Torino, terra di mafia


di Valerio Valentini

Prendetevi un minuto di pausa e fate un respiro profondo: oggi facciamo un gioco. Immaginate che un consiglio provinciale si costituisca parte civile in un processo di ‘ndrangheta, nel quale un noto politico locale è accusato di aver interloquito con la cosche calabresi, ottenendo voti e garantendo favori. Poi ipotizzate – ragionando sempre per assurdo – che nelle poltrone del consiglio provinciale costituitosi parte civile contro quel politico, sia seduto il figlio dello stesso politico. Che, tra l’altro, è stato eletto proprio grazie ai voti che suo padre, giudizioso, ha racimolato presso i boss.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Ora, terminato il gioco, strabuzzate pure gli occhi: quello che avete letto è tutto vero. Succede nella provincia di Torino, nel cuore di quel Piemonte che è diventato, ormai da anni, una vera e propria terra di mafia.

Ma andiamo con ordine. L’8 maggio scorso, di fronte alla Commissione Speciale Antimafia, il presidente del consiglio provinciale di Torino, Sergio Bisacca, ha annunciato l’intenzione dell’ente da lui diretto di costituirsi parte civile. Fin qui niente di strano. Se non fosse che uno dei principali indagati nell’inchiesta è Nevio Coral, noto politico e imprenditore, sindaco di Leinì per oltre dieci anni (un comune di 15mila abitanti nel torinese) ed esponente a vario titolo di molte aziende attive in campi che vanno dall’edilizia ai servizi comunali. Non solo: Nevio Coral è anche il fondatore di “Nuove Energie”, associazione culturale che ha “l’intento di incrementare la partecipazione di persone della società civile alla gestione della cosa pubblica”. Tuttavia, la curiosità è che su come gestire la cosa pubblica Nevio Coral ha un’idea tutta sua. Stando agli inquirenti, infatti, il buon Coral – arrestato nel giugno scorso – avrebbe stabilito solidi rapporti con le cosche calabresi impiantatesi nella provincia di Torino, tanto che gli ‘ndranghetisti lo userebbero come “un biglietto da visita”, e addirittura come “un gioco” da spartirsi e litigarsi per ottenerne ritorni economici e favori di vario genere. Favori in cambio dei quali Coral otteneva ovviamente un’ottima contropartita: la garanzia di un mucchio di voti.

E a chi andavano i voti che lui raccoglieva? Al figlio, appunto, che dal 2005 fino al dicembre del 2011 è stato sindaco dello stesso comune, Leinì, divenuto un feudo di famiglia e sciolto per infiltrazioni mafiose nel marzo scorso, riuscendo contemporaneamente ad approdare in consiglio provinciale nel 2009. Ad affermarlo, infatti, sono le carte dell’inchiesta Minotauro, quella che ha portato all’arresto di Coral padre per concorso esterno in associazione mafiosa: Ivano sarebbe fortemente condizionato – per non dire manipolato – nel suo operato dalle indicazioni del padre, che dunque resterebbe il vero burattinaio della politica di Leinì e dintorni. E le ombre dei voti di ‘ndrangheta non ricadono soltanto sul figlio Ivano, ma anche sulla nuora (la moglie dell’altro suo figlio, Claudio) Caterina Ferrero, ex assessore regionale alla sanità, travolta da un’altra inchiesta, di poco precedente all’operazione Minotauro, che la vedeva al centro di uno scandalo fatto di turbative d’asta e corruzione in ambito sanitario. Una famiglia modello , insomma.

Tuttavia, al di là delle accuse formulate dai magistrati, a dare un’idea del sistema messo in piedi da Nevio Coral ci pensano le vive voci dei protagonisti di questa storia: lo stesso politico-imprenditore e i boss coi quali lui interloquiva. L’incontro avviene in un ristorante di proprietà di Claudio Coral, il 20 maggio: l’obiettivo è lanciare l’enfant prodige in corsa per le elezioni provinciali del 6 e 7 giugno 2009, Ivano. Il boss con cui viene intavolata la trattativa è un esponente importante all’interno del “Crimine” di Torino, l’organo di raccordo tra le varie cosche locali, e si chiama Vincenzo Argirò. Il quale, non sapendo di essere intercettato dalle microspie dei Carabinieri, fa un accenno ai bei tempi passati: “dottore, noi siamo qua e siamo felici di esserlo perché … sanno che noi siamo qua con voi e saremo felici come lo siamo stati … anni fa …se voi vi ricordate bene …”. Poi, mentre la serata trascorre, un altro picciotto continua: “con tutto il rispetto che io c’ho per Ivano, lo conosco da piccolo, siamo cresciuti assieme … ascolta … però, dove vai vai, Ivano non è Ivano, Ivano è il figlio di Nevio!”. E Nevio, infatti, che non ha ritenuto opportuno neppure portarlo alla cena, suo figlio, precisa: “In molti casi dicono che è la mia copia più istruita, no? perché lui si è preso una laurea …ha quel qualcosa in più … gli manca, gli manca, forse, gli manca quella maestria e quella esperienza…”.

E la conferma del fatto che la mediazione della ‘ndrangheta è stata fruttuosa, arriva due giorni dopo le elezioni, quando un altro boss locale, Giovanni Iaria, viene intercettato mentre parla al telefono con un altro affiliato: “gli ho telefonato a Nevio […] ho detto vedrai che gli unici che mantengono gli impegni sono quelli che… vicino a te, e tuo figlio è eletto…viene eletto tuo figlio perché io avevo già fatto i conti […] loro hanno aspettato fino alle tre e mezza a saperlo, però io gliel’ho detto ieri sera alle sei e mezza. […] Ha preso 7500 voti: dei nostri non è scappato nessuno!”.

