Eccovi gli Stati Uniti d’Europa

Mario Monti è lì per costruire l’Europa unita. Politicamente unita, sfruttando le condizioni propizie per la cessione della nostra sovranità. La persegue lui, la persegue Draghi, la persegue la Merkel, Papademos, la perseguono tutti tranne i popoli, che ogni volta cui è stato concesso di esprimersi sul tema hanno bocciato il progetto. Un referendum in Irlanda ha bocciato il Trattato di Lisbona. I referendum francesi e olandesi hanno bocciato la nuova Costituzione Europea. Ogni volta che questo accade, la UE trova un modo nuovo per aggirare la volontà popolare. La Costituzione Europea, gettata dalla finestra, è rientrata dalla porta dentro al Trattato di Lisbona. L’Irlanda è stata costretta a ripetere il referendum e a votare sì. In Grecia, il referendum sull’austerity è stato impedito dalle banche prima ancora di riuscire ad essere indetto. Come dice Nigel Farage: l’Europa conosce solo due risposte possibili alle consultazioni popolari: “Sì” e “Sì, per favore!”.

In Italia un referendum sulla questione è tabù. Nessuno lo chiede. Nessuno lo concede. Il Trattato di Lisbona è stato ratificato dal Parlamento a Ferragosto del 2008, quando la gente era ebbra di vino. Una questione di mera precauzione, quasi inutile. Se lo avessero ratificato in qualsiasi altro giorno sarebbe stato lo stesso: i media avrebbero parlato della Champions o degli acquisti di Natale in forte calo.

Mercoledì scorso, nel silenzio generale, il Parlamento italiano all’unisono ha conferito a Mario Monti il mandato ufficiale di costruire Gli Stati Uniti d’Europa. Un passaggio di consegne dopo le dimissioni del professore dalla Commissione Trilaterale, che lo impegnava allo stesso obiettivo. Nessuno vi ha chiesto niente. Siamo una democrazia rappresentativa, è vero, ma sulle questioni di grande interesse – e questa non può che esserlo – una vera democrazia consulta il popolo. Noi invece siamo considerati incapaci di comprendere. Forse per questo nessun dibattito pubblico è stato alimentato sul tema. Meglio Schettino e i plastici della Concordia.

Le mozioni presentate sono state approvate tutte, tranne quella della Lega Nord. Tutte hanno impegnato il governo a rafforzare i trattati europei e a costruire una unione fiscale, economica e in molti casi anche politica. Ora non possiamo più dire che Monti persegua i suoi obiettivi. Persegue quelli del Parlamento, cioè i vostri. Siete stati unificati a vostra insaputa. Forse è una cosa buona, dopo tutto. Da oggi potrete chiedere due etti di bologna a un salumiere di Berlino senza essere guardati male.

La mozione della Lega chiedeva al Governo di costringere l’EBA, l’autorità bancaria europea, a tornare sui suoi passi per quanto riguarda le norme sulla capitalizzazione che rende povere le nostre banche, con evidenti ricadute sulla nostra economia, e ricche quelle tedesche. Spiego bene cosa significa nel video. Una proposta che ha rimediato 53 sì e 400 no. Al Parlamento italiano non interessa se Unicredit è costretta alla ricapitalizzazione, finendo per addebitala sui nostri conti correnti. Del resto decide il PDL, il partito che era al governo quando l’EBA, nell’assenza totale dell’Italia da ogni tavolo di lavoro, prendeva questa decisione assolutamente iniqua.

Ma è proprio Angelino Alfano, a sorpresa, che dopo avere parlato del “Grande sogno degli Stati Uniti d’Europa“, conferma che questo loro sogno per il popolo si è sempre rivelato un incubo.

