Chi ha incastrato Renzo Bossi?

Se davvero qualcuno crede che l’utilizzo allegro dei fondi pubblici contestato a Rosy Mauro e al suo amante, a Renzo Bossi e alla sua fidanzata, a Manuela Marrone, a Calderoli e agli altri figli di Bossi rappresenti un caso isolato, può continuare a veleggiare nel fantastico mondo di Amélie. E’ evidente che se, parafrasando Rossini, fino a ieri nelle acque del Consiglio Regionale Lombardo navigava la “Trota Ladra“, per descrivere ciò che si vede allargando lo sguardo oltre il pirellone si potrebbe scomodare Mozart: “Così fan tutti“.

Fare il tesoriere, da Lusi in poi, si dimostra sempre più un lavoro da ricettatore cui sia affidata la spartizione di un malloppo. Se non fosse che il malloppo in questione è stato sottratto a noi. I soldi finiti nelle società canadesi o nelle fondazioni amiche, così come quelli usati per comprare lauree per asini patentati o per pagare la benzina di chi già guadagna 12 mila euro al mese sono fondi pubblici destinati ad alimentare i partiti i quali, secondo la Costituzione, esisterebbero per consentire la partecipazione politica dei cittadini “con metodo democratico“. Cosa abbiano di democratico 130 mila euro di università privata pagata ai figli dei segretari e agli amanti delle vice-presidenti del Senato, questo è tutto da stabilire.

Ma bisognerebbe anche chiedersi se sia una cosa etica, per un partito, usare soldi pubblici per  pagare le pigioni delle rispettive sedi a società facenti capo al presidente dello stesso partito, come faceva Italia dei Valori le cui sedi di Milano e Roma erano prese in affitto dalla Antocri, la quale faceva poi capo ad Antonio Di Pietro stesso. E che dire della casa di Montecarlo avuta in eredità da Fini per Alleanza Nazionale, nella quale inspiegabilmente aveva finito per abitare Tulliani, il fratello di quell’Elisabetta compagna proprio dello stesso Fini? Forse in quel caso non si poteva parlare propriamente di fondi pubblici, ma se poi quello stesso partito percepisce rimborsi elettorali per “garantire l’avvio democratico dei cittadini alla politica” e se quegli stessi fondi vengono poi gestiti dalle stesse mani le quali, così democraticamente, dirottano le risorse per gli usi più lontani dalla democrazia che si possano immaginare, beh: allora negare che abbiamo un problema diventa arduo.

Gli esempi potrebbero continuare, ma se è vero dunque che “Così fan tutti”, il passo successivo allora è chiedersi come mai solo alcuni e solo in certi momenti ne pagano le conseguenze. Certo, il problema andrebbe risolto a monte, eliminando il finanziamento pubblico alla politica. Ed è sicuramente curioso che i giornali (che pure si alimentano di fondi pubblici) ora indichino i rimborsi elettorali come la causa di tutti i mali, scordandosi tuttavia di riconoscere la paternità ideologica di questa battaglia a chi ne ha sempre fatto una bandiera e un vanto: il Movimento Cinque Stelle e Beppe Grillo. Del resto, che qualcosa non funzioni risulta evidente dalla semplice analisi delle cifre. Per le elezioni politiche del 2008 e fino ad oggi, l’UDC ha percepito quasi 26 milioni di euro, avendone documentati solo 15,7, ma tra i movimenti politici quello di Casini non è che il più virtuoso: gli abbiamo regalato solo il 64% in più rispetto al dovuto. Peggio ha saputo fare il PDL, che ha ricevuto 206 milioni avendo presentato pezze giustificative per appena 53,7 milioni: il 285% in più. E l’Italia dei Valori? Le abbiamo girato 21,6 milioni di euro, anche se ha dimostrato di averne spesi solo 3,4. Parliamo del 529% di guadagno secco. Peggio, molto peggio ha saputo fare tuttavia il Partito Democratico, quello che ha assorbito Lusi: con i suoi 180 milioni di euro di rimborsi percepiti, a fronte di soli 18 milioni e mezzo documentati, ha generato l’876% di utile. Ma la Lega Nord, c’era da scommetterlo, il partito di Roma Ladrona – tanto per intenderci -, batte tutti: ha preso 41,4 milioni di euro presentando scontrini (spero non tutti del Trota) per soli 2,9 milioni, intascandosi quindi il 1308% di fondi pubblici. Se l’uso che di cotanto ben di Dio, in un paese dove anche oggi si è suicidato un cittadino perché non riusciva più a far fronte alle spese, avendo perduto il lavoro, risulta in un magna-magna generale, allora togliere i soldi dalla politica è la strada migliore per premiare le persone oneste e tenere alla lontana i maiali ingordi.

