Vogliono barricarsi dentro

di Paolo Becchi

Re Giorgio, nelle sue recenti dichiarazioni in merito alle prossime elezioni politiche, ci ha avvertito: la Seconda Repubblica è finita, per sempre. Nessun “premierato”, nessuna investitura diretta del Capo del Governo: «dopo le elezioni il mio successore alla Presidenza della Repubblica terrà le consultazioni e in quella sede ogni partito potrà esporre le sue preferenze e le sue proposte sulla personalità a cui conferire l’incarico». Consultazioni, mandato esplorativo, incarico… La Terza Repubblica, nata con il 18 Brumaio di Napolitano I, appare infestata dai fantasmi della Prima. Sono il Capo dello Stato e sono i partiti a legittimare il Governo, e non il voto dei cittadini. Ed è per questo che Monti non dovrà candidarsi, perché la sua legittimazione, se ci sarà, continuerà a passare per gli accordi interni al Palazzo: «è senatore a vita: non si può candidare al Parlamento perché è già parlamentare»; potrà, tuttavia, essere «coinvolto» e «continuare a fare il presidente del Consiglio, dopo il voto, in un governo politico e non più tecnico». Sarà dunque possibile, secondo Re Giorgio, che il prossimo premier non passi attraverso la legittimazione delle elezioni, come avrebbe voluto lo sviluppo naturale della Seconda Repubblica, di cui la legge elettorale è espressione.

 

Forse è bene, anzitutto, fare due osservazioni sulla “non candidabilità” di Monti in quanto senatore a vita. In primo luogo, ai sensi dell’attuale legge elettorale il candidato premier non deve necessariamente presentarsi anche come candidato alla Camera o al Senato. L’art. 14 bis introdotto dalla legge n. 270 del 2005, il cosiddetto Porcellum, infatti, dispone che «i partiti o i gruppi politici organizzati che si candidano a governare depositano il programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come capo della forza politica». Dal momento che nulla impone, nella nostra Costituzione, che il Presidente del Consiglio sia anche un parlamentare – deputato o senatore –, Monti potrebbe benissimo venire candidato premier senza partecipare, nel contempo, alle elezioni alla carica di deputato o senatore (quale è già). Né, del resto, l’attuale legge elettorale impone che il “capo della forza politica” indicato nel programma elettorale sia necessariamente anche il candidato a Presidente del Consiglio. Con “capo della forza politica”, infatti, il Porcellum ha inteso far ricorso ad un’espressione generica, perfino “rozza”, se si vuole [cfr F. Lanchester, La Costituzione tra elasticità e rottura, 2011, p. 64]. Del resto, come la legge stessa precisa, questa indicazione continua a non implicare, almeno formalmente, un rapporto diretto tra voto ed elezione del Presidente del Consiglio [cfr. anche Corte Cost., sentenza 23/2011: «la disciplina elettorale, in base alla quale i cittadini indicano il “capo della forza politica” o il “capo della coalizione”, non modifica l’attribuzione al Presidente della Repubblica del potere di nomina del Presidente del Consiglio dei ministri, operata dall’art. 92, secondo comma, Cost., né la posizione costituzionale di quest’ultimo»].

È sorprendente che queste banalità né Montezemolo né Casini l’abbiano capita. Fatti loro. Apro parentesi: l’ha invece capita – e sembra l’unico – il Movimento Cinque Stelle, il quale, nel suo programma politico e nelle recenti regole interne per le candidature, ha precisato che, in forza dell’art. 14 del Porcellum, il Movimento si definisce come «il gruppo politico organizzato che, riconoscendo come capo politico e suo rappresentante Beppe Grillo» e che, pertanto «depositerà il contrassegno  quale segno distintivo delle liste dei candidati e del programma formati secondo le procedure in Rete del Movimento 5 Stelle». Grillo sarà dunque il “capo politico” del Movimento Cinque Stelle, sebbene egli – qualsiasi cosa accada – non sarà mai né parlamentare né Presidente del Consiglio, in quanto il programma del Movimento prevede la «non eleggibilità a cariche pubbliche per i cittadini condannati» (e Grillo, come noto, è stato condannato, con sentenza passato in giudicato nel 1988, per omicidio colposo).

