Ecco perchè non danno le notizie

Di Stefano Davidson

Gli editori dei quotidiani che incassano i milioni di euro dei fondi pubblici conferiti loro annualmente dallo Stato – cioè da noi – pagano i loro collaboratori 2 euro ad articolo. Ma ancora più spesso assolutamente nulla. L’Ordine dei Giornalisti ha chiesto a circa 1000 giornalisti freelance e 4000 giornalisti professionisti di una sessantina di testate, fra cui molte nazionali, di rivelare le condizioni in cui lavorano.

Alcuni esempi? “La Voce di Romagna”, che paga un articolo 2 euro e 50, e “Il Nuovo Corriere di Firenze”, che offre ai collaboratori forfait mensili da 50 a 100 euro. Ad entrambe le testate vanno contributi pubblici per oltre 2 milioni e mezzo di euro l’anno. “La Repubblica” (che rientra nel contributo al “gruppo l’espresso/la repubblica” di oltre 16 milioni di euro) paga 30 euro un articolo di 5000 – 6000 battute. “Il Messaggero” (circa un milione e mezzo di contributi) paga al massimo 27 euro ad articolo. L'”ANSA” paga 5 euro per ogni lancio. L'”APCOM” offre da 4 a 8 euro, ma non paga nulla nel caso in cui l’evento assegnato non si realizzi. “Il Sole 24 ore” (oltre 19 milioni di contributi l’anno) paga 50 centesimi a riga. “Libero” (5 milioni e 451 mila euro di contributi) dà 18 euro anche per un’apertura. “Il Manifesto” (oltre 5 milioni di contributi) pare non paghi alcuno degli articoli scritti dai collaboratori, neanche per le aperture.

 

Tutto ciò dimostra come quello del giornalista freelance (la categoria che si è potuta permettere il lusso di rispondere al sondaggio) sia uno dei lavori più precari e meno retribuiti dell’intero paese. E, di conseguenza, sia sottoposta a ricatto quotidiano, per cui poi non ci si può lamentare se certe notizie non vengono date, o vengono date in cinque righe e mezza a pagina sette. Gli editori infatti si inchinano schettinamente alle richieste del governo di turno, per non perdere il pingue finanziamento, mentre le grandi firme del giornalismo si guardano bene dal mettere in risalto le cose scomode per non perdere il posto molto ben retribuito. Dulcis in fundo, i collaboratori non possono permettersi scoop o rivelazioni perché ricattati con contratti capestro. Sembra che il coraggio sia ormai una prerogativa per soli blogger.

Ecco perché sarebbe stata importante la proposta di legge dell’Onorevole Meloni, che prevedeva l’istituzione di una “commissione specifica” per impedire che le testate sfruttassero i giornalisti precari e non applicassero retribuzioni adeguate, escludendo i trasgressori dai contributi pubblici. Ecco perché questa legge sarebbe stata un caposaldo per l’inizio di una nuova trasparenza dell’informazione e per garantire giustizia sociale sui posti di lavoro. Ecco perché, dopo essere stata approvata dalla Camera, di questa stessa legge è appena stata fatta carta straccia al Senato, per la meritoria opera demolitrice di Elsa Fornero.

L’Italia è piena di giornali di partito, di corrente o di condominio che campano con i soldi dei contribuenti e riempiono le loro redazioni di giovani e meno giovani, precari e sottopagati, mantenendoli sotto la soglia della povertà per meglio servire le istanze del Governo di turno. Molti di questi “Editori” da due euro al pezzo, magari, pagano anche con un anno di ritardo. Oppure, dopo un certo numero di articoli “pagati” (si fa per dire), pretendono tutti gli altri pezzi a titolo gratuito. Altri, invece, danno al massimo forfait mensili di 50 – 100 euro. Intanto Luigi Gubitosi, neo d.g. Rai, viene stipendiato con 650mila euro l’anno, sempre per la famosa storia della “spending review”.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

15 risposte a Ecco perchè non danno le notizie

  • 1
    Natascia

    Scusami, ma  che razza di proposta e’ quella di istituire addirittura una commissione (? )che verifichi se gli editori usufruiscono di collaboratori in      regola? Un’altra commissione…. Tu che sei una persona seria dovresti verificare lo status dell’editore, e quali requisiti deve avere una pubblicazione per entrare in edicola. Nelle edicole ci sono maree di prodotti editorili riciclati, di  spazzatura che fa incassare i contributi a questi pseudo editori. Gli stessi quotidiani hanno pagine e pagine  create con il copia e incolla giusto per….La stessa cronaca locale di molti quotidiani locali  sembra fatta da qualcuno che si trova in Indonesia e riporta per sentito dire con gli  errori di ortografia di chi non sa l’italiano. Quando si decide di togliere tutti, ma proprio tutti , i soldi all’editoria si potrà fare qualche discorso. Questi non sono più editori.

