La Commissione Grandi Rischi condannata

In fondo era così semplice. Se i terremoti non si possono prevede (e mi sta bene), allora non si può neanche prevedere che non ci saranno. Tutto qui. Ma allora, perché la Commissione Grandi Rischi rassicurava tutti? Perché quel giorno, quel 31 marzo 2009, disse agli aquilani che potevano sostanzialmente dormire sonni tranquilli? Erano sette giorni, sette maledetti giorni prima della grande scossa che avrebbe procurato oltre trecento morti. Se è vero che non si poteva fare molto, tuttavia una cosa si poteva certamente fare: si poteva dire “State attenti. Niente panico, ma non abbassate la guardia”.


Invece, in molti erano più preoccupati di zittire Giuliani, il tecnico aquilano che asseriva di avere messo a punto un sistema di previsione dei terremoti, che di fare il proprio lavoro. Quello stesso 31 marzo, una troupe della Rai veniva inviata a L’Aquila e intervistava Giuliani, detto “il ciarlatano“, proprio mentre la Commissione Grandi Rischi faceva comunicati stampa rassicuranti. Giuliani, davanti alle sue strumentazioni e sotto gli occhi del sindaco Cialente (che gli aveva affidato il monitoraggio della scuola De Amicis), aveva detto alla troupe che una scossa molto più grande era possibile, e che anzi lui se l’aspettava. Quel servizio, nel viaggio di ritorno da L’Aquila a Roma, fu l’oggetto di un paio di telefonate dagli alti vertici della Commissione Grandi Rischi. E non andò mai in onda. Io raccolsi la testimonianza di Cristiano (che in seguito perderà il lavoro), un coraggioso operatore di quella troupe,  e la pubblicai. Fu messa agli atti del processo che oggi ha portato alla condanna. Potete vedere il servizio in cima al post.

Sette furono i membri della Commissione Grandi Rischi a salire sul banco degli imputati. Sette, oggi, le condanne a sei anni. Perché con i loro comportamenti, secondo la sentenza, avevano attuato una distorsione della corretta informazione. Precisamente, diedero agli aquilani «informazioni inesatte, incomplete e contraddittorie». Ecco i nomi: Franco Barberi, presidente vicario della Commissione Grandi Rischi, Bernardo De Bernardinis, gia’ vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione Civile, Enzo Boschi, presidente dell’Ingv, Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto Case, Claudio Eva, ordinario di fisica all’Universita’ di Genova e Mauro Dolce, direttore dell’ufficio rischio sismico di Protezione civile.

Che i terremoti si possano prevedere è certamente tutto da dimostrare. Che però le informazioni si debbano dare bene, questo, invece, ora è dimostrato.


 ALLEGATI: Guarda i 4 episodi dell’inchiesta sulla prevedibilità dei terremoti, raccolti in una unica playlist su Youtube.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

51 risposte a La Commissione Grandi Rischi condannata

  • 23
    TheQ.

    stiamo sempre parlando di 12 case su 20 mila non crollate…e come da requisitoria:

    con la conclusione, per ritornare al tema di
    questa memoria, che gli imputati debbano andare esenti da colpa perché il terremoto del 6 aprile 2009 è stato un accadimento eccezionale e atipico avendo fatto registrare accelerazioni strumentali superiori ai valori della normativa sulle costruzioni.
    …Se si volessero spiegare i crolli con i dati numerici delle accelerazioni strumentali di picco sarebbe dovuta crollare, anzi si sarebbe dovuta sbriciolare, come si sono sbriciolati i dodici edifici citati nel capo di imputazione, l’intera città dell’Aquila.
    Invece così non è stato.
    L’osservazione diretta del patrimonio ediliziocircostante ai (pochi) edifici crollati evidenzia che i (moltissimi) edifici viciniori, anche se danneggiati, sono ancora in piedi; e in essi non venivano registrate vittime.
    Se, dunque, si volessero spiegare i crolli in base alla violenza della scossa di terremoto del 6 aprile 2009 o in base alleaccelerazioni al suolo non si capirebbe perché un numero percentualmente assai ridotto di edifici crollava, meno dell’1% del totale degli edifici in cemento armato dell’Aquila, per di più secondo una distribuzione spaziale casuale, mentre altri edifici, la maggioranza, e in particolare quelli immediatamente prossimi a quelli oggetto di crollo, rimanevano in piedi.

    Meno dell’1% è crollato (quasi meno del 5% quale scarto statistico!) e non contingui. Ciò significa che per il 99% degli edifici dell’Aquila stare tranquilli in casa non era un cattivo consiglio.

     

    Ma facciamo un esempio della logica del giudice Billi: Bertolaso ha un figlio, Pierino. Pierino è maggiorenne e senza auto, ma ha la patente.  Il padre si è premunito che il figlio prendesse la patente frequentando un’autoscuola così come previsto per legge.

    Pierino chiede l’auto al padre per andare via il sabato sera con gli amici. Il padre acconsente perchè conosce le statistiche e benchè ogni anno in auto muoiano circa 20 mila persone, su 55 milioni di italiani, la probabilità è infinitesima. Dandogli le chiavi dell’auto davanti al giudice Marco Billi testimone del fatto gli dice: “mi raccomando vai piano”.

    Pierino esce, e da gran combinaguai si fa spinelli con gli amici, beve alcool (birre e qualche superalcolico)… prende in mano l’auto per rincasare e prende sotto un passante.

    A questo punto il padre viene incriminato di omicidio dal Giudice Marco Billi, poichè ha fatto cattiva informazione! A suo figlio pierino non gli ha detto che non deve bere e non deve drogarsi prima di prendere in mano l’auto. Ha fatto cattiva informazione benchè l’auto sia sua, benchè le azioni siano di suo figlio, in possesso di patente apparentemente regolare… ed ogni anno milioni di persone girano in auto, mentre gli incidenti sono solo una piccola percentuale.

  • 22
    fc_themaster

    Messora, io ti stimo per il lavoro che hai fatto fino ad ora, ma sul sostenere questa condanna mi trovo completamente in disaccordo.
    Questi sciami sismici si ripetono un po ovunque in Italia, basta vedere il Sannio qualche settimana fa, e il Pollino in questi giorni… cosa dovremmo fare? Scatenare il panico? Dire che potrebbe esserci un terremoto e invitare la gente nelle tende?
    Quale sarebbe stata la differenza dicendo: “Potrebbe esserci un terremoto, state attenti?” La gente cosa avrebbe fatto di diverso dovendo per forza di cose svolgere vita normale (il lavoro e le attività quotidiane sarebbero comunque dovute andare avanti)?.
    Una condanna a 6 anni non la prendono nemmeno gli assassini più… Berlusconi ne ha avuti 4 di recente per cose ben più gravi…

    Sono sempre più delle opinioni che per sentenze o opinioni scientifiche (così come ad esempio su rinnovabili, nucleare ecc.) bisogna starci dentro per capirne… 

    • 22.1

      non hai capito il senso. Il senso della condanna non è: “non si poteva prevedere un terremoto e voi non l’avete previsto”, ma “non si poteva prevedere un terremoto e voi non dovevate tranquillizzare la popolazione e organizzare una messinscena mediatica per madare la gente nelle case senza precauzioni” [vedi intercettazioni e conferenze stampa, non ovviamente la relazione della Commissione Grandi Rischi].

      E’ diversa da come la raccontano. Aspettiamo la sentenza.