Detto questo, tuttavia, chiunque abbia ormai compreso che questo è un paese fondato sulla violazione sistematica della legge, nel quale la legge stessa viene brandita solo come arma di ricatto (per garantirsi la tenuta di improbabili alleanze), ha anche compreso che queste “sistematiche violazioni” emergono solo quando gli equilibri di potere saltano. Fini fuoriesce dal PDL e spunta la casa di Montecarlo. Cambia il governo, Bossi fuoriesce dalla maggioranza e salta fuori Belsito. Vogliono fare un partitone unico, in salsa piduista con annientamento delle frange minori, e salta fuori Lusi a mettere in difficoltà Rutelli. Perché l’autista di Renzo Bossi parla solo oggi? Non riusciva più a nascondere la sua nausea? A giudicare dagli stessi filmati che potete visionare in cima al post non sembrerebbe proprio. Al minuto 1:53, dopo avere consegnato al Trota scontrini e soldi, si lancia in un entusiastico “e te se’ a post!” (“E sei a posto!” in lumbard). Lo dice con tale enfasi e con tale spirito goliardico che pare più un amicone legato da sincero affetto, o un salumiere che ti dà il resto, più che un mesto esecutore di ordini a lui sgraditi. Alessandro Marmello insomma, l’autista della Lega Nord, non sembra proprio uno “fuori dal sistema“, altrimenti non si rivolgerebbe al Trota in quel modo. Come “fuori dal sistema” non era il capitano De Falco che giocava la parte del leone con Francesco Schettino: sapeva benissimo che le grandi navi da crociera facevano l’inchino, come lo sapevano tutti, ma ha fatto la voce grossa solo dopo che c’era scappato il morto, in quella che è sembrata più una conversazione lasciata agli atti a scopo cautelativo che il frutto di una reale indignazione. Ma soprattutto – tornando a Marmello – se fosse stato uno “duro e puro” avrebbe parlato prima, non proprio adesso che è in atto una lotta di potere esterna ed interna al movimento. Se è vero che Renzo Bossi ha cominciato a “rubare” molto tempo prima rispetto agli episodi narrati nel video, ovvero quando – senza avere molti altri meriti se non essere il successore del faraone – ha iniziato ad occupare una poltrona alla Regione Lombardia, è anche vero che quello che ha fatto, che se confermato rientra nell’ordinarietà della gestione truffaldina dei fondi pubblici comune a quasi tutti i partiti, diventa straordinario solo oggi, al punto da spingere uno che ha un lavoro fisso – oro 24k, di questi tempi – a metterlo a rischio per vendere a un rotocalco scandalistico qualche filmato realizzato col cellulare. E’ credibile tutto questo? No, non lo è.
Chi manda Marmello dunque? Forse il governo dei professori, per mettere a tacere l’unica opposizione parlamentare – pure se per convenienza elettorale – che si è levata sin dalla prima ora e che il 21 aprile stava chiamando alla  firma gli italiani per la seguente proposta di legge popolare: “Garanzia del credito a famiglie e imprese: separazione tra credito produttivo e attivita’ finanziaria speculativa“? Stiamo parlando dunque di una commistione magistratura-finanza? Tutto è possibile. O Forse nell’escalation di eventi che porta a Marmello c’è lo zampino di Silvio Berlusconi, l’ex alleato che per tirare fuori dai guai Bossi dopo averlo querelato ed avergli imposto risarcimenti miliardari per essersi preso del mafioso gli sottrasse definitivamente il marchio della Lega Nord in cambio della remissione dei debiti e di un assegno regolare, guadagnandosi il suo eterno riconoscimento fino al ribaltone dello scorso novembre? Può essere: l’orco di Arcore sembra si sia messo in testa di realizzare definitivamente i piani del suo maestro Licio Gelli, specificatamente nel punto dove, nel Manuale di Rinascita Democratica, voleva creare due grossi movimenti che tagliassero fuori tutti quelli piccoli, dando l’illusione della democrazia ma in realtà spartendosi il potere decisionale. Fare fuori la Lega, come l’Api di Rutelli, rientra pur sempre in questa strategia (poi toccherà all’Idv o non ce ne sarà bisogno?). Oppure, ancora, l’assassino è il maggiordomo, ovvero qualcuno che lavoro dall’interno? Il caso Belsito e l’epurazione iniziata da Alessandro Marmelli, che consegna su un vassoio d’argento la testa di Renzo Bossi affilando la lama per quella di Rosy Mauro che potebbe essere la prossima a saltare, è il rito propiziatorio perfetto per il discorso che terrà stasera Roberto Maroni a Bergamo, durante la cerimonia del famigerato orgoglio leghista. Inoltre, sarebbe compatibile con l’apparente sprezzo di Alessandro Marmelli verso il suo posto da autista nella Lega Nord, in quanto se i maroniani dovessero ereditare la Padania, lui resterebbe al suo posto e magari potebbe perfino ottenere una promozione.

