Quel senso di vendetta popolare sulle banche

Mario Monti, ieri sera a Piazza Pulita, ha esortato a non assecondare quel “senso di vendetta popolare“, calcando di più il tallone sulle banche, perché le banche sono già in difficoltà per i fatti loro. Un tema, quello della rivoluzione violenta, che nel professore esercita un certo fascino, visto che lo evoca con una certa regolarità, come quando disse che la domanda di sangue della politica, nel popolo, è illimitata (guarda il video). E del resto ha detto che è stato fatto già molto per incidere sui privilegi dei bankers. Se fossi stato in Corrado Formigli, gli avrei ricordato la storia delle commisioni bancarie, un chiaro esempio di come il Governo Monti abbia mostrato il pugno di ferro con l’ABI e le sue associate.


Il 6 dicembre 2011 il Governo Monti fa uscire il decreto legge cosiddetto “Salva Italia“, contenente “disposizioni urgenti per la crescita, l’equità e il consolidamento dei conti pubblici“. C’è tempo, per convertirlo, fino al 6 febbraio, ma già Il 22 dicembre 2011 arriva la legge “Conversione in legge del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201“. Si introduce però un articolo 6-bis, che a sua volta ne introduce un altro, il 117-bis , che modifica le norme che regolano i contratti tra banca e cliente nel “Testo unico in materia bancaria e creditizia” (cioè il decreto legislativo 1 sett 1993 n.385). Quest’aggiunta, cioè il 117-bis, contiene 4 commi e dice che i contratti bancari possono prevedere commissioni di sconfinamento, e al comma 4 dice che il CICR (Comitato interministeriale per il credito e il risparmio) adotta disposizioni applicative del presente articolo entro il 31 maggio 2012. Dice, cioè, che a stabilire quali e quante saranno queste commissioni ci penserà, in sostanza, il Ministero dell’Economia, del quale il CICR è parte.

Il 24 gennaio 2012 il Governo Monti emana il decreto legge 24 gennaio 2012, n.1, quello sulle liberalizzazioni, recante “disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività“. Siccome bisogna convertirlo in legge, Monti e Passera presentano il relativo disegno di legge, il Ddl 3110, dove al Capo VI, “Servizi Bancari e Assicurativi”, pensano bene di introdurre un articolo 27 che sospende una norma (l’Art.34, Comma 7, Legge 138/2011) che rendeva gratuite le transazioni con carte di pagamento presso le pompe di benzina sotto ai 100EUR. insomma: si vede proprio che questo non è il governo delle banche. Ma intanto che ci sono (siccome devono risolvere un problema interpretativo connesso all’entrata in vigore del famoso 117-bis del “Salva Italia”), sempre all’Art.27 decidono di abrogare la vigente normativa sulla commissione di massimo scoperto. E qui casca l’asino.

L’asino lo fanno cascare quei buontemponi del Senato, che Il primo marzo approvano un maxiemendamento interamente sostitutivo del testo originario sulle liberalizzazioni. Sì, perché all’articolo 27 della legge di conversione del “Salva Italia” (che si occupa di tutt’altro: dismissioni immobili) aggiungono un articolo 27-bis dal titolo: “Nullità di clausole nei contratti bancari“. L’emendamento dice: “Sono nulle tutte le clausole comunque denominate che prevedono commissioni a favore delle banche… anche nel caso di sconfinamenti in assenza di affidamento, ovvero oltre il limite di fido“. Tutto bene, se non che gli estensori dell’emendamento dimenticano di aggiungere (se ne dimenticano proprio, nel senso letterale del termine) che sono nulle tutte le commissioni, sì, ma “tranne quelle previste dalla delibera che il CICR adotterà entro il 31 maggio“. Il che, detto tra noi, nella loro testa avrebbe dovuto rappresentare null’altro che una mera formula di rito per dire: ci penserà il Comitato Interministeriale entro il 31 maggio, a stabilire che le commissioni bancarie resteranno saldamente al loro posto. Per convincersene, basta guardare alla composizione del CICR, che è presieduto da Mario Monti e conta altri quattro ministri, dei quali due coincidono con Passera e un altro, Enzo Moavero Milanesi, discende nientemeno che dal fondatore della Bocconi. Qualcuno crede davvero che un simile dream-team avrebbe mai preso una decisione così ostile al settore bancario come togliere una fonte di guadagno tanto facile e corposa?

