La poltrona vuota

 

articolo di Valerio Valentini per Byoblu.com

Alle ultime elezioni regionali e amministrative emergono candidati ed eletti in liste gremite di persone che non sono certo degne di rappresentare nessuno. La disinvoltura nella formazione delle liste è molto più allarmante di quella che noi abbiamo immaginato“. È l’ottobre del 2010, e a parlare così non è Beppe Grillo, ma Beppe Pisanu. Il Presidente della Commissione parlamentare Antimafia se la prende soprattutto con le prefetture, che sono gli enti preposti per legge ad effettuare accertamenti sugli eletti dei vari partiti nelle varie elezioni. Non, però, sui candidati. Per cercare di limitare il numero degli “indegni”, il 18 febbraio del 2010 la stessa Commissione aveva adottato il codice di autoregolamentazione, con il quale i partiti si impegnavano solennemente a non candidare persone rinviate a giudizio, o condannate in primo grado, per una serie di reati ritenuti gravi: mafia, terrorismo, traffico d’armi e di rifiuti, estorsione, usura e via dicendo.

Ma in Italia, si sa, i partiti sono soliti confondere il concetto di “autoregolamentazione” con quello di “nessuna regolamentazione”. Una mano lava l’altra, e tutte e due servono a farsi il bidet. Ecco perché Pisanu, dopo qualche mese, inveisce in maniera dura contro i prefetti, rei di non aver fornito, o di averlo fatto solo parzialmente, i dati richiesti dall’Antimafia su candidati ed eletti. Gli errori sono diffusi in tutto il Paese, e riguardano ben 30 prefetture, cioè un terzo di quelle interessate dalle elezioni del 2010. Agrigento, Mantova, Messina, Catania e Bolzano sono le 5 prefetture completamente inadempienti, mentre tra quelle che hanno inviato dati insufficienti figurano anche Milano e Bergamo. Ecco che allora Pisanu sbatte il pungo sul tavolo e s’infuria: ipotizza una nuova procedura di sorveglianza, consistente in una scheda “in cui sono indicate le caselle da riempire: le manderemo al ministro dell’Interno e alle Prefetture e noi vogliamo una risposta entro una settimana. Fine. Se non arrivano le risposte vorrà dire che arriverete voi, signori Prefetti a spiegarci in commissione che cosa è successo“. Gli fa subito eco Walter Veltroni: “Non possiamo accettare come commissione di essere presi in giro: sono 7 mesi che dobbiamo assolvere a un impegno e non possiamo. Avendo percorso tutte le vie interne e non avendo avuto una vera risposta dobbiamo rendere nota questa situazione“. Bene, bravi, bis! Ma ora che le nuove elezioni si avvicinano, gli Italiani vorrebbero sapere cosa ha prodotto in due anni la macchina della politica dopo cotanta polemica e il dispiego di un così nutrito numero di cervelli. La risposta è facile: assolutamente nulla. Col rischio, anzi con la certezza, di risvegliarci all’indomani delle elezioni e scoprire le solite facce inguardabili con passati imbarazzanti e fedine penali sporche più che mai.

Quando si pensa agli “indegni” nelle liste elettorali, vengono subito in mente gli esempi più noti: igieniste dentali e figli di papà lobotomizzati divenuti consiglieri regionali a 12mila euro al mese, oppure showgirl nominate ministre. Ma il rischio più atroce nell’avere un sistema di controllo così inadeguato è quello delle infiltrazioni delle organizzazioni criminali che sempre più, nel corso degli anni, hanno affinato le loro tecniche di inserimento nelle Giunte e nei Consigli, fino ad arrivare al Parlamento. Per analizzare nel dettaglio questa capacità sempre maggiore di controllo della politica da parte delle cosche ci sono due storie che meritano di essere raccontate.

La prima è quella di Caccamo, che ci consegna la fotografia di una mafia per certi versi datata: quella che è stata Cosa Nostra fino agli anni ’70. Caccamo è un comune di 8mila abitanti a est di Palermo, che Giovanni Falcone, stupefatto dalla ricchezza delle famiglie locali, aveva ribattezzato “la Svizzera di Cosa Nostra“. Il modo in cui vi si è esercitata la politica, per oltre mezzo secolo, lo ha spiegato Vera Pegna, giovane eletta nel Consiglio Comunale tra le file del PCI nel 1962. Pur non essendo originaria della zona, aveva notato subito delle stranezze, che pochi anni dopo, nel 1970, riferì alla Commissione Parlamentare Antimafia. “Con nostra grande sorpresa, quando siamo entrati nella prima seduta del Consiglio Comunale, abbiamo visto che c’erano 22 sedie bianche per la maggioranza e 8 sedie nere per l’opposizione. Abbiamo visto inoltre che c’era, a parte queste trenta sedie e quella del segretario comunale, una grossa poltrona, e abbiamo chiesto di chi era questa poltrona, se ci si poteva sedere, ma ci è stato detto di no. Era la poltrona di don Peppino Panzeca e non ci si poteva sedere nessuno. Succedeva l’anno scorso. Oggi don Peppino è latitante”. Non credo ci sia bisogno di chiarire che Panzeca era il capomafia di Caccamo. Invece va detto che il suo successore sarà Nino Giuffrè, uomo di fiducia di Riina e Provenzano. Ma quello che è importante notare è il modo in cui Cosa Nostra a Caccamo gestiva gli affari che le interessavano. Lo faceva dall’esterno, senza inserire nel Consiglio Comunale un proprio uomo, confidando nella “comprensione” dei consiglieri e dei sindaci, garantendosi la loro obbedienza tramite corruzione o minacce. Obbedienza che era simbolizzata dalla poltrona lasciata vuota in rispetto del capomafia locale. Una regia, quindi, che la mafia esercitava sulle istituzioni restando al di fuori delle istituzioni.