Io un’idea me la sono fatta. Qual è la tua?

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

25 risposte a Chi ha incastrato Renzo Bossi?

  • 11
    shaggy

    mani pulite parte seconda, nel frattempo mentre ci riindignamo mettono il pareggio di bilancio in costituzione

  • 10
    Dario

    Buonasera Claudio,

     volevo sapere se si potevano conoscere i rimborsi elettorali e le spese effettivamente sostenute anche degli altri ladri… ehm.. volevo dire partiti (ad esempio Sel).

    Sarebbe bello avere un immagine come quella soprastante con inclusi anche gli altri "simpatici" partiti e poterla sfoggiare su facebook.

    Cordiali saluti.

  • 9
    Frescobaldo

    Complimenti al M5S ed a Grillo per essersi sempre battuti contro i rimborsi elettorali, però non soli in questo tipo di battaglie ricordo i Radicali col loro referendum contro il finanziamento pubblico, poi ignorato dai partiti.

    Attualmente i Radicali, a quanto mi risulta, sono l’unico partitino che spende più di quelo che incassa col finanziamento.

    Meglio ancora fa il M5S che rinuncia del tutto al finanziamento, ma dove vanno i fondi rifiutati?

    • 9.1
      coldan

      I rimborsi elettorali rifiutati dal M5S restano nelle casse dello stato, sui siti del movimento dell’emilia e del piemonte potete trovare i documenti ufficiali.
      I progetti finanziati dal M5S sono esterni al movimento stesso, sono dei cittadini e sono per il bene comune.
      Questi progetti sono finanziati con le eccedenze degli stipendi degli eletti, eccedenze che non possono essere rifiutate.
      Lo stipendio di un eletto varia da regione a regione, più o meno è di 56000 euro, l’eletto ne percepisce una parte decisa dalla base.
      Favia se non ricordo male prende 2.500, il resto è utilizzato non per finanziare il movimento, ma questi progetti.
      Comunque sui siti potete trovare tutta la rendicontazione di entrate, uscite e di come i soldi sono utilizzati.
      I radicali e gli altri partiti possono blaterare quanto vogliono. Per rifiutare i rimborsi non servono leggi eo referendum, serve solo la volontà di rifiutarli.
      Ma i partiti sono ben attenti a buttare fumo negli occhi ai cittadini e a continuare a vivere alle nostre spalle.
      Senza soldi i partiti sparirebbero nel giro di pochi secondi.
      Un saluto a tutti