Presidente del Consiglio, se chiediamo a un nostro concittadino se per lui l’Europa ha un mercato, qualunque nostro concittadino ci risponderebbe che un mercato lo ha; se chiediamo a qualunque nostro concittadino se l’Europa ha una moneta, qualunque nostro concittadino ci risponderebbe che ha una moneta, l’Euro; se chiediamo a qualunque nostro concittadino se l’Europa ha un popolo ed è un popolo, credo che qualunque nostro concittadino ci risponderebbe di no, che l’Europa non ha ancora un popolo. È questo l’insegnamento di questo decennio, l’idea, cioè, che il mercato e la moneta non sono in grado di costruire un popolo. […] E forse anche per questo, quando a ratificare i Trattati sono stati chiamati i Parlamenti, i Trattati sono stati ratificati immediatamente, ma quando a ratificare i Trattati sono stati chiamati i popoli europei con i referendum confermativi l’Europa ha preso e ha subito gran dispiaceri “.

E subito dopo chiede “la rapida entrata in funzione dell’European stability mechanism (Esm)”,  in italiano il MES , “migliorato quanto a modalità di azione e a quantità di risorse”. Come se 125 miliardi di euro da sganciare sull’unghia per gli italiani non fossero già abbastanza, e come se la totale impunità e inviolabilità delle sue sedi e dei documenti personali dei suoi governatori (tra cui Mario Monti) fossero garanzie ancora troppo deboli.

 L’Italia dei Valori, viceversa, prima di impegnare il Governo a “un rafforzamento delle politiche di coesione europea con misure e provvedimenti che delineino una vera unione politica del continente“, ci spiega che la crisi iniziata il 7 luglio 2007 con il crollo dei mutui subprime era sostanzialmente una crisi del debito privato, e che dopo l’iniezione di liquidità per oltre 6 mila miliardi di cui hanno beneficiato le banche (ma Bloomberg ha svelato recentemente che solo la FED, di nascosto, ha pompato più di 7700 miliardi di dollari a tutte le istituzioni bancarie americane), queste ultime hanno deciso di reinvestire nei debiti sovrani, che erano più sicuri. “Ma”, aggiunge la mozione presentata da Massimo Donadi, “essendo i tassi pagati dagli Stati molto bassi, si è pensato di operare un attacco speculativo sui debiti sovrani dei Paesi dell’Unione europea ritenuti più deboli, obbligando questi ultimi ad alzare i loro tassi di interesse”.
Erano i tempi del colpo di spread e del “Fate presto!” del Sole 24 Ore. I tempi della fulminea ascesa di Mario Monti. Quelli in cui tutti erano d’accordo che non c’era il tempo di restituire la parola agli elettori. I tempi in cui la crisi indotta rendeva il momento propizio per proseguire nella cessione di parti di sovranità nazionali.

Da 48 ore, in ogni caso, l’Italia ha impegnato il suo presidente del Consiglio a perseguire il “Grande sogno degli Stati Uniti d’Europa“.  Ma per non “dare subito gran dispiaceri” alla UE, direbbe Alfano, a voi non è stato detto niente.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

20 risposte a Eccovi gli Stati Uniti d’Europa

  • 16

    Non sarei così pessimista, soprattutto perchè vedere tutto nero e fantasmi dove non ci sono aggrava solo le situazioni personali, mentre invece la fiducia positiva nel presente e nel futuro ci aiuta a creare un futuro migliore.

    GD Star Rating
    loading...
  • 15
    alghul

    Un’Europa veramente unita è un sogno.

    Un sogno che chi, come me, sente una radice comune di fondo in tutti i popoli europei, ha da molto tempo.

    Ovviamente secoli, se non millenni, di divisioni sono dificilissimi da ricucire.

    Sicuramente unione dei mercati e monetaria non dovevano essere, né sono, né saranno mai il giusto punto di partenza.

    L’attuale Unione Europea è l’unione dei politici, delle banche e dei finanzieri che niente ha a che spartire con lo spirito e i valori che da tempi immemori permeano il polpolo europeo.

    L’attuale Unione Europea non è altro che una vacca creata per essere munta dai veri potenti della Terra (vedi Trilateral Commission, vedi Fondazione Bilderberg).

    Ormai da parecchi decenni, ci stanno avvelenando con falsa cultura e falsi modelli di vita.

    Ormai da parecchi decenni stanno anestetizzando i popoli per impedirgli di insorgere e fermarli. 

