Hollande – Sarkozy: Berlusconi? Non è amico mio.

Il dibattito tra Francois Hollande e Nicolas Sarkozy, nella parte che riguarda l’Europa, la Bce, l’austerity, la crescita e… Silvio Berlusconi. Già, perché Hollande accusa Sarkozy di essere amico di chi è corresponsabile della crisi, ovvero l’ex presidente del Consiglio italiano, ma Pietro-Sarkozy nega con forza l’amicizia. Poi il gallo canta tre volte…

Il cowboy d’oltralpe dichiara anche di non volere gli eurobond, perché a garantirli sarebbero solo il suo paese e la Germania, mentre confessa di avere costruito il “governo economico europeo” (ove i 17 paesi che aderiscono all’euro decidono in sede comune delle politiche fiscali e di spesa pubblica) non grazie alla Merkel, ma grazie a Mario Monti.

Una conferma ulteriore del ruolo di tessitore degli Stati Uniti d’Europa di cui l’unto di Napolitano si è fatto carico, proseguendo i suoi impegni programmatici assunti nella Commissione Trilaterale, l’associazione delle lobby americane che per il loro stesso vantaggio materiale hanno perseguito la logica dell’integrazione europea. A discapito dei popoli che, di fronte alle élite economico-finanziarie, non hanno mai avuto voce in capitolo, se non per pagarne le conseguenze.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

15 risposte a Hollande – Sarkozy: Berlusconi? Non è amico mio.

  • 6

    Non vedo l’ora che quel buffone scenda dal suo trono!! si è burlato troppo di noi senza guardare prima a se stesso!!

  • 5
    Maddalena

    Non bisogna fare l’errore di pensare che esista un complotto semplice, ordinato, confezionato e impacchettato; un piano preordinato dove tutto funziona a meraviglia con pochi partecipanti in combutta tra loro.
     La realtà è molto più complessa, esistono casomai idee dominanti nei vari momenti storici, dei ‘paradigmi’ che poi forgiano la politica e l’economia. Dopo la II guerra mondiale fu importante stabilire una forte amicizia atlantica, era quello il pensiero dominante e tale è rimasto per decenni  sino ai giorni nostri.
    Poi, all’interno di una visione complessiva, troviamo tanti interessi diversi, anche in conflitto tra loro. Ci sono gli idealisti, ci sono i profittatori, vi sono necessità di alleanze, c’è di tutto. L’unione europea era nata nella mente di molti anche in modo molto idealistico, una costruzione per il futuro. Risulterebbe aver partecipato ad una delle primissime riunioni Bildeberg De Gasperi. il problema dell’unificazione europea è che si è rivelata un castello di carta, fragile perché teorico, costruito calandolo dall’alto sugli stati nazione, non qualcosa che organicamente si sia costruito dai popoli. Ora ci troviamo con un qualcosa di cui non ci possiamo disfare facilmente (perché sarebbe un disastro) e allo stesso tempo le singole democrazie che compongono il castello di carta fanno ognuna il proprio interesse. Lo fa la Germania della Merkel, si è fatto i propri interessi Sarkozy. Berlusconi, a sua volta, cercava alleanze con Putin, aveva paura dei poteri forti e soprattutto voleva regnare incontrastato. Però quando arrivò la lettera, stette zitto e obbedì.

  • 4
    Bigalfry2

    Premesso che a me l’Europa piace, mi sembra che il problema sia più che altro un eccessivo sbilanciamento del sistema Europa a favore dell’economia tedesca. Monti corresponsabile? Può essere… bisogna vedere se e cosa ha fatto in concreto(ha una buona fama come commissario) e se ha fatto errori tali da produrre o favorire la crisi attuale(tutto da dimostrare).

    SU Berlusca e Sarkozy: una coppia di cialtroni. Bleah! Populisti entrambi. Ritengo comunque che mettere sullo stesso piano Sarkozy e Berlusconi sia un po’ ingeneroso per il primo: è il nostro ex capoad aver fatto precipitare la situazione europea, ad essere andato a mignotte, ad aver fatto telefonate in questura, ad aver fatto il pasticcio che sappiamo in Libia, ecc… Vi dico solo questo: a Pasqua abbiamo ospitato un amico indiano di mio cugino. Chiacchierando ho iniziato a parlargli(in un inglese stentato) della nostra politica e gli ho chiesto:”Do you Know Berlusconi?” E lui: “Everyone know him!” con risatina ammessa. Non solo: a settembre andai con la scuola a Monaco e la guida del museo si mise a scherzare e ci disse che ci compativa per il fatto di avere al governo lo psiconano!! Che vergogna! Io sono d’accordo con Crozza: ” San Gennaro dimmi che mo’ è finiiiitaaaaaaaaaaaa!” ;)