  • 21
    puccini

    Intanto cantiamo VITTORIA ma potrebbe essere una sentenza “contentino”. Aspettiamo e vigiliamo sul secondo grado e sull’eventuale terzo (cassazione). Sei anni di reclusione vuol dire che sono già in galera? se non vedo le foto non ci credo.

  • 20
    Igor

    Mi sembra che qui stiamo cercando dei capri espiatori e che sia stata scritta una brutta pagina. Concordo con quello che Pini ha scritto “Se poi nelle motivazioni o nei gradi di giudizio seguenti verrà dimostrate azioni di vera disinformazione ed in malafede dei condannati in primo grado, allora cambierò idea”.

    Se vogliamo trovare una colpa la possiamo tracciare in quelli che non hanno obbligato a mettere le case in sicurezza in una zona ad alto rischio sismico. In giappone una scossa come quella avrebbe fatto ridere.

    Poi ho guardato le affermazioni rilasciate e mi sembrano piu’ che ragionevoli. Immaginatevi se qlc avesse detto c’e’ un rischio quando non e’ prevedibile: si sarebbe generato il panico, poi se non fosse successo nulla sarebbero stati accusati di procurato panico o simile.

    La scienza si basa su probabilita’ e livelli di confidenza (in senso tecnico del termine) quindi non vi e’ modo di eliminare il rischio e non vi e’ principio di prudenza che lo possa eliminare quindi di morti ce ne saranno sempre e cmq: pensate agli aerei c’e’ sempre e cmq una probabilita’ bassa che cadano e si deve convivere  con cio’ anche se non e’ bello.

    • 20.1
      giasca

      Mi dispiace ma non è così. Il panico si genera quando un soggetto avvisa di un pericolo imminente senza preavviso.

      I lor signori “Scienziati” hanno avuto 5 mesi per preparare la gente del luogo, fermo restando che la gente aveva più paura delle scosse continue e non di qualcuno che li avrebbe aiutati a stare più tranquilli approntando preventivamente campi di pernotto.

      Se in italia siamo quello che siamo è appunto per certi modi di pensare di qualcuno che continua a sostenere che tanto non ci si può fare niente. Io mi dissocio totalmente da tale pensiero nullafacente.

      Si può e si deve fare di più e c’è sempre un ampio margine per fare meglio e di più e per cercare nuove soluzioni.

    • 20.2
      gimiki

      A me dispiace che credi il mio commento solo uno scritto per “dare fiato alla bocca” e che non sono informato dei fatti…certamente non sarò un ingegnere pluri-laureato ma non sono neanche un deficiente.

      Io ho parlato di “dormire 200 notti in macchina o in tenda” perchè, seguendo il vostro ragionamento, i cittadini aquilani dovevano essere trasferiti nelle tende perchè c’erano ripetute scosse da ormai 5 mesi. Premesso che, statisticamente, è più probabile avere un terremoto isolato molto forte che non uno sciame che culmini in un evento di una certa entità e che cambiare la mentalità di noi italiani in 5 mesi quando, dopo un secolo di terremoti più o meno violenti (dal terremoto di avezzano del 15), ci ostiniamo a fare ancora case abusive, fatte di cartone, cementificando senza un criterio e pensando solo a risparmiare, io ancora non vedo la colpevolezza di questi individui. Mettere la gente in tenda quando c’è uno sciame è una grande min***ata perchè i terremoti si prevengono costruendo le case come Dio comanda, anzi come la scienza comanda, e placare le voci di un possibile terremoto di grande entità, a parer mio, è stato fatto in buona fede!

      Il dire alla popolazione di stare tranquilli non è affato una cosa da condannare perchè, come ce ne fottiamo quando non ci sono terremoti o, meglio, ce ne sono ma non li percepiamo o leggiamo, ce ne dovremmo fottere e stare calmi anche quando ci sono perchè viviamo in un paese altamente sismico! Quindi il fatto di mettere in guardia la popolazione aquilana perchè da 5 mesi c’era uno sciame è una grande ipocrisia perchè in guardia o ci stiamo sempre o non ci stiamo mai!

      Giasca, tu scrivi che la protezione civile avrebbe dovuto dire alla gente di dormire fuori la notte del 5 aprile e allestire tende ma tutto questo secondo quale criterio scientifico? Prevenzione con le tendopoli… sono senza parole!

       

      L’INGV ogni 4 anni, se non sbaglio, e dopo un evento superiore a magnitudo 5.5 pubblica una cartina nella quale sono individuade le zone con la probabilità maggiore di un evento superiore a 5.5 richter da quì a 10 anni: l’ultimo aggiornamento è stato fatto a gennaio e al secondo posto con circa il 20% di probabilità c’è la zona del fucino ma attualmente non si sta facendo niente per mettere in sicurezza gli edifici e ti posso assicurare che ce ne sono di edifici fuori norma! Per me la prevenzione è questa, il resto sono solo chiacchiere e supposizioni….se quella notte avessero detto di dormire fuori, se non avessero cercato di rasserenare gli animi, se e solo se….

  • 19
    Mr. Age

    Per Claudio

    Premesso che non ho conoscienze scientifiche sufficenti a capire se i terremoti siano o no prevedibili, quello che non riesco veramente a capire è perchè avrebbero dovuto tacere un informazione del genere.

    Chi trae vantaggio disinformando su i pericoli di un terremoto?

    • 19.1
      Pippo

      Un vantaggio c’era

      hanno fatto un favore a Bertolaso che all’epoca gestiva milardi e poteva assegnare appalti. consulenze perizie ecc senza alcuna gara con scarsi controlli ed in totale autonomia.

      Non deve  scordarsi cos’era divantata la protezione civile sotto la gestione Bertolaso Berlusconi, era una agenzia di grandi eventisu cui convogluare milardi di appalti (il G8, la beatificazione dei santi, le olimpiadi di nuoto ecc ecc).

      Probabilmente per Bertolaso all’epoca  lo sciame sismico all’Aquila era solo una seccatura perchè la gente aveva paura si aspetteva una attività di prevenzione dalla Prot. civile che era in tutt’alttre faccende affaccendata.

      La cosa paradossale e che adesso pagano i tecnici che si sono prestati ad avvallareBertolaso mentre lui potrà dire di non aveere alcuna copla perché lìanno detto i tecnici che non c’era perocolo e lui mica è un sismologo  lui è un medico…….

      Detto questo però concordo con chi ha osservato che senza leggere le motivazioni della sentenza le nostre sono solo chiacchere da bar

  • 18

    Alcuni scoprono di avere delle responsabilità solo dopo essere stati condannati….

  • 17
    Neopunzia

    Non saranno tutte cannonate???

    Ogni tanto una bella notizia fà anche piacere o no???

