E’ macelleria sociale: approvato il Fiscal Compact

di Paolo Becchi

Poche ore fa, l’Assemblea ha approvato la ratifica del cosiddetto fiscal compact, ossia il trattato che introduce i meccanismi di stabilità, coordinamento e governance nell’unione economica e monetaria, e che mira – così si dice – «a salvaguardare la stabilità di tutta la zona Euro».

 

In realtà, dubbi ed incertezze sulla bontà del “fiscal compact” sono stati espressi in tutta Europa: la Germania per prima ha rinviato l’approvazione del trattato, e sarà la Corte Costituzionale a decidere, il prossimo 12 settembre, se il fondo di salvataggio (ndril trattato Mes) ed il patto fiscale europeo potranno entrare in vigore. In Italia, invece, si è assistito ad un “allineamento” non solo degli organi di stampa – che evitano quasi di dare notizia dell’avvenuta approvazione – ma dello stesso Parlamento, il quale ha ratificato, senza discussione, senza neppure che sia stato necessario al Governo porre la questione di fiducia, il Trattato: maggioranza bulgara oggi alla Camera, 368 sì contro 65 no. In Italia tutto accade ormai in un’atmosfera grigia e silenziosa, quasi spettrale.

Ma cosa significa l’approvazione del “fiscal compact”? Il “patto” prevede che i Paesi che detengono un debito pubblico superiore al 60% del PIL di rientrare entro tale soglia nell’arco di 20 anni, ad un ritmo pari ad un ventesimo dell’eccedenza in ciascuna annualità. Gli Stati si obbligano a mantenere il deficit pubblico sempre sotto al 3% del PIL, a pena di sanzioni. Tutto ciò significa né più né meno la semplice rinuncia ad ogni possibilità di intraprendere una politica fiscale capace di stimolare la domanda. Significa condannarsi ad una rigidità ulteriore di politica economica che va ad aggiungersi a quella del cambio fisso dettato dalla moneta unica. L’Italia, la nazione prima al mondo per pressione fiscale, si impegna oggi a sostenere 50 miliardi di Euro all’anno di tasse e tagli per 20 anni. Rispettare parametri fiscali sempre più rigidi e stringenti, rinunziando ad ogni spazio possibile di manovra, vorrà dire dover imporre agli italiani, per i prossimi vent’anni, un regime di austerità radicale: si colpiranno ancora salari, stipendi e prestazioni del Welfare, si aggraveranno le condizioni di vita delle classi sociale medio-basse, si assisterà a nuove tasse. Gli italiani devono sapere che il prezzo imposto dall’Europa è una macelleria sociale: tagli dappertutto, dalla sanità alla scuola, dall’università ai trasporti.

Tutto questo avviene, ed avverrà, senza alcuna consultazione diretta o indiretta del popolo italiano, ma unicamente per rispettare decisioni prese al di fuori del Paese. Siamo passati senza accorgercene da un sistema politico democratico ad un sistema oligarchico, in cui il Governo è nelle mani di un gruppo di “tecnici” che rappresentano interessi esterni. Il Parlamento obbedisce, senza neppure un minimo accenno di protesta. Il Paese è stato “pacificato”: niente più aspri scontri politici, disinteresse diffuso per la politica, tensione sociale apparentemente sotto controllo. Eppure si annuncia, per i prossimi vent’anni, una sanguinosa e violenta “economia di guerra”: la guerra senza guerra, ossia la più terrificante delle possibilità.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

83 risposte a E’ macelleria sociale: approvato il Fiscal Compact

  • Pingback: Vogliono barricarsi dentro | Byoblu.com

  • 36

    Ho fatto una ricerca sul blog di Grillo e non è vero che non ne parla, certo non tantissimo ma neanche poco. Questi sono i post che ho trovato io:

     

    La politica prevale sulla finanza (7.5.12)

    Il terremoto europeo (27.4.12)

    Generazione 650 euro (23.3.12)

     

     

     

  • 35
    danielecr

    Io non ho speranze. La democrazia è fatta di consenso e di voti. Tutti continuano a votare sempre le solite facce.

    Finché discutiamo tra frequentatori di byoblu potremmo anche essere daccordo e pensare che le cose stiano cambiando.

    Ma noi siamo dissidenti, quelli catastrofisti che nessuno vuole ascoltare.

