SIAMO COLONIE

La svendita programmata delle sovranità nazionali è iniziata molto tempo fa. Già nei primi anni ’90 gli economisti sapevano che la creazione di una moneta comune slegata da una politica fiscale complementare e senza una banca centrale che potesse sopperire all’impossibilità di giocare con i tassi di cambio, innesacando una svalutazione competitiva, avrebbe condotto a una crisi la cui unica soluzione contemplava la cessione totale delle prerogative dei popoli, ovvero la loro autonomia e indipendenza rispetto alle politiche macroeconomiche.

Un progetto che avrebbe consentito alla Germania di avvantaggiarsi sul piano delle esportazioni verso i paesi meno forti, ai quali non sarebbe rimasta che la diminuzione dei salari per riequilibrare il deficit. Ma anche e soprattutto un progetto che, attraverso la crisi, doveva risolversi con l’imposizione di una unione europea totale sul piano politico, costringendo i cittadini privati di ogni altra possibilità residua a rinunciare all’atto costitutivo più importante che uno Stato conosca: le loro costituzioni nazionali. Quando uno Stato rinuncia alla propria sovranità sulle politiche monetarie, diventa automaticamente una regione, nella migliore delle ipotesi, o peggio: una colonia, con la sola autonomia decisionale residua, rispetto al potere centrale, di stabilire con quale frequenza tagliare le aiuole.

 

Era questo ciò che volevamo, entrando nell’euro? Certamente no. Ma era questo che voleva chi ci ha portato dentro e chi, dopo avere impresso la grande accelerazione che viviamo sulla nostra pelle di questi tempi, sta facendo di tutto per precipitare una crisi che non è economica, ma sommamente politica (in quanto è una precisa volontà politica rinunciare a tutti quei correttivi monetari che privilegerebbero immediatamente il benessere dei popoli rispetto a quello degli istituti di credito). Qualcuno che ancora ieri, in Parlamento, sosteneva incredibilmente che sarebbe tradizione italiana auspicare parziali cessioni di sovranità nazionali, e che del resto sapeva bene che certe crisi servono precisamente a quello.

Ho incontrato per voi l’economista del Levy Economics Institute e dell’Università di Cassino Gennaro Zezza, al Workshop per la democrazia diretta organizzato dal Partito Umanista. La sua storia racconta di come il progetto neomercantile ha prodotto una crisi che a qualcuno conviene non risolvere.

 LA SVENDITA PROGRAMMATA
DELLE SOVRANITA’ NAZIONALI

 Come il neoliberismo ha prodotto una crisi prevista decenni fa

IL MODELLO NEOLIBERISTA

Ora, a mio avviso, alle origini della crisi che viviamo oggi, c’è una crisi di un modello specifico di capitalismo che, per semplicità, possiamo chiamare “neoliberismo”, che si è presentato non come – ovviamente – una dottrina, perché arricchisce alcuni a danno degli altri, ma come un insieme di teorie economiche che suggerivano una strada per un benessere diffuso. E in particolare, a partire dagli anni ’80, prima con la Thatcher e poi con Reagan, è iniziato a passare un messaggio che andava nella direzione opposta del messaggio precedente, diciamo, che ha visto nei decenni precedenti crescere quello che chiamavano il welfare state, cioè i sistemi pensionistici e sanitari pubblici diffusi e che ha visto crescere il benessere, perlomeno nella parte occidentale del mondo. C’è stata una reazione a tutto questo, che ha avuto un consenso elettorale, basata sull’idea che si riducono le tasse che sono troppo alte, poi si libereranno più risorse per gli investimenti: gl imprenditori potranno creare nuove imprese, creare occupazione e tutti ne avranno dei benefici. Parallelamente, dopo la crisi degli anni ’30, erano state imposte una serie di regole molto stringenti sul sistema bancario, che evitavano le speculazioni, e si sono convinti, i politici come l’elettorato, del fatto che eliminando tutti questi vincoli, le banche avrebbero funzionato meglio, avrebbero distribuito meglio le risorse dei piccoli risparmiatori alle imprese più promettenti e avremmo avuto più benessere. E infine che nel settore pubblico, di fatto gestito a fini elettorali, a fini privati, c’è la corruzione, e quindi c’è uno spreco di risorse quando è il settore pubblico a gestire l’economia, mentre se privatizziamo la logica del profitto motiva di più l’organizzazione e anche qui avremmo avuto un forte aumento di benessere. E questo è quello che poi è accaduto, cioè queste sono state le politiche messe in piedi dai governi prima inglese e poi americano, e poi, in modo più o meno diverso, anche nei paesi europei.Le conseguenze oggi le conosciamo, ed erano ipotizzabili anche da prima. E in particolare la redistribuzione del reddito, sì, ha fatto crescere gli investimenti – abbiamo avuto quella cosiddetta new economy che ha fatto esplodere le aziende legate a internet e così via – ma questa crescita degli investimenti è stata effimera. Sicuramente non ha creato un aumento dell’occupazione e del benessere generalizzato, ma ha concentrato l’aumento del benessere in un piccolo gruppo sociale. L’eliminazione dei controlli sulle banche, invece di portare a una migliore distribuzione del rischio, ha consentito alle banche di adottare dei nuovi modelli di comportamento in cui riuscivano a scaricarsi del rischio di un prestito su soggetti terzi, con comportamenti che erano al limite della frode, quando non erano delle vere e proprie frodi. E quindi ha portato a instabilità finanziaria. E infine la privatizzazione della gestione dei beni pubblici è un qualcosa di discutibile: su questo non so se ci sono degli studi definitivi, che mostrano che il successo che si auspicavano i neoliberisti ci sia stato oppure no, ma mi sembra di vedere che i paesi che per primi hanno adottato queste politiche, per primi hanno iniziato a vedere che gli effetti non erano quelli desiderati.