  • 16
    hyne

    finalmente anche loro pagano per le loro colpe

  • 15
    Fuffa Forte

    Francamente, mi basta la premessa:
    “In fondo era così semplice. Se i terremoti non si possono prevede (e mi sta bene), allora non si può neanche prevedere che non ci saranno.” Che e’ una c**zata, in termini epistemologici, che non merita neppure di perderci tempo (del resto, nel thread ho gia’ detto). Ma da Messora francamente non mi aspetto molto di meglio, l’opinionista  (?) tuttologo di riferimento di Paragone per “L’Ultima Parola”.
    E’, peraltro, la stessa identica fallacia logica adottata da Travaglio in un suo antico editorialino da Santoro proprio in occasione della apertura del processo: un nonsense elevato a cardine di un procedimento giudiziario. Il che ci dice qualcosa anche di Travaglio, a dire il vero, uno che tutte le volte che lo leggo spero che “solo quella volta” scriva corbellerie, perche’ altrimenti mi toccherebbe non dargli retta neppure quando parla di B.
    E cita Giuliani, che “afferma” di aver messo a punto ecc. ecc. ma e’ una millanteria smentita dai fatti e dalla *sostanziale assenza* di *sue* pubblicazioni in merito (mentre da anni si studia, senza risultati precisi, il radon come precursore).
    C’e’ differenza c’e’ fra un Giuliani (che prevedeva il terremoto con una settimana di scarso e con epicentro a Sulmona? E se i sulmonesi, dandogli retta, si fossero spostati a l’Aquila?) ed un aruspico?
    Notevole la chiusura: “Che i terremoti si possano prevedere è certamente tutto da dimostrare”. Strano, ha appena parlato ed incensato Giuliani che avrebbe previsto il terremoto. Lui quella “previsione”, che smentisce in chisura, l’avrebbe mandata, perche’ sarebbe stata “corretta informazione”, e non invece dare spazio ad un cialtrone procurando allarme.

    Francamente, mi basta la premessa:”In fondo era così semplice. Se i terremoti non si possono prevede (e mi sta bene), allora non si può neanche prevedere che non ci saranno.” Che e’ una corbelleria, in termini epistemologici, che non merita neppure di perderci tempo.
    E’, peraltro, la stessa identica fallacia logica adottata da Travaglio in un suo antico editorialino da Santoro proprio in occasione della apertura del processo: un nonsense elevato a cardine di un procedimento giudiziario. Il che ci dice qualcosa anche di Travaglio, a dire il vero, uno che tutte le volte che lo leggo spero che “solo quella volta” scriva corbellerie, perche’ altrimenti mi toccherebbe non dargli retta neppure quando parla di B.
    E cita Giuliani, che “afferma” di aver messo a punto ecc. ecc. ma e’ una millanteria smentita dai fatti e dalla *sostanziale assenza* di *sue* pubblicazioni in merito (mentre da anni si studia, senza risultati precisi, il radon come precursore). C’e’ differenza c’e’ fra un Giuliani (che prevedeva il terremoto con una settimana di scarso e con epicentro a Sulmona? E se i sulmonesi, dandogli retta, si fossero spostati a l’Aquila?) ed un aruspico?
    Notevole la chiusura: “Che i terremoti si possano prevedere è certamente tutto da dimostrare”. Strano, ha appena parlato ed incensato Giuliani che avrebbe previsto il terremoto. Messora quella “previsione”, che smentisce in chiusura, l’avrebbe mandata, perche’ sarebbe stata “corretta informazione”, e non invece dare spazio ad un millantatore procurando allarme?
    E per tutte le altre decine di sciami sismici che non manifestano poi eventi di punta, che facciamo?

  • 14

    “I terremoti non si possono prevedere ne’ si potranno mai prevedere”… concetto forte ed anti-scientifico.

    Forti di questo dogma… qualcuno avrebbe detto che “la situazione e’ sotto controllo”… ORA, e’ banale logica capire che avere il controllo della situazione vuol dire avere capacita’ previsionali che qualche “dotto” scienziato ha escluso a priori. QUINDI di che controllo parlano??

    Lo studio dei precursori sismici (non c’e’ solo il radon) dovrebbe essere un cavallo di battaglia di ogni sismologo serio, di ogni scienziato serio… E NON il male da combattere ed abbattere.

    Giuliani si e’ contraddetto sull’esatta cronologia delle sue previsioni??? bene, questa sarebbe la prova della sua ciarlataneria?? torniamo al pensiero debole di chi fa affermazioni anti-scientifiche e dogmatiche??

    Il dovere di uno Scienziato (con la S maiuscola) e’ ESATTAMENTE il contrario. Il suo dovere primario e’ eliminare ogni dogma, ogni impedimento. Avrebbe detto: “i terremoti non si possono prevedere… MA stiamo lavorando per riuscirci”… Giuliani sta lavorando per riuscirci, QUESTO NON VUOL DIRE che ci riesca, ma vuol dire che almeno corre il rischio.

    Boschi e compagnia danzante non ci riusciranno mai perche’ sono degli INETTI.

    Nel resto del mondo criticano la sentenza??? E QUINDI??

    I vari “esperti” hanno avvalorato la tesi del “tutto a posto, tutto sotto controllo”… INVECE avrebbero dovuto dire “ATTENZIONE, dormite fuori… “… resta sempre da capire chi e come abbia deciso di evacuare la questura proprio nella notte del terremoto…

    Il resto del mondo NON SA che l’INGV ha concesso alla politica di prendere per il c**o la cittadinanza con affermazioni deliranti, HA OMESSO di adempiere al suo unico e fatidico dovere: DARE INFORMAZIONI CORRETTE.

     Probabilmente in secondo grado la sentenza verra’ sconvolta e la cassazione confermera’… ed il pensiero debole, anti-scientifico e dogmatico potra’ continuare ad inquinare quel che resta della Scienza, quella vera… quella che non pone un limite a cio’ che si puo’ capire e prevedere.

  • 13

    Leggo che da più parti c’è il timore che questa sia una sentenza pericolosa per i precedenti che crea.

    Io penso che sia ben più pericoloso che Enzo Boschi sia stato a capo di questo Ente.

    Stamattina Oscar Giannino tuonava “la magistratura si sostiusce alla scienza e avalla l’ipotesi, basata sulle intercettazioni a Bertolaso, che gli scienziati imputati siano stati a disposizione di non si capisce bene quale operazione politica”.

    A Giannino e ai lettori del blog, oltre a ricordare che Enzo Boschi fu colui che negli anni ottanta fece evacuare 150000 persone dalla Garfagnana per un terremoto catastrofico da lui previsto (inchiesta per procurato allarme -l’unico diramato in Italia- per l’allora capo della PC Zamberletti), invito a leggere quest’intervista:
    http://www.lastampa.it/2008/09/08/blogs/diritto-di-cronaca/anch-io-come-la-gelmini-v8KpVBPLuefgk70oMjl9ZM/pagina.html

    «Mah. Anch’io ho fatto tutto quello che in genere si fa per fare carriera. Ho leccato il sedere quando c’era da leccarlo, ho assecondato, ho chinato la testa: non ho paura a negarlo.»
    «Sono sempre stato gentile con i potenti perché sapevo che avrebbero potuto aiutarmi.»

    Al di là di qualsiasi considerazione scientifica, non sono queste le persone da “nominare” (qui sta l’errore immane del sistema italiano) nei posti chiave, perchè poi non dobbiamo meravigliarci se fanno da cendiletto ai disastrosi voleri dei politici.

  • 12
    Renzo M.

    Finalmente dopo tanto tempo la giustizia…” Giuliani che avrebbe “…messo a punto un sistema di previsione dei terremoti“. Ma lasciate perdere….

    Giuliani non ha previsto sin’ora alcun terremoto. Ne quello dell’Aquila, avvenuto alcuni giorni prima del suo famoso annuncio, ne alcuna che fosse una delle centinaia di scosse successive. Aspetto smentite se non è vero. L’unico allerta che avete dato fu un falso allarme, seguito da una serie di ridicole smentite reciproche e denunce contro ignoti.

