La ‘NDRANGHETA che vuole la TAV in Val di Susa

 
articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

A volte un po’ di memoria topografica e giudiziaria farebbe davvero bene al nostro Paese. L’A32, ad esempio, la tanto citata autostrada su cui i manifestanti NO TAV continuano a fare pacifichi blocchi rimossi dalle forze dell’ordine, va da Torino a Bardonecchia. Cioè dal capoluogo di una delle regioni più importanti d’Italia a un piccolo comune di 3mila e 200 abitanti.

Ecco, quel piccolo comune – il più occidentale d’Italia – è stato il primo comune al di fuori del Meridione ad essere sciolto per infiltrazioni mafiose: era il 1995. Ma i lunghi tentacoli della ‘ndrangheta avevano raggiunto la Valle di Susa almeno da 4 decenni: da quando, cioè, a metà degli anni ’50 un giovane muratore originario di Marina di Gioiosa Ionica venne mandato al confino da quelle parti. Si chiamava Rocco Lo Presti, e nel giro di pochi anni assume sempre più la direzione del boom edilizio che stava conoscendo la zona, costruendo case, palazzi e residence e riuscendo a reclutare manodopera a basso prezzo.

Visto che s’era ambientato così bene, Lo Presti consigliò a suo cugino di trasferirsi a Bardonecchia. E così arriva anche Francesco Mazzaferro, titolare di un’impresa di movimento terra che ottiene presto il monopolio del settore nella zona che va da Bardonecchia a Sauze d’Oulx, tanto che nei cantieri, secondo le cronache del tempo, si vedono solo autocarri targati RC.

Negli anni, dopo qualche guaio con la giustizia – reclusione a causa di un condanna per omicidio non confermata in appello -, Lo Presti diventa un imprenditore coi fiocchi, un benefattore capace di dare lavoro a migliaia di persone e di garantire investimenti faraonici. “Ha rappresentato un pezzo della storia economica dell’Alta Valle e della località olimpica”, scrive un giornale locale in occasione della sua morte, avvenuta nel gennaio del 2009. Peccato che pochi giorni prima, però, “zio Rocco” fosse stato condannato in via definitiva per associazione mafiosa. Aveva infatti organizzato un racket delle braccia che piaceva agli operai (perché veniva garantito loro un lavoro) e soprattutto ai costruttori (che evitano così grane sindacali e risparmiavano sui contributi). Un rapporto della Commissione parlamentare antimafia, nientemeno che del 1974, evidenziò che “qualcosa di nuovo, qualcosa di strano ha rotto l’equilibrio di sempre. Si sono verificati fenomeni di delinquenza organizzata con caratteristiche del mondo mafioso: massicci casi di intermediazione, collocazione abusiva, sfruttamento e decurtazione salariale, racket”, e stimò che quasi l‘80% della forza lavoro venisse reclutata attraverso canali illegali.

Perché una ‘ndrina calabrese riesce ad attecchire in maniera così profonda in una regione straniera? Semplicemente perché è in grado di gestire in maniera efficiente il mondo del lavoro locale, fatto di appalti e di controllo della manodopera. E di lavoro, in quegli anni, nei pressi di Bardonecchia ce n’è tantissimo: ottomila alloggi, per 1 milione e 200 mila metri cubi di cemento, vengono tirati su alla fine degli anni ’60, senza considerare tutte le costruzioni abusive (stimabili in 2 mila unità). E poi quelli sono gli anni della costruzione del traforo del Frejus: un investimento da 170 miliardi di lire di allora (una situazione non diversa da quella che la Val di Susa sta conoscendo oggi). Quest’improvvisa espansione edilizia portò all’esaurimento della manodopera locale e all’impossibilità, da parte delle piccole aziende di Bardonecchia, di intraprendere i lavori.

Ed è qui che entra in gioco la ‘ndrangheta: molte imprese cominciano ad arrivare dalla Calabria, su consiglio di Lo Presti e di Mazzaferro, e si gettano a capofitto sugli appalti, divenendone i padroni assoluti. In un verbale steso nel 1987 dagli ispettori inviati dal prefetto di Torino si legge: “tra la cittadinanza di Bardonecchia è diffusa l’opinione che per intraprendere in quel luogo una qualunque attività commerciale sia necessario il parere favorevole del Lo Presti”.