Chiusa la parentesi, ritorno a Monti. Solo per notare come, nonostante le dichiarazioni di Napolitano, resterebbe comunque sempre aperta la facoltà per Monti di rassegnare le proprie dimissioni dalla carica di senatore a vita, soggette allo stesso regime delle dimissioni dei senatori elettivi. Un senatore “non eletto”, del resto, potrebbe sempre pretendere di aspirare «con la propria candidatura in una competizione elettorale, all’ufficio di senatore eletto», in tal modo modificando la propria legittimazione  [L. Arcidiacono, La previsione dei senatori a vita e di diritto ed i suoi possibili effetti sul funzionamento della forma di governo, in «Studi per Giovanni Nicosia», 2007, p. 256].

Non vi è alcun ostacolo, pertanto, alla esplicita candidatura di Monti a «capo di una forza politica o di una coalizione» – come si esprime l’attuale legge elettorale –. Si tratta, piuttosto, di ragioni d’opportunità politica o, per esprimersi più chiaramente, della volontà di Re Giorgio di evitare ogni legittimazione elettorale diretta, da parte dei cittadini, del Capo del Governo, in modo da sancire definitivamente il tramonto del “berlusconismo” e della Seconda Repubblica. Il Presidente della Repubblica aveva più volte richiesto la riforma della legge elettorale. Ora fa capire che, se anche formalmente essa non verrà modificata, egli imporrà comunque, de facto, una sorta di interpretazione abrogativa, attraverso una “prassi costituzionale” che impedisca ai cittadini di eleggere direttamente il Presidente del Consiglio.

In questi giorni i partiti hanno ripreso a discutere le possibili modifiche. Il “lodo Calderoli” ha tentato una nuova mediazione tra le forze politiche, proponendo un premio alla prima coalizione sopra il 35% e alla prima lista tra il 25 e il 35% con diversi scaglioni. Di fatto, soltanto la coalizione che superi il 38% potrà raggiungere il 50,5% dei seggi alla Camera. Minima osservazione: dietro tutte queste cifre si cela un solo obiettivo, che è quello di impedire ad un partito che si presenti fuori da una coalizione di poter conseguire, ottenendo la maggioranza relativa, il premio previsto dall’attuale legge elettorale. Quante sono, oggi, le forze politiche che correranno alle prossime elezioni da sole – senza alleanze e coalizioni – e che, secondo le proiezioni attuali, avrebbero la possibilità di ottenere la maggioranza relativa? Una sola: il Movimento Cinque Stelle. Lo ripeto, pertanto, ancora una volta: la legge elettorale verrà usata – sia che venga effettivamente modificata sia che ci si limiti ad interpretarla secondo il dettato di Re Giorgio – in funzione puramente negativa, ad personam, per impedire che il Movimento Cinque Stelle possa, come rischia di fare, ottenere la maggioranza dei seggi in Parlamento.

Ai nostri “partiti”, tutto ciò non può che far comodo, in fondo. Il Centrodestra ha ben compreso come il prossimo voto popolare si appresti ad essere semplicemente un’ «arma ormai genuinamente ludica», come ha scritto di recente Giuliano Ferrara, in un intervento su «Il Giornale» [Basta, mi arrendo: starò con Silvio, 25 Novembre 2012]. Sa bene che l’unica possibilità che ha è evitare che il prossimo governo si formi direttamente alle urne: meglio nei corridoi ed in quel che resta delle segreterie di partito, nella speranza – o nell’illusione – che un risultato intorno al 10% alle elezioni possa consentire di giocare qualche ruolo al tavolo delle trattative. Dico “illusione” perché la Destra è ormai finita nel nulla e chi come Ferrara fiuta l’odore del sangue, sa che la battaglia è persa comunque, ma vuole almeno morire con dignità sul campo. Berlusconi, del resto, annunciando che forse “tornerà in campo”, sembra ormai aver indossato, per un’ultima replica a teatro, la parrucca del Filippo II di Schiller: «Sono ancora vivo! Ti ringrazio, Natura! Sento nei miei  muscoli una forza giovanile. […] Vediamo come si può sopravvivere senza di me! Per una sera il mondo è ancora mio. Voglio trarre profitto da questa sera, perché per dieci generazioni dopo di me nessuno riesca a mietere un raccolto da questo terreno dove ha imperversato un simile incendio!» [Don Carlos]. Vale a dire: perderemo, ma sono ancora in grado, con un ultimo gesto, di rovinare la Destra per le prossime generazioni.