ALLE ORIGINI DELLA CRISI

Questo sistema neoliberista, che ha avuto e che ha tuttora un forte sostegno politico, è a mio avviso alle origini della crisi. E la crisi è partita, già alla fine degli anni ’90, con un aumento progressivo dell’indebitamento delle famiglie americane. Allora perché si indebitavano, le famiglie americane? Per una serie di motivi. Il primo è che, di fatto, il salario medio, il salario di una famiglia media, è rimasto praticamente stabile per un lungo periodo di tempo, mentre il reddito di una piccola parte della popolazione invece aumentava. E quindi aumentavano le disparità di reddito, che sono piuttosto visibili, perché se guardiamo un qualsiasi telefilm americano noi abbiamo un certo modello di vita, che diventa tutto sommato il riferimento al quale ci contrapponiamo. Di conseguenza, la famiglia media cerca di emulare uno stile di vita che gli viene trasmesso, ma ha uno stipendio che in termini reali non aumenta, e quindi non consente questa cosa. Parallelamente sono aumentati una serie di costi, in particolare negli Stati Uniti il costo della sanità e il costo dell’istruzione, che sono costi per beni tutto sommato essenziali, che crescevano, anche questi, più rapidamente, della possibilità data dal reddito. E contemporaneamente la deregolamentazione delle banche ha esteso l’accesso al credito. Quindi c’è chi dice che ci si è indebitati di più perché le banche adesso concedevano con più facilità i prestiti, c’è anche chi dice: no, ma in realtà, siccome le banche avevano poco rischio nel fare prestiti, sono le banche che hanno convinto i risparmiatori a indebitarsi. Quale che sia la verità, probabilmente un misto di entrambe le cose, la conseguenza è un aumento dei debiti privati. In più ci sono stati degli squilibri particolari, squilibri commerciali dove la Cina, per crescere, ha scelto una strategia di bassi costi e di difesa di questi bassi costi tramite il cambio. Su questi effetti possiamo tornare: sono sicuramente presenti ma non sono centrali in quello che voglio raccontare.La crisi del debito americano si è tradotta proprio in un accumulo dei crediti che le banche americane prima e poi le banche europee avevano nei confronti in particolare delle famiglie che compravano casa e a un certo punto questa bolla è esplosa, quindi le banche hanno scoperto che questi che per loro erano dei crediti, degli attivi, erano inesigibili. Hanno iniziato a fallire, e questo ovviamente comporta un crollo dei redditi, un crollo della ricchezza che si è trasmesso anche all’Europa. Le banche europee avevano acquistato a man bassa tutti questi cosiddetti titoli spazzatura dagli Stati Uniti e anche loro sono andate in sofferenza, e hanno chiesto un intervento pubblico. Quindi qui c’è stata una sospensione dell’ideologia del neoliberismo che dice che lo Stato è cattivo e che non dovrebbe intervenire nell’economia, e invece si è chiesto un intervento di salvataggio ai governi, per i sistemi bancari. E ovviamente se un Governo trasferisce risorse, liquidità alle banche, avrà un deficit, a meno che non decida di aumentare le tasse per raccogliere il denaro dei cittadini. Quindi il deficit pubblico è stato generato di fatto da questa crisi. In aggiunta, quando un paese va in crisi, i redditi iniziano a scendere e automaticamente i cittadini pagano meno tasse, perché hanno guadagnato di meno, e anche questo contribuisce ad aumentare il deficit pubblico. Tutto questo è normale purché non si chieda immediatamente di sanare questo deficit, perché come si sana un deficit? O aumentando ancora le tasse per quei cittadini che già hanno un reddito più basso, o tagliando i servizi e quindi riducendo ulteriormente il benessere dei cittadini.A questo punto i mercati finanziari si sono resi conto che c’erano delle opportunità di guadagno dalla crisi europea, per i motivi che vedremo tra pochi minuti, e hanno iniziato un attacco contro i cosiddetti debiti sovrani, cioè i debiti dei governi, che ha fatto aumentare il tasso di interesse, e quindi il costo che i governi devono pagare per ottenere liquidità, aumentando ulteriormente il deficit. E siamo arrivati ad oggi, cioè all’imperativo di ridurre questi deficit con politiche di austerità che, per quello che dicevo prima, causano ulteriore recessione, ulteriore diminuzione dei redditi e quindi un ulteriore aumento dei deficit pubblici. Quindi cioè un cane che si morde la coda.

IL SISTEMA MONETARIO

Vediamo di capire anche un po’ più nel dettaglio gli aspetti monetari e della gestione dell’euro che ci interessano un po’ più da vicino perché uno dei punti centrali su cui oggi dobbiamo ragionare è se quest’euro, e gli accordi che hanno portato all’euro, sono accordi che possono sopravvivere a questa crisi o come dovranno evolvere. Molto rapidamente, ho immaginato che qui il pubblico non sia un pubblico di economisti e che quindi uno debba spiegare almeno gli aspetti fondamentali. Fino al ’71 c’era un sistema dei pagamenti basato sull’oro. C’era una convertibilità del dollaro con l’oro e una convertibilità delle altre valute, compresa la lira, con il dollaro, per cui la moneta – le banconote che tutti usiamo – erano basate sulla fiducia che un qualcuno, la Banca Centrale Americana, poteva convertirle nell’oro, con qualcosa che chiunque accetta come pagamento anche per conservare il potere di acquisto nel tempo. Ma dal ’71, per una serie di motivi che potremmo discutere ma che non ci interessano adesso, gli Stati Uniti sospesero questa convertibilità, ed è iniziato un periodo in cui la moneta è una moneta fiduciaria. Nel senso che per legge dobbiamo usarla per effettuare pagamenti, per legge il tabaccaio deve accettarla se compra le sigarette, ma nulla ci garantisce che possa essere convertita in un qualcosa di prezioso, se non appunto una legge imposta da un Governo. Di conseguenza il valore di una moneta rispetto a un’altra è diventato qualcosa anche che dipendeva dalla fiducia che le persone hanno in quella particolare valuta piuttosto che un’altra.In questa situazione il tasso di cambio, cioè il prezzo che devo pagare per comprare un’altra valuta, viene determinato automaticamente dalla domanda e dall’offerta di questa valuta, che a sua volta dipende dagli scambi di un paese con l’estero, sia per quanto riguarda le merci, sia per quanto riguarda i titoli. E in una situazione del genere, se un paese è in difficoltà e compra troppo, oppure ha una fuga di capitali, automaticamente la sua moneta si svaluta e quindi le sue merci diventano più convenienti per gli stranieri, gli stranieri le compreranno di più, e tutto torna automaticamente in una situazione sostenibile. E quindi la svalutazione, che forse avete sentito nominare come uno dei peggiori mali possibili, è un’ottima cosa in realtà, perché in un sistema in cui i cambi vengono determinati in questo modo, corregge gli squilibri. Ha due effetti negativi, che oggi vengono molto enfatizzati. Il primo è che la svalutazione rende più caro quello che compriamo all’estero, e quindi può aumentare i prezzi interni. Questo è sicuramente vero, ma quello che abbiamo visto negli ultimi vent’anni è che una svalutazione ha in realtà un qualche effetto sui prezzi, ma è un effetto molto contenuto. Forse è più importante il fatto che se io svaluto, e quindi rendo le mie merci più convenienti, i paesi contro cui svaluto si arrabbiano, perché le loro merci diventano più care, quindi ne vendono di meno, e quindi è considerata una politica aggressiva. E per questo motivo non è, diciamo, sempre auspicabile che venga usata illimitatamente.In Europa questa flessibilità dei cambi non durò molto. Ci furono una serie di accordi, il “serpente monetario” e così via, ma che comunque consentivano queste fluttuazioni e quindi questi riequilibri. L’Italia ha aderito a questi accordi però ha usato regolarmente la svalutazione per risolvere dei suoi problemi che erano quelli di un’inflazione interna troppo alta rispetto ad altri paesi, fino a che non abbiamo deciso di adottare l’euro, di entrare in questi accordi di cambio. E già prima di decidere, fare questa scelta che ci toglieva la possibilità di usare il cambio per affrontare i problemi economici, abbiamo fatto un’altra scelta importante. E cioè: c’è un qualche legame tra la quantità di moneta che mettiamo in circolazione e il cambio di questa moneta con le altre. Potremnmo dire in linea generale che se stampiamo troppa moneta, il tasso di cambio di questa moneta con le altre dovrebbe deprezzarsi. Fino all’81 la quantità di moneta che veniva creata in Italia, la quantità di lire, era decisa dalla Banca Centrale ma tutto sommato in accordo con i governi. Quindi potremmo dire che c’era, tra virgolette, sulla politica monetaria, sulle decisioni della Banca Centrale. Nell’81 si decise che questa cosa non era buona. Qualche settimana fa a Roma sentivo Vincenzo Scotti, un ex sottosegretario o forse anche ministro democristiano, che diceva: si decise questo divorzio tra Banca Centrale e Tesoro per togliere il barattolo della marmellata dalle mani dei politici perché, appunto, se un politico vuole spendere a fini elettorali, o quello che sia, e la Banca Centrale gli stampa le banconote per coprire queste spese, il politico lo può fare e, nelle parole di Scotti, questa era la situazione che si era creata. E già lì si decise quindi che la gestione della politica monetaria doveva essere tolta dal controllo democratico del Governo e affidata a dei tecnici, quelli della Banca d’Italia.