    Se Boschi, Selvaggi & C meritassero davvero di essere condannati per aver rassicurato la popolazione, allora dovrebbe essere condannato anche Giuliani, che alla fine di questa intervista: http://www.youtube.com/watch?v=9klYDHiA6uo al minuto 7:17 affermava persino: “Quello che vorrei dire ai miei concittadini e a tutta la popolazione è di stare tranquilli e di non aver paura dei terremoti. Questo sciame per la fine di Marzo dovrebbe diminuire di intensità e quindi scomparire e rimanere solo un ricordo.”

    Andrebbe condannato chi ha costruito l’ospedale o la casa dello studente in quel modo, insieme a tutti quelli che han preso mazzette invece che sorvegliare, non certo l’INGV. A mio modesto parere tanto questa sentenza quanto il desiderio di gogna che traspare da questo post sono medioevali. 

    Saluti, Renzo

     

    • 12.1
      giasca

      Non capisco perchè non si parla della nuova casa dello studente che all’epoca era già esistente ma non utilizzata perchè il modello universitario delle città montane (l’Aquila non è l’unica) implica che gli studenti “devono” rimanere vicino al centro storico per fare indotto economico. Se avessero consentito di utilizzare quella che era una vera casa dello studente non ci sarebbero stati quei morti

      http://www.abruzzo24ore.tv/news/Quella-nuova-casa-dello-studente-mai-utilizzata-e-sicura/11323.htm

      L’informazione prima di tutto, prima di scrivere bisogna informarsi, la casa dello studente era un’altra e non quella che veniva praticamente usata come indotto economico prodotto dai ragazzi ai negozi del centro storico.

      La sentenza di condanna per la commissione Grandi rischi è cosa buona e giusta e anche in appello auguriamoci che venga confermata senza dubbio.

      La protezione civile poteva e doveva intervenire; non lo ha fatto; dopo la scossa del 5 aprile andava in giro intimando alle persone di tornare in casa (molte vetuste e a rischio crollo). E questo sarebbe il messaggio di protezione verso i cittadini.

      Dico solo che prima di scrivere opinioni arroganti molte persone farebbero bene a studiare non solo informarsi

       

       

       

    • 12.2
      Renzo M

       @ Giasca

      Interessante e doppiamente triste. Un’altro dei tanti esempi di spesa pubblica,, utile in principio, resa inutile da lungaggini burocratiche o peggio…

      Ma non capisco perchè la (mia?) opinione sarebbe “arrogante”. Per aver detto che semmai andrebbe condannato chi ha costruito o non sorvegliato quella casa dello studente che poi è crollata? O per aver detto che Giuliani non ha mai previsto un terremoto?

      Boh…

    • 12.3
      Renzo M

       @ Giasca

      Interessante e doppiamente triste. Un’altro dei tanti esempi di spesa pubblica,, utile in principio, resa inutile da lungaggini burocratiche o peggio…

      Ma non capisco perchè la (mia?) opinione sarebbe “arrogante”. Per aver detto che semmai andrebbe condannato chi ha costruito o non sorvegliato quella casa dello studente che poi è crollata? O per aver detto che Giuliani non ha mai previsto un terremoto?

      Boh…

    • 12.4
      Renzo M

       @ Giasca

      Interessante e doppiamente triste. Un’altro dei tanti esempi di spesa pubblica,, utile in principio, resa inutile da lungaggini burocratiche o peggio…

      Ma non capisco perchè la (mia?) opinione sarebbe “arrogante”. Per aver detto che semmai andrebbe condannato chi ha costruito o non sorvegliato quella casa dello studente che poi è crollata? O per aver detto che Giuliani non ha mai previsto un terremoto?

      Boh…

  • 11
    TheQ.

    Una sentenza a dir poco scandalosa, così come è scandaloso che Messora e Travaglio la difendano a spada tratta. Se invece di una commissione vi fosse un giornalista incarcerato per sei anni per come ha fatto informazione, tutti questi soggetti urlerebbero allo scandalo, alla dittatura, all’editto bulgaro.

    Non importa che la riunuione della commissione sia dovuta ai vari proclami mutevoli di Giuliani ed al panico che stava creando (ebbene si, Giuliani sparò svariate date come con tutto rispetto Messora, ma dimentichi sempre di dirlo pur essendo un fatto appurato http://www.youtube.com/watch?v=c7-9lNkA-y4&feature=plcp ) non importa che la legislazione italiana può punire gli interpreti della questione sia se calmano la popolazione poichè il panico è un fattore di rischio e di aumento delle vittime in situazioni eccezionali, sia se “procurano allarme” senza che poi l’evento si verifichi.

    Vediamo quindi che nella requisitoria del PM il magistrato di diletti di sismologia (ci sono magistrati buoni che interpellano esperti) dimostrando che gli imputati non sono condannabili valutando le PGA fra quelle registrate e quelle previste da normativa. Ma questa discolpa non importa pochè se ne infischia della normativa con cui ingegneri civili sismologi, geologi e protezione civile progettano antisismico e accusa gli imputati per altra via. Non importa nemmeno che nel DL che definisce le funzioni della Protezione Civile e della commissione non risulti lo scopo di informare la popolazione, bensì quello di studio su risposta al dipartimento della protezione civile per il miglioramento dell’azione della stessa. Niente allera, niente funzioni di evacuazione generale, niente che indichi la possibilità della commissione di agire ante evento critico. Gli stessi allerta meteo o neve della protezione civile (non risulta che la protezione civile abbia mai emanato allerta sisma) sono semplici indicazioni e non ordini perentori con responsabilità. Ma anche ipotizzando la responsabilità dell’aver detto di restare nelle proprie case, leggendo la requisitoria si scopre che sono solo 12 quelle crollate per cui vengono imputati i partecipanti alla commissione, meno dell’1% degli edifici dell’Aquila lesionati gravemente, ma rimasti in piedi a salvaguardia della vita delle persone contenute in essi. 70 mila abitanti vivi nelle loro circa 20 mila case case sopravvissuti e 12 soli edifici crollati. E qui si nota un altro aspetto, spacciare l’intervista (tagliata quanto?! hanno verificato che fosse integrale?!) di Studio Aperto secondo cui gli aquilani dovevano stare in casa come comunicazone ufficiale della commissione che in realtà per atto costitutivo DL del 2006 risponde al dipartimento della protezione civile e non alla popolazione. Quindi si presume che il diretto intervistato della commissione sia responsabile e non la commissione in toto, o men che meno diverse responsabilità nella questione. Tutti questi aspetti denotano una sentenza indegna di essere chiamata esemplare, così come fan del Fatto Quotidiano stanno facendo nel web, cadendo dalle nuvole quando si spiega loro la differenza esistente fra Rischio Sismico e Pericolosità Sismica, così come non sanno rispondere quando si chiede loro se hanno mai letto un rapporto di rischio sismico (per esempio quelli post sisma dell’Emilia Romagna). A confronto il rischio sismico per il terremoto-maremoto giapponese ed il rischio sismico per il sisma aquilano non sono nemmeno lontanamente comparabili. Per l’Aquila, pur distrutta il rischio sismico misurabile post sisma è evidenteente basso, così come denotato dal basso numro di morti sul numero totali di sfollati. Nel caso giapponese anche a causa del maremoto il rischio sismico fu elevato poichè vennero completamente spazzate via le abitazioni prima dei soccorsi (sparite intere città/villaggi), poichè sparirono le vie di comunicazione arterie preferenziali per portare soccorsi e i manufatti per i beni essenziali (ospedali, acquedotti, magazzini con derrate alimentari). Questo denota un rischio sismico elevato differentemente dall’Aquila e su questo la commissione avrebbe dovuto informare il dipartimento per prevedere interventi sull’eventuale post-sisma così come previsto nel DL che definisce le funzioni della commissione.

