito di 200 mila euro di fondi pubblici, ma casi tristemente analoghi sono all’ordine del giorno. L’intervento del privato ha largamente dimostrato che quando anche gli stessi diritti umani dipendono dalla logica del massimo profitto, allora gli uomini possono facilmente diventare merce e finire per essere considerati con gli stessi criteri che i gestori degli allevamenti intensivi criminalmente adottano nei confronti dei loro capi di bestiame.

Di questi tempi si cerca di far apparire il settore pubblico come il  male assoluto e quello privato come il toccasana. Eppure è sul concetto di bene pubblico che si è sviluppata, fiorendo, la nostra civiltà. Il neoliberismo fondava i suoi teoremi sullo sviluppo esponenziale conosciuto in epoche recenti dagli Stati Uniti, ma non ha mai tenuto in considerazione le diseguaglianze sociali che ha prodotto, con intere classi di persone private anche solo della possibilità di curarsi, così come non si è mai interessato delle ricadute etiche di un sistema che, tra i fattori dell’incremento del Pil,  annovera per esempio l’indotto economico derivante dall’espansione dell’industria bellica. E soprattutto: ha senso oggi, dopo che questo dogma delle liberalizzazioni portate all’estremo è sfociato in una catastrofe di dimensioni planetarie?

Portando il ragionamento neoliberale alle sue estreme conseguenze (esercizio utile a comprenderne la natura), la privatizzazione di un intero Stato – limite verso cui tende la smania di assoggettare qualsiasi cosa all’interesse personale nel nome di benefici costosissimi in termini di libertà – tende allo stato di natura, quello nel quale il pesce grande mangia il pesce piccolo in una eterna catena governata esclusivamente dall’adattabilità e dal successo evolutivo delle singole specie. Più che un’evoluzione, diventa un’involuzione. E’ come una bolla: se la gonfi troppo scoppia, e devi ricominciare daccapo.

Eppure, in fondo, in una certa misura potrebbe anche essere già accaduto. Se le decisioni assunte nei Parlamenti nazionali, infatti, derivassero in qualche misura da quelle maturate nelle sedi dove si svolgono incontri privati tra le lobby internazionali e i politici più influenti, non sarebbe un po’ come avere liberalizzato la gestione di interi popoli? Da un punto di vista strettamente logico, tra l’assegnare la gestione delle carceri al settore privato, con l’obbligo di avere una partecipazione delle fondazioni bancarie pari ad almeno il 20%, e l’affidare la gestione dello Stato a un privato cittadino, espressione di un’azionariato nel quale la partecipazione delle banche è perfino superiore – e di molto – al 20% (parlo dell’organizzazione privata che Mario Monti ha rappresentato fino a ieri: la Commissione Trilaterale) tutta questa differenza poi non si vede. Siamo forse già stati liberalizzati tutti, e non ce ne siamo neppure resi conto?

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

6 risposte a Sei stato liberalizzato

  • 3
    shaggy

    forse per quanto riguarda i diritti bisogna pensare che c’è da ricominciare da capo, i diritti acquisiti erano una favola per farci addormentare.

  • 2

    Qualunque soggetto “privato” (persona o azienda) riesce a procurarsi, chessò, una cartuccia di stampante (per dirne una) a 25€ quando serve: manca cartuccia nel’ufficio del magazzino e non posso stampare i DDT ? Esco e tempo 20 minuti torno.

    L’ente pubblico, quando serve, deve compilare un modulo, consegnarlo alla sezione apposita, attendere che questa chieda alla direzione e che l’ufficio acquisti direzionale si faccia portare la consueta fornitura mensile di cartucce dal vincente dell’appalto pubblico.

    La cartuccia, in questi casi, viene a costare 50€(il doppio) + i tempi d’attesa per l’arrivo delle stesse, con il fermo servizio che ne deriva.

    E’ solo un esempio fra 100000 che potrei fare, ma arriviamo comunque sempre al discorso del “buon senso” di CHI dovrebbe controllare/fare/provvedere bla bla bla :)

    • 2.1
      baldarn

      perfetto, rendi il modulo digitale, la sezione apposita e la direzione automatica o semiautomatica, come poi la gestione dell’appalto… forse non otterrai la cartuccia in 20 minuti a 25 euro, ma probabilmente la otterrai a 15 in 2 ore…

      dobbiamo modernizzarci!!! è li la via! investimenti per le infrastrutture di rete e conseguenti sviluppi di organi automatici!

      la soluzione non è privatizzare ma modernizzare… alla fine il privato compra, modernizza e guadagna, perchè non può farlo il pubblico?