L’INTEGRAZIONE EUROPEA

Tutto sommato, l’ingresso nell’Euro ha seguito la stessa logica. C’erano ottimi motivi per voler integrare l’Europa dal punto di vista finanziario e anche politico. E all’epoca spero ricorderete che il vero motivo per fare la zona dell’Euro era un motivo politico. La cosa più semplice da fare era un’unica valuta, ma quello non era l’obiettivo vero che avevamo: l’obiettivo vero era diventare tutti europei e così via. Però tutti i passi per arrivare all’obiettivo vero non sono stati fatti. L’unico passo che è stato fatto è stato quello di creare questa moneta unica, ma crearla con un sistema di regole molto specifico. In particolare si decise che la Banca Centrale Europea doveva solo tener conto dei prezzi e non anche di altre cose, come ad esempio la disoccupazione. Negli Stati Uniti la Banca Centrale nei suoi obiettivi di statuto ha sia il controllo dei prezzi sia la lotta alla disoccupazione. Quindi quando l’economia entra in crisi, la Banca Centrale americana ha il mandato di occuparsi del problema e risolverlo, mentre la Banca Centrale Europea non ha questo mandato. In più la Banca Centrale Europea sì, ha una serie di meccanismi di controllo da parte dei paesi membri, ma non è una istituzione rappresentativa nominata tramite il voto dei cittadini.Si sapeva già, all’epoca, che questo sistema avrebbe creato dei problemi, perché i vari paesi europei non erano pronti ad avere una unificazione monetaria e i sistemi che sono stati messi in piedi per ovviare a questi problemi erano troppo deboli (il cosiddetto sistema dei fondi strutturali che dava le liquidità ai paesi, alle regioni più povere). I motivi della crisi erano già chiari nel 1992. Il docente che mi ha formato, Wynne Godley, scrisse “Dobbiamo enfatizzare già dall’inizio che stabilire una singola valuta in Europa porterà alla fine della sovranità delle nazioni che ne fanno parte e al loro potere di avere azione indipendente sui problemi principali, perché il potere di emettere la propria moneta, e quindi di scrivere assegni sulla propria banca centrale, è l’aspetto fondamentale che definisce l’indipendenza nazionale. Se un Paese abbandona o perde questo potere, acquisisce lo stato di una autorità locale o di una colonia. Le autorità locali o le regioni non possono svalutare ma perdono anche il potere di finanziare il loro deficit creando moneta, o tramite altri meccanismi finanziari, e non possono influenzare i tassi di interesse. E siccome le autorità locali non hanno nessuno degli strumenti per una politica macroeconomica, la loro scelta sarà limitata a argomenti di minore importanza, a ‘un po’ più di scuole lì, un po’ meno infrastrutture qui.”. Che è esattamente la situazione in cui ci troviamo oggi. Come vedete era chiaro nelle regole di formazione dell’euro, già agli inizi degli anni ’90.Quali sono i problemi dell’euro, quindi? I problemi dell’euro sono dati dal fatto che se il tasso dei cambi è fisso, non si può usare per eliminare gli squilibri, come vi ho detto prima. E quindi se una regione sta vendendo più di quanto compra accumula crediti, ma se fa questo c’è una qualche altra regione che sta accumulando dei debiti. Ora, se le regioni sono interne a un paese – pensiamo al mezzogiorno e al centro-nord dell’Italia – e però c’è un sistema fiscale che vale per l’intero paese, automaticamente la regione che cresce di più paga più tasse, la regione che cresce di meno riceve più sussidi, e quindi in qualche modo questo meccanismo viene non dico eliminato, ma perlomeno temperato. Se c’è anche una politica industriale, come c’è stata in Italia fino agli anni ’70, che fa investimenti nella regione svantaggiata e le consente di diventare più autonoma e sostenibile, lo squilibrio può essere annullato definitivamente. Ma se manca questo meccanismo, e in Europa questo meccanismo manca, l’accumulazione di crediti da parte di una regione, in questo caso della Germania e degli altri Paesi vicini alla Germania, implica inevitabilmente il debito degli altri, e quindi una crisi. E la Germania ha proprio adottato questa strategia di basarsi – la cosiddetta strategia neomercantilista – sulle proprie vendite all’estero, proprio con i Paesi più deboli dell’area europea, che non avendo più lo strumento della svalutazione, non avevano modo di contrastare questa cosa, se non comprimendo i salari. Cosa che ovviamente non era nelle nostre intenzioni, perché noi siamo entrati nell’euro per aumentare il nostro benessere, non per ridurre i salari dei lavoratori.E poi ci sono stati quei meccanismi di cui ho detto prima, cioè una crisi finanziaria, un aumento dei deficit e così via, e se andiamo a guardare i dati ci accorgiamo che i debiti pubblici e i deficit non erano alti né prima di entrare nell’euro né prima della crisi del 2007. Quindi i deficit pubblici non sono per nulla la causa della nostra crisi. La conseguenza è che non sono quelli a cui dobbiamo guardare per risolvere la crisi. In più, il debito pubblico, come qualunque debito, è sempre un credito di qualcun altro. Quindi quando ci vengono a dire “ogni cittadino che nasce ha tot-mila euro di debito”, trascurano di dirci che qualcun altro avrà tot-mila euro di crediti. Se è il papà di questo bambino ad avere i crediti, tutto sommato è una storia interna alla famiglia. Cioè è il papà che ha deciso di costruire scuole e ospedali per suo figlio, e suo figlio, quando crescerà, guadagnerà di più, avrà un reddito più alto e ripagherà le spese che sono state fatte nel passato. Quindi il problema del debito pubblico è un problema di distribuzione, di come noi vogliamo decidere quanto dei servizi che forniamo ai cittadini facciamo pagare oggi, e quanto facciamo pagare nel futuro. E la logica vorrebbe che quando il benessere aumenta, il cittadino ha più possibilità di pagare i servizi pubblici, mentre quando c’è una crisi ha meno possibilità, e quello non è il momento in cui chiedere un rimborso di questi costi. In più il problema del debito pubblico, cioè di come pagare questi servizi, può essere anche risolto tramite la stampa di moneta, cioè l’intervento della Banca Centrale. Ma la Banca Centrale Europea non può farlo per statuto, per la logica neoliberista. Cioè: “Il governo è cattivo. Se gli diamo la possibilità di creare moneta a dismisura, lo farà per motivi che non hanno a che fare col benessere, quindi dobbiamo vietarglielo”.

