Per quale squadra sta giocando, Monti, la nostra partita?

Quando, esattamente un anno fa, Monti si insediò a Palazzo Chigi, l’unica visione che si era autorizzati ad averne era quella dell’urgenza e della necessità. Lo spread era schizzato allo stelle, i giornali all’unisono titolavano “fate presto!”, l’opinione pubblica era annichilita. Chiunque, mantenendo la calma, si permetteva di “continuare a ragionare” era visto come un pazzo, e sostenere che qualcosa non andava era il modo migliore per farsi isolare come un pericoloso criminale nemico del Paese. Tutt’al più, come il peggiore complottista del secolo (vedi articolo di Pierluigi Battista sul Corriere).

Aiutami a continuare a fare informazione libera

Eppure, bastava fare quattro ricerche online, incrociare un po’ di dati, scaricare qualche documento per rendersi conto che qualcosa stava succedendo, e non era qualcosa di buono per la lunga e travagliata evoluzione delle forme di governo che dal cosiddetto “ancien régime” aveva portato alle grandi democrazie liberali. Qualcuno aveva giocato sporco. Grandi banche come la Deutsche Bank avevano venduto miliardi di titoli di stato italiani, alzando alle stelle i tassi di interesse. Negli ambienti finanziari circolava voce che dietro al bombardamento speculativo ci fosse Goldman Sachs. Un signore sconosciuto alle masse di elettori era stato nominato Senatore a vita e Presidente del Consiglio dalla sera alla mattina. Un altro Senatore, Massimo Garavaglia, rivelò in seguito che una delegazione della Troika, in avanscoperta, aveva precettato ogni singolo parlamentare, costringendolo a dare il suo sostegno a un nuovo Governo che non solo non si era ancora formato, ma che non avrebbe neppure potuto essere in discussione, dato che formalmente era ancora in carico quello di Silvio Berlusconi e le consultazioni con il Presidente della Repubblica non avrebbero dunque potuto essere mai state avviate. Era una nuova marcia su Roma, che avrebbe trasformato il Parlamento in quella nuova “Aula sorda e grigia” che per lungo tempo avrebbe votato qualsiasi cosa, schiacciata tra la paura di perdere tutto e un’opinione pubblica che le avrebbe attribuito la responsabilità di tutti i mali, anche di quelli che avevano origini lontane.

E chi era mai questo Monti, proclamato salvatore della patria da un Presidente della Repubblica che si stava comportando come Vittorio Emanuele III, quando su mandato della finanza e delle élite svuotò il Parlamento di ogni sua efficacia, manovrando segretamente per la firma del Patto di Londra e violentando la sua vocazione non interventista per condurre il Paese dritto nella Prima Guerra Mondiale? Era espressione dello stesso potere che aveva impedito il referendum in Grecia, rovesciando il Governo e ponendolo sotto la dittatura della Troika, e che aveva speronato e poi abbordato anche l’Italia, prendendone il comando per realizzare le sue politiche neoliberiste, che passavano per la costruzione degli Stati Uniti d’Europa e per il processo di deindustrializzazione italiano iniziato alla fine degli anni ’80.

Burocrate europeo di lunga data, membro dell’unica Commissione Europea costretta alle dimissioni in blocco perchè nessuno dei commissari “poteva non sapere”, e soprattutto triumviro della Commissione Trilaterale, la potente organizzazione privata americana nata per volontà di Rockefeller con lo scopo preciso di superare le lungaggini delle democrazie parlamentari, perché (documenti alla mano) “le uniche democrazia che funzionano sono quelle dove la maggioranza del popolo rimane in apnea, ai margini del dibattito politico”, Mario Monti era il potentissimo rappresentante europeo delle lobby americane che aveva lo scopo preciso di costruire gli Stati Uniti d’Europa. Non era un obiettivo secondario, ma una vera e propria missione cui Monti è stato devotamente dedicato per anni (“committed”, come campeggiava in inglese sul suo curriculum).

Il modello doveva “orecchiare” quello degli Stati Uniti d’America, tuttavia con una differenza sostanziale: mentre gli Stati Uniti d’America si erano costituiti dal basso, con una rivolta fiscale nei confronti della madre patria che aveva condotto prima di tutto alla rivoluzione, e poi a una serie interminabile di confronti tra i vari stati per decidere della forma di Governo più opportuna, della struttura bicamerale e della composizione stessa delle camere, attraverso una accesissima sequela di scontri che portarono, secondo un processo eminentemente democratico, al famoso “compromesso del Connecticut”,  il progetto degli Stati Uniti d’Europa è sempre stata un’aspirazione elitaria, portata avanti all’insaputa dei popoli europei e spesso contro il loro stesso volere, come dimostra la lunga sequenza di referendum mai indetti, o che hanno avuto esito negativo oppure che, addirittura, sono stati fatti rifare fino a quando il responso non è stato quello voluto.

Perché? Nelle parole dello stesso presidente del Consiglio si possono scorgere alcune chiavi di lettura. In un incontro tenutosi all’ambasciata italiana di Washington, nello scorso febbraio, Monti ha detto esplicitamente che “Le imprese americane, soprattutto le grandi, sono state sempre tra i fattori di spinta dell’integrazione europea, per il loro vantaggio materiale“. Ed essendo la Commissione Trilaterale una potente rappresentanza proprio delle lobby americane, si comprende come la missione di Monti, alla Trilaterale, dovesse proprio essere quella di lavorare affinché si pervenisse celermente alla costituzione degli Stati Uniti d’Europa. Un obiettivo perseguito non in nome del popolo italiano, al quale la sua attuale carica di capo dell’esecutivo lo legherebbe, ma in nome di organizzazioni economico-finanziario-industriali di un altro continente.

Ma come è possibile forzare stati sovrani, che hanno alle spalle una tradizione secolare di autonomie e tratti identitari? La seconda, rilevante chiave di lettura arriva ancora dallo stesso Presidente del Consiglio, che in una conferenza tenuta all’Università Luiss Guido Carli, rivela:

« Nei momenti di crisi più acuta: progressi più sensibili. Non dobbiamo sorprenderci che l’Europa abbia bisogno di gravi crisi per fare passi avanti. I passi avanti dell’Europa sono per definizione cessioni di parti di sovranità nazionali a un livello comunitario. E’ chiaro che il potere politico, ma anche il senso di appartenenza dei cittadini a una collettività nazionale possono essere pronti a queste cessioni solo quando il costo politico e psicologico del non farle diventa superiore al costo del farle perché c’è una crisi in atto, visibile, conclamata. […] Abbiamo bisogno delle crisi per fare passi avanti, ma quando una crisi sparisce rimane un sedimento, perché si sono messi in opera istituzioni, leggi eccetera per cui non è pienamente reversibile. »

Nel video, che ho presentato durante la puntata di venerdì scorso dell’Ultima Parola, Monti afferma di avere una vera e propria “distorsione“, in relazione al modo in cui si devono creare le condizioni per la costituzione degli Stati Uniti d’Europa. La sua distorsione arriva con tutta evidenza dal progetto che persegue da anni per conto dei potenti ambienti economico-finanziari e commerciali (ivi comprese le cariche in Goldman Sachs, Moody’s, i think tank come Bruegel, gli Aspen Institute, i Forum Ambrosetti, i vari Cuncil di cui è membro, ma soprattutto la Commissione Trilaterale): l’unificazione delle interlocuzioni politiche e commerciali per conto delle lobby americane, ovvero la costruzione dell’Europa politica unificata, da attuarsi mediante lo smantellamento delle sovranità nazionali indotto da una profonda, irrisolta e possibilmente irrisolvibile crisi economica.

Se il progetto è questo, si capisce perché si devono fare manovre finanziarie peggiorative o neutre, inseguendo un modello di austerity incomprensibile che, secondo molti economisti – soprattutto all’estero – rappresentano l’estrema unzione per le economie nazionali: “Abbiamo bisogno delle crisi per fare passi avanti”. Monti, in nome e per conto di quell’1% elitario che gli ha affidato il mandato, ha bisogno di un permanente e profondo stato di crisi, come condizione necessaria perché quei popoli, che hanno sempre detto no agli Stati Uniti d’Europa, quei popoli che invece dovrebbero stare in apnea, ai margini del dibattito politico e non disturbare il manovratore con la loro pretesa di sovranità, assegnata loro da una Costituzione troppo “socialista” e da smantellare nel segno della nuova lotta di classe del terzo millennio, possano finalmente non solo acconsentire, ma chiedere a gran voce che si faccia qualcosa e che si faccia presto, non importa cosa e non importa come, perché rinuncino cioè alla loro storia e ai diritti conquistati nella seconda metà del secolo scorso per farsi capitale umano “cheap” e disponibile per la delocalizzazione della produzione intercontinentale. Da qui lo smantellamento dei diritti e l’unica forma di svalutazione possibile, essendo venuta a mancare quella monetaria: quella dei salari.

E’ per questo che pianse, la Fornero, quando nei primi giorni dopo il suo incarico mise mano allo stato sociale faticosamente costruito e guadagnato dai nostri nonni? Io credo di sì, credo che fosse per questo. Ma un anno fa, quando andai a Matrix insieme a Paolo – che ancora non conoscevo bene -, non potevo sapere che sarebbe stato ancora peggio di quanto, faticosamente, la mia ricostruzione di quei giorni avesse pure in maniera inquietante prospettato. Avevo tra le mani una pagina di un libro di storia, scritta di mio pugno, che sarebbe stata pubblicata solo molto tempo dopo. Non potevo ancora sapere di essere un contemporaneo che, per una strana ed irripetibile configurazione della rete, aveva gettato lo sguardo oltre la siepe, o allungato il collo fuori dalla scatola nera, ‘Out of the box’, come si potrebbe dire usando una metafora cara alla filosofia del pensiero laterale.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

57 risposte a Per quale squadra sta giocando, Monti, la nostra partita?

  • 8

    Caro Claudio,

    nel ringraziarti per il tuo preziosissimo lavoro di costruzione e di divulgazione della verità inerente la  genesi e la costruzione di questa mostruosità assolutamente anti-democratica che è la neo-liberale Unione Europea, così come concepita e forzatamente portata avanti dalle elites finanziarie globaliste a colpi di “cessione di Sovranità Popolare“, vorrei portare alla tua attenzione e di quella di chi ti segue, una iniziativa di molti gruppi locali campani del M5S che va esattamente nella direzione opposta a quella in cui questi oppressori ed assissini di Demo(s)crazia stanno portando le nostre Istituzioni Res-pubblicane.

