Londra e Berlino contro eBay e Amazon

da Londra, per Byoblu.com, Valerio Valentini

Ve la ricordate Emma Marcegaglia, il 7 maggio 2011, alle Assise generali della Confindustria? Due settimane prima il Tribunale di Torino aveva condannato l’amministratore delegato di ThyssenKrupp a 16 anni per la morte di 7 operai, ritenendolo colpevole di omicidio volontario, e la zelante presidente degli industriali, col suo solito piglio deciso, commentò la sentenza: “È un unicum in Europa. Una cosa di questo tipo, se dovesse prevalere, allontanerebbe investimenti esteri mettendo a repentaglio la sopravvivenza del sistema produttivo”. Applausi scroscianti dagli spalti.

 

Peccato che Germania e Inghilterra abbiano un’idea diversa su cos’è che scoraggia gli imprenditori di tutto il mondo a investire nei loro Paesi. Si preoccupano, ad esempio, di mantenere la pressione fiscale sulle aziende ai livelli più bassi possibili. E per ottenere questo risultato, pretendono che a pagare le tasse siano anche e soprattutto le multinazionali che tentano di frodare il fisco, come eBay ed Amazon.

La settimana scorsa, infatti, il ministro delle finanze tedesco Schauble e quello britannico Osborne hanno siglato un accordo che prevede una cooperazione bilaterale nel rafforzare i controlli sulle grandi aziende dedite al commercio online, al fine di evitare qualunque tipo di evasione fiscale. Nel comunicato diramato a seguito dell’incontro, Londra e Berlino rendono noto che l’accordo appena siglato ha lo scopo di aiutare entrambi i governi a “stare al passo con le più moderne pratiche di business globali, come lo sviluppo dell’e-commerce” e a far fronte alla sempre maggiore specializzazione di questo tipo di multinazionali, che “sono in grado di eludere i controlli trasferendo i propri profitti lontano dagli Stati in cui vengono generati, riducendo così al minimo il pagamento delle tasse”.

Schuable e Osborne hanno ribadito che c’è bisogno di serie politiche internazionali per un giro di vite su alcune di quelle multinazionali che in alcuni casi arrivano ad evadere pressoché il 100%, trasferendo i loro introiti non solo alle Cayman, ma anche nei Paesi Bassi e in Irlanda. Ed è per questo che i due ministri dell’economia hanno ribadito che questo loro atto è una decisione politica che segue le direttive OCSE, a cui sperano si adeguino presto anche gli altri membri dell’UE.

Tornato in patria, Osborne ha spiegato ai cittadini inglesi le motivazioni che hanno spinto il governo a firmare questo accordo. “Ovviamente noi vogliamo che il sistema fiscale britannico sia competitivo a livello internazionale per attrarre investimenti stranieri; tuttavia, pretendiamo anche che le multinazionali contribuiscano al gettito fiscale. Se i controlli sulle tasse funzionano bene, ci garantiremo buone entrare e non verremo tagliati fuori dal mercato mondiale”.

Ora, alle parole dei politici bisogna sempre fare la tara. E certamente la Gran Bretagna non è la terra dei balocchi: è un Paese con storture e diseguaglianze sociali molto profonde. Eppure, se i dati valgono qualcosa, bisogna ammettere che anche grazie a queste politiche, la pressione fiscale britannica sulle grandi imprese è il più basso di quello dei Paesi del G7; e anche all’interno del G20, nessuno Stato nei due anni passati ha ridotto le tasse – per le grandi aziende – come la Gran Bretagna: dal 28% al 22%. E non sarà un caso che circa la metà dei 136 miliardi di sterline che ogni anno Londra incassa dai contribuenti vengono versate proprio da imprese straniere. Le quali, oltre a risanare i conti dello Stato, danno lavoro a circa 100mila cittadini inglesi. Se le tasse le pagano tutti, restano basse per tutti, e gli investitori stranieri portano soldi e occupazione.

Il governo italiano, invece? Come nel caso degli accordi anti-evasione con la Svizzera, sta a guardare, balbettando motivazioni incomprensibili. Da noi i soldi dei furbi si fanno rimpatriare solo a seguito di leggi indecenti come quella dello Scudo Fiscale, che di fatto incentivano i furbi a portare i propri profitti in altri Stati, con buona pace dei soliti fessi dei contribuenti, che non hanno queste possibilità. Ed è così che l’Italia, che già di per sé avrebbe un elevatissimo tasso (45,2%) di pressione fiscale apparente, a causa dell’evasione e del sommerso conquista il primato mondiale per quanto concerne la pressione fiscale effettiva(cioè quella calcolata sul denaro legalmente dichiarato), che è pari al 55%. Quella britannica è al 41,4%.

Glielo dite voi alla Marcegaglia che il motivo per cui gli investitori stranieri stanno alla larga dall’Italia non sono le sentenze del Tribunale di Torino

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

8 risposte a Londra e Berlino contro eBay e Amazon

  • 4
    sebastiano

    Diceva Buffett, Er capo de Wall Mart, che le tasse alte non hanno mai spaventato un investitore, se l’investimento porta profitto. E’ chiaro cmq che tra pagare X di tasse o X/2 a parità di condizioni (qualità del lavoro svolto, tempo di realizzazione…) chiunque preferirebbe la seconda. Cmq non condivido la linea dell’articolo per una ragione ben chiara: abbassare le tasse alle imprese private, soprattutto enormi multinazionali, vuole dire fare incremetare i loro profitti senza avere nessun ritorno assicurato: quei soldi risparmiati, saranno spostati e riinvestiti altrove (e molto spesso NON nello stato che li ha fatti risparmiare), senza dover render conto allo stato in questione. In soldoni, se la Fiat pagasse anche solo il 5% di tasse in italia, cmq non farebbe nuovi investimenti.

