Le banche governano il mondo

Uno studio di tre scienziati a Zurigo, pubblicato sul New Scientist, dimostra che il famoso liberismo (neo o post che dir si voglia) non esiste: 147 superbanche controllano ogni cosa, qualsiasi comparto produttivo. Il 60% del reddito mondiale è così generato da 43mila multinazionali in competizione tra di loro solo virtualmente. E dove non c’è competizione, cade anche il principio del libero mercato.

 

Forse ora si capisce perché continuiamo a dare soldi alle banche di tasca nostra. I mille miliardi delle operazioni LTRO della BCE, pagati con il differenziale tra lo spread elevato (che salderemo noi) e l’1% al cui tasso le banche si sono rifornite di liquidità; il fondo salva-stati (MES) che si è trasformato in un fondo salva-banche; ma anche gli aiuti concessi dalla Troika alla Grecia, che sono finiti nelle tasche del Governo di Atene solo nella misura del 5%, mentre il resto è tornato alle banche. E tutto sulla base di previsioni ripetutamente inconsistenti della Troika sul Pil greco. Per rendervene conto guardate il grafico qui sotto, pubblicato da ZeroHedge, che non è certo un covo di pericolosi Keynesiani.

Troika Previsioni Pil Greco

Di questo ho cercato di parlare, nel poco tempo che restava e un po’ di fretta, ieri sera a L’Ultima Parola.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

63 risposte a Le banche governano il mondo

  • 6
    Rodolfo P.

    Neopunzia ha scritto :
    sembra un pò riduttivo . .

    Non è riduttivo! Poche parole… tanta verità!

    • 6.1
      Neopunzia

      Guarda che  sono d’accordo che bisognerebbe informare di più su ciò che combinano queste istituzioni (e anche altre) ma io ho scritto “è un pò riduttivo” proprio perchè leggendo ciò che hai scritto deduco che basterebbe parlarne di più perchè le banche perdano il proprio potere. Oltretutto c’è anche gente che non tace in tv ma le banche sono li lo stesso. Pigiamo “On” anche sul cervello quando accendiamo la tv che molte persone hanno avuto bisogno di 20/30 anni di scandali per aprire gli occhi e ragionare prima di mettere una croce.

  • 5
    ayeye brazov

    … caro Messora, complimenti per l’ ardire nel denunciare, ma sono cose che molti sanno dal secondo dopoguerra in poi.

    A chi si preoccupa della tua persona e incolumità (in senso lato…), risponderei:

    ..vedrete che quando Messora darà un volto e indicherà i personaggi che “governano o sfruttano” le banche per i loro sordidi fini usurai, oltre a nominare le banche stesse, potrebbe averne qualche danno…

    Per esempio tutti sanno che Monti jr. è un alto dirigente della banca spekulatrice JPMorgan e che l’ augusto padre ha ricoperto alti incarichi, e forse ancora li ricopre, in Goldman Sachs, come prima di lui prodi, draghi e altri meritori personaggi del serraglio politico italiano…. NON E’ UN COLOSSALE CONFLITTO DI INTERESSI QUESTO???

    • 5.1
      Pio IX

      Già, peccato che questi nomi Messora li abbia fatti e rifatti. Evidentemente sei capitato su questo blog da poco.

  • 4
    Ago64Pale

     «Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta crisi globale e le nazioni accetteranno il nuovo ordine mondiale.»
    [David Rockefeller]

     Ecco e’ questo il punto. Ma mi sa che comincia a non funzionare: L’europa e’ in mano ai banchieri che hanno creato questa crisi ma io vedo crescere un sentimento antieuropeo che io cerco di mantenere vivo nel mio piccolo. E’ quello che Super Mario sta cercando di fare è la tenuta dell’Europa di cui non voglio nemmeno sentir parlare ma io spero fino al”ultimo che crolli Lui e tutti i filistei. Ma se gli Italiani sapranno sostiturli giustamente e saranno uniti forse ne usciremo da questa schifezza del Nazismo Elitario Sovranazionale

  • 3
    Rodolfo P.

    Neopunzia ha scritto :
      Guarda che  sono d’accordo che bisognerebbe informare di più su ciò che combinano queste istituzioni (e anche altre) ma io ho scritto “è un pò riduttivo” proprio perchè leggendo ciò che hai scritto deduco che basterebbe parlarne di più perchè le banche perdano il proprio potere. Oltretutto c’è anche gente che non tace in tv ma le banche sono li lo stesso. Pigiamo “On” anche sul cervello quando accendiamo la tv che molte persone hanno avuto bisogno di 20/30 anni di scandali per aprire gli occhi e ragionare prima di mettere una croce.

    Probabilmente non sai… non ti rendi conto quanto un’informazione corretta e completa possa distruggere il potere che ci opprime!

    Loro sanno benissimo come funziona ecco perché hanno in mano tutta l’informazione di massa… e la manipolano per i propri porci comodi!

    L’unica trasmissione che è andata in onda in RAI sul Signoraggio (RAI UTILE) fu chiusa subito e mai più riaperta!

    E per quanto riguarda “gli scandali” anche quelli sono manipolati ad arte per poter orientare le scelte degli elettori!

    Ricordati che ogni politico che sta in Parlamento è “ricattabile” e al momento giusto se non fai quello che defi fare… ti fanno fuori… e magari anche fisicamente! Vedi MORO!!!!

    La Casta è tutta unita anche quando litiga è tutto tetrino… i veri litigi li fanno per conservare o per occupare una poltrona!

    Ti linko solo alcune frasi celebri che sottolineano l’importanza della CONOSCENZA della cose:

    «Permettetemi di emettere e gestire la moneta di una nazione, e mi infischierò di chi ne fa le leggi.»
    [Mayer Anselm Rothschild]

    «È una fortuna che la gente non capisca il nostro sistema bancario e monetario, perchè  se lo facesse, credo che scoppierebbe la rivoluzione prima di domani»
    [Henry Ford, fondatore della Ford Motor Company]

    «Il banco trae beneficio dall’interesse su tutta la moneta che crea dal nulla.»
    [William Paterson, fondatore Bank of England, 1694]

    «La nostra politica è quella di fomentare le guerre, ma dirigendo

     Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa ottenere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di più nel loro debito e, quindi, sempre di più sotto il nostro potere.»
    [Mayer Anselm Rothschild 1773]

      «Pochi comprenderanno questo sistema, coloro che lo comprenderanno saranno occupati nello sfruttarlo, il pubblico forse non capirà mai che il sistema è contrario ai suoi interessi.»
    [Rothschild, alla Ditta Ikleheimer, Morton e Vandergould di New York, 26 giugno 1863]

    «Quando un governo dipende dai banchieri per il denaro, questi ultimi, e non i capi del governo,
    controllano la situazione, dato che la mano che dà è al di sopra della mano che riceve… Il denaro
    non ha madrepatria e i finanzieri non hanno patriottismo, né decenza: il loro unico obiettivo è il
    profitto.»
    [Napoleone Bonaparte 1815]

      «Che cos’è una rapina in banca a confronto della fondazione di una banca?»
    [Bertolt Brecht]

    “Dare alle banche la possibilità di creare la moneta è come darsi in schiavitù e pagarsela pure.”
     [Sir Josiah Stamp, vecchio governatore della Banca d’Inghilterra]

    «I politici non sono altro che i camerieri dei banchieri.»
    [Ezra Pound]

    «L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di
    moneta da parte di falsari. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto.»
    [Maurice Allais, nobel per l’economia]

    «L’ intera economia mondiale si basa attualmente su gigantesche piramidi di debiti che si
    appoggiano le une sulle altre in un equilibrio instabile. Non si era mai assistito nel passato ad un
    accumulo così importante di promesse di pagamento. Non era mai era stato così difficile
    affrontare.»
    [Maurice Allais, nobel per l’economia]

    «Non c’è nulla che riguardi la moneta che non possa essere alla portata di una persona mediamente
    curiosa, diligente e intelligente. [..] Lo studio della moneta, più di ogni altro settore dell’economia, è
    quello in cui ci si serve della complessità per travestire la verità o per sfuggirle, non certo per
    rivelarla.»
    [John K. Galbraith]