    Dalla martoriata e depredata di ricchezze e di diritti Campania infatti, una vera e propria inarrestabile VALANGA si sta abbattendo sulle oligarchie, caste e sotto-caste delle Città e dei Comuni della nostra Regione.

    Tutto nasce dalla Legge 267/2000 che stabilisce l’OBBLIGO, per i Comuni Italiani, di prevedere nei propri Statuti comunali gli Istituti di Partecipazione Popolare (Istanze, Petizioni e Proposte) e gli Istituti Referendari (Consultivi-Abrogativi-Propositivi), strumenti essenziali per l’esercizio della “Sovranità Popolare“.

    Nella stragrande maggioranza dei Comuni, però, tali strumenti di Partecipazione non vengono disciplinati da appositi Regolamenti attuativi/applicativi e, tale mancanza, li rende degli strumenti INUTILIZZABILI per la Cittadinanza, come se fossero delle “pistole scariche”.

    Possiamo OBBLIGARE i Comuni all’emanazione dei Regolamenti attuativi degli Istituti di Partecipazione Popolare e degli Istituti Referendari previsti dagli Statuti attraverso la presentazione di Istanza Pubblica sottoscritta dai cittadini/elettori residenti nei Comuni stessi. Qualora le amministrazioni entro 60 giorni dalla presentazione dell’ Istanza non avviano il procedimento amministrativo che deve portare il Consiglio Comunale a deliberare tali Regolamenti, i cittadini proponenti possono indire ricorso al TAR Regionale che, nel caso in cui l’amministrazione continui nel suo atteggiamento di chiusura, nomina un COMMISSARIO “Ad Acta” esclusivamente per la loro emanazione.

    In virtù di quanto sopra esposto, il M5S Napoli ha protocollato presso il Comune di Napoli il giorno 20/01/2011 Istanza Pubblica accompagnata da 1200 firme di cittadini per richiedere i regolamenti attuativi degli Istituti esistenti e l’implementazione dei Referendum comunali abrogativi che, a differenza di quelli consultivi, presentano degli esiti VINCOLANTI per gli amministratori abrogando, di fatto, delibere di Giunta e di Consiglio. Nella seduta del 29/03/2012 le nostre richieste sono state approvate dal Consiglio Comunale di Napoli.

    Da allora molti altri gruppi del M5S si sono attivati in tal senso e, ad oggi, questa è la situazione:

    Napoli, link: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/campania/2012/04/il-consiglio-comunale-di-napoli-approva-la-nostra-istanza.html

    Sant’Antimo (NA), link: http://www.meetup.com/Gli-amici-di-Beppe-Grillo-di-Napoli/messages/boards/thread/24687632/10#87246502

    Caserta, link: https://www.facebook.com/ReferendumComunaliCaserta?sk=wall

    Airola (BN), link: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4480477257657&set=oa.447230601984728&type=1&theater

    Portici (NA), link: https://www.facebook.com/notes/sergio-puglia/m5s-portici-na-inizia-la-campagna-x-i-referendum-comunali/10152205891950304

    San Giorgio del Sannio (BN), link: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/campania/2012/11/acerra-promuove-la-partecipazione-popolare.html

    Giugliano (NA), link: http://www.internapoli.it/articolo.asp?id=24902

    Santa M. a Vico (CE), link: http://noi.caserta.it/rerefendum-comunali-il-gruppo-5-stelle-di-santa-maria-a-vico-raccoglie-firme-in-piazza-coi-consiglieri-iaderesta-e-de-lucia/

    Acerra (NA), link: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/campania/2012/11/acerra-promuove-la-partecipazione-popolare.html

    Pomigliano d’Arco (NA), link: http://www.youtube.com/watch?v=0YbzpGVOiz4

    Uno degli aspetti FONDAMENTALI, una volta emanati i regolamenti attuativi ed organizzati i primi Referendum comunali, è che i cittadini saranno “costretti” ad in-Formarsi discutendo fra loro in ogni ambito del quotidiano (nei bar, nei circoli, in famiglia, a scuola, al lavoro fra colleghi etc etc) e, approfondendo le tematiche sottoposte al loro insindacabile voto, amplieranno su questi temi la propria CONOSCENZA, regina di ogni ricchezza.

    Parteciperanno poi, FINALMENTE da protagonisti, ad un processo decisionale che sebbene per ora attivato solo a livello locale, se ripetuto con una certa frequenza, li porterà man mano a percepire e considerare la “Sovranità Popolare” non più come un concetto astratto e teorico ma come qualcosa di MOLTO concreto, potendo col tempo porre, attraverso gli strumenti di partecipazione popolare, saldamente nelle mani della cittadinanza TUTTA il timone del governo e di indirizzo almeno per le scelte fondamentali nel proprio Comune, “scippandolo” da quelle dei suoi pochi (quindi facilmente corruttibili e manipolabili) “rappresentanti” e, col tempo, a qualsiasi livello Istituzionale.

    L’esercizio del diritto referendario contribuirà inoltre a far sentire i nostri cari “rappresentanti” al un pò meno soli, autonomi e incontrovertibili nell’oneroso compito di rappresentarci. La direzione è chiara: autogoverniamociautorappresentandoci, iniziando dal semplice/locale/basso, dov’è più semplice intervenire nei processi decisionali e verificare/valutare i risultati ottenuti.

    Scusa la lunghezza del post, nella speranza che anche in altri Comuni italiani si attivino per concretizzare questa iniziativa. 

    Antonio Verrone, attiVista M5S NA.

  • 7
    Frablog

    Claudio,

    posso permettermi una critica nei tuoi confronti? Forse fa anche bene dopo tanti apprezzamenti..

    Faccio delle premessa: ti seguo da tanto e ti ringrazio dell’opera di informazione che fai. Ti “uso” come fonte di informazione su fatti che altrimenti non saprei, pero’ non sempre condivido le teorie che poi tu costruisci su quei fatti.

    Anche perche’ a volte non capisco se quelle teorie le ipotizzi solamente oppure se ne sei pienamente convinto..

    In ogni caso ti prego: smetti di autocitarti parlando sempre dell’articolo di Pierluigi Battista!! L’avrai fatto una decina di volte!!

    Tra l’altro nell’articolo la frase “peggiore complottista del secolo” che tu usi sempre non la vedo…

    Piuttosto la cosa piu’ offensiva dell’articolo di Battista nei tuoi confronti e’ che ha accostato il tuo nome a quello di Giulietto Chiesa, noto c**zaro su argomento 11 settembre..

    Poi un altra cosa: non che io difenda Monti, tutt’altro ..ho in testa le forti preoccupazioni che anche tu hai contributo a sollevarmi sul suo conto, pero’ una cosa della sua storia che potrebbe andare contro la tua teoria sul suo lavorare a favore delle multinazionali americane non mi pare di averla mai letta da te: la megamulta che Monti fece alla Microsoft quando era commissario all’antitrust europeo. Come mai non l’hai mai citata? (oppure linkami il post se me lo sono perso..)

    Dopo queste mie osservazioni..mi permetto anche di farti una richiesta ;-) : perche’ non fai un bel post in cui ci spieghi bene il funzionamento della BCE e soprattutto come e’ il giro dei soldi fra la BCE e le Banche Centrali nazionali?

    TI faccio questa richiesta a riprova della mia stima.

    Il blog e’ tuo e ci fai e ci scrivi quello che vuoi e come vuoi, pero’, io da “cliente” ribadisco: mi piacerebbe una piu’ chiara separazione fra fatti e teorie.

    Grazie di tutto

     

     

    • 7.1

      Non sto dicendo che i fatti non siano fatti e che le teorie non siano tali, e del resto ho sempre cercato di partire e mostrare fatti prima di dare la mia lettura: sto dicendo che la pretesa utopica di separarli scientificamente durante la loro presentazione/esposizione è destinata all’insuccesso ed è figlia di una esasperazione tecnocratica tipica dei nostri tempi, già confutata dagli stessi creatori dell’informazione equidistante di massa.Una democrazia ha molto più bisogno di scontri anche accesi, per funzionare, come avveniva prima dell’avvento dei media di massa.Leggiti anche il mio commento più sotto.

    • 7.2
      Mr. Age
      •    Fatto
      • 1 Quanto accade o è accaduto SIN eventoepisodi3 Ciò che è concreto, verificato, contrapposto a ciò che è generico, frutto di sole parole SIN realtàsostanza

      •  Teoria
      • 2 Nel l. com., opinione, punto di vista riguardo a qlco.: ho una mia t. su come educare i figli

      Ciao Claudio scusa ma ti devo contraddire perché secondo me c’è una bella differenza tra fatti e teorie. Un “fatto” è ciò che è concreto e verificato, una “teoria è un opinione, un punto di vista riguardo ad un determinato argomento.

      Mi spiego meglio:

      Un fatto è che il capitale della Banca d’Italia sia di proprietà privata (fonte Banca d’Italia).

      Una teoria è che sia stata regalata attraverso le privatizzazioni.

      Un fatto è che la cessione della Banca d’Italia sia stata effettuata illegalmente(fonte art. 3 statuto Banca d’Italia).

      Una teoria è che se ne siano avvantaggiati gli amici di Amato ,Prodi e Padoa Schioppa.

      Un fatto è che i vertici della BCE non sono eletti democraticamente e le quote della BCE sono di proprietà di Banche centrali che sono altre istituzioni i cui vertici non sono eletti democraticamente (statuto BCE).

      Una teoria è che la BCE non svolga funzioni di pubblica utilità ma sia alle strette dipendenze dei Banchieri internazionali.

      Un fatto è che l’Italia dal 1991 al 2011 abbia avuto un saldo primario attivo di 521 Miliardi di Euro e comunque abbia accumulato nello stesso periodo un ulteriore debito di 1147 Miliardi di Euro (dati FMI).

      Una teoria è che questo indebitamento sia dovuto ad un comportamento illecito.

      Un fatto è che le banche centrali non mettano nel bilancio i proventi del Signoraggio nascondendoci la reale valore di tali proventi(vedi bilancio Banca d’Italia).

      Una teoria è che i proventi di tali attività finiscano su qualche conto alle Cayman.

      Un fatto è che tutta la moneta circolante e virtuale non è sufficiente a pagare i debiti con il sistema bancario (vedi dati FMI e banca mondiale).

      Una teoria è che questo sia voluto da una ristretta cerchia di famiglie (Banchieri) al fine di renderci schiavi del debito.