C’è una componente che dice: “Ma se stampiamo troppa moneta poi ci sarà inflazione”. Questo è vero in parte, ma solo quando nel sistema economico si sta già creando tutto quello che si può creare. Come dicono gli economisti, quando tutte le risorse produttive sono utilizzate. In quella situazione, se stampiamo più moneta, la moneta rincorre dei beni che non possono aumentare, e quindi i prezzi aumentano. Ma quando c’è disoccupazione, quando le imprese stanno producendo molto meno di quello che potrebbero, se stampiamo più moneta e quindi creiamo anche artificialmente più domanda, questo mette in moto maggiore produzione, maggiore creazione di reddito, e non c’è alcun motivo perché questa cosa debba tramutarsi in una crescita dei prezzi. Quindi il fatto che più moneta è uguale a più inflazione è vero solo in certe situazioni che sicuramente non si hanno quando un paese è in crisi.

AUSTERITA’

Dobbiamo invece chiederci, come già suggerivo, che effetti abbiamo quando introduciamo l’austerità. Sono pazzi questi tedeschi che dicono che dobbiamo fare l’austerità per risolvere il problema? Non necessariamente, perché il modello teorico neoliberista dice appunto che il Governo, quando spende, danneggia l’economia, perché sottrae risorse agli imprenditori, quindi se il Governo spende mille euro, sono mille euro di investimenti privati che non vengono fatti, e in più c’è un’altra serie di disincentivi per cui – dicono loro – se il Governo spende fa un danno. Quindi se spende di meno fa il bene del Paese. Come diciamo noi, c’è un moltiplicatore negativo della spesa pubblica. E quindi dovremmo vedere che, con l’austerità, le imprese iniziano ad investire molto di più. Quello che stiamo vedendo oggi, in Grecia, in Italia, in Spagna, in Portogallo è proprio il contrario: cioè quello che Keynes e le teorie keynesiane hanno sempre sostenuto: la spesa pubblica ha un effetto positivo, e anche forte, sull’economia di un Paese. Quindi quando introduciamo l’austerità si ha un crollo dei redditi e anche un crollo delle aspettative di profitto, quindi anche un crollo degli investimenti e così via. Quindi dire austerità e crescita è dire due cose che sono l’una l’opposto dell’altra: non si può avere austerità e crescita. Ed è anche interessante capire l’austerità come viene fatta, perché se l’austerità viene fatta tagliando i salari, tagliando le pensioni, gli effetti sulla distribuzione del reddito sono di un particolare tipo, mentre se l’austerità viene fatta salvaguardando i tassi di interesse che i governi pagano sui loro debiti, cioè il famoso spread, se lo spread è deciso dai mercati stiamo dicendo che noi vogliamo salvaguardare gli interessi dei creditori, cioè delle banche che hanno il credito, che è un debito del Governo.

MODERN MONEY THEORY

In tutto questo, una delle teorie di cui si sta discutendo un po’ in Italia è la cosiddetta Mondern Money Theor, su cui andrò molto rapidamente perché a mio avviso è una proposta che è stata completamente stravolta e che è partita da studiosi, miei colleghi, del Levy Institute negli Stati Uniti. Fondamentalmente la Modern Money Theory che cosa dice? Ci dice quello che vi ho appena spiegato finora, e cioè che se un sistema economico è in crisi, è compito del Governo intervenire con una spesa aggiuntiva e, se non ci sono risorse liquide per farlo, è un bene che la Banca Centrale stampi nuova moneta per finanziare queste spese. Quindi l’idea è che il Governo dovrebbe avere a cuore la piena occupazione. Se le imprese non creano posti di lavoro e i disoccupati aumentano, compito del Governo dovrebbe essere creare i posti di lavoro mancanti, con una serie di meccanismi che garantiscono che questi posti di lavoro non danneggiano le prospettive delle imprese private di creare altri posti di lavoro, quindi che il Governo non entri in concorrenza con le imprese nella produzione. Quindi il Governo non dovrebbe creare una fabbrica di pomodori pelato o una fattoria, ma dovrebbe ma dovrebbe creare posti di lavoro nei cosiddetti beni pubblici, quindi nella Sanità, nella Tutela del Territorio e in una serie di altre cose di questo genere. Quindi la Modern Money Theory sostanzialmente dice: compito del Governo in una crisi è creare occupazione, compito della Banca Centrale è finanziare questa spesa pubblica aggiuntiva, se non ci sono le risorse per farlo.
Il problema è che la Modern Money Theory ha una serie di implicazioni che sono molto provocatorie e piacciono molto a una serie di persone. Per esempio, l’implicazione che se noi possiamo finanziare tutto stampando moneta, ma allora perché abbiamo le tasse? Intanto la Modern Money Theory dice anche: sì, ma le tasse ci sono perché se la moneta non serve a pagare le tasse, perché mai i cittadini dovrebbero avere dei pezzi di carta con su scritto 10 euro o 1000 lire, che sono appunto dei pezzi di carta? Quindi il pezzo di carta ha una legittimità solo legale, la legittimità legale viene dal fatto che il Governo vuole essere pagato con quei pezzi di carta, se crolla questo crolla tutto. Inoltre il cittadino che paga le tasse vuole un qualche riferimento sul servizio che lui ottiene con le tasse che lui paga. Quindi se noi abolissimo le tasse e pagassimo tutti i servizi stampando moneta – e questo crea una serie di meccanismi di inflazione un po’ complessi – si potrebbe fare, ma sicuramente avremmo un problema fenomenale perché cadrebbe qualunque legame tra il fatto che io pago il biglietto dell’autobus per usare l’autobus, cioè il legame tra contributo che si deve dare e servizio che si ottiene. E in secondo luogo, la cosa più importante, cadrebbe la possibilità per il Governo di redistribuire reddito. La nostra Costituzione dice che dovremmo usare un sistema non proporzionale ma progressivo, cioè che chi ha un reddito più alto dovrebbe contribuire più che proporzionalmente al finanziamento dei servizi pubblici e così via. Quindi su questa Modern Money theory oggi c’è una discussione un po’ confusa perché – che ne so – qualcuno dice “Ah, l’evasione non è un problema perché in realtà il vero problema è che non possiamo stampare le banconote”. No, in realtà l’evasione è un problema perché, di nuovo, fallisce l’obiettivo di redistribuzione, di riallocazione del costo dei servizi in modo equo tra i cittadini. Altri possono dire “Stampiamo moneta perché le pensioni sono basse, e invece se stampiamo moneta possiamo darne di più ai pensionati”. Questo non ha nulla a che fare con la Modern Money Theory, ed è un po’ complicato capire se questo meccanismo funzionerebbe, sarebbe efficace oppure no. Quello che invece sarebbe utile e fondamentale non è stampare banconote e regalarle in giro, ma creare posti di lavoro.