Per vedere invece quanto le mafie si siano evolute, e fino a che punto le infiltrazioni nella politica siano divenute profonde, la storia che bisogna raccontare adesso è quella di Siderno. Il comune reggino è una delle zone d’Italia in cui il potere della criminalità organizzata è più forte e asfissiante. La locale di ‘ndrangheta che agisce su quel territorio è ritenuta una delle più influenti di tutta la mafia calabrese e, in una lavanderia del posto gestita dal boss Giuseppe Commisso, tra cellophane e lavatrici, si stabilivano gli equilibri del clan a livello mondiale. Nonostante questo, il comune di Siderno non è mai stato commissariato per mafia. Come è possibile? La realtà è che la ‘ndrangheta è riuscita ad oltrepassare il muro che separa le istituzioni dalla criminalità. E lo ha fatto meglio di tutte le altre mafie. Il 14 dicembre del 2010, infatti, è stato arrestato Alessandro Figliomeni. Gli inquirenti hanno individuato in lui un elemento di vertice della ‘ndrina dei Commisso, cioè un “santista”, un ruolo gerarchico altissimo nell’organigramma mafioso, in virtù del quale Figliomeni, secondo l’accusa, “contribuiva a dirigere e coordinare il sodalizio [criminale, ndr] prendendo le decisioni più rilevanti, impartendo ruoli e disposizioni agli altri associati“. Non solo: aveva stretti rapporti col boss Giuseppe Commisso e anche con gli affiliati che operano a Torino, già arrestati nell’ambito dell’operazione Il Crimine. Ora, qualcuno si starà chiedendo cosa c’entra l’arresto di Figliomeni con l’infiltrazione della ‘ndrangheta nella politica di Siderno. Ecco, Antonio Figliomeni, fino a pochi mesi prima di essere arrestato, di Siderno era il Sindaco. Era stato eletto con una lista di Forza Italia, poi era passato con l’Mpa e infine s’era candidato, con gattopardesco trasformismo, alle elezioni regionali con la lista “Autonomia e diritti con Loiero presidente”. Secondo i magistrati Figliomeni partecipava alle competizioni elettorali forte del supporto dell’intera organizzazione criminale o di parte di essa, che gli garantiva un mucchio di voti. Una volta eletto, curava gli interessi della cosca e la favoriva, attraverso l’adozione di specifici provvedimenti.

Le due storie appena raccontate descrivono l’evoluzione, nell’arco di quarant’anni, delle organizzazioni criminali. Le quali non si limitano più a convincere politici corrotti o minacciati a gestire la cosa pubblica in maniera tale da favorire gli interessi del clan, ma si sono fatti ormai gestori in proprio. Le mafie, insomma, non controllano più la politica. Loro la politica la fanno. Nei comuni come nelle province, ma a ben vedere anche ad un livello più alto [leggete le intercettazioni tra il Senatore Di Girolamo e Gennaro Mokbel]. Le tante poltrone lasciate vuote in ossequioso rispetto a un assente innominabile e temuto, oggi sono occupate stabilmente da un potere criminale che è in grado di presentare un pedigree apparentemente impeccabile.

E questo, insomma, il Paese che si sta avvicinando alle elezioni che si terranno a maggio in molti Comuni. Un Paese che corre il rischio, ad ogni tornata elettorale, di essere fagocitato pezzo a pezzo dall’aggressività delle mafie, che si stanno facendo istituzioni. Lo Stato, a causa dell’incapacità dei suoi amministratori e della scarsa attenzione dei media sul tema, si sta di fatto consegnando alle cosche.

Alla luce di ciò, il pensiero di Gianfranco Miglio, che auspicava la costituzionalizzazione delle mafie, si sta rivelando tutt’altro che folle. Se non per un piccolo, fondamentale errore commesso dal teorico della Lega: pensare che questo fenomeno potesse riguardare soltanto il Meridione.

Valerio Valentini
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

3 risposte a La poltrona vuota

  • 2
    rg3

    L’ho già detto e continuerò a dirlo in eterno:

    Massoneria, Mafia e Vaticano

    Questa è la trojka che governa il mondo, che ci crediate o no questo è; lavorano di regola separatamente ma, in caso di necessità, anche in sinergia (De Pedis, banda della magliana, sepolto in Sant’Apollinare docet).

  • 1
    giorgio anderson

    Mafia nostrana emafia interazionale… quali sono le vie di uscita da questa situazione? Non vi sembra il caso di passare alle vie di fatto?? Vogliamo continuare a farci schiacciare da criminali che ci opprimono o alzare la esta per una volta soltanto nella vita. Se la mafia sta nelle istituzioni, allora le istituzioni vanno rovesciate, il resto sono chiacchiere per debosciati. Passiamo ai fatti!

  • 0
    blastlikecrazy

    Se Il presidente del consiglio italiano e i suoi amici ministri fanno parte del piu’ grosso cartello mafioso internazionale, quello bancario, che vi aspettate?  Lo stato si consegna alle cosche mafiose? No e’ gia’ completamente in mano della PRIMA COSCA MAFIOSA MONDIALE!!!!!!!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>