       

      Si può pensare di risolvere questi problemi in vario modo ma non credo che si debba far confusione tra fatti e teorie. I fatti elencati sono verificabili facilmente nei siti ufficiali dei vari enti e istituzioni.

       

      Ora domando io per quale squadra gioca Monti.

      E’ un fatto che non gioca per noi(fonte risultati dell’economia e bilancio dello stato italiano nell’ultimo anno).

    • 7.3
      Mr. Age

      Grazie per la risposta che reputo esaudiente.

      Ho solo cercato di puntualizzare perchè di questi tempi le TEORIE “eretiche” o complottiste sono spesso usate per screditare FATTI concreti e verificabili.

      Colgo l’occasione per farti i complimenti per il meritato successo che stai avendo.

       

    • 7.4

      Una netta separazione tra fatti e teorie è impossibile. L’hanno capito anche i grandi intellettuali statunitensi che hanno inventato “l’informazione obiettiva”, assolutamente impossibile come l’Atomo di Rutheford. Hanno capito che ciò che serve è il confronto tra posizioni diverse, come in democrazia.I fatti da soli, poi, se non sono letti, intetpretati, selezionati nel giusto ordine, non sono niente. Se vieni qui è perchè vuoi la mia lettura. È pieno il mondo di fatti assolutamente anonimi le cui connessioni sfuggono a tutti. Per la mega multa, cosa dovrebbe dimostrare? Una rondine, forse, fa primavera? Quello che sta facendo e come è giunto qui non ti basta? Davvero ancora non ti basta? Battista leggilo meglio.

  • 6
    Mr.chi

    Siamo stati vittime di un colpo di Stato,complici anche la coalizione delle forze politiche che fino a qualche giorno prima della nomina a senatore a vita di Monti, si facevano la guerra a suon di putt@ne e Bunga Bunga.

    L’istaurarsi del governo tecnico attuale e anticostituzionale ,era necessario per le banche in pericolo e per i loro “padroni”e Monti era ed è la persona giusta per rafforzare il loro potere.

    Ormai è anche evidente che ai nostri pupazzetti di politici italiani,non è concesso assolutamente prendere decisioni o addirittura esprimere i loro punti di vista,pena il richiamo immediato alla compostezza della dittatrice europea Angela Merkel.

    Cosa decideranno per noi e per gli altri paesi indeboliti in modo piu marcato dall’attuale crisi economica?

    forse il declino definitivo ma a tappe,giusto per dare il tempo ai poteri forti di cominciare a comprare (quando saremo indebitati fino al collo) i nostri aeroporti,le nostre linee ferroviarie,i nostri interi nuclei industriali,la nostra marina,le nostre compagnie telefoniche,le università,i monumenti e poi si continuerà con coste,isole e compagnia bella.

    Non prendetemi per un pazzo visionario,lo scenario che si sta presentando non lascia spazio a fantasie autodistruttive,ma a dati di fatto evidenti.

    Monti è stato messo li per non fare gli interessi degli italiani,Mario Draghi è stato messo li per non fare gli interessi degli italiani.

    Non facciamo ci illusioni,la crisi finirà quando saremo falliti definitivamente e ci avranno venduto,a quel punto però ci avranno cambiato anche i connotati.

    Monti sta giocando per la sua squadra,gioca per il Gruppo Bilderberg.

  • 5
    Euroleso

    Roma, 11 nov. (TMNews) – Mario Monti si sente solo? “Non credo che si possa considerare solo uno che – per quello che possono valere i sondaggi – sembra avere un consenso superiore a quello di cui godono i partiti che lo sostengono in Parlamento. E quando incontro persone per la strada, mi sento dire quasi sempre: ‘Vada avanti!’. Qualcuno, ma è raro, è più esplicito sui sacrifici: ‘Vada avanti, ma ci tassate troppo!’. Altri hanno un tocco di comprensione sulla difficoltà del compito”. E’ quanto afferma il premier Mario Monti nel corso di un’intervista-prefazione al suo libro, ‘Le parole e i fatti’.

    Da quanto venderà il suo libro, giudicheremo quant’è il numero di c*****ni che ci sono in Italia.

  • 4
    Grigio

    Scusate, ma mi è partito il post incompleto…

    Stavo dicendo sull’articolo di Battista che, in realtà, nella negazione della verità (che lui ha descritto in maniera ironica), è evidente che non influisca, anche se in maniera pesante, solo il veto dei cosiddetti “illuminati”, ma anche la totale ignoranza dei politici su questo argomento.

    Se vi è capitato di notare in rete, interviste ai nostri rappresentanti, su questo argomento, credo che siate rimasti a bocca aperta, come il sottoscritto, di fronte all’evidenza di  una loro totale ignoranza su quello che è il Mes, il Fiscal Compact ecc.

    Tutto ciò per ringraziare ancora una volta di più l’operato di Claudio, sperando che i politici ti leggano più spesso, ora che sei stato indicato come un loro potenziale “pericolo”.

  • 3
    Paolo buon

    Purtroppo, tutto quello che viene detto a proposito di un ordine mondiale, passa come fanta politica!Anch’io, nel mio piccolo cerco di far capire, che poche famiglie dominano il Mondo,ma vengo puntualmente deriso. Quando parlo, dei Rothschild, mi prendono per matto!Quando ho parlato delle riunioni dei capi di stato, dove la stampa non può partecipare (l’ultima a New York, dove ha partecipato Monti), non ci crede nessuno o quasi!Quando porto esempi concreti, come l’uccisione di Gheddafi,pianificata perchè voleva dare il petrolio a chi voleva,pochissimi mi danno ragione.Il fatto è che io non voglio aver ragione, voglio essere creduto! Ciò che dice Grillo,sul web era già da tempo che compariva ,bastava andare a leggere, non fidarsi del giornalismo di stato!Sono contento che in una trasmissione televisiva abbiano invitato, un giornalista che sa le cose! Mi è piaciuta la faccia dei due personaggi più quella dell’imprenditore, sembrava che si fosse detto delle cose fanta scientifiche, proprio come quando cerco di spiegare le cose ai miei amici, fortunatamente ad onor del vero,qualcuno comincia ad interessarsi e ad andare a leggere!Quando scrivo,per me è sopratutto uno sfogo, basta ragionare e la verità appare chiara! Certo che per qualcuno, leggere determinate notizie è una grossa delusione! Meglio ,però,delusi ma coscienti di ciò che ci succede attorno, che vivere nella menzogna di politicanti arrivisti che del Popolo se n4e fregano!!Un caro saluto a tutti,Paolo buon.    

  • 2
    guva68

    2013: Anno decisivo per il destino dell’italia……………

     

  • 1
    iltempopassa

    Claudio,

    Alex Jones di Infowars da anni è uno dei tanti che scrive, predica, documenta questo sistema. Se dai un occhiata al simbolo che capeggia sui mercenari che ieri a Dowa hanno firmato un accordo sulla Siria ti rendi conto che l’0occhio che vige su tutti e la piramidella massonica son ben visibili,

    http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=40730&typeb=0&Le-opposizioni-siriane-firmano-l-unita-

    Il nuovo ordine mondiale sta prendendo il potere su tutto il pianeta, parlare solo di Mario Monti o di moneta unica è riduttivo se consideri che il piano di questa gente è si di averee una sola moneta ma non l’euro visto che mirano ad introdurre una sola moneta globale cosi come un solo governo mondiale etc etc.

    Tu hai visibilità, invece di perdere tempo con Monti prova ad esprimere i tuoi concetti a livello globale perchè qui la situazione si stà mettendo male e loro, quelli che ti stanno mettendo nel mirino, sono molto astuti oltre ad avere fondi economici infiniti per far passare il loro dogma.

    Buon lavoro 

  • 0
    Lalla

    o questa (a proposito?)

     

    http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=11077

    La Germania e, di recente, anche la Francia di Hollande sono dei “furbetti internazionali”, poiché si sono dotati di una banca pubblica che finanzia apparati industriali fondamentali per la crescita delle PMI dei loro Paesi, e allo stesso tempo truccano i bilanci statali per far apparire il debito pubblico meno elevato di quello degli altri Stati.

    Partiamo prima con una premessa fondamentale. Come tutti sanno nell’Unione europea c’è la Banca Centrale Europea che ha l’obiettivo di gestire la politica monetaria (controllando la base monetaria o fissando i tassi di interesse a breve) e di controllare il tasso di inflazione. La banca centrale di ciascun paese europeo, detta anche BCN, Banca Centrale Nazionale, forma, insieme alla Banca centrale europea (BCE), il Sistema europeo delle banche centrali (SEBC).

     

    Quanto all’indipendenza della BCE e e delle BCN dai governi nazionali essa è chiarita già citando alcuni articoli che si rivelano fondamentali nella politica monetaria della zona euro:

     

    l’art.105 del trattato di Maastricht, infatti, prevede che “la BCE ha il diritto esclusivo di autorizzare l’emissione di banconote all’interno della Comunità.”;

    l’art.107 aggiunge che “nell’esercizio dei poteri e nell’assolvimento dei compiti loro attribuiti… né la BCE, né una BCN, né un membro dei rispettivi organi decisionali possono sollecitare o accettare istruzioni dalle istituzioni o dagli organi comunitari, dai governi degli Stati membri, né da qualsiasi altro organismo. Le istituzioni e gli organi comunitari, nonché i Governi degli Stati membri, si impegnano a rispettare questo principio e a non cercare di influenzare i membri degli organi decisionali della BCE o delle Banche centrali nazionali nell’assolvimento dei loro compiti.” ;

    all’art.108 A.1, si legge che “ la decisione (della BCE, n.d.r.) è obbligatoria in tutti i suoi elementi per i destinatari da essa designati” (ossia noi cittadini europei).

     

     

    Sembra essere un vero e proprio potere assoluto, in materia di politica monetaria, nelle mani della BCE che è un ente privato sovranazionale, espressione del totalitarismo della grande finanza.

     

  • -1
    Andy77

    Intanto complimenti a Claudio per la sua bravura nell’esporre.

    Io, da fruitore del lavoro dei giornalisti per nulla addentro alle tecniche di giornalismo ecc., penso che un giornalista debba a)esporre dei fatti e b) darne una lettura (sua, che posso condividere o meno). Altrimenti tutto si ridurrebbe a un elenco di flash ansa. Anche il lavoro di collegare notizie ed esporle in maniera articolata e ragionata fa parte del giornalismo.

    Personalmente spero sempre di trovare articoli, servizi, ecc. in cui il giornalista da un lato espone chiaramente i fatti (meglio se citando chiaramente le fonti) e poi esprime le sue idee sui fatti esposti facendo ben comprendere al lettore che fin lì son i fatti, oltre sono le sue idee, il suo commento ecc.

