Le vostre domande per Alberto Bagnai

Una settimana fa vi ho proposto di realizzare un’intervista all’economista Alberto Bagnai, in crowd-funding. In altre parole, di pagare le spese vive logistiche attraverso i vostri micro-finanziamenti. Avevo stanziato un budget di 500EUR e una finestra temporale di due settimane. Li ho raccolti in meno di 6 ore. Un grande risultato che apre le porte a possibilità infinite. Domani mattina all’alba salirò sul treno, carico di strumentazioni audio-video: destinazione Roma, casa di Alberto.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Visto che l’intervista è vostra, se avete qualche domanda particolare che vi sta a cuore e vorreste che venisse affrontata durante lo svolgimento, scrivetela tra i commenti a questo post. Non su Facebook, non tra i commenti di Youtube né tantomeno su Twitter o via email: qui sotto, sotto forma di commento. Se troveremo il tempo, vi prometto che ne terremo conto.

Nel frattempo: grazie, perché insieme siamo una potenza!

Claudio

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

110 risposte a Le vostre domande per Alberto Bagnai

  • 71
    NeroLucente

    Se c’è spazio anche questa domanda mi pare interessante: “E’ possibile sapere o capire chi determina i forti aumenti di SPREAD? Insomma fino a che punto si tratta di investitori e quanto invece conta la mano dei cosiddetti poteri forti?”

  • 70
    lbc

    Buonasera, 

     

    Per completare, Vi sottopongo anche questo ulteriore testo:

     

    http://i45.tinypic.com/2ci6vzl.jpg

     

    Grazie in anticipo per un vostro punto di vista in merito.

     

     

  • 69
    Lira Sud Lira Nord

    Salve, vorrei chiedere a Bagnai (posto che il problema non sia il debito pubblico, bensì il debito privato e che questo sia dovuto ad una moneta più apprezzata di quello che dovrebbe essere) il motivo per il quale il Regno Unito è in recessione pur avendo la sterlina. Se fosse un problema legato alla moneta come lui sostiene, allora perchè anche la Gran Bretagna non è messa bene? E perchè sostiene che il debito privato italiano sia diventato pubblico solo dopo che lo Stato è intervenuto per coprire quello privato? Quando è accaduto questo nello specifico?

     

    Vi ringrazio.

  • 68
    paperinobis

    Ciao Claudio, io vorrei che intervistassi Paolo Barnard ed anzi sarebbe interessante se collaboraste anche se so che il Barnard è un po’ restio se non riluttante a collaborare con qualcuno! Però se riuscissi nell’impresa fareste un grande servizio alla nazione! Avreste così caricato un’arma letale per il sistema!!!

  • 67
    Rinus

    Due domande per il prof Bagnai:

    1- Se, per assurdo, l’Italia potesse uscire dall’Euro, cosa succederebbe al debito pubblico, ai risparmi degli Italiani, all’inflazione, al potere d’acquisto, alla disoccupazione nel breve , medio e lungo periodo?

    2- Se, oltre ad uscire dall’euro l’Italia potesse nazionalizzare Bankitalia e stampare moneta cosa cambierebbe rispetto alla risposta data per la prima domanda?

     

    Un saluto

  • 66
    valerio02

    Uff anche io sono in ritardo: anche io volevo chiedere un parere su disoccupazione (il progresso tecnologico è destinato a soppiantare sempre più il lavoro umano?), consumismo (l’economia gira solo se si consuma? siamo tutti ingabbiati nel “lavora-consuma-crepa)) e la scarsità di risorse (è possibile una crescita infinita in un modello finito?). Un altro tema secondo me fondamentale è quello delle pensioni e dell’invecchiamento della popolazione: come si sosterrà il sistema quando la maggior parte delle persone non sarà comunque in grado di lavorare?

  • 65

    L’altra sera su Class TV un ospite, del quale non ricordo il nome ma che, mi pare facesse parte di ConfIndustria, parlando di Marchionne e delle probabilità che la Fiat lasci l’Italia, per chiarire la situazione ha detto:

    La Chrysler, probabilmente lascierà l’italia, perché non ha più alcun vantaggio a stare qui, ma la Fiat non si muoverà, ma il problema è di fatto un’altro, molto più grave e del quale si dovrebbe discutere molto più seriamente:
    La fiat quest’anno produrrà 400.000 auto per l’intero mercato italiano.
    In Inghilterra, la fabbrica della fabbrica della Nissan a Glasgow, le produce da sola mezzo milione di auto, ma il problema è che se per produrre 400.000 auto, bastano 5000 operai, oggi la Fiat, che cosa se ne fa dei suoi 25.000 operai ? (dico un numero tanto per dire saranno sicuramente di più)
    Ed è questo il vero problema che fino ad oggi nessuno ha voluto affrontare, ma è un problema serio del quale tutti dobbiamo prendere atto, il problema, si chiama DISOCCUPAZIONE TECNOLOGICA, crisi o non crisi tutti gli stabilimenti e tutti questi operai, non servono più a niente!”