LA CRISI E’ SOLO UN PROBLEMA POLITICO

Sicuramente è vero che noi non possiamo fare questo oggi con l’attuale assetto istituzionale, e sicuramente è vero che dobbiamo ripristinare la sovranità monetaria, cioè un controllo democratico sulla politica monetaria. Il problema è che si sta cercando di capire se si può fare a livello europeo, quindi mantenendo l’euro, o se dobbiamo decidere che l’euro è fallito e dobbiamo tornare alle valute nazionali. Se pensiamo che questa cosa si possa fare con l’euro, dobbiamo correggere le istituzioni europee nel modo che ho detto prima, che già era chiaro all’inizio di tutta la storia. In particolare dobbiamo introdurre una serie di sistemi che automaticamente redistribuiscano il reddito dalle regioni più ricche d’Europa alle regioni meno ricche, e che prevedano degli interventi di politica industriale cospicui, e non quelli che ci sono già oggi, per consentire alle regioni in difficoltà di crescere e diventare di nuovo autonome. Tutte queste cose si potrebbero fare molto rapidamente, e il fatto che i governi attuali non le abbiano fatte né dicano di volerle fare, inizia a far pensare che forse non c’è la volontà politica di farle, e quindi tutta la crisi non è un problema economico, ma è un problema politico. E se i cittadini… per esempio so che i cittadini greci, da un sondaggio, vorrebbero tutti restare nell’euro, anche se l’assetto attuale dell’euro li sta massacrando: quindi c’è un problema politico e c’è un problema di democrazia, cioè si è perso il collegamento tra la volontà dei cittadini e quello che viene fatto. Se è impossibile rimanere nell’euro si può sempre uscire e tornare a una propria valuta. Ora, questa cosa è più o meno possibile, più o meno costosa, in base a tutta una serie di aspetti che riguardano i diversi paesi. Per esempio è sicuramente una follia per un Paese uscire dall’euro se tutti i suoi debiti sono denominati in euro e il Paese non ha la capacità, la sovranità sui contratti per portarli in una nuova valuta. Quindi se noi uscissimo dall’euro, e voi avete un mutuo in euro fatto con una banca tedesca, che dovete pagare in euro, e a voi iniziano a pagarvi in lire, e la lira si svaluta del 20% sull’euro, il vostro mutuo con la banca tedesca diventa più caro del 20%. E quindi questo è molto costoso. Ma se abbiamo la sovranità per dire che il vostro mutuo in euro viene convertito in lire a un tasso di cambio predefinito, e quindi da oggi in poi pagherete in lire, che la lire si svaluti rispetto all’euro a voi non interessa più, perché voi comunque pagherete in lire i vostri obblighi contrattuali. Quindi, per esempio la Grecia ha una grossa parte del debito denominata sotto la giurisdizione greca, che può convertire in una nuova valuta, e quindi a mio avviso da questo punto di vista ha la strada spianata per uscire dall’euro, se volesse, mentre per paesi come l’Irlanda, che hanno il debito tutto denominato in contratti di diritto anglosassone, che non potrebbero riconvertire a meno di contenziosi notevoli a livello internazionale, e quindi uscire dall’euro per l’Irlanda è un problema.
Sicuramente, risolti questi problemi, avremmo una svalutazione, e la svalutazione non è una cosa pazzesca, come dicono alcuni: porterebbe a un po’ di inflazione, ma un’inflazione limitata e sicuramente, però, non ci si fermerebbe qui. Sarebbe necessario, se non indispensabile, reintrodurre delle limitazioni ai movimenti di capitale, quindi chiudere con la logica neoliberista, che è quella che ha dominato gli ultimi decenni.

LA REDISTRIBUZIONE DELLA RICCHEZZA

Due parole finali sul debito pubblico italiano, perché qui c’è un aspetto – che già un pochino ho collegato – e che è legato all’evasione. Secondo me, uno dei problemi dell’evasione in Italia… Almeno, l’evasione in Italia è nata per cose che sappiamo tutti: c’è un piccolo nucleo di società o di individui che possono evadere molto del loro reddito e lo possono fare da tanti anni. Quindi questo ha creato un calo nel gettito che il Governo ha per pagare i propri servizi, e ha costretto i governi ad aumentare le aliquote. Ma quando io aumento le aliquote dò anche un incentivo a evadere appena possibile, e quindi si è arrivati in una situazione di stallo in cui pochi che non possono evadere pagano cifre insostenibili, e tutti quelli che possono in qualche modo evadere evadono. E questo distorce completamente la situazione e contribuisce alla logica del neoliberismo, cioè il Governo è un qualcosa che ci è nemico, cerca di toglierci delle risorse, se invece il Governo sparisse io riuscirei a vivere molto bene senza dover pagare questi odiosi balzelli. Però non si pensa al fatto che nessuno poi asfalterebbe la strada o pagherebbe l’insegnante della scuola di mio figlio. Di fatto, quelle che mi sembrano soluzioni ragionevoli o almeno condivisibili, stanno iniziando ad emergere. Ci trovo molti punti di contatto con cose che ho sentito dal movimento umanista, anche se sono di solito i partiti considerati di sinistra. Per esempio, Syriza, il partito molto quotato in Grecia come potenziale vincitore del prossimo turno elettorale, ha un programma che è confuso su alcune cose che adesso dirò, ma fondamentalmente sostiene: “Qua abbiamo un problema di distribuzione: i più ricchi per troppi anni non hanno pagato, e adesso dovrebbero pagare il conto. E da loro dobbiamo prendere una serie di risorse per rifinanziare tutte quelle categorie dei danni dai tagli dello stato sociale, e così via”. Anche loro hanno chiaro che c’è un problema di finanziamento, e qua c’è la confusione perché loro dicono: “Dobbiamo esigere dall’Unione Europea un cambiamento nel ruolo della Banca Centrale perché stampi gli euro”. Però, come dire, in che modo esigere? Perché se loro avessero voluto far questo lo avrebbero potuto fare già quattro, cinque anni fa. Bastava far incontrare il premier spagnolo, quello greco, quello italiano e quello portoghese e dire: “Cari amici, facciamo fronte comune contro la Germania e la Francia. Cambiamo le regole del funzionamento della Banca Centrale. Se ci dicono di no, e allora noi facciamo una bella bancarotta. Tutti i nostri debiti sono debiti delle banche centrali francesi: le facciamo fallire e poi sono fatti loro”. Se non si è fatto questo, che probabilmente era una strada abbastanza indolore per risolvere la crisi prima che cominciasse, è difficile pensare che oggi, se sbatti i pugni sul tavolo, poi la Merkel cambia lo statuto della BCE. Quindi c’è un po’ di confusione su questo, e c’è un po’ di confusione in Syriza anche sul fatto che non è che dicano in modo chiaro che dagli aumenti delle tasse che loro prevedono, riescono a finanziare tutto il settore pubblico. Quindi, se io non posso spiegare credibilmente dove prendo il denaro per pagare gli aumenti delle pensioni, l’aumento dei sussidi e quant’altro, faccio populismo e poco altro. Però, ad esempio, il programma di Mélenchon in Francia aveva più o meno gli stessi temi, e quelli avevano invece fatto un bel piano finanziario in cui mostravano che si riusciva a sostenere tutto l’aumento del welfare state che volevano fare con gli aumenti delle imposte che prevedevano.Abbiamo anche una serie di altri problemi che sono derivati dal neoliberismo e di cui credo che qui vi occuperete oggi. Uno è che tutte le vie di uscita della crisi prevedono un qualche ritorno a un ruolo centrale del Governo della gestione della cosa pubblica per il benesserre collettivo. Però sono anni che ci dicono che i politici rubano. E quindi finché non risolviamo questa cosa, cioè finché non c’è un qualche meccanismo – presumo che voi siate per la democrazia diretta – che sostituisce al politico che ruba un qualcuno che invece agisce per l’interesse della collettività, da qui non si esce, perché se non si esce per questa strada, allora l’alternativa è un neoliberismo ancora più esteso: ognuno per sè. E come si va a finire? Abbiamo problemi di informazione, me lo direte, ancora di più. E sull’ultimo punto, appunto: “se usciamo dall’euro poi abbiamo risolto i nostri problemi?”, c’è qualcosa su cui riflettere, perché i problemi di cui vi ho parlato – Germania, Grecia e italia – sono gli stessi che abbiamo/avevamo – centro, nord e mezzogiorno – e che, come sapete, anche una parte degli elettori della Lega non voleva più risolvere in questo modo. Grazie.
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