    A noi lettori rimane sempre la possibilità di esercitare il nostro senso critico. Anche perchè aspettare “la pappa pronta”, la “verità vera” servita su un piatto d’argento, leggibile in 5 minuti in pausa pranzo, è un pò come illudersi di trovare il Sacro Graal.

    Ciodetto personalmente credo poco nei complotti, se per complotto intendiamo che al mondo esista una specie di super organizzazione segreta che in segreto compie oscuri riti decidendo le sorti del mondo.

    Credo invece che esistano al mondo poteri forti, molto forti, finanziariamente e dunque politicamente (laddove vi è moltissimo denaro è sempre possibile assoggettare chi viene investito dal popolo dello scettro del comando). E credo che sicuramente questi “poteri forti” hanno i loro interessi e fanno di tutto (visto che hanno ampissimi mezzi) per promuoverli e realizzarli.

    A noi “popolo” rimane come unica arma una sorta di democrazia “spuntata”, nel senso che alla fine se riescono a fregarsene anche di un referendum (vedi finanziamento pubblico ai partiti ecc.), cosa ci resta? 

    In quel senso è agghiacciante sentire voci che indicano come l’attuale riforma elettorale, sotto sotto, e si guardano ovviamente bene dal pubblicizzarlo, sia in qualche modo fatta anche per impedire al Movimento 5 Stelle, se ampiamente votato, di arrivare a formare un Governo.

    In tal senso probabilmente Grillo ha ragione nel dire che la democrazia rappresentativa è ormai superata (perlomeno dal punto di vista dei popoli, delle persone comuni), perchè difatto è ostaggio di un sistema più grande che inficia la volontà dei popoli. Non perchè vi sia un qualche gruppo massonico che in segreto opera nefandezze, ma perchè nei ruoli di comando vi sono persone più sensibili a richieste/interessi/minacce di alcuni potentati economici/finanziari/sovranazionali che non alle richieste del popolo elettore.

     

     

     

     

  • -2
    Erix

    OT:

    Molto interessante il post sul blog di Beppe sull’intervento di Benito Livigni, assistente di Mattei.

    ‘ste cose dovrebbero andare in 1a serata su rai1 al posto di Vespa, e ripetute per un paio di settimane per far capire a molte teste italiane come vanno le cose nella nostra amata nazione….

  • -3
    Erix

    Ciao Claudio,

    ho provato a condividere su FB ma:

    – Page not found

  • -4
    puccini

    grazie claudio, come al solito sei una fonte inesauribile e preziosa di informazioni.

    per quanto riguarda la lacrimante ministra sei stato troppo buono apensare che si sia veramente commossa perchè  trattasi evidentemente di sceneggiata, ne abbiamo viste tante, ne vedremo sempre di più nei prossimi mesi.

    a proposito del fatto che getti lo sguardo oltre la siepe, hai scritto anche la pagina del duemilatredici? oppuree… oltre quella siepe, vsto che me ne sono perso un altro, c’è per caso il cellulare mio?  …tante volte… sai…

     

  • -5
    Rodolfo P.

    Rodolfo P. ha scritto :
    In questo paese tutti sono bravi a fare i dotti, ma quando si viene al dunque c’è un silenzio assordante! La parola che gli italiani e tutti gli altri non devono conoscere è SIGNORAGGIO! Se chiedi a Barnard… prima scriveva a Travaglio lamentandosi che non parlava di Signoraggio… poi ora lo rinnega! Se chiedi a Travaglio cosa ti risponde? Non sa! Se chiedi a Grillo… ti dice “non ne usciamo più!” se chiedi a Paragone di parlarne… fa finta di niente… non ti risponde! Rai Utile aveva fatto una trasmissione sul Signoraggio con Nino Galloni… e il giorno dopo è stata chiusa definitivamente! Insomma in questo benedetto paese la questione primaria che origina il Debito Pubblico cioè il Signoraggio NON SI DEVE CONOSCERE! Gli italiani NON devono sapere! Tutti d’accordo mainstream dell’informazione, politici, tanti economisti venduti ecc…! Noi cari italiani e concittadini NON dobbiamo conoscere la truffa che ci avvelena l’esistenza, ci toglie il denaro per vivere, ci spinge al suicidio! Chi sa e non parla è ugualmente complice come chi opera attivamente al Signoraggio! Tutti a parlare dei ladri di galline… ma del Signoraggio… quello che ingrassa i Rothschild e tutti gli altri banchieri strozzini non si deve parlare! Tutti zitti e mosca! Il popolo deve essere tosato in silenzio… non deve neanche sapere come e chi lo sta tosando! Qui la trasmissione integrale di RAI UTILE sul SIGNORAGGIO… Guardatela e ascoltate bene! Dopo questa trasmissione hanno chiuso RAI UTILE!!! E tutti zitti! https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258

    Su Firefox il link non si visualizza per intero… provo a rimetterlo.

    https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258

  • -6
    ciao

    Rodolfo P. ha scritto :
    In questo paese tutti sono bravi a fare i dotti, ma quando si viene al dunque c’è un silenzio assordante! La parola che gli italiani e tutti gli altri non devono conoscere è SIGNORAGGIO! Se chiedi a Barnard… prima scriveva a Travaglio lamentandosi che non parlava di Signoraggio… poi ora lo rinnega! Se chiedi a Travaglio cosa ti risponde? Non sa! Se chiedi a Grillo… ti dice “non ne usciamo più!” se chiedi a Paragone di parlarne… fa finta di niente… non ti risponde! Rai Utile aveva fatto una trasmissione sul Signoraggio con Nino Galloni… e il giorno dopo è stata chiusa definitivamente! Insomma in questo benedetto paese la questione primaria che origina il Debito Pubblico cioè il Signoraggio NON SI DEVE CONOSCERE! Gli italiani NON devono sapere! Tutti d’accordo mainstream dell’informazione, politici, tanti economisti venduti ecc…! Noi cari italiani e concittadini NON dobbiamo conoscere la truffa che ci avvelena l’esistenza, ci toglie il denaro per vivere, ci spinge al suicidio! Chi sa e non parla è ugualmente complice come chi opera attivamente al Signoraggio! Tutti a parlare dei ladri di galline… ma del Signoraggio… quello che ingrassa i Rothschild e tutti gli altri banchieri strozzini non si deve parlare! Tutti zitti e mosca! Il popolo deve essere tosato in silenzio… non deve neanche sapere come e chi lo sta tosando! Qui la trasmissione integrale di RAI UTILE sul SIGNORAGGIO… Guardatela e ascoltate bene! Dopo questa trasmissione hanno chiuso RAI UTILE!!! E tutti zitti! https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258

     

    Grazie della segnalzione…

     

    Se posso fare una considerazione, direi che non tutti sono pronti ad affrontare argomenti come il signoraggio…

     

    Ci si deve arrivare piano piano…la verità è che siamo troppo dipendenti da un sistema che basa l’intera esistenza umana sul denaro…

     

    Il progresso tecnologico dovrebbe permettere all’uomo di lavorare meno, faticare meno, e dedicarsi di più alla vita…

    Invece questo sistema fa tutto l’opposto rendendoci schiavi…

  • -7
    Rodolfo P.

    LA TRUFFA DEGLI EURO

    (provo a chiarire, in via definitiva, come ci truffano) – di Paolo Majolino

    E’ premessa evidenziare che la BCE è privata perché i suoi ‘azionisti’ sono privati; ad esempio un azionista con il 15% circa è la banca d’Italia che è una ‘istituzione pubblica’ ma di proprietà di privati al 95%!
    Allo stesso modo lo sono le altre banche nazionali e quindi sono privati che ‘posseggono
    il controllo’ della BCE.

    Gli euro stampati hanno – TUTTI – come anno di stampa il 2002 ed un numero di serie che inizia con una lettera. Per l’Italia è la S, per la Francia H, ecc.
    E’ EVIDENTE CHE GLI EURO SONO STAMPATI OGNI ANNO E MESE E PUO’ CAPITARE DI TROVARNE ALCUNI CON LA FIRMA DEL PRESIDENTE DRAGHI CHE, NEL 2002, NON AVEVA TALE RUOLO ! A COMPROVA CHE NON SONO STATI STAMPATI TUTTI NEL 2002 MA LO SONO PERIODICAMENTE.
    La BCE, NON indica la serie delle banconote emesse, a differenza della banca d’Italia e delle altre banche nazionali che, quando erano loro ad emettere banconote, rendevano note le serie.
    Una banca commerciale, non potendo sapere le serie, come fa a verificare se la banconota è genuina?
    In special modo oggi che la falsificazione ha raggiunto livelli di ‘eccellenza’.
    Nel mentre prima un cassiere accedeva al controllo del numero sul biglietto se era nelle serie di emissione della banca d’Italia controllando appositi archivi, poiché questo non è possibile, hanno escogitato un tecnicismo.
    Il totale dei numeri di ogni banconota deve dare una cifra a due numeri che, sommati, DEVONO dare SEMPRE un determinato numero in base al Paese e per l’Italia, le cui banconote iniziano con S, questo numero è 7 e quindi la somma dei singoli numeri deve dare una cifra del tipo 43, 52, 61 ed infatti 4+3,5+2,6+1: è sempre 7.
    E’ un sofisticato software che nello stampare i numeri assegna questa combinazione numerica.

    Detto ciò c’è da chiedersi perché mai è stata messa in atto questa ‘astuzia’.
    Avevo e da tempo indicato una delle ragioni, vale a dire che questi ‘privati’ quando dicono che hanno ‘immesso’ 500 miliardi di euro è qualcosa che dobbiamo credere e basta non potendo verificare le serie; nei fatti – questi privati – possono aver stampato 100 miliardi di più o ben altra somma!
    L’ indicare sempre lo stesso anno non consente, a chi ha studiato statistica, di poter risalire, pur con approssimazione, a quante banconote la BCE stampa perché con l’indicazione dell’anno potrebbe essere possibile. Esemplificando, un po’ come con gli exit poll , verificando in una determinata area campione quante banconote di un certo taglio con un anno specifico ci sono, attuando semplici modelli matematici, si è in grado di sapere – ribadisco con ragionevole approssimazione – la quantità di banconote stampata di quel taglio.
    Ero nella convinzione che la ratio sottostante fosse solo quella di stampare, celatamente, maggior denaro.
    E non è così, ovvero e meglio, il tutto è fatto per ben altra e più consistente ‘ragione’.