    Proviamo invece a diffondere dati riguardanti l’avanzo primario degli ultimi 10 anni.

    Sì, ci sono sprechi e non si può continuare così.

    Ma i dati riguardanti l’AVANZO PRIMARIO dove sono? quanti soldi entrano (per finire nelle banche)? Diffondenteli. Chiunque sarebbe capace di rinegoziare un debito, cosa fanno? si prendono le nostre case?

    Questa classe politica qua capisce di avere un potere contrattuale? per chi lavora? che interessi fa?

    I politici non esistono, sono solo portavoce, viziati, tra l’altro.

  • 34
    che.caspita

    le rivoluzioni in piazza sono destinate ad essere soffocate sempre, a meno che tutti ma proprio tutti scendiamo in piazza, ci sono anche altri modi per mettere in ginocchio lo stato sicuramente, meno violenti ma molto incisivi, STOP fermatevi tutti ma proprio TUTTI bloccate tutto il sistema, garantite solo le emergenze anche solo per solidarieta’ sarà difficile molto difficile, ma la sovranità deve tornare a NOI, imparate a dire di NO, ripartiamo da zero per garantire un futuro a noi ed ai nostri figli. Ci avete rovinato ma non siamo ancora morti e nessuno neanche DIO vi ha dato questo diritto

  • 33
    denmon74

    Odio le persone, come me del resto, che si lamentano di continuo….ci aspettiamo il grande salvatore dal cielo che ci dica quando protestare come protestare e affidiamo a lui le nostre speranze….basta, basta…non ci sono leader salvatori, ma sempre uomini che si muovono solo per i propri fini individuali e forse egoistici…che ognuno faccia la propria piccola parte porca putt….!!!!siamo in tanti e se ognuno di noi quotidianamente facesse un piccolo sforzo per migliorare la propria vita e quella degli altri, con piccole azioni quotidiane, distruggeremmo tutto questo..non esiste e non esisterà mai l’eroe che spunta fuori dal nulla e organizzerà la grande rivoluzione pacifica o non e ci salverà tutti dall’inferno. Siamo all’inferno possiamo uscirne arrapicandoci un centimetro alla volta aiutandoci l’un con l’altro…e fine dei giochi.

    Piccole azioni quotidiane!!

  • 32
    Silviuccia

    La Lega Nord e l’IDV possono votare contro o astenersi perché sanno che i loro voti non sono determinanti.

    Ma, come Grillo, non hanno fatto nulla per informarci.

    Sono tutti uguali, tutti d’accordo; è un teatrino per i fessi.

    Il mio non è qualunquismo o antipolitica, ma un tragico dato di fatto. 

     

    Grazie Cluadio e grazie dott. Becchi 

    • 32.1
      Ruggi

      Premetto che non sono l’avvocato di Grillo, ma quando vedo una c**zata non posso non scrivere… cara silviuccia forse sei tu che non hai fatto un c**zo per cercare cosa hanno scritto altre persone:

       

      http://www.youtube.com/watch?v=32_qdNKnUGE

       

      intervento molto polemico di Grillo al parlamento europeo dove parla dei finanziamenti europei che ritornano “dimagriti” in Italia.

      Poi si potrebbe spulciare il suo blog dove incita a fare chiarezza sull’euro, dove pubblica l’inchiesta del giornalista tedesco sulle truffe dei rimborsi gonfiati degli europarlamentari……. eeeeeeeee troppo difficile, più facile sfogarsi sulla tastiera.

      Saluti.

    • 32.2
      Silviuccia

      Carissimo Ruggi,

      come hai scritto, per trovare un accenno al Fiscal Compact bisogna SPULCIARE il blog di Grillo.

      Easattamente come per trovare le 5 righe del Corriere e le altre principali testate e i tg.

       

      Credo di aver scritto sul Fiscal Compact molto di più io sui vari blog che non tutti i giornali, i partiti, i tg e Grillo messi insieme.

      Se poi sono una persona comune senza visibilità, non è colpa mia.

       

      Purtroppo il risultato che ottiene è quello di confodere la gente dando eccesivo risalto a quisquilie (come i rimborsi gonfiati, basati sulla denuncia di un giornalista tedesco, i soliti “virtuosi” osannati dalla stampa di regime… che strana coincidenza!) e omettendo di denunciare in modo chiaro e visibile il fiscal compact (che almeno un post lo avrebbe meritato dato che è un impegno VENTENNALE di portata CATASTROFICA).