      I rimborsi elettorali rifiutati dal M5S restano nelle casse dello stato, sui siti del movimento dell’emilia e del piemonte potete trovare i documenti ufficiali.I progetti finanziati dal M5S sono esterni al movimento stesso, sono dei cittadini e sono per il bene comune.Questi progetti sono finanziati con le eccedenze degli stipendi degli eletti, eccedenze che non possono essere rifiutate.Lo stipendio di un eletto varia da regione a regione, più o meno è di 56000 euro, l’eletto ne percepisce una parte decisa dalla base.Favia se non ricordo male prende 2.500, il resto è utilizzato non per finanziare il movimento, ma questi progetti.Comunque sui siti potete trovare tutta la rendicontazione di entrate, uscite e di come i soldi sono utilizzati.
      I radicali e gli altri partiti possono blaterare quanto vogliono. Per rifiutare i rimborsi non servono leggi eo referendum, serve solo la volontà di rifiutarli.Ma i partiti sono ben attenti a buttare fumo negli occhi ai cittadini e a continuare a vivere alle nostre spalle.Senza soldi i partiti sparirebbero nel giro di pochi secondi.
      Un saluto a tutti

    • 9.2
      Francesco_F

      Che senso ha proporre un referendum contro il finanziamento pubblico se poi non si rinuncia ai rimborsi elettorali; e poi non è mica una virtù spendere più di quando si riceve, semmai il contrario. Da troppo tempo ormai i radicali fanno battaglie finte come gli scioperi della fame di pannella.

      Come pure non ha senso proporre la cancellazione delle provincie se poi tutti i partiti (tranne il M5S) propongono candidati alle elezioni.

      Ormai la coerenza dobbiamo averla prima di tutto noi cittadini elettori e poi gli “eletti”.

    • 9.3
      Dario_Di.

      Avevo scritto un bellissimo commento dove dicevo più o meno le stesse cose di Coldan, ma non so perchè non c’è. Che nervoso… Cercherò ora di riscriverlo.

      Allora, per quanto concerne i radicali, è facile parlare, ma questo penoso partito poteva da anni rifiutare il rimborso, come lo poteva fare anche idv, anche loro si battono da anni per i rimborsi, peccato che entrambi sono accomunati da una cosa: criticano i rimborsi ma poi li prendono. Ora, non so voi ma io a sto punto preferisco un ladro che ruba e sta zitto, piuttosto che un ladro che dice che non si deve rubare e poi ruba, non so voi…

      Passando al Movimento 5 stelle, innanzitutto vi prego anch’io di postare notizie verificate. Detto questo, rifiutando i rimborsi elettorali, questi rimangono nelle casse dello Stato, in quanto non arrivano proprio! Non è che arrivano e poi il movimento 5 stelle ne rimanda indietro un po’, non arrivano e basta, ergo il Movimento 5 stelle ha già rifiutato e quindi fatto risparmiare all’ Italia un milione e settecentomila euro di rimborsi! Ripeto risparmiare all’ Italia!
      I progetti invece vengono finanziati con le eccedenze dello stipendio dei consiglieri regionali che si autoriducono lo stipendio a 2500. Quindi stipendio “normale” – 2500 = soldi da destinare a progetti. Ora, apparte il fatto che han provato a restituire questa eccedenza ma non si può per legge in questo caso, han pensato bene di restituirli ai cittadini. Per questo motivo c’è stato infatti il “Restitution day“, che vi invito a cercare su google. In pratica quel giorno sono stati restituiti i soldi ai cittadini, secondo il volere dei cittadini, e inoltre i soldi li poteva ricevere chiunque, anche chi odia il movimento 5 stelle e non lo voterebbe mai, perchè questa è la vera democrazia, senza tessere e senza personaggi ambigui, solo cittadini e ognuno vale uno.

      Comunque vi prego di non credermi sulla parola e di cercare in rete, dai rimborsi elettorali che sono rimasti allo Stato al “Restitution day”. Cercate cercate e cercate ancora, è così che si arriva alla vera informazione. ;)

    • 9.4
      Carl

      Verissimo: i radicali si battevano contro il finanziamento pubblico ai partiti quando ancora Grillo distruggeva computer in teatro

      E’ intelligente anche la domanda sul dove finiscano i soldi che il M5S rifiuta.

