Terremoto: sono al sicuro le città del nord?

Forti terremoti stanno sconvolgendo il nord Italia. Questa mattina alle 9 la terra ha tremato a lungo e violentemente anche a Milano. E di nuovo intorno alle 13. Cosa ci si può aspettare nei prossimi giorni? E sono davvero sicure grosse metropoli come Milano, Torino, Bologna?

Aiutami a continuare a fare informazione libera

L’ho chiesto a Antonio Piersanti, direttore della sezione di Tettonofisica e Sismologia dell’INGV, L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Una delle voci scientificamente più autorevoli in materia di terremoti nel nostro paese.

TERREMOTO: QUANTO SIAMO SICURI?

Finché restiamo intorno al 6°, non dovrebbero esserci grossi problemi. Ma oltre…

MESSORA: Antonio Piersanti, direttore della Sezione di Sismologia dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il “signor terremoto” in Italia: una delle massime autorità sui terremoti. Buongiorno

PIERSANTI: Buongiorno a te, Claudio.

MESSORA: Non ci sentiamo dai tempi del terremoto aquilano, e quando io e te ci sentiamo è perchè è avvenuta una catastrofe. E in questi giorni, in Emilia, sta avvenendo una catastrofe. Una catastrofe che ha ripercussioni in tutto il nord Italia. Io questa mattina ho ballato parecchio, e non mi ricordo a memoria d’uomo di aver ballato in questo modo a Milano. Quando succedono queste cose, l’Italia si spaventa. Ci vuoi dire che cosa sta succedendo di preciso?

PIERSANTI: Purtroppo le cose che stanno succedendo hanno conseguenze drammatiche: è ovvio che parliamo di cose gravi. Però non possiamo purtroppo parlare di cose anomale per il territorio italiano. Ovverosia: noi in questi orribili giorni stiamo vivendo un terremoto tipico della nostra penisola, cioè un terremoto di magnitudo intorno a 6, che avviene in una zona dell’italia, una zona dell’appennino settentrionale, della parte meridionale della pianura padana, che purtroppo può essere sede di questo tipo di fenomeno, come sostanzialmente l’80% del territorio italiano. Tu hai parlato di forti tremori, e questo naturalmente è una cosa già di per sè normale, per un terremoto di magnitudo intorno a 6, cioè con una scossa principale di 5.9. Però lo è ancora di più in relazione peculiare, particolare all’area dove è avvenuto. Ovverosia: questo terremoto appunto è avvenuto
nella parte meridionale della pianura padana, e quindi le onde sismiche si sono irradiate e diffuse su tutta la pianura padana. Ora, dovete sapere che quando delle onde sismiche si trovano a percorrere e a colpire un terreno che è sede di sedimenti alluvionali, come è ad esempio proprio la pianura padana, allora questo terreno trasmette meglio le onde sismiche e quindi, rispetto a un fenomeno della stessa entità – sempre magnitudo 5.9 – che può avvenire in una zona montagnosa come ad esempio può essere l’Abruzzo, beh allora in una zona del genere è chiaro che il risentimento è molto maggiore. E’ quindi chiaro che città grandi, molto grandi, ancha a centinaia di chilometri dall’epicentro, come può essere Milano,  come può essere Bologna che naturalmente è molto più vicina, come può essere Torino, risentono purtroppo piuttosto sensibilmente delle onde sismiche. Sia chiaro: in queste città non c’è nessun pericolo, a meno che non siamo veramente in abitazioni fatiscenti. Cioè: a Milano non c’è pericolo, a Torino non c’è pericolo, a Venezia non c’è pericolo. Però, purtroppo, le onde sismiche si sentono molto bene e creano molto spavento.

MESSORA: Ma è meglio o peggio che ci sia questa trasmissibilità, questa conduttività del suolo rispetto alle onde sismiche?