    «Gli affari internazionali possono condurre le loro operazioni con pezzi di carta, ma l’inchiostro usato è il sangue umano.»
    [Eric Ambler]

     «Se vogliamo che le cose cambino, occorre occupare le banche e far saltare la televisione. Non c’è altra possibile soluzione rivoluzionaria.»
    [Luciano Bianciardi – scrittore, filosofo e teorico anarchico]

    «Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta crisi globale e le nazioni accetteranno il nuovo ordine mondiale.»
    [David Rockefeller]

     

  • 2
    stefgigi58

    Articolo di ieri La Finanza governa, la politica noIntervista al professor Luciano Gallino sulla situazione europea e le conseguenze sociali di anni di crisi‘L’esproprio della politica da parte della finanza’. È il titolo della conferenza pubblica che terrà il professor Luciano Gallino mercoledì 21 novembre a Lugano presso la Biblioteca Salita dei Frati a partire dalle 20.30. La serata è organizzata dalla Società filosofica della Svizzera italiana.Su questo tema, molto scottante e poco dibattuto a livello europeo, abbiamo posto alcune domande a Luciano Gallino, professore emerito di sociologia all’Università di Torino e attento osservatore di quanto sta accadendo in Europa.Lo scoppio della crisi finanziaria nell’autunno 2008 è parso a molti una opportunità per mettere quei paletti necessari per arginare lo strapotere della finanza che aveva portato il mondo sull’orlo del precipizio. Sembra però che il treno sia passato e non sia stato preso…«Si è persa una grande occasione. Lo affermò in quel periodo anche l’allora ministro delle Finanze tedesco Peer Steinbrück. Ci sono stati tre mesi – gli ultimi del 2008 – in cui anche i banchieri avevano paura. Si è lasciato trascorrere troppo tempo e ora è più difficile porre rimedio. Qualcosa in più si è fatto negli Stati Uniti nel 2010 con la riforma di Wall Street. Ma quella legge che ha bisogno di circa 500 decreti attuativi è ancora in alto mare. Sono stati emanati una trentina di decreti e di quelli più blandi. In Europa si è rimasti alle buone intenzioni e poco più».I cittadini europei sono quindi destinati a rimanere ‘schiavi’ dello spread?«Devo citare un altro tedesco: Hans Tietmeyer, governatore della Bundesbank – la Banca centrale tedesca – che nel 1996 al Forum economico di Davos disse chiaramente che ‘i politici non avevano ancora capito quanto fossero dipendenti dalla finanza’ e non viceversa. La prova ultima è data dal Fiscal compact e i vari Memorandum imposti alla Grecia e agli altri Paesi dell’eurozona in difficoltà. Sono tutti fattori che contribuiscono a consolidare il peso della finanza sulla politica. E ci sono motivi per sostenerlo. In questi anni non si è inciso minimamente sulla cosiddetta ‘finanza ombra’ che grazie a giurisdizioni accomodanti ( paradisi fiscali, ndr ) ha creato liquidità fittizia fuori da ogni controllo. Il volume di derivati e di veicoli finanziari opachi è oggi vicino ai 700 trilioni di dollari. Somma simile a quella del 2007, prima del crollo della Lehman Brothers. Ora, in nome della stabilità finanziaria si impongono politiche di risanamento delle ?nanze pubbliche che impoveriscono i lavoratori e la classe media di questi Paesi».Il Fiscal compact è di chiaro stampo ideologico e di matrice liberista. Si obbligano gli Stati europei a recepire nelle rispettive Costituzioni il principio di pareggio del bilancio pubblico.«In realtà il patto non parla di Costituzione, ma di recepire questa ‘regola d’oro’ nella legislazione nazionale. C’è una bella differenza con quanto fatto dall’Italia, per esempio. Questo è un altro indizio che il tappeto rosso alla finanza lo ha steso la politica da anni. In Italia la ‘regola d’oro è stata approvata senza nessuna discussione pubblica. In meno di mezz’ora è stata cambiata la Costituzione. Ciò vuol dire che si è usata la scusa della crisi per coprire gli errori politici. Prenda il caso francese. Con l’elezione di François Hollande sembrava che il patto sarebbe finalmente stato messo in discussione e rivoltato come un calzino. Alla fine anche in Francia è stato approvato, senza troppi patemi e discussioni.Il casoIn Spagna, Italia, Grecia sta comunque montando un forte dissenso sociale alle politiche di austerity. Le manifestazioni degli scorsi giorni sono per certi versi emblematiche. Il rischio di una disaffezione al progetto europeo è forte e una deriva populista è possibile.Cosa ne pensa, professor Gallino?«È l’aspetto più inquietante della situazione attuale. Il progetto di costruzione europea è un grande progetto ideale, ma il Fiscal compact, i memorandum imposti dall’alto e le politiche di austerity in realtà strangolano la democrazia e il sogno evapora. I pericoli di estremismo politico e di una deriva, non solo populista, ma addirittura fascistoide sono molto presenti».Come uscirne, quindi?«Sarebbe più facile se la Banca centrale europea (Bce) fosse una vera e propria banca. Per statuto non può però prestare soldi agli Stati e a tutte le comunità pubbliche europee. Lo scorso febbraio con il programma Ltro, la Bce ha messo a disposizione del sistema bancario europeo oltre 1’040 miliardi di euro ( circa la metà del debito pubblico italiano, ndr ) all’1 per cento».Cosa è successo con quei soldi?«Quel denaro a prezzo irrisorio è stato utilizzato dalle banche per rafforzare il loro capitale di vigilanza attraverso l’acquisto di titoli di Stato che pagano interessi del 4-5%. Tenga presente che ogni anno l’Italia spende circa 80 miliardi di euro per il servizio del suo debito. Se la Bce avesse prestato direttamente agli Stati in difficoltà, si sarebbero liberate risorse ?nanziarie per rispondere alle esigenze delle popolazioni di quei paesi che hanno perso reddito, lavoro e sicurezza sociale».

  • 1
    Rodolfo P.

    Le banche governano il mondo grazie a quelli che tacciono sul Signoraggio!

    • 1.1
      Mr. Age

      In effetti è vero, il problema non si riduce al signoraggio, di cui peraltro non parla nessuno.

      Chi ha deciso che solo il sistema bancario sia autorizzato a creare ed emettere moneta in regime di monopolio(privato)?

      La moneta è il mezzo di scambio per tutti i beni e servizi, quindi è ovvio che chiunque controlli la moneta controlla anche tutti gli scambi economici.

      Vorrei porre alcune domande:

      Perchè gli economisti (come borghi e Bagnai etc..) riducono il problema della crisi italiana all’entrata nell’euro ben sapendo che anche la lira era una moneta emessa da una banca privata?

      Perchè evitano accuratamente di dire che la Banca d’Italia è stata privatizzata illegalmente (regalando i redditi da signoraggio a banche private)?

      Spero che qualcuno mi possa aiutare!

    • 1.2
      Mr. Age

      Ciao foriero

      Credo di non essermi spiegato bene.

      Quando parlo della privatizzazione illegale della Banca d’Italia no mi riferisco al famoso divorzio tra tesoro e Banca centrale del 1981 (ministro del tesoro Andreatta).

      Mi riferisco al fatto che la banca d’Italia sia stata privatizzata nonostante l’art. 3 dello statuto recitasse:

      «In ogni caso dovrà essere assicurata la permanenza della partecipazione maggioritaria al capitale della Banca da parte di enti pubblici o di società la cui maggioranza delle azioni con diritto di voto sia posseduta da enti pubblici».

      Partecipanti prima del 2006

      Intesa Sanpaolo S.p.A. 30,3%

      UniCredito Italiano S.p.A. 22,1%

      Assicurazioni Generali S.p.A. 6,3%

      Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A. 6,2%

      INPS 5,0%

      Banca Carige S.p.A. 4,0%

      Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. 2,8%

      Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. 2,5%

      Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli S.p.A. 2,1%

      Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. 2,0%

      Nel 2006 Con D.P.R. del 12 dicembre, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 291 del 15 dicembre, è stato cambiato l’articolo 3 dello Statuto dell’istituto, riportando nella legalità la cessione del capitale ai privati.

