Tutti i dubbi sul fermo dei militari italiani in India

Il caso dei due militari italiani, i due “marò” del Reggimento San Marco del corpo speciale anti corsari imbarcati a protezione della petroliera “Enrica Lexie“, che avrebbero sparato al peschereccio indiano “St. Antony” uccidendo due pescatori e che per questo attualmente sono detenuti a Kochi, genera certamente più di una perplessità.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Innanzitutto la madre di tutti i dubbi: sono stati davvero loro a sparare su quel peschereccio? Non molto distante dalla “Enrica Lexie” pare infatti che sia avvenuto un altro conflitto dovuto ad atti di pirateria. La “St.Anthony” potrebbe essere stata colpita dunque altrove (16 colpi, di cui 4 a segno sull’equipaggio) e la responsabilità potrebbe erroneamente essere stata addossata alla nave italiana, che invece potrebbe avere sparato, sì, tre raffiche di avvertimento – di cui una in mare davanti alla prua come da procedure -, ma contro un’altra imbarcazione. Da notare che le regole di ingaggio di questi nuclei militari non prevedono il ricorso all’aggressione armata: ci si deve limitare ad azioni dimostrative, eventualmente sparando in aria. Sembra poi che sia una pratica comune per i pescherecci indiani avvicinarsi alle grandi imbarcazioni per costringere a cambiare rotta, al fine di non far loro danneggiare le reti da pesca.

Poi ci si interroga sul motivo per cui, contro il parere della Marina, la “Enrica Lexie” abbia abbandonato le acque internazionali in cui navigava e nelle quali è avvenuto l’incidente, per entrare nelle acque indiane e permettere così alla polizia l’arresto dei nostri militari. Le autorità indiane affermano che l’incidente sia avvenuto entro le loro acque territoriali, a 22 miglia dalla costa, e dunque questo avrebbe giustificato l’invio di due vedette e di un aereo per “convincere” il mercantile ad attraccare, ma il sistema di rilevamento satellitare a bordo del mercantile avrebbe confermato invece la posizione comunicata dai militari italiani al momento dell’incidente, ovvero 33 miglia.

Ancora, Il Ministro Severino dice che non ci sono dubbi: siccome il fatto é avvenuto inequivocabilmente in acque internazionali – il peschereccio non avrebbe rispettato le intimazioni ad allontanarsi, in una zona infestata dai pirati -, e siccome è accaduto su una nave che batte bandiera italiana, la giurisdizione sarebbe dunque italiana e, conseguentemente, la detenzione dei militari sarebbe illegittima.

E’ senz’altro comprensibile, condivisibile ed ovvio il nostro interesse riportare i nostri militari a casa ma, a ben guardare, il “fatto” che è avvenuto in acque internazionali, ammettendo pure che sia stata la “Enrica Lexie” a sparare sulla “St.Anthony”, in realtà corrisponde ad almeno “due” fatti diversi.

Primo fatto: i due militari Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, di 45 e 35 anni, su una nave che batte bandiera italiana, sparano. Secondo fatto: i due pescatori Jelestin e Ajesh Pinku, di 45 e 25 anni, su una nave che batte bandiera indiana (presumibilmente del Kerala, uno dei 28 stati federali della Repubblica indiana), vengono uccisi. Se è vero che che l’Italia ha giurisdizione sui due militari che sparano, allora sarà pur vero che l’India avrà giurisdizione nell’accertare le circostanze relative ai due pescatori che muoiono, cioè nell’indagare su due omicidi. Ma per la Farnesina “i militari sono organi dello Stato italiano e godono dell’immunità dalla giurisdizione rispetto agli Stati stranieri”. Una logica che nel passato siamo stati costretti a subire e che non è certo stata garanzia di una giustizia equa, come sanno bene le vittime della strage del Cermis.

Nell’area di mare compresa tra la Somalia e l’India, le intense attività di pirateria, specialmente somale, hanno condotto alla presenza di numerose flottiglie più o meno ufficiali, che vanno dalla Nato alle unità russe, indiane, cinesi, sudcoreane e iraniane, ognuna con le sue regole di ingaggio. Non sempre i prigionieri ricevono un trattamento in linea con la nostra idea di civiltà. Spesso, anziché essere catturati, i pirati o presunti tali vengono gettati in pasto ai pesci o legati e abbandonati in mezzo all’oceano, su un canotto. Si dice che le flotte russe siano quelle che ci vanno meno per il sottile, ma anche quelle indiane non scherzano: nel 2008 la fregata “Tabar” ha preso a cannonate il peschereccio tailandese “Ekawat Nava 5”, che era finito in mano ai pirati. Quindici morti.

Come diceva quel vecchio refrain: “Quindici uomini, quindici uomini, su una cassa da morto, e una bottiglia di rum“.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a Tutti i dubbi sul fermo dei militari italiani in India

  • 3
    Roberto Stevan

    domanda : ma il Console Generale non era sulla nave quando è stata presa la decisione di dirigersi verso l’India …al ministero sono cosi’ confusi ? , comunque il diritto internazionale e continuamente calpestato, come noi Italiani direi ….adesso vorrei capire come se ne esce e riportare i ragazzi a casa ….!!

  • 2
    Anonimo

    Queste cose la dicono lunga su quello che fanno i militari italiani in giro per il mondo. Forse non ci rendiamo conto che la pace si costruisce con il disarmo. Siamo accecati dal nostro pensiero occidentale capitalistico, crediamo di dominare il mondo, lo abbiamo fatto per secoli e invece dovremmo chiedere scusa a tutti i popoli che abbiamo soggiogato, sfruttato, torturato.

