La grande colata di cemento

L’ECOMOSTRO di ARBUS, in Sardegna (guarda il video)

 

 articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

L’importante è chiedersi quale paese vogliamo consegnare ai nostri figli e agire di conseguenza. È scontato: tutti risponderanno di voler consegnare un paese migliore. Ma questo, in concreto, cosa significa? Un paese migliore è soltanto quello con uno spread più basso o con un Pil più alto? Oppure un  paese che abbia un’alta competitività industriale? A mio avviso, un paese migliore è banalmente un paese in cui si vive meglio, ovvero in cui si è più felici. Perché in fondo è questo l’obiettivo principale che ogni società persegue: la ricerca della felicità. E la qualità dell’ambiente in cui si vive fa sicuramente parte del percorso.

Eppure non mi sembra che l’Italia si muova in questa direzione. E non è una questione di destra, di sinistra o di sobrietà. Si tratta di cultura: la salvaguardia del nostro straordinario patrimonio ambientale è soprattutto un atteggiamento culturale che dobbiamo assumere e di cui invece continuiamo a infischiarci. Salvo poi indignarci di fronte alle tragedie che puntualmente scaturiscono dalla terra ferita, in seguito alle scelte sbagliate in materia di ecologia e di sviluppo, di sfruttamento del suolo e di speculazione edilizia.

Secondo il Wwf “il cambiamento climatico che influisce sull’intensificarsi dei fenomeni critici è provocato per il 95% dalle attività umane”. Quindi se le notizie di alluvioni, frane, slavine e smottamenti sono sempre più frequenti, la colpa è nostra. Ogni giorno, in Italia, il cemento fagocita qualcosa come 75 ettari di terreno agricolo. Queste sono le cifre (al ribasso) denunciate dal report di FAI e WWF ITALIA: Terra rubata. Settantacinque ettari al giorno significa che ogni anno in Italia scompare una superficie pari a quella di settemila Piazze San Pietro. Ogni giorno, da 60 anni a questa parte, spuntano 207 edifici abusivi: il 17% del totale delle nuove costruzioni. E sono oltre 4,5 milioni gli ecomostri che sono stati costruiti nel nostro paese nella sua storia repubblicana. Tanto poi c’è il condono. Ecco il raffronto visivo tra il suolo urbanizzato degli anni ’50 e quello odierno.

Consumo di suolo in alcune regioni italiane byoblu byoblu.com

Certo, la religione dello sviluppo porta a questo. E noi, in questi anni, ci siamo indiscutibilmente “sviluppati”. Ma se invece di ragionare secondo l’ottica dello sviluppo provassimo a ragionare secondo l’ottica del progresso, il discorso cambierebbe? Il progresso, infatti, non è soltanto quello economico e industriale, ma è anche quello culturale, sociale e ambientale. È un concetto molto più vicino a quello della ricerca, infinita ma progressiva, della felicità. Siamo davvero più felici ammassati in quartieri claustrofobici dove spesso anche la luce del sole non si azzarda ad entrare, in città sempre più estese dove la natura è una cartolina racchiusa in piccoli e sporchi francobolli che chiamiamo parchi? La cementificazione senza ritegno non soltanto rende le nostre vite meno sicure, calpestando le più elementari leggi della natura ed aumentando il rischio di dissesto idrogeologico, ma ci condanna anche ad una spesa folle senza alcun vantaggio di ritorno. Continuiamo a dissanguare le nostre casse in una serie infinita di ristrutturazioni, ma non investiamo mai nella prevenzione, attività molto più conveniente.

Area cementificata entro il 2020 Italia cementificazione urbanizzazione Claudio Messora Byoblu Byoblu.com

Secondo uno studio del 2010 del Ministero dell’Ambiente (e non degli ecologisti estremisti o no-global), “il fabbisogno necessario per la realizzazione degli interventi per la sistemazione complessiva delle situazioni di dissesto su tutto il territorio nazionale è stimato in circa 40 miliardi di euro”. Cifra ragguardevole, è vero, e in tempi come questi si potrebbe dire che ci sono ben altre priorità. Ma lo stesso studio, poco più avanti, precisa che la spesa dello Stato “per le attività di emergenza” si aggira “mediamente tra 2 e 3,5 miliardi di euro all’anno. La spesa per la prevenzione, invece, è stata in media di 250 milioni l’anno. Per ogni milione speso per prevenire, ne abbiamo spesi 10 per riparare i danni della mancata prevenzione”. Questo modello, dunque, basato sul miope intervento a posteriori, ci costa infinitamente di più di quanto non ci costerebbe intervenire con anticipo. E soprattutto, non risolve il problema.