      La legge del 2006 è stata fatta per sanare una situazione di illegalità che si era venuta a creare precedentemente.

      Per questo motivo ritengo che non sia sufficente tornare alla lira senza riportare il capitale della BI allo stato.

      oltretutto esiste già una legge che si era riproposta di nazionalizzare la banca d’italia (legge 262 28/12/2005 art. 19 comma 10), purtroppo non è mai stata applicata.

      Mi piacerrebbe che Bagnai (borghi o chiunque altro) facesse chiarezza su questi argomenti, ma per ora non sono riuscito a trovare niente.

      Sembra che sia un tabù degli economisti!

       

       

    • 1.3
      Neopunzia

      sembra un pò riduttivo . .

    • 1.4
      foriero

      @ mr.Age

      credo che tu non conosca appieno il pensiero di Bagnai, perchè il divorzio tra Tesoro e Banca d’Italia è un argomento da lui più volte ripreso.

      http://goofynomics.blogspot.it/2012/05/la-spesa-pubblica-al-bar-dello-sport.html

      D’altronde il problema della crisi è generato dalle differenze d’inflazione tra i paesi dell’eurozona alle quali di per sè non si può far fronte unicamente stampando moneta, perchè occorre anche un tasso di cambio flessibile (tradotto:uscita dall’euro).

      Penso che questo pdf di Bagnai possa chiarirti come lui la pensa a riguardo

      http://www.unich.it/docenti/bagnai/blog/Cesena.pdf

    • 1.5
      Robyz

      il problema descritto da Bagnai è grave e non permette un miglioramento, anzi peggiora la pessima condizione nella quale si trova il nostro paese come molti altri in europa, ma identificarlo come causa della crisi non mi sembra corretto in quanto si tratta di un enorme problema, ma purtroppo uno dei tanti. Non dimentichiamo ad esempio la forte speculazione finanziaria dei mercati virtuali che ha avviato ed anticipato il crollo delleconomia globale, la stessa che si sta cercando di mantenere in vita con il sangue di intere popolazioni compresa la nostra.

    • 1.6
      foriero

      @Robyz

      Come crisi intendevo quella che riguarda l’Europa, che indubbiamente è stata anche influenzata da quella statunitense, ma nella quale si riscontra l’impronta decisiva delle differenze d’inflazione. D’altra parte sono d’accordo sul fatto che per i vari meccanismi di crisi a cui stiamo assistendo sia corretto puntare il dito verso la liberalizzazione spregiudicata e squilibrata dei movimenti di capitale, che per l’appunto è una parte fondamentale del ciclo di Frenkel.

  • 0
    Ago64Pale

    La BCE e’ illuminante, vi pare? I prestiti ai privati all’ 1%. Non ci sono storie la risoluzione del problema e’ tutta lì. Secondo me in Italia dovrebbe andare così:

    1) Eliminazione delle banche sostituendole con uffici per la distribuzione della moneta pubblici. E per pubblici si intende che non siano nelle mani di soggetti o associazioni private

    1bis)Obbligo del pareggio di bilancio per detti uffici.

    2) Valutazione giuridica della parola danaro: Convenzione, non Merce.

    3) Eliminazione delle parole: banchiere e bancario. Sostituendo le due con la parola addetti alla distribuzione della moneta.

    4)Prestiti ai privati per investimenti in economia reale al tasso fisso dello 1% non modificabile per nessun motivo.

    5)Prestiti alla ragioneria dello stato al tasso fisso 0.5% non modificabile per nessun motivo.

    6)Conto deposito per privati al tasso fisso dello 0,1% non modificabile per nessun motivo.

    7)Stampa della moneta in base all’andamento dell’economia reale che deve essere regolamentata ed ecocompatibile. Messa al macero della moneta stampata per aiutare l’avvio delle nuove attività una volta rientrati i capitali.

    8) Creazione di un organismo per la gestione economica degli uffici monetari e della gestione all’avvio delle attività produttive con scadenza quinquennale eletto da un organismo popolare creato ogni volta a sorteggio tra vari diversi soggetti civili.

    9) Eliminazione delle società per azioni e della borsa e di qualsiasi speculazione finanziaria sul denaro (convenzione non merce)per qualsiasi soggetto.

    10)Tetto massimo dei guadagni dei proprietari aziendali per il contenimento dei prezzi al consumo e per non creare accumuli di ricchezza spropositati che non avrebbero nessun senso. Capitali aziendali in deposito bancario per gli investimenti ciclici necessari alle ristrutturazioni aziendali.

    Va bene che un imprenditore si compri la barca e 3 o 4 case di vacanze ma poi stop, non si devono comprare i popoli, i privati o chi per essi.

    Ecc… Ecc…

     

     

     

     

  • -1
    ciao

    Claudio…sinceramente…

     

    Mi stupisce il fatto che ancora non ti abbiano tappato la bocca in qualche modo!!!

     

    Continua così!!!

     

     

    • -1.1
      Fido83

      e invece secondo me e` proprio la ricchezza in mano a pochi il grave problema.                                           Quando compagnie son piu ricche di 3 o 4 stati messi insieme hai idea dei danni che potrebbero provocare (ne han gia fatti parecchi di danni ) solo per i loro sporchi profitti ? Vedasi storia dell’ Africa o del centrosudamerica.. I danni da loro provocati sarebbero stati minori se non avessero avuto tutto quel potere economico-politico. 

    • -1.2
      lukeskywalker

      Finché ci saranno Banche Centrali che hanno monopolio sulla moneta, stampano a piacere (o meglio, a piacere della politica) e salvano Banche Commerciali ed altri Istituti di Credito sarà normalissimo.

      Mentre non mi spaventa il fatto che la ricchezza sia in mano a pochi. 

  • -2
    Andy77

    Il problema degli scarsi prestiti da parte della banche a famiglie e imprese si spiega così:

    La BCE ha prestato il 21/12/2011 e 29/02/2012 circa 589 miliardi di euro alle banche italiane al tasso agevolato dell’1%.

    Ma a quel punto è intervenuto lo Stato Italiano che ha , con molta insistenza, chiesto alle Banche nostrane di usare quei soldi per ricomperare titoli del debito pubblico nostrano (BOT; BTP ecc.).

    Difatto lo Stato si è “impossessato” di quei soldi. Ecco perchè le banche non hanno potuto usarli per rigettarli nell’economia tramite prestiti a famiglie ed imprese.

    La prova? Da gennaio le Banche italiane comperano BTP ecc. sul secondario a ritmi di circa 30 miliardi di euro al mese…

  • -3
    NoDebt

    chirurgico come sempre.

    grazie Claudio per il lavoro che fai da anni, sei un lampo di luce in questa notte buia dell’informazione. non mollare.

  • -4
    felix

    Le banche governano il mondo….!!!! e le banche a loro volta sono governate da persone, alcune delle quali, si dice, tirino i fili delle marionette, che tutti noi conosciamo, da dietro le quinte e che mai appaiono in primis sulla scena perchè non hanno manie di protagonismo, visto che hanno già tutto il resto, ma che sanno perfettamente come alimentarle nei PUPI che ci permettono di vedere e offendere…..c’è chi dice che alcune di queste famiglie finanziassero le guerre tra stati, sia da una che dall’altra parte, da tempi immemorabili…..Non ne conosco i nomi e non comprendo se tutto quello che, riguardo a questo, si può trovare in rete sia realtà, sò solo che dietro allo sfruttamento dei paesi che sulla carta risultano i più ricchi del mondo e che vengono tenuti nella miseria più totale non ci possono essere quattro pagliacci che srubacchiano a desta e a manca oppure il politico di turno che ci inpoverisce con politiche a parer mio distruttive ma persone veramente potenti ad un livello concepibile da pochi e forse da nessuno….    Se dovessi osare un paragone, solo per livello di importanza e non che lo sia davvero, potrei ipotizzare che in una s.p.a il Sig. Obama, ad es., è l’impiegato o al max uno dei dirigenti e LORO i titolari……

    • -4.1
      Mr. Age

      Sono completamente d’accordo , però se permetti obama più che dirigente è il ragazzo immagine!

