La strada verso il baratro

di Fabrizio Tringali
Il governo Monti ha compiuto un anno. Per celebrare l’evento, Palazzo Chigi ha diffuso una lunga nota ufficiale, denominata “appunti di viaggio”, che riassume quanto è stato fatto in questi dodici mesi. Un documento pieno di menzogne e di omissioni (come ad esempio il dato relativo alla disoccupazione giovanile, salita dal 27 al 35 per cento). Ma le balle potevamo aspettarcele, e basta dare uno sguardo alla tabella riassuntiva pubblicata dal Sole24Ore per apprezzare gli effetti nefasti del governo dell’austerity. Ciò che più colpisce, invece, è che finalmente alcune drammatiche verità vengono ufficialmente a galla.

 

1) Il mercato unico europeo non è nato per favorire la cooperazione

Il documento ribadisce per ben due volte, con frasi evidenziate in neretto, che il Trattato di Lisbona disegna un’economia di mercato “altamente e fortemente competitiva”, in cui i singoli Stati sono chiamati a “promuovere il proprio posizionamento” cercando di “migliorare la propria situazione comparata” (ovviamente a scapito degli altri). Interessante, non vi pare? Quando mai agli italiani è stato detto con chiarezza che i trattati europei non costituiscono affatto la base di forme di collaborazione fra gli Stati, e che quella che chiamano “Unione” in realtà non è altro che un teatro di guerra economica dove ciascuno deve lottare all’ultimo sangue contro tutti gli altri?

A tutto ciò va aggiunto che noi, in quanto appartenenti all’eurozona, possiamo contare su meno armi di altri, avendo rinunciato allo strumento della flessibilità del cambio. Apriranno finalmente gli occhi quelli che pensavano che l’appartenenza al mercato unico europeo fosse, o potesse diventare, fonte di cooperazione fra le nazioni?

2) Per essere salvati dovremo cedere sovranità

Nel paragrafo “La tabella di marcia per l’integrazione economica e democratica” (che guarda caso, a discapito del titolo, non dice assolutamente nulla sulla democrazia), si ribadisce ciò che tutti i documenti ufficiali riportano, cioè che l’accesso ai fondi cosiddetti “salva-Stati” sarà possibile solo: “per quei Paesi della zona euro che sono in regola con le condizioni poste nel quadro del semestre europeo e del Patto di stabilità e crescita”, cioè solo per chi seguirà alla lettera e senza discussione i diktat della Commissione e della BCE.

Del resto, già nel Giugno scorso, i capi di Stato avevano firmato un accordo pubblico nel quale veniva scritto, nero su bianco, che i fondi sarebbero stati utilizzati al fine di “stabilizzare i mercati per gli Stati membri che rispettino le raccomandazioni specifiche per paese e gli altri impegni, tra cui i rispettivi calendari, nell’ambito del semestre europeo, del patto di stabilità e crescita e delle procedure per gli squilibri eccessivi. Tali condizioni dovranno figurare in un memorandum d’intesa.”. Ovviamente da nessuna parte si fa menzione del fatto che quei fondi non vengono dalla Luna. Sono nostri, cioè li abbiamo versati noi agli organismi europei.

3) Monti è qui per “svendere” il tessuto industriale italiano all’estero.

Questo è un tema di grande importanza, i cui risvolti probabilmente ancora sfuggono a buona parte dell’opinione pubblica italiana. Il documento di Palazzo Chigi sottolinea con enfasi il grande sforzo messo in campo dal premier per convincere potenziali investitori stranieri ad acquistare titoli ed aziende italiane. Pochi giorni fa, in Kuwait, Monti si è rivolto ad una platea di sceicchi dichiarando che: “i titoli a reddito fisso e le valutazione delle imprese in Italia sono bassi. E’ il momento di comprare a buon mercato perché si rivaluteranno”. Si potrebbe pensare che questa non sia una strategia sbagliata: siamo in crisi, quindi perché non importare capitali dall’esterno per favorire la ripresa economica?

Purtroppo questa logica è sensata solo all’apparenza, perché nelle nostre attuali condizioni affidarsi all’importazione di capitali esteri è del tutto controproducente. Innanzitutto perché il primo modo con cui Monti ha reso “appetibili” le aziende italiane è stato quello di attaccare i diritti dei lavoratori: ecco spiegato l’accanimento contro l’articolo 18, anche se è noto che per la maggioranza degli imprenditori italiani lo statuto dei lavoratori non è un problema. Naturalmente tutto ciò determina il depauperamento delle condizioni di vita dei lavoratori italiani, che vedono disperdersi diritti e salario, con ovvi effetti recessivi. Altro che uscita dalla crisi!

