Giovani boss crescono

di Valerio Valentini

Ci sono di solito due circostanze che fanno scoppiare una guerra di mafia. La prima si verifica quando un clan, o un cartello di clan, vuole dare la scalata all’organizzazione criminale e assumerne il comando, rompendo tutti gli equilibri interni e venendosi a scontrare con le cosche più importanti. È questo il caso, ad esempio, della cosiddetta seconda guerra di mafia, che nei primissimi anni ’80 portò i sanguinari Corleonesi di Leggio, Riina e Provenzano a scalzare i Palermitani di Stefano Bontade alla guida di Cosa Nostra. La seconda circostanza è invece quella in cui una nuova generazione di boss, rampanti e intraprendenti, decide di aggiornare l’organizzazione per farla restare al passo coi tempi, imponendo nuovi valori e nuove tecniche criminali. È quello che successe intorno alla metà degli anni ’70 all’interno della ‘ndrangheta, quando alcuni boss più lungimiranti e altri più giovani decisero di far fuori i vecchi gerarchi (Antonio Macrì e Mico Tripodo su tutti), realizzando una ‘ndrangheta meno arcaica e assai più potente: l’entrata dei boss nelle logge massoniche deviate e gli investimenti massicci nel narcotraffico cambiarono in maniera sostanziale il volto della mafia calabrese.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

Ora, a questa seconda circostanza sembra riconducibile quanto sta accadendo all’interno della camorra. Qualcosa che non è ancora classificabile, tecnicamente, come guerra di mafia, ma che sembra poterlo diventare a breve. E in quest’ottica, a mio avviso, va inquadrato l’omicidio di Gaetano Marinosul lungomare di Terracina.

Da parecchi mesi, ormai, i connotati della camorra stanno cambiando, anche radicalmente. Dopo la sanguinosa faida di Scampia e Secondigliano tra gli scissionisti e i fedeli al clan Di Lauro, molti boss anziani sono stati incarcerati, oppure costretti alla latitanza: in ogni caso, relegati ad un ruolo più defilato. Inoltre, lo smantellamento del clan dei Casalesi e la cattura di molti dei loro alleati hanno tolto di mezzo alcuni degli esponenti più carismatici dell’organizzazione, che erano in grado di mediare eventuali tensioni e tenere a bada le teste matte dei vari clan. In questo scenario, “una nuova generazione di criminali, giovanissimi e fuori controllo, sta scalando i vertici dei clan. Hanno fra i diciotto e i venticinque anni, sono violenti, pericolosi e non rispettano nessuna regola, tanto meno quelle non scritte della camorra. Si tratta di boss emergenti, un agguerrito esercito in continua evoluzione“. Lo scrive Raffaele Cantone nel suo ultimo libro, Operazione Penelope, in cui il magistrato campano arriva a sostenere un’ipotesi investigativa secondo la quale una serie di ben nove omicidi, commessi a Napoli e provincia nel 2011, sarebbero riconducibili tutti ad un medesimo elemento scatenante: “l’entrata in scena, appunto, di giovanissimi criminali, che avrebbero assunto un ruolo di primo piano nei gruppi che gestiscono lo smercio di stupefacenti“, sostituendosi di fatto alle famiglie degli scissionisti e a quelle del clan Di Lauro. Questi giovani boss, spesso poco più che adolescenti, hanno deciso di rompere il cordone ombelicale con i vecchi capi rinchiusi in carcere, disobbedendo agli ordini, forti della loro presenza attiva sul territorio controllato. E quando alcuni dei gerarchi più anziani sono tornati in libertà e hanno tentato di assumere nuovamente i posti di comando, le nuove leve si sono opposte, e spesso per farlo non hanno esitato a sparare.

È all’interno di questo conflitto nascente che con ogni probabilità Gaetano Marino ha trovato la morte: lui, boss di spicco all’interno degli scissionisti, fratello di quel Gennaro Marino che aveva di fatto inaugurato la faida interna al clan Di Lauro, ha dovuto evidentemente pagare il suo ruolo preminente di mediatore con la criminalità albanese e il suo impegno attivo negli affari miliardari del narcotraffico. Ruoli troppo appetibili dai giovani boss, desiderosi di denaro e potere. E anche le modalità dell’attentato sembrano far pensare ad una batteria di fuoco feroce e determinata, ma forse non molto esperta: Marino è stato raggiunto e freddato da 7 proiettili, ma nell’agguato ne sono stati esplosi almeno 15. E l’auto degli assassini, una Punto grigia, è stata riconosciuta da molti passanti. Errori che certo non sono novità assolute nella storia della Camorra, ma che verosimilmente, stavolta, sono stati commessi da un commando di giovani killer, che hanno voluto eseguire un omicidio in grande stile.