21 risposte a SIAMO COLONIE

  • Pingback: La svendita programmata delle sovranità Nazionali - intervento di Gennaro Zezza - Economia&DemocraziaDiretta

  • 6

    La Tatcher diceva: The problem of the socialist societies is that eventually they run out of other people`s money…

    Qui si fa un po`di confusione.

    Il grosso debito non e`la causa della crisi e`il sintomo.

    In Italia si e`creato un debito di 2000 miliardi SENZA creare occupazione vera.

    In Grecia ancora di piu`.

    Quando il 78% dei lavoratori lavora nei servizi, cioe`non produce, il 18% che produce, non produce a sufficienza per soddisfare il bisogno della popolazione.

    Se cioe`io produco cibo in una quantita`insufficiente per sfamare la popolazione, l`unica via di salvezza e`importarlo.

    Per fare cio`devo fare DEBITI.

    Il Tutto va bene fino a che non implode.

    Poteva succedere tra qualche anno, la causa scatenante e`stata la speculazione finanziaria che ha dirottato gli investimenti dai bond statali ad altri investimenti piu`redditizi.

    Se non c`e`nessuno che compera il debito dello stato, allora intervengono le banche.

    Ma poi si presenta il problema delle banche che non hanno piu`capitali disponibili per l`industria.

    Allora o si aumenta ulteriormente il debito, procrastinando comunque una fine che avverra`nel futuro (perche`non si puo`aumentare il debito all`infinito) o si riconverte il sistema produttivo, anche svalutando la moneta e rendendo piu`allettanti gli investimenti esteri.

    Per quanto riguarda l`Italia, se si continua a fare debiti e si continua ad investire in opere come il TAV o la Salerno Reggio Calabria, l`unica cosa che si otterra`sara`aumentare il debito finanziando la mafia e simili.

    Forse sarebbe molto piu`semplice lasciare i soldi in tasca ai cittadini, questi li spenderebbero creando domanda che potrebbe essere soddisfatta da una produzione Ïtaliana”perche`senza il carico fiscale insostenibile sarebbe concorrenziale alla Cina.

    Se poi si vuole sognare che basti stampare soldi per diventare ricchi, si avra`un risveglio molto piu`doloroso.

     

  • 5
    Bacillo

    Ronnie ha scritto :
    amministrative. E questo non va per niente bene. Poi fate un po’ come volete. In quanto a @Bacillo….ma per carità!!!! Che è poi quello che è diventato il nostro meridione.

     

    Ma perchè il nostro meridione è stato governato bene in questo secolo e mezzo?

  • 4
    pedro65

    Una Soluzione possibile potrebbe essere di dichiarare guerra alla Svizzera e fare tutto il necessario per perderla.

    Ma mi sa che la Svizzera piccola e veloce si affretterebbe a capitolare in un nanosecondo.

  • 3
    mcbett

    …acqua di colonie, nemmeno colonie…

  • 2
    Bacillo

    kmatica ha scritto :
    @Bacilio (figlio di Babando) Bravo!! La stessa filosofia delle “zoccole”. Non importa chi sia il cliente,  brutto, bello, sporco o malato, cosa faccia o casa non riesca a fare, l’importante che paghi. Più paga e più gli gridano che è bravo. In fondo non è colpa tua, semplicemente la natura è stata un po avara con te, negandoti per sempre di essere quello che non potrai mai capire ma, offrendoci a noi l’opportunità, leggendo le tue esternazioni, di comprendere che non c’è niente di peggio di un somaro che si vanta di essere un somaro.  

     

    Anche per te rispondo la stessa cosa che non me ne fraga un c**zo , io ho già dato e molto più di te, una sola aggiunta hai qualcosa contro le “zoccole”, sono molto meglio di tante signore perbeniste

  • 1
    jacopobis

    Caro Messora,

    Complimenti per il suo impegno in questo sito e in generale!!

    Non ho contatti per replicare ad un’unica cosa in cui Zezza di sbaglia.

    Magari potrebbe sollecitare una sua risposta a questo mio commento.

    Sulla MMT è stato poco chiaro su un punto molto semplice in realtà. La MMT dice infatti che le tasse SERVONO per redistribuire la ricchezza, per far accettare la moneta, per controllare la quantità di moneta in circolazione,ecc….insomma servono. Anche se paradossalemente non servono direttamente a finanziare la spesa pubblica.

    Zezza fa intuire alle persone che lo ascoltano, credo involontariamente, che la MMT descrive un’economia che rinuncia alle funzioni fondamentali del prelievo fiscale, e che evadere le tasse non crea un disequilibrio nella distrubuzione della ricchezza.

    In realtà rispetto a questi ultimi due punti la MMT dice il contrario.

    Spero possa avere occasione di informarsi più approfonditamente su questi punti e magari di rendere pubblico il suo pensiero a riguardo. Le critiche possono essere costruttive se sono appunto approfondite, se sono superficiali sono inutili o peggio dannose.