Dunque il sistema Coral non aveva fallito. Quel sistema che lui aveva esposto alla tavolata dei boss: “Innanzitutto prendiamo uno lo mettiamo in Comune, l’altro lo mettiamo nel consiglio, l’altro lo mettiamo in una proloco, l’altro lo mettiamo in tutta altra cosa, magari arriviamo che ci ritroviamo persone nostre che… E diventiamo un gruppo forte”.

Ora, resta da capire come si svolgerà il dibattimento in aula. La parte civile, infatti, di norma è quella che si ritiene danneggiata e intende far valere le proprie ragioni davanti al giudice, al fine di vedersi risarcita. E ci scapperà da ridere a sentire Ivano Coral in preda a crisi mistiche: “Caro papà, dato che tu mi hai favorito regalandomi i voti della ‘ndrangheta, io mi ritengo da te danneggiato. Non in quanto tuo figlio, ma in quanto membro del consiglio provinciale che oggi ti accusa”. Onde evitare cortocircuiti del genere, a disposizione del povero Nevio Coral, forniamo qui brevemente delle formule linguistiche per uscire dall’imbarazzo nel quale potrebbe cadere. Innanzitutto, può ritenersi perfettamente a posto con la propria coscienza presentandosi come semplice “utilizzatore finale” dei voti illegali che suo padre gli ha fornito; oppure, può proclamarsi come il primo eletto coi voti della ‘ndrangheta a sua insaputa. Formula che, ultimamente, va molto di moda.

Leggi anche:


La ‘ndrangheta che vuole la Tav in Val di Susa

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

2 risposte a Torino, terra di mafia

  • 1
    Bigalfry2

    Mi cascano le braccia, ma non so se Ivano può essere cacciato dal consiglio provinciale. Certo la cosa è ridicola.

    Aproposito di “A MIA INSAPUTA”, lo sapevi che il governo ha riaffidato un incarico a Malinconico?

  • 0
    giugno

    In un altro Stato, Stati Uniti o tra quelli europei che hanno ratificato le norme contro la “corruzione”, sarebbero stati tutti, padre, figlio e parenti, cacciati dalle Istituzioni, a pedate nel c**o, da noi in Italia aspettiamo sempre l’esito dei processi come se i tribunali fossero “il lavacro purificatorio delle anime e delle coscienze”.

    Ricordiamo che i tribunali non perseguono i comportamenti indegni, ma solo i reati che eventualmente dai comportamenti potrebbero essere stati compiuti.

    Condannare “evidenti” comportamenti indegni con l’allontanamento dei soggetti implicati, dai luoghi in cui si gestisce il bene pubblico, è un “dovere civico” assolutamente necessario e prioritario che deve avvenire da “subito” indipendentemente dai reati che solo un processo può eventualmente dimostrare e condannare.

    Un reato potrebbe non esserci, ma un comportamento improprio al ruolo pubblico esiste dal momento in cui si hanno le prove degli “intrattenimenti ed interlocuzioni con soggetti criminali” fatto che da solo compromette chiunque svolga un incarico politico, ameno che non riesca a dimostrare che ad interloquire non sia stato lui personalmente, ma un sosia che adoperava il suo telefono , la sua automobile ed il suo corpo negli incontri con i malavitosi.

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La Teoria delle Risonanze Evolutive – Achille Damasco

LA TEORIA DELLE RISONANZE EVOLUTIVE - Achille Damasco L'approccio all'evoluzione utilizzato da Charles Darwin è davvero l'unico possibile? Cosa lega l'improvviso aumento di dimensioni delle balene, all'evaporazione dell'acqua, ai cambiamenti sociali che portano alle rivoluzioni? (altro…)...--> LEGGI TUTTO

La società dei Like – Mauro Scardovelli

La società dei Like - Mauro Scardovelli Byoblu ha chiesto al noto giurista e psicoterapeuta Mauro Scardovelli di tenere una lezione-commento sulle dichiarazioni, pubblicate su questo blog, dell'ex vice-presidente di Facebook, Chamath Palihapitiya, secondo cui "gli stimoli di feedback a breve termine, basati sulla dopamina, che abbiamo creato, stanno distruggendo il modo in...--> LEGGI TUTTO

Renzi è un software nella Matrix di Berlusconi – Gigi Moncalvo

Renzi è un software nella Matrix di Berlusconi - Gigi Moncalvo Gigi Moncalvo, giornalista e scrittore, che ha conosciuto Silvio Berlusconi e ne è stato l'ombra per diverso tempo, racconta come e quando sia avvenuto l'incontro con Matteo Renzi e perché Renzi sia la "pecora Dolly" della politica italiana. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Cose che non sai di Leonardo Da Vinci – Angelo Paratico

Cose che non sai di Leonardo Da Vinci - Angelo Paratico Angelo Paratico, scrittore e giornalista, mostra tutti gli indizi che indicherebbero che Caterina, la madre di Leonardo Da Vinci, sarebbe in realtà una schiava cinese, o tartara, giunta in Italia attraverso la dimostrata compravendita di schiave bambine che avveniva in Crimea, durante il Rinascimento. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

E loro privatizzano!

Un emendamento del Governo per vendere i beni statali (anche culturali) agli stati esteri, iniziando dal Qatar. Privatizzazioni programmate e selvagge, prive di senso anche dal punto di vista finanziario. Perché? Ne parliamo con Antonio Maria Rinaldi, economista di Scenari Economici....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>