GUERRA AL MES. Il volantino.

di Lidia Undiemi

Rischiamo di finire come la Grecia, dove la Troika, in cambio di aiuti finanziari, ha posto tutta una serie di politiche di austerità, di taglio dei dipendenti, di riduzione delle pensioni che non sono aiuti, ma un mero scambio di natura finanziaria. Cioè: danno del denaro a uno Stato, il quale in cambio cede loro la sovranità, e poi saranno loro ad imporre al popolo tutta una serie di condizioni insopportabili, soprattutto per le fasce più deboli.

 

Bene, adesso anche gli italiani rischiano di ritrovarsi come i greci. Infatti un passaggio fondamentale del trattato MES dice espressamente che uno Stato che intenda chiedere un prestito al cosiddetto fondo salva stati (il MES, appunto) deve sottostare a condizioni molto rigorose. Non abbiamo sentito né un parlamentare nazionale né uno comunitario riferire al popolo italiano i dettagli di questo trattato, nonostante già di per sé preveda un vincolo di 125 miliardi di euro che influenzerà giocoforza le nuove generazioni nonché le politiche di ogni futuro governo. Nessuno, nessuno ha voluto chiedere alle istituzioni competenti dei chiarimenti, per poi riferire ai cittadini.

Per tale ragione abbiamo lavorato tanto, in rete. Personalmente ho lanciato una iniziativa, tesa soprattutto a sensibilizzare l’opinione pubblica. Per fortuna la società civile ha mostrato grande impegno e lucidità, consentendo alla denuncia di una singola studiosa di diventare una battaglia nazionale. Adesso è arrivato il momento, anche per il singolo cittadino, di partecipare attivamente contro questo tipo di politica europea che mira, sostanzialmente, a togliere la sovranità politica alle singole nazioni. Per tali ragioni ho realizzato un volantino, che contiene le indicazioni di base per riuscire a far comprendere l’argomento, o quanto meno per sensibilizzare i singoli cittadini. Sul retro del volantino troverete una serie di domande da fare alla classe politica italiana, tra cui ad esempio: “In cosa si tradurrando le condizioni rigorose contenute nel trattato, per il popolo italiano?“. Questo è uno dei punti fondamentali da sciogliere. E visto ciò che è accaduto in Grecia, dubito che si tratti di condizioni migliorative per la collettività.

Fra le altre domande, proprio perché siamo nel periodo intermedio tra la strage di Capaci e quella di via D’Amelio, voglio fare una domanda a tutti i “professionisti dell’Antimafia”, senza alcuna polemica (ndr: non mi riferisco alla magistratura per la quale nutro grandissimo rispetto). Poiché il MES farà ricorso al mercato finanziario esterno, per potere soddisfare le richieste di prestito, in che modo gli stati saranno protetti dal rischio di ingerenza dei capitali sporchi nelle operazioni finanziarie? Il dubbio sorge in relazione al fatto che, in un periodo di grave crisi in cui lo Stato è indebolito dal punto di vista economico-finanziario – ma direi anche istituzionale -, nel momento in cui lo Stato debitore si rivolge a questa organizzazione e questa, tra immunità e inviolabilità dei documenti, si pone in qualche modo da intermediario nei confronti dei finanziatori esterni, in operazioni finanziarie di carattere internazionale enormi e in uno stato di diritto sempre meno funzionante, chi ci garantisce che di fatto non si avrà una svendita degli stati nei confronti di organizzazioni finanziarie esterne, facenti riferimento ad organizzazioni criminali o meno?  Ma in ogni caso, prima di vincolare l’attuale Governo, le future legislazioni e le future generazioni a pagare 125 miliardi di euro e a condividere le decisioni di politica interna con questa organizzazione finanziaria, perché nessuno vuole discuterne, nessuno dei parlamentari dei partiti di destra, di sinistra, grandi e piccoli, ipocriti e meno ipocriti? Su questi aspetti sono tutti d’accordo! Io mi sento priva di rappresentanza in Italia e credo che in questo Paese attualmente non ci sia una opposizione al Governo delle banche. L’articolo 15 del trattato MES prevede che il consiglio dei governatori dell’Organizzazione può decidere – attenzione a questo passaggio – di concedere assistenza finanziaria a un membro del MES ricorrendo a prestiti con l’obiettivo specifico di ricapitalizzare le istituzioni finanziarie dello stesso membro. Prestiti provenienti da organizzazioni esterne o private. Noi questo non lo dobbiamo, non possiamo permettercelo. Non abbiamo tanto tempo, perché siamo stati indifferenti troppo a lungo.

