NON MI LASCERANNO MORIRE

 

Anne Alexandra Bacchetta aveva un’attività ricettiva, un hotel. Quando a Varese venne il diluvio universale, il 15 luglio 2009, tutte venne sepolto da un metro e mezzo di fango. La presidenza del Consiglio dei Ministri del Governo Berlusconi, quello del ghe pensi mi, emanò un’ordinanza, la n.3878 del 13 maggio 2010, nella quale garantiva 30mila euro iniziali, a titolo di acconto sui risarcimenti. Una cifra irrisoria rispetto al milione di euro di danni subiti dal Cà dei Santi. Ma la politica promise ad Anne Alexandra che il resto sarebbe arrivato e la spinse a chiedere i finanziamenti necessari per sistemare tutto e mantenere il posto di lavoro dei suoi otto dipendenti. Sulla base di quelle promesse, cioè di quelle garanzie prima scritte e poi contratte grazie alle mille rassicurazioni verbali, Alexandra accese finanziamenti che in soli tre anni le sono costati oltre 80mila euro di interessi passivi. Ma quei soldi non arrivarono mai.

Per Anne Alexandra oggi è il 21° giorno di sciopero della fame, in piazza della Libertà a Varese, davanti alla questura. Perché quando i soldi devono arrivare nelle sedi dei partiti, magari grazie alla presa in giro dei rimborsi elettorali che arrivano a coprire anche il 1600% delle spese realmente sostenute, allora gli impegni scritti sono marchiati a fuoco nella pelle delle istituzioni, ma quando sono i cittadini ad avere perso tutto e i soldi sono destinati a loro, come risarcimento dovuto rispetto alle tasse pagate, allora quegli stessi impegni scritti sono carta straccia, nuvole di fumo che il vento si porta via.

L’assicurazione, per ora, non paga. Perché si sa: nonostante tutte le coperture adeguate fossero state correttamente stipulate, quando bisogna tirare fuori un milione di euro le clausole diventano geroglifici, ideogrammi interpretabili a piacimento. Ma lo Stato, quello no: le sue ordinanze non possono essere interpretabili a piacimento. Le promesse non sono concessioni, ma diritti inalienabili da garantire a qualsiasi costo. Siccome i partiti hanno finora preso molto e dato molto poco, rispetto alla crisi che porta decine di imprenditori a suicidarsi per la vergogna e per la disperazione, talvolta anche per cifre irrisorie che le banche non erogano ma che lo Stato esige con diabolica, mostruosa pignoleria, credo sia venuto il momento anche per loro di fare una cura dimagrante e dimostrare buona volontà.

Se è vero che Italia dei Valori e la Lega Nord, che tra l’altro a Varese è di casa, hanno dichiarato di voler rinunciare alla prossima tranche da 100 milioni di euro dei cosiddetti “rimborsi elettorali”, allora che che rinuncino a 99 milioni e mezzo a testa, destinando un milione di euro a saldare il debito della politica con Anne Alexandra. A volte le soluzioni più semplici sono anche quelle migliori. Che i soldi elargiti con eccessiva munificenza alla politica e che i cittadini non vedono neppure quando spetta loro di diritto, tornino a questi ultimi sotto forma di donazione con un’operazione di coscienza civica e, perché no, anche di lungimiranza.

Nell’attesa di una loro risposta, possibilmente auspicando che si evitino improbabili arrampicate sugli specchi, chi vuole dare una mano ad Anne può iscriversi al gruppo Facebook “Varese per Alexandra“, far girare questo post e questo video, magari segnalando questa proposta a Idv e alla Lega, così come a qualsiasi altro partito disponibile a dare un segnale concreto.

Invia una email a maroni_r@camera.it.
Invia una email a dipietro@antoniodipietro.it.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

23 risposte a NON MI LASCERANNO MORIRE

  • 1
    ilsucca66

    Post commovente ma alla fine mi domando: Ma hai mai provato ad andare in banca a chiedere 1.000.000 di euro? Non dico oggi che magari chiamano pure la polizia o la croce verde ma anche ieri. Se non eri raccomandato ti ridevano in faccia anche se gli lasciavi il rene come garanzia immagina quindi la fine della pratica se gli portavano delle rovine come garanzia o peggio la parola senza che la stessa fosse stata accompagnata dalla telefonata del politico amico.

