MANUALE ANTIMAFIA – Parte 1: La macchina della giustizia

articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Quando sentiva parlare di invincibilità della mafia, Giovanni Falcone rispondeva così: “La mafia non è affatto invincibile. È un fatto umano, e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave e che si può vincere non pretendendo eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”.

Quest’anno ricorre il ventennale del suo omicidio. Per onorare la sua memoria è dunque necessario esigere l’impegno delle istituzioni, non il sangue di altri eroi. Iniziamo allora oggi un percorso in quattro parti, che verranno pubblicate ogni lunedì da qui a un mese, dove insieme a magistrati e giornalisti in trincea contro il crimine organizzato proveremo a proporre riforme importanti del codice di procedura penale e delle misure di prevenzione antimafia, sia a livello nazionale che internazionale.

Oggi parliamo di come combattere più efficacemente la mafia intervenendo in maniera semplice ed efficace sulla macchina della giustizia.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

MANUALE ANTIMAFIA

Parte 1: La macchina della giustizia

Nicola Gratteri è convinto che basterebbe riformare una decina di articoli del codice penale, “e a quei mafiosi gli faremmo un culo così… Ma se queste riforme, che devono riguardare anche la scuola e l’istruzione, non vengono attuate con convinzione e celerità, si finisce soltanto con l’abbaiare alla luna”. E vediamo, allora, alcune di queste proposte.

1. La posta certificata

Una molto basilare riguarda l’introduzione della posta elettronica certificata obbligatoria. Forse in pochi conoscono il modo in cui i magistrati sono abituati (e spesso costretti) a comunicare tra loro, con procedimenti che farebbero ridere anche gli uomini del mesolitico. Quando finisce un’indagine, ad esempio, bisogna notificare alle parti l’avviso di fine indagine. Oggi tale notificazione viene eseguita fisicamente da un ufficiale giudiziario o dalla polizia giudiziaria. “Fisicamente” significa che ci sono centinaia e centinaia di agenti che ogni giorno, anziché fare indagini, se ne vanno in giro per l’Italia con faldoni di documenti enormi, come i missi dominici di Carlo Magno. E questo sistema preistorico, oltre a sottrarre uomini alle indagini, costa milioni di euro e provoca ritardi e guai burocratici. Tant’è che mediamente, per comunicare l’avviso di fine indagine dei processi di mafia, ci vogliono dai tre ai quattro mesi. E spesso succede che per i disguidi banali che questo procedimento lento e farraginoso provoca, i detenuti escano per decorrenza dei termini e sia necessario ricominciare da capo.

Uno dice: chissà quanto sarebbe complicato istituire un sistema più efficiente, rapido ed economico. E invece basterebbe introdurre l’obbligatorietà per i magistrati di utilizzare la posta elettronica certificata, in maniera tale che un medio operatore di diritto impiegherebbe dieci minuti a comunicare qualsiasi avviso a 70 avvocati sparsi per l’Italia. Questo ridurrebbe, secondo Gratteri, anche il potere discrezionale del giudice, e quindi anche la possibilità di abusi.

2. Intervenire sui consulenti giuridici

Poi c’è la questione dei cosiddetti “fuori ruolo”, ovvero di tutti quei magistrati – sono più di 200 – che anziché svolgere la funzione per cui sono preparati e per cui hanno studiato, sono costretti a starsene nei ministeri, o nelle province, nelle regioni e nei comuni, a fare i consulenti giuridici. Che detto così può sembrare una mansione di estrema responsabilità. Ma tradotto in parole semplici, un “consulente giuridico” è spesso un magistrato che decide sull’acquisto di scrivanie, stampanti e computer per un ufficio piuttosto che per un altro. E capita che ad espletare questi oneri siano magistrati con vent’anni di carriera alle spalle, che costano allo Stato quasi 6 mila euro al mese. Quindi, anche in questo caso, oltre a rinfoltire le schiere di magistrati che operano davvero sul campo, una riforma semplice garantirebbe anche un risparmio considerevole, dal momento che quel tipo di consulenze possono essere tranquillamente eseguite da un ragioniere o da un avvocato che costano la metà di un magistrato professionista, eccezion fatta per pochi casi in cui è richiesta una competenza specifica. “Ma sono pochissime – spiega Gratteri – queste eccezioni: si tratta del ministero della giustizia, dell’ufficio per le rogatorie internazionali, dell’ufficio ispettivo e dell’ufficio legislativo”.