  • -5
    sebastiano

    E pensare che solo qualche settimana fa, un giovane broker di Londra mi diceva che è inutile stare a guardare chi detiene la produzione mondiale. Che non esistono più padroni e operai, borghesia e proletariato e che, a suo modesto sapere, chiunque ricevesse denaro dallo stato è comunista. “Goldman Sachs è il comunismo” disse e io brindai alla vittoria dell’armata rossa e all’europa governata da Stalin che per fortuna non fu. Sapere che sono queste persone a governare il mondo non mi fa molto sorridere e mi fa dire che forse aveva ragione Brecht a dire che è più criminale fondare una banca che rapinarla. E aggiungo sarebbe ora di condannare i criminali, anche se i loro reati non sono scritti nella tavole della legge…  

  • -6
    roby67

    prof GALLONI, prof GALLINO, prof BECCHI…ma dove siamo all’AIA? 

    se ci mettiamo anche Grillo rischiamo di fare l’arca di noe’…

  • -7
    Rodolfo P.

    I giornalisti che negano il signoraggio lavora(va)no per Goldman Sachs

    http://www.losai.eu/i-giornalisti-che-negano-il-signoraggio-lavoravano-per-goldman-sachs/#.UKlhM4bNl3g

     

  • -8
    puccini

    caro claudio, cari tutti,

    ispirato da una foto di toscani (http://www.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/2012/11/19/foto/fotografia_la_crisi_e_la_vorgogna_secondo_oliviero-47000429/1/?ref=FRAG-1)

    P R O P O N G O

    1. pensare e individuare dei messaggi brevi e diretti per informare il maggior numero possibile delle persone sul reale stato delle cose. tipo “vai su byoblu.com”… scherzo (mica tanto)

    2. scriverli sulle banconote e farli girare, quale miglior volantino?! e quale miglior simbolo, la banconota stessa.

    3. proporre delle frasi da scrivere, la mia “a favore di un altro modello di europa” oppure “quello del debito è un sistema utile solo a trattare le masse come schiavi”

    fatemi sapere,

    anche se le altre proposte non le ha mai c…onsiderate nessuno, io ci provo…

    • -8.1
      felix

      Buona idea!!!!…..La curiosità è quella che maggiormente può portare una persona a dare un’occhiata ad un sito o ad approfondire un tema quindi spiattellare il possibile contenuto non è di per sè buona cosa. Si potrebbe quindi individuare una frase che porti la gente ad incuriosirsi, tipo “Più Europa !?!?”, e creare un link a cui sono collegati, più che dei blog, dei video o testi di persone autorevoli che descrivano in maniera esauriente il tema proposto, poi si potrebbe generare anche un QR code da cui facilmente si può accedere alla pagina grazie ad un telefonino.  Il tutto lo si può tramutare in un timbro da stampare poi su banconote o dove si vuole(uno lo potrebbe anche integrare al proprio biglietto da visita !!!!!).  La scelta di una raccolta di info rispetto al collegamento ad un sito piuttosto che ad un blog è dovota al fatto che si vogliono evitare preconcetti !!!!!  Io sono curioso e quindi la cosa mi solleticherebbe…..

  • -9
    Angelo Trischitta

    Questa elite di gruppi economico finanziari possono decidere di vendere sul mercato secondario improvvisamente un volume di Titoli di Stato tale da costringere il paese in questione ad alzare i suoi Tassi per poter ricevere dai mercati la liquidità necessaria per pagare parte di pensioni e stipendi.

    I danni economico sociali per l’aumento conseguente della spesa per interessi sono facilmente immaginabili?

    Finchè non saranno le famiglie Italiane a detenere una forte quota dei Titoli di Stato rimaniamo vulnerabili alle decisioni nefaste di chi può orientare l’acquisto o la vendità di una tale mole di Titoli.   

    Aumentare la quota di titoli di stato in possesso delle famiglie residenti in Italia.

    Questa iniziativa oltre che fornire una risposta forte ai tentativi internazionali di attacco finanziario aggiunge che:

    1.      le famiglie ricevono un interesse molto più alto su somme che in alternativa sarebbero tenute tendenzialmente in conti correnti bancari o postali a tassi di interesse molto inferiori al 1%

    2.      le famiglie, essendo più propense a detenere il titolo fino alla sua naturale scadenza, ridurranno permanentemente sul mercato secondario il volume delle vendite rispetto a quello degli acquisti quindi si ridurrà il tasso di interesse(spread). Di conseguenza si avrà un considerevole risparmio di spesa pubblica.

    3.      gli interessi sui titoli di stato saranno spesi tendenzialmente in Italia e non all’estero ed insieme all’imposta sui redditi da capitale aumenteranno PIL ed entrate dello Stato.

    4.      La semplice campagna di sensibilizzazione per l’acquisto dei titoli pubblici avrebbe una influenza positiva sullo spread perché testimonierebbe ai mercati che una volontà nazionale a reagire agli attacchi finanziari internazionali è ben presente.

    Per calcolare una stima del recupero di risorse finanziarie che potenzialmente sarebbe possibile ottenere basta partire dal dato che in Italia il 40% del debito è detenuto da non residenti con il tasso di interesse sui titoli di circa il 5% e in Giappone invece con il 5% dei titoli giapponesi detenuti da non residenti il tasso di interesse è del 1%.

    E’ ragionevole quindi pensare che se aumentare il possesso del 35% ci farebbe raggiungere un rendimento titoli circa del 1%, un abbassamento di 4 punti, basterebbe un aumento di possesso del 17,5% per abbassare di 2 punti il tasso di interesse.

    Si passerebbe così dal 5% a tassi del 3% e con maggiore serenità potremmo pensare anche alla crisi economica.

     

  • -10
    Fido83

    Felix..hai completamente ragione..è su questo che dovremmo discutere..

  • -11
    Rodolfo P.

    Neopunzia ha scritto :
    No! Non vedo il motivo per cui io debba scrivere che non capisco le tue ragioni quando semplicemente non sonototalmente  d’accordo.Invece di evidenziare il tutto te le sottolineo certe parole perchè sono ancora convinto cosi come ho sottolineato riduttivo  che non sarebbe sufficiente ad eliminare totalmente  il problema. Hai scritto che le banche governano il mondo grazie a quelli che tacciono sul signoraggio. Poi scusa, “Quelli chi??”  Ti riscrivo che non sonocompletamente d’accordo perchè anche se “Quelli” come li definisci te ne parlassero di più le banche o qualsiasi altra istituzione che ha in mano il “Dio denaro” muoverebbero i fili lo stesso. Io vedo che negli ultuimi anni si parla sempre di più di estorsione,criminalità,mafia,evasione ecc ecc e i problemi sono ancora li. Anzi . .    O forse con “Quelli” intendi “Tutti” perchè se fosse cosi dovresti aspettare le calende greche. Chi detiene il potere ha in mano tv,giornali ecc e per 100-1000 persone che parlassero di più  ne metterebbero 200-2000 che affermano esattamente il contrario anche perchè esisteranno sempre persone che non sono d’accordo con te o me,mettici i “negazionisti” (che dopo 70 anni hanno ancora il coraggio di negare l’olocausto) . Concludo e dopo chiudo perchè a me pare proprio  di aver capito le tue poche parole (con tutte le citazioni che puoi aggiungere) ma vedo che i potenti l’hanno sempre fatta in barba ai poveracci,dalle piramidi ai grattacieli,la soluzione per il modesto punto di vista è un tantino più complicata.    P.S. Non dimenticare che la mamma degli ignoranti è perennemente incinta e a certe persone puoi mettergli la verità in faccia in tutte le salse e i condimenti che conosci ma li si fermano e li restano.  Più informazione come dici te,ma non solo! Pace e prosperità      Paolo

     

    A lavare la testa all’asino ci si rimette il ranno ed il sapone!

    Cantatela e suonatela!

  • -12
    puccini

    catelan-dito

    oltre a prendervi “in giro”, nel buco di “quel giro” vi mettiamo pure questo…

    tanti saluti, le banche.

  • -13
    Neopunzia

    Rodolfo P. ha scritto :
    A lavare la testa all’asino ci si rimette il ranno ed il sapone! Cantatela e suonatela!