Ma c’è di peggio. Abbiamo visto che Monti cerca di convincere i potenziali acquirenti esteri fornendo loro la prospettiva di una rivalutazione a breve-medio termine del capitale impiegato in Italia. Immaginiamo che gli sceicchi seguano il suo consiglio e acquistino titoli e imprese italiane. L’afflusso di capitali, probabilmente, determinerebbe nell’immediato alcuni effetti positivi (aumento dell’occupazione, segnali di ripresa economica e così via). Difficilmente però questo consoliderebbe l’economia del Paese, sia perché buona parte dei profitti se ne tornerebbe a casa degli sceicchi, sia soprattutto perché nel frattempo le criticità strutturali dell’eurozona non sarebbero state risolte. Non essendo state rimosse le cause scatenanti della crisi, sugli asset italiani continuerebbe a gravare una forte incertezza che determinerebbe la minaccia continua di perdita di valore. A un certo punto, visto che l’attesa (e promessa) rivalutazione tarderebbe a concretizzarsi, e vista l’incertezza, gli investitori prenderebbero a vendere tutto quello che avevano comprato. Le vendite determinerebbero un’accelerazione della tanto temuta svalutazione e si scatenerebbe un effetto a catena: per contenere i danni, sempre più capitali prenderebbero il volo, scatenando il caos.

E’ uno scenario da incubo, ma non è ipotetico: è esattamente quello che è sempre successo ai paesi che hanno agganciato il valore del cambio della loro moneta ad una valuta più forte e poi hanno cercato di attrarre investimenti esteri: si chiama “ciclo di Frenkel”, poiché prende il nome dallo studioso che lo ha efficacemente descritto.

Ecco dunque la destinazione finale verso cui ci porta la strada descritta negli “appunti di viaggio” del governo Monti: il baratro.
Altro di Fabrizio Tringali


– Il patto di stabilità? Serve a privatizzare!
 – Il problema non è il debito pubblico. Ecco perché.
 – Vi spiego i piani di chi vuole più Europa. [video]

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

22 risposte a La strada verso il baratro

  • 10
    tuttogalante05

    Mi chiedo che faccia faranno coloro che anni fa ha votato per l’ingresso dell’italia nell’euro…nel senso sanno di aver fatto una scelta negativa?…sapevano ciò che sappiamo noi ora?…hanno seguito sempre e solo la tv e i bombardamenti subliminali convincono ancora oggi quelli di una generazione fa e oltre…mia nonna dice che serve monti all’italia…sarà perchè vede sempre la tv che ci dice cio che ognuno di noi deve sentire…

  • 9
    Marko

    E allora DILLO, DILLO CLAUDIO!!!!

    Ho capito, stai facendo ditutto per diventare tu il Servizio Pubblico che informa i cittadini di quello che succede realmente!

    DILLO, DILLO, che quindi facendo TU il vero Servizio Pubblico, speri subdolamente di divenire il legittimo beneficiario del canone Rai che ci obligano a pagare e che a quanto pare dalle ultime notizie, si “ventila” che assugerà a valore di cultura nazionale, e che quindi sarà inglobato nelle tasse che paghiamo con un bel F24.

    Scherzi a parte continuo a essere combattuto tra l’ esser contento che ci sia qualcuno che mette in evidenza questioni di carattere così macroscopico al posto di chi è pagato per farlo, e spaventarmi per quello di cui purtroppo, con dati di fatto poco controvertibili, mi metti al corrente.

    Spero che la politica, quella democratica, grande assente di queste grandi quanto tristi vicende, prenda velocemente coscienza di cosa ci si stà prospettando e contrasti, inverta la rotta, con il potere della sovranità che ancora abbiamo.

    Ce la faremo, o siamo già storia! 

  • 8
    rg3

    L’unica via d’uscita è il M5S e due distinti referenda sull’Euro e sull’Europa.

    Magari ci deluderà anche Grillo ma almeno mettiamo il M5S alla prova; tanto non potranno far peggio di quelli che ci hanno governato dal dopoguerra ad oggi.

    • 8.1

      Grillo, da solo, molto difficilmente la potrà spuntare.