    GD Star Rating
    loading...
  • 14
    alghul

    Un’Europa veramente unita è un sogno.

    Un sogno che chi, come me, sente una radice comune di fondo in tutti i popoli europei, ha da molto tempo.

    Ovviamente secoli, se non millenni, di divisioni sono dificilissimi da ricucire.

    Sicuramente unione dei mercati e monetaria non dovevano essere, né sono, né saranno mai il giusto punto di partenza.

    L’attuale Unione Europea è l’unione dei politici, delle banche e dei finanzieri che niente ha a che spartire con lo spirito e i valori che da tempi immemori permeano il polpolo europeo.

    L’attuale Unione Europea non è altro che una vacca creata per essere munta dai veri potenti della Terra (vedi Trilateral Commission, vedi Fondazione Bilderberg).

    Ormai da parecchi decenni, ci stanno avvelenando con falsa cultura e falsi modelli di vita.

    Ormai da parecchi decenni stanno anestetizzando i popoli per impedirgli di insorgere e fermarli. 

    GD Star Rating
    loading...
  • 13
    alghul

    Un’Europa veramente unita è un sogno.

    Un sogno che chi, come me, sente una radice comune di fondo in tutti i popoli europei, ha da molto tempo.

    Ovviamente secoli, se non millenni, di divisioni sono dificilissimi da ricucire.

    Sicuramente unione dei mercati e monetaria non dovevano essere, né sono, né saranno mai il giusto punto di partenza.

    L’attuale Unione Europea è l’unione dei politici, delle banche e dei finanzieri che niente ha a che spartire con lo spirito e i valori che da tempi immemori permeano il polpolo europeo.

    L’attuale Unione Europea non è altro che una vacca creata per essere munta dai veri potenti della Terra (vedi Trilateral Commission, vedi Fondazione Bilderberg).

    Ormai da parecchi decenni, ci stanno avvelenando con falsa cultura e falsi modelli di vita.

    Ormai da parecchi decenni stanno anestetizzando i popoli per impedirgli di insorgere e fermarli. 

    GD Star Rating
    loading...
  • 12

    Carissimo Claudio, come si può non condividere un articolo come questo?

    Parole sagge, ed è ora che la gente si svegli e si renda conto della direzione che l’elite ci ha fatto prendere…con il ns “tacito consenso”…

    Ho pubblicato il tuo articolo anche nel mio blog, ma altrettanto però, non posso fare a meno di ricordare a tutti una cosa:

    - Anche l’IDV ha votato Si al Trattato di Lisbona. Nel 2008 dopo aver rotto le scatole nei blogs di Grillo, IDV e Antonio Di Pietro (tutti gestiti dai CASALESI ASSOCIATI), per segnalare un dossier molto dettagliato e contro il Trattato, del senatore Stefano Pedica (IDV), e chiedendo come mai l’IDV avesse votato SI, il blog di Pedica è diventato stranamente privato e nessuno ha potuto più leggere quel dossier, che terminava con la frase: L’IDV DICE NO AL TRATTATO DI LISBONA! 

    Un caro saluto

    Alba

    GD Star Rating
    loading...
    • 12.1
      andrea_vik

      La sorpresa è per chi credeva o crede che l’IDV è senza macchia, e siccome ripete sempre le solite quattro cose, lagente tende a pensare che sia libera dai poterri forti.

      Da le mie parti si dice: “Il più pulito ha la rogna”.

      Ed è proprio il caso dei nostri politici.

      GD Star Rating
      loading...
  • 11
    shaggy

    c’è anche il trattato di Velsen che istituisce una specie di polizia sovranazionale priva di controllo da parte degli Stati

    blog.chatta.it/morena_mia/post/eurogendfor-la-strana-polizia-europea-con-poteri-illimitati.aspx

    l’arma dei carabinieri verrà sciolta e inglobata nella polizia, dobbiamo forse rimpiangere le ss?