Viviamo in un sistema sociale e politico marcio. Basta pensare alle dichiarazioni del presidente della Corte dei Conti, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2011, in cui è stato messo in evidenza come le privatizzazioni e le esternalizzazioni si sono ridotte a un mezzo per la gestione clientelare del potere politico amministrativo. Cioè la nostra pubblica amministrazione non è completamente rivolta verso il bene comune, bensì verso interessi ed affari privati. Pensate a tutti gli scandali politici che stanno uscendo, da destra a sinistra. Anche il Fondo Monetario Internazionale, che si ingerisce mediante Monti delle decisioni di politica interna, volendo ancora una maggiore flessibilizzazione del mercato del lavoro (quando sappiamo che questo strumento ha fallito ormai da diversi anni), ora spinge per le privatizzazioni. Adesso la soluzione sarebbe dunque questa, per porre rimedio alla grande crisi? La svendita del patrimonio pubblico? Qui siamo alla follia! Uno Stato senza patrimonio pubblico non è uno Stato. Non può garantire i propri cittadini, non può tutelarli. Vogliono la nostra identità!

I trattati ESM e Fiscal Compact necessitano dell’autorizzazione del Parlamento. Cioè è necessaria l’autorizzazione alla ratifica. Dunque si invertono completamente i rapporti tra il Governo e i parlamentari, perché da un lato abbiamo questa Europa, rappresentata da Mario Monti, che vuole a tutti i costi ulteriore cessione di sovranità da parte dello Stato italiano (in questo caso mediante questi due trattati), mentre dall’altro i nostri parlamentari hanno un potere enorme, in quanto saranno loro a decidere se concedere o meno l’autorizzazione alla ratifica. Ora, immaginate per un attimo questo potere spropositato nelle mani di un Parlamento che si è dimostrato di fatto incapace di portare l’Italia verso uno sviluppo virtuoso, con i parlamentari appartenenti a partiti politici soggetti a continui scandali. Ma davvero voi volete far sì che a decidere il futuro delle nuove generazioni siano questi soggetti, che siano cioè loro a ratificare trattati di una importanza gigantesca per la sopravvivenza del nostro stato di diritto? E’ possibile accettare tutto questo? E sono tutti d’accordo!

Una notizia importantissima, arrivata in questi giorni dalla Germania, è che la Corte tedesca ha fatto slittare la ratifica dei trattati poiché i verdi si sono opposti. L’hanno fatto perché non c’era stato un adeguato dibattito e approfondimento in Parlamento. Il secondo portavoce del partito di sinistra, Linke, ha annunciato che se il Parlamento concederà l’autorizzazione alla ratifica sottoporrà alla valutazione della Corte Costituzionale una serie di profili di illegittimità. Al di là di come andrà a finire, quantomeno in Germania un minimo di dibattito politico, un minimo di opposizione contro il Governo delle banche, c’è! Noi qui invece abbiamo questi giornali, questi mezzi di informazione che tengono in sala di rianimazione dei partiti che sono morti, ma che purtroppo oggi hanno ancora un potere enorme. E i primi a gridare contro l’informazione di regime sono proprio quelli che oggi ne stanno approfittando. Non dimenticatelo in futuro. Abbiate memoria di ciò che sta accadendo.

Quindi vi invito a divulgare il più possibile il volantino che potete trovare su www.crisiesoluzioni.it. Soprattutto ora che è periodo di elezioni e tutti questi politici silenti se ne andranno in giro a fare campagna elettorale per se stessi, per i propri amici o per i propri candidati. Ponete loro le domande contenute nel volantino. Soprattutto diffondetelo presso i vostri concittadini, i vostri amici, i vostri parenti, i vostri conoscenti, in qualsiasi occasione anche durante le vacanze. Parlate a tutti del MES. E mi riferisco anche alla società civile, ai movimenti, alle associazioni: dovete cogliere tutte le occasioni, dovete mettervi in prima fila per difendere il nostro Stato rispetto a queste scellerate cessioni di sovranità, dove il popolo è stato completamente tagliato fuori. Attenzione, non per colpa di Monti, ma per colpa dei nostri parlamentari nazionali ed europei che non stanno dicendo assolutamente nulla sull’argomento.

Per scaricare il volantino: www.crisiesoluzioni.it.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

13 risposte a GUERRA AL MES. Il volantino.