3. Chiusura dei tribunali inutili

Altra cosa da fare, e possibilmente subito, sarebbe chiudere una ventina di tribunali, che nel libro “La giustizia è una cosa seria” – scritto a quattro mani da Gratteri stesso con Antonio Nicaso – vengono definiti inutili. Ma come? Bisogna aumentare l’efficienza della magistratura e si vogliono contemporaneamente chiudere i tribunali? La contraddizione è soltanto apparente. Avere procure con uno o due sostituti procuratori, infatti, non ha alcun senso. È soltanto una spesa superflua, perché si è costretti a tenere attive strutture che non potranno mai essere davvero operative in maniera efficace. Invece, chiudendo i tribunali più piccoli, si potrebbe accorpare il personale, creare pool più coordinati e in grado di sostenere lavori e indagini più gravosi. E significherebbe anche risparmiare un sacco di soldi (meno auto blindate, meno autisti, meno strutture da dover arredare, riscaldare o raffreddare…). Secondo il magistrato di Reggio Calabria, ad esempio, soltanto in Piemonte esistono ben 17 tribunali (in media, uno ogni 20 chilometri), ma almeno dieci potrebbero essere chiusi domani mattina.
Poi ci sono le sezioni distaccate: anche quelle si dovrebbero eliminare, così da portare nelle casse dello Stato nuova liquidità da reinvestire nella lotta alla criminalità. E infine ci sono i Tribunali di sorveglianza, molti dei quali potrebbero essere accorpati tra loro. È il caso di quello di Reggio Calabria, che potrebbe essere unito a quello di Catanzaro, e quello di Messina con quello di Catania.

Tutto ciò contribuirebbe a smaltire qualcosa come il 60% degli arretrati, a rendere più veloci i processi e magari ad evitare la scadenza – ormai sempre più regolare – degli indulti. E renderebbe così la Giustizia credibile agli occhi di chi subisce abusi e soprusi dalle mafie ogni giorno, convincendo i commercianti e gli imprenditori minacciati e costretti a pagare il pizzo a rivolgersi ai magistrati.

Solo quando avremo file di gente fuori dai nostri uffici pronti a denunciare gli ‘ndrnaghetisti e i mafiosi – è solito ripetere Gratteri, che ci ha accompagnato in questa prima puntata della nostra inchiesta –, solo allora potremo dire che stiamo vincendo noi, nella lotta contro gli infami“.

Valerio Valentini

LEGGI ANCHE:
Parte 2: il sequestro dei beni
Parte 3: lo scioglimento dei comuni
Parte 4: la mafia nel mondo

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

10 risposte a MANUALE ANTIMAFIA – Parte 1: La macchina della giustizia

  • Pingback: MANUALE ANTIMAFIA - Parte 3: Lo scioglimento dei comuni per infiltrazioni mafiose | Byoblu.com

  • Pingback: MANUALE ANTIMAFIA - Parte 4: La mafia nel mondo | Byoblu.com

  • Pingback: MANUALE ANTIMAFIA - Parte 2: Il sequestro dei beni | Byoblu.com

  • 6
    Interessantissimo….ma saranno solo parole scritte o discorsi fatti così tanto per….perché chi decide è forzato a restare le cose come sono…..un po’ come l’uso della tecnologia nel calcio (moviola in campo)……forse sarò troppo pessimista, ma secondo me le cose non cambieranno MAI!
  • 5
    marcomarkiori

    Mi dispiace ma sulla posta certificata al primo punto non sono proprio d’accordo.