    La Signora ,almeno sembra dall’articolo, non ha firmato nessun protocollo d’intesa con i rappresentanti degli enti che si erano impegnati solo sulla parola, impegni che all’epoca andavano bene visto che gli stessi dovevano essere amici della signora anche perchè non è che è da tutti farsi ricevere e ottenere promesse di questo tipo.

    Quindi dico cosa vuole la Signora? Certo che era bello ricevere contributi a fondo perso dagli amici ma la festa è finita… quindi che vada in banca e veda di rinegoziare il finanziamento (questo era normale prima figurati in tempi di crisi le banche mica voglion perder soldi) altro che sciopero della fame alla “Pannella” per finanziare a fondo perso alberghi in quel di Varese.

    • 1.1

      Avevi detto un’altra cosa, ovvero che non aveva un’assicurazione, e non è quello che hai detto adesso. Dalle tue parole, comunque, traspare un’inimicizia personale verso quella che con disprezzo chiami “la martire”. Il che, perdonami, a meno che tu non abbia dei motivi di risentimento legittimi e documentati, nei confronti di una donna che fa lo sciopero della fame da 20 giorni non ti fa onore. Da ultimo: l’alluvione è occorsa tre anni fa. Mi sembra che se l’assicurazione avesse voluto pagare, l’avrebbe già fatto. O dobbiamo aspettare che uno su suicidi? Un’assicurazione serve ad assicurarsi, per continuare a lavorare, non a farti chiudere e poi a darti qualcosa, forse, dopo tre gradi di giudizio se non arrivi prima la prescrizione. La signora afferma di avere sottoscritto tutte le coperture. Se insinui il contrario devi avere le prove, o lavori in quella assicurazione? In tal caso, esibiscilo tu, il contratto. Oppure taci.

    • 1.2

      @ilsucca66: mi sa che lo sprovveduto sei tu, visto che non sembri in grado neppure di leggere un post o di guardare un video con la dovuta attenzione. Viene scritto chiaramente, e altrettanto viene detto nel video, che l’assicurazione c’era ed aveva tutte le coperture, ma che semplicemente NON PAGA. Ora bisogna farti un disegnino, oppure inizi a commentare dopo aver davvero letto e compreso?

    • 1.3
      ilsucca66

      Ho letto si ma però vi domando l’assicurazione l’avete sentita? Il contratto l’avete visto e letto? Oppure prendete per buono le parole della martire? 

    • 1.4
      ilsucca66

      Scusate ma mi ci portate.Tu hai una proprietà immobiliare come un albergo,una proprietà di un certo valore e non hai un’assicurazione che ti copre dai danni come quelli atmosferici oltre che incendio e altro? Questa Signora mi sembra molto sprovveduta. Poi lo sciopero della fame… dopo 21 giorni dovrebbe essere già morta visto che il limite di sopravvivenza è di 15 / 20 giorni.

    • 1.5
      gian65

      l’errore e’ credere alla politica,stiamo finanziando con l’accise della benzina la guerra di etiopia (1936)……

      maroni e di pietro dianp l’esempio restiturndo ai cittadini il surplus dei soldi che i cittadini hanno dato ai loro partiti

    • 1.6
      Elton

      PICCOLA precisazione:

      l’hotel era ASSICURATO, il problema è che l’assicurazione non fa il suo lavoro, non da i soldi, è per quello che lei nel frattempo chiede aiuto allo stato.

    • 1.7
      rmassimo64

      dovresti vederla da un altro punto di vista, la ragazza non chiede un milione di euro chiede di essere aiutata , vedi chi subisce un danno dalla natura non se lo cerca, e se stai in una nazione dove ti chiedono di aumentare di 5 centesimi la benzina per dare il denaro alla protezione civile che già se ne mangiati abbastanza facendo cose che non rientravano nel loro lavoro, secondo me non avrebbe dovuto mettere a rischio la sua vita , ma scendere a roma piazzarsi fuori montecitorio fermare un politico alla volta e farsi lasciare un assegno.

      Andare nelle sedi dei partiti e lasciare il suo conto corrente e dire ridatemi i miei soldi.

      In questi casi bisogna dare un segno importante , noi siamo vivi ed esistiamo non solo per pagare le tasse, ma anche per essere tutelati. 

      piena solidarietà a questa azienda che si è dovuta vendere casa, vieni a roma è meglio a varese poco fai, e ricorda che se le banche ti hanno dato il prestito è perchè ci guadagnano .