    Asino te lo tieni dentro la tua testa perchè in questo blog io non ho mai offeso nessuno tantomeno chi non è d’accordo con me.  Cvd

  • -14
    dorje

    A me era venuta in mente un’idea (un po’ del menga, lo ammetto)… Se lo facessero tutti, forse le cose un pochino diversamente andrebbero. :-)

    Sarebbe così: quando uno va a chiede un mutuo, richiede esplicitamente un contratto in cui, in caso d’insolvenza, la banca si prende si l’immobile, ma restituisce IN TOTO i soldi versati fino a quel momento.

    Se ci pensate, sarebbe una cosa assolutamente onesta – anzi, direi che è anche logica. Se tutti chiedessero queste condizioni e nessuno accettasse più di sottostare ad un mutuo “old style”, magari le banche sarebbero costrette a diventare un filino più oneste. :-)

    • -14.1
      puccini

      la logica come la giustizia non sono cose di questo mondo, pensi che i loro innumerevoli centri sudi non riescano ad arrivare a soluzioni così semplici e logiche?

      mi correggo… la logica la usano, però ne hanno una tutta loro…

  • -15
    Rodolfo P.
  • -16
    Rodolfo P.

    NoDebt ha scritto :
    chirurgico come sempre. grazie Claudio per il lavoro che fai da anni, sei un lampo di luce in questa notte buia dell’informazione. non mollare.

     

    :-)

  • -17
    Rodolfo P.

    Neopunzia ha scritto :
    Rodolfo P. ha scritto : ” A lavare la testa all’asino ci si rimette il ranno ed il sapone! Cantatela e suonatela!” Asino te lo tieni dentro la tua testa perchè in questo blog io non ho mai offeso nessuno tantomeno chi non è d’accordo con me.  Cvd

     

    Citare un proverbio non vuol dire dare dell’asino! Per quanto sei un po’ de coccio non ho esposto tesi incomprensibili! Con cosa non sei d’accordo? Non ti ho forse spiegato abbondantemente quello che ho scritto? Se con capisci o non vuoi capire non è colpa mia! Io ci rinucio!

    Bye!

    • -17.1
      Neopunzia

      Se mi chiedi ancora con che cosa non sono d’accordo di coccio lo sei anche te.Se citi un proverbio e mi consigli di cantarmelo e suonarmelo per quale altro motivo sarebbe se non quello di farne parte? Cantalo te che sei più perspicace di me. Ciao

  • -18
    alex78

    @foriero

    purtroppo Bagnai con quel grafico “spesa per interessi vs spesa primaria” la fa un po troppo facile..dovrebbe mostrare numeri un po piu dettagliati e rilevanti:

    a) disavanzi primari creati dall’italia prima nel periodo 1960-1980 ed evoluzione del debito pubblico italiano sullo stesso periodo vs disavanzi e evoulzione debito degli altri principali paesi sviluppati

    b) disavanzi primari generati dall’italia dal 1980 al 1990 vs disavanzi primari generati dagli altri paesi

    c) tassi reali in italia nel periodo 1980-1990 vs tassi reali negli altri paesi

    Ti consiglio di dare una occhaita a questi numeri..Italia, Usa, UK, Germania e Francia..nel 1960 avevamo tutti lo stesso livello di debito (per essere precisi, UK e USA partivano anche da un punto piu alto), e nel 1990 solo noi avevamo un debito/pil pari al 120%..e il motivo purtroppo non risiede negli alti interessi pagati post divorzio (i tassi reali sono stati alti per TUTTI tra il 1980 e il 1990..dice niente “cura Volcker?”), ma nel fatto che abbiamo generato enormi disavanzi primari durante il periodo 1960-1980 (soprattutto dovuti a enorme evasione fiscale) che ci hanno fatto entrare nel periodo Volcker già con un debito del 60%, e abbiamo continuato a generare disavanzi primari enormi negli anni 80, quando la prima regola in presenza di tassi reali elevati sarebbe dovuta essere quella di non indebitarsi!

    A me pare che il vero Bar dello Sport sia mettere due righe su un grafico e giungere a una conclusione sbagliata..perchè bagnai mostra i soli dati di spesa, e non quello di disavanzo primario? Perchè non mostra il livello di tassi reali pagati dagli altri paesi negli anni 80? :-)

    Ti consiglio davvero di dare un’occhiata ai nuemri che ho citato sopra..i disavanzi primari (dovuti soprattutto a evasione, sia prima che dopo l’80) sono la causa del debito al 120%, e non gli alti interessi pagati negli anni 80..ripeto, tutti i paesi hanno pagato alti tassi di interesse in quegli anni…ma non tutti hanno un debito del 120% nel 1990…

    • -18.1
      Mr. Age

      Ciao alex78

      Le domande che mi fai meriterebbero delle risposte molto lunghe e complesse.

      Non avendo alle spalle studi di economia cercherò di risponderti nel modo più sintetico e chiaro che posso, anche se non completamente esaustivo. 

      A) Fino a questa estate concordavo con te pienamente. In modo fin troppo sempilicistico Debito = Politiche di deficit. In seguito ad un lieve incidente sul lavoro sono stato confinato in casa per un paio di settimane, finendo per passare le giornate tra TV e Internet. In questo periodo mi sono imbattuto per caso in alcuni siti che trattavano temi a me sconosciuti riguardanti la natura, la creazione e l’emissione della moneta. Dopo un normale primo momento di shock ho cercato di approfondire mettendomi a studiare i dati degli organi ufficiali (banca d’italia, BCE, FMI etc..). Ovviamente sto ancora studiando ma a questo punto penso di poter dire che le politiche di deficit hanno un peso molto marginale nelle dimensioni dei debiti pubblici di qualsiasi stato.

      Ti faccio notare che tutti gli stati al mondo hanno debito pubblico (sono tutti spendaccioni come noi italiani?)

      B) Mi piacerebbe tanto pensare che ci sia un complottto o che inglesi, tedeschi etc.. siano furbetti, in realtà credo che ci sia una enorme stupidità da parte degli italiani che si scavano la fossa con le loro mani credendo di farla per gli altri.

      C) Il signoraggio è solo uno degli aspetti che riguardano la moneta. Se veramente non ne sai nulla ti consiglio in ogni caso di informarti e cercare di approfondire i temi della natura, creazione ed emissione della moneta e soprattutto le sue implicazioni nell’economia. 

      Aggiungo alcuni simpatici link che introducono in modo molto semplificato questi argomenti.

       

      http://www.youtube.com/watch?v=YlLPW2WMHaI

      è un cartone animato decisamente “complottista” ma molto divertente

      http://www.youtube.com/watch?v=CJJ9rzReXso

      è uno spettacolo di Grillo di molti anni e spiega molto chiaramente alcune contraddizioni del sistema monetario. Tanto per chiarire non sono un simpatizzante di Grillo.

      http://www.youtube.com/watch?v=q2S0nX-WG5k

      Video che spiega in modo semplice i motivi per cui tutti gli stati in modo più o meno importante hanno il debito pubblico.

      Spero di essere stato esaudiente e mi auguro che tu mi faccia sapere cosa ne pensi.