       

      E infatti vedo che tu mescoli le due cose non rendendoti affatto conto che i rimborsi sono un foruncolo e il fiscal compact è il SUICIDIO ECONOMICO IRREVERSIBILE della nostra nazione, che avrà conseguenze antidemocratiche e antisociali.

      Secondo me non hai capito bene cosa hanno approvato ieri.

       

      Non so se Grillo sia in malafede (come di certo lo sono i partiti) o se sia solo impreparato, valuto il risultato non le intenzioni. 

       

      Riguardo l’euro poi dovrebbe cominciare a chiarirsi le idee per primo, perché mi pare non abbia ancora capito qual è il problema. Non ha una precisa posizione in proposito e non ha neppure degli economisti di valore nella sua squadra. Insomma, non è per nulla rassicurante.

       

      Se segui Claudio, il prof. Becchi e il prof. Bagnai capirai di cosa sto parlando.

  • 31
    yuva

    Arzan ha scritto :
    Scusate, ma Grillo cos’ha fatto per informare/contrastare il MES? O, più semplicemente per esprimersi a riguardo? non ne ha mai parlato. Ad ogni suo post c’è un libro consigliato che si può acquistare su Amazon. Io ho trovato questo: http://www.amazon.it/Scritti-politiche-sociali-concorrenza-comunitaria/dp/8897826105 Ma ci sono solo 2 copie disponibili, forse è per questo che non è ha mai parlato? Poi x quanto riguarda il fiscal Compact si è limitato a citarlo in un post, poca cosa.  

    Meno male che ho appena detto di stare uniti!!

    Tu invece cosa fai, oltre a dire st****te, per favorire una buona 

    informazione??? sei il solito troll di bassa-lega???

    Una millesima parte di ciò che ha fatto e fa Grillo in un giorno non riusciresti a farlo neanche in tutta la tua vita…!!!!

     

  • 30
    Silviuccia

    Carissimo Ruggi,

    come hai scritto, per trovare un accenno al Fiscal Compact bisogna SPULCIARE il blog di Grillo.

    Easattamente come per trovare le 5 righe sul Corriere e sulle altre principali testate.

     

    Credo di aver scritto sul Fiscal Compact molto di più io sui vari blog che non tutti i giornali, i partiti, i tg e Grillo messi insieme.

    Se poi sono una persona comune senza visibilità, non è colpa mia.

     

    Purtroppo il risultato che ottiene è quello di confodere la gente dando eccesivo risalto a quisquilie (come i rimborsi gonfiati, basati sulla denuncia di un giornalista tedesco, i soliti “virtuosi” osannati dalla stampa di regime… che strana coincidenza!) e omettendo di denunciare in modo chiaro e visibile il fiscal compact (che almeno un post lo avrebbe meritato dato che è un impegno VENTENNALE di portata CATASTROFICA).

     

    E infatti vedo che tu mescoli le due cose non rendendoti affatto conto che i rimborsi sono un foruncolo e il fiscal compact è il SUICIDIO ECONOMICO IRREVERSIBILE della nostra nazione, che avrà conseguenze antidemocratiche e antisociali.

    Secondo me non hai capito bene cosa hanno approvato ieri.

     

    Non so se Grillo sia in malafede (come di certo lo sono i partiti) o se sia solo impreparato, valuto il risultato non le intenzioni. 

     

    Riguardo l’euro poi dovrebbe cominciare a chiarirsi le idee per primo, perché mi pare non abbia ancora capito qual è il problema. Non ha una precisa posizione in proposito e non ha neppure degli economisti di valore nella sua squadra. Insomma, non è per nulla rassicurante.

     

    Se segui Claudio, il prof. Becchi e il prof. Bagnai capirai di cosa sto parlando.

    • 30.1
      Ruggi

      Capisco bene la differenza tra il fiscal compact ed il costo dell’europarlamento, non ti preoccupare.

      Ciò che voglio dire è che la posizione di Grillo come euroscettico è nota, ma le persone si aspettano sempre troppo, ci si aspetta leader onniscenti pronti ad attaccare battaglia su tutto, ma non è più così dal secondo dopoguerra. Affidarsi totalmente ad una sola persona (parlo in modo del tutto generale) porta a totalitarismi di tutte le salse, dunque condannabili.