Da Sinistra, arriverà, con il ballottaggio e dopo la farsa dell’election day, l’affermazione di Bersani alla guida del Pd. La sua leadership ne uscirà comunque rafforzata, ma non abbastanza per correre alle elezioni da solo: sarà costretta a formare una nuova armata Brancaleone non dissimile, almeno per certi versi, a quella del “prode” Prodi. Il destino sembra ormai segnato: è probabile che, se ne avrà i numeri, Bersani si trovi lui ad indossare i panni del “Monti-dopo-Monti” e di traghettare la Terza Repubblica alla sua meta, con Monti for President. Avremo all’opera la coppia più bella del mondo, per completare l’operazione iniziata di salvataggio dell’Euro costi quello che costi, quando invece il compito sarebbe stato quello di salvare i cittadini italiani dalla moneta unica. Se l’impresa non dovesse riuscire, il “tecnico” potrà sempre diventare un “politico” nel governo di un Paese che dovrà completare l’opera di Rigor Mortis: sì, proprio mortis, perché del popolo italiano dissanguato non resterà che il cadavere.

In questo gioco al massacro, resta soltanto una sola incognita, un solo possibile imprevisto: il Movimento 5 Stelle. Un movimento fuori dallo Stato, ma radicato nella società italiana, capillarmente, come ha mostrato il recente successo in Sicilia. E quando un movimento si radica nel tessuto sociale prima o poi non può che arrivare anche allo Stato. E’ evidente che il Movimento Cinque Stelle abbia molti nemici, ed incontri oggi sempre più ostacoli e tentativi di frenarne l’avanzata: la discussione sulla modifica della legge elettorale, le primarie di Centrosinistra e forse, di Centrodestra, la volontà di evitare che il prossimo Capo del Governo possa essere eletto direttamente dai cittadini, stanno cercando di annientare ogni possibilità, per il popolo, di esprimere alle urne la propria volontà. L’unica speranza è che il Movimento Cinque Stelle riesca davvero a “sfondare” il muro della politica della Terza Repubblica, a fare tabula rasa, per salvare il Paese.

“Ci vediamo in Parlamento”, come ripete Grillo: ma bisognerà arrivarci con numeri alti ed è possibile farcela solo con un movimento unito, senza se e senza ma, intorno al suo capo.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

16 risposte a Vogliono barricarsi dentro

  • 7
    Met

    Impeccabile intervento di Becchi, come al solito, tanto di cappello.

    Faccio seguito ad alcune considerazioni condivisibili di Bruno Poggi, espresse su questo blog tramite articolo, relative alla necessità, da parte del M5S, di coalizzarsi con altre liste civiche nazionali per aumentare il potere detonante in vista delle elezioni.

    Qualcuno di voi sa se il M5S è disponibile a ragionamenti del genere?

    Che cosa ne pensate a riguardo?

    Su un’altro blog che frequento ho visto che si stanno mobilitando per costituire una lista civica nazionale, con il nome ancora da definire…quello che c’è attualmente è provvisorio.

    Questi sono alcuni fondamentali costituenti della nuova lista civica che nascerà. 

    Il contenitore del Movimento che noi abbiamo in mente deve aggregare i vari movimenti, gruppi territoriali, associazioni di cittadini per il bene comune, partiti, singoli attivisti, bloggers, giornalisti, intellettuali che bene o male si riconoscono nel principio della sovranità democratica e monetaria a tutti livelli, dall’autodeterminazione dei popoli fino alla nazionalizzazione della Banca Centrale.”

    Questo il Link per chi fosse interessato ad approfondire:

    http://tempesta-perfetta.blogspot.it/2012/11/il-movimento-democratico-anti_26.html


    E tu caro Claudio Messora, che cosa ne pensi?

    Non credi che sia giunto il momento di “scendere in campo” :) o di collaborare con alcune di queste liste nel nome della partecipazione democratica e dell’italia sovrana?

    Non che tu non stia facendo abbastanza, anzi, io ti ringrazio con tutto il cuore per quello che fai, per il duro lavoro, per la precisione, per l’analisi critica di tutta la situazione attuale. Sei sicuramente un pilastro della vera informazione oggi giorno.

    Aspetto una tua risposta.

    Ciao

     

     

     

     


     

    • 7.1
      lordream

      M5S non si allea con nessuno, solo in parlamento ci si potrà venire incontro per votare leggi decenti, nulla di più

  • 6
    maxks

    caxxo che post! Illuminante.

  • 5
    anima1970

    Signori, siamo spacciati.tutto quello che sta accadendo non si può cambiare da dentro la politica, diciamoci la verità. Nessun partito o movimento politico potrà mai fermare democraticamente tutto quello che stà avvenendo sotto ai nostri occhi .