Apriti o cielo! Federico Ghizzoni, amministratore delegato Unicredit, parla di “incidente che non si deve più ripetere”. Giuseppe Mussari, presidente ABI, si dimette (per finta), e poi fa il tour di tutte le forze parlamentari per fare pressioni affinché l’emendamento, già approvato, venga subito stralciato, altrimenti dal giorno dopo in cui fosse entrato in vigore i clienti avrebbero fatto causa alle banche, le quali avrebbero dovuto sopportare, a detta loro, 10 miliardi di minori profitti. Nessuno ricorda che, secondo dati dell’Unione Europea, siamo noi a dover sopportare i costi maggiori per la tenuta di un conto corrente bancario in Europa: circa 253,14EUR all’anno contro una media UE 27 di 111,62EUR e contro i 154EUR della Francia, gli 89EUR della Germania e i 45EUR dell’Olanda. Come faranno a sopravvivere le banche in questi scellerati paesi? Mistero.

Mario Monti, dal canto suo, non si lascia sfuggire l’occasione inaspettata per dire, gonfiando il petto, che quell’emendamento è la prova definitiva che lui non appartiene ai poteri forti. Peccato che l’emendamento stesso sia stato proposto dal Pd, e non dal Governo. E soprattutto, peccato che già tutti si stiano impegnando alacremente per stralciarlo quanto prima possibile, in ossequio alle disposizioni di Mussari. Ma il tempo è poco, perché la conversione in legge deve avvenire entro il 22 marzo, altrimenti tutto il decreto decade: non c’è il tempo di fare un altro giro di modifiche. E non si può neppure stralciare così, lo scellerato emendamento: serve un’altra legge, o perlomeno un decreto legge ad hoc, perché Napolitano (in conseguenza del selvaggio far west dei tempi di Berlusconi) a suo tempo fu chiaro: non si può infilare in un decreto legge un articolo a caso che con quel decreto non c’entra nulla. E poi, francamente, chi dovrebbe intestarsi la proposta di modifica? La popolarità delle forze parlamentari è già bassa così: in tempi di austerity e di sacrifici per il popolo, nessuno ha voglia davvero di passare alla storia come quello che rimette le commissioni bancarie a vantaggio di quegli istituti di credito che prendono soldi all’1% da Francoforte e poi se li tengono senza distribuirli agli imprenditori che si suicidano.

Ma non c’è problema! Il Governo, che non è dei poteri forti, toglie a tutti le castagne dal fuoco e dice ai partiti: se mi fate un Ordine del Giorno dove mi invitate a risolvere la questione poi io, visto che è il Parlamento a chiedermelo (quindi il popolo sovrano), generosamente recepirò la vostra istanza di giustizia, che non può e non deve rimanere inascoltata, e ripristinerò immantinente le commissioni bancarie. Fa niente che gli esodati, i pensionati che devono pagare l’IMU e sono in ospizio, gli imprenditori con la corda al collo e gli italiani tutti, in generale, attendano a loro volta leggi che risolvano le loro questioni da mesi, se non da anni: Mussari non può mica aspettare, siamo seri! Tutto risolto, insomma, ma fate presto a presentarlo, questo benedetto Ordine del Giorno – dice Monti ai partiti -, perché il 24 marzo Napolitano promulgherà il famigerato Ddl sulle liberalizzazioni – quello che toglie le commissioni bancarie – e, per evitare conflitti con la legge del 6 dicembre – quello che le consente -, dobbiamo assolutamente presentare un nuovo Ddl “salva banche” nello stesso giorno, cioè il 24 marzo, così annulliamo gli effetti del primo. Tutto chiaro? Un vero guazzabuglio.

Detto fatto, il 22 di marzo, al fotofinish, il Parlamento presenta l’“‘Ordine del giorno 9/5025/202. Fluvi, Saglia, Lulli, Cera, Bernardo, Polidori”, che impegna il Governo ad emanare in tempi rapidi un provvedimento che preveda “che la nullità delle clausole dei contratti bancari si applichi alle linee di credito non conformi a quanto previsto dalla delibera CICR“. In pratica, un testo dove si chiede che il famoso emendamento ammazza commissioni bancarie venga stralciato. Molti sono gli onorevoli che, a dire il vero, vorrebbero discuterlo, ma Maurizio Lupi, che presiede la seduta, liquida tutti e approva l’Odg in tre secondi netti di orologio. Tre! Guardare video per credere. Lo avrebbe capito anche un porcospino in letargo che era tutta un maneggio per salvare la faccia ai partiti e tranquillizzare Mussari. La De Micheli però, ospite de L’Ultima Parola il 23 marzo, cerca di tranquillizzarmi e mi ricorda cheun ordine del giorno non è legge:è un impegno per cui il Governo dovrà ritornare su quella materia. Non è che domani mattina quella norma viene cancellata“.