      Su un forum avevo trovato che i soldi che vengono rifiutati rientrano comunque dalla finestra andando a finanziare dei loro progetti politici (quindi di fatto il M5S usa comunque i fondi che fa finta di rifiutare): non sono però andato ad approfondire e quindi non posso valutare la fondatezza.

       

    • 9.5
      Dario

      Allora, facciamo chiarezza.

      I radicali si saranno anche battuti contro i finanziamenti, ma se è per questo lo ha fatto anche idv, peccato che poi entrambi li prendono con piacere i rimborsi quando invece potrebbero rifiutarli. Ergo, sono degli ipocriti assurdi e io non stimo chi dice che non si deve rubare e poi ruba. A sto punto ho più stima per chi ruba e basta, non so voi.

      Il movimento 5 stelle invece, rifiutando i rimborsi elettorali, ha fatto risparmiare allo stato più di un milione e settecentomila euro!!! E con ha fatto risparmiare intendo dire che, rifiutandoli, questi soldi non sono mai arrivati e quindi sono rimasti nelle casse dello stato!!!! Questo vuol dire essere coerenti, a differenza di tutti gli altri partiti. Non mi credete? Perfetto, cercate in rete, informatevi, chiedete a Claudio se non credete a me, non vi sto dicendo fandonie!
      Detto questo, quello che forse intendevi tu riguarda il ridursi lo stipendio dei consiglieri regionali. I consiglieri invece di prendere 8000 o 12000 euro come alcuni, si sono ridotti lo stipendio a 2500 euro, purtroppo però essendo un vero e proprio stipendio, non possono per legge lasciarlo nelle casse dello stato (han provato ma non potevano ho letto ovunque), e così il resto dei soldi viene utilizzato per opere a favore dei cittadini. A tal proposito vi prego di non essere scettici e di cercare su google la parola “Restitution day“, sarete piacevolmente sorpresi visto e considerato che la cosa è aperta a tutti, anche a chi fa schifo il movimento 5 stelle e non lo voterebbe mai, perchè, ideale o no, ognuno vale uno davvero e questa è la vera democrazia.

      Spero di avervi chiarito la questione, ma vi prego di non credermi sulla parola e di provare a cercare in rete!

      Ciao! ;)

    • 9.6
      Bigalfry2

      Premesso che apprezzo la coerenza del M5S sulla questione e che ero già a conoscenza di questi lodevoli comportamenti, ritengo che l’argomento dei fondi pubblici ai partiti vada affrontato guardando agli altri paesi e alla morale dei nostri politici. Vorrei far notare che la tanto vituperata alta finanza di wall street(il minuscolo è voluto) è  stata/è/sarà sempre libera di speculare su tutto e su tutti proprio perché paga la campagna elettorale a tutti i parlamentari USA. E’ per questa stessa ragione che gli USA sono così restii ad abbandonare il petrolio nonostante i forti danni ambientali subit, è sempre a causa di questo meccanismo perverso che in Florida si può sparare a vista ed è colpa di questo meccanismo  se ogni anno si sente parlare di stragi folli negli USA. I partiti fanno rabbia(fra l’altro non vogliono rinunciare ai 100 milioni in arrivo i poveretti), ma non sono questi soldi afar andare male l’Italia. 

      Tangentopoli in America è legale, non sugli appalti, ma nella legislazione.

      Il lobbysmo è pericoloso perché mette la politica in mano ai potenti.

      Io ho una proposta: ridurre di 2/3 il finanziamento(il troppo stroppia), aumentare controlli e sanzioni(controlli e rendiconti pubblici e trasparenti), vietare(davvero) i manifesti elettorali(ma chi sperano di convincere?), dare a tutti i candidati uno spazio adeguato in prima serata sulla RAI(li vedete spesso Grillo e Pannela sulla RAI?)  e  fare una legge sul conflitto di interessi. Un sogno? Probabilmente sì, purtroppo, ma, si sa, la speranza è l’ultima a morire…

  • 8
    Francesco_F

    La mia idea è che non c’è nessun mandante.