      Secondo me è necessario che i cittadini italiani si attrezzino per fondare nuove associazioni mirate a tutelare i loro diritti e rappresentarli presso le istituzioni.

      Solo in quel modo potremo scalzare i criminali che occupano i palazzi del potere.

      Guido Mastrobuono – http://www.delusidalbamboo.org

    • 8.2
      nico61

      Troppi movimenti riducono la capacità di azione rispetto ad un unico movimento compatto e coeso quale il M5S, visti anche i risultati ottenuti in poco tempo.

      Come prima proposta bisogna far rientarre le aziende che hanno delocalizzato nei paesi europei per ovvi motivi di tassazione, bisogna mettere un tetto massimo del 35% di tassazione per tutti con eventuali punti di % in meno in base al numero di lavoratori impiegati.

      Le tasse vanno pagate da tutti, se ti becco ti castigo duramente con confisca dei beni e galera, anzi lavori socialmente utili (gratis)

      Non ci sarebbe bisogno neanche dello scontrino fiscale

  • 7
    gigic

    Analisi lucida e condivisibile, ma una cosa mi lascia perplesso: perchè il fatto che i profitti finiscono in tasca ad un emiro piuttosto che a un capitalista nostrano dovrebbe turbarmi? Perchè l’ emiro potrebbe non investirli nuovamente in Italia? Neanche il capitalista italiano è obbligato a farlo, e di fatto in questo momento non lo sta facendo.

    • 7.1
      Max Bellini

      Sembra strano vero ?

      Eppure un investimento dall’estero, seppur a breve porti piccoli benefici, non è mai come un investimento interno e si palesa in realtà come un “debito” verso l’estero. I motivi sono:

      1) Gli utili dell’investimento vanno verso lo stato estero e non rimangono in Italia

      2) Questa tipologia di investimenti, solitamente generati da fondi privati o sovrani, grazie alle ben note “triangolazioni contabili” non pagano quasi nulla di tasse nel paese dove hanno investito, ma vanno a pagare il minimo laddove conviene
      3) Essendo investimenti “congiunturali” cioè finalizzati a fare il massimo profitto grazie a particolari momenti economici, non rappresentano quasi mai piani industriali di sviluppo, ma puro accaparramento. Appena l’investimento perde la “soglia di utile”, o se preferisci si rivela meno proficuo di altri investimenti in altre zone del mondo, il fondo si volatilizza, lasciando all’ Italia  questi bei regalini:

      Investimenti italiani per attrarre il capitale estero (Finanziamenti in strutture, agevolazioni, etc)
      Zero tasse incamerate dallo stato
      Zero utili (tutti finiti all’estero e quindi non entrati nell’economia)
      Lavoratori (già pagati poco e precari) a spasso da un giorno all’altro (vedi Alcoa)

      Se vuoi approfondire, sembra una lettura noiosa, ma è utilissima per chiarirsi alcuni principi economici, Premiata Armeria Hellas (1° parte) del buon Bagnai, qui http://goofynomics.blogspot.it/2012/02/premiata-armeria-hellas-saldi-di-fine.html

    • 7.2
      newton

      Mi cadono le braccia. Se non hai nessuna idea del perchè i capitali esteri sono un debito per il nostro paese, che va ripagato con gli interessi, ti suggerisco di leggere i post di Bagnai sul suo sito Goofynomics. Non è un tipo simpatico, ma è ferrato spiega perfettamente questa dinamica, così come tutte quelle relative all’euro e alla finanziarizzazione dell’econonomia. Sono i fondamentali dell’economia, ed è necessario che impariamo a conoscere bene le finezze attraverso le quali ogni giorno ci rendono più poveri e sottomessi.

  • 6
    Grigio

    Emilio ha scritto:

    “io non capisco che convenienza possa avere uno stato come la Croazia, che entrerà in comunità a giugno, a fare parte di questo gioco perverso che è la UE”

    Io credo che, senza andare troppo lontano ai padri fondatori, se  fai attenzione alla foga con la quale in primis il nostro presidente della repubblica ed a seguire i vari Casini, Fini, Montezemolo, Tabacci, D’Alema ecc., difendono a spada tratta il dogma dell’Eurozona, pur ormai di fronte ad una consapevolezza diffusa, ma soprattutto di fronte a dati economici indiscuscutibilmente negativi, capirai che il potere ed il denaro sono il carburante del mondo. Di fronte ad una prospettiva di equa distribuzione delle risorse economiche alla popolazione mondiale, in base chiaramente alle singole capacità individuali, qualcuno preferisce avere per se il grosso del malloppo, cercando di allargare sempre più la forbice fra “prenditori” e “produttori”, come recita efficacemente un altro forumista.