    E’ importante evidenziare che il bilancio della BCE presenta un’anomalia, vale a dire che al passivo è indicata la somma di denaro stampato ed emesso al valore ‘facciale’ e chiarisco con un esempio.
    ATTIVO
    1.000 mld € Crediti derivanti dall’allocazione delle banconote in euro all’interno dell’Eurosistema.
    PASSIVO
    1.000 mld € Debiti derivanti dall’emissione delle banconote in euro all’interno dell’Eurosistema

    Nel mentre nei costi (passivo) andrebbe riportato il SOLO costo sostenuto per la stampa delle banconote; così non è, perché se facessero in questo (giusto) modo gli utili sarebbero così tanti la cui tassazione porterebbe un beneficio tale da poter azzerare il debito pubblico dell’area Europa!
    Oggi ho scoperto, in via definitiva, un’altra e più concreta ragione sottostante al fatto che gli euro sono stampati TUTTI con lo stesso anno: 2002.
    La BCE doveva risolvere il problema che, allorquando insisteva la restituzione del denaro prestato e dovendo riportarlo nelle entrate, ciò ripresentava la problematica di enormi utili che era stata risolta con l’indebita collocazione al passivo del denaro stampato!
    Soluzione (astuzia): la BCE indica che il denaro che le è restituito lo distrugge ?!?
    Nessuno ha mai assistito a questa distruzione e dovrebbero filmarla, stante ovviamente la presenza di Cittadini non collusi!
    La banca d’Italia, quando emetteva le lire e ne doveva distruggere un quantitativo per necessità ‘fisiologiche’ di banconote usurate, oltre ad indicare taglio/serie, aveva il vezzo di regalare mazzetti di banconote tagliate, a maggior prova dell’avvenuta distruzione.
    E’ opportuno ora ricordare cosa accadde tanti anni fa e che fu dante causa della creazione della banca d’Italia.
    La Banca di Roma era una delle tre banche a cui era concesso l’emissione di banconote (previo corrispettivo di riserve auree in proporzione alle banconote emesse), ancorché la stampa avveniva per il tramite della banca d’Inghilterra che emetteva denaro solo sulla certezza delle proporzionali riserve auree della Banca di Roma che ebbe grosse difficoltà di liquidità perché impegnata a finanziare amici e politici che acquistavano immobili all’asta dei tanti sventurati caduti sotto le grinfie della banca che prestava a soggetti dei quali sapeva che avrebbero avuto difficoltà alla restituzione e quindi aggrediva il patrimonio poi messo all’asta. Il Governatore della Banca di Roma trovò il modo (truffaldino) di procurarsi liquidità. Rendeva noto alla banca d’Inghilterra di aver mandato al macero una certa quantità di denaro indicando taglio e serie e, giustamente, la banca d’Inghilterra le inviava denaro nuovo in proporzione a quando distrutto.
    Accadde che un Direttore di una filiale siciliana della Banca di Roma ebbe tra le mani due banconote con la stessa serie. Avvisò prontamente, ligio al dovere, il Governatore e questo gli procurò l’essere stato poi ammazzato in circostanze mai chiarite ed invero, perché uomo probo, avvisò anche la Magistratura che avviò le indagini e fu uno scandalo messo poi politicamente a tacere perché erano coinvolti finanche ministri e presidenti del consiglio !
    Nei fatti ciò determinò la nascita di un istituto terzo che emettesse denaro e quindi significò la costituzione della banca d’Italia.

    Tutto ciò detto, la BCE doveva risolvere il problema di come non portare a bilancio in attivo la restituzione delle ingenti somme che presta ed ecco la ‘storia’ della distruzione del denaro.
    E’ evidente che dovendo distruggere denaro è impensabile che sia denaro stampato nell’anno corrente o immediatamente prima e certamente chi restituisce le somme avute in prestito non fa incetta di banconote vecchie; ne consegue che non siamo in grado di valutare se le banconote sono distrutte ed in special modo se si distruggono quelle vecchie, nella considerazione che dal 2002 sono passati 10 anni e, ragionevolmente, quelle realmente emesse in quell’anno sono usurate e da ‘rottamare’. Con l’indicazione dell’effettivo anno di stampa e col passare degli anni non dovremmo più veder circolare banconote del 2002, poi del 2003 e così di seguito, con tutte le eccezioni ovviamente, ma la maggior parte delle banconote ‘vecchie’ non dovrebbe più vedersi con la stessa frequenza.
    Tutto questo è reso vano dal fatto che le banconote stampate anche nel 2012 riportano come indicazione l’anno 2002!
    Poiché TUTTE le banconote sono del 2002 non sapremo mai se c’è stata effettivamente una ‘distruzione’ ovvero, come è stato dimostrato, la BCE trasferisce questo denaro in conti esteri in Paesi offshore e la quantità di conti esteri in dote BCE è enorme e c’è da chiedere loro ‘A cosa vi servono questi conti bancari?’
    B A S T A, B A S T A, B A S T A e B A S T A !
     p. s. / di recente ho scoperto che questi ‘privati’ della BCE con una semplice delibera del loro Consiglio Direttivo, hanno determinato che l’8% degli euro stampati sono per loro uso ?!? Comprendete bene che parliamo di somme inverosimili!

     

    La fonte: 

    http://www.lanuovaitalia.eu/wordpress/la-truffa-degli-euro/ 

     

  • -8
    Rodolfo P.

    A lezione di Signoraggio da Scilipoti!


    http://www.youtube.com/watch?v=6s-j5gC7V2E

     

  • -9
    Frablog

    byoblu ha scritto :
    Una netta separazione tra fatti e teorie è impossibile. L’hanno capito anche i grandi intellettuali statunitensi che hanno inventato “l’informazione obiettiva”, assolutamente impossibile come l’Atomo di Rutheford. Hanno capito che ciò che serve è il confronto tra posizioni diverse, come in democrazia. I fatti da soli, poi, se non sono letti, intetpretati, selezionati nel giusto ordine, non sono niente. Se vieni qui è perchè vuoi la mia lettura. È pieno il mondo di fatti assolutamente anonimi le cui connessioni sfuggono a tutti.”

    Beh, allora non sono d’accordo con i grandi intellettuali statunitensi. Per me fatto e teoria continuano ad essere due cose completamente diverse, tant’e’ che a partire dagli stessi fatti si possono costruire teorie diverse.

    Io vengo qui principalmente perche’ voglio informazioni che altrove difficilmente ho. Certo anche la tua lettura mi interessa. Ma il motivo principale sono le informazioni.

    Per la mega multa, cosa dovrebbe dimostrare? Una rondine, forse, fa primavera?”

    Certo non dimostra nulla, ma e’ un fatto, un informazione in piu’.

    Quindi, alla luce del discorso fatti-teoria, potrei pensare che tu hai scientemente deciso di non parlare delle megamulta, perche’ tu l’hai ritenuto un fatto ininfluente relativamente alla teoria che stavi esponendo? Corregimi se sbaglio.

    “Quello che sta facendo e come è giunto qui non ti basta? Davvero ancora non ti basta?

    Mi basta mi basta….

     

    “Battista leggilo meglio.

    Boh..sara’ l’ora tarda ma quella frase proprio non la vedo..

     

     

    • -9.1

      Hai ragione, la caratterizzazione “del secolo” non c’é. Probabilmente avevo usato una deduzione logica: siccome il primato del complottismo, secondo Battista, dal ’91 in poi andava a Chiesa, e siccome con l’articolo Battista incoronava me come numero uno, essendo nel frattempo cambiato secolo potevo fregiarmi del titolo come detentore in carica. La maggiore inesattezza di quell’articolo, ovvero quello che contesto maggiormente, è il passo dove dice che “i complottisti” non amettono dubbi. Al contrario: io esprimevo molti dubbi. La mia era un critica ragionevole volutamente ridicolizzta.Per quanto riguarda la multa: no, non me ne sono mai occupato. Non posso occuparmi di tutto e, se mi consenti, nel profluvio di articoli che incensano Monti, il mio compito deve essere quello di tendere al riequilibrio. Se riesci a recuperare informazioni esaustive, passamele.In ogni caso, consentimi di dirti che commetti un errore. L’informazione non può essere una pappetta preconfezionata, ma deve nascere da una contrapposizione, esattamente come la sintesi politica nasce da una opposizione parlamentare. Tu leggi tutto, e poi fai la tua personale sintesi. La rete ha il pregio di costringere alla critica: ognuno lavori e pervenga alla sua verità grazie al raffrono costante. Il mio compito é di fornirti una lettura che altrove non trovi. In ogni caso, i dati li evinci chiaramente dal’articolo. Si capisce bene quali siano le citazioni, i documenti, e quale la mia lettura. Fare di più non é un compito che attiene a me: questa non Ä— matematica. Esci dall’ipertecnicismo tipico dei nostri tempi, che fa smarrire la capacità di avere visione complessiva.

    • -9.2
      blastlikecrazy

      Certo che se dopo tutto quello che e’ stato detto sull undici settembre ci sono ancora individui che credono alle fesserie che le autorità, si fa’ per dire, ci hanno detto, e’ chiaro che queste stesse persone credano che quel ******* di monti sia un benefattore. C’è gente che crede anche nell’immacolata concezione e babbo natale!!!!! Forse e’ proprio qui che comincia il tutto. Abituati a credere nelle fregacce della religione poi puoi credere anche a tutto il resto!!!!!

    • -9.3
      Maddalena

      Fortuna che l’eroico Pigi, con autocompiaciuta onestà intellettuale, si ricordò nell’articolo di ammettere che ogni tanto qualche complotto c’è stato veramente. Si suppone allora che non sia il caso di ricordargli come il quotidiano su cui scrive si ritrovò, qualche decennio fa, un direttore che poi risultò essere iscritto ad una strana associazione che si poneva finalità sospettosamente sovversive da attuarsi anche a mezzo stampa. Ma tutto ciò è troppo complottista, ricordiamoci sempre di essere moderati :-)

    • -9.4
      yoyo_su_byoblu

      “Piuttosto la cosa piu’ offensiva dell’articolo di Battista nei tuoi confronti e’ che ha accostato il tuo nome a quello di Giulietto Chiesa, noto c**zaro su argomento 11 settembre..”

      Scusate l’off ma..

      ..noto c**zaro di che? Le famiglie dei morti delle torri si sono riuniti e hanno contestato la versione dei fatti accaduti del governo. Per dirla in breve non credono ai c**zari (questi si..) che sostengono la versione “ufficiale”. Ormai è storia vecchia e ai terroristi impazziti non crede quasi piu nessuno nemmeno in america. Svegliarsi please..