    Beninteso, la mia spero sia una critica costruttiva. Mi faccia sapere. Ancora complimenti e in bocca al lupo per il suo lavoro,

    Cordiali saluti,

    Jacopo

    • 1.1

      Non si preoccupi: le critiche ben argomentare non solo sono ben accetto, ma anzi sono sparate. Peccato non siano in molti a capirlo!Grazie: glielo farò presente e in un prossimo intervento gli farò commentare, appena possibile.Saluti

  • 0
    Bacillo

    byoblu ha scritto :
    complimenti per la superficialità e per la tua coscenza del significato profondo della parola “Costituzione”. Perdonami, ma sei un servo geneticamente perfetto.

     

    Non me ne frega un c**zo!!! Io ho già dato più del dovuto!!!

  • -1
    Fran V

    C’è una componente che dice: “Ma se stampiamo troppa moneta poi ci sarà inflazione”. Questo è vero in parte, ma solo quando nel sistema economico si sta già creando tutto quello che si può creare. Come dicono gli economisti, quando tutte le risorse produttive sono utilizzate. In quella situazione, se stampiamo più moneta, la moneta rincorre dei beni che non possono aumentare, e quindi i prezzi aumentano. Ma quando c’è disoccupazione, quando le imprese stanno producendo molto meno di quello che potrebbero, se stampiamo più moneta e quindi creiamo anche artificialmente più domanda, questo mette in moto maggiore produzione, maggiore creazione di reddito, e non c’è alcun motivo perché questa cosa debba tramutarsi in una crescita dei prezzi. Quindi il fatto che più moneta è uguale a più inflazione è vero solo in certe situazioni che sicuramente non si hanno quando un paese è in crisi.

     

    Mi sembra che confermi quello che ti avevo detto sul debito …. In più c’è un ulteriore problema. A chi decidiamo di dare la moneta se la stampassimo? A tutti, anche a quelle azinde che producono beni peggiori di altri? In poche parole viene meno il meccanismo di selezione della produzione che oggi è regolato dal sistema della domanda e dell’offerta. Se stampiamo moneta come si può decidere a chi darla e per cosa produrre? Sulla cessione di sovranità nazionale concordo che dobbiamo stare molto attenti ma è inevitabile. Qui non è più Italia vs resoto del mondo ma Europa. E la soluzione della crisi passa anche per vie politiche come ribadito anche qui in questo articolo. Ed è il progetto al quale sta lavorando Draghi. Non puoi competere come industria con paesi che hanno una tassazione del 20% mentre qui è del 70%. Meglio a questo punto creare una zona omogenea. Proprio per dire giochiamo ad armi pari. Ora se è meglio livellarsi al 20 o al 70 dipende dal cervello dell’opinione pubblica. Ma per fare questo, le soluzioni sono quelle che ti avevo postato nel precedente post, byoblu. La contrattazione che ora stanno facendo tra gli stati UE, sarà fatta anche in futuro tra continenti. La MMT è affascinante ma i problemi non possono essere risolti così facilmente. La capacità allocativa dei mercati è stata da pochi anni messa in chiaro, si tratta ora di apllicarsi. Prima lo si fa prima verranno risolti tuttti gli altri problemi sulla crescita, redistribuzione, ecc….

  • -2
    Bacillo

    Sinceramente a me della sovranità nazionale , con le tasche vuote, non me ne frega proprio un accidente.

    Non mi importa chi mi governa, l’importante è che governi bene e non RUBI.

    Quindi se da domani ci fosse un primo ministro ( con tutti i vice ecc ecc )Tedesco olandese svizzero o quant’altro ben venuto.

    Se si perde la sovranità nazionale , ma ci si gudagna in eguaglianza, benessere e giustizia sociale bene accetatto qualsiasi regime!!! 

    • -2.1
      roby67

      scusa bacillo, ma non te la prendere, non puoi scrivere queste cose su questo blog e passarla liscia, noi siamo allergici ai BACILLI, BATTERI, VIRUS ecc., e di conseguenza reagiamo :)

      a parte le battute, hai esternato quello che miliardi di persone al mondo pensano: una “sana” e “onesta” dittatura non fa male. altrimenti non esisterebbero tutte le persone sottomesse (e anche contente, pero’) che ineggiano al Bokassa di turno.

      noi preferiamo una sana e robusta democrazia, please.

    • -2.2
      kmatica

      @Bacilio (figlio di Babando)

      Bravo!! La stessa filosofia delle “zoccole”. Non importa chi sia il cliente,  brutto, bello, sporco o malato, cosa faccia o casa non riesca a fare, l’importante che paghi. Più paga e più gli gridano che è bravo.

      In fondo non è colpa tua, semplicemente la natura è stata un po avara con te, negandoti per sempre di essere quello che non potrai mai capire ma, offrendoci a noi l’opportunità, leggendo le tue esternazioni, di comprendere che non c’è niente di peggio di un somaro che si vanta di essere un somaro.

       

    • -2.3

      complimenti per la superficialità e per la tua coscenza del significato profondo della parola “Costituzione”. Perdonami, ma sei un servo geneticamente perfetto.

  • -3
    Met

    Bacillo ha scritto :
    Sinceramente a me della sovranità nazionale , con le tasche vuote, non me ne frega proprio un accidente. Non mi importa chi mi governa, l’importante è che governi bene e non RUBI. Quindi se da domani ci fosse un primo ministro ( con tutti i vice ecc ecc )Tedesco olandese svizzero o quant’altro ben venuto. Se si perde la sovranità nazionale , ma ci si gudagna in eguaglianza, benessere e giustizia sociale bene accetatto qualsiasi regime!!! 

     

    Hallo Mc Fly..cè nessuno in casa??

  • -4
    lukeskywalker

    Una opinione diversa in merito: http://vonmises.it/2012/06/12/leuro-lezioni-storiche/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=leuro-lezioni-storiche

    Tornare al gold standard abbandonando le politiche Keynesiane (le stesse che ci han portato fino a qui). Proprio la svalutazione monetaria, l’aumento di massa monetaria stampando con riserva frazionaria ci han portato a questo punto, dove i boom economici non sono mai stati genuini ma sempre pilotati dalle politiche delle banche centrali, le stesse che han permesso a certe banche di essere “troppo grandi per fallire”.

    Inoltre, le politiche di privatizzazione odierne non potranno mai funzionare, in quanto, soprattutto in Italia, i servizi rimangono pur sempre nelle mani degli stessi e vengono solo date concessioni. Che sia acqua, luce o gas, per dirne alcune, che serve concedere i diritti di distribuzione anche a privati se tanto la rete principale è in mano alla stessa azienda? C’è sempre qualcuno con un monopolio in mano, e i prezzi e la qualità del servizio non potranno mai beneficiare invece di una reale concorrenza.

    E soprattutto, finché lo Stato mette il becco, non ci saranno mai abbastanza garanzie sulla concorrenza. Soprattutto nel farmaceutico e assicurativo, le varie commissioni sono sempre colluse e corrotte, e permettono alle grandi aziende di fare, nel primo caso di favorire l’introduzione di certi prodotti a scapito di altri, e nel secondo di fare cartello dei prezzi.