Ovviamente, i metodi con cui la ‘ndrangheta si garantisce questo dominio incontrollato sono quelli tipici della criminalità organizzata: efficienza, controllo del territorio e ricorso alla violenza quando necessario. Tra il 1970 ed il 1983, la Procura della Repubblica di Torino registra infatti “44 omicidi di mafia“. Uno dei più eclatanti è quello di Bruno Caccia, che quella Procura la dirige e che più volte ha indagato su Lo Presti. La sera del 26 giugno del 1983, mentre porta a spasso il cane, il procuratore viene affiancato da un’auto: viene trivellato di proiettili. Il giorno stesso Lo Presti riceve un telefonata: “ecco il tuo regalo di compleanno”. Violenze e intimidazioni continuano per tutti gli anni ’80 e ’90: nel 1991 il commissario di Bardonecchia viene trasferito d’urgenza in Calabria, in un territorio ad alta intensità mafiosa. Inizialmente non se ne capisce il motivo, poi si scopre che anche lui stava facendo lo stesso errore di Caccia: indagava su Lo Presti. Nell’ottobre del 1994 un componente della commissione edilizia di Bardonecchia propone di aumentare gli oneri di urbanizzazione a carico delle imprese edili. Quando torna a casa, trova un coltello conficcato nel videoregistratore e si dimette, seduta stante, per “motivi di salute”.

Lo Presti, insomma, diventa uno vero e proprio boss. E come ogni padrino che si rispetti, fonda il suo potere sulla certezza dell’impunità, che gli viene garantita dalla collusione di gran parte dei politici locali. Il perché la politica non si opponga alle mafie è sempre lo stesso: le cosche portano voti. E infatti Lo Presti si vanta a telefono – non sapendo di essere intercettato – di controllare 500 preferenze a Bardonecchia e di tenere in pugno la maggioranza dei consiglieri comunali. Ad un giornalista di Repubblica che gli chiede se “c’è qualcuno che controlla i voti a Bardonecchia”, il 6 ottobre del 1994 confessa: “Nessuna giunta viene eletta contro il parere dei meridionali. Le posso dire che non ho bisogno di dire ai miei amici cosa devono votare. Conoscono le mie idee e, se mi vogliono bene, sanno a chi dare il voto”.

Nel 1994 il sindaco ed alcuni consiglieri comunali di Bardonecchia vengono accusati di speculazione edilizia. L’indagine alza un gran vespaio di polemiche, la stampa nazionale accende i riflettori su quel piccolo comune della Val di Susa e vengono svelate le forti infiltrazioni mafiose nella politica locale. L’anno dopo il Presidente della Repubblica Scalfaro scioglie la giunta comunale, ma questo non serve di certo a sradicare la mala pianta da Bardonecchia. Nel 1996, la lista che aveva sostenuto l’ex sindaco fa una dura campagna elettorale rivendicando orgogliosamente la forte continuità rispetto all’amministrazione comunale precedente, e ottiene il 70% dei voti, col sostegno trasversale dei partiti della sinistra e della destra.

Facciamo un salto di qualche anno e arriviamo al 9 gennaio 2008. A Prascorsano, comune di 800 abitanti nella provincia di Torino, si riuniscono alcuni ‘ndranghetisti per festeggiare il conferimento della “dote di trequartino” a due affiliati del locale di Cuorgnè. A spiarli ci sono le telecamere dei Carabinieri, nell’ambito di un’indagine durata oltre 5 anni che porterà nel giugno del 2011 all’operazione Minotauro. Coordinati dal procuratore capo di Torino, Giancarlo Caselli, e di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, gli inquirenti arrestano 148 persone, accusate di essere esponenti della ‘ndrangheta e di aver praticato voto di scambio, con imputazioni aggiuntive che vanno dalla detenzione e porto abusivo di armi al favoreggiamento di latitanti, dal traffico di droga internazionale all’estorsione, dalle false fatturazioni a finanziamenti illeciti, fino a ricettazione e truffa, con una confisca di beni, mobili e immobili, per oltre 117 milioni.

Ad oggi, in Piemonte si ha conoscenza di almeno 15 locali di ‘ndrangheta attivi, e dalle testimonianze di indagati o pentiti (pochissimi) si profila una situazione inquietante: quello che accadeva a Bardonecchia negli anni ’70, cioè l’assoluto monopolio da parte delle ‘ndrine del mercato edile ed il controllo dei voti, sembra ormai divenuto la norma a livello regionale. Ecco cosa si legge in un’informativa dei Carabinieri di Venaria, datata 7 aprile 2010: un clima di violenza e di intimidazione […] connota l’attività edile in questa particolare zona dell’hinterland torinese, dove, al pari del cuorgnatese, la presenza cospicua di affiliati alla ‘ndrangheta ha reso di fatto impensabile lo svolgimento dell’attività edile senza dover corrispondere agli stessi costanti esborsi di denaro, per lo più destinati dagli affiliati al mantenimento dei carcerati. E sarebbe in zone come queste che dovremmo aprire un cantiere mastodontico come quello del TAV?