    • -18.2
      alex78

      @ mr. Age

      secondo me stiamo dicendo cose simili, almeno in parte..:-)

      a) concordi con me che l’italia ha avuto una evoluzione del debito pubblico peggiore di altri paesi per errori di politica fiscale (costruzione di un welfare che non è andato di pari passo con un incremento delle entrate fiscali negli anni 60-70, eccessivi disavanzi negli anni 80 quando gli alti tassi reali PER TUTTI avrebbero suggerito di fare l’opposto, troppo timida politica di creazione di avanzi primari negli anni 2000 quando la congiuntura economica globale positiva avrebbe reso il compito non cosi arduo)? Concordi che attribuire la colpa dell’esplosione del debito pubblico al “complotto del divorzio” non è corretto? L’articolo da te linkato cade nei soliti luoghi comuni falsi (“e tutta colpa degli interessi, visto che stiamo generando avanzi primari da anni”…o la solita stupidata che avendo una banca che stampa moneta non avremmo nessuno problema..). L’unica via per il benessere è la crescita sostenibile, che si raggiunge con incrementi di produttività, e non indebitandosi all’infinito investendo in asset improduttivi, perchè quando il debito (pubblico o privato che sia) raggiunge livelli di insostenibilità, qualcuno deve pagare, via default (caso eurozona), o via financial repression (caso USA e UK oggi, e il caso di tutto le economie avanzate tra il 1945 e il 1980), cioè mantenendo tassi reali negativi. Poco cambia: in entrambi i casi, i risparmiatori perdono ricchezza e potere d’acquisto. Guarda che un risparmiatore inglese che decide di tenere i propri soldi sul conto corrente o in titoli di stato (direttamente – comprandoli – o indirettamente –visto che senza saperlo, la sua pensione è investita li), se la sua banca centrale continuerà con l’attuale política, si ritroverà con un potere d’acquisto pari al 60% di quello attuale tra dieci anni (riceve infatti 0.30% di interessi sul conto e 0.80% su un bond a 5 anni, e l’inflazione inglese è strutturalmente al 3%-3.5%). Questa si chiama “financial repression”, che è meno traumatica e piu elegante di un default, ma il risultato finale non è poi cosi diverso…J

      b) tu dici che tedeschi e francesi han fatto i “furbi”, e mi cadi nella teoria del complotto (scherzo):-)…KFW è una delle piu grandi società europee, non è una loggia massonica che si riunisce in gran segreto di cui i mercati ignorano l’esistenza, quando valutano il debito pubblico tedesco…ha delle finalità di sviluppo industriale, si finanzia raccogliendo i propri soldi sul mercato..il livello di tassi di interesse che paga non è basso per volontà divina, ma dipende dalla solvibilità del suo maggiore azionista (lo stato tedesco), dalla qualità del suo bilancio e degli investimenti realizzati. Se uno di questi elementi dovesse ppresentare delle crepe, i costi di finanziamento aumenterebbero. Mi sembrano normalissime logiche di mercato, dove sta la furbata? E soprattutto, c’è forse scritto in qualche legge divina che lo Stato italiano non possa creare qualcosa di simile, qualora lo ritenga opportuno per lo sviluppo del sistema industriale?

      c) Sul signoraggio nel caso specifico dell’italia, che ha una struttura proprietaria “privata”, so poco o niente, anzi nulla. Ho solo letto una volta che il capitale sociale delle banche è bassissimo (circa 150 mila euro), e si possono distribuiré utili pari al 6% o 10% di tale capitale (quindi sciocchezze). Il resto viene accumulato e trasferito allo stato. Se cosi fosse, mi pare non ci sia nessuno problema. Se invece mi riesci a pórtate esempi di ingenti quantità di denaro che dalla banca d’italia sono effettivamente finiti nelle tasche delle banche private sotto forma di dividendo, allora si, è un problema non indifferente. Non è una domanda retorica, sono proprio ignorante in materia.

      Ciao!

    • -18.3
      alex78

      @foriero

      Hai ragione. Si è trattato di un errore di politca fiscale enorme (costruire un welfare state –sacrosanto-senza riformare il sistema di riscossione delle imposte). E ne stiamo pagando le conseguenze ancora oggi.

      a)      Dal 1965 al 1980 l’italia è riusciata nell’eroica impresa di far esplodere il debito pubblico dal 25% del pil al 60% in un regime di tassi reali negativi (piu che raddoppiato, cioè peggio degli anni 80, con tassi reali negativi!)..in quegli anni i disavanzi primari raggiungevano talvolta pure la doppia cifra! In quello stesso periodo, grazie appunto a tale environment di tassi di interesse, gli altri paesi che ho citato hanno mantenuto il debito/pil constante, o l’hanno addirittura ridotto, entrando nell’era Volcker con un debito/pil del 25%-30%.

      b)      Siamo entrati nel periodo Volcker con il 60% di debito, mentre gli altri sono entrati con il 25%-35%. Ricordi la formula D (t) = d +(r-g)*D(t-1)?  Ecco, in quegli anni di alti tassi reali per tutti, se partivi da una base di 60%, a parità di tutto il resto, ti saresti ritrovato ad un livello di debito molto piu alto rispetto a chi ci è entrato con debito al 25% o 35%. Concordi?

      c)       Il problema è che, non solo negli anni 80 abbiamo pagato il fatto di aver già piu che raddoppiato il debito/pil negli anni precedenti (quando sarebbe stato facile tenerlo sotto controllo, come hanno fatto tutti), ma abbiamo continuato a mantenere elevati disavanzi primari (d, nella formula), in media 3.6%, in un contesto di alti tassi reali! Altro errore enorme!

      d)      Piccolo dettagli: I tassi reali erano alti per TUTTI negli anni 80, non solo in Italia “per colpa del divorzio”! Erano gli anni di Volcker come chairman della Fed..gli USA pagavano 4 % o 5% di tassi reali, come tutti gli altri Paesi sopra citati..non ha senso dire che i tassi reali alti sono stati una maledizione che ha colpito l’italia. A guardar bene, i tassi reali negativi prima dell’80, e positivi poi, sono l’unico elemento in comune tra paesi che nel 1990 avevano debito al 120% o al 60%…la differenza, appunto, è stata nelle politiche fiscali.

       Grazie per la risposta. Mi farebbe piacere sapere cosa ne pensi. E soprattutto se  anche tu pensi che spiegare l’evoluzione del debito italiano con una línea “spesa per interessi vs spesa primaria” è da bar dello sport, cosi come non citare mai l’impatto che le politiche di Volcker hanno avuto sui tassi reali di tutti i paesi sviluppati, e quindi anche dell’italia. Anche io sono sempre stato affascinato dalle teorie dei “complotti-biscotti-tortoni”..ma in questo caso non reggono tanto..:-)

    • -18.4
      foriero

      @alex78

      Nella tua collezione di dati ne dimentichi uno che non è un dettaglio: il tasso d’interesse sui titoli italiani, negli anni ’60 e ancora più marcatamente nei ’70, rimane al di sotto del tasso di crescita del PIL, smorzando notevolmente gli effetti di un saldo primario in aumento. Aumento dovuto alle riforme che introdussero il welfare state, ricordiamolo; certo, sicuramente scoordinate rispetto alle politche fiscali, ma ciò non toglie che la velocità con cui il debito pubblico aumenta dopo l’81 diventa molto maggiore rispetto a prima, proprio a causa degli alti tassi d’interesse causati dal divorzio Tesoro-Bankitalia e dall’adesione allo Sme.

    • -18.5
      Mr. Age

      Premetto che non credo ai complotti ì, perchè i complotto si fanno di nascosto, mentre in questo caso mi sembra che sia tutto alla luce del sole e facilmente verificabile nei siti degli istituti di competenza.

      Concordo con te che gli italiani sono molto meno efficenti e un pò “cialtroni, infatti mentre l’Inghilterra ha totalmente mantenuto la sua sovranità monetaria conservando sia la moneta sia il possesso pubblico della sua banca centrale e di fatto controlla anche la nostra moneta partecipando alla BCE.

       Per quanto riguarda Francia e Germania hanno limitato la loro sovranità entrando nell’euro, ma si sono guardate bene dal privatizzare le loro banche centrali che continuano ad essere di proprietà dei rispettivi stati. Quindi anche loro possono, limitatamente alle loro quote, controllare l’euro attraverso le loro Banche centrali.

       Noi Italiani abbiamo privatizzato la banca d’Italia (Illegalmente) cedendo la sovranità monetaria ancor prima di entrare nell’euro( palesemente anticostituzionale).

       Di fatto in Italia stiamo utilizzando una moneta straniera di cui non abbiamo nessun controllo, praticamente per noi non farebbe nessuna differenza usare i dollari, gli yen etc…

       Se non bastasse questo Francia (BPI) e Germania (KFW) hanno creato banche pubbliche di investimento che svolgono la funzione di finanziare l’industria e lo stato stesso, di fatto mascherando il debito pubblico!

       Noi, chiaramente, siccome siamo “europeisti convinti” abbiamo praticamente svenduto la COMIT che era la nostra banca commerciale di stato.