    E perchè dev’esserci una banca centrale? Le banche devono considerarsi come tutte quante le aziende. Sbagli a investire? Hai esagerato a speculare? Pagane le conseguenze. E lo Stato pure, se sbaglia per i soldi deve arrangiarsi e non stringere il cappio al collo dei cittadini. Troppe regole e troppo potere centrale deresponsabilizza, e chi ha troppo potere si sentirà moralmente legittimato ad usufruire di vie secondarie anche andando contro la legge (ci sono studi scientifici di ambito psicologico a riguardo).

    Se hai avuto la pazienza di leggere Claudio ti ringrazio, ma vorrei chiederti una piccola cosuccia: perché non illustrare anche le teorie economiche (non la MMT) delle “minoranze”? Quindi parlare appunto delle idee della Scuola Austriaca, ad esempio? Potrebbe dare un ottimo spunto futuro.

    • -4.1

      I due pezzi sono entrambi interessanti, quello che hai linkato tramite commento un po’ più legato alla storia e alle terminologie forbite e ricercate, in sostanza un po’ più di settore, di nicchia per così dire. Strutturare un ponte tra i due pezzi, in quanto a flesibilità d’argomento è pari alla complicanza di sviluppare un moneta più elastica. Conclusione tra l’altro del pezzo da te suggerito. Ti suggerisco questo blog in cui posto da un po’ di tempo, pH51

      pH51 non è proprio discostante dagli argomenti dei due blog citati (ByoBlu e Ludwing) eppuire non posso fare a meno di inserire qua e la riferimenti che risultano essere modulati un po’ dagli argomenti di cui stiamo scrivendo qui. Proprio per l’impronta che il denaro ha nelle nostre possibilità.

  • -5
    doremind

    Non faccio in tempo a scoprire una cosa che Byoblu ci fa un post (scherzo)Altra grande “scoperta” di Claudio Messora che ultimamente non ne sbaglia una. Mi permetto di suggerire Alberto Bagnai (il suo blog: goofynomics) per uno dei prossimi post. Sono persone che riescono a far capire l’economia e i suoi retroscena anche ai non addetti ai lavori. Credo che Bagnai ci riesca ancor meglio, se possibile. Zezza e Bagnai hanno partecipato a un convegno insieme tra l’altro per la presentazione di due libretti di Bellofiore. L’intervento di Bagnai e’ imperdibile.

  • -6
    Ronnie

    Non credo che serva più leggere delle cause della crisi, chi l’ha provocata, perchè o percome…

    La cosa importante che gli italiani (ma anche greci, spagnoli etc) capiscano all’unisono che la causa di tutti i mali sono i politici. Punto!

    “Datemi il potere di stampare moneta e non m’interessa di chi fa le leggi”- Rotschild.

    Ecco da dove arriva l’opportunità di scalzare i politici di professione.

    I Banchieri si servono di loro per fare tutto ciò che vogliono. Sonmo gli esecutori delle loro direttive, non del popolo che li elegge.

    “Il politico è uno che non vuole fare un bel niente nella sua vita e tende a mantenere tale la sua posizione. Tutti possono fare il politico” e questo non vi dico chi l’ha detta, quando bazzicava nelle birrerie di Monaco comme un diseredato qualsiasi. Sbagliata l’ideologia, ma giusto la considerazione.

    Ma tutti bisogna capire questi concetti fondamentali. Invece ho visto ancora troppi voti al PD nelle ultime amministrative. E questo non va per niente bene. Poi fate un po’ come volete.

    In quanto a @Bacillo….ma per carità!!!! Che è poi quello che è diventato il nostro meridione.

  • -7
    doremind

    http://img850.imageshack.us/img850/9588/bagnaifatto.jpg Pagina sei del fatto quotidiano. Intervista a Bagnai sul perche’ sarebbe meglio uscire dall’euro. Data la quantita’ di inesattezze e spauracchi propinati finora , credo che sarebbe ora di entrare nei dettagli e sgombrare il campo , almeno, dalle falsita’ e dai dati inventati e sparati ai 4 venti. chiedo scusa per l’insistenza. claudio continua cosi! Per un po non ti ho potuto seguire e chiedo scusa se mi e’ sfuggito qualcosa. Spero non sia un commento inutile.

  • -8

    Non sono per la democrazia, ne per l’uso improprio che se ne fa, tanto meno per le leggi, e per l’ennesimo loro uso improprio. Ctrerare più posti di lavoro, prestampati, come fossero libri da sfogliare, sudore dopo sudore, fatica dopo fatica, non reca benessere e non è per il bene comune. Creare una moneta unica in queste condizioni sfalderebbe anni, se non decenni di informazione, controinformazione, e battaglie più o meno politiche. Inoltre fomenterebbe la parte anarchica più violenta, che tra le altre cose, non ha nulla a che fare con l’Anarchia, se non per nome, simbolo, e qualche riferimento evocativo. Dunque la questione è incentrata sul posto di lavoro evolutivo, ossia l’espandibilità del posto, e possibilità di personalizzazione, che ha, ad esempio, il libero professionista. Perché non chiamarlo “libero dipendente” e prima di chiamarlo così, definire davvero i “liberi dipendenti”? Semplicemente perché si genera più posti di lavoro quando l’istruzione è bassa, oppure quando l’individuo non ha prospettive stabili di futuro diventando libero professionista. Da qui la necessità di escludere completamente dall’equazione chi favorisce i percorsi che inducono ad abbattere il libero professionismo, così come lo sviluppo del libero dipendete. Proprio da quei corpi obrobriosi che fanno vertice alle monete, che già sanno la loro fine perchè scritta, prescritta, e stabilita. Chi quando hai possibilità di libertà ti manda da questo o da quello, che ti sembra la salvezza, ed è una perdita di tempo per possibilità e vigore, proprio spirito oltre che energia mentale che da alito alle migliori menti del pianeta. Questo non è un libro, puoi farne un libro, ma è stato già scritto, è la realtà. Di gente disperata, di gente pazza dentro, di gente che asseconda la pazzia del posto fisso e del posto coscritto, di gente che gli sta bene il qualunquismo, di gente che vorrebbe fare altro, ma ha la bocca del corpo obrobrioso che gli divora il cuore giorno dopo giorno. In queste condizioni una moneta unica globale sarebbe il prezzo per il suicidio. La libertà è prima di tutto personale e permette di rendere quel corpo che tanto ci logora, qualcosa di migliore, poiché nostro dipendente come liberi cittadini del pianeta quali noi siamo. Il nostro di corpo, fisico, spirituale, mentale, intellettuale, e quant’altro, in ambito di specializzazioni e settori, va difeso, e riconquistato. Oggi non domani. Anche se domani finissimo a vivere sotto un cartone, forse di plastica, perchè quello di carta sovrapposta, non possiamo permettercelo.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>