    Finalmente ho un dato certo, che viene da una fonte affidabile, come si può pensare ad un mercato basato sul consumismo se gli unici a lavorare sono i “robot” ?… so che fa “strano”, ma è così la tecnologia ci sta buttando fuori dal mercato, era una cosa scontata che prima o poi doveva arrivare, ma la classle politica non ha il coraggio o le capacità di affrontare il problema.. come ne usciamo ?

  • 64
    gdk

    Domanda : come è possibile che il nostro ordinamento possa consentire il trasferimento di sovranità ad organismi sovranazionali che non rispondono a chiccessia delle loro azioni e men che meno ai cittadini italiani (o europei) ? mi riferisco alla privatizzazione di bankitalia, mi riferisco al trattato di mastrict, al trattato di lisbona, al mes e via dicendo. mi chiedo se è tutto legittimo (anche se c’è la diffusa percezione che i nostri dirigenti degli ultimi 20 anni non stiano facendo gli interessi degli italiani) oppure se ci sono delle violazioni del diritto, delle istituzioni che sono distratte nello svolgere il ruolo assegnato loro dalla nostra costituzione. ed in quest’ultimo caso come mai non si riesce a far emergere le presunte irregolarità ?

  • 63
    lbc

    Buonasera,

    Scusate ma vorrei proporre, se possibiile, il seguente testo:

     

    http://i50.tinypic.com/so8npy.jpg

     

    ..e chiedere al Prof. Bagnai cosa ne pensa.

     

    Grazie

  • 62
    worldlibre

    Forse hai già fatto l’intervista, però, quando ti ricapita di intervistare qualcuno in tema economico….chiedigli che opinione abbia dell’influenza di Blackrock sul panorama degli ultimi anni.

    A presto e grazie.

  • 61
    Stephen

    Mannaggia mi sa che non ho fatto in tempo…

    Mi interessava sapere la sua opinione sul problema dell’eccesso della capacità produttiva, per molti alla base della crisi corrente.

    Si costruiscono più case di quelle che servono? pur di venderle si concedono i mutui “sub-prime”, con quello che ne consegue.

    La domanda di auto cala? Giù di incentivi statali (= debito).

    Se per mantenere in vita l’economia di un paese la produzione e la vendita di merci deve crescere sempre, prima o poi la domanda non ce la fa più ad assorbire tutto quello che viene prodotto (nonostante tutto il marketing e gli incentivi possibili, anche proponendo nuove forme di indebitamento privato a chi non ha i soldi per comprare), e che cosa succede? che gli scaffali (quando non è la discarica) si riempiono di prodotti invenduti, le aziende accusano il colpo e licenziano, chi non ha lavoro non acquista => la domanda scende ancora di più => l’economia rallenta sempre più e la disoccupazione sale sempre più.

    Non è che il problema all’origine di tutto è proprio il fatto che il sistema economico è basato sulla crescita perpetua?

    E poi.

    Ho letto che per ridurre il debito pubblico bisogna tagliare la spesa e incentivare la crescita del PIL, perché più si produce e vende più lo stato incassa imposte,che può usare per abbattere il debito. Per incentivare la crescita bisogna far crescere la domanda, e questo può avvenire in 2 modi: riducendo la pressione fiscale sui cittadini (così hanno più soldi da spendere) o acquistando al posto loro (vedi incentivi e spesa pubblica sulle grandi opere). In entrambi i casi, lo stato deve indebitarsi ulteriormente per sostenere la domanda!

    E’ come dire: per abbattere il debito stimolando la crescita, lo stato deve aumentare il debito! Non è un controsenso?

    E allora, se si deve lavorare solo di tagli alla spesa, perché non tagliamo voci pesanti come la spesa militare? E’ meglio tagliare la spesa militare o quella sanitaria / le pensioni? e poi: cosa porta di vantaggio agli italiani vendere tutto ciò che di pubblico è rimasto in italia a multinazionali estere, pur di fare temporaneamente un po’ di soldi, destinati a scomparire comunque in breve tempo?

