La Gran Bretagna verso un referendum sull’Europa

da Londra, per byoblu.com, Valerio Valentini

Non se ne è parlato molto, in Inghilterra, quindi probabilmente in Italia non ne arriverà neppure l’eco. Ma quello che è successo mercoledì sera a Westminster merita di essere raccontato, perché tra qualche anno potremmo doverlo ricordare come uno dei prodromi del duro scontro politico tra la Gran Bretagna e l’Europa. Uno scontro, a questo punto, tutt’altro che improbabile, e sicuramente non privo di conseguenze.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

È sera inoltrata, a Londra, quando nella Camera dei Comuni si sta dibattendo sul varo del budget Europeo per il periodo 2014-2020, che verosimilmente verrà approvato a Bruxelles entro novembre. A un certo punto, una cinquantina di Tories – appartenenti quindi allo stesso partito di David Cameron – si alzano in piedi per votare contro i provvedimenti proposti dal primo ministro. Immediatamente i Laburisti prendono la palla al balzo e appoggiano la loro mozione. Risultato: il governo viene battuto 307 a 294.

Qual è il motivo del contendere? Stando alle anticipazioni, pare che la Commissione Europea abbia intenzione di proporre un rifinanziamento del budget pari al 5%, portandolo così a 826 miliardi di Euro. David Cameron, fedele alla sua linea dura contro gli sprechi dell’eurozona, dichiara che presenterà una proposta per congelare momentaneamente il bilancio, accettando soltanto gli aumenti proporzionati al livello dell’inflazione. Neppure un centesimo in più, per evitare che gli Stati più ricchi ed efficienti debbano pagare i debiti di quelli spendaccioni sull’orlo del default. Ma per gli esponenti dell’ala più radicale del partito dei Conservatori, quella dichiaratamente euroscettica, non è ancora abbastanza: loro pretendono addirittura un taglio al bilancio. Si accende il dibattito, e a quel punto si insinuano, con cinico opportunismo, i Laburisti. I quali sono invece apertamente favorevoli all’Europa, ma di fronte alla prospettiva di mandare sotto il governo Cameron non si fanno tante remore. Va detto che per quanto riguarda le riunioni di Bruxelles di questo mese, la Gran Bretagna non assumerà ancora posizioni estreme. Il voto di mercoledì non era, infatti, vincolante per il governo, e quindi Cameron procederà come aveva pianificato. Ma i rischi per i futuri equilibri, sia britannici sia europei, sono quantomai concreti.

La stabilità dell’esecutivo è infatti messa ogni giorno a dura prova: Cameron ha ricevuto critiche molto aspre rispetto alla politica energetica attuata dal suo governo, e in questi giorni sta montando parecchio malumore anche tra i suoi sostenitori. Non solo: il capogruppo dei Tories alla Camera dei Comuni, e Chief Whip del governo (capo del gabinetto che garantisce il rispetto delle linee del partito da parte di tutti i suoi parlamentari), è stato costretto a rassegnare le sue dimissioni, dopo lo scandalo del “Plebgate” rivelato dal Sun. Di fatto, aveva insultato due poliziotti dando loro dei “fottuti plebei” (ebbene sì, qui per queste faccende gli esponenti del governo si dimettono: ho provato a spiegare ad un mio compagno di università che da noi i politici che azzannano i carabinieri vengono nominati Ministri dell’Interno, ma non m’ha voluto credere).

Questi e altri problemi stanno costringendo Cameron a cercare nuovi consensi. Ma per farlo, il primo ministro si vede spesso costretto a strizzare l’occhio proprio a quell’ala più radicale del suo partito che spesso fa della vera e propria fronda interna, soprattutto quando si tratta di Europa. “Per quale motivo – sostengono i frondisti – dovremmo avallare politiche di austerity in patria per poi andare a scialacquare i soldi dei contribuenti inglesi a Bruxelles?”. A dire il vero, anche Cameron la settimana scorsa ha pronunciato discorsi del genere, riscuotendo consensi proprio in quell’ala più oltranzista del suo partito. La quale, però, ora insiste con istanze sempre più radicali, e pretende il taglio del budget europeo per i prossimi sei anni, e addirittura un referendum per chiedere ai cittadini britannici di esprimersi sulla loro effettiva volontà di rimanere in Europa.

Molti osservatori politici inglesi condannano questo atteggiamento, denunciando il fatto che un simile testardo euroscetticismo porterà la Gran Bretagna a rimanere isolata. Ma alcuni Conservatori non sembrano vedere questo come un problema, e anzi auspicano proprio un isolamento britannico sul modello di quello di Svizzera o Norvegia.