      Ciò che fa la differenza sono persone come Claudio o il prof. Becchi o il prof. Bagnai che scrivono PRIMA che un fatto accada, spiegando i meccanismi che portano ad un certo risultato.

      Scrivere quando la frittata è già fatta va bene per informare le persone, ma non si cambia certo il corso degli eventi, più che altro è una constatazione del decesso, fa venire ancora più rabbia.

      Saluti.

  • 29
    Danilo

    Ciao a tutti,

    a conferma di quanto sostiene il professor Becchi sia in questo articolo quanto in uno precedente vediamo oggi l’entusiasmo degli operatori sui mercati finanziari: FTSEMIB40 -3.5%, differenziale BTP/BUND quasi a 500(ma era colpa di Berlusconi) differenziale BONOS/BUND quasi a 600.

    Alla faccia dello scudo antispread e della bontà degli accordi presi dai nostri politici europei. Infine che dire sulla non divulgazione da parte degli organi di stampa bancari(Corsera e Repubblica) della approvazione di ieri in Parlamento del Fiscal Compact. L’unico posto dove se ne legge notizia è questo blog.

    Ci scioglieranno nell’acido?

     

  • 28

    denmon74 ha scritto :
    invece tu che cavolo stai facendo per contrastare tutto questo? eh italiano?!!!

    se davvero non volete stare a guardare … farep.it

  • 27
    Giuse00

    Da notare che, in caso di calo del PIL (ipotesi molto realistica), il debito calcolato in percentuale rispetto al PIL è maggiore, quindi il rientro al 60% diventa maggiore.

    Oggi il PIL è pari a circa 1.6mila miliardi di euro, quindi il target di rientro è circa mille miliardi. Oggi il debito è a 2mila miliardi, quindi vanno recuperati mille miliardi in 20 anni, ovvero 50 miliardi all’anno come calcola correttamente Claudio.

    Se però il PIL cala, mettiamo del 10% in qualche anno, quindi a 1.4mila miliardi, il target del debito si sposta, diventa 800 miliardi, con ulteriori 200 miliardi da tagliare, ovvero mediamente altri 10 all’anno, o anche di più visto che gli anni a disposizione per il rientro saranno meno..

  • 26
    yuva

    L0cutus ha scritto :
    direi che l’unica nostra speranza oramai risiede proprio nel M5S, non abbiamo alternative, punto.

     

    E neanche siamo sicuri che, anche nel caso in cui si raggiunga una maggioranza, permettano al’ M5* di poter operare!! (con le buone).

    La situazione è veramente critica! è indispensabile restare uniti,

    non dividersi per i soliti futili motivi dettati da l’orgoglio!!

  • 25
    piccologabri

    Met ha scritto :
    Ragazzi scusate, ma non credo che barricarsi su queste cose sia utile e proficuo. Anche se gli statali facciano più ferie e siano più paraculati di altri o viceversa, il punto della questione al momento è un’altro. Cerchiamo di concentrarci e di evitare queste diatribe sterili.

    Concordo, però permettimi, anche befera ha smesso di sparare nel mucchio delle partite iva a caso da inizio marzo ormai, anzi, mi sembra che nell’ultima conferenza le ha pure elogiate, dicendo che la pressione fiscale è troppo alta, e nonostante questo c’è sempre qualcuno che continua. Il giochino è semplice, il privato paga un tot di tasse, con queste lo stato eroga servizi e stipendia coloro che sono pagati x quei servizi. Poi indebiti il paese in modo sostenibile per creare infrastrutture, finite di ripagare le infrastrutture riindebiti il paese x nuove infrastrutture, scusa, ma questo è esattamente quello che viene fatto nel privato. I nostri politici hanno indebitato il paese, regioni, comuni, provincie, per pagare la spesa corrente ( servizi, pensioni, vitalizi, ecc. ecc.), tanto non pagavano di tasca, oggi non posiamo + farlo, semplice. Questo a mio modo di vedere è quelo che è successo, e x risalire alla causa del male sarebbe opportuno arrivare a prima di craxi. Poi posiamo discutere su tutto, fiscal compact, signoraggio ecc.ecc., ma un pò di autocritica come paese andrebbe fatta. Io vorrei far notare che dalla nascita dell’euo gli europei di calcio sono stati vinti da grecia, spagna e spagna, e i mondiali da noi e spagna, sarà mica che forse forse in ambito mondiale sanno che a noi  ci basta il calcio x essere felici……?