  • Pingback: EURO: “Analisi di Dettaglio” del perchè all’Italia conviene uscire. Le interviste di Claudio Messora, portavoce del M5S | Escogitur.it

  • 7
    blokandre

    SOLO 11 COMMENTI,MA DOVE c**zO VOGLIAMO ANDARE?

    avete capito cosa vi sta’ dicendo questa ragazza?

    secondo me no,non c’e’ la potete fare,meritate di crepare di fame come topi in gabbia.

    io non ho mai creduto nel popolo,ma lei,claudio e tanti altri credo di si.

    spero che non si ostinino x nulla.

    il potere sa’ che popolo ha di fronte e mi meraviglio che siate ancora liberi o semiliberi di

    vivere le vostre inutili vite.

    il primo commento e’ stupendo…corregge l’errore di battitura lui…GUARDA COME TI CORREGGONO LORO c*****nE PATETICO..

    GD Star Rating
    loading...
  • 6
    LeoMen

    Dopo aver letto il commento di Pasquale Caterisano, mi è impossibile trattenermi.

    Credo che il vero problema non sia, la cessione da parte degli Stati della loro “sovranità”, in quanto credo che gli Stati Europei, hanno iniziato a  perdere la loro sovranità gia dall’accettazione del Piano Marshall, avendo per decenni perseguito gli interessi di mercato, politica-economica che nulla avevano a che vedere con lo sviluppo sociale e culturale di un popolo, o meglio Stato. Senza dimenticare il Trattato di Maastricht, quello che si sta vivendo in questi giorni in europa, era gia stato stabilito da decenni di accordi bilaterali fra i vari stati, dei quali ovviamente i cittadini non avevano bisogno di essere informati.

    Vorrei anche fare notate che il nostro SISTEMA ECONOMICO, non lo ha creato la natura, non è di difficile interpretazione o analisi,non è come il meteo per intenderci, il Sistema Economico è stato creato dal uomo, quindi mi risulta impossibile da credere, che in un meccanismo creato dal uomo nessuno si accorga del mal funzionamento di tutti gli ingranaggi, o che addiritura no ci si possa fare niente, perche orami e considerato come un entita che ha capacità di decidere da solo delle sue azioni ( un Frankenstein). Credo che il punto sia proprio questo, tutte le nazioni devono sottostare alla creazione di un nuovo Mercato Globale Libero, liberissimo, anche a discapito delle stesso popolo (a questo punto meglio chiamarCi Mano d’opera). 

    Basti pensare alle nuove politiche, e alla nuova visione del mercato del lavoro. La stessa Fornero ha sostenuto che il lavoro nn e un diritto, anche se l’ITALIA è UNA REPUBBLICA FONDATA SUL LAVORO.

    Chiederei se è possibile (grazie anche all’aiuto di tutte le persone che lavorino e conoscano il settore economico finanziario registrate al sito) di delineare un scenario di possibile futuro in europa, mercato lavoro, investimenti sociali, sanita pubblica, sistema pensionistico etc. , insomma quello che ci permette di vivere. 

    Purtroppo ogniuno di noi sa che difronte ad interessi cosi grandi e pressanti da parte di privati (OVVIAMENTE NON I PICCOLI RISPARMIATORI CHE SI STANNO ESTINGUENDO) e Super Imprese (le quali ormai fatturano piu delle stesse nazioni), la nostra voce non ha eco.
    Mi chiedo se non sia meglio (ORMAI) prepararci all’innevitabile futuro un nuovo mondo chiamato MERCATO.
    GD Star Rating
    loading...
  • 5

    Ancora una volta Messora da spazio al complottismo di fantasia.

    Lo spauracchio qui sopra esposto, della "cessione di sovranità popolare", altro non è che un controllo sui conti truccati e furbetti dei paesi cialtroni (PIGS).

    La questione è semplicissima: non vuoi sottostare alle legittime condizioni di mercato? (nessun speculatore con la bava alla bocca che dissangua nessuno, solo semplici risparmiatori) allora accetta che almeno ti si controlli che tu non faccia, come già fatto negli ultimi 50 anni a spese del popolo, ovvero eccessi di spesa improduttiva (SPRECHI) con dentro insita collusione e corruzione.

    Non ci vuoi stare? ok esci dalla moneta comune e prenditi le tue responsalibità nei confronti del tuo popolo, che così facendo continuerai ad affamare con una nuova moneta strasvalutata e sopposta alle variabili del mercato monetario.

    Lo spettro vero è quello di uscire dal’euro, non di rimanerci a condizioni comuni a tutti e con regole serie da rispettare cari estensori di paure a sfondo complottista.