    Questo per dire, che pur non provando molta simpatia per le teorie complottiste, mi sembra del tutto evidente che il progetto dell’Eurozona non è stato concepito per la “vile plebaglia”, come ha affermato Jacques Attali, già collaboratore di Mitterrand e oggi consulente di Hollande nonchè “compagno di merende” di Mario Monti.

  • 5
    Rumegusc

    monte ha scritto :
    http://memmt.info/site/ Una possibile via…

     

    na te prego! parliamo di cose serie

  • 4
    Euroleso

    LA DESTINAZIONE FINALE che vuole Mr. Monti, fuhrer Merkel e il presidente della Repubblica delle italiche euro-banane Napolitaner.

    Il lavoro rende liberi”, … soprattutto nei campi si sterminio!

    • 4.1
      Neopunzia

      Visto che ancora nessuno ti ha risposto e votato voglio essere il primo. Poi la prima frase e l’immagine sotto ha condito tutto.

      Evidentemente non sono poi cosi solo nel pensare che quello che ci aspetta per almeno 10 anni è miseria e fame. Il M5S non scardinerà il potere perchè ci siano dei grandi cambiamenti occorrono sempre dei grossi casini. E’ la storia che lo dice non Neopunzia,e chi mi cita Ghandi per contraddirmi forse non sà o dimentica le botte o i morti che il popolo Indiano ha subito. La non violenza era la sua non di certo quella degli Inglesi! Per cambiare con la C maiuscola ci vuole una dittatura di destra o di sinistra è indifferente ma sempre regime deve essere. Questi con le riforme e le leggi non li cacci. LORO sono la legge.

    • 4.2
      Euroleso

      Ti ringrazio per l’apprezzamento. Magari ho un po’ esagerato con l’immagine “forte”; ma se pensiamo che, un recinto come Auschwitz – Birkenau, può essere facilmente paragonato alla nuova camera a gas europea, dove si perdono diritti democratici e sovranità, allora l’immagine anche se forte mi è sembrata appropriata. Inoltre le politiche sociali che si stanno adottando, hanno già spinto parecchie persone al suicidio e quindi non serve aggiungere nessun’altro commento.

  • 3
    Tanatx

    salve a tutti, mi presento, sono un libero professionista e amministratore di una srl, seguo da tempo le vicende internazionali con ansia e preoccupazione e vorrei mettere in discussione alcune mie tesi che nel corso degli anni ho maturato:

    – la democrazia esiste solo in linea orizzontale, ossia tra simili, la definizione si riferisce al popolo e non alle diversità all’interno dello stesso, ecco perchè i Governi Italiani non hanno mai rappresentato democraticamente l’elettorato, poichè hanno sempre operato secondo i loro interessi privati;

    – gli scioperi non servono a nulla, a meno che non abbiano un risvolto economico macroscopico e immediato e gli unici due che mi vengono in mente sono quello delle tasse e quello dell’utilizzo di strumenti bancari con l’esclusivo utilizzo del contante;

    – il baratto come formula di sopravvivenza e di elusione fiscale;

    – il M5S è il detonatore, se dovesse avere una rappresentanza nelle stanze dei bottoni, forse si potrebbe evitare lo sfacelo, altrimenti, la microcriminalità prima e quella organizzato poi prenderebbero il sopravvento, come succede nei periodi post bellici, senza contare che la guerriglia urbana affrancherebbe i territori non coperti dalla pubblica sicurezza;

    – Lo scontro fra le tre religioni è ormai alle porte, sembra assurdo ma, Cristiani, Ebrei e Musulmani, le tre principali culture religiose si stanno scontrando silenziosamente strumentalizzando stati e popoli, L’Europa dei Cristiani, gli States degli Ebrei, e il Medio Oriente e Oriente dei Musulmani;

    – i dati OCSE sono elaborati solo suu dati economici e non sociali, nell’eventualità che scoppi un qualsiasi conflitto all’interno dei principali sistemi economici l’accelerazione della caduta sarebbe esponenzialmente rapida;

    – ho due bimbi piccoli, il più grande ha 4 anni e sono fortemente preoccupato su come educarli, se utilizzo un sistema basato sulla cultura e sulla non violenza, cresceranno predisposti al diaologo ed alla mediazione ma non alla lotta ed alla resistenza, se indico loro la strada della giustizia farò di loro dei sovversivi perseguitati tutta la vita, se li cresco facendo accettare loro la violenza come strumento di giustizia, creo dei potenziali terroristi o banditi.