    • 1.1
      NeroLucente

      Molti di questi trucchetti che fanno incassare soldi agli editori, sono risaputi e tacitamente accettati, perchè in un sistema economico si tratta pur sempre di circolazione di denaro, che può in molti casi tenere in piedi editori che altrimenti chiuderebbero.

      Non che io stia giustificando questo sistema, sia ben inteso. Quello che infastidisce di più è certamente il finanziamento pubblico, dal mio punto di vista non tanto per i soldi ma principalmente per il ruolo di dipendenza che si crea.

  • 0
    Istevene A
  • -1
    Milko

    Claudio, giusto una segnalazione.

    Non riesco a trovare il testo di legge ma mi risulta che nell’ultima spending review il nostro salvatore ha rinnovato il finanziamento all’editoria online.

    Perfetto potrebbe pensare qualcuno. Forse!

    Per come è scritta, pare che chi farà man bassa di questi fondi saranno solo gli editori cartacei. Altro che tagliare i finanziamenti!

    Mi chiedo: è lecito che un governo emani una norma che inquina un mercato così impuenemente finanziando soggetti pribati che nualla hanno a che fare con questo settore?! Ma allora si dovrebbe finanziare byoblu perché espanda la sua attività anche nel cartaceo.

    Se non si fa evidentemente mi sbaglio, ma dove?

    Giuro che non ti taccerei di opportunismo se ne parlassi. :)

    O magari l’hai già fatto?

    Grazie di tutto.

  • -2
    Omnia

    eh, già perché se rubo lo devo mettere in pubblico? Ma dai, siamo realisti..! Si sa da decenni che i giornali sono 1) manipolati dai politici che 2) fanno loro avere i capitali per l’eccesso. Sì perché i giornali essendo PRIVATI devono rimanere in piedi da soli o chiudere, e se lo “stato delinquente” li mantiene, è solo perché fa comodo, come ad esmepio materiale nella casta, che le notizie sono quelle vogliono loro, e NOI dovremmo pagare per un servizio DITTATORIALE… AFFAN**LO la UE che ha dato parere benevolo perché “RAI manda avanti un servizio pubblico” e questo comprova che la UE ha elementi mafiosi…o almeno corrotti all’osso! Quante emittenti hanno mandato in onda Zeitgeist? Eppure è un film detto educativo! No, solo “marcellino pane e vino” e poi non dire che è morto di cirrosi…

  • -3
    Martin V.

    Con dipendenti pagati due soldi, come sorprendersi che essi non seguano alla lettera le direttive dei proprietari (ossia dei capitalisti che hanno acquistato uno dopo l’altro tutti i maggiori organi di stampa nel mondo occidentale) e raccontino balle su quello che succede nel mondo…

    In Francia, un quotidiano prestigioso come “Le Monde” è stato acquistato dal una cordata di capitalisti e, dopo aver cambiato di direttore, si è allineato sulla propaganda del potere… in pratica è diventato una “Repubblica” francese…

  • -4

    complimenti, un pezzo chiaro e davvero molto lucido, scritto da una persona che credo abbia a che fare col mondo del giornalismo.
    con un piano serio e credibile nel giro di un anno (anche meno) si potrebbe abolire il contributo pubblico alle testate. chi non ce la fa a rimanere in piedi senza i soldi pubblici è ora che si sposti sul web. molti già lo fanno da anni con grandi sacrifi.
    l’ambiente di sicuro ringrazierà.

  • -5

    I contributi alla stampa vanno aboliti. Punto e basta. Non possiamo più permetterci questo lusso. I giornalisti free lance si devono svegliare. Ma come si fa ad accettare un lavoro per 100 euro al mese? Capisco la passione, ma tutto ha un limite. Così vi fate inculare. Sveglia!