    Ormai in tanti ne hanno fatte talmente tante che imbrogliare, raggirare, rubare e forse anche cose peggiori sono diventate all’ordine del giorno e secondo me per colpa nostra; infatti dopo ogni scoperta della malefatta di turno non riusciamo ad andare oltre lo sfottò “alla crozza” del singolo partito o del singolo politico, inneggiando al massimo alle fatidiche “dimissioni” come se fossero la svolta di qualcosa.

    A me sembra che finora di dimissioni ne ho sentite tante ma li vedo sempre tutti li, seduti nella poltrona di fianco, certi che alle successive elezioni riceveranno il voto che gli italiani non gli hanno mai negato, ancorati legati come siamo alla politica da stadio tra destra centro e sinsitra.

  • 7

    Ci vorrebbe EquiPadania a riprendergli i soldi di forza.

  • 6
    Renato Cremona

    E inutile che li difendiamo, ci hanno tradito. Non sono stati incastrati ma smascherati. I compagni verdi ci hanno tradito. Io vi ho sempre votati perchè siete sempre stati l’anti-politica di quei porci a roma. Vi sono sempre stato fedele e voi mi avete tradito. Anche voi siete corrotti e da ora mi fate schifo! Come tutti gli altri partiti, mi fate schifo!

    • 6.1
      Bigalfry2

      Capisco la rabbia, ma il TROTA non l’avevi visto? E i diti medi? E il razzismo imperante? Scusa, ma non ti capisco…

  • 5
    pierluigi

    Non penso che ci sia nulla di tanto misterioso! Dall’uscita di B., Bossi si è trovato senza protezione, perciò era normale che si venisse al “rende rationem”.
    Tutti, quelli dell’apparato politico, sapevano della gestione fondi, perciò hanno fatto uscire la questione Belsito, poi queste riprese del “trota”.

    Prima o poi usciranno anche altre prove su Calderoli e la “mora”. E’ solo questione di tempo, a meno che non lasceranno spontaneamente il campo, ma saranno sempre ricattabili.

    Per loro la “politica” è finita.

  • 4
    platezzz

    Trota è un povero c****** appartenente alle categorie protette insieme al padre più scemo di lui. Uno sbavone cafone di quattro soldi elogiato da un elettorato di idioti che costituisce il grande partito della lega ladroni!!!!!!!!!!!!!!! Semplicemente IDIOTI…….

  • 3
    Bigalfry2

    Rasoio di Hanlon: «Non attribuire a consapevole malvagità ciò che può essere adeguatamente spiegato come stupidità» L’autista probabilmente è uno che sa fare il suo interesse e che sa fiutare che aria tira. Certo la Lega è all’opposizione, ma non crederete davvero che le leggi popolari sarebbero passate davvero? Le leggi popolari, purtroppo, non  hanno mai avuto molto seguito qua. E poi anche loro rimasero coinvolti nel fallimento della loro banca. Secondo me, la causa di tutto è quello scoop iniziale dei giornali sui soldi in Tanzania: è quello che ha fatto scattare le indagini. Puzzava di bruciato e infatti… L’Api, invece, è rimasta vittima insieme al PD del caso Lusi, ma non credo ad una manovra dietro le quinte: il PD avrebbe potuto punire Rutelli per il tradimento, ma ci ha rimesso pure lui, mentre Casini che interesse aveva a danneggiare un suo alleato? A chi giova? A nessuno, anche perché ha scoperchiato il pasticcio del finanziamento pubblico ai partiti.

    Io non sono contrario al finanziamento pubblico, ma secondo me andrebbe diminuito. Una delle cause della crisi è stata la mancanza di controllo del Parlamento americano sulla grande finanza, causato dal fatto che le campagne elettorali si pagavano(e si pagano) a Wall Street. Tuttora in Florida, basta dire di sentirsi vagamente minacciati da qualcuno e gli si può sparare anche senza prima dire un ALT. Questo perché l’intero Parlamento della Florida è prezzolato dall’industria delle armi.

    I nostri politici sono ladri, non legalizziamo i loro furti.