    Concludo col dire che ripongo ancora fiducia nelle persone e credo che una rivoluzione dal basso possa ancora esserci e che in qualche modo non arriveremo al 2060 nella situazione prevista dall’OCSE.

    In fondo sono convinto che la vita sia un meraviglioso e spietato teatro, dove anche la più misera delle menti potrebbe avere il suo minuto di gloria.

    • 3.1
      Euroleso

      Benvenuto tra di noi. Non ti preoccupare, qui sei in buona compagnia … siamo più preoccupati di te.

  • 2
    emilio

    io non capisco che convenienza possa avere uno stato come la Croazia, che entrerà in comunità a giugno, a fare parte di questo gioco perverso che è la UE.

  • 1
    GigiFrisko

    Ragazzi mi sto deprimendo… Qualcuno ha qualche idea su come fermare queste follie?

  • 0
    Mr. Age

    Ciao Angelo

    Scusami ancora ma secondo me sei un “ottimista” quando dici che abbiamo agganciato il valore della nostra moneta ad una più forte.

    In realtà noi stiamo usando una moneta privata e straniera su cui non abbiamo nessun tipo di controllo.

    La Banca d’Italia che dovrebbe essere di proprietà pubblica in realtà è privata per il 95% circa, oltretutto la banche private che controllano la “nostra” banca centrale sono in gran parte di proprietà straniera e questo è avvenuto ancora prime di entrare nell’Euro.

    Il parlamento, che non può fare politica monetaria e quindi economica, è di fatto un contenitore vuoto, la cui unica funzione è quella di mascherare la vera natura del nostro Stato.

    Uno Stato è costituito da 3 elementi essenziali: Popolo, Territorio, e Sovranità.

    Senza la sovranità siamo semplicemente una COLONIA!

     

     

     

  • -1
    Marko

    Come dice il docente di Economia Zezza, in uno dei video di Claudio, per prima cosa, e per dare forza al dissenso su queste cose ci vorrebbe una presa di coscienza un “pò” anti neo liberista.

    In pratica bisogna tornare a concepire nuovamente che PRIVATO è brutto e PUBBLICO e non il contrario di quanto questi anni ci hanno abituato a pensare.

    Se ti vuoi far forza pensa a quanto sono state fallimentari tutte le varie privatizzazioni, presentate come la panacea di tutti i mali e disservizi, per cui all’indomani avremmo avuto dei buoni crismi di soddifazione della cosa pubblica che sarebbe stata una macchina più efficiente e rispondente alle esigenze dei cittadini.

    Oppure puoi pensare il PUBBLICO era così brutto e inefficiente risetto al PRIVATO, che, guarda un pò, alla fine il PUBBLICO (Noi per inciso) abbiamo salvato dal fallimento il PRIVATO (Banche & C.), ed oggi ne paghiamo (nel vero senso della parola) il prezzo. 

    E per questo in Italia abbiamo una doppia difficoltà, dovuta al fatto che come purtroppo questa brutta classe politica ci ha abituato a vedere, con questi ultimi scandali, Lusi, Fiorito e compagnia bella, ci vuole una bella dose di coraggio a invertire mentalmente la rotta. Bisogna tornare a dare fiducia alla politica (ma tu guarda che mi tocca dire), ovviamente puntando sul rinnovamento totale.

    Se ti fà piacere puoi pensare che possa esserlo il M5S, visto che è l’unica voce nuova fuori dal coro solito e ammorbante. Tanto se saremo ancora in democrazia, se i signori del M5s non faranno bene, potremo sempre, democraticamente mandarli a casa e sostituirli con chi ci darà nuova fiducia.

    Insomma basta farci violentare dalla finaza privata ad ogni costo!

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Salvini – Vittoria del popolo contro i poteri forti di tutto il mondo

Salvini referendum La prima dichiarazione dopo gli Exit Poll che danno la vittoria del No a 55%-59% è di Matteo Salvini, che parla testualmente di "una vittoria del popolo contro i poteri forti di gran parte del mondo"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>