  • -6

    Si dai, una comissione che non vuole nessuno… La Meloni ha fatto una provocazione? Non sono contrario al finanziamento dei giornali… ma in questo momento vorrei un “Reset” come diceva Grillo… Certi giornali non meritano proprio un centesimo. Non li tollero, Cacciamo a pedate chi li pubblica e chi li sostiene!

  • -7
    leddlazarus

    chissà se una volta aboliti in toto i contributi pubblici ai giornali, si iniziassero a leggere delle VERE notizie, magari notizie tenute nel cassetto di qualche redattore a fare la muffa.

    perchè finchè ci sono i contributi non si morde la mano che da’ da mangiare

  • -8

    Natascia ha scritto :
    Scusami, ma  che razza di proposta e’ quella di istituire addirittura una commissione (? )che verifichi se gli editori usufruiscono di collaboratori in      regola? Un’altra commissione…. Tu che sei una persona seria dovresti verificare lo status dell’editore, e quali requisiti deve avere una pubblicazione per entrare in edicola. Nelle edicole ci sono maree di prodotti editorili riciclati, di  spazzatura che fa incassare i contributi a questi pseudo editori. Gli stessi quotidiani hanno pagine e pagine  create con il copia e incolla giusto per….La stessa cronaca locale di molti quotidiani locali  sembra fatta da qualcuno che si trova in Indonesia e riporta per sentito dire con gli  errori di ortografia di chi non sa l’italiano. Quando si decide di togliere tutti, ma proprio tutti , i soldi all’editoria si potrà fare qualche discorso. Questi non sono più editori.

    E in tv? I giornalisti tv ,che sono un esercito? Quanto viene pagato chi legge le notizie? Le verifiche per sapere se sono o meno sottopagati, penso si possano fare e che ci sia anche l’ispettorato del lavoro o qualcosa di simile : quando avevo il negozio ho ricevuto due visite dell’ispettorato, una dei vigili urbani, un processo (vinto da me ma pur avendo vinto ,con sistema italico,mi sono dovuto pagare le spese processuali). Non credo che valga solo per le altre categorie di lavoratori il controllo. Certo che è uno dei tanti motivi per cui le notizie, non passano. Quanto ai blogger coraggiosi, dissento in parte, perchè un conto sono le notizie con tanto di fonti e riferimenti, un altro le ipotesi o accuse alla Travaglio, piene di supposizioni ma che o non sono vere, o possono servire per smuovere qualcosa, ma che hanno sempre bisogno di verifica. E poi che mezzi ha un blogger per indagare? Al massimo può farsi finanziare, e di questi tempi con la poca grana che c’è in giro è difficile, oppure operare come giornalista con notizie locali che possono anche avere rilevanza nazionale, e scriverle sul proprio blog o su agoravox. Ma di più mi pare difficile: un giornale può e deve supportare il giornalismo d’inchiesta ed è per questo che dovrebbe spendere i soldi ,oltre che per pagare stipendi giusti ed equi.

  • -9
    Milko

    Questi non sono soldi buttati via, servono per mantenere anche un certo livello.

    Classifica mondiale della libertà di stampa:

    1. Finlandia

    – Norvegia

    50. Trinidad & Tobago

    52. Haiti

    53. Moldavia

    58. Malta

    – Bosnia Erzegovina

    – Guyana

    61. Italia

    Fonte:

    http://rsfitalia.files.wordpress.com/2012/01/rsf-3-classifica-libertc3a0-di-stampa-2011-2012-lista-paesi.pdf

  • -10

    Dove trovo la lista completa (ufficiale) dei contributi pubblici all’editoria del 2010 (o 2011) elargiti a quotidiani nazionali come Corriere della sera, la Repubblica o Il Sole 24 ORE? Gradirei il collegamento alla pagina esatta possibilmente; qui ho trovato solamente quelli erogati ad altre testate giornalistiche. Grazie in anticipo.

  • -11
    MaxP

    Continuando con questa politica di SPENNAMENTO delle giovani generazioni o di settori della produttività anche non editoriale, stiamo mettendo seriamente le basi affinchè ci sia una sollevazione popolare contro questo sistema CONCENTRATIVO che da’ 650.000 a uno (non hanno neppure dovuto aumentarlo visto che questo era il compenso del predecessore) e niente a tutti gli altri.