      Tornando in tema post..

      la multa alla microsoft? Si emm..in effetti è cosa nota che bill gates stava per fallire per colpa di monti.. Il saggio indica la luna…etc..etc..

       

       

  • -10
    Grigio

    Pierluigi Battista nel suo suo articolo chiosa dicendo che secondo i complottisti, laddove la verità non riesce ad emergere o ad  attecchire è perchè subisce l’ostacolo dei potentissimi “illuminati”

  • -11
    flavio_tv

    Claudio ……… SEI UN GRANDE !!!!!!!!!!

  • -12
    Mr. Age

    Non so per quale squadra giochi Monti!

    Sicuramente non gioca per l’italia!

    A questo punto che facciamo aspettiamo che ci mandi in serie B?

    Forse un nuovo allenatore ci sarebbe ma sta ancora temporeggiando perchè non ha deciso il modulo e la formazione con cui scendere in campo!

    Il campionato è quasi finito e salvo miracoli andremo nella serie B dell’economia, con le conseguenze che tutti sappiamo.

    Forse ora è il momento di parlare chiaro e chiamare le cose con il loro vero nome.

    Monti non gioca in un altra squadra, Monti è un traditore della patria e come tale andrebbe condannato insieme ai suoi amici Prodi, Draghi, Padoa Schioppa etc..

    La Banca d’Italia (che non è la banca degli italiani) è una associazione a delinquere che si prende i redditi da signoraggio e oltretutto non ci paga neanche le tasse.

    L’Italia non è stata commissiariata dall’europa ma dalla BCE che è un organismo privato!

    Il debito italiano (come degli altri stati) non è dovuto a politiche di deficit ma allo strozzinaggio delle banche che di fatto applicano interessi sugli interessi cosa che sarebbe vietata dalla legge italiana.

    Forse è l’ora di essere un pò meno politicamente corretti e un pò più concreti!

     

     

     

  • -13
    Rodolfo P.

    Claudio come mai hai deciso di non occuparti di Signoraggio? Chiederti di fare un’intervista a Nino Galloni sul tema Signoraggio è chiedere troppo? E quando vai su Rai 2 da Paragone… tirare fuori l’argomento è così pericoloso? Grazie!

  • -14
    antonellonebbia

    blastlikecrazy ha scritto :
    Certo che se dopo tutto quello che e’ stato detto sull undici settembre ci sono ancora individui che credono alle fesserie che le autorità, si fa’ per dire, ci hanno detto, e’ chiaro che queste stesse persone credano che quel ******* di monti sia un benefattore. C’è gente che crede anche nell’immacolata concezione e babbo natale!!!!! Forse e’ proprio qui che comincia il tutto. Abituati a credere nelle fregacce della religione poi puoi credere anche a tutto il resto!!!!!

     

    Quoto.

  • -15
    sandrolibertini

    Nei paesi nordici l’ 11.11. è la festa di San Martino..

    tra l’altro anche ….l’inizio della 5. stagione…. il carnevale

     

    (Köln -Achen – Mainz – ecc e chi hanno deriso…

    Pes a Silvio hanno dato 4 anni, tre non li fà per’indulto da lui inventato e il 4. non lo conteggiano per le ore trascorse ammanettato da una domina..

    Faccio per dire che al nord dell’Italia, a parte la Merkel che crede sempre ancora nelle balle, il resto deride l’Itaglia…

     

  • -16
    gdk

    Grazie, Claudio, per il tuo lavoro, vera informazione. Purtroppo la rete riesce a raggiungere una piccola parte della gente, e allora bisogna attaccare anche l’informazione di sistema, e innanzitutto la Rai, che vive di canone pagato dai cittadini a cui non rende quella informazione indispensabile per una democrazia reale. Perchè la Rai non parla del trattato di Mastrict, del trattato di Lisbona, del Mes, del fiscal compact ? Perchè non spiega il funzionamento della BCE e delle istituzioni europee, perchè non ci spiega il funzionamento del sistema bancario italiano, a cominciare da Bankitalia incredibilmente privata ? Come può la gente esercitare quella sovranità sancita dalla costituzione se non sa nulla di questi meccanismi approvati dai vari parlamenti senza alcuna discussione e all’insaputa della gente ? Ci sono state le elezioni in Sicilia e abbiamo visto che il 53% degli elettori è rimasto a casa, il 4% ha votato scheda bianca, il 15% ha votato M5S. Si può dire c’è una forza di oltre il 70% contro il sistema, eppure il rimanente 30% continua ad occupare la Rai facendo l’informazione che sappiamo, con quale diritto ?

  • -17
    vascolabile

    Claudio, che parere hai di Chiesa e Sapelli?!No, perchè nella mia mente ho sempre un pensiero di come potrebbe essere un governo tecnico composto da gente come Borghi, Bagnai, Becchi, ecc., ecc…

     

  • -18
    Mr. Age

    Salve Claudio

    Ora ho la certezza che Monti legge il tuo blog e per non lasciarti nel dubbio ha risposto chiaramente alla tua domanda.

    Sta organizzando una simpatica rimpatriata con la sua SQUADRA di amici del bilderberg proprio a casa nostra!

    Effettivamente mi sbagliavo!

    Questo non è un complotto, i complotti si fanno in segreto, di nascosto.

    Loro stanno decidendo se commissariarci in un albergo nella CAPITALE D’ITALIA sotto gli occhi di tutti, alla luce del sole come se fosse la cosa più normale del mondo.

    Ma stiamo scherzando! Commissariare uno stato sovrano?????

    Per favore scrivi qualcosa!

     

  • -19
    ciao

    CLAUDIO SPERTO TU LEGGA QUESTO MIO COMMENTO….
    HO AVUTO UNA GROSSA ILLUMINAZIONE!!!

    Monti dichiara spesso che uno dei suoi obbiettivi primari è la lotta all’evasione fiscale

    Cito una frase di Milton FRIEDMAN:

    “Se l’Italia si regge ancora in piedi è grazie al lavoro nero e all’evasione fiscale… l’evasore in Italia è un patriota”

     

    Non ho parole…

     

    • -19.1
      Rodolfo P.

      In questo paese tutti sono bravi a fare i dotti, ma quando si viene al dunque c’è un silenzio assordante! La parola che gli italiani e tutti gli altri non devono conoscere è SIGNORAGGIO!

      Se chiedi a Barnard… prima scriveva a Travaglio lamentandosi che non parlava di Signoraggio… poi ora lo rinnega! Se chiedi a Travaglio cosa ti risponde? Non sa! Se chiedi a Grillo… ti dice “non ne usciamo più!” se chiedi a Paragone di parlarne… fa finta di niente… non ti risponde!

      Rai Utile aveva fatto una trasmissione sul Signoraggio con Nino Galloni… e il giorno dopo è stata chiusa definitivamente! Insomma in questo benedetto paese la questione primaria che origina il Debito Pubblico cioè il Signoraggio NON SI DEVE CONOSCERE!

      Gli italiani NON devono sapere!

      Tutti d’accordo mainstream dell’informazione, politici, tanti economisti venduti ecc…! Noi cari italiani e concittadini NON dobbiamo conoscere la truffa che ci avvelena l’esistenza, ci toglie il denaro per vivere, ci spinge al suicidio!

      Chi sa e non parla è ugualmente complice come chi opera attivamente al Signoraggio!

      Tutti a parlare dei ladri di galline… ma del Signoraggio… quello che ingrassa i Rothschild e tutti gli altri banchieri strozzini non si deve parlare! Tutti zitti e mosca! Il popolo deve essere tosato in silenzio… non deve neanche sapere come e chi lo sta tosando!

      Qui la trasmissione integrale di RAI UTILE sul SIGNORAGGIO… Guardatela e ascoltate bene! Dopo questa trasmissione hanno chiuso RAI UTILE!!! E tutti zitti!

      https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258

    • -19.2
      Maddalena

      Ciao Rodolfo,

      se non erro, il signoraggio altro non è che la possibilità da parte di un governo di creare nuova moneta, in modo da avere un reddito con cui finanziare direttamente l’acquisto di beni e servizi. Il problema non è tanto il signoraggio di per sè, ossia la differenza tra valore nominale e costo di produzione della moneta (se non ci fosse tale differenza, nulla si creerebbe), quanto il fatto di non poterlo più avere. Il ricorso al signoraggio, entro certi limiti può essere assai utile. L’aspetto negativo è un ricorso eccessivo che conduce ad una spirale inflazionistica (troppa creazione di moneta –> inflazione –> ulteriore ricorso al signoraggio, ecc fino all’iperinflazione).

      Oltre a perdere la facoltà di signoraggio, abbiamo perso la possibiità più ampia di effettuare politica monetaria. Quindi non se ne parla, forse, perché si parla (da parte di chi ne parla) dell’argomento più ampio, che include ma non si limita al signoraggio.

       

       

       

    • -19.3
      Maddalena

      ciao Age, utilissimo, corro, in base al video, a bruciare il pezzo di carta, che comprendeva pure un inutile esame di economia monetaria, comunque già polveroso di suo :-)

    • -19.4
      Mr. Age

      Ciao maddalena

      Il signoraggio è l’insieme dei redditi derivanti dall’emissione di moneta.

      In senso stretto è la differenza tra il costo di stampa e il valore facciale.

      Il problema principale del signoraggio sta nel fatto che la banche centrali occultano tali redditi rendendoci impossibile verificare il reale valore di questi proventi che dovrebbero essere a favore dei cittadini.

      Nessuno sa in effetti dove vadano a finire.

      Inoltre l’emissione della moneta è sempre effettuata dal sistema bancario a mezzo di prestiti (Capitale+interessi), ciò comporta l’impossibilità di onorare tali debiti.

      Infatti mentre il capitale viene emesso, ciò non avviene per gli interessi.

      Guardati questo video è molto chiaro

      http://www.youtube.com/watch?v=q2S0nX-WG5k

      Spero di esserti stato utile

       

  • -20
    GranTubone

    Riguardo al fatto che le grandi aziende americane traggono vantaggio dalla integrazione europea, cercate informazioni sul Transatlantic Business Dialogue (TABD).

    “It is an informal process whereby European and American companies and business associations develop joint EU-US trade policy recommendations, working together with the European Commission and US Administration.”