Infatti l’indomani mattina esatta, il 24 marzo 2012, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, “ritenuta la straordinaria necessita` ed urgenza di modificare talune disposizioni […] concernenti la nullità di clausole nei contratti bancari“, su proposta nientedimeno che del presidente del Consiglio Mario Monti – quello che si gonfiava il petto con l’emendamento che non era su-, emana il Decreto-legge 24 marzo 2012, n. 29, il quale all’articolo 1 annulla gli effetti dell’emendamento della discordia, quello che avrebbe stralciato tout court le commissioni bancarie. E per non far sembrare che emanano un decreto legge ad Mussari, ci aggiungono anche la creazione di un Osservatorio sull’erogazione del credito da parte delle banche alle imprese. L’ennesimo carrozzone di presunti fannulloni dato che, a rigor di logica, un’osservatorio di osservatori che non hanno niente da osservare, visto che il credito non viene erogato, ha anche poco da fare. E per essere sicuri che nessuno si sbagli, ritenendo che un decreto legge non abbia vera forza di legge ma rappresenti solo un consiglio per gli acquisti, nello stesso giorno, cioè contestualmente, Monti presenta anche il disegno di legge di conversione del medesimo. Il quale, sempre per non sbagliarsi, contiene un solo articolo. Non sia mai che anche questa volta lo trascrivano male e si perdano qualche pezzo.

Quando, il 30 marzo, all’Ultima Parola, in risposta a quanto aveva detto la De Micheli  – e cioè che un Ordine del Giorno mica lo recepiscono, se mai lo recepiscono, in quattro e quattr’otto – faccio notare che ci hanno messo meno di 36 ore per passare dall’ordine del giorno all’emanazione del decreto legge (mentre in media un ordine del giorno giace nei cassetti polverosi di Palazzo Chigi anche per sempre), Gian Luca Galletti, UDC (che verrà premiata alle amministrative con un notevole consenso) dice che io do informazioni false e che un decreto legge in ogni caso non è legge, fingendo di ignorare che il decreto legge è un decreto provvisorio avente forza di legge. Altrimenti perché dovrebbe chiamarsi decreto “legge”? Certo, deve essere convertito entro sessanta giorni ma nessuno, onesto intellettualmente, poteva avere anche solo il minimo dubbio che questo non sarebbe successo. Ma io sono solo un blogger: cosa vuoi che ne sappia?

E infatti, il 17 maggio 2012, una settimana fa, il disegno di legge n. 3221 che converte il decreto lampo di Napolitano, dopo essere stato approvato dal Senato viene approvato anche alla Camera, nientemeno che con voto di fiducia (a onor del vero, senza quello di Guido Crosetto). Et voilà: le commissioni bancarie sono servite.

Il senso di vendetta popolare nei confronti delle banche, cui accennava con apprensione Mario Monti ieri sera, può dunque placarsi: a riscattarlo ci ha già pensato lui. Noi dobbiamo preoccuparci solo di pagare, che per riscuotere ci son già loro, al circolo dell’ABI.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

20 risposte a Quel senso di vendetta popolare sulle banche

  • 9
    Johann Gossner

    Perchè non invitano mai l’Avvocato Alfonso Luigi Marra quando si parla di Banche ?

    Chiedete all’Avvocato Alfonso Luigi Marra cosa pensa del Primo Ministro Mario Monti e delle Banche. Chi è curioso piò visionare il video all’indirizzo http://www.marra.it/video/video.php?id=90

    Invito il sito Byoblu a reclamizzare i Referendum Abrogativi delle 6 leggi regala-soldi banche e abolizione signoraggio promosse dall’Avvocato Alfonso Luigi Marra.