In ogni caso, il prossimo banco di prova, per Cameron e per un bel pezzo d’Europa, sarà l’approvazione del pacchetto di misure che il governo presenterà al Parlamento inglese di ritorno da Bruxelles. Il voto definitivo potrebbe avvenire a dicembre oppure slittare a gennaio. A quel punto, la posizione della Gran Bretagna si delineerà con maggiore chiarezza. E forse anche gli equilibri politici europei dovranno essere rivisti.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

11 risposte a La Gran Bretagna verso un referendum sull’Europa

  • Pingback: Intervento di Nigel Farage al Parlamento Europeo | Catena Umana

  • Pingback: Nigel Farage sbanca in Gran Bretagna | Byoblu.com

  • Pingback: La curvatura delle banane: il nostro vero problema | Byoblu.com

  • Pingback: La Merkel contro Cameron: fumi di guerra | Byoblu.com

  • 5
    Solo

    Ago64Pale ha scritto :
    Mica Scemi gli Inglesi…. e noi???? noooo??? Bhe certo prima bisogna fare repulisti. A volte sentendo i comportamenti politici o sociali di altri luoghi mi domando che popolo e’ quello italiano?

    siamo un popopolo di imbecilli. 

    che si mettono in coda per l’ultimo modello di I Phone… anche se poi non sappiamo come riempire il frigorifero.

    Un popolo di imbecilli che rimane alla finestra anche quando vengono calpestati i principi base della democrazia… allora piantiamola di lamentarci e prendiamo calci nel sedere senza lamentarci!

     

  • 4
    great britain

    Guardi che nel partito conservatore ci sono sempre stati gli euro scettici e per i conservatori la loro presenza in europa dovrebbe essere legata solo allo scambio di merci mentre per la moneta non ne hanno mai voluto sapere di accettarla. Per quanto riguarda il referendum anche in questo caso se ne parla almeno dai primi anni 90 sia per la moneta che per la presenza stessa del paese nella comunità. Il britannico è molto conservatore in particolare fuori dal M25. Il primo ministro inglese che sia labour o conservatore è da sempre legato a questo doppiogioco, fare business con il mercato europeo ma allo stesso tempo starne fuori sia a livello di moneta che per quanto riguarda le politiche della commissione, in altre parole tenersi la sovranità e allo stesso tempo far parte del mercato unico. Questa tesi vigeva, vige e vigerà sotto qualsiasi schieramento polito del paese.

    • 4.1
      Ago64Pale

      Mica Scemi gli Inglesi…. e noi???? noooo???

      Bhe certo prima bisogna fare repulisti.

      A volte sentendo i comportamenti politici o sociali di altri luoghi mi domando che popolo e’ quello italiano?

    • 4.2
      great britain

      Loro sono un POPOLO conservatore noi no, politicamente sono conservatori anche quando hanno un governo di sinistra, vedi il new labour, noi invece come al solito no. loro hanno una TV inteligente da decenni mentre da noi non direi, loro infine non hanno mai avuto governi tecnici mentre noi si oltre a Berlusconi, Prodi, D’alema, Amato e Ciampi!!!

  • 3
  • 2
    Istevene A

    Ma cari fratelli inglesi l’Europa è cosi bella. Fidatevi non abbiate paura. Fidatevi. Entrate in Europa. Vi dovete fidare. Perche nn Vi fidate eh? Dai fidatevi! Insomma Fidatevi! Sempre diffidenti! Allora vi fidate?

  • 1
    rocy

    Fino a quando in Europa esisteranno e consentiranno, diversità e disparità, il passo verso un Unione condivisa sarà sempre più complicato. Coesistere tra chi si mantiene con un piede in europa e con l’altro nella propria indipendenza, più tosto con chi determina o comunque ha il potere di influenzare, la condizione a se più favorevoli in merito al valore dei rendimenti sulla vendita dei titoli di stato, non credo tutto ciò contribuirà mai, al processo di unità europea. I cittadini di tutte le nazioni potranno anche essere poco pratiche in dinamiche monetarie, finaziarie e di mercato (come il sottoscritto), ma non sono sprovvedute. Oggi ciò che rende dotti sotto questo punto di vista, è il semplice vissuto quotidiano. Se vivo ogni giorno privazioni, costrizioni e constato che in torno a me tutti vivono il medesimo disagio, diventa facile comprendere che chi è alla guida non sta percorrendo la strada giusta. Diventa altresi semplice chiedere “all’autista di farmarsi e di scendere” e se non scende l’autista allora lo farà il passeggero, con le buone o con le cattive.  

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>