Giovani boss crescono

di Valerio Valentini

Ci sono di solito due circostanze che fanno scoppiare una guerra di mafia. La prima si verifica quando un clan, o un cartello di clan, vuole dare la scalata all’organizzazione criminale e assumerne il comando, rompendo tutti gli equilibri interni e venendosi a scontrare con le cosche più importanti. È questo il caso, ad esempio, della cosiddetta seconda guerra di mafia, che nei primissimi anni ’80 portò i sanguinari Corleonesi di Leggio, Riina e Provenzano a scalzare i Palermitani di Stefano Bontade alla guida di Cosa Nostra. La seconda circostanza è invece quella in cui una nuova generazione di boss, rampanti e intraprendenti, decide di aggiornare l’organizzazione per farla restare al passo coi tempi, imponendo nuovi valori e nuove tecniche criminali. È quello che successe intorno alla metà degli anni ’70 all’interno della ‘ndrangheta, quando alcuni boss più lungimiranti e altri più giovani decisero di far fuori i vecchi gerarchi (Antonio Macrì e Mico Tripodo su tutti), realizzando una ‘ndrangheta meno arcaica e assai più potente: l’entrata dei boss nelle logge massoniche deviate e gli investimenti massicci nel narcotraffico cambiarono in maniera sostanziale il volto della mafia calabrese.

 

Ora, a questa seconda circostanza sembra riconducibile quanto sta accadendo all’interno della camorra. Qualcosa che non è ancora classificabile, tecnicamente, come guerra di mafia, ma che sembra poterlo diventare a breve. E in quest’ottica, a mio avviso, va inquadrato l’omicidio di Gaetano Marinosul lungomare di Terracina.

Da parecchi mesi, ormai, i connotati della camorra stanno cambiando, anche radicalmente. Dopo la sanguinosa faida di Scampia e Secondigliano tra gli scissionisti e i fedeli al clan Di Lauro, molti boss anziani sono stati incarcerati, oppure costretti alla latitanza: in ogni caso, relegati ad un ruolo più defilato. Inoltre, lo smantellamento del clan dei Casalesi e la cattura di molti dei loro alleati hanno tolto di mezzo alcuni degli esponenti più carismatici dell’organizzazione, che erano in grado di mediare eventuali tensioni e tenere a bada le teste matte dei vari clan. In questo scenario, “una nuova generazione di criminali, giovanissimi e fuori controllo, sta scalando i vertici dei clan. Hanno fra i diciotto e i venticinque anni, sono violenti, pericolosi e non rispettano nessuna regola, tanto meno quelle non scritte della camorra. Si tratta di boss emergenti, un agguerrito esercito in continua evoluzione“. Lo scrive Raffaele Cantone nel suo ultimo libro, Operazione Penelope, in cui il magistrato campano arriva a sostenere un’ipotesi investigativa secondo la quale una serie di ben nove omicidi, commessi a Napoli e provincia nel 2011, sarebbero riconducibili tutti ad un medesimo elemento scatenante: “l’entrata in scena, appunto, di giovanissimi criminali, che avrebbero assunto un ruolo di primo piano nei gruppi che gestiscono lo smercio di stupefacenti“, sostituendosi di fatto alle famiglie degli scissionisti e a quelle del clan Di Lauro. Questi giovani boss, spesso poco più che adolescenti, hanno deciso di rompere il cordone ombelicale con i vecchi capi rinchiusi in carcere, disobbedendo agli ordini, forti della loro presenza attiva sul territorio controllato. E quando alcuni dei gerarchi più anziani sono tornati in libertà e hanno tentato di assumere nuovamente i posti di comando, le nuove leve si sono opposte, e spesso per farlo non hanno esitato a sparare.

È all’interno di questo conflitto nascente che con ogni probabilità Gaetano Marino ha trovato la morte: lui, boss di spicco all’interno degli scissionisti, fratello di quel Gennaro Marino che aveva di fatto inaugurato la faida interna al clan Di Lauro, ha dovuto evidentemente pagare il suo ruolo preminente di mediatore con la criminalità albanese e il suo impegno attivo negli affari miliardari del narcotraffico. Ruoli troppo appetibili dai giovani boss, desiderosi di denaro e potere. E anche le modalità dell’attentato sembrano far pensare ad una batteria di fuoco feroce e determinata, ma forse non molto esperta: Marino è stato raggiunto e freddato da 7 proiettili, ma nell’agguato ne sono stati esplosi almeno 15. E l’auto degli assassini, una Punto grigia, è stata riconosciuta da molti passanti. Errori che certo non sono novità assolute nella storia della Camorra, ma che verosimilmente, stavolta, sono stati commessi da un commando di giovani killer, che hanno voluto eseguire un omicidio in grande stile.

Ovviamente queste sono soltanto supposizioni di chi si interessa agli sviluppi delle organizzazioni criminali, che andranno eventualmente confermate, oppure smentite, dalle indagini degli inquirenti. In ogni caso, però, resta una terribile realtà di fatto che va analizzata e affrontata con urgenza: il rifiorire di una nuova generazione di boss e aspiranti criminali, disposti a tutto pur di raggiungere i vertici della Camorra. Il che significa che un bagno di sangue può verificarsi da un momento all’altro. E questo lo Stato deve assolutamente evitarlo. Così conclude Raffaele Cantone il suo capitolo dedicato ai baby-boss: “la continua rinascita di boss sempre più giovani, dunque, dimostra ancora una volta che la repressione, pur essendo indispensabile, non basta. Anzi, diventa inutile se non è accompagnata da interventi sul territorio che migliorino le condizioni di vita sociali ed economiche. Se non si bonifica il loro terreno di coltura, queste arabe fenici risorgeranno sempre dalle loro ceneri“.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Una risposta a Giovani boss crescono

  • 1
    mauriziolo

    proprio oggi ci sono stati i primi colpi a Scampia.. cosa nostra sta zitta mentre le altre si fanno sentire ?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>