PIERSANTI: In sè non è né meglio né peggio. O meglio: in sé è peggio, nel senso che le zone caratterizzate da questo tipo di sito (noi chiamiamo questi effetti: “effetti di sito”) purtroppo sono più soggette e sensibili all’azione delle onde sismiche. Per cui, nel caso in ispecie, dove noi parliamo di un terremoto di magnitudo 6, con città grandi in una zona pianeggiante distanti magari più di 100Km,  allora quello che diciamo è che c’è maggiore spavento, perché le oscillazioni si sentono meglio. Ma se noi avessimo, sempre nella stessa situazione, invece che un terremoto di magnitudo 6, un terremoto di magnitudo 7, o 7.5… E allora purtroppo a Milano le case potrebbero anche crollare. Quindi, in realtà le zone di riporto alluvionale, le zone cioè dove il terreno è fatto di sedimenti soffici, sono purtroppo più pericolose: il rischio sismico purtroppo lì è maggiore.

MESSORA: Ma è possibile, secondo te, che possa avvenire un terremoto di questa entità nel nord Italia?

PIERSANTI: Allora, nel nord Italia in sé… è una domanda troppo generica. Facciamo subito una premessa, perché qui è molto importante: stiamo parlando di cose molto serie. Qui siamo proprio ai confini della scienza e della conoscenza attuale. Ovverosia: questo tipo di fenomeni
legati a quest’area sono il punto fino a dove arriva la nostra conoscenza. Allora, per come è stabilita ora la nostra conoscenza, io sarei molto sorpreso,
se nella zona dove stiamo registrando oggi le sequenze sismiche di cui stiamo parlando avvenisse un terremoto di quella magnitudo, cioè di magnitudo intorno a 7. Io tenderei a dire che in queste zone terremoti intorno a magnitudo 6, o lievissimamente maggiori, sono veramente la soglia massima possibile. Però tieni conto che questa è la certezza scientifica attuale. Come ben sai la scienza è una cosa dinamica, e purtroppo noi
non possediamo conoscenze scientifiche assolute. Quello che sappiamo è che questa cosa non vale in generale per il nord. Cioè, purtroppo al nord sappiamo esserci zone che in passato sono state soggette a terremoti anche molto forti. Uno di questi esempi è il terremoto del Friuli del ’76, quindi un terremoto relativamente moderno, che è stato di magnitudo inferiore però comunque non troppo lontana da 7: intorno a 6.5. E in passato (però naturalmente qui i dati hanno un grado di affidabilità molto minore) ci sono notizie di terremoti molto forti anche nella zona del veronese, o comunque più a nord rispetto alla zona attuale. Anche lì, intorno al 1100, abbiamo notizie di terremoti che hanno sicuramente superato magnitudo 6.5.

MESSORA: Quindi, diciamo, non è così improbabile che possa avvenire anche qua…

PIERSANTI: No, io tenderei a dire “è improbabile”, invece. “E’ improbabile, ma non è impossibile”.

MESSORA: Ma che cosa sta succedendo nel sottosuolo? Qual è il fenomeno che sta originando questi sismi? Mi ricordo che nel caso dell’Aquila mi spiegavi bene quali erano le zolle che si scontravano, che tipo di terremoti erano (sussultori, ondulatori), dove venivano originati, a che profondità… Ecco: che cosa sappiamo scientificamente di questo fenomeno?

PIERSANTI: Da questo punto di vista, è la parte di crosta terrestre che in questo momento ha raggiunto il suo limite massimo di sostenibilità e quindi si è rotta. E quindi ha dato origine al terremoto. Ma il motore originario che sta alla base di questo terremoto, come di quello dell’Aquila, è sostanzialmente lo stesso. Ovverosia il fatto che tutta l’Italia, quindi tutta la penisola italiana è sostanzialmente al confine tra due macroplacche, che hanno una estensione di migliaia di chilometri. Sono fenomeni veramente giganti: sono la placca euroasiatica a nord e la placca africana a sud. Purtroppo l’Italia si trova proprio ad essere al confine tra queste due placche. Se uno volesse proprio essere preciso, l’Italia è divisa in queste due placche, nel senso che il territorio italiano non appartiene interamente a nessuna delle due placche. Una parte dell’Italia appartiene alla placca euroasiatica e una parte dell’Italia appartiene alla placca africana.