Sconcertanti, infine, sono anche i dati che emergono spulciando nel bilancio del 2011 della Protezione Civile. Su 1.897.972.867 di euro (quasi 2 miliardi!), l’81% è stato destinato a interventi di ricostruzione, riparazione e organizzazione di Grandi Eventi, e meno del 13% per la prevenzione e la previsione delle emergenze.
E questa, dunque, l’Italia che vogliamo, la stessa che dipingeva Rino Gaetano oltre trent’anni fa? Ed è questa, per riallacciarsi al nostro discorso iniziale, l’Italia che intendiamo consegnare ai nostri figli?

Valerio Valentini
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

16 risposte a La grande colata di cemento

  • 12
    andrea_vik

    Concordo pienamente con tutto l’articolo, bravo Valerio !

    http://www.certificatienergia.it/

    Nella mia città, ad esempio, la stragrande maggioranza delle case è categoria energetica “G”.

    • GELATE l’inverno.
    • BOLLENTI l’estate.
    • SPENDONO un patrimonio per riscaldarle.
    • INQUINANO l’ira di Dio.
  • 11

    Concordo con l’autore dell’articolo. In parole povere con lo sviluppo, la tecnologia, la scienza, l’infrastruttura, non vogliamo altro che vivere più a lungo e meglio, ed è appunto questa “banale” ricerca della felicità di cui parla. Ma purtroppo chi risente più tutta l’innovazione è il nostro ambiente, ma, è più importante guadagnare quindi chiudiamo gli occhi e andiamo avanti affinché si può… Complementi dell’articolo molto semplice e puntuale.

    Saluti di Enrica Prestiti

    • 11.1
      Alerighini

      hai ragione!,io penso che si può essere innovativi e non cementificare, basta volerlo,

      una volta chiesi a mio padre bambino nel dopoguerra, gli chiesi ma perche’ costruivano solo in certi posti e in altri che sono magari più pianeggianti no?

      mi rispose, perche’ sulla roccia non viene niente

      quindi cementifichiamo , daccordo, cementifichiamo le zone aride e quelle buone lasciamole cosi come sono!, valà che se si vuole si può! , e ci sarà qualcuno che non abiterà più in periferia a roma o a milano… sai che perdita!

  • 10
    Amaro Lucano

    carissimo  .a mio avviso per contrastare la cementificazionebisogna incentivare la ristrutturazione:ma non solo quella legata al settore edile ma sopratutto quello mentale.Mi spiego noi stiamo parlando dell Italia non ISlanda,piena di borghi, piccoli paesi e centri storici con tantecase sicure,naturali,,- con animo e disabitate.Invece il nuovo tutto cemento,collanti rasanti e niente di naturale ma come si fa

     

  • 9
    Pedritoeldrito

    Gli attuali ecomostri sono per lo più grossi complessi alberghieri edificati in spregio ad ogni norma paesaggistica, normalmente costruiti per lucro da costruttori, generalmente legati alle cosche,  legati a doppio filo alle amministrazioni locali.

    Funtanazza, orrendo casermone in cemento, almeno nel fine era diverso dagli altri ecomostri. Era un complesso destinato ad ospitare le “colonie” estive dei figli dei minatori di Montevecchio, che di occasioni di svago e di vedere il mare ne avevano molto poche…

  • 8

    La mia idea di progresso coincide con quella di Claudio.

  • 7

    Oggi come sempre mi chiedo perchè casa mia debba avere la caldaia sempre accesa e i russi, Scaroni, ecc. debbano fare rafting con i nostri soldi.

    Progresso è la patente elettorale a punti, una casa efficiente e rispettosa dell’ambiente, tutti i treni puliti e puntuali che non si fermano con un po’ di ghiaccio, connessi alla rete. Sanità per tutti gratuita. Istruzione gratuita. Praticamente la stessa rotta che stiamo percorrendo noi, peccato che il senso sia opposto.

     

    • 7.1
      Anas E.

      Condivido !

      Posso aggiungere un parlamento pulito? Gare d’appalto trasparenti ? Equita ? Libertà d’espressione ? Case antisismiche ?

  • 6
    GianniGirotto

    Invito a leggere il libro di Maurizio Pallante “La Decrescita Felice”, che descrive come si può coniugare una maggiore sobrietà nello stile di vita (che non vuol dire tornare indietro…) con una maggiore qualità della stessa, maggiore felicità e migliori relazioni sociali…

    Ne trovate un ampio riassunto gratuito, capitolo per capitolo, su http://giannigirotto.wordpress.com/indispensabili/LIBRI/

  • 5
    giugno

    Non è in tema con il post, ma per certi aspetti anche si, c’è  il pericolo che l’arroganza politica pertinente a certi territori si allarghi a livelli europei.