    “…il valore della salute pubblica si preserva solo con l’innovazione” ha detto ieri Monti

    eccolo là, inizia il lavaggio del cervello sulla sanità ,volete vedere che ci proporranno anche a noi il chip come in america no ? ah dimenticavo … il piano è solo uno, unico per tutti , mondiale !!

     

     

     

  • 4
    anima1970

    Signori, siamo spacciati.tutto quello che sta accadendo non si può cambiare da dentro la politica, diciamoci la verità. Nessun partito o movimento politico potrà mai fermare democraticamente tutto quello che stà avvenendo sotto ai nostri occhi .

    “…il valore della salute pubblica si preserva solo con l’innovazione” ha detto ieri Monti

    eccolo là, inizia il lavaggio del cervello sulla sanità ,volete vedere che ci proporranno anche a noi il chip come in america no ? ah dimenticavo … il piano è solo uno, unico per tutti , mondiale !!

     

     

     

  • 3
    anima1970

    Signori, siamo spacciati.tutto quello che sta accadendo non si può cambiare da dentro la politica, diciamoci la verità. Nessun partito o movimento politico potrà mai fermare democraticamente tutto quello che stà avvenendo sotto ai nostri occhi .

    “…il valore della salute pubblica si preserva solo con l’innovazione” ha detto ieri Monti

    eccolo là, inizia il lavaggio del cervello sulla sanità ,volete vedere che ci proporranno anche a noi il chip come in america no ? ah dimenticavo … il piano è solo uno, unico per tutti , mondiale !!

     

     

     

  • 2
    Euroleso

    Senza piccarmi di essere uno storico, mi sembra che Giorgio I sta percorrendo gli stessi passi che portarono Luigi XVI al patibolo. Se la storia si ripetesse, il monarca resterebbe per due anni chiuso dentro la reggia, mentre fuori si formerebbe la famosa “assemblea costituente”.

  • 1

    Bunker Bunker

  • 0
    puccini

    Le elezioni sono lontanissime e di solito si decidono nell’ultimo mese di campagna elettorale… intanto abbiamo regalato un anno e mezzo al curatore fallimentare/commissario straordinario per fare “quello che si doveva fare”, aspettiamoci delle sorprese, non è ancora finita.

    In tutto questo tempo hanno sicuramente ragionato per trovare il modo di far fuori il M5S, attaccandolo e sgretorandolo dall’interno con la compravendita dei suoi esponenti più “fragili” (non mi sorprenderebbe che la romagnola e altri siano stati avvicinati da qualcuno) oppure recuperando voti proponendo come nuovi e originali gli stessi argomenti che i 5S protano avanti da anni (vedi caso incandidabilità/ineleggibilità per i condannati, valore improvvisamente riscoperto da destra e sinistra). Nell’analisi si da per scontata una vittoria di Bersani al ballottaggio… mmmhhh…  se vincesse (per meglio dire, se facessero vincere) Renzino, farebbe comodo a tutti, piace al cavaliere, piace all’alta finanza, piace ai gggiovani e non solo del centro sinistra/destra, usa, a modo suo, argomenti simili a quelli del M5S, chi meglio di lui per contrastare il pericolo M5S? quando vedo il renzi penso le stesse cose che pensavo nel ’94 di B… (!?!?!?)

    Confido nell’organizzazione del M5S, spero che anche loro abbiano degli a ssi nella manica da tirare fuori durante la campagna elettorale… vedremo…

    1.a tappa, esito delle primarie di CS… mentre il monti continua a fare “quello che bisogna fare”

  • -1

    In che modo il M5S (na volta in parlamento) sosterrebbe, l’abbandono del sistema della moneta a debito (madre di tutti i problemi) ammesso che li dentro ne sappiano qualcosa?

    Un paio di volte ho provato a sollecitare una discussione sul tema nel blog di Grillo e un paio di volte i miei commenti sono stati cancellati!

    Mah

  • -2
    Daniele L.

    Cari lettori elettori,

    oltre a Grillo c’è un’altra forza politica che sostiene, per molti temi, le stesse proposte del Movimento 5 stelle, ma che -inoltre- ha avuto il coraggio di inserire tra i punti chiave del proprio programma politico l’uscita dall’euro e la rinazionalizzazione della Banca di Italia, ossia il tanto sospirato STOP AL SIGNORAGGIO DELLA BCE E DELLE BANCHE NAZIONALI “PRIVATIZZATE”per una vera rinascita economica e sociale dell’Italia.

    Di cosa si tratta?

