Dissanguati e radioattivi

articolo di Maria Ferdinanda Piva per Byoblu.com

 L’altro giorno ha fatto il giro del web la notizia che 100 medici e scienziati hanno scritto una lettera a Monti chiedendogli di “riconsiderare il nucleare“. Come se gli italiani non avessero già detto “No, grazie” per due volte, con i referendum dell’anno scorso e dell’87. A parte che la lettera di cui tutti parlano è irreperibile on line (non è pubblicata sul sito dell’associazione “Galileo 2001” da cui è partita e non sono stati resi pubblici i nomi dei firmatari: si vergognano?), la notizia è interessante perché ancora una volta dimostra come stanno cercando di attaccarsi alla nostra bolletta per ciucciare quanto più possibile. Impresa che col nucleare – particolarmente caro – riuscirebbe particolarmente bene, mentre con le rinnovabili non riesce affatto. Non a caso ora le innovabili sono sotto attacco.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

 C’è crisi e in giro c’è un’aria pesante. La reazione più comune – e più saggia – è ridurre le spese e comprare il meno possibile. Però l’energia elettrica è una delle pochissime cose di cui è davvero difficile fare a meno. Se vendere auto, case e perfino carne, latte e uova non è più un affare, è “normale” che i desideri di profitto si dirigano verso i contatori domestici. E non solo il profitto: più il costo dell’energia è alto, più i soldi escono dalle nostre tasche e, come si suol dire, girano.

 Il nucleare richiesto dalla lettera spedita a Monti dai medici e dagli scienziati, da questo punto di vista, sarebbe l’ideale: poco più di due anni fa Citigroup, che non è un covo di attivisti alternativi bensì la più grande azienda di servizi finanziari al mondo, stimò che in Gran Bretagna col ritorno al nucleare il prezzo dell’energia elettrica sarebbe aumentato, nella più rosea delle ipotesi, di 5 euro per megawatt, passando da 65 ad almeno 70 euro. Il ragionamento di Citigroup che porta a dedurre un aumento dell’8% almeno è attualissimo: nulla fa pensare che nel frattempo il costo di una centrale nucleare sia diminuito, anzi! Qui la sintesi in italiano del rapporto di Citigroup, arrivato proprio mentre il governo Berlusconi prometteva che, tornando al nucleare, l’elettricità avrebbe avuto il prezzo delle patate.

 Le rinnovabili invece, oltre a non inquinare (e scusate se è poco), fanno diminuire davvero il prezzo dell’energia elettrica. I politici affermano l’esatto contrario: meno rinnovabili per ridurre le bollette, ha proclamato il ministro Passera. Ma il fotovoltaico, da solo, ha fatto scendere del 10% il costo dell’elettricità nella sua fascia più cara (quella del picco di consumo diurno) e le fonti rinnovabili, nel loro insieme, l’anno scorso hanno consentito un risparmio sul prezzo dell’elettricità all’ingrosso pari a 396 milioni di euro. E’ “clamorosamente sbagliato” il calcolo governativo secondo il quale le rinnovabili producono un onere pari a 150 miliardi di euro: sono centocinquanta miliardi di balle! Parola di Repubblica, un giornale che non si può certo definire nemico di Monti.

 A riprova di tutto ciò, l’Enel si lamenta che “lo sviluppo delle fonti di energia rinnovabili e il conseguente aumento della pressione competitiva (…) sta rendendo difficile la copertura dei costi di produzione degli impianti convenzionali”. Ecco: per succhiarci sangue in tempi di crisi non restano che le bollette. E adesso è chiaro perché cominciano a parlare di azionare lo sciacquone sui risultati di due referendum antinucleari e perché vogliono mortificare le rinnovabili.

Maria Ferdinanda Piva

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

17 risposte a Dissanguati e radioattivi

  • 2
    Giuseppe M.

    Concordo su tutto quanto scritto, brava!

    Per la maggior parte di noi che non possiamo installare pannelli ed essere indipendenti, iniziamo a preferire come nostri fornitori quelli che usano fonti rinnovabili per produrre luce e gas e daremo una piccola mano all’ambiente. Io in questi giorni sto impazzendo tra le tante offerte del mercato libero e capire quale conviene di più. Poi rendono le bollette inleggibili per farti perdere le speranze di capire dove ti fregano…

    Informazione di servizio per Claudio: il tasto “Condividi su Facebook” sotto l’articolo non funziona bene, dà sempre come titolo “Page not found”

    • 2.1
      Giuseppe M.

      Provato ad usare ShareThis o AddThis anzichè il codice diretto di FB?

      Ad ogni modo romperò le scatole a FB.