  • 24
    next
  • 23

    L0cutus ha scritto :
    direi che l’unica nostra speranza oramai risiede proprio nel M5S, non abbiamo alternative, punto.

    Sai benissimo che va benissimo come voto di protesta, ma il M5S è un crogiolo di orientamenti che non sarebbe in grado di governare.

  • 22
    max63

    https://www.facebook.com/CatenaUmanaCatanzaro

     

     

    qui trovate tutte le città dove si inizia a fare qualcosa, dovete solo essere presenti come siete presenti in internet……la rivuluzione si fa in piazza e non davanti ad uno schermo……………..

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

25 aprile: scontri a Milano. L’altra versione.

25 aprile - scontri a milano - l'altra versioneTitolano così i maggiori quotidiani italiani, mettendo in evidenza il marcato antisemitismo che cresce in Italia. In realtà l’episodio che si riferisce alle brigate ebraiche è stato molto più marginale e vi sono stati tafferugli in tutt'altra parte del corteo, per motivi molto diversi e non riportati. ...--> LEGGI TUTTO

Monica Maggioni alla Trilaterale. Ma va tutto bene.

Monica Maggioni raccontaci - Monica Maggioni alla Commissione Trilaterale   FIRMA LA PETIZIONE: https://www.change.org/p/monica-maggioni-monica-raccontaci-cosa-avete-detto-alla-trilaterale-di-roma #MonicaRaccontaci Venerdì scorso a Roma si è incontrata la Commissione Trilaterale. A porte chiuse. Anzi, a giornali chiusi, a televisioni chiuse, a occhi, orecchie e bocca chiusi. Se non sapete cos'è la Commissione Trilaterale sono affari...--> LEGGI TUTTO

Banche? Tassiamole di più e aiutiamole di meno. Ecco come.

NINO GALLONI - Lancio Crowdfunding Facebook Ricomincia la stagione delle grandi interviste realizzate da Claudio Messora insieme alla Rete. Sappiamo tutto ormai, ma molti si chiedono: cosa fare? Il ciclo "Soluzioni e Proposte" servirà a questo. Oggi realizziamo tutti insieme l'intervista "La contabilità bancaria va cambiata"! Nino Galloni, di...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

TTIP, ecco i documenti segreti: è il sabba delle lobby!

Come Ci Fotteranno - Pubblicato il testo del TPPEcco i documenti segreti sul TTIP rivelati poco fa da Greenpeace Olanda: [af_link href="http://www.byoblu.com/go/ttip-documenti-segreti-marzo-2016"]TTIP – Documenti segreti marzo 2016[/af_link] Questi documenti svelano che noi e la società civile avevamo ragione a essere preoccupati: con questi negoziati segreti rischiamo di perdere i progressi...--> LEGGI TUTTO

Banche e mutui: come difendersi dall’esproprio selvaggio della casa, voluto da Renzi.

Esproprio casa - Come difendersiBanche e mutui - Sono 83 le Direttive Europee a cui il nostro Paese è inadempiente. Molte delle quali importanti, come il rilevamento delle impronte digitali degli immigrati, la gestione regionale dei rifiuti, la riduzione dell'aliquota sull'imposta di registro per l'acquisto della prima casa non di lusso, la qualità dell'aria...--> LEGGI TUTTO

Salute, glifosato: “probabilmente” è cancerogeno, “probabilmente” morirete. #StopGlifosato

Cancerogeno - Vuoi mangiarlo ancora - Stop Glifosato 480Salute: il glifosato è "probabilmente cancerogeno". Lo dicono gli studi. Lo ha inventato la Monsanto ed è un pesticida (un diserbante) che si trova in oltre 750 alimenti destinati al consumo umano. Specialmente nella soia. Quindi, siccome "probabilmente" è cancerogeno, se continui a mangiarlo senza saperlo, probabilmente morirai. Ma hai...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Cane si finge morto per ingannare lo sconosciuto.