    Ma il fatto più increscioso di tutto ciò è che il PM dimostri come la normativa discolpi gli imputat per le 12 case crollate su oltre 20 mila, e se ne freghi bel bellamente. Quello che per tutti è un obbligo (non si può di certo costruire una casa non antisismica in territorio sismico e dire al proprietario…beh basta che esci) non lo è stato per il PM ed il giudice non ha avuto da ridire niente a riguardo?!

    Con tutto rispetto, ma certa informazione dovrebbe documentarsi prima di scrivere commenti sulla sentenza.

     

    PS: chi dice che la sentenza è esemplare si accolli le spese di evacuazione di Basilicata e Calabria. Da 2 anni si susseguono sismi nel Pollino, ultimo 4.5 richter 2 settimane fa. Ma soprattutto si accolli la responsabilità di essere condannato per omicidio se non fa un’informazione soddisfacente e poi il sisma si verifica o si accolli la responsabilità giuridica di essere condannato per procurato allarme se poi il sisma non si verifica (ma poi entro quanto tempo?! 1 mese, 1 anno, 10 anni?! e da che epicentro per quanti KM?!).

    • 11.1
      giasca

      E inoltre poiché nel PS si parla di evacuazione di basilicata e calabria appunto è bene prima studiare, poi avere le sufficienti conoscenze tecniche e poi è possibile emanare pareri. Perchè da quello che c’è scritto si capisce che non si conosce le elementari procedure di protezione civile quindi lungi dal parlare e criticare ma prima soltanto studiare

    • 11.2
      giasca

      Il fatto di confondere il rischio sismico con il rischio tsunami dimostra semplicemente l’inutile poema scritto per esprimere soltanto opinioni personali che trovano fondamento soltanto negli illustri “scienziati” della commissione grandi rischi.

      Il Giuliani a differenza di quello che i soliti insulsi scienziati e i cialtroni mendicanti di poemi dicono, sta almeno 20 anni avanti nelle ricerche. Ma piccole persone di cervello ci arriveranno tra 70 anni. E allora nel frattempo ci saranno altri morti per colpa di persone che la pensano e difendono insulsi scienziati

    • 11.3
      giasca

      E inoltre poiché nel PS si parla di evacuazione di basilicata e calabria appunto è bene prima studiare, poi avere le sufficienti conoscenze tecniche e poi è possibile emanare pareri. Perchè da quello che c’è scritto si capisce che non si conosce le elementari procedure di protezione civile quindi lungi dal parlare e criticare ma prima soltanto studiare

  • 10
    nyeleti

    Quanto guadagnano i signori della Commissione Grandi Rischi, trasferte comprese? E poi vi chiedo : se tutti – scienziati e cittadini – sono convinti che i terremoti non si possono prevedere, perchè fare delle commissioni?  Che fine ha fatto lo scienziato “pazzo” con i suoi studi sulle emissioni di Radon?

  • 9

    Il nesso di causalità (“non succede nulla”) e il comportamento della popolazione (“mo che faccio”) è stato stabilito.

    Detto ciò, di chi dobbiamo fidarci, alla luce anche della porcheria del servizio mai mandato in onda, scoperto e smascherato dal buon Messora?

    No, perché in Calabria, sul massiccio del Pollino a nord, dall’inizio dell’anno è all’opera uno sciame sismico di oltre 600 scosse! Che dice l’affidabile Commissione Grandi Rischi?

    Ah già, è la Calabria e chi vuoi che se ne fotta…

    • 9.1
      giasca

      Io ci andrei cauto con certe affermazioni anche perchè se non si sa la scala dei fenomeni di cui si parla si rischia di fare soltanto confusione e di immettere altra confusione nella psicologia della gente. Coloro che leggono notizie di correlazione tra sismi e immissioni di gas in giacimenti in cui era esistente prima dell’estrazione prendono la notizia così com’è e rilasciano pareri senza avere minime cognizioni di tettonica e di giacimenti di idrocarburi. I terremoti dell’Emilia romagna, nulla hanno a che fare con l’immissione di gas nei giacimenti preesistenti. Non bisogna mischiare il discorso dei terremoti legati alla tettonica da quelli che potrebbero essere legati all’immissione del gas anche perchè le dimensioni con cui abbiamo a che fare sono molto, molto diverse.

    • 9.2
      TerremotoEmilia

      Guardate che anche in Emilia tutti questi soloni sono passati dicendo che questa zona era a basso livello sismico perchè avevano (ed hanno tuttora) voglia di piazzare l’equivalente di diverse bombe H in gas nel ns sottosuolo.

      Ci sono video di pochi anni fa in cui questi esperti si sono permessi di dare dei “cogl…i” a persone preoccupate per la possibible sismicità che si sarebbe potuta creare.

      Se ne avessi la possibilità li denucerei subito.

      Vergognosi, non studiosi.

  • 8
    maxdevil76

    Ciao Marco, finalmente dopo tanto tempo la giustizia sta aprendo gli occhi. Meglio tardi che mai.Infatti se dobbiamo fare affidamento sulla memoria ,  gli italiani scordano sempre tutt i dettagli.

    Ma per fortuna c’è la rete a rinfrescare la memoria collettiva su quello che fu detto e fu fatto in quei giorni concitati.

    Io ho sempre con me il nostro e dico nostro dvd di Giuliani.

    E dopo la sentenza non ho fatto altro che accendere il lettore rivedermelo.

    Sai oggi finalemnte possiamo dire che un piccolo tecnico di periferia ha sconfitto un sistema omertoso di gente preparata ma pilotata dal sistema.

    Questo perchè tutti si dimenticano che fu Giuliani a salvere tante vite con il passa parola fu solo lui a metterci la sua di vita sul piatto della bilancia della giustizia.

    E ora i conti sono fatti, pesa di più l’onestà a confronto dell’omertà.

    IUSTIZIA oggi E’ UGUALE PER TUTTI

  • 7
    BC

    byoblu meno male ci sei tu…

    Ma se avessero dato retta a Giuliani che prevedeva un terremoto a SULMONA, avrebbero dovuto evacuare gli abitanti di Sulmona presso le città vicine… che so, Pescara o L’AQUILA!!!! così oltre ai morti (poveretti) de L’Aquila avremmo avuto anche i morti di Sulmona.

    Oppure mettiamo che la commissione grandi rischi avesse fatto evacuare tutto l’abruzzo, oppure solo L’Aquila e poi il terremoto nonostante lo sciame sismico non fosse venuto, li avremmo condannati per procurato allarme? (come è successo da poco a Roma dove vogliono incriminare chi ha allarmato la popolazione per il nubifragio che poi non è arrivato).

    aver sofferto tantissimo come voi non giustifica la caccia alle streghe… ma ormai il medioevo è già qui. Che tristezza…

     

    • 7.1

      passa il tempo, ma a dare le informazioni corrette non imparate mai, vedo…
      Giuliani fu prosciolto dall’accusa di procurato allarme a Sulmone, perchè IL FATTO NON SUSSISTE. Non solo, nel proscioglimento  si argomentò perfino che il radon ha a che fare con i precursori sismici, ma questa è un’altra storia…

      Viceversa, non si tratta di scatenare nessun panico. Ma tra lo scatenare il panico e il dire che non c’è nessun problema e anzi, si può stare tranquilli c’è una bella differenza, non trovi? No, perché se i terremoti non si possono prevedere, allora non si può neanche prevedere che si può stare tranquilli. E ci furono conferenze stampa molto “allegre”, in base alle quali la gente dormì sonno tranquillissimi, sogni d’oro.. Spero non si siano neppure svegliati, al momento del botto.