  • 8
    paolo2

    le banche devono fallire , presentiamoci tutti insieme a chiedere i nostri soldi alla faccia delle loro riserve insufficienti. lasciamo a loro i pezzi di carta e gli strumenti finanziari della malora, e successivamente recuperiamo la sovranità monetaria del paese.

    e necessario fare partire il volano del default adesso , aspettare che decidano come controllarlo sarà per noi cittadini comuni la rovina finale.

    iniziamo adesso a creare il panico dovranno per forza diminuire le loro pretese, farsi cambiare forzatamente i soldi nel fine settimana a banche chiuse al tasso di conversione che decideranno loro in autonomia è da stupidi, tirate via tutto prima che sia tardi. comprate terra, oro, altre valute , quello che vi pare ma basta consentire a questi parassiti di ucciderci con il nostro denaro.

    viva il contante, abbasso i chip sottocutanei (che vi ricordo sono il futuro se non ci svegliamo)

     

     

    • 8.1

      ritirare i nostri soldi dalle banche è un’attività che hanno già fatto in altro stato: nelle prime due settimane di maggio, in Grecia, i cittadini hanno ritirato ben 900 milioni di euro al giorno, e le stesse banche hanno registrato il 20% IN MENO di versamenti nei CC che nei primi mesi del 2011…

      si chiama BANK RUN, ne ho parlato (io ma anche altri 1000 bloggers) proprio ieri…

      link: http://www.mccube.it/2012/05/bank-run-la-morsa-dei-cittadini-alle-banche/

      sono convinto che prima o poi capiterà anche in Italia…io ho già cominciato…

      ciao.

  • 7
    Guest

    eh, pubblicità, cache e pagine che si resettano… scusate ma lo scritto è arrivato un po’ erroneo.Ecco il pensiero corretto:

     

    Caro sig Monti cosa ne pensa se sino alla fine della sua legislatura (per altro solo là dentro votata e quindi illegale) la prendessimo ogni giorno a calci nel c**o? Pensa che reagirebbe o lascerebbe passare? Tanto per ricodarle che sono ormai 35 anni che anche le banche rubano, con tanto di privilegi dati loro dai politici, e dunque sono due classi ormai votate all’estinzione. Tra poco più nessuno di lor signori là dentro ruberà…

  • 6
    Capitanharlock

    Qualcuno mi vuole spiegare dove finiscono le perdite delle banche?Dato che i soldi non si mettono a bruciarli in un camino, se qualcuno perde qualcun altro guadagna, oppure significa che non c’erano neppure prima e che le banche hanno iscritto a bilancio utili che non esistevano…Non è ora di andare a fondo in quello che succede davvero nelle banche?Per quanto gli lasceremo fare ancora questi giochetti contabilispeculativi?

  • 5
    enzomaxxtro

    hilarion ha scritto :
      ecco un’altra trasmissione che non guarderò più, piazzapulita. Il signor formigli ha dimostrato di non essere in grado di fare il Giornalista quando si trova di fronte ad un rappresentante del potere.

     

    sono dello stesso parere….se Formigli con l’invito di Monti voleva ottenre ascolti dopo  le vittorie dei giorni scorsi dovuti all’argomento Grillo, per me ha fatto un fiasco….io sapendolo l’ho vista sperando in un confronto vero, stile UltimaParola….ma invece solo domande comode…..per questo ieri ho cambiato canale guardando servizio pubblico che era il meno peggio……soprattutto per il discorso di Travaglio

  • 4
    hilarion

    ecco un’altra trasmissione che non guarderò più, piazzapulita. Il signor formigli ha dimostrato di non essere in grado di fare il Giornalista quando si trova di fronte ad un rappresentante del potere. Domande finte e banali e non un confronto vero (imu chiesa? imu fondazioni bancarie? suicidi? macelleria sociale e chi più ne ha…), non imprenditori inc**zati a distruggere le teorie assurde di un finto economista che parla di concetti neoclassici (cfr. Giulio Sapelli), ma immagini imbarazzanti delle condizioni della Grecia mentre monti prendeva appunti (forse spunti su come distruggere quel poco che ha lasciato ancora in vita?). Ha fatto anche ieri una profezia come nel salotto di Gad Lerner a settembre 2011.

    “La Grecia non uscirà dall’euro”. Se tanto mi dà tanto i greci sono rovinati.

    Vergognosi monti e formigli.

     

    • 4.1

      ed infatti  MM non si azzarda ad andare dai giornalisti con i mandarini come Santoro ad esempio, che pure continua ad invitarlo! Gli hanno anche twittato in diretta che non ha fatto le domande che gli avrebbero fatto gli italiani. Se la faceva sotto, sembrava un lacché al cospetto di un re. Ne ha di michette da mangiare ancora!