Ma non è tutto. Ad Orbassano, alle amministrative del 2008 è stato eletto consigliere comunale nella lista del Pdl Luca Catalano, nipote di quel Giuseppe Catalano ritenuto dalla procura il capo del locale di Siderno nel capoluogo piemontese. Altri comuni tra il torinese e la Valle di Susa sotto il controllo delle ‘ndrine sono, secondo la Dda di Torino, Grugliasco, Collegno, Settimo Torinese, Vinovo, Nichelino, Moncalieri, Cintano, Borgaro Torinese, Volpiano, Borgone di Susa.

Beppe Grillo l’altro giorno si chiedeva chi ci sia dietro il TAV, e perché partiti di maggioranza e di opposizione, governi tecnici o politici, non osino dire una parola contro quest’opera inutile e costosa. Siamo sicuri che la risposta sia davvero così difficile da trovare?

Valerio Valentini
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

7 risposte a La ‘NDRANGHETA che vuole la TAV in Val di Susa

  • Pingback: Incredibile: pur di fare la TAV hanno tolto i soldi alla scuola! | Byoblu.com

  • Pingback: A Milano la mafia non c'è, IO NIENTE SACCIO | Byoblu.com

  • 5
    Brus
    La merci dell’est sino in Portogallo? Se cosi fosse si dovrebbe rafforzare il corridoio 5 – credo si chiami cosi -, già identificato dalla UE. Ovvero Lisbona, Barcellona, autostrada del mare sino a Napoli, Bari, autostrada del mare Bari-Durazzo, Bulgaria, Moldavia, oriente. Questo corridoio invece viene trascurato pur essendo stato identificato come priorità. E poi il portogallo è un mercato cosi insignificante, per le merci orientali. Le linee ferroviare poi ci sono già e le merci non necessitano di arrivare un’ora prima. E’ ovvio che si tratta di business, di inventarsi scuse con le quali lo stato giustifica una marea di appalti da dare a certi grossi privati.
  • 4
    Bigalfry2

    URCA!!! E’ davvero inquietante!!

  • 3
    thenavigator

    ieusimone ha scritto :
    FACILE NON E’. La presenza della ‘ndrangheta non basta a giustificare l’ostinazione di portare avanti il progetto TAV.Anzi, di fronte a tanta opposizione forse è anche peggio per la malavita perchè ci sono in zona troppi riflettori puntati. Ciò che interessa alla criminalità è ricevere appalti, non importa che siano TAV o meno. Se si decidesse di usare quei soldi per migliorare le strade in tutto l’arco prealpino, per l’edilizia popolare, per il rifacimento degli argini, ecc. ciò che importa è l’aggiudicazione degli appalti e l’entità complessiva degli introiti. Se il TAV va avanti, nonostante tutte le ragionevoli ed obiettive controindicazioni, è perchè ci sono interessi BEN PIU’ ALTI della criminalità organizzata, interessi sovranazionali che non so al momento definire e che sono di certo prevalenti sullo costo economico, sul costo politico, sulle persone
    Bigalfry2 ha scritto :
    URCA!!! E’ davvero inquietante!!

  • 2
    ieusimone

    FACILE NON E’.

    La presenza della ‘ndrangheta non basta a giustificare l’ostinazione di portare avanti il progetto TAV.Anzi, di fronte a tanta opposizione forse è anche peggio per la malavita perchè ci sono in zona troppi riflettori puntati.

    Ciò che interessa alla criminalità è ricevere appalti, non importa che siano TAV o meno. Se si decidesse di usare quei soldi per migliorare le strade in tutto l’arco prealpino, per l’edilizia popolare, per il rifacimento degli argini, ecc. ciò che importa è l’aggiudicazione degli appalti e l’entità complessiva degli introiti.

    Se il TAV va avanti, nonostante tutte le ragionevoli ed obiettive controindicazioni, è perchè ci sono interessi BEN PIU’ ALTI della criminalità organizzata, interessi sovranazionali che non so al momento definire e che sono di certo prevalenti sullo costo economico, sul costo politico, sulle persone

  • 1
    zerotav

    Secondo me non centri del tutto il problema.

    La Tav è legata al progetto dell’Europa per far correre le merci dall’est asiatico all’europa e non il contrario perche tutte le fabbriche europee (ad eccezione di quelle francesi inglesi e tedesche) stanno chiudendo.

    La Tav è legata all progetto dell’euro dei banchieri, alla UE dei lobbisti di goldman che stanno impoverendo gli stati soprattutto sud europei.

    Segnalo il libro “La dittatura europea” che spiega quello che è successo.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>