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 10
    Tanatx

    La nascita di un popolo, ha ragioni più complesse di un trattato.

    una collettività di persone che occupano un territorio all’interno di precisi confini ed insieme sfruttano le risorse per finalità di mutua assistenza e per il sostentamento del proprio sviluppo scientifico, spirituale ed economico, può già definirsi un embrione di popolo, ma sono le sofferenze, i successi, la cultura viva, l’arte in ogni sua forma, che distingue un popolo da un’altro. Chi ebbe l’idea di impero, nell’antica Roma, viveva il sogno di ricreare il mito della democrazia e dell’arte greca, l’emulazione del mondo classico ha fatto di Roma, il primo vero governo europeo, e anche di più.

    Si potrà creare una costituzione europea, un parlamento, un tribunale, una polizia, e tante altre cose, ma se gli artisti non si convincono, se i liberi pensatori non sono d’accordo, ogni popolo avrà la sua insurrezione.

    Il primo atto artistico per fondare un nuovo stato, oltre ai colori della propria bandiera è la composizione di un inno, che rappresenta il primo respiro di una nuova vita che nasce in seno ad una nazione.

    Senza l’appoggio degli intellettuali e degli artisti l’europa probabilmente non andrà da nessuna parte. Oggigiorno si definiscono intellettuali perfino i giornalisti perchè scrivono articoli mediamente comprensibili, ma le cose stanno diversamente, l’intellettuale è colui che pensa, che si contorce dentro, che cerca, che scava, che approfondisce e scruta ogni momento dei suoi studi, per evitare fughe di sapere, l’artista è colui che è capace di creare da una serie di lettere comprese in una risma di carta, un capolavoro cui tutti possano fruire.

    Quanti artisti tra di noi? quanti intellettuali? siete forse convinti che sia ora di unire l’Europa sotto l’ombra di una banconota? Forse anche se gli intenti potrebbero rivelarsi più utili a noi che alle banche, sarebbe il caso di mandare i nostri artisti e intellettuali a parlare con quelli che decidono davvero? il dubbio resta sul fatto che vengano ricevuti o meno.

    Siamo pensiero elettrico, siamo noi la giustizia in rete, siamo il vero e il falso, possiamo già condividere un europa perchè lo facciamo con il mondo intero, l’unica cosa che mi lascia perplesso è la rassegnazione che sento in giro.. Noi siamo il mondo, possiamo tutto..

    Quando state per fare qualcosa che ritenete giusto eticamente ma sapete già che vi troverete in disaccordo con molti, pensate se quello che state per dire/fare potrebbe mettere a repentaglio la vita dei vostri cari o la vostra, se la risposta è no, allora non esitate a mettere in pratica i vostri intendimenti.

    Se deve esserci un’Europa deve essere la nostra, un gruppo di popoli capaci di scambiarsi arte e cultura restando sempre loro stessi.

    GD Star Rating
    loading...
  • 9
    servezza

    ma magari gli USE! farei festa per 1 mese. L’Italia va cancellata come entità politica.

    GD Star Rating
    loading...
  • 8
    ant

    Vorrei capire il motivo che spinge alcuni di voi a temere gli stati uniti d’Europa soprattutto se pensiamo a chi – dal dopoguerra in poi – ha governato questo paese senza (mai) rispettare la costituzione italiana in particolar modo negli ultimi 20 anni! ragazzi, dopo Monti ci tocca il solito minestrone riscaldato (berluska o finti avversari) mentre il popolo italiano ha dormito (e continua a dormire) beatamente tra le braccia di morfeo ( no, non mi riferisco a napolitano). Cosentino è stato salvato, il vaticano continua a farsi i c**zi suoi a nostre spese, i politici collusi con la mafia sono stati votati dagli italiani (aver preferito cuffaro a Borsellino è stato un riassunto del senso di legalità che vige in questa nazione) pur sapendo che avrebbero agito contro gli interessi di questa nazione. Per concludere, e lo scrivo senza problemi, ben vengano gli stati uniti d’Europa immediatamente! 