       Per chi vuole approfondire guardate questo link:

       http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11077

      Credi che questo sia un complotto?

      Io penso che sia solo stupidità!

    • -18.6
      Mr. Age

      @ Alex78

      Ciao, scusa ma mi ero dimanticato una cosa importante.

      La banca d’ italia, in tutti i bilanci, mette a passivo la moneta circolante ma non mette mai in attivo quella creata, in questo modo gli utili di cui parli (che andrebbero nelle casse dello stato) sono sempre bassisimi.

      l’operazione è del tutto legale secondo le leggi italiane ed internazionali, ma è evidente che viene occultato il plus valore dato dalla differenza tra il costo di produzione della moneta e il reale valore.

      Per esempio nel 2011 l’attivo è stato di circa 1 miliardo di euro, la voce a passivo di moneta circolante è di 146 miliardi di euro, se la contabilizzazione fosse avvenuta “correttamente”, per il solo 2011, avremmo un utile di circa 147 miliardi di euro che secondo lo statuto andrebbero in maggioranza allo stato, e non ci sarebbero assolutamente più problemi di debito. Mi sembra che si possa parlare di ingenti quantità!

      Ti allego il bilancio 2011 e lo statuto in modo che tu possa controllare quello che dico.

      http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/relann/rel11/rel11it/bilancio/rel11_22_relazione_bilancio.pdf
      http://www.bancaditalia.it/bancaditalia/funzgov/gov/statuto/statuto.pdf

      Scusa se non sono chiarissimo, ho fatto del mio meglio!

    • -18.7
      Alezoodi105

      mah, perche continuare ad andare avanti con il paraocchi?? è palese che ci sono persone che burattineggiano tutto a loro piacimento!! a seconda dei loro sporchi comodi!!

      queste presone hanno il controllo del dio  denaro sin dalla sua creazione, e chi ha il comando della moneta fa girare il mondo come gli pare e piace!!

      io spero che Bagnai, Claudio Borghi, riescano piano piano a farsi  ascoltare da sempre ppiù persone… lagente deve sapere che l’euro è la nostra rovina….ma guai a chi entra in quest’argomento nei programmi televisivi (tranne l’ultima parola)…..

      e spero ancje che Barnard venga denunciato da Monti (come ha chiuesto egli stesso) in modo tale che possa portare davanti ad un giudice (spero non corrotto) le prove dell’economicidio che questi schifosi massoni e tecnocrati europeisti dei sto gran caz*o stanno compiendo!!

    • -18.8
      foriero

      @alex78

      Inizio chiarendoti il mio pensiero

      1) Non giustifico la cattiva gestione politica del saldo pubblico degli anni in questione, anzi fino ad oggi

      2) So bene che la separazione tra Stato e Banca Centrale, che ha eliminato gli effetti calmieranti sugli interessi, non ha riguardato solo l’Italia

      3)Ritengo dannosa tale separazione

      Quindi comunque, pur riconoscendo le gravi colpe storiche (e sul punto 1 sicuramente siamo d’accordo) della politica italiana, credo che sul debito sia stato aggiunto un ulteriore fardello che si poteva evitare (punto 3). Ed è chiaro che tale fardello, che sicuramente ha riguardato anche gli altri principali stati europei e gli USA (e anche su questo siamo d’accordo! :-) ), ha gravato sull’Italia molto più degli altri, proprio per il maggiore debito accumulato, che ha avviato la spirale per cui ci si indebita per pagare gli interessi sul debito. Non sostengo affatto la tesi di un complotto contro di noi; non voglio dire che siamo stati condannati a un debito pubblico esorbitante dalle macchinazioni degli altri stati cattivoni. Piuttosto sostengo che esistono gruppi di potere (banche, aziende come Fiat e Olivetti…) che, agendo nel loro interesse, hanno tratto vantaggio dal divorzio Tesoro-Bankitalia (come lo stesso hanno fatto tali gruppi nei rispettivi stati); divorzio che ha decisamente contribuito al debito.Se guardiamo il periodo 1984-1994 notiamo che il saldo primario rispetto al pil si mantiene attorno al 43% per l’Italia, mentre la media europea è del 47%. La spesa per interessi per noi, sempre nello stesso periodo fa addirittura un balzo dall’8% all’11,4 %, contro una media europea stazionaria sul 4-5%. 

      Riguardo al modo di affrontare l’argomento da parte di Bagnai quindi non penso sia scorretta l’impostazione saldo primario vs spesa per interessi; d’altro canto hai ragione a dire che non trattare in dettaglio il periodo antecedente all’81 è una lacuna considerevole. Ciò su cui concordo con Bagnai sono i pessimi effetti del divorzio, ed è questo il motivo principale per cui avevo linkato il post nell mia risposta a mrAge che si domandava del pensiero di Bagnai sull’argomento.

      Grazie a te per il confronto.

    • -18.9
      alex78

      Caro Claudio,

      scusa se ripeto le considerazioni già espresse in passato..

      a) Praticamente tutte le banche citate sono quotate in borsa, non appartengono ad un gruppo di persone che vivono su un altro pianeta tirando i fili delle nostre esistenze…vuoi far parte di questa elite che domina il mondo? bene, vai allo sportello della tua banca e comprati un po di azioni di GS, DB a JPM..nessuno ti chiederà di presentare tessere di appartenenza a qualche loggia massonica, stai tranquillo..

      b) Ti ho già detto che i titoli di queste banche, dal 2007 a oggi, perdono tra il 30% al 70% del loro valore…solo questo numero basterebbe per smontare la tesi che la crisi che stiamo vivendo sia il frutto di un sovversivo disegno delle forze del male (cioè le banche) per arricchirsi ai danni di noi comuni mortali..se cosi fosse, sono davvero un po stupidi questi potenti della terra..:-)

      c) i numeri citati nell’articolo fanno riferimento non solo all’attività di investment banking, ma anche di asset management..quindi non si tratta di “soldi delle banche”..sono soldi che i risparmiatori di tutti il mondo mettono in fondi d’investimento, piani pensionistici, polizze assicurative.. quindi sono i risparmiatori (cioe noi) che controlliamo quelle società, non le banche (che in questo caso svolgono solo una azione di intermediazione)

  • -19
    Neopunzia

    Fido83 ha scritto :
    Mi stupisce il fatto che ancora non ti abbiano tappato la bocca in qualche modo!!!

    Credo essenzialmente per due motivi.(Senza nulla togliere a Claudio che penso sappia bene come la pensiamo su ciò che fà) Il primo è che evidentemente non gli dà cosi fastidio. Il secondo è che non turba minimamente quello che intendono e che a tutti gli effetti stanno facendo.

    Per la piazza poi c’è un’altra cura

  • -20
    Rodolfo P.

    Maddalena ha scritto :
    Carissimo Rodolfo, dato che l’uso del giallo non sembra creare una miglior comprensione della tua tesi, ti chiederei di pubblicare sul web  un tuo trattato sul signoraggio, che sia allo stesso tempo una dimostrazione logica e una esposizione facilmente comprensibile a noialtri ignoranti. Poi mandi qua un link, così ci educhi tutti.

     

    Carissima Maddalena,

    che ci vuoi fare… mi piace evidenziare il post… e visto che ci sono i mezzi li uso… sennò che ci stanno a fare? Risatona 

    Detto questo… non penserai mica che con tutto quello che c’è in giro per il web mi metta a scriverti la tesi sul Signoraggio che poi non è una tesi… ma un fatto ormai certo e assodato, nonostante i disinformatori che attivamente o passivamente remano contro affinché la gente non possa mai conoscere l’arma con cui vengono derubati i popoli!

    Affinché anche tu possa usufruire di tali informazioni ti linkerò qualche cosa di semplice ed efficace!

    https://picasaweb.google.com/115101465967917551239/SovranitaMonetaria?authkey=Gv1sRgCNv4nJ2hh67kfQ#5695555282868836258

     

    http://www.signoraggio.com/pdf/tesi_tamburro.pdf

     

    http://www.katholikos.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=27:signoraggiolabancaitalia&catid=19:poteri-occulti&Itemid=143

    Sperando di esserti stato utile alla comprensione del Signoraggio… non me ne vorrai se lo evidenzio tanto per richiamare l’attenzione di qualcun altro per poterne casomai usufruire!  