  • 3
    GianniGirotto

     Ormai tutti hanno capito che la grande finanza è un soggetto mostruoso, deleterio, rapace, speculativo, che genera enormi guadagni per pochi a scapito di perdite per moltissimi… non tutti sanno invece che anche in Italia esiste una finanza etica che opera in silenzio ma con grandi risultati, con metodi e per obiettivi totalmente opposti alla speculazione, per supportare l’economia concreta, e a cui hanno aderito già 35 mila italiani, ed è lo strumento con cui ripartire, informatevi anche voi… http://giannigirotto.wordpress.com/finanza-etica/

  • 2
    Bombolo

    Claudio, guarda questa notizia, una moneta municipale a Roma.

    Potrebbe essere una risposta interessante a questa tortura monetaria che è l’euro.

    http://www.ilmessaggero.it/roma/storie/la_moneta_unica_di_montesacro_dove_si_compra_e_vende_con_lo_scec/notizie/198214.shtml

  • 1
    roby5555

    ma se tutti quellic he hanno depositi presso le banche decidessero di prelevare i soldi… che fine farebbero le banche ??? salterebbero tture per aria.. io sono per una banca unica nazionalizata..

    • 1.1

      Il problema sarebbe che le banche non hanno tutti i nostri soldi, perchè la maggior parte dei soldi sono solo virtuali!

      Signoraggio Docet!

  • 0
    rg3

    Il senso di vendetta popolare non dovrebbe essere rivolto contro le banche in generale ma contro chi ha “regalato” la Banca d’Italia ai privati.

    La Banca d’Italia deve ritornare nelle mani dei cittadini italiani e non di Unicredit, Generali etc.

    Chi se ne frega delle banche in generale, dobbiamo riprenderci il controllo della Banca d’Italia perchè solo così facendo potremo controllare, oltre all’emissione di moneta, le altre banche italiane.

    Lo stesso ragionamento vale anche per la BCE visto che anche lei è un istituto privato.

    Il privato oggi controlla i soldi pubblici e, così facendo, controlla anche i Partiti.

    Signor Monti la smetta di prendere per il c**o i suoi connazionali, si vergogni e restituisca il passaporto italiano perchè lei di italiano ha ben poco.

  • -1
    Guest

    Caro sig Monti cosa ne pensa se sino alla fine della sua legislatura (per altor solo là dentro votatat e quindi illegale) la prendessimo ogni giorno a calci nel c**o? Pensa che reagirebbe o lascerrebbe passare? Tanto per cirodarle che sono ormai 35 anni che anche le banche rubano, con tanto di privilegi datyi loro dai politici, e dunque sono due classi ormai votate all’estinzione. Tra poco più nessuno di lor signori là dentro ruberà…

  • -2

    Scusa x O.T.

    Claudio, sai chi sono gli ospiti di stasera a “l’ultima parola”? Oltre a Barnard e Oliviero Bea?

  • -3
    RAUDO

    Monti parla di vendetta popolare…  veda di ricordarsi come hanno portato via diritti e soldi alla gente, per rinvigorire istituti di credito privati, che però di credito ne fanno ben poco pretenendo troppo in cambio… poi ci sono i suicidi, colpa della sua manovra, delle banche e di altre basi simili… tutte cose che si trovano anche in non “legalizzata”… la bìsca fa lo stesso lavoro della banca!!!

    Prima di qualsiasi riforma,è necessario che la bilancia si equilibri, restituendo i capitali usurpati alle genti, tramite espedienti. Le banche li hanno avuti dietro una forma di appropriazione indebita, dato che in momento di crisi oramai è provato pre-costruito, e non casuale. Perché la gente dovrebbe pagare per erronei calcoli eseguiti da altri che intendevano lucrare sul capitale pubblico e non sono riusciti?

    Solo il singolo deve ogni volta smenarci? Ora: se le banche non ce la fanno, vanno nazionalizzate e lo prova l’Islanda che così ha fatto e si sta riprendendo.

    Le banche sono da nazionalizzare! In caso dopo, ma solo dopo, si parli di riforme.