    GD Star Rating
    loading...
    • 8.1
      luis

      Vuoi un presidente degli Stati Uniti d’Europa che prenda le decisioni su di te, il tuo futuro e quello dei tuoi figli senza che nemmeno sappia che l’Italia esista e senza che conosca di cosa ha bisogno il suo popolo e che lo faccia senza il tuo consenso? Vuoi che siano i banchieri a prendere il posto dei politici, nel salotto televisivo di Santoro, a sparare c**zate? Bè, ognuno e libero di pensarla come vuole, tanto alla fine Loro se la cantano e Loro se la suonano. 

      GD Star Rating
      loading...
  • 7
    luis

    Stiamo avendo la prova di come la democrazia sia sempre stata una chimera. Non è altro che un inganno, non può esistere la volontà del popolo perché il popolo è formato da una moltitudine di individui che la pensano in modo diverso l’uno dall’altro pur avendo gli stessi interessi, gli stessi obiettivi, gli stessi sogni e speranze. Si lasciano soggiogare dalle ideologie e dimenticano le idee, si appassionano alla bandiera del partito e disprezzano l’avversario che manifesta per i loro stessi motivi. La moltitudine è caos, niente di coerente può venire da essa se non bestialità e istinto di sopravvivenza. Ma qualcuno abbastanza furbo, ingegnoso e spregiudicato può condurre questo gregge di uomini nella civiltà. Può dare loro il trastullo della democrazia, facendoli sentire che il loro volere conta e che la loro autodeterminazione è possibile, facendogli credere che i loro desideri sono realizzabili, quando in realtà quei desideri non gli sono mai appartenuti, ma sono stati suggeriti. L’inganno è la pura essenza della democrazia. Lo sò può sembrare una bestemmia, ma il bello è che se mi sbaglio (e ci spero) qualcuno può contraddirmi.

    GD Star Rating
    loading...
  • 6
    Bigalfry

    Se siete contro l’Europa, invece  di arrabbiarvi e basta, perché non iniziate a protestare? (consiglio:senza politici)

    In Italia non sono previsti referendum sui trattati internaionali, ma vorrei ricordare a tutti quanti che il referendum può essere fatto anche su questioni tecniche legate in qualche modo al trattato(per esempio sul recepimento di una qualche direttiva europea). In questo modo, se dovesse avere successo, lo strumento referendario potrebbe dare un segnale ai politici.

    Detto questo vorrei dire una cosa: l’Europa è una rinuncia alla sovranità nazionale a cui siamo costretti dalle circostanze(la Cina si mangia). L’UE, inoltre, è stata creata perché proprio i popoli europei avevano trascinato con i loro insulsi nazionalismi fanatici il mondo intero in 2 guerre mondiali. Stiamo pagando il prezzo della NOSTRA stessa stupidità(Hitler andò al potere con le elezioni). Invece di cercare di distruggerla(si può fare, ma le ricadute economiche sarebbero pesantissime), sarebbe meglio renderla più democratica e levare potere alle lobby. Un’ultima nota: rimando a un intervento di Sergio Romano sul corriere di tre(mi pare) giorni fa sull’abuso di referendum in Svizzera, anche se concordo che in Italia la volontà popolare è poco seguita. 

    INSOMMA, FACCIAMO L’EUROPA E FACCIAMO GLI EUROPEI!!!

    GD Star Rating
    loading...
    • 6.1
      rg3

      La Cina ci mangerebbe?

      Spiegami allora perchè non ha mangiato l’Argentina dopo che ha mandato al diavolo l’FMI?

      Santa pazienza, sono tutte balle che ascolti in televisione.

      E poi…io sono un italiano che vive da 40 anni in Svizzera e ti posso assicurare che il tuo Romano ha torto, qui non abbiamo alcun problema coi referendum.

      Usa la tua testa, te lo dico con il massimo rispetto.