MESSORA: E questo, anche politicamente…

PIERSANTI: E sì: questo infatti ha delle – come dire – delle conseguenze… Dovremmo trarne anche degli insegnamenti…

MESSORA: …dal punto di vista sociologico…

PIERSANTI: …a livello sociologico e politico. E naturalmente il fatto di trovarsi proprio nel confine tra queste due placche, cioè dove le energie dello scontro si concentrano, fa sì che purtroppo, dove queste energie raggiungono il livello di massima sostenibilità della crosta, lì la crosta si rompe e c’è il terremoto. Questo è avvenuto ormai più di 15 anni fa in Umbria, a Colfiorito. E’ avvenuto 3 anni fa a L’Aquila ed è avvenuto questa settimana nella zona del ferrarese, del modenese.

MESSORA: Ma nella zona del ferrarese, del modenese, storicamente, che tu ti ricordi, i sismi di entità analoga…

PIERSANTI: …eh, sì, esatto: questa è una delle questioni! Come ho detto prima: tutta l’italia è soggetta al fenomeno di cui abbiamo parlato, ma non tutta l’Italia reagisce esattamente nello stesso modo perché le energie si concentrano in maniera diversa. Noi sappiamo ad esempio che nell’Appennino centro-meridionale, con una frequenza piuttosto elevata, si susseguono terremoti forti. Ce ne ricordiamo uno molto forte,
il terremoto più forte dell’epoca moderna italiana, dove per “moderna” si intende “l’era dei mass-media”, cioè il terremoto del 1980 in Irpinia che fu un magnitudo 6.8. Noi sappiamo appunto che nell’Appennino centro-meridionale i terremoti di magnitudo superiore a 6 sono molto frequenti. Questo non è vero nell’Appennino settentrionale e in generale nell’Italia settentrionale. In questa zona i terremoti forti ci sono, ma sono più rari. Ad esempio:
se parliamo proprio della zona del terremoto di questi giorni, storicamente l’unico altro terremoto di cui abbiamo testimonianza è il terremoto del 1570, che è catalogato come magnitudo 5.5 (naturalmente, trattandosi di fenomeni così antichi c’è sempre un certo margine di incertezza: poteva essere 5.2, poteva essere 5.8… siamo in quell’intorno). Però purtroppo non ne abbiamo altri. E il fatto che ce ne siano così pochi, tra virgolette, da una parte in qualche modo è tranquillizzante perché naturalmente ti dà un’idea di quanto frequentemente avviene questo rilascio di energia, dall’altra però ci fornisce una conoscenza meno certa, rispetto all’Appennino centro-meridionale, perché abbiamo meno testimonianze storiche di quello che avviene in queste zone.

MESSORA: Ma pensa che c’è una notizia inquietante: un paesino – così ho letto sui media – che sta addirittura sprofondando perché il terreno sottostante si sta liquefacendo. Ma ti risulta?

PIERSANTI: Adesso non mi risulta l’episodio di cui stai parlando direttamente, ma i fenomeni di liquefazione sono normali in questo tipo di terremoti. Però io dubito fortemente che possano avere estensioni tali da minacciare un intero paesino. Di solito le zone di liquefazione, ripeto, per fenomeni come questi hanno un’estensione massima di qualche decina di metri. Quindi, tra virgolette, nel punto dove avvengono (ma di solito, per vari motivi, avvengono sempre in terreni aperti) possono essere magari pericolosi per un edificio, però stento a credere che possa trattarsi di un intero paese ad essere in pericolo per una cosa del genere. Però, ripeto: in queste ore concitate le informazioni, purtroppo, sono estremamente frammentarie e imprecise.

MESSORA: Senti, i terremoti per la scienza ufficiale non si possono prevedere. Però che cosa vi aspettate, perlomeno probabilisticamente, nella vostra conoscenza, a livello di fenomeni ulteriori che possono accadere in questi giorni? Oggi si sono verificate già due fortissime scosse, una alle 9,
una alle 13. Cosa si possono attendere i cittadini?