Ovviamente queste sono soltanto supposizioni di chi si interessa agli sviluppi delle organizzazioni criminali, che andranno eventualmente confermate, oppure smentite, dalle indagini degli inquirenti. In ogni caso, però, resta una terribile realtà di fatto che va analizzata e affrontata con urgenza: il rifiorire di una nuova generazione di boss e aspiranti criminali, disposti a tutto pur di raggiungere i vertici della Camorra. Il che significa che un bagno di sangue può verificarsi da un momento all’altro. E questo lo Stato deve assolutamente evitarlo. Così conclude Raffaele Cantone il suo capitolo dedicato ai baby-boss: “la continua rinascita di boss sempre più giovani, dunque, dimostra ancora una volta che la repressione, pur essendo indispensabile, non basta. Anzi, diventa inutile se non è accompagnata da interventi sul territorio che migliorino le condizioni di vita sociali ed economiche. Se non si bonifica il loro terreno di coltura, queste arabe fenici risorgeranno sempre dalle loro ceneri“.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

Una risposta a Giovani boss crescono

  • 1
    mauriziolo

    proprio oggi ci sono stati i primi colpi a Scampia.. cosa nostra sta zitta mentre le altre si fanno sentire ?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

#SUM01 Paolo Magri (Ispi e Commissione Trilaterale): perché ci vuole più Europa.

Paolo Magri - Ispi e Commissione Trilaterale - SUM01 - PlayL'intervento di Paolo Magri, presidente ISPI e direttore italiano della Commissione Trilaterale (per anni presieduta in occidente da Mario Monti), all'evento #SUM01 organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. p.s. non serve che io, da queste pagine, esprima la mia opinione sul suo discorso. Mi limito solo a ricordare a...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 Marco Travaglio – L’informazione ha un costo.

Marco Travaglio . l'informazione ha un costo - Play#SUM01 - Intervento di Marco Travaglio sulla professionalità e le risorse necessarie a fare buona informazione, e sulle vecchie balle improvvisamente ribattezzate "Fake News". ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Massimi Fini: il Futuro è dietro di noi!

Massimo Fini - il Futuro è dietro di noi - Play L'intervento di Massimo Fini a #Sum01, il primo evento dell'Associazione Gianroberto Casaleggio....--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – Paragone contro Monica Maggioni, presidente Rai e presidente Commissione Trilaterale Italia

Gianluigi Paragone vs Monica Maggioni - Presidente Commissione Trilaterale#SUM01 - Associazione Gianroberto Casaleggio - Intervento di Gianluigi Paragone sullo stato dell'informazione in Italia. Paragone parte subito contestando Monica Maggioni per la sua doppia carica di presidente Rai e contemporaneamente di Presidente Commissione Trilaterale Italia. ...--> LEGGI TUTTO

#SUM01 – I veri numeri dei giornali, Pier Luca Santoro (Datamediahub)

Pierluca Santoro Datamediahub - playI veri numeri dei giornali e della rete, nell'intervento di Pier Luca Santoro, Datamediahub, a #SUM01, il primo evento organizzato dall'Associazione Gianroberto Casaleggio. ...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

Il TG1 censura la Raggi. Scatenate uno #ShareStorm

Molti dei lettori di questo blog trasaliranno ascoltando alcune frasi fatte del discorso che oggi Virginia Raggi ha tenuto di fronte ai leader europei. L'Europa come "progetto visionario", come "eredità gioiosa e impegnativa", che "dobbiamo realizzare noi" perché "non poteva realizzarsi in un giorno". ...--> LEGGI TUTTO

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Fusaro Vs Friedman – L’immigrazione è deportazione di massa: nuovi schiavi contro vecchi schiavi.

Fusaro Vs Friedman Diego Fusaro: "La storia delle ONG che vanno a prendere i poveri migranti che rischiano di annegare è la grande narrazione edulcorante con cui si mettono in pace le coscenze. Il compito della filosofia però è pensare altrimenti e criticare l'esistente, rovesciando le mappe dominanti. Continuiamo...GUARDA

Sgarbi vs Telese: Io non me ne vado, te ne vai tu!

Sgarbi Vs TeleseVittorio Sgarbi manda a quel paese la Costamagna e Luca Telese, e all'invito a lasciare lo studio risponde al conduttore di andarsene lui. Il tema è quello della legittima difesa dagli intrusori in ambito domestico. ...GUARDA

Becchi: la prova che la Germania ha creato l’euro per metterla in quel posto a noi

BECCHI PROVE EURO GERMANIA Paolo Becchi esibisce le prove in diretta tv del fatto che la Germania sapeva che grazie all'Euro "lo avrebbe messo in culo agli italiani". Potremmo svalutare la nostra moneta, e dunque tornare ad essere competitivi, ma ecco pronta la replica: svalutando crescerà l' inflazione. Vale...GUARDA

Diego Fusaro: ma quale new economy? Si chiama lavorare per niente!

Fusaro Diego Fusaro sulla cosiddetta "new economy". Dal caso Amazon in poi, è chiaro che si tratta di un nuovo sistema di sfruttamento dei lavoratori. Il lavoro prevede che ci siano dei diritti e che il lavoratore venga considerato alla stregua di un essere umano portatore di dignità e...GUARDA

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>