    Gli strumenti tecnologici sono utili ma non decisivi, e nel nostro caso la PEC è proprio un esempio di cattivo uso di una tecnologia.

    Sicuramente bisogna indurre tutta la macchina della giustizia a fare un buon uso delle tecnologie disponibili, ma non credo che uno strumento come la PEC possa essere di per sè decisivo.

    Riforma dei codici, organizzazione e tecnologie andrebbero introdotti tutti insieme e tutti in una volta, e fra le tecnologie andrebbero scelte quelle più internazionali e con maggiori prospettive di evoluzione. Non è il caso della PEC, tutta italiana e molto complicata nell’uso e nel numero e varietà dei documenti che genera.

  • 4
    NeroLucente

    Ci troviamo in una situazione cosi critica che soltanto le liste d’attesa sanitarie possono essere considerate maggiormente prioritarie.

     

    Un ritardo enorme, un inceppamento della giustizia che in molti casi fa dimenticare il significato della parola GIUSTIZIA. Se pensiamo che per entrambi i casi c’è un evidente colpa politica, allora dovremmo chiederci: “Chi ci guadagna?”.

    Se la sanità pubblica arranca, è quella privata che ne trae profitto.

    Se la giustizia arranca, sono i malfattori che ne traggono profitto.

    E allora è lecito il dubbio di chi pensa che esista un collegamento tra politici corrotti, affaristi, furbetti e le leggi che regolamentano l’attuale sistema giudiziario.

    Da ciò si evince che finchè non verranno mandati a casa gli attuali partiti, sarà difficile se non impossibile che vengano attuate le misure più logiche e utili al fine di rimmettere in moto la macchina giudiziaria.

  • 3
    Anas E.

    Questo materiale potrebbe essere un buon inizio per una legge popolare. Complimenti per l’articolo. non basta solo denunciare i fatti ma anche prendere le iniziative con delle idee costruttive come queste.

  • 2
    roby67

    Vogliamo il Dott. Gratteri ministro della giustizia, grazie!Ah, non puo’, perche’ guadagna troppo poco…Coraggio Valerio, continua così’, la mafia e’ il problema dei problemi italiani!!!

  • 1
    spartako1
    Diceva mia nonna: Con la "buona" volonta' si risolve tutto.
    Ma e' "quella" che manca purtroppo.
  • 0
    Krux

    Fino a quando il cattivo funzionamento della giustizia avvantaggia la nostra classe dirigente, ed il suo braccio armato che è la politica, togliamoci dalla testa l’idea che facciano qualcosa per farla funzionare.

    Quanto accaduto proprio un paio di giorni fa, a proposito del caso Berlusconi-Mills è emblematico:

    i bizantinismi previsti del nostro codice di procedura sono tanti e tali, che un avvocato di grido può ciurlare nel manico fino alla nausea, permettendo di guadagnare sempre il tempo necessario alla prescrizione.

    Questo se puoi permetterti di pagare parcelle milionarie, altrimenti, se sei un povero sfigato, non hai scampo. 

    Mettiamoci pure che, molto spesso, avvocati e magistrati frequentano gli stessi ambienti, gli stessi circoli del golf, gli stessi Rotary club quando non addirittura la stessa loggia massonica, ed il gioco è fatto.

    Come credete che sia nato il “porto delle nebbie”?

    Quindi, prima di qualsiasi altra riforma, bisogna rinnovare la stanza dei bottoni, altrimenti tutti gli altri sforzi diverrebbero vani.

    Insomma, bisogna separare i politici dai delinquenti, o meglio, a proposito di separazione delle carriere, separare le carriere dei politici da quelle dei delinquenti, altrimenti non c’è scampo.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>