     

    http://en.wikipedia.org/wiki/Transatlantic_Business_Dialogue

     

    http://www.reuters.com/article/2011/11/23/usa-eu-trade-idUSN1E7AL1KZ20111123

     

    http://www.bilderberg.org/critic.htm

  • -21
    Lalla

    ma la domanda principale, sapute tutte queste cose, cosa si fa? Nel senso: che potere abbiamo di cambiare le cose? Che strumenti? Sento Barnard che parla di conferenze MMT: e dopo la conferenza pensiamo che il governo dica: va bene cambiamo politica? Sento Lannes che, insieme a Di Cori Modigliani, dice che la MMT è proposta da uno che ha guadagnato con i derivati (non sono polemica, vorrei solo capire) ed non serve a niente, quindi? Stiamo quì ad avvelenarci il cervello con quante ce ne hanno fatte e quante ce ne faranno e basta. Scusate lo sfogo ma è quello che sento. Anche se è indispensabile far conoscere le cose, penso che la massa critica non la possiamo raggiungere mai, anche io provo a spiegare un po’ di cose in ufficio, ma vedo sguardi persi, risposte vaghe, interesse pari allo zero. Mi rispondono che , appunto, non si può cambiare le cose, ecc…

  • -22
    Neopunzia

    blastlikecrazy ha scritto :
    Certo che se dopo tutto quello che e’ stato detto sull undici settembre ci sono ancora individui che credono alle fesserie che le autorità, si fa’ per dire, ci hanno detto, e’ chiaro che queste stesse persone credano che quel ******** di monti sia un benefattore. C’è gente che crede anche nell’immacolata concezione e babbo natale!!!!! Forse e’ proprio qui che comincia il tutto. Abituati a credere nelle fregacce della religione poi puoi credere anche a tutto il resto!!!!!

    L’ignoranza è madre della felicità e beatitudine sensuale.
    Giordano BrunoGli eroici furori, 1585

  • -23
    ciao

    ClAUDIO SPERO CHE TU LEGGA QUESTO MIO COMMENTO…

    HO AVUTO UNA GROSSA ILLUMINAZIONE…

    Monti spesso dichiara di voler lottare con ogni mezzo contro l’evasione fiscale…ma forse si nasconde qualcosa dietro questi buoni propositi?

    Cito una frase di MILTON FRIEDMAN:

    Se l’Italia si regge ancora in piedi è grazie al lavoro nero e all’evasione fiscale… l’evasore in Italia è un patriota”

     

    Non è una  lotta contro l’evasione…lotta contro quel sistema che in questo paese permette ancora di fare un pò di reddito!!!

  • -24
    Rodolfo P.

    ciao ha scritto :
    Rodolfo P. ha scritto : ” In questo paese tutti sono bravi a fare i dotti, ma quando si viene al dunque c’è un silenzio assordante! La parola che gli italiani e tutti gli altri non devono conoscere è SIGNORAGGIO! Se chiedi a Barnard… prima scriveva a Travaglio lamentandosi che non parlava di Signoraggio… poi ora lo rinnega! Se chiedi a Travaglio cosa ti risponde? Non sa! Se chiedi a Grillo… ti dice “non ne usciamo più!” se chiedi a Paragone di parlarne… fa finta di niente… non ti risponde! Rai Utile aveva fatto una trasmissione sul Signoraggio con Nino Galloni… e il giorno dopo è stata chiusa definitivamente! Insomma in questo benedetto paese la questione primaria che origina il Debito Pubblico cioè il Signoraggio NON SI DEVE CONOSCERE! Gli italiani NON devono sapere! Tutti d’accordo mainstream dell’informazione, politici, tanti economisti venduti ecc…! Noi cari italiani e concittadini NON dobbiamo conoscere la truffa che ci avvelena l’esistenza, ci toglie il denaro per vivere, ci spinge al suicidio! Chi sa e non parla è ugualmente complice come chi opera attivamente al Signoraggio! Tutti a parlare dei ladri di galline… ma del Signoraggio… quello che ingrassa i Rothschild e tutti gli altri banchieri strozzini non si deve parlare! Tutti zitti e mosca! Il popolo deve essere tosato in silenzio… non deve neanche sapere come e chi lo sta tosando! Qui la trasmissione integrale di RAI UTILE sul SIGNORAGGIO… Guardatela e ascoltate bene! Dopo questa trasmissione hanno chiuso RAI UTILE!!! E tutti zitti! https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258 ”   Grazie della segnalzione…   Se posso fare una considerazione, direi che non tutti sono pronti ad affrontare argomenti come il signoraggio…   Ci si deve arrivare piano piano…la verità è che siamo troppo dipendenti da un sistema che basa l’intera esistenza umana sul denaro…   Il progresso tecnologico dovrebbe permettere all’uomo di lavorare meno, faticare meno, e dedicarsi di più alla vita… Invece questo sistema fa tutto l’opposto rendendoci schiavi…

    Piano piano quanto? Sono passati secoli… e qui siamo caduti dalla padella nella brace! Le banche sono ad un passo a possedere gli stati! Le nostre vite sono una loro proprietà… decidono loro se devi lavorare o no… se devi vivere o no!

    Avete finito di dormire????

  • -25
    ciao

    Scusami Claudio se come al solito vado of topic…

     

    Ma porca di una vacca…ma ancora credete all’11 settembre così come ci è stato presentato?

    Consiglio la visione di Fahrenheit 9/11  un film documentario…

    Per chi criticava Giulietto Chiesa, bhe io credo che questo signore possa benissimo essere considerato uno dei grandi contro INFORMATORI (come Claudio Messora, Beppe Grillo ecc ecc)…che per fortuna dicono le cose da un altro punto di vista…

    E che molto probabilmente HANNO PIENAMENTE RAGIONE!

     

    Sono entrati di diritto NELLA STORIA DELL’INFORMAZIONE ITALIANA!!!!

    COME PERSONAGGI POSITIVI….

     

  • -26
    first em

    Caro Claudio,

    prima di tutto rispondo alla domanda che pone il titolo del post: non certo per la maggioranza degli italiani. E, d’altra parte, come la tua e altre ricostruzioni mostrano, il curriculum del Professore e il percorso con cui è arrivato alla premiership sono inequivocabili: Monti è un uomo dei “poteri (veramente) forti”, quelli che, anche se in qualche modo in parte originariamente locali, hanno assunto una fisionomia globale e, oggi, hanno testa e interessi principali fuori dal nostro paese. Ma che, naturalmente, proprio per le dimensioni del raggio d’azione, vedono nell’Italia un tassello importante di tenuta o di frattura di una costruzione programmaticamente estesa all’intero mondo.

    La globalizzazione è prima di tutto questo: uno scenario immenso da cui ricavare profitti e, funzionale a quest’ottica, la progressiva affermazione di “una via cinese alla produttività”.

    Il problema (per Loro e anche per noi) è che la matrice principale di questo capitalismo non è più quella produttiva ma quella finanziaria, zavorrata dal problema debito (l’altra faccia del credito) e in grado di generare non solo perdite ma anche profitti stratosferici sulla carta ma sempre più sganciati dalla realtà e quindi sostanzialmente “irrealizzabili”. Questo perchè la creazione del denaro è da tempo fuori controllo e ogni misura presa negli ultimi anni, come ad esempio la politica dei tassi a zero, è concretamente controproducente.

    Sintetizzando, si potrebbe dire che siamo di fronte a un sistema che sta morendo per troppa potenza e che oggi per sopravvivere deve succhiare in ogni modo crescenti quantità di denaro dove può: se l’emergenza c’è, non è quella dei debiti sovrani ma quella, acutissima, del “modello di sviluppo”. E l’urgenza dei tempi viene fuori a ogni piè sospinto, come nelle “forzature” istituzionali che hanno portato alla premiership di Monti o nelle ricorrenti spinte verso un secondo mandato del medesimo.

    • -26.1

      Cerca “dio quattrino” su questo blog e guarda come è concentrata la struttura del potere. Vedrai che, sempre nell’ipotesi che stai battendo, troverai una possibile risposta

    • -26.2
      alex78

      Ciao Claudio,

      complimenti per l’articolo, molto interessante…mi rimane pero’ un dubbio: se veramente questa crisi è stata “voluta” dalle elite del potere economico e soprattutto finanziario che tu citi per arricchirsi a danno dei ceti sociali subalterni, non ti sembra un po strano che tali giganti dell’economia stanno perdendo fior di quattrini dall’esplosione della crisi ad oggi? tu hai citato DB, JPM, GS…dai picchi toccati nel 2007/2008, le quotazioni in borsa di queste società sono del 60%, 30% e 50% piu basse…e le prospettive per il futuro non sono proprio rosee…se la tua ricostruzione dei fatti fosse vera, dovremmo concludere che questi potenti della terra proprio intelligenti non sono, se hanno consapevolmente deciso di suicidarsi..

      l’osservazione di tali numeri a volte mi porta a pensare che la crisi che viviamo è semplicemente il frutto di errori umani in termini di politiche fiscali, monetarie, industriali e finanziarie, troppo orientate al “guadagno di breve termine” (l’essere umano è per sua natura greedy) e non alla sostenibilità di lungo, che stanno riducendo la dimesione della torta per tutti gli attori coinvolti..

       

      che ne pensi?

       

       

    • -26.3
      alex78

      grazie per la risposta…

      …molti dei nomi nella lista sono pure banche di asset management, che semplicemente investono sul mercato soldi affidatigli dai loro clienti (ci sono pure i soldi delle nostre pensioni li dentro), e non soldi loro (attività questa di investment banking).

      Inoltre praticamente tutte queste società sono quotate in borsa, nessuno ti impedisce di diventare azionista di GS o DB se lo ritieni cosi remunerativo..spero tu non lo abbia fatto negli ultimi anni..:-)

       

  • -27
    kanmax

    COMPLIMENTI Claudio

    c’è un forte bisogno di persone come te,cristalline negli intenti e nella esposizione e diciamocelo pure, dotate di grande pazienza.

    Vorrei contribuire all’informazione sull’euro e “affini” nel mio paese (abito a Manta e lavoro a Saluzzo -CN -) con un gruppo di amici ci domandavamo se era possibile creare un evento dove invitarti insieme a Claudio Borghi o Paolo Barnard o Alberto Bagnai o Nino Galloni, per fare un po’ di sana informazione prima che sia troppo tardi.La provincia di Cuneo è lenta e restia al cambiamento e saremmo felici se potessimo contribuire ad un inizio. Non ho esperienza in materia ma ho 46 anni molto entusiasmo e sufficenti chilometri maturati nelle ossa per tentare questa esperienza,ti sarei molto grato se potessi dedicare qualche minuto a questa idea. Grazie e continua così,Massimo Canina

  • -28
    ciao

    Claudio…Non trovi sia strano che solo adesso saltino fuori tutte le gravissime magagne della politica italiana?