     

    • 2.1
      maurizio65

      E’ vero inziamo a chiedere scusa all’Italia del sud(Regno delle due Sicilie), ancora oggi depredata di tutto anche della Dignità di essere uomini.

    • 2.2
      lupetto

      a quanto sembra la presenza di militari sulla petroliera e relativo codice di comportamento sono regolati da una risoluzione onu in merito alla lotta contro la pirateria.

  • 1
    Gep

    I petrolieri si paghino la vigilanza del loro bastimento di petrolio invece di coinvolgere l’Esercito, Organo militare nazionale, per qualcosa che non è italiana né degli italiani e che oltretutto ci fanno pagare ‘profumatamente’.
    Se le banane costassero come l’oro da domani scortiamo i caschi di banane dal sud America?
    L’Esercito deve essere impiegato al servizio degli italiani non delle lobbies!

  • 0
    Luigibis

    Parlo da perfetto ignorante sia della vicenda accaduta che di regole della navigazione, è molto probabile che dirò molte fesserie. Quindi vi prego non mi linciate, ditemi che ho detto una c**zata enorme se vi và e avete il tempo per farlo spiegatemi cosa non và oppure datemi qualche spunto su dove informarmi. Molto più facilmente ignoratemi!

    Io chiedo: è normale che una petrolierà paga dei militari per difendersi dai pirati ed è legittimata ad ordinare ad un’altra imbarcazione di spostarsi dalla rotta o allontanarsi?
    E se un peschereccio avesse dei militari a bordo potrebbe ordinare ad una petroliera (o un’altra imbarcazione qualsiasi) di spostarsi dalla rotta o allontanarsi?

    • 0.1
      lupetto

      a quanto ne so solitamente in mare ha la precedenza l’imbarcazione meno agile, e per imbarcazioni a motore in genere e` la stazza che fa la differenza. ergo direi che la petroliera ha tutto il diritto di non cambiare rotta, indipendentemente dalla presenza di militari a bordo.

    • 0.2
      Natale

      I militari italiani a bordo delle navi sono pagati dallo stato italiano nell ambito del finanziamento delle missioni militari all estero. Detto questo penso che non sia la opzione migliore e più economica per salvaguardare la navigazione delle navi italiane. Sull episodio particolare più che di giurisdizione si dovrebbe accertare la colpevolezza o meno. Se sono colpevoli di aver sparato a degli innocenti e giusto che paghino secondo la legge indiana.

  • -1
    Ostrazio Nelson

    …[a quanto ne so solitamente in mare ha la precedenza l’imbarcazione meno agile, e per imbarcazioni a motore in genere e` la stazza che fa la differenza]…

    In mare non ci sono i deboli ed i forti, non si è gentili o prepotenti, ci sono le regole.
    Bisogna considerare, però, che le navi non hanno i freni e un cambio di rotta o l’arresto richiede diverse centinaia di metri…

    PRECEDENZE IN MARE

    1) VELA – MOTORE: ha sempre la precedenza la barca a vela sulla barca a motore di qualunque dimensione siano. La barca a motore ha la precedenza solo se si trova in una delle condizioni indicate al punto (4)

    2) VELA – VELA: ha la precedenza chi ha le mure a dritta (riceve il vento da destra, cioè ha il boma a sinistra).
    Nel caso di due barche con stesse mure ha la precedenza chi è sottovento.

    3) MOTORE – MOTORE: Come per le auto.
    Chi vede l’altro sulla propria dritta deve dare la precedenza.
    Nel caso di rotte opposte (rischio di collisione frontale) ognuno deve accostare alla propria dritta.

    4) CASI PARTICOLARI: hanno sempre e comunque la precedenza le imbarcazioni che:
    – non governano sono limitate dal loro pescaggio (navi o barche a vela in bassi fondali)
    sono intente in operazioni di pesca
    – vengono raggiunte (una barca che ne raggiunge un’altra deve superarla senza intralciarle il cammino)
    – escono da un porto

    • -1.1
      Luigibis

      Quindi nel caso della petroliera e del peschereccio (che suppongo è a motore) ricadiamo nella condizione MOTORE-MOTORE e quindi bisogna dare la precedenza alla imbarcazione che arriva da destra oppure in caso di pericolo di scontro frontale le due imbarcazioni devono mantenersi a destra le une dalle altre.
      Il problema è quindi stabilire come le due imbarcazioni si sono incontrate.

      Se il peschereccio stava pescando allora non ci sarebbero stati dubbi, in ogni caso la precedenza sarebbe stata del peschereccio.

      Giusto?

      I militari, sarebbero potuti intervenire soltanto in due casi:
      – il peschereccio non stava pescando e proveniendo da sinistra non ha rispettato la precedenza;
      – il peschereccio non stava pescando e non ha mantenuto la sua destra, nel caso in cui le due imbarcazioni viaggiavano nella stessa direzione con verso opposto.

      Sbaglio?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

L’EURO È UNA SCIAGURA – Valerio Malvezzi

L'Euro è una sciagura - Valerio Malvezzi Valerio Malvezzi, economista e professore di Comunicazione Finanziaria all'Università di Pavia, reduce dal successo straordinario ottenuto al convegno "ECONOMIA, BANCHE E LAVORO" di Siena, accanto ad Alberto Bagnai e Claudio Borghi (qui il suo intervento), è venuto nello studio di Byoblu per raccontare, intervistato da Claudio...--> LEGGI TUTTO

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRA CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>