      E ci furono anche intercetazioni, dove lorisgnori argomentavano di come era meglio fare “operazioni mediatiche” per “dare del ciarlatano” a qualcuno, dicendo quello che non doveva essere detto, ragion per cui sulle televisioni aquilane, per tutta la settimana precedente al sisma, veniva detto di stare serenissimi.

      E’ questo che stai difendendo?

    • 7.2
      giasca

      Oltre a quello che ha detto Claudio c’è da aggiungere che coloro che scrivono commenti di tal genere confermano ancora di più che scrive di cose che non conosce assolutamente. Da solo pareri personali fondati sul nulla. Le risposte alla condanna stanno appunto nel verbale della commissione. Erano mesi che gli eventi sismici si susseguivano con cadenza pressoché giornaliera e molte famiglie durante la notte dormivano in tenda pur avendo il loro edificio nuovo (accertato da me per intervista diretta a diverse famiglie) durante una campagna di rilevamento geologico post sisma. Il lavoro che la commissione avvrebbe dovuto svolgere era quello di: approntare tendopoli di pernotto nelle aree preposte dal Piano di Protezione Civile Comunale sufficiente per il numero di persone che risiedevano in edifici vetusti e/o a rischio di crollo in caso di evento sismico. Per fare questo non si deve far evacuare un’intera regione. Non si sa di cosa si parla ecco perchè nei commenti si scrivono opinioni personali che sono immense fesserie fondate sul nulla. Quella che è stata fatta è una sentenza giusta che punisce l’arroganza di certi “scienziati” che hanno deciso che era meglio non fare niente per salvare la vita dei cittadini.

    • 7.3
      corrado giuliani

      http://www.youtube.com/watch?v=c7-9lNkA-y4&feature=plcp

      Poi magari Messora ci spieghi come mai lo stesso Giuliani affermava fosse uno sciame sismico normale, o che ha cambiato diverse volte previsione e data di previsione.
      Sia mica un pallonaro, eh?

  • 6
    Fabio Pini

    Non sono per nulla d’accordo.

    Dov’è di preciso che la commissione grandi rischi avrebbe rassicurato tutti? 

    Dal verbale non direi proprio: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/22/terremoto-dellaquila-verbale-integrale-della-riunione-della-grandi-rischi/390130/

    Forse i media, Bertoo Bertolaso nelle intercettazioni successive, anche alla Rai avranno preferito affermare che non c’era alcun rischio. Ma le porcherie in Rai e dei media non  c’entrano nulla con la valutazione della commissione, che NON esclude un evento sismico di grosse dimensioni. è una valutazione imprecis, come dice la sentenza? Certo, ma è lo stato dell’arte e si tratta di una valutazione su basi scientifiche: condannare la commissione perchè al momento la ricerca non esprime giudizi più approfonditi è molto grave ed oscurantista. Dal resto del mondo già hanno cominciato giustamente a criticare questa posizione:

    http://www.aaas.org/news/releases/2010/media/0630italy_letter.pdf

    • 6.1
      gimiki

      Io non so che dire… A leggere certi commenti uno dovrebbe dormire in macchina 200 notti all’anno perchè di case fatte antisimsiche non ne vedo poi così tante in Italia ma i terremoti sono nel nostro DNA…ogni giorno ci sono centinaia di scosse in Italia ma pochissime persone si preoccupano di mettere in sicurezza le loro case…..ci ricordiamo tutti quanto succedono queste catastrofi. Non capisco perchè queste 7 persone debbano pagare perchè hanno rassicurato la gente e per me non è stato un insabbiamento poichè i terremoti, allo stato attuale, NON SI PREVEDONO e dopo molti terremoti è raro che ci sia un evento di quell’entità…. Io non condivido questo “vivere con la paura”, la protezione civile doveva dire ai cittadini di dormire fuori, ma su quali dati, per la miseria?!?!? Poi magari non succedeva niente e li denunciavano per procurato allarme…. Certo, mi piace…

      Sono convinto che questa sentenza sia solo per dare agli Italiani un capro espiatorio invece di sensibilizzare, informare e acculturare la comunità su queste situazioni. 30 anni di cultura e case fatte con le sputazze e poi mi condannate random!

      PS: fatevi le case in legno che c’abbiamo il brevetto Italiano che in Giappone usano ma noi stiamo troppo avanti per usarlo…

    • 6.2

      La riunione si svolse il 31 marzo 2009 e i sette esperti fecero sapere che la situazione era «normale», aggiungendo anche che la «la comunità scientifica conferma che non c’è pericolo, perché c’è uno scarico continuo di energia. La situazione è favorevole». Il fenomeno, aggiunsero, «si colloca in una fenomenologia senz’altro normale».

      Queste dichiarazioni, però, vanno inquadrate nel contesto emerso dalle inchieste. Come ricorda Repubblica, solo qualche giorno prima la fatidica riunione Guido Bertolaso, allora capo della Protezione Civile italiana, chiamòintercettatoDaniela Stati, allora assessore regionale alla Protezione Civile dell’Abruzzo.

      «Ti chiamerà De Bernardinis il mio viceannunciò Bertolaso al telefono nelle ricostruzioni pubblicate da Repubblicaperché gli ho detto di fare una riunione all’Aquila domani, su questa vicenda di questo sciame sismico che continua, in modo da zittire subito qualsiasi imbecille, placare illazioni, preoccupazioni». «Vengono i luminari del terremoto in Italiaaggiunse -. Li faccio venire all’Aquila o da te o in prefetturaDecidete voi, a me non me ne frega nienteIn modo che è più un’operazione mediatica, hai capito? Così loro, che sono i massimi esperti di terremoti, diranno: è una situazione normalesono fenomeni che si verificanomeglio che ci siano cento scosse di quattro scala Richter piuttosto che il silenzio, perché cento scosse servono a liberare energia e non ci sarà mai la scossa quella che fa maleHai capito?». 

       

      DA http://pubblicogiornale.it/attualita/l-aquila-sentenza-terremoti-previsioni/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=l-aquila-sentenza-terremoti-previsioni

      (ma queste intercettazioni e altre sono pubblicate anche su questo blog).

      E ora fatti una cortesia: chiedi scusa.

    • 6.3
      giasca

      Scrivere opinioni personali per molta gente è un hobby ma sarebbe opportuno che questo passatempo per il tema di cui si sta parlando sia avallato da minime conoscenze di geologia, geomorfologia, protezione civile, pronto intervento e una buona dose di coscienza.

      Soltanto chi non ha conoscenze espone opinioni prive di significato nel contesto di riferimento ma solo per mettersi in mostra.