    In Europa sta circolando un video  postato dal movimento civile tedesco “Zivile Koaltion” che è reperibile in inglese e in tedesco in questo sito     http://wn.com/ESM , in cui si contesta il  “contratto”  relativo al fondo europeo salva-stati “ESM”  perché  prevede un organo direttivo le cui regole sono contro i principi costituzionali della democrazia e della sovranità dei cittadini.   

    Se l’hai già visto ho l’hai già precedentemente pubblicato, non è tempo sprecato ricordarlo e mantenerlo “attuale” ci riguarda tutti:  

    http://wn.com/ESM

  • 4
    Lucianoc

    Quella che emerge, come al solito, è una Italia governata da gente che ha come

    interesse principale, l’arricchimento personale e dei loro sodali, a scapito

    di tutto il resto.

    Solo il  fallimento totale di questo Paese, può dare la speranza,che dalle ceneri

    possa nascere una società migliore.

  • 3
    Anas E.

    Valerio Valentini :

    L’importante è chiedersi quale paese vogliamo consegnare ai nostri figli e agire di conseguenza

    Vogliamo consegnare ai nostri figli una Italia in mano alle banche, multinazionali e ai petrolieri, vogliamo consegnare una Italia con posti di lavoro non noiosi,non monotoni, pensioni ridotti alla miseria, una Italia privatizzata…

    Potrebbe essere la risposta di Monti & Co. per la tua domanda    

     

  • 2
    Giancarlo58

    Alerighini ha scritto :
    condivido il pensiero dell’articolo.ma noi non eravamo una economia fondata sul rurale?? se cementifichi, poi non torni più indietro, e a me fa arrabbiare parecchio!se noi rimanevamo rurali e producevamo materie prime come ad esempio cibo, non ci fregava un accidenti se mezzo mondo andava in crisi!!chi è stato a far credere al contadino che viveva meglio se puntava a diventare un brooker???, maperfavore 100 volte meglio tra i campi che seduti ad una scrivania, dove al 100% ti verra una ernia al disco! in danimarca producono l’80 dei pomodori d’europa, scusate la danimarca?? la sicilia allora cosa dovrebbe fare???perche’ ci devono essere le quote latte , e poi ne importiamo dal 10 al 20 %perche’ l’olio non lo produciamo con le nostre olive ma ne importiamo un 50 % spagnolo per miscelarlo al nostro,trattato dalle olive cadute a terra…ok che la russia è vasta ma perche’ produce grano per tutta europa e noi non siamo capaci di arrivare al fabbisogno nazionale?e mille altre cose!io poi a volte mi annoio a leggere o ascoltare crisi, pil ,speread e compagnia bella, quando la soluzione è più banale di quello che pensiamo, alla fine mi viene in mente celentano , lui lo diceva anni e anni fa…

    Straquoto tutto quello che hai scritto sopra!

  • 1
    Alerighini

    condivido il pensiero dell’articolo.

    ma noi non eravamo una economia fondata sul rurale?? se cementifichi, poi non torni più indietro, e a me fa arrabbiare parecchio!

    se noi rimanevamo rurali e producevamo materie prime come ad esempio cibo, non ci fregava un accidenti se mezzo mondo andava in crisi!!

    chi è stato a far credere al contadino che viveva meglio se puntava a diventare un brooker???, maperfavore 100 volte meglio tra i campi che seduti ad una scrivania, dove al 100% ti verra una ernia al disco! in danimarca producono l’80 dei pomodori d’europa, scusate la danimarca?? la sicilia allora cosa dovrebbe fare???

    perche’ ci devono essere le quote latte , e poi ne importiamo dal 10 al 20 %

    perche’ l’olio non lo produciamo con le nostre olive ma ne importiamo un 50 % spagnolo per miscelarlo al nostro,trattato dalle olive cadute a terra…

    ok che la russia è vasta ma perche’ produce grano per tutta europa e noi non siamo capaci di arrivare al fabbisogno nazionale?

    e mille altre cose!

    io poi a volte mi annoio a leggere o ascoltare crisi, pil ,speread e compagnia bella, quando la soluzione è più banale di quello che pensiamo, alla fine mi viene in mente celentano , lui lo diceva anni e anni fa…

    • 1.1
      sognatorenostop

      Condivido in pieno!

      E oltretutto (visto che al momento sono impiegato in ufficio) posso confermare quanto io e chi mi sta intorno sia stato condizionato in passato dal mito del posto alla scrivania, quando invece sto scoprendo che la mia passione è quella di stare all’aria aperta in campagna…

      ma le scelte che ho fatto a 15 anni non posso dire che siano state consapevoli… e adesso mi ritrovo a voler cambiar vita!  (avete presente la canzone di Battiato “un’altra vita”)

       

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>