    La crisi economica, può benissimo essere equiparata alla crisi politica che attualmente stiamo vivendo…Come sistema per spingere verso l’unificazione!

    Il popolo perde fiducia nel nostro sistema economico…E allora ci vengono a dire che la soluzione sono “Gli stati Uniti D’Europa”…

    Allo stesso modo il popolo perde fiducia nella politica italiana marcia e corrotta…E allora ci vengono a dire che la soluzione sono “Gli stati Uniti D’Europa”…

     

    Come mai le TV E I GIORNALI CHE HANNO SEMPRE PROTETTO IL SISTEMA ADESSO SONO PIENE DI NOTIZIE CHE COINVOLGONO VOLTI NOTI DELLA POLITICA???

    Non trovi sia troppo facile? Solo ora tutti si accorgono che il sistema è una m**da? Semplicemente stanno sacrificando chi non serve più, o chi gli va contro…Come mai chi appoggia questo goverse è immune da tutti questi scandali? 

     

  • -29
    Sleepy

    Condivido tutte le preoccupazioni espresse nell’articolo.

    Però:

    • E’ “proibito” (o esecrabile) essere europeisti per proprio conto e sperare che parte della sovranità nazionale venga trasferita ad organismi a livello europeo? Certo, questi organismi, a partire da Parlamento e Commissione, devono avere poteri e modalità di elezioni compatibili con una gestione democratica del potere, cosa che ora evidentemente non è.
    • I paesi che tradizionalmente sono stati fra quelli più convintamente europeisti sono proprio quelli che ora più stanno subendo le conseguenze delle politiche economiche imposte dall’esterno. Masochismo? Oppure più semplicemente un autentico sogno tradito?
    • Che vantaggio hanno gli USA da un impoverimento generalizzato, che restringe i possibili mercati? Certo, si allarga la base dei moderni schiavi, ma se tutti sono schiavi per produrre, chi compra? Mi ricollego a quanto pensato e fatto da Ford e alle vere motivazioni, non tutte scaturite da beneficienza, del Piano Marshall dopo la guerra. Ora gli USA (o chi per loro) hanno scoperto che il Piano Marshall è stata una stupidaggine e tanto valeva che rimanessimo nella povertà che la guerra aveva lasciato in tutta Europa? Il solo mercato interno USA non sarebbe stato certo sufficiente a garantire lo sviluppo economico USA, e i paesi BRIC all’epoca erano certamente di là da venire (e poi converrà quindi non far evolvere troppo neanche i paesi BRIC).

    In poche parole: non è che il problema non sta nella nascita dell’Europa, ma nelle forze che anzi ne ostacolano la compiutezza e uno sviluppo veramente democratico, nel mentre che perseguono i loro biechi fini di impoverimento delle masse?

    E anzi un’Europa forte e democratica potrebbe essere invece un ostacolo a queste tendenze negative?

    Sleepy

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Vaccini: la Corte Costituzionale rinvia la sentenza sul ricorso della Regione Veneto a domattina

Vaccini Corte Costituzionale Roma Byoblu Roma - 21 settembre 2017 - Manifestazione dei Gruppi Uniti contro il Decreto Vaccini davanti alla Corte Costituzionale, in attesa della sentenza sul ricorso presentato dalla Regione Veneto. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

Salvini mostra il video di Byoblu su Bukovsky ai giovani della Lega.

Salvini mostra video di Byoblu - Play Oggi Matteo Salvini ha chiuso il suo intervento alla scuola di formazione politica della Lega con il video del dissidente politico Vladimir Bukovsky, tradotto e sottotitolato da Byoblu due anni fa su questo blog. Mi fa piacere che quel video, illuminante e anticipatorio dei gulag intellettuali...--> LEGGI TUTTO

Deficit Strutturale? Avevo ragione: nient’altro che numeri arbitrari.

Gutgeld - Deficit Strutturale parametro arbitrario Il 17 gennaio, durante un'intervista rilasciata a Giulietto Chiesa, vi raccontavo di come funziona quella particolare branca della disciplina economica che attraverso la Commissione Europea ci impone regole severe e inappellabili. Si tratta di assiomi (principi veri a priori, dogmi ritenuti religiosamente inoppugnabili) che la corte dei...--> LEGGI TUTTO

Che cos’è il sovranismo? – di Paolo Becchi

bandiera italiana di Paolo Becchi Il “ritorno” degli Stati-nazione. Si dice che dopo Donald Trump il mondo sia destinato a cambiare. Ma il mondo, in realtà, è già cambiato. Se lui, infatti, è diventato il Presidente degli Stati Uniti d’America non è...--> LEGGI TUTTO

Borrelli (M5S): incentivare lavori meno stabili.

Borrelli Incentivare popolazione a svolgere lavori meno stabili Qual era il mantra dei neoliberisti in salsa JP Morgan all'attacco della Costituzione e delle libertà fondamentali dei cittadini? Semplice: abbattere l'articolo 1 che dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, magari aggiungendo l'aggettivo "precario" o "saltuario" in coda. Ci hanno provato, riuscendoci, negli...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Gli esperti di diritto sulla Catalogna? Sono dei pirla.

Catalogna Governo centrale di Paolo Becchi Eccoli alla carica sui giornaloni gli esperti del diritto, e più sono esperti e più sono dei pirla. Fantozzi docet. Il referendum per l’indipendenza della Catalogna è «illegale». Sì, lo è: è contro la Costituzione spagnola, contro l’«unità indissolubile» dello...--> LEGGI TUTTO

Due piantine di Cannabis per lenire dolori atroci: in prigione a 63 anni!

prigione malato cannabisTRENTO. Il ricorso in Cassazione è stato rigettato. L'uomo di 63 anni che a Trento era stato trovato in possesso di due piante di marijuana che coltivava per uso personale, per lenire i dolori atroci della sua malattia, è stato giudicato colpevole in via definitiva. Andrà in prigione. ...--> LEGGI TUTTO

L’ideologo di Putin: in Europa sarà presto caos, guerra civile, distruzione.

Dugin ideologo Putindi Giulio Meotti Roma. Europa e Stati Uniti hanno spesso ricambiato il favore ad Aleksandr Dugin. Un anno fa, il famoso politologo russo è stato messo alla porta in Grecia. Accompagnato dal patriarca di Mosca Kirill per una conferenza sul Monte Athos, Dugin...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Guest post

Realizzata la prima video chiamata quantistica intercontinentale al mondo

Chiamata quantisticaIl satellite cinese Micius torna a far parlare di sé e stabilisce un nuovo record, quello della prima videochiamata quantistica della storia tra Vienna e Pechino. Circa tre settimane è avvenuto un evento eccezionale che modificherà totalmente il sistema di comunicazioni come lo...--> LEGGI TUTTO

Il Messico a meno di 40 euro al giorno!

Messico Amo il Messico. E' pieno di vibrazioni, è un paese meraviglioso, pieno di gente amichevole, con una energia speciale che vi fa riscoprire l'amore per la vita, con un'architettura spettacolare, con una storia che affonda le radici nelle profondità dei millenni e... con un cibo davvero...--> LEGGI TUTTO

Negli Uffizi dei Medici: itinerario mediceo all’interno della Galleria più famosa di Firenze.

Scoprire Firenze La Galleria degli Uffizi è il sito museale più famoso di Firenze, nonché uno dei più frequentati d’Italia: quelli che riescono a superarlo per visitatori, infatti, si contano sulle dita di una mano. Gran parte dei turisti scelgono un hotel su portali come expedia proprio per...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

L’ex capo di Stato Maggiore in Iraq: “Bush Jr e Berlusconi erano nella stessa loggia massonica, ma salvarono Nassiriya”.

NICOLO GEBBIA - L'invasione degli Ultra Massoni - Video Il Generale in pensione dell'Arma dei Carabinieri, Nicolò Gebbia, parla della pervasività delle infiltrazioni massoniche, a tutti i livelli, e rivela che persino durante la guerra del Golfo, la città di Nassiriya venne risparmiata grazie al fatto che Silvio Berlusconi e Bush jr. appartenevano alla stessa...GUARDA

Antonio Ingroia: “Fuori dai trattati, costi quel che costi”.

INGROIA - FUORI DAI TRATTATI - 1280 Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Antonio Ingroia e Giulietto Chiesa hanno presentato “Lista Del Popolo”, un’alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l’attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l’abolizione del Fiscal...GUARDA

Giulietto Chiesa: “La Mossa del Cavallo”

GIULIETTO CHIESA - LA MOSSA DEL CAVALLO Per Byoblu, da Roma, Eugenio Miccoli Oggi alla Camera dei Deputati, Giulietto Chiesa ha presentato "Lista Del Popolo", un'alleanza della società civile per il ripristino della sovranità nazionale, l'attuazione della Costituzione, la rinegoziazione o lo stralcio dei trattati europei, l'abolizione del Fiscal Compact,...GUARDA

Capocciate e Generali

Pappalardo Giornalisti OstiaGiornalisti che si prendono le capocciate dai capetti di Ostia... E Generali dell'Arma che se la prendono con i giornalisti che si prendono le capocciate... ...GUARDA

“Stretta di Putin sulla rete!”, ma i media non vi dicono che…

Stretta di Putin sulla rete Tutti i media denunciano la stretta di Putin sulla rete, ma di quello che varerà lunedì la Camera non vi dicono niente... (altro…)...GUARDA

Ecco chi sono gli europeisti “de coccio”, che vogliono gli Stati Uniti d’Europa subito.

STATI UNITI D EUROPA Ecco chi sono gli europeisti de coccio, che ancora adesso, ancora e sempre, nonostante tutto, e anche a queste condizioni attuali, continuano a volere a tutti costi gli Stati Uniti d'Europa. Le prossime elezioni politiche si giocheranno su questa battaglia esiziale. Mi piacerebbe...GUARDA

Il Generale Pappalardo contro tutti, anche in Tv.

pappalardo Dalla Vostra Parte Rete4 Il Generale Pappalardo contro tutti a "Dalla Vostra Parte", di Maurizio Belpietro, andato in onda stasera su Rete4....GUARDA

Rimozione forzata. La libera rete chiude!

Rimozione forzata - la libera rete chiude - Play ORE 19. Live su Salvo 5.0, con Claudio Messora, Antonio Rinaldi, Tommaso Minniti e Salvo Mandarà....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>