    Quello che traspare da questo articolo qualunq-complottista, è che si voglia, come in tanti pensano, che la Germania paghi anche i conti dei paesi cialtroni che hanno solo saputo fare spesa pubblica, sprechi e corruzione. E’ questo che continuate a volere sotto lo specchio della protesta anti tedesca?

    Altra cosa è il rigore vero senza affamare la gente, la serietà per far ripertire l’economia, il taglio agli sprechi pubblici (oggi si dice "spending review") e l’abbassamento delle tasse per fornire maggiore liquidità in busta paga ai dipendenti e dare maggiori risoprse alle famiglia.

    Tutti bravi a prendersela col cattivo di turno (oggi la Germania) senza guardare la trave che abbiamo negli occhi come paese, cosa della quale la maggioranza degli italioti è collusa e colpevole.

    Basta demagogia Undiemi e basta pure tu Messora a dare spazio a complottisti di ogni genere e grado.

    GD Star Rating
    loading...
    • 5.1
      roby67

      Sinceramente non avevo voglia di rispondere ad un commento come questo, pero’ mi e’ venuta in un secondo momento leggendo l’articolo del Dott. Chiesa “la moneta di Nantes”.Prego leggerlo attentamente , non ci vuole una laurea alla Bocconi per capirlo, vero Pasquale?

      GD Star Rating
      loading...
    • 5.2

      Purtroppo qui complottisti non ce ne sono, semmai solo cittadini preoccupati a ragione da trattati che sottraggono sovranità, e si prodigano per speigarlo. Di contro ci sono molti utenti maleducati, per nulla preoccupati delle conquiste sociali che i loro padri hanno reso possibili con il sangue dei nonni (inutilmente, per costoro), e che oltrettutto fanno disinformazione nuda e cruda, non so se per ignoranza o malafede. Ci sono fior fiore di economisti, a cominciare da Nino Galloni, voluto da Andreotti alla guida del Tesoro (complottista anche lui?), o Gennaro Zezza, o Claudio Borghi, o Alberto Bagnai che sto per intervistare, che mettono in luce come il problema centrale non sia affatto il debito pubblico, nonché si prodigano per spiegare (inutilmente, anche qui, a giudicare dal suo commento) quale sia il disegno e i vantaggi che hanno spinto la Germania a sostenere una costruzione dell’euro fatta in questo modo, quando da oltre 20 anni si sapeva che avrebbe portato a queste conseguenze, e  quando ci sono addirittura articoli dello Spiegel (pubblicato qualche giorno fa) che mettono in evidenza come a perderci dalla nostra eventuale uscita sarebbero loro, non noi, (altro che debito pubblico), che hanno sempre e solo guadagnato sulla nostra pelle.

      Quindi, caro il mio signor encefalogramma piatto, vada a trollare da qualche altra parte, o torni a postare al circolo degli italiani acritici e inconsapevoli, ma non si accosti a tematiche che dimostra di non sapere o di non voler neppure capire, rischiando di confondere chi invece vuole sinceramente approfondire. O è questo il suo scopo? Cercherò di non dargliene più modo: questo è un lugo per discutere, non per insultare.

      GD Star Rating
      loading...
    • 5.3
      lukeskywalker

      Ciao Claudio,

      vorrei segnalare questo articolo http://www.keinpfusch.net/2012/06/un-giovedi-qualsiasi.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+Uriel_life+%28WOLFSTEP%29

      in particolare il punto “Sapete cosa dice? Che si e’ violata la costituzione tedesca gia’ in passato, perche’ il parlamento non e’ stato adeguatamente informato riguardo ai dettagli del funzionamento del meccanismo europeo di stabilita’, in secondo luogo sono state violate le leggi perche’ il parlamento non e’ stato informato PRIMA del consiglio europeo riguardo al patto di stabilita”.

      La citazione riguarda proprio il MES.

      GD Star Rating
      loading...
  • 4
    Milko

    Claudio, 

    questo sistema si potrebbe attuare per molti tuoi pezzi, è un ottimo modo per uscire dalla rete, raggiungere coloro che sulla Rete non arriverà mai. 

    Un messaggio breve, chiaro, diretto che ognuno di noi può stampare e divulgare nel suo piccolo.

    Esattamente come spiegato da Lidia nel video.

    Se è una questione di tempo, io o qualsiasi altro volontario può quotidianamente, scaricare un template, prepararlo e spedirtelo perché tu lo renda disponibile in download.

    GD Star Rating
    loading...
  • 3

    L’Ex capo dei servizi anti droga del ONU, Antonio Maria Costa, così come il capo dei servizi anti droga russi, ha detto che il sistema finanziario speculativo è tenuto in piedi anche e soprattutto dai soldi della droga. Non è certo un caso che le grandi banche britanniche siano sempre state coinvolte nel traffico di droga e nel riciclaggio dei soldi sporchi.