    • 2.2

      Purtroppo non è il tastino “condividi” del blog: è proprio Facebook che da due giorni, se cerchi di condividere un link del blog “byoblu.com”, ti dà pagina non trovata. Misteri delle tecniche di manipolazione 2.0? Lamentatevi, è abbastanza grave.Se volete, potete condividere su facebook il post dopo averne abbreviato l’url con bit.ly. Ma non è da tutti, mi rendo conto…

  • 1
    Roberto Seven

    La nostra generazione ha di fronte a se il più grande affare dall’industrializzazione degli anni 50/60: RICOSTRUIRE TUTTA LA NOSTRA ECONOMIA IN VERSIONE GREEN!

    Pensate a quanto lavoro ad alto valore aggiunto, quanto pil, quanta sana economia potrebbe essere prodotta.

  • 0

    Le energie rinnovabili e la banda larga sono le due vie per rilanciare l’economia italiana. La classe politica e le lobby vanno spazzate vie. Basta con questo nucleare.

  • -1
    GianniGirotto

     Per chi volesse approfondire le proprie nozioni in tema di fonti energetiche, rinnovabili e non, consiglio il libretto “Energia oggi e domani” dei prof.univ.bolognesi Armaroli+Balzani che le esaminano tutte con metodo e criterio scientifico, ma senza tralasciare tutti gli importanti aspetti collegati. Lo trovate gratis su http://giannigirotto.wordpress.com/indispensabili/libri/

  • -2
    david icke

    Prenotate E-CAT

  • -3

    Bella coincidenza con l’articolo di Stefano Montanari che proprio di “Galileo 2011” parla (i nomi che stan dentro quell’organizzazione son sempre quelli, poveri noi):

    Professor Galilei, ci perdoni.

  • -4
    The Red

    CHI VOLEVA LE CENTRALI NUCLEARI?


    Le bollette dell’energia elettrica aumenteranno del 10%. Grazie. Anche quelle del gas saranno più salate. Sarà colpa del fatto che non si sono fatte le centrali nucleari come andavano ripetendo dei pezzi di m**da fino all’altro giorno? La notizia è che il boom nella produzione di energia rinnovabile, arrivata ormai a coprire il 30% del fabbisogno nazionale di elettricità, unitamente a consumi ormai da anni stabili o in calo, rende sempre meno necessario produrre energia dalle centrali tradizionali, costringendole a lavorare a scartamento ridotto, con pesanti ripercussioni sulla loro redditività. L’ex consigliere di amministrazione di Enel, Zorzoli, oggi presidente della sezione italiana dell’International Solar Energy Society, afferma: che soprattutto per quanto riguarda gli impianti più nuovi “per ripagarsi dovrebbero funzionare circa 4-5mila ore l’anno, invece ne stanno funzionando, quando va bene, 3mila. Il ridotto uso dei cicli combinati si traduce anche in miliardi di metri cubi di gas in meno, con un innegabile vantaggio in termini ambientali e di bilancia dei pagamenti, ma con un danno economico per chi vende gas”.

    E allora cosa fa il cartello monopolistico dei produttori e distributori di energia elettrica? Siccome il fotovoltaico ha fatto crollare i consumi diurni, si aumentano le tariffe sui consumi notturni. E la famosa Antitrust? Soprattutto il governo del rigore e dell’equità si prepara a varare una nuova normativa per penalizzare l’energia rinnovabile. Di questo non si parla o troppo poco. Ed è invece su questi aspetti dell’economia che si giocano le grandi partite e si scontrano interessi formidabili. Scrivevo a proposito il 15 marzo dell’anno scorso: si potrebbero dotare abitazioni, ospedali, scuole, alberghi di pannelli solari e fotovoltaici e l’illuminazione pubblica e privata di tecnologie migliori e più recenti. Quindi razionalizzare i trasporti, di ogni tipo. Eliminare i contenitori di plastica. Un contenitore per l’ammorbidente (dannoso per le lavatrici, sostituibile egregiamente con il più economico aceto) pesa diversi etti di plastica. Quanto costa, in termini di bolletta petrolifera, produrre (e smaltire) miliardi di bottiglie di plastica per l’acqua, contenitori per yogurt, detersivi, ecc.? Far arrivare le ciliegie cilene a dicembre? Insomma tutta una serie di misure di buon senso, alcune semplici da adottare, che creerebbero peraltro molti posti di lavoro, che però non possono essere prese in considerazione, se non molto parzialmente, perché si tratta anzitutto di tutelare i produttori di certe merci, quindi interessi e business.

    (continua sotto)

    • -4.1
      The Red

      L’impiego del petrolio agli attuali livelli e per produrre merci inutili, quando non dannose, destinate al rapido consumo e inquinanti, è follia. La costruzione di centrali nucleari per illuminare le vetrine dei negozi di notte o per scaldare l’acqua della doccia in luglio, è follia. Tutto questo sistema di produzione e consumo, di distruzione e spreco delle risorse, dagli alimenti agli armamenti, è catastrofico e irrazionale.