      I dati di riferimento per decidere di operare per salvaguardare la vita dei cittadini aquilani c’erano e molti poi, di case antisismiche a l’aquila e in altre parti d’Italia  ci sono tant’è che gli edifici “nuovi” realizzati con le normative rilasciate dopo il 1980 non sono crollati addosso alle persone. Si sono lesionati ma non sono crollati.

      Solo per informazione faccio presente che costruire un edificio antisismico, per chi non lo sa, non vuol dire costruire un edificio che non si lesioni in caso di sisma, ma significa costruire un edificio che non cade addosso alle persone che lo abitano.

      Inoltre il dire:… dormire in macchina per 200 notti all’anno significa non sapere di cosa si sta parlando, infatti molti non capiscono perchè devono pagare queste sei persone. La risposta sta appunto nei verbali.

      Il discorso del procurato allarme è un problema che deve essere risolto al più presto possibile dalle istituzioni in quanto un rappresentante delle istituzioni non può essere denunciato per procurato allarme qualora rivesta funzioni di protezione e salvaguardia della vita umana.Questa rappresenta una anomalia legale che dovrà essere risolta dalla politica e dalle istituzioni preposte.

      Il resto non commento pareri dati in modo random solo per rappresentarsi e soprattutto dati senza cognizione di causa. Rispetto l’opinione ma si è proprio fuori strada.

       

       

       

    • 6.4

      Fabio, non esistono solo i verbali. La locuzione “conferenza stampa” ti dice niente? Ecco.. dopo la riunione, hanno fatto la conferenza stampa… Leggiti quelli, di verbali…

    • 6.5
      Fabio Pini

      Per favore, rileggete il verbale:

      http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/10/22/terremoto-dellaquila-verbale-integrale-della-riunione-della-grandi-rischi/390130/

      Tutta la parte finale parla della necessità di mettere in sicurezza le infrastrutture e non vi si dice affatto che non vi è probabilità di un evento sismico.

      Ripeto, qui non sono stati condannati i media, Bertolaso, ecc…Ma sei persone che hanno dato un parere tecnico condiviso dalla maggior parte del mondo scientifico e che non avevano alcun interesse economico o di altro tipo a “tranquillizzare gli animi”.

      Vedremo se le motivazioni della sentenza chiariranno meglio quali sarebbero state le opere di disinformazione attuate dalla commissione a seguito della riunione o le eventuali responsabilità.

    • 6.6
      james62

      Scusate, visto che parlate di qualcosa che ho vissuto personalmente, visto che vivo a L’Aquila, credo di poter dire la mia. Io non ho letto nessun verbale, semplicemente perche’ non ne ho bisogno, visto che gli effetti delle decisioni della commissione li ho potuto constatare direttamente: una settimana di “martellamento” sulla emittente locale TV1, con messaggi del tipo “i terremoti non si possono assolutamente prevedere, ma state tranquilli, perche’ la situazione e’ sotto controllo”. Cosa c’e’ di scientifico in una frase tanto “illogica” e “contradditoria in termini” come questa!

      Vi garantisco che l’atteggiamento dell’emittente fino al 30 di marzo era stato completamente diverso: nei tre mesi precedenti aveva diffuso diverse volte servizi sui terremoti e anche interviste a Giuliani, con totni mai allarmistici, ma comunque tali da tenere “accesa” l’attenzione della gente (giustamente, direi). Improvvisamente questo cambio di “linea” da parte di TV1, subito dopo la riunione della commissione grandi rischi, dettata esclusivamente dalla necessita’ di “zittire” Giuliani.

      Sentenza sacrosanta.

       

    • 6.7
      Fabio Pini

      Avevo già letto dell’intercettazione, ma questo non cambia l’onestà (fino a prova contraria) del giudizio della commissione, che peraltro è condiviso da molti esperti in Italia e nel resto del mondo. La situazione descritta non era eccezionale e lo sa bene anche lei quanti sciami sismici di entità simile si verifichino ogni anno in Italia.

      Non credo di dovere scuse, con tutto il rispetto possibile per i terremotati dell’Aquila ed in attesa delle motivazioni della sentenza,  ritengo per ora che l’accusa di omicidio colposo non stia in piedi, essendo il parere di quella commissione in linea con quelli che vengono emessi nei Paesi in cui i fenomeni sismici sono all’ordine del giorno e con lo stato dell’arte della ricerca.

      Se poi nelle motivazioni o nei gradi di giudizio seguenti verrà dimostrate azioni di vera disinformazione ed in malafede (come Bertolaso) dei condannati in primo grado, allora cambierò idea. 

    • 6.8
      giasca

      Proprio non ci siamo.

      Leggendo il verbale della commissione grandi rischi alla fine si rimane nell’indeterminazione. Ma soprattutto si legge tra le righe che hanno preso una posizione di non fare per non generare PANICO (era questo il loro problema più grande). Di concreto hanno detto che i terremoti non si possono precedere e che bisognava intervenire rafforzando gli edifici.

      Allora, in uno stato evoluto (ricordo che siamo nel 2012 non nel medioevo) si sarebbe dovuto provvedere avvisando le persone che avevano un edificio fatiscente o comunque a rischio di crollo in caso di sisma e di approntare tende per dormire durante la notte. Erano mesi che gli eventi sismici si susseguivano con cadenza pressoché giornaliera e molte famiglie durante la notte dormivano in tenda pur avendo il loro edificio nuovo (accertato da me per intervista diretta a diverse famiglie) durante una campagna di rilevamento geologico post sisma.

      La Protezione civile non ha fatto nulla sul campo in via preventiva (non ha installato nessuna tenda per chi aveva la casa fatiscente a rischio crollo) (e di tempo né ha avuto) questo a causa della loro presa di posizione che si evince nel verbale. Inoltre dopo la prima scossa del 5 aprile delle 22,48 la Protezione Civile avrebbe dovuto avvisare la gente di scendere all’aperto e che per quella notte si sarebbe dovuto dormire fuori se poi non succedeva nessun evento sismico in questo caso non sarebbe successo nulla di grave e allora si che si poteva sostenere che Lo Stato era garante della vita dei cittadini. Invece hanno fatto si di invitare la gente a tornare dentro le loro abitazioni lasciando tutti non al loro destino ma alla resistenza degli edifici che si è visto era un disastro.

      Quindi se il Signor Barberi et alii, che da sempre parlavano di prevenzione avessero fatto si che la loro azione si fosse manifestata anche in via di prevenzione della vita dei cittadini e quindi comandavano di installare delle tendopoli per dormire nei centri preposti dal Piano Comunale di Protezione Civile e avessero avvisato tutti i cittadini che per 15 giorni chi voleva poteva andare a dormire nelle tendopoli allora si che avevano provveduto a tenere conto di tutti gli aspetti ed allora si che LO STATO ERA GARANTE DELLA VITA DEI CITTADINI.

      Se poi nell’ipotesi che i quindici giorni che eventualmente all’inizio fossero stati stabiliti non erano sufficienti e si sarebbe verificato il disastro dopo il cessato allarme comunque lo stato aveva in qualche modo provveuto.

      Facciopresente però che la sequenza sismica era già in atto da molto e con eventi crescenti, quindi la probabilità di riuscita a salvaguardare la vita delle persone da parte della commissione se avesse agito nel senso che ho esposto erano molto alte.

      Purtroppo si è ragionato in termini di panico e nessuno di questi “scienziati” sono stati capaci di alzare un dito per salvare anche solo una vita.

      In considerazione che in quel periodo si era prossimi alla pasqua hanno fatto un pò come il sinedrio…………e ci sono stati martiri a causa di quella che molti chiamano scienza. Mah.