      Massimo L’aquila 14 aprile 2012

    • 1.8
      rmassimo64

      dovresti vederla da un altro punto di vista, la ragazza non chiede un milione di euro chiede di essere aiutata , vedi chi subisce un danno dalla natura non se lo cerca, e se stai in una nazione dove ti chiedono di aumentare di 5 centesimi la benzina per dare il denaro alla protezione civile che già se ne mangiati abbastanza facendo cose che non rientravano nel loro lavoro, secondo me non avrebbe dovuto mettere a rischio la sua vita , ma scendere a roma piazzarsi fuori montecitorio fermare un politico alla volta e farsi lasciare un assegno.

      Andare nelle sedi dei partiti e lasciare il suo conto corrente e dire ridatemi i miei soldi.

      In questi casi bisogna dare un segno importante , noi siamo vivi ed esistiamo non solo per pagare le tasse, ma anche per essere tutelati. 

      piena solidarietà a questa azienda che si è dovuta vendere casa, vieni a roma è meglio a varese poco fai, e ricorda che se le banche ti hanno dato il prestito è perchè ci guadagnano .

      Massimo L’aquila 14 aprile 2012

    • 1.9
      rmassimo64

      dovresti vederla da un altro punto di vista, la ragazza non chiede un milione di euro chiede di essere aiutata , vedi chi subisce un danno dalla natura non se lo cerca, e se stai in una nazione dove ti chiedono di aumentare di 5 centesimi la benzina per dare il denaro alla protezione civile che già se ne mangiati abbastanza facendo cose che non rientravano nel loro lavoro, secondo me non avrebbe dovuto mettere a rischio la sua vita , ma scendere a roma piazzarsi fuori montecitorio fermare un politico alla volta e farsi lasciare un assegno.

      Andare nelle sedi dei partiti e lasciare il suo conto corrente e dire ridatemi i miei soldi.

      In questi casi bisogna dare un segno importante , noi siamo vivi ed esistiamo non solo per pagare le tasse, ma anche per essere tutelati. 

      piena solidarietà a questa azienda che si è dovuta vendere casa, vieni a roma è meglio a varese poco fai, e ricorda che se le banche ti hanno dato il prestito è perchè ci guadagnano .

      Massimo L’aquila 14 aprile 2012

  • 0
    Antome

    byoblu ha scritto :
    Avevi detto un’altra cosa, ovvero che non aveva un’assicurazione, e non è quello che hai detto adesso. Dalle tue parole, comunque, traspare un’inimicizia personale verso quella che con disprezzo chiami “la martire”. Il che, perdonami, a meno che tu non abbia dei motivi di risentimento legittimi e documentati, nei confronti di una donna che fa lo sciopero della fame da 20 giorni non ti fa onore. Da ultimo: l’alluvione è occorsa tre anni fa. Mi sembra che se l’assicurazione avesse voluto pagare, l’avrebbe già fatto. O dobbiamo aspettare che uno su suicidi? Un’assicurazione serve ad assicurarsi, per continuare a lavorare, non a farti chiudere e poi a darti qualcosa, forse, dopo tre gradi di giudizio se non arrivi prima la prescrizione. La signora afferma di avere sottoscritto tutte le coperture. Se insinui il contrario devi avere le prove, o lavori in quella assicurazione? In tal caso, esibiscilo tu, il contratto. Oppure taci.

     

    Poi capisco esprimere dei dubbi (meglio se a scopo propositivo) sulla drammaticità della questione, per esprimere l’idea che qualcosa può essere fatta e in fondo non debba subire, ma qui sembra che non si metta in dubbio che la ragazza debba subire, ma si insinua che la sua sofferenza sia meritata e che le sue richieste siano eccessive e le lamentele un capriccio, appunto tramite l’uso della parola “martire” a scopo sarcastico dispregiativo.

  • -1
    the best

    solo per curiosità,per chi votava la signora?

     

  • -2
    Evitamina

    Mi inserisco sul discorso assicurazione non paga. 

    Perchè non proviamo a rompere la catena del sistema mafia, perché di questo si tratta. Se la signora ha un assicurazione in regola diffidi la direzione con documenti alla mano e da quel momento il tempo giocherà a favore della signora Bacchetta.

    In questo francente i paladini della giustizia Di Pietro e Maroni, se vogliono possono prendere una parte di quei soldi che rinunciano dallo stato, e fare in modo, almeno per il momento che l’hotel della signora continui a lavorare.