     

    • -20.1

      Non puoi commentare così. Leggi ti l’ultimo punto delle policy per scrivere i commenti. Gli strumenti ci sono ma vanno usati con moderazione, solo quando servono. Non usarlo in quel modo perché saró costretto a cancellarli

    • -20.2
      Mjollnir

      Effettivamente Maddalena la letteratura su questo argomento è abbastanza diffusa.

      Concordo con Rodolfo P che si tratta di un fatto non di una testi (con tanto di dimostrazione logica)e tutto sommato anche di facile comprensione appena si esce dallo schema mentale inculcato in anni ed anni di indottrinamento

      Trovo che il libro di Marco Della Luna (Euroschiavi) sia un buon rifermento per capire questi fatti.

      Con il termine “signoraggio” a volte non ci si riferisce alla mera differenza tra il valore nominale e intrinseco della moneta, ma più in generale si indica un determinato sistema di gestione della moneta.

      Questo sistema prevede che allo stao non si consentita la gestione della moneta e con essa una qualunque  possibilità di gestione dell’economia e della creazione della ricchezza. Allo stato rimane quindi, al più, la sola gestione della distribuzione della ricchezza (o meglio della povertà).

      Per tali motivi questo argomento è di importanza primaria rispetto a tutti gli altri

      L’applicazione della parola “signoraggio” ad altri aspetti della gestione e creazione della moneta  a volte genera confusione, confusione della quale molti approfittano per screditare l’argomento.

      Certo che non sarebbe male avere un testo di riferimento da far girare all’interno del blog per (s)chiarire le idee a chi ancora avesse dei dubbi.

    • -20.3
      Istevene A

      Mi permetto di aggiungere un libro sul signoraggio chimato “La Grande Truffa” di Paolo Maleddu che ho avuto il piacere di conoscere e sentire in un incontro insieme a Paola Musu. Il libro è proprio “For Dummies” avvincente e di una semplicità incredibile. Conoscevo già l’argomento ma dopo la lettuta di questo libro capisco quello che cerca di spiegare Rodolfo. La gestiobne della moneta è la gestione del potere da che l’uomo l’ha inventata.

  • -21
    felix

    A proposito della puntata in questione mi voglio permettere di commentare qualcosina…

    Galletti fa 2 affermazioni, una in cui dice che bisognerebbe investire di più per addestrare le forze dell’ordine per fronteggiare le manifestazioni tumultuose in maniera migliore senza perciò compiere errori, e che bisogna ringraziare il governo attuale per il risparmio di 30 miliardi di debito passando da uno spread di 499 a 362.

    Alla prima si risponderebbe in maniera facile facendo sì che la gente non debba sciendere in piazza, a dir poco imbufalita,per una situazione che mina le proprie speranze per gli annni a venire, aggiungo che anche le forze dell’ordine sono composte da esseri umani e che come tali a volte reagiscono a prescindere dall’addestramento ricevuto, sarebbe meglio investire quei soldi per la gente in piazza e le forze dell’ordine….

    Per quanto riguarda la seconda direi che come ha spiegato Grillo lo spread è la scommessa dei finanziatori che uno stato ce la faccia o meno (fallimento) e quindi io veramente mi dovrei preoccupare di un dato che varia al variare del vento…..

    Misiani dice che dobbiamo restituire la parola ai cittadini…..mi sembra che oggi siano tutti un pò più “Grillini” di ieri….

    Raparelli dice che la germania ci sta a socializzare il debito in Europa ma….Bisogna abbasssare i salari e creare zone defiscalizzate per le società straniere (tedesche) che vogliono investire in attività sul nostro territorio…..Che dire se fosse vero ciò che Raparelli dice una risposta certi stati se la possano dare anche da sola quindi se non ci vogliono o se non vogliono l’Europa che lo dicano chiaramente a Monti,Draghi e Napolitano almeno ci mettiamo una bella croce sopra e cominciamo a parlare di cose serie..

  • -22
    Rodolfo P.

    Neopunzia ha scritto :
    Va bene dai,ho capito che non ci capiamo.E’ lo stesso.

    Scusa se ti incalzo, ma tu hai asserito che sarebbe “riduttivo” il concetto secondo cui “Le banche governano il mondo grazie a coloro che tacciono sul signoraggio!” CONFERMO!

    Non è colpa mia se tu non capisci la sintesi di una frase che racchiude in sé non solo il concetto di base, ma anche tutto il processo che fa si che la conoscenza dei popoli su certe questioni come queste portano a liberarsene! Ti ho aggiunto una serie di frasi che riassumono in egual modo in sintesi concetti che potrebbero essere sviscerati in un libro!

    Ma tu impassibilmente continui a dire: “Non ci capiamo!”

    Penso che sia più corretto dire che tu non capisci quello che ho scritto! E’ diverso!

     

    • -22.1
      Neopunzia

      No! Non vedo il motivo per cui io debba scrivere che non capisco le tue ragioni quando semplicemente non sonototalmente  d’accordo.Invece di evidenziare il tutto te le sottolineo certe parole perchè sono ancora convinto cosi come ho sottolineato riduttivo  che non sarebbe sufficiente ad eliminare totalmente  il problema. Hai scritto che le banche governano il mondo grazie a quelli che tacciono sul signoraggio. Poi scusa, “Quelli chi??”  Ti riscrivo che non sonocompletamente d’accordo perchè anche se “Quelli” come li definisci te ne parlassero di più le banche o qualsiasi altra istituzione che ha in mano il “Dio denaro” muoverebbero i fili lo stesso. Io vedo che negli ultuimi anni si parla sempre di più di estorsione,criminalità,mafia,evasione ecc ecc e i problemi sono ancora li. Anzi . .  

       O forse con “Quelli” intendi “Tutti” perchè se fosse cosi dovresti aspettare le calende greche. Chi detiene il potere ha in mano tv,giornali ecc e per 100-1000 persone che parlassero di più  ne metterebbero 200-2000 che affermano esattamente il contrario anche perchè esisteranno sempre persone che non sono d’accordo con te o me,mettici i “negazionisti” (che dopo 70 anni hanno ancora il coraggio di negare l’olocausto) . Concludo e dopo chiudo perchè a me pare proprio  di aver capito le tue poche parole (con tutte le citazioni che puoi aggiungere) ma vedo che i potenti l’hanno sempre fatta in barba ai poveracci,dalle piramidi ai grattacieli,la soluzione per il modesto punto di vista è un tantino più complicata.    P.S. Non dimenticare che la mamma degli ignoranti è perennemente incinta e a certe persone puoi mettergli la verità in faccia in tutte le salse e i condimenti che conosci ma li si fermano e li restano.  Più informazione come dici te,ma non solo!

      Pace e prosperità      Paolo

  • -23
    Maddalena

    Carissimo Rodolfo,

    dato che l’uso del giallo non sembra creare una miglior comprensione della tua tesi, ti chiederei di pubblicare sul web  un tuo trattato sul signoraggio, che sia allo stesso tempo una dimostrazione logica e una esposizione facilmente comprensibile a noialtri ignoranti. Poi mandi qua un link, così ci educhi tutti.

  • -24
    brunar

    Buongiorno,

     

    mi potrebbe spiegare in dettaglio il conteggio di Monia circa i 144 miliardi di interessi sul prestito da 130 miliardi su un arco di 20 anni??

    cioè quale tasso di interesse è stato considerato?

    • -24.1
      opap

      5,54% annuo in media

      di quei 130 ne devono restituire 7,2 all’anno di interessi…

      naturalmente io ho fatto una media, è molto probabile ceh abbiano delle scadenze, cioè che tot soldi devono essere restituiti l’anno x, altri l’anno y etc etc….non conosco le modalità

  • -25
    Fido83

    Grande Claudio ottimo lavoro..queste sono tematiche essenziali per capire questa crisi e cercare di fermarla. Peccato che la gente continua ostinatamente a non volerne sapere di questi argomenti.                                 Ciao

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>