    Far risparmiare miliardi al ricco perchè così li riinveste e tutti ne gioiscono è l’antico mantra neo-liberista a cui personalmente credo quanto a babbo natale.

    • 4.1
      lukeskywalker

      “Se le tasse le pagano tutti, restano basse per tutti, e gli investitori stranieri portano soldi e occupazione.”

      E’ in realtà

      “Se le tasse restano basse per tutti, le pagano tutti, e gli investitori stranieri e non portano soldi e occupazione”

      Le tasse non aumentano perché c’è l’evasione.

    • 4.2
      DB2009

      Premesso che W. Buffet è chairman e CEO di Berkshire Hathaway e non di Wall Mart (il CEO è Mike Duke), io credo che l’articolo sia ampiamente condivisibile e che continuare a sostenere guerre ideologiche sul tema fiscale, non si di alcun aiuto al superamento della crisi recessiva. Io credo che l’Italia avrebbe bisogno come il pane di una riduzione del cuneo fiscale, sia per le aziende locali e per i contribuenti italiani, che per attrarre investimenti esteri e proprio il raggiungimento di un intesa iternazionale su questi temi, ridurrebbe le speculazioni e la concorrenza fiscale sleale che alcuni stati attuano (anche Europei, come Irlanda, Lussemburgo,…)

      A differenza del Fiscal Compact, che è una emerita cagata, l’integrazione fiscale europea aiuterebbe a superare la recessione in atto, senza chiedere lacrime e sangue ai paesi deboli, senza prospettargli una uscita dal tunnel…

  • 3

    La differenza tra Germania, Inghilterra ed Italia è che sia Germania che Inghilterra sono “centro” di un impero mentre noi siamo “periferia” (in questo momento dell’impero tedesco). 

    La legislazione, sia nazionale che internazionale, è mirata ad un direzionamento dei flussi finanziari dalla “periferia” al “centro” e, consegunetemente, si occupa di far rimanere nel “centro” i soldi che stanno già lì.

    Ecco che mentre la Germania e l’Inghilterra fanno leggi perchè i soldi rimangano allo stato, da noi le leggi sono concepite in modo tale che

    • lo stato non possa toccare i soldi che vanno verso il “centro” e cioè quei soldi che vengono illegalmente esportati,
    • ed allo stesso tempo lo stato sia rapace con tutti i soldi che vorrebbero rimanere in Italia e che sono invece destinati ad essere allontanati direttamente dallo stato italiano con meccanismi tipo il MES, il fondo salva banche, i derivati, i CDS etc.

    In questi giorni sto cercando in tutti i modi di descrivere questi meccanismi (per esempio in questo post).  

    Guido Mastrobuono – http://www.delusidalbamboo.org

  • 2

    Acquistare prodotti online permette di rivedere il prezzo al ribasso e questo è un vantaggio, però se questo significa frodare il fisco e far sì che a rimetterci sia il Paese intero, allora non può andar bene. Di denaro in questa Italia ne gira poca e la gente sembra quasi anestetizzata alle disgrazie economiche che giorno dopo giorno stiamo vivendo. Siamo uno Stato abituato a vivere sott’acqua, di sotterfugi, dove vince il lavoro nero e la corruzione.

  • 1
    NeroLucente

    Qualcuno mi ha spiegato che attrarre investimenti non è poi una cosa cosi positiva come può sembrare (indovinate chi).

    Un eccesso di aziende estere sul nostro territorio rappresenta un valore negativo sulla nostra bilancia del debito estero. Quindi leggi che favoriscono l’insediamento di multinazionali o altre aziende sul territorio, anche se per la maggior parte di noi sembra essere una cosa buona, posti di lavoro e soldi, non sono cosi utili quanto si è portati a pensare.

    Riguardo Amazon, non sapevo della propensione all’evasione fiscale, ma posso dire per esperienza diretta e indiretta che oltre ad essere rapidi e precisi, offrono garanzie ed assistenza senza batter ciglio.

    Infine sull’evasione, non è una novità che siamo l’ultima ruota del carro, io sono fermamente convinto che più di un partito abbia incoraggiato queste pratiche attraverso leggi, comunicati e direttive… A voi non risulta?

     

    • 1.1
      DB2009

      Credo che tu confonda gli investimenti diretti esteri (IDE) con i

      prestito in danaro è utilizzabile per pagare l’eccesso delle importazioni 
      sulle esportazioni

      prestito in danaro utilizzabile per pagare l’eccesso delle importazioni sulle esportazioni (indebitamento estero). Non credo che Bagnai intendesse quello che intendi tu. Gli investimenti esteri sono parte della fortuna dei paesi emergenti e lo sono stati anche per l’Italia durante il boom economico post-bellico… e sarebbero una risorsa preziosa anche per noi in questo momento così grigio

    • 1.2
      NeroLucente

      @ Db2009

       

      Ho letto e riletto, Bagnai fa anche un esempio, L’Irlanda, che con sgravi fiscali estremi ha attirato stabilimenti di Intel, Microsoft, HP, IBM, per citarne alcuni.

      Non credo di aver capito male, solo che lui dice che la questione è particolarmente complessa da spiegare e quindi chiede di credergli sulla parola.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>