  • -4
    francesco miglino

    EGREGIO PRESIDENTE BARAK OBAMA,
    LE DONAZIONI DI MILIONI DI INTERNETTIANI AMERICANI, DI TUTTI I CETI SOCIALI, CHE CON EMPATIA FINANZIANO LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE,  L’ HANNO LIBERATA DALLA SUDDITANZA ALLE LOBBIES, ALLA FINANZA  E ALLE BANCHE.
    LEI HA LA TITOLARITA’ DI IMPUGNARE LA COSTITUZIONE AMERICANA E LIBERARE  IL SUO POPOLO DALL’ INSOPPORTABILE CARICO DEL PARASSITISMO FINANZIARIO CHE AFFLIGGE  LA VITA E LA PACIFICA CONVIVENZA DELLE SOCIETA’
    IN OCCASIONE DELL’ ANNIVERSARIO DEL 4 GIUGNO 1963, ATTIVI  L’ ORDINE ESECUTIVO 11110  FIRMATO DA KENNEDY E RESTITUISCA AGLI AMERICANI  IL DONO PIU’ BELLO CHE POSSA AVERE UN POPOLO LIBERO PER PROGETTARE IL PROPRIO FUTURO: LA SOVRANITA’ MONETARIA.

    La stessa empatia che oggi milioni di uomini di buona volontà collegati in rete provano per Lei, Lincoln la provò per il Popolo Americano a cui ridonò in nome della costituzione la sovranità monetaria dicendo: “Abbiamo dato al popolo di questa repubblica la più grande benedizione che abbia mai ricevuto, una moneta propria per pagare i suoi debiti….”

    APPELLO AL POPOLO AMERICANO DI JOHN FITZGERALD KENNEDY
    La parola segretezza è ripugnante in una società aperta e libera e noi come popolo ci siamo opposti intrinsecamente e storicamente alle società segrete, ai giuramenti segreti e alle riunioni segrete. Siamo di fronte ad una cospirazione monolitica e spietata di livello mondiale basata soprattutto su mezzi segreti per espandere la sua sfera d’ influenza.. Sull’ infiltrazione anziché sull’ invasione, sulla sovversione anziché sulla scelta. E’ un sistema che ha reclutato ingenti risorse umane e materiali nella costruzione di una macchina affiatata, che combina operazioni militari, diplomatiche, di intelligence, economiche, scientifiche e politiche. Le Sue operazioni non vengono pubblicizzate ma tenute segrete. I suoi errori non vengono evidenziati ma vengono secretati, i suoi dissidenti non vengono apprezzati ma ridotti al silenzio. Nessuna spesa viene contestata, nessun segreto viene rivelato. Ecco perché il legislatore ateniese Solone decretò che evitare la conoscenza delle controversie fosse un crimine per il cittadino.
    Sto chiedendo il Vostro aiuto nel difficilissimo compito di informare e allertare il popolo americano. Convinto che con il Vostro aiuto l’ uomo diverrà ciò che è nato per essere: libero ed indipendente.

  • -5
    sandrolibertini

    Ma come? queste banche sono appena state inculate di miliardi di euro e dopo due giorni brucia già di nuovo lo sfintere dalla fame?? Ma lsciatele andae in malora!!!

     

    Come cittadini bisogna fare delle piccole cose:

     

    1- eliminiamo tutti la carta di credito cosi che loro non hanno piu’ le commissioni

    2- un solo prelevamnto al mese e andare alla posta per i pagamenti

    3- facciamo pagare lo stipendo per contanti dal datore di lavoro

    4- l’8 0% lo paghiamo ad organizzazioni che oltre a piacerci devono essere sicure

        ….la chiesa cattolica non lo è… è ladra come le banche 

    5- organizzarci tra di noi con delle borse di scambio in Internet e il tutto sempre in        

        contantidal prelevamento mensile.

     

    non mi viene in mente niente d’altro…

     

  • -6
    Alonso

    indipendentemente dalle misure prese, ritengo che alla fine a pagare saranno (saremo) sempre i soliti.

    Sulla scorta di quanto accaduto in Islanda, non sarebbe preferibile mandare a quel paese le banche che hanno debiti (privati), invece di finanziarli con i nostri soldi (pubblici). Così son capaci tutti a fare gli ‘imprenditori’  de ‘sta cippa!

     

  • -7
    cherev

    Senti  monti  dislessico  nella lingua  e  nella  mente  perchè  insisti  a  rimanere in un posto  che occupi  illegalmente, chi ti  costringe  a  farlo.  Vai  via  , pagliaccio  in economia  dilettante  allo  sbaraglio.  Quaanti calci in c**o  meriteresti

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>