    Le persone decidono di fare sacrifici per stare all’interno di una società solo perché ricavano dei benefici nel farlo (cibo, tetto, pensione, assistenza sanitaria, sicurezza). Quando questi benefici sono sempre più astratti o cessano proprio di esistere per il 90% della popolazione di un paese, ha senso mantenere in vita la società così com’è, schiava della crescita forzata e della speculazione di quei pochi che hanno potere e capitali enormi? a cosa serve pagare le tasse?

    Se torniamo alla lira ma continuiamo a identificare il benessere dell’Italia col segno + del suo PIL, non finiremo comunque per ricadere nello stesso problema, allontanandolo solo di un po’ nel tempo? i soldi si possono stampare, ma la domanda per i prodotti ha comunque un limite… così come le risorse necessarie per costruirli, non sono infinite.

    Ecco, le mie domande erano queste… magari per una prossima intervista!

     

  • 60

    Caro Claudio,

    potresti chiedere a Bagnai perch* se la messa al passivo della massa monetaria nel bilancio della banca centrale è un falso, perché la banca non coprirà mai il valore della moneta creata, allora perché non dare questi soldi allo stato invece di cristallizzarli in un falso di bilancio ?

  • 59
    gdk

    domanda : il governo monti si è insediato con una procedura non si sa quanto legittima. 
    dopo il suo insediamento si è registrato l’aumento delle tasse (tra cui l’imu sulla abitazione principale, inaccettabile), l’aumento del debito pubblico, l’aumento del precariato, la forte contrazione dell’economia con gente che perde il lavoro ed aziende che chiudono, la permanenza dello spread ai livelli già noti, la diminuzione delle entrate fiscali. se queste premesse sono vere, non ci sono abbastanza ragioni per decretarne il fallimento e quindi un avvicendamento immediato con organi democraticamente letti ?

  • 58
    roby67

    Ciao Claudio,

    personalmente avrei questa domanda da porgli:

    ” dato che i problemi dell’Italia sono tre:

    1° euro troppo forte per la nostra economia fatta da medie, piccole e piccolissime aziende a bassa tecnologia,

    2° delocalizzazione in paesi dove tutto costa meno e

    3° concorrenza sleale cinese,

    siamo destinati ad un veloce declino oppure possiamo trovare qualche via di uscita?

    grazie

    Roby

  • 57
    redigrotta

    La domanda delle domande è:

     

    Come pensa il Prof Bagnai (che seguo da molto tempo sul suo blog) a continuare ad affrontare e spiegare, in modo autorevole e proficuo, i problemi (enormi) di macroeconomia e di economia sociale dell’ Italia e d’ Europa senza mai tirare in ballo nelle sue analisi gli effetti devastanti delle scelte scellerate dell’ imperialismo anglo-sionista unito, a braccetto, allo strapotere della tecnofinanza sullo sviluppo del mondo occidentale ?

     

    Domanda retorica ma necessaria a mio modo di vedere per capire i limiti della migliore analisi economiche quando prescindono per scelta da considerazioni geopolitiche … in fondo anche Bagnai tiene famiglia e conosce bene la storia di gente come Federico Caffé.

    Capibile … basta saperlo però !

  • 56
    lbc

    Buongiorno,

     

    Vi chiedo di far commentare al Prof. Bagnai il seguente video:

     

    http://www.youtube.com/watch?v=q2S0nX-WG5k&feature=related

     

    IN PARTICOLARE dal minuto 4.06 in poi…

     

    Grazie

  • 55
    marcosclarandis

    Claudio, ti propongo ti intervistare Ugo Bardi, se già non lo hai fatto o ancora non lo conosci.

    Il suo ultimo libro,”La terra svuotata”, potrebbe essere il tema dell’intervista.

    Sarebbe anche interessante organizzare una botta e risposta fra un Alberto Bagnai e un Ugo Bardi a proposito del rapporto fra economia e ambiente.

    Un saluto , Marco Sclarandis.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La sfida epocale della Terra contro il Mare

LE PEN TRUMP PUTINdi Paolo Becchi Sbagliano coloro che oggi credono che la partita in Francia sia già chiusa, e che ormai, anche a seguito del “tradimento” di Donald Trump e del suo programma isolazionista, Marine Le Pen sia comunque destinata a soccombere. Più in generale, e sul piano geopolitico,...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Primarie Pd: il confronto Sky tra Renzi, Emiliano e Orlando – Integrale

Confronto Sky Renzi Emiliano Renzi Primarie Pd Integrale - PlayIl confronto Sky tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando per le primarie Pd - Versione Integrale. ...GUARDA

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>