      Prima di affrontare l’argomento petrolio, nucleare, eolico, ecc. sarebbe necessario affrontare il tema che sta a monte: per produrre e consumare cosa, a beneficio di chi? Allora la questione da porsi è anzitutto in termini di scelta, cioè di politica. Ed è altrimenti evidente che noi, in questo stato di cose, non contiamo un c**zo. Chi comanda l’economia e la politica (e controlla i mezzi d’informazione) se ne frega dei referendum, un modo per fotterci lo trova sempre, per fare soldi e comprarsi il SUV, la “barca” e il jet privato.

      Oggigiorno la paura è dappertutto e non ne usciremo se non rompendo la gabbia che ci imprigiona. “Rivoluzione” non è più lo slogan poetico di una coscienza in rivolta, ma è l’ultima parola del pensiero scientifico della nostra epoca.

      http://diciottobrumaio.blogspot.it/2012/03/chi-voleva-le-centrali-nucleari.html

       

      P.S.

      Il seguente post dai contenuti molto simili a quello della Piva, è stato segnalato diversi giorni fa, su questo blog, ma non se l’è filato nessuno. Lascia da pensare no?

  • -5

    A quanto sembra l alobby del nucleare non vuoole rinunciare a far profitto e questa volta manda avanti dei ‘testoni’ laureati. no comment ………

  • -6
    Gian

    Cari luminari, il vostro voto al referendum, non valeva doppio, la democrazia è questa, rassegnatevi.

  • -7
    moro

    Ancora co sto nucleare…e basta.

     

    Oltre al fotovoltaico/eolico considerare anche:

    Geotermico elettrico

    http://www.youtube.com/watch?v=Bl-oxDZDfqI

     In Italia non ci manca.


    O il “buon vecchio” 

    Geotermico per riscaldamento/raffreddamento

    http://www.youtube.com/watch?v=e1r7fXO0QII


    Maree e correnti marine

    http://www.youtube.com/watch?v=4Iq-h4ShZ8s&feature=related


    Moto ondoso di superficie

    http://www.youtube.com/watch?v=kmJpCoFnEsY

     

  • -8
    sofiaastori
  • -9

    A chi vi dice che il nucleare serve rispondete così:

     parli del NUCLEARE e ignori che in italia si installano ogni anno 1GIGAWATT di pannelli solari (l’equivalente in potenza di una centrale nucleare di medie-grandi dimensioni), mentre per frane una sola di queste centrali servono almeno 20 anni, un area di terreno molto vasta da distruggere per sempre, e tanti miliardi di euro… Parli di NUCLEARE ed ignori che il 20% della nostra energia è già RINNOVABILE (l’obbiettivo era prefissato per il 2020, ma è stato anticipato grazie al successo della tecnologia) per questo adesso persone con interessi sporchi hanno bloccato i finanziamenti al solare

  • -10

    Ottimo post, come tutti quelli scritti da Maria Ferdinanda Piva, che però mi domando perchè abbia trascurato ultimamente il suo interessantissimo blogeko. Vabbè dovrò seguirla sul tuo sito Claudio, lo so che questo non ti dispiacerà!

  • -11
    Evitamina

    Il dott. Armaroli è stato ospite della trasmissione “Presa diretta” qualche settimana fa, ha detto delle cose interessantissime, perchè secondo i suoi studi noi potremmo avere l’energia che ci occorre con il fotovoltaico, esempio, basterebbe installare fotovoltaico nell’intera area di Piacenza e provincia con i suoi 2200 Km quadrati circa, per essere autonomi in materia di energia. Naturalmente con una politica del genere lasceremmo in eredetà un mondo migliore ai nostri figli.

     

    Una cosa del genere l’avevo scritta 3 anni fa in un blog che non legge nessuno allego l’indirizzo ideedelpopolo.myblog.it/index-3.html 

    Questo calcolo l’avevo inviato a Beppe Grillo e Antonio Di Pietro allegando anche i possibili costi che secondo il mio ragionamento si aggirava intorno i 500 miliardi di euro, che non sono pochi. Ma se consideriamo che tutti gli italiani spendiamo di bollette intorno i 65/70 miliardi l’anno, ci accorgiamo che non sono tantissimi.

    Le cose vanno come devono andare. Saluti

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Euroinomani: Diego Fusaro e la verità che Porro finge di non capire.

Euroinomani Diego Fusaro: "Appurato il fatto evidente, conclamato, che l'Europa è il nostro problema oggi, per il fatto che sta imponendo politiche depressive, di austerità, di lotta contro i diritti del lavoro e contro i diritti sociali, vi è una sorta di dogmatismo generalizzato che ripete come soluzione, come...--> LEGGI TUTTO

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>