PIERSANTI: I cittadini purtroppo devono sapere che in queste settimane devono assolutamente fare in modo di trovarsi in situazioni di sicurezza. Una delle caratteristiche peculiari che stiamo notando adesso, in questi giorni, in seguito a questa sequenza, è che purtroppo abbiamo avuto relativamente pochi problemi, se non in casi particolari (edifici storici, chiese, cose di questo tipo…) riguardo all’edilizia civile, all’edilizia abitativa,
perché le case alla fine hanno tenuto bene. E purtroppo invece abbiamo avuto grossissimi problemi a livello di strutture produttive industriali, che teoricamente dovrebbero essere più sicure. Di solito i criteri di costruzione sono sempre tali da far sì che le strutture dove intrinsecamente si trovano ad essere concentrate molto persone devono essere realizzate con criteri ancora più stringenti. E quindi quello che bisogna assolutamente evitare, nei prossimi giorni, è che la cittadinanza sia esposta a condizioni di pericolo. Quindi deve stare solo in strutture che siano certamente a prova di questo tipo di terremoti. Ripeto, in linea teorica, per un magnitudo 6 (dico “magnitudo 6” come soglia arbitraria, ma i terremoti finora sono stati tutti inferiori a 6: il più grande è stato un 5.9), come dicevamo anche ai tempi dell’Aquila, teoricamente tutte le case, tutte le strutture, tutti i capannoni industriali dovrebbero tranquillamente resistere a un terremoto di questa magnitudo: non dovrebbero avere nessun tipo di problema. Purtroppo in Italia spesso non è così, ma io nelle prossime settimane non posso dire altro che “bisogna mettere in sicurezza la popolazione”, perché purtroppo non si possono escludere altre scosse come queste.

MESSORA: Ma quindi il 5.8 stamattina, il 5.3 all’una, scosse di assestamento di questa entità ce ne dovremmo aspettare altre, alla fine?

PIERSANTI: Questo tipo di scosse chiaramente non sono frequenti, non le posso definire probabili, ma non possono assolutamente essere escluse, e quindi in questo senso ce le aspettiamo.

MESSORA: Come consiglio, se c’è un terremoto di una notevole entità, non bisogna scappare giù per le scale o per gli ascensori, ma nascondersi
sotto a dei tavoli resistenti…

PIERSANTI: Esatto, andare nei punti più resistenti della propria abitazione. Quindi negli angoli vicino ai pilastri, vicino alle travi e, se possibile, ripararsi sotto a un mobile, sotto a un letto, sotto qualcosa che possa proteggerci non dal crollo dell’edificio, naturalmente, ma dalla caduta accidentale di oggetti o parti dell’intonaco.

MESSORA: Va bene, senti: ti ringrazio e ti lascio perché so che sei alacremente impegnato a rispondere al telefono e a valutare i dati che via via arrivano. E se ci fossero delle altre cose spero di poterti richiamare per dare un po’ di notizie.

PIERSANTI: Perfetto. Grazie a te e un saluto a tutti.

MESSORA
: Grazie Antonio, ciao

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Traditi Sottomessi Invasi – Antonio Socci

Antonio Socci - traditi sottomessi invasi Antonio Socci, saggista e giornalista, autore su "La Verità" di un articolo dal titolo: "La religione civile della moneta unica cappio al collo della nostra sovranità", convertito sulla via di Damasco, dall'idea che lo stato fosse il problema e il mercato fosse la soluzione, alla piena...--> LEGGI TUTTO

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO – Rocco Bruno

CASSANDRO CROSSING: SALTATE GIÙ DAL TRENO - Rocco Bruno C'era una volta una società pacifica e in connessione profonda con il senso delle cose e della sua esistenza, che era ancora capace di attribuire grande importanza alla sperimentazione dell'Otium, in contrapposizione al Negotium. Poi, l'Uomo di Neanderthal fu conquistato e distrutto dall'Homo Sapiens, che poi...--> LEGGI TUTTO

Con le bombe o con i cambi fissi – Sergio Cesaratto

Sergio Cesaratto - Con le bombe o con i cambi fissi Come costringere l’Italia a ridurre il suo debito pubblico, costi quel costi? L’ossessione di Merkel e Macron emerge chiara, ancora una volta, dal documento firmato da quattordici economisti franco-tedeschi finanziati dal centro studi CEPR. Sergio Cesaratto, docente di "Politica Economica ed Economia dello Sviluppo" all'Università di...--> LEGGI TUTTO