Il cagnolino si finge mortoIl cane più comico del web si finge morto quando lo prende in braccio un estraneo. Poi si rianima, quando torna tra le braccia del proprietario, e ringhia minaccioso. Insomma, fa il forte quando ha alle spalle i forti e si paralizza quando...--> LEGGI TUTTO

La rivincita dei complottisti: più razionali, sani, equilibrati e meno fanatici dei convenzionalisti. Ora c’è la prova scientifica.

La Rivincita dei Complottisti - Sono più sani razionali equilibrati Recenti studi scientifici realizzati da psicologi e sociologi statunitensi e britannici hanno chiarito che, al contrario di quanto tradizionalmente affermato dagli stereotipi diffusi dalla cultura di massa, le persone etichettate come 'teorici della cospirazione' siano più sane ed equilibrate rispetto a chi accetti supinamente le versioni...--> LEGGI TUTTO

Astronauta scatta foto a un UFO e la posta su Twitter

FOTO UFO ASTRONAUTA SCOTT KELLY Il 15 novembre, cinque giorni fa, l'astronauta Scott Kelly, in orbita nella Stazione Spaziale Internazionale da ben 237 giorni, ha twittato una foto dell'India dallo spazio. Tuttavia, nell'angolo superiore destro della fotografia si nota un oggetto non identificato. Un UFO, appunto. Secondo UfosightingDaily si tratta di...--> LEGGI TUTTO

Categorie
tasto_newsletter
Video dal web

Smettiamo di bombardarli – Messora a La Gabbia

La Gabbia MESSORA A LA GABBIA Messora a La Gabbia - Smettiamo di bombardarli...GUARDA

Mario Monti vs Gianluigi Paragone – La Gabbia

Mario Monti vs Gianluigi Paragone a La Gabbia - byobluIl lungo faccia a faccia tra Mario Monti e Gianluigi Paragone, a La Gabbia, in versione integrale. Mario Monti affronta Gianluigi Paragone in un lungo faccia a faccia a La Gabbia. L'intervista è integrale ma, per motivi di sintesi, è priva del lungo...GUARDA

Robot Atlas, la verità secondo il Guardian: tutta scena?

Robot Atlas, la nuova incredibile versioneDue minuti incredibili con il nuovo robot Atlas. Ma in questo video, che ha fatto il giro della rete, secondo il Guardian ci sarebbe molta "propaganda", pensata da un'azienda che fa marketing aggressivo e arrogante. Il nuovo robot Atlas La nuova versione del robot...GUARDA

Ricetta maiale: tanto amore e poco forno

Animali divertenti - Il maiale è dolcissimo (ma non al forno)Una nuova ricetta per il maiale: invece di farlo al forno, fatelo rosolare in una teglia piena di amore e conditelo con un po' di coccole. Gli animali non sono solo divertenti, ma sono spesso una sorpresa che va ben oltre il gusto di un maialino al forno. ...GUARDA

La Rochelle, Francia: cargo alla deriva verso la costa con 300 tonnellate di gasolio

La Rochelle - Modern Express - Francia Cargo DerivaLa Rochelle: il cargo Modern Express, alla deriva da quasi una settimana al largo della costa francese che si affaccia sul mare Atlantico, sta per arenarsi a terra, con i serbatoi pieni di 300 tonnellate di gasolio.  I disperati, ultimi tentativi per scongiurarlo. La Rochelle: il cargo...GUARDA

D’Attorre (PD): vi hanno disoccupati apposta!

D'Attorre - PD - Vi hanno disoccupati apposta - Play "È naturale che per questa strategia la disoccupazione debba rimanere alta. Uno dei parametri a cui siamo inchiodati è quello della disoccupazione strutturale. Questi genii di Bruxelles hanno stabilito che ogni Paese ha un certo tasso di disoccupazione sotto il quale non può scendere perché altrimenti sale l'inflazione....GUARDA

Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita

Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita Claudio Borghi si batte come un leone a Piazza Pulita, di fronte a un parterre che cerca di fare la consueta disinformazione sui rischi per il risparmiatore derivanti dal bail in.  (altro…)...GUARDA

Mario Monti: la prima supercazzola del 2016

Mario Monti - La prima supercazzola del 2016 La prima supercazzola del 2016 di Mario Monti, ospite di Giovanni Floris. La spending review? "Un concetto dinamico evolutivo in qualche misura evanescente"....GUARDA