     

    Cordiali saluti

  • -3
    Bigalfry2

    Ho condiviso il post e spedito le email. Mi sono anche iscritto al gruppo(sostegno morale!). Di più non posso fare. Perché non  provi/proviamo a spedire la stessa email ai giornali e ai tg? Puoi darci gli indirizzi?

  • -4
    anzo

    Aggirato l’ostacolo.

  • -5
    anzo

    Ho già condiviso il documento 5 volte su facebook ma non me lo mette in bacheca, solo sul mio profilo. HELP

  • -6
    Tiziano

    Che l’assicurazione non paghi è possibilissimo. Io stesso fui coinvolto in un incidente stradale nel 2002 e pur avendo le piene ragioni ho dovuto mettere l’avvocato per farmi pagare. Alla fine sono riuscito ma per riavere i miei soldi che avevo nel frattempo anticipato per riparare la mia auto HO DOVUTO ASPETTARE UN ANNO INTERO…

    • -6.1
      blokandre

      e che hai fatto non hai mangiato x un anno?scherzo…

      è una pratica usata anche x il tav..pero’ loro magnano eccome..mmm

      sono molto daccordo con Alerighini..complimenti.

      domanda a Claudio:ma questi agenti atmosferici hanno causato danni solo alla signora?

      o altri hanno risolto e lei no?

  • -7
    Tiziano

    Che l’assicurazione non paghi è possibilissimo. Io stesso fui coinvolto in un incidente stradale nel 2002 e pur avendo le piene ragioni ho dovuto mettere l’avvocato per farmi pagare. Alla fine sono riuscito ma per riavere i miei soldi che avevo nel frattempo anticipato per riparare la mia auto HO DOVUTO ASPETTARE UN ANNO INTERO…

  • -8
    Tiziano

    Che l’assicurazione non paghi è possibilissimo. Io stesso fui coinvolto in un incidente stradale nel 2002 e pur avendo le piene ragioni ho dovuto mettere l’avvocato per farmi pagare. Alla fine sono riuscito ma per riavere i miei soldi che avevo nel frattempo anticipato per riparare la mia auto HO DOVUTO ASPETTARE UN ANNO INTERO…

  • -9
    Alerighini

    a me è piaciuto l’articolo , inteso come denuncia verso le istituzioni, lei ha delle gran ragioni , se può esserle di consolazione, non è la messa peggio, c’e gente che lo sciopero della fame è obbligato a farlo per forza, e per colpa dello stato non per qualche “casualità” naturale. quindi del caso umano proprio non sono interessato come voi, risolvere i problemi istituzionali risolverebbe di botto tutti i problemi sociali , ripeto a lei sicuramente serve risolvere il “suo” problema ma alla società servirebbe risolvere il problema di tutti, quindi denunciate le istituzioni e non il caso umano.

  • -10
    Tanatx

    Salve, 

    mi astengo sul giudizio del caso di specie e intendo sottolineare come nel post Byoblu evidenzi, e nemmeno in maniera sottile, la capacità osmotica di far permeare denaro nei conti dei partiti anche in barba a fenomeni come disastri naturali con effettiva necessità di risorse.

    A tal proposito, potremmo spostare l’attenzione alla TAV in Val di Susa ed alla città de L’Aquila, nella quale sono stato lunedì scorso e a favore della quale non si è fatto molto, oltrechè la costruzione di una nuova periferia.

    I disastri del territorio sono imprevedibili il più delle volte, ma più spesso sono causati dall’abusivismo edilizio poi condonato, avere avuto fiducia nella politica non fa pesare la bilancia in favore della vittima, ma resta il fenomeno sociale della completa assenza della redistribuzione economica al tessuto sociale ed economico del territorio stesso colpito dalla catastrofe.

    I morti sul lavoro, i suicidi da perdita di lavoro o dai fallimenti aziendali, gli scioperi della fame, non sono in linea con i tempi, dove un “tecnico bancario” traduce gli stessi come un vantaggio dovuto alla diminuzione degli elementi sottrattisi al proprio controllo o fonti di cellule o focolai incontrollabili, per questo è meglio che muoiano, del resto se il nostro “tecnico” non sente il peso della responsabilità collettiva nazionale come si può pensare che gliene importi qualcosa delle singole persone o famiglie.

    Siamo nelle nostre mani, non nelle loro, prima che arrivino le nuove elezioni politiche servono nuove armi al popolo, serve una difesa contro questi macellai.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>