  • 1
    MM

    Un giorno il nome delle nazioni sarà composto come quello delle squadre di basket: prima lo sponsor, poi il vero nome.

    Noi per esempio saremo “Unicredit-Italia”.

  • 0
    NeroLucente

    Il principio è liberalizzazioni=COMPETIZIONE.

    E si sa che per competere bisogna impegnarsi di più e quindi migliorare i propri prodotti/servizi. Fin qui credo non ci siano dubbi che le liberalizzazioni comportano un necessario livellamento verso l’alto in termini di efficienza e qualità dei servizi.

    In genere tutto ciò che è pubblico sottostà alla legge delle garanzie e tranquillità massima del posto di lavoro, fino all’assenza di controlli, che solitamente spostano il lavoratore verso l’opposto di efficienza e qualità. Insomma non è cosi facile riuscire ad avere una gestione pubblica che funzioni perchè solitamente non esistono quei presupposti di etica, onestà e correttezza e tantomeno una gestione che possa equivalere a quella di un privato che gestisce la sua azienda mettendoci l’impegno massimo perchè godrà dei frutti e soprattutto perchè è di sua proprietà.

    L’altra faccia della medaglia è che se le liberalizzazioni non vengono correttamente regolamentate è facile che la competizione porti al prevalere di un solo protagonista e quindi ad un monopolio o duopolio, insomma l’accentramento che decreta la fine di tutti i vantaggi che le liberalizzazioni dovrebbero avere. Perhè si sa un monopolista è lui che fa il prezzo e decide dall’oggi al domani di voler guadagnare di più. Ne consegue che se in un paese non hai un organo di controllo potente, sarai vittima dei cartelli e i tuoi servizi costeranno molto di più.

    Altro lato negativo, la concorrenza rende i ritmi lavorativi frenetici, flessibili. Il che estremizzato equivale anche ad un peggioramento delle condizioni lavorative.

    Per il resto sono convinto che esistano dei limiti. Alcuni beni non sono materialmente liberalizzabili. L’esempio più calzante è l’acqua. Come fai a mettere i consumatori davanti ad una scelta se tutto sarà vincolato a chi si acaparrerà l’aquedotto? E ovviamente vale per una serie di funzioni vitali, polizia, magistratura. Perchè è chiaro che non si può subordinare la cattura dei malviventi al profitto…


     

     

  • -1

    La penso proprio come te in materia di privatizzazioni, sul mio sito mi è capitato di dover rispondere a questa domanda:

    “Se un’azienda pubblica reca un passivo (che si traduce in tasse da pagare per noi) di 100 milioni l’anno e la privatizzi vendendola a 300 milioni, sicuro che si tratta di una svendita? Sicuro che non sia conveniente per lo Stato?”

    Se un’ipotetica azienda pubblica così poco redditizia la vendi a 300 milioni e qualcuno la compra il tutto sta a significare almeno due cose:

    1)Allo Stato, cioè a noi, è costata più di 300 milioni.
    2)Chi la compra è evidentemente convinto di poterne poi ricavare un utile, quindi l’ipotetica azienda in questione ha le potenzialità per funzionare molto bene.

    Mentre allo Stato basterebbe solo che funzionasse bene abbastanza da garantire il servizio (che se essendo pubblico con ogni probabilità è di vitale importanza) in pareggio di bilancio o quasi.

    Quindi il politicastro di turno è risultato gravemente incapace nel gestirla.
    (Magari anche perchè corrotto: In un paese in cui il i tempi di prescrizione per il reato di corruzione sono stati abbassati a 7 anni e il cui Parlamento vota la fiducia a un Ministro della Repubblica imputato per Mafia sarà pur lecito pensar male, no?)

    Sì: io dico che è proprio una svendita.
    Con l’aggravante che il politicastro fa pagare a noi la sua incapacità e/o corruzione ben tre volte:

    -facendo funzionare male l’azienda pubblica.
    -svendeno l’azienda pubblica a privati che poi…
    -…venderanno il servizio di primaria necessità prima fornito secondo logiche pubbliche (cioè senza scopo di lucro) secondo le logiche private (cioè a scopo di lucro). 

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>