    Il presente sistema monetarista basato su ecologismo e speculazione è già morto, ESM e altre porcherie soprannazionali servono solo a derubare il bene comune ed i diritti e la dignità dei cittadini ma non serviranno a tenere in vita il presente sistema finanziario; se non si torna allo standard della Glass.Steagall e ad un sistema di banche nazionali (non banche centrali indipendenti) l’occidente è destinato a tornare nel buio medioevo, con somma gioia di Grillo e degli ecologisti tutti.

    GD Star Rating
    loading...
  • 2
    jabbathemarvel

    La domanda che mi pongo spesso e simile ma e più diciamo complottista ….. secondo te  la strategia economica che stanno attuando era stata programmata per impoverire l’Europa gia anni fa  o si è solo costruita con successivamente dagli eventi  dopo l’impennata degli spread?io sono convinto che era un piano lento ma costruito negli anni per portarci a queste soluzioni cosi drastriche ; perchè loro avevano già le carte truccate e gli serviva un movente qualsiasi per incomiciare a demolire lo stato sociale !

    GD Star Rating
    loading...
    • 2.1
      Alisernio

      Credo che la cosa arrivi da prima ancora dell’avvento dell’euro, tutti i paesi di questo continente hanno le loro peculiarità economiche oltre che folkloristiche. La germania fine anni 80, appena riunificata, con discreti problemi di inflazione (come la francia) pretese, come condizione al suo ingresso nella moneta unica, che vi entrasse anche l’Italia non so se anche la Spagna ma è probabile.

      Sono anche gli annì di Reagan e Thatcher, e dell’accorduccio che dava grosse libertà alle banche dette d’affari, con risultati che nel piccolo ancora non sivedevano, adesso pare che il made in England consista in prodotti finanziari e bancari. Queste lobbies, o discendenti di monarchi assoluti, forse lo facevano già, ma adesso controllano il sistema mondiale.

      La mossuccia dell’euro, per il sistema finanziario mondiale è un gioco regionale, il farci stare in apnea serve per “abbassare” la soglia di democrazia nel conrinente.. 

      GD Star Rating
      loading...
    • 2.2
      framen

      Caro Aliserno, purtroppo questa faccenda dell’Euro e dell’europa unita da troppi anni e’ stata decisa da pochi e sciagurati burocrati finanziari, che hanno lentamente cancellato le democrazie. Il termine burocrazia deriva da potere d’ufficio, in pratica il V^ potere che annulla la democrazia sia a livello locale sia nazionale. Tutto e’ stato gestito da pochi con l’intento di escludere qualsiasi sovranita’ popolare. Ci sono quasi riusciti ma non hanno ancora tenuto conto quale potra’ essere la reazione delle popolazioni. La globalizzazione ci ha reso schiavi di pochi, ma i pochi sono umani come noi e piu’ di noi per numero soggetti a reazioni incontrollate.

      GD Star Rating
      loading...
  • 1

    Nel volantino da scaricare “in bianco e nero” c’è un errore di battitura “Pesi” invece di Paesi:occorre scaricarlo in word e correggere. Continuo a leggere il volantino.

    GD Star Rating
    loading...

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

tasto_newsletter
I MINI-BLU

Il colibrì e il leone

il colibrì e il leone Durante un incendio nella foresta, mentre tutti gli animali fuggivano, un colibrì volava in senso contrario con una goccia d’acqua nel becco. - “Cosa credi di fare!”, gli chiese il leone. - “Vado a spegnere l’incendio!”, rispose il piccolo volatile. -...leggi

Brunetta spamma Juncker

Renato Brunetta Jean-Claude Juncker Renato Renato... ma secondo te Juncker non le sa le cose che gli hai scritto? Secondo te ha bisogno della letterina a Babbo Natale, visto il periodo? E quali segreti da consumato economista gli avresti poi rivelato, nella tua lettera? Indiscrezioni di palazzo? Dati inaccessibili dall'esterno?...leggi

I SOLDI? DRAGHI, DALLI ALLA GENTE, NON ALLE BANCHE!

draghi soldi banche BCE Si continuano a dare i soldi alle banche. E quando tu dai i soldi a qualcuno, quello se li tiene. Ma c'è un'altra strada. La mostravo già tre anni fa, in questo post (E se invece delle banche salvassimo la gente?) e in questo video (qui...leggi

Dal Videoblog
Categorie