    P.S.: su De Falco hai ragione in toto. Dov’era lui prima? Alle Maldive?

  • 2
    Teresa

    Claudio ti ho scritto anche privatamente , ma non so se hai letto la mail. Su Facebook mi hanno due volte cancellato il link che ti avevo mandato ed hanno cancellato anche anche il copia-incolla dell’ articolo.

    Provo adesso a mandarlo qui

     

    non me lo fa incollare

     

    comunque ti ho mandato la mail

     

     

     

     

    • 2.1
      Bigalfry2

      Ma che ha fb? Prima non permetteva la condivisione, ora questo. Forse, però, dipende da te. Ho provato per verifica a fare copia e incolla e non ho avuto problemi, per ora. 

  • 1
    Aigor

    Carl ha scritto :
    Verissimo: i radicali si battevano contro il finanziamento pubblico ai partiti quando ancora Grillo distruggeva computer in teatro… E’ intelligente anche la domanda sul dove finiscano i soldi che il M5S rifiuta. Su un forum avevo trovato che i soldi che vengono rifiutati rientrano comunque dalla finestra andando a finanziare dei loro progetti politici (quindi di fatto il M5S usa comunque i fondi che fa finta di rifiutare): non sono però andato ad approfondire e quindi non posso valutare la fondatezza.  

     

    Scusa Carl ma se non puoi valutare la fondatezza di una notizia, allora non darla.

    Al limite presentala come un tuo “parere”, un “punto di vista”, altrimenti ci fai davvero una pessima figura: per intenderci come quella che fanno quotidianamente certi quotidiani (se mi passi il gioco di parole) ;-)

    Aigor

  • 0

    Ciao Claudio,

    Potresti segnalare la fonte dei dati del grafico rimborsi/spese dei partiti please?

    Grazie!

  • -1
    roby67

    “elementare Watson!”

    Non ci vuole una laurea in criminologia per capire che i tempi dell’indagine sono alquanto sospetti, in piu’ un fidato autista che riprende tutto con il telefonino e poi si pente fa pensare…va bene che siamo nel tempo di Pasqua e dobbiamo pulire le coscienze, pero’, se sei una persona veramente onesta, alla prima occasione che devi fare da bancomat lasci l’incarico e ti cerchi un altro lavoro.

    Questo non toglie nulla alle responsabilita’ della Bossi Family.

    Certo che se Bossi avesse lasciato spontaneamente tre anni fa sarebbe entrato nella storia, ora e’ entrato nella m…da!

    Il punto della questione comunque e’ la politica come professione.Non ne possiamo piu’ di vedere sempre le stesse persone: dopo due mandati a casa tutti a fare il proprio lavoro!!!!Come i sindaci che non si possono piu’ presentare dopo due mandati consecutivi (per evitare appunto commistioni affari locali e politica), perche’ i nostri (sempre meno) onorevoli non tornano al proprio lavoro d’origine?!?!?

    Altrimenti si sentono intoccabili e potenti, ovviamente si contornano di loro fidatissimi e non li smuovi piu’.

    Sentir dire al senatur che sono stati sfortunati mi rende molto triste: no caro mio, non sei stato sfortunato, sei stato FREGATO!!!! Preso con le mani nella marmellata!Quindi a casa, please.

    Per quanto riguarda la domanda di Claudio, certamente escludo Maroni con i suoi, dato il danno d’immagine mostruoso: se non fosse uscito nulla alle prossime elezioni la lega faceva il botto! Ora sono tutti sconcertati e nessuno ha piu’ voglia di andare a votare.

     

    • -1.1
      Bigalfry2

      E’ vero: è proprio l’inamovibilità che crea i problemi. Il nostro problema? L’essere stato un paese in cui pur di non far governare il PCI si è permesso a un partito(la DC) di dominare per 40 anni. Anche in Giappone hanno avuto problemi simili(là il monopolio si è rotto un anno fa!

      Bisogna mandare a casa tutti gli ex(PCI-DC-PSI) e ripartire: non da zero perché è pericoloso, ma una bella pulita/cacciata è necessaria e sacrosanta. 

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>