      GD Star Rating
      loading...
    • 6.2
      Bigalfry

      Romano ha solo fatto un’analisi della politica svizzera degli ultimi anni in relazione ai referendum. Leggila e poi dimmi se corrisponde alla tua visione. E poi sono a FAVORE dei referendum ed anche per una riscrittura della costituzione tramite Internet come in Islanda. Il mio problema è che io non ho una fede cieca in niente, neanche nei referendum e ne vedo pregi e difetti. Tutto qui. E poi c’è un piccolo particolare che dimentichi sull’Argentina: adesso si è ripresa, ma dopo molti anni di povertà nera. Dall’Europa si può uscire quando si vuole, ma considerando il grado di integrazione economica saremmo costretti ad attraversare un periodo di povertà nera. Si può fare, per carità. E’ questione di scelte. Per il resto ti vorrei far notare che oggi la Cina è troppo potente e che, purtroppo, ci fa concorrenza proprio in ciò in cui siamo bravi, nel manifatturiero(e fidati che il mio babbo controlla le condizioni dei lavoratori in tutto il mondo). Avremmo dovuto investire in ricerca e sviluppo molto tempo fa. E comunque adesso che gli americani non ci aiutano più siamo da soli. Non contiamo nulla. E comunque bisogna essere grandi anche per poter contare qualcosa nelle grandi scelte internazionali(es. EFFETTO SERRA). 

      Infine, una precisazione: la diversità di opinioni non implica affatto l’essere schiavo dei media dei”padroni”. Io sono un lettore quotidiano di questo e di altri blog di informazione di tutti i tipi e non sono affatto schiavo del sistema(non che io sappia). La diversità di opinioni è il sale stesso della DEMOCRAZIA. Non dobbiamo scordarlo MAI!!!!

      GD Star Rating
      loading...
  • 5
    rg3

    Il Cerbero era un cane a tre teste con serpenti velenosi al posto dei peli.

    Le tre teste rappresentano: la Massoneria, il Vaticano (potere giudaico-cattolico) e la Mafia; i serpenti rappresentano i politici di qualsiasi colore.

    Ma davvero pretendiamo che i serpenti facciano i nostri interessi e non quelli della bestia che li ospita?

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 4
    Stefano.orso

    certamente conosci questo  video     http://www.youtube.com/watch?v=_qEd4ta7J7U&feature=uploademail

    GD Star Rating
    loading...
  • 3
    ilsucca66

    Non solo aggiungo questa vergognoso meeting o seminario che dir si voglia che si terrà il 18 feb a Roma in Senato!

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 2
    gabriella

    Io comincio a domandarmi se non sia meglio essere serenamente disinformati che informati e infelici…tanto abbiamo capito che passeranno COMUNQUE sulle nostre teste,  e che  le proteste iniziano e finiscono con una tastiera!

    E paventare continuamente un futuro peggiore non è che faccia un gran bene…:-(

    GD Star Rating
    loading...
  • 1

    in Tagli alla politica, chiacchiere per disinfomare. 7 giugno 2010. […] Una “curiosità” sull‘iter dell’antidemocratico trattato di Lisbona, a parte i ricatti contro gli irlandesi e le tre bocciature tramite referendum popolari (Francia, Olanda, Irlanda), gli unici parlamenti che hanno votato all’unanimità sono due: Malta ed Italia.

    GD Star Rating
    loading...

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Ultimi video
tasto_newsletter
I MINI-BLU

Vogliamo un nuovo presidente!

Mario Draghi e Giorgio Napolitano «Il forte consenso espressosi nelle elezioni del 25 maggio per il partito che guida il governo italiano ha oggettivamente garantito accresciuto ascolto e autorità all’Italia nel concerto europeo». Mai sentito nella storia della Repubblica un endorsement così smaccato da parte del Capo dello...leggi

Perchè io, te, voi… siamo diversi!

Perché sono diverso Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta, ed è per questo che sono diverso....leggi

Un’assemblea che non poteva votare

Espulsione Massimo Artini Paola Pinna Come vi avevo anticipato il 27 novembre (ma non bisognava essere dei grandi profeti), era evidente che l'assemblea parlamentare M5S, su Massimo Artini e Paola Pinna, non avrebbe mai potuto votare: se avesse votato contro la rete, infatti, sarebbe stata da espellere in blocco, ma far votare su...leggi

Dal Videoblog
Categorie
Commenti più votati