    Mi chiedo ma con questa politica di distribuzione della ricchezza, dove andremo, e per quanto tempo possiamo durare, se oramai si campa con le ricchezze sempre più esigue, che si sono messe da parte nelle generazioni passate.

    Paramentro da monitorare presente e futuro ormai assoluto: SOLIDITA’ 

  • -12
    Campisi

    A guardar bene, in un paese dove il quotidiano più letto (con tutto il dovuto rispetto) è la Gazzetta dello Sport, uno si chiede ma di cosa stiamo parlando? Chiedi a un lettore del giornale rosa il nome dell’attuale Presidente del Consiglio, sicuramente ti risponderà essere Bettino Craxi o Giulio Andreotti, o alla domanda spread ti dirà essere una verdura cotta al vapore. Togli loro la tredicesima e al massimo reagiscono con il dito medio alzato accompagnato da un rutto viceversa, se li privi della partita domenicale, sono capaci di scendere in piazza e dar fuoco alle vecchiette di passaggio. In un paese decente quando un giornale non ha abbastanza lettori per poter sopravvivere deve chiudere. Non ho altro da dire se non augurare a questi parlamentari che nel disastro finanziario in cui ci troviamo, non preoccupandosi minimamente della rabbia dei cittadini (i pochi che non hanno il cervello a forma di pallone) che vedono queste porcate, continuano a mantenere i loro tirapiedi paragiornalisti e i loro privilegi pensando che tutto sommato la gente si limiterà solo a mormorare, una vita piena di novità e di leggerezza:finchè dura è verdura diceva la mia nonna.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

M5S: “THE ALDE AFFAIR” SPIEGATO A CHI ANCORA NON L’HA CAPITO

M5S - THE ALDE AFFAIR SPIEGATO A CHI ANCORA NON L'HA CAPITOIn molti ancora non si spiegano come sia stato possibile per il Movimento 5 Stelle il fallito tentativo di entrare nell'ALDE, il Gruppo Politico Europeo più europeista che c'è. È comprensibile: le istituzioni europee sono lontane, opache e volutamente complicate. In questo video cerchiamo di fare chiarezza sulle questioni tecniche...--> LEGGI TUTTO

CHIESA E MESSORA SU UE E MES: LA POLITICA NON ESISTE PIÙ.

Chiesa Messora su UE e MES - La politica non esiste piu - playGiulietto Chiesa e Glauco Benigni intervistano Claudio Messora sul MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità altrimenti detto Fondo Salva Stati, e sul finire lanciano una proposta di giornalismo investigativo per identificare i gruppi di potere che si nascondono dietro i gruppi di lavoro nella Commissione Europea. ...--> LEGGI TUTTO

“Abbiamo fatto tremare il sistema come mai prima”…

Come tremano Dopo la colossale figura di palta, anziché una letterina di scuse per avere esposto tutto il Movimento 5 Stelle al pubblico ludibrio, a un fallimento politico colossale e avere rovinato irrimediabilmente i rapporti nel Gruppo Politico dove M5S Europa risiede, l'Efdd, arriva questo testo sul blog...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gentiloni, il Presidente del Consiglio che vuole cedere sovranità all’Europa – Diego Fusaro

Gentiloni vuole cedere sovranità all'europa di Diego Fusaro Ora è ufficiale: Sergio Mattarella ha scelto Paolo Gentiloni per formare il nuovo governo in seguito alle dimissioni di Matteo Renzi sconfitto al referendum costituzionale dello scorso 4 dicembre. Lo stallo, dunque, è superato. Mattarella ha sostenuto con enfasi, al...--> LEGGI TUTTO

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Governo Gentiloni: cambiare tutto per cambiare in peggio.

La conferenza stampa di Paolo Gentiloni dopo l'incarico ricevuto da Mattarella ad esplorare la formazione un nuovo Governo. Nuovo Governo che, secondo lo stesso Gentiloni, si muoverà in continuità con il Governo precedente e con la stessa maggioranza. Un renziano al posto di Renzi. Come dice...GUARDA

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni

Sergio Mattarella: La conferenza Stampa in diretta dopo le consultazioni. ...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>