    • 4.1
      USReagan

      @ Bigalfry2: per quanto riguarda la politica estera, mi spiace doverlo ammettere ma già comincio a rimpiangere la “realpolitik” delle pacche sulle spalle del Berlusca (che certamente non si è però mai risparmiato in quanto a gaffes). Fatto sta che però i nostri piccoli interessi geopolitici cercavamo di gestirceli ancora in maniera furba: da una parte col Colonnello Gheddafi e dall’altra con lo Zar Putin.. adesso siamo dei burattini alla mercè delle grandi Nazioni che -quelle sì- si gestiscono in maniera spregiudicata i propri interessi a livello globale. E per quanto riguarda “l’inverno Libico” (altro che primavera) è stato proprio Sarkozy a volere più di tutti la guerra per sbarazzarsi del “Cane pazzo del medio-oriente”: in tal modo ha chiuso la bocca ad uno scomodo finanziatore occulto (vedi processo in corso) ed ha intaccato gli interessi Italiani dell’ENI a tutto vantaggio della francesissima TOTAL. Il tutto con il supporto degli Americani, spaventati dal concretizzarsi del progetto Gheddafiano del Dinaro d’oro come nuova moneta Pan-Africana… In questo contesto il Berluska ha dovuto adeguarsi a giochi fatti… sostenere lealmente l’amico sotto bombardamenti NATO o cercare di saltare sul carro del vincitore?? Si è scelta la seconda opzione.. Meglio erano le risatine della indifferenza più totale in cui è piombato il attualmente il nostro Paese… Come spesso si è fatto presente in questo blog, Rigor Montis è il portaborse dei grandi interessi sovra-nazionali (vedi posts di Claudio sulla Commissione Trilaterale) quindi è bene non farsi illusioni. Per quanto concerne l’iniquità della politica (interna ed economica), sia Berlusky che Montis sono dei veri campioni. L’unica differenza è che con Montis sembra che i più abbiano perso il proprio spirito critico, abbacinati come sono dall’aurea solenne del professorone in Loden..

    • 4.2
      Bigalfry2

      La differenza fra Monti e Berlusca in politica economica è molto semplice: Berlusca ha mandato in rovina il Paese e sta continuando a fare i propri interessi anche nel sostegno nel governo, mentre Monti ha ereditato un Paese disastrato e con tensioni sociali sul punto di esplodere(la disoccupazione giovanile, la precarietà e la crisi dei risparmi delle famiglie ci sono da anni, non puoi dare la colpa a lui). Monti ha certamente commesso degli errori: è stato troppo debole sulla riforma del lavoro(ha comunque eliminato stage gratuiti e contratti in bianco), ha messo troppe tasse, non ha fatto la patrimoniale e non ha considerato per tempo gli esodati. E la spending review? E’ partita sì o no? Muoversi!

      Sulla realpolitik del Berlusca:  ha coltivato i suoi interessi personali, ha fatto Cucù alla Merkel, sulla Libia ha fatto gaffe su gaffe facendo più giravolte che mai, ha dato dell’abbronzato ad OBAMA, ha trasformato uno scandalo sessuale in un caso internazionale, ci ha fatto vergognare in tutto il mondo…. devo aggiungere altro? Iniziamo a sentire nostalgia? Siamo pazzi? Vogliamo tornare ad avere il Parlamento diviso a metà e praticamente impossibilitato a fare le leggi? Vogliamo riavere la Carfagna e la Santanchè? Mio Dio. Monti avrà tanti difetti, ma vorrei vedere gli altri a governare un Paese allo sfascio? Vogliamo la diminuzione delle tasse? Allora licenziamo un po’ di dipendenti pubblici. I conti devono tornare: nessuno si fida più di noi! 

      Quello che si dice su Monti non mi convince: mi sono documentato su riserva frazionaria, banca centrale, signoraggio bancario e mi smebrano tutte paranoie. 

      L’accusa è gravissima e servono prove grosse come macigni per accusare qualcuno(intercettazioni, documenti scottanti, ecc….). Io non ne vedo!