Il totalitarismo che verrà – Maurizio Blondet

Maurizio Blondet - Il Totalitarismo che verrà Esclusiva intervista al grande vecchio eretico del giornalismo italiano, Maurizio Blondet, seguitissimo in rete, autoesclusosi dal circo mediatico italiano a causa della sua natura ostinatamente in direzione contraria e delle sue idee politicamente scorrette per antonomasia. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Vogliono Abolire le News – Giulietto Chiesa

VOGLIONO ABOLIRE LE NEWS yt Giulietto Chiesa, giornalista e politico, torna sull'argomento delle Fake News e sulla nuova linea di Facebook, che da un lato assegna a "Pagella Politica" il ruolo di determinare se una notizia è vera o falsa, inserendo il famigerato bottone rosso, e dall'altro penalizza le pagine di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

False Fake News: iniziano a fioccare le querele

difesa contro le false fake newsL'avvocato Giuseppe Palma ha appena inviato una diffida legale all'Huffington Post, che lo aveva citato contestualmente a un articolo dove si parlava di presunte "bufale" dei movimento contrari all'Euro. Il mercato delle cosiddette "fake news", inaugurato da Hillary Clinton e gonfiato ad arte dall'area progressista (in Italia con il...--> LEGGI TUTTO

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Il gioco responsabile al tempo del mobile

casino mobile La crescente diffusione delle nuove tecnologie ha radicalmente modificato gli stili di vita e le abitudini degli individui, contribuendo alla formazione di una cultura sempre più digitale. Dal 13° rapporto Censis-Ucsi sulla Comunicazione (2016) emerge che il 74% della popolazione italiana ha libero accesso ad una...--> LEGGI TUTTO

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

La storia degli appendiabiti

quadro appendiabiti cappotto cappello Si possono appendere le scarpe al chiodo quando si smette di giocare a pallone. Si possono appendere i panni al sole, le speranze a un filo, i quadri al muro, i condannati a un legno e i festoni sulle porte. Poi si possono appendere i vestiti...--> LEGGI TUTTO

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Vi spiego Casapound – Marco Mori

Vi spiego Casapound - Marco Mori Marco Mori, avvocato ligure noto per le sue battaglie in difesa della Costituzione, spiega a Byoblu il programma di Casapound Italia e perché ha accettato di candidarsi.  (altro…)...GUARDA

Sei contro l’Europa? Non lo sai, ma in realtà ne vuoi di più! Rocco Buttiglione

Sei contro l'Europa? In realtà non sai che vuoi di più! - Rocco Buttiglione Alla presentazione del libro "Ordoliberismo e Globalizzazione", Rocco Buttiglione sostiene che la gente è contro l'Europa perché non c'è abbastanza Europa, ma che se ci fosse più Europa la gente invece sarebbe contenta. (altro…)...GUARDA

Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale – Diego Fusaro

Diego Fusaro - Il plusgodimento erotico del neolibertino sessuale C'è un nesso tra la disarticolazione dei rapporti tra i cittadini e lo Stato e la disgregazione delle strutture sociali in cui la sessualità si esprime? Esiste una forma di relazione possibile tra i contratti occasionali prediletti dal neoliberismo economico e il sesso occasionale, di una...GUARDA

Debunker di Stato: la conferenza stampa di Minniti e Gabrielli sui nuovi poteri della polizia postale

DEBUNKER DI STATO Sintesi della conferenza stampa di ieri, a Roma, del Ministro dell'Interno Marco Minniti e del capo della polizia Franco Gabrielli, che presentano il nuovo nucleo operativo di debunking della Polizia Postale, la quale avrà il potere di verificare e certificare le notizie, e anche di chiedere...GUARDA

Diego Fusaro su Papa Francesco: ispirato da George Soros

Diego Fusaro su Papa Francesco - Ispirato da Goerge SorosDiego Fusaro, filosofo noto ai dibattiti televisivi, critico sulla globalizzazione e sulle élite che la sostengono, analizza e critica il discorso di Papa Francesco sull'accoglienza dei migranti. ...GUARDA

Diego Fusaro contro il Black Friday: l’apice della mondializzazione, come Halloween.

Diego Fusaro - Black Friday no grazie Analisi lucidissima e impietosa di Diego Fusaro sul Black Friday...GUARDA

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>