    • 6.9
      TerremotoEmilia

      Sono d’accordo col fatto che sia sbagliato prendersela con la scienza, ma non con chi l’applica.

      La differenza è sottile, ma in questo caso, a mio parere, grande.

      Queste persone sono ben pagate ed hanno perciò grosse responsabilità.

      Quando parlano “hanno voce in capitolo” perchè sono riconosciuti come esperti del settore.

      Essendo convinto che il terremoto non si può prevedere mi chiedo perchè queste persone abbiano seguito il “gioco” della politica che pretendeva rassicurazioni ad ogni costo.

      E poi ti chiedo un’altra cosa che ritengo sia il nocciolo del problema: perchè la commisione grandi rischi non combatte per pretendere un’edilizia antisismica su tutti i nuovi edifici?

      Nessun posto in Italia può considerarsi al sicuro.

      Ahimè è più comodo seguire il padrone (che sia la politica o qualche potente lobby).

    • 6.10
      Fabio Pini

      Sulla conferenza stampa sono riuscito solo a trovare articoli, ma in questa intervista a Bernardinis, nella parte finale (http://www.abruzzo24ore.tv/news/Niente-allarmismo-i-terremoti-non-sono-prevedibili/10340.htm) non vedo niente di diverso da ciò che è stato scritto nei verbali, anzi si ribadisce la necessità della messa in sicurezza degli edifici. 

      Comunque attendo le motivazioni della condanna e vedremo di cosa si tratta.

      Ho rispetto per la magistratura, mi auguro che si faccia chiarezza.

    • 6.11

      «Il Prof. Barberi conclude che non c’è nessun motivo per cui si possa dire che una sequenza di scosse di bassa magnitudo possa essere considerata precursore di un forte evento.[…]»
      La speranza è che sia così. Davvero.
      Perché a guardare una mappa come questa:

      Ultimi terremoti registrati dalla Rete INGV

      e a sentire questo (naturalmente proposto ad un ristrettissimo numero di italiani da parte dei media):
      http://www.youtube.com/watch?v=5CE5abS2-TQ

      penso che abbiamo completamente perso la rotta. Siamo caduti a tuffo nell’isteria globale dei soldi del monopoli: debito, spread, alta finanza. Stiamo perdendo di vista la realtà dei fatti, le sfide che l’uomo ha davanti a sé per continuare a vivere, non sopravvivere, come ci sta succedendo. 

      Prospera Italia“. Questo potrebbe essere il nome di un pacchetto di provvedimenti chiave per ricostruire il paese partendo dalla messa in sicurezza, delle nostre case, delle nostre attività e delle nostre menti. Non “Cresci Italia” (a proposito, se ci crolla casa nessuno ci da più un soldo), che da crescere non c’è rimasto un bel nulla, in un contesto insostenibile dove sono cinesi, brasiliani, asiatici ed indiani a crescere=consumare=pretendere=comprare=sporcare; ambiscono a farlo ai nostri livelli e sono tanti, miliardi di individui. Noi stiamo miseramente consumando le briciole di quello che abbiamo rubato in un paio di secoli di depredazione del pianeta, dopo millenni di prosperità della specie. 

  • 5

    gimiki ha scritto :
    … Non capisco perchè queste 7 persone debbano pagare perchè hanno rassicurato la gente e per me non è stato un insabbiamento poichè i terremoti, allo stato attuale, NON SI PREVEDONO e dopo molti terremoti è raro che ci sia un evento di quell’entità…..

    Cioè, fammi capire: i terremoti non si prevedono, ma si può rassicurare la popolazione del contrario, ossia che dopo uno sciame sismico in costante aumento da svariati mesi possono essere certi che non si verifichi uno di magnitudo elevato?? Soprattutto considerando la storia e le coordinate geografiche di tali eventi? Ma ti rendi conto che è un discorso che non fila! Non è che la zona degli Abruzzi sia, a differenza dell’ultimo terremoto in Emilia, immune o quantomeno non avvezza a certi episodi tellurici. Bastava dire che non era il caso di allarmarsi ma che si consigliava di rimanere comunque pronti con un minimo di generi di prima necessità (coperte, acqua e poco altro). Poi la gente avrebbe provveduto da sola, se non si sentiva sicura, a passare un paio di notti in auto e/o in tenda.

  • 4
    Paolo Rossi

    Per favore non chiamteli Scenziati, questi con gli scenziati veri non hanno nulla da spartire, sono solo dei semplici dilettanti prestati alla politica, a cui devono la cariera e lauti stipendi.

  • 3
    tinow

    Non commento la sentenza , ma una cosa lascia perplessi come logica di pensiero.
    -la difesa dice che assolutamente non si possono prevedere i terremoti

    se non si può prevedere  non si puo nemmeno dire che un terremoto non ci sarà

    se non si puà prevedere non serve nemmeno la commissione grandi rischi che certifica che un terremoto è li per scatenarsi o si è appena scatenato

    vedete basta cambiare la logica e spuntano nuove domande

  • 2

    Mi sembra davvero strano che i soli responsabili del terremoto siano quelle sei persone che hanno dato un parere tecnico, peraltro condiviso dalla maggior parte del mondo scientifico. E avanzato tra l’altro in un ambito nel quale, si sa, la Scienza non ha ancora le conoscenze per fare previsioni: http://lalogicamente.wordpress.com/2012/10/23/dagli-allindovino/

    I responsabili, semmai, sono i vari Bertolaso e compagnia bella: sono loro che non hanno svolto bene le istanze di sicurezza e prevenzione richieste da una Protezione Civile.

    Secondo il mio modesto parere, condannare a sei anni solo per un parere tecnico su questioni imprevedibili mi sembra eccessivo. E’ l’ennesima dimostrazione dell’enorme confusione che regna ancora oggi intorno al valore e al significato della Scienza.

    Con rispetto per tutti,

    Grazie per l’ospitalità

     

     

    • 2.1

      Credo che tu non abbia ben chiari i termini della questione. Aspettiamo la pubblicazione della sentenza per discuterne con evidenza.

  • 1
    Stratocas

    io non vorrei dire, ma nel nostro paese sono già partite denunce in passato per procurato allarme per terremoto… DENUNCE! e qui si dice: non hai dato l’allarme? CAUSA PENALE… chi ha ragione? chi ha torto? non lo so e non voglio mettermi su questo piano di discussione.. ma facciamo un passo indietro: conoscete la storia del professor Ighina? di imola? riusciva a far piovere e ad apreire i cieli nuvolosi… la comunità scientifica ha sempre avuto problemi di “Pene piccolo”, ovvero, da fastidio ai massimi esperti, quando un signor nessuno arriva e con le proprie tesi, rischia di ledere i loro primati… A questo punto poniamoci la domanda in senso differente: Ma perchè di tutte queste teorie non riconosciute, non si fa qualcosa per vedere di tramutarle in teoremi provati e quindi attendibili??? basterebbe darle a 100 studenti e far loro fare una tesi di laurea di ricerca… se anche solo il 60% delle tesi provano quanto detto, è fatta… ma in italia, questo non succederà mai, finchè gli atenei più che di etica si occuperanno d’affari… così come “le grandi commissioni fatte di massimi esperti”…dal pene immensamente piccolo e lo dico con cognizione di causa, avendo avuto a che fare con alcuni di loro.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>