  • 3
    Maddalena

    Monti è stato per vent’anni circa, se le liste disponibili sono accurate e affidabili, nel comitato esecutivo Bilderberg.
    “The world is a complicated place, with oceans of new information sloshing around. To run a multinational organisation, it helps if you have a rough idea of what is going on. It also helps to be on first-name terms with other globocrats.”
    E’ una frase da un articolo dell’Economist, intitolato con sufficienza ‘The world’s water-coolers’, (Le pause caffè del mondo) del 20 gennaio 2011. Evidentemente il direttore dell’Economist sentiva di non poter più nascondere il fatto di aver partecipato per anni, in prima persona o attraverso i suoi collaboratori, alle riunioni annuali del gruppo Bilderberg.
    Ed è nel gruppo Bilderberg, ben prima che nella trilaterale, che possiamo intravvedere il disegno del percorso europeo. L’italia doveva svolgere un ruolo di rilievo, ed infatti il primo grande trattato avvenne proprio a Roma. Se pensiamo al nostro ruolo nella Nato, al pericolo comunista in italia ed al fatto che il ‘bilderberg’ è l’altra faccia della Nato, possiamo porci un bel po’ di domande.
    Quando con tangentopoli si creò il vuoto di potere dovuto alla fine della prima repubblica, ci fu l’avvento di Mr. B. Ma fu proprio lui a voler scendere in campo? Non secondo Indro Montanelli, che scrisse che fu Agnelli a chiedere a Mr. B di presentarsi in politica. Beh, era un industriale che voleva un altro industriale a dirigere il paese, direte voi.
    Forse. Ma forse c’entra anche il fatto che Agnelli era il referente italiano del gruppo bilderberg.  Quando però si vide che Mr B. voleva fare il cane sciolto, fu proprio L’Economist a denunciarlo come ‘unfit’. Purtuttavia, lo si lasciò in pace ancora per anni perché tutto sommato c’era Tremonti inserito (è Tremonti, finto no-global, la vera figura ambigua della nostra storia recente).
    E cosa succede nella storia ancora più recente? Salta fuori Lavitola, un personaggio che nell’ombra muove le mosse di Mr. B. Chi controllava Lavitola e perciò controllava Mr. B? E Lavitola faceva una sorta di doppio gioco? Non possiamo ancora saperlo, ma sarebbe molto interessante scoprirlo.
    Fatto sta che sia dall’estero che all’interno Mr. B. fu lasciato libero di fare per anni come gli pareva. Poi arriva la lettera della BCE (a lui e Tremonti) e poi Mr. B. viene finalmente messo da parte, sostituito da Monti.
    Che Sarkozy si sia dimenticato dell’amichetto (amichetto al tempo delle famose centrali) fa parte del gioco politico, squallido in casi come questo.  A lasciarlo cadere come una patata bollente sono stati, credo, quelli che lo volevano usare e non sapevano più che farsene.

    • 3.1
      Maddalena

      E’ possibile e persino probabile che Mr. B. fosse stato scelto non per la sua precedente amicizia con Craxi (che poi non era amicizia politica, era il fatto che gli imprenditori erano ammanicati col CAF), ma nonostante essa. A quel punto il CAF era stato spazzato via e qualcuno doveva pur andare al potere, qualcuno che non doveva essere nè veramente socialista, nè tantomeno comunista o comunque di sinistra. Doveva essere un liberale.

      Una bella fetta degli italiani invitati al bilderberg (sempre secondo le liste disponibili) avevano fatto parte del Partito Liberale o comunque avevano visioni liberali.

      Per quanto riguarda Gelli e tanti altri oscuri avvenimenti nella vita politica italiana precedente, occorre ricordare come abbiamo avuto Gladio e il progetto Stay Behind, i servizi deviati, ecc. Stay behind era di origine Nato. Occorreva, per sventare qualssiasi possiiblità che al potere vi andassero i comunisti, essere preparati con addirittura cellule paramilitari. E poi bisognava anche prospettare finti pericoli comunisti anche quando non ve ne fossero stati.

      Il discorso è lungo e non vorrei approfittare troppo di questo spazio.

       

       

       

       

       

    • 3.2
      Bigalfry2

      Io la storia la so così( ma se ne sapete di più correggetemi): Berlusca era stato favorito in ogni modo da Craxi con procedure ai limiti della legalità,per esempio sul permesso di creare televisioni private nazionali, e dopo il crollo di Tangentopoli Berlusca temeva che i comunisti(lo  so, ex, ma per me rimangono tali) fecero capire a Berlusconi che il suo impero era alla fine. I cavilli e i trucchetti non sarebbero più stati tollerati e sarebbero arrivati guai giudiziari. A quel punto Berlusca reagisce e scende il campo per salvaguardare i suoi interessi dai suoi nemici. Agenlli appoggiò da lontano(“Se riesce vinciamo tutti, se perde, fallisce lui”). Fu favorito dai poteri forti in relazione a Maastricht? A questo non crederò mai. Berlusconi è sempre stato a dir poco scettico verso l’Ue e ha sempre avuto problemi coi tedeschi. Fra l’altro la Francia temeva una possibile invasione commerciale di Mediaset.

      Credo che Berlusca non avesse bisogno dell’appoggio dei poteri forti: lo era lui. Le banche? Ne ha una. E’ un self-made and self-destroyed man!

      Nota: nel ’94 avevo un anno e, quindi, ne so poco e solo per vie traverse. Eventuali correzioni sono ben accette!

    • 3.3
      Bigalfry2

      Io la storia la so così( ma se ne sapete di più correggetemi): Berlusca era stato favorito in ogni modo da Craxi con procedure ai limiti della legalità,per esempio sul permesso di creare televisioni private nazionali, e dopo il crollo di Tangentopoli Berlusca temeva che i comunisti(lo  so, ex, ma per me rimangono tali) fecero capire a Berlusconi che il suo impero era alla fine. I cavilli e i trucchetti non sarebbero più stati tollerati e sarebbero arrivati guai giudiziari. A quel punto Berlusca reagisce e scende il campo per salvaguardare i suoi interessi dai suoi nemici. Agenlli appoggiò da lontano(“Se riesce vinciamo tutti, se perde, fallisce lui”). Fu favorito dai poteri forti in relazione a Maastricht? A questo non crederò mai. Berlusconi è sempre stato a dir poco scettico verso l’Ue e ha sempre avuto problemi coi tedeschi. Fra l’altro la Francia temeva una possibile invasione commerciale di Mediaset.

      Credo che Berlusca non avesse bisogno dell’appoggio dei poteri forti: lo era lui. Le banche? Ne ha una. E’ un self-made and self-destroyed man!

      Nota: nel ’94 avevo un anno e, quindi, ne so poco e solo per vie traverse. Eventuali correzioni sono ben accette!

    • 3.4
      roby67

      Gent.ma Maddalena, in base alla tua ricostruzione storica non ho letto un nome assolutamente centrale al tempo: Bottino Craxi. Che ruolo avrebbe avuto nella vicenda , quando  sappiamo tutti dell’assoluta vicinanza con il berlusca?

      Vorrei ricordare che  Milano, un anno prima della famosa discesa in campo del cavaliere, era completamente tappezzata da manifesti con bambini sorridenti con una strana scritta: fozza itaia. sì,avete letto giusto : fozza itaia. In quegli anni la fininvest (grazie a publitalia 80) aveva il monopolio delle affissioni in citta’, poi abbiamo visto tutti cosa e’ accaduto…

      Interessante da analizzare il legame con gelli & co.

      Ma forse non e’ questa la sede adatta…

    • 3.5
      Maddalena

      mah…, all’epoca il pericolo comunista era quasi del tutto risolto, c’era già stato il crollo del muro di Berlino, l’inificazione tedesca. Ma era l’epoca di Maastricht, occorreva che nessuno ostacolasse il progetto di libera circolazione delle merci e dei capitali e bisgnava spianare la strada ai futuri trattati. In Italia serviva una finta sinistra fintamente contrapposta ai sedicenti liberali/liberisti di destra.

    • 3.6
      Bigalfry2

      E’ un discorso un tantino paranoica, ma, ipotizzando che sia vero, bisogna ammettere che Berlusca ha fatto di tutto per mettersi nel sacco da solo. Le molte manovre estive, le prostitute, i pastrocchi con la protezione civile di Bertolaso, le gaffe pubbliche e le letterine a Babbo Natale non sono certo colpa del Bilderberg. 

      Agnelli era un buono a nulla che ha snobbato la Cina per anni e che ha saputo solo fare i suoi interessi sfruttando la sudditanza dei politici. Avrà favorito B. per paura dei comunisti. Mah! Può essere. Ce lo vedo quel serpente rubasoldi.

    • 3.7
      Maddalena

      Mi correggo: per trent’anni circa (non vent’anni)

  • 2
    Krux

    Un po’ come chiedere ad un italiano se ha mai votato per Berlusconi…

  • 1

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>