    E’ il movimento politico “IO AMO L’ITALIA” di Magdi Cristiano Allam.

    Lui, a quanto mi risulta, è l’unico che ad oggi abbia nel proprio programma politico l’obiettivo diretto (senza referendum o altri simili espedienti) di realizzare quello che viene auspicato sulle pagine di questo blog di Claudio.

    Vi invito fortemente a verificare di persona la bontà della sua proposta politica.

    http://www.ioamolitalia.it/blogs/vivere-senza-l-euro/

    In attesa di vostri commenti, rivolgo un saluto nella speranza di riuscire nelle prossime elezioni in questa impresa titanica e rivoluzionaria di liberarci dall’euro e dei folli diktat della UE, grazie ad una nuova classe politica onesta e libera dalle manovre del “nostro” capo dello Stato, dei suoi sudditi politici e dei potenti mandanti internazionali.

    Daniele L.

     

  • -3
    Davide Ramunno

    Analisi perfetta, che dire, la Storia si ripete sempre, se dobbiamo perdere la libertà e ogni diritto guadagnato in  2400 anni per capire cosa essi siano….allora così dovrà essere….ma non s’illudano i tiranni, perchè la loro fine, è sempre la stessa.

  • -4
    Paolo 2.0

    Non sono completamente d’accordo. Attaccare Re Giorgio perché esercita una prerogativa prevista dalla Costituzione mi sembra quantomeno bizzarro per un esperto di diritto costituzionale. E questo continuo refrain sul Presidentesceltodalpopolo comincia a essere francamente molesto, oltre che un po’ pericoloso. Lungi da me difendere la persona di Napolitano, uno dei peggiori presidenti di sempre. Ma il Presidentesceltodalpopolo mi fa venire i brividi… 

  • -5
    Stefano B.

    Becchi,Il post assomiglia un po’ troppo al ‘Fate Presto!’ Del Corriere prima che si insediasse Monti. Detto questo è chiaro che al momento il M5S è l’unica scelta ragionevole e che promuove la volontà popolare. Purché lo faccia poi realmente anche a livello nazionale, anche perché si può votare M5S in modo convinto o per protesta e io ho l’impressione che più prevale la linea “autoritaria” di Grillo (che in fondo contraddice il Leitmotiv del movimento) e più persone di spostano dal voto convinto a quello di protesta. Questa almeno è la mia opinione.

  • -6
    Grigio

    Lucidissimo articolo di Becchi che conferma quanto discusso ormai da mesi in questo forum, cioè il M5S per adesso è l’unico movimento in grado di produrre un reale cambiamento nello sfascio del nostro Paese.

    Non potrà farlo certamente il Pd con la sua coalizione, fintanto che saranno costretti a sottoscrivere i diktat di Bruxelles. Infatti quello che il popolo di sx non ha capito (o che fa finta di non capire) è che tutte le politiche ruotano intorno all’economia, dal sociale, all’ambiente, sanità, scuola ecc.

    Noi, adeguandoci alle restrizioni europee neo-liberiste, ci siamo cacciati in un vicolo cieco, nel quale il rigore non potrà mai diminuire il debito pubblico e gli altri parametri previsti dal Fiscal Compact, in quanto deprime il PIL privandosi così della principale fonte di finanziamento alternativa alle ulteriori tasse, alle privatizzazioni ed allo smobilizzo del patrimonio pubblico.

    Quindi, nessun partito potrà farsi promotore del vero cambiamento se non abiura il perverso “patto d’acciaio” dell’Eurozona.

    Quindi a parte la Lega e l’IDV per ovvi motivi numerici, l’unico partito movimento rimane, come suddetto, il M5S.

    Non manca il tempo per convincere ancora altri elettori poco consapevolizzati di questa spirale perversa, ma il vero bacino a cui attingere è quello degli indecisi e degli sfiduciati dalla politica che avrebbero deciso di non votare.

    Chiedo soltanto a Grillo, lo sforzo supremo di individuare, chiaramente con il supporto della rete, la compagine che si presenterà alle elezioni, con una particolare attenzione al nome dell’eventuale candidato alla presidenza del consiglio.

     

  • -7
    Lumar

    Se il M5S non riuscirà ad arrivare al governo non sarà una sconfitta, anzi, prevendendo un numero di voti molto alto entrerà in parlamento con un numero di seggi esagerato.. e vi immaginate che opposizione? Se ne vedranno delle belle..

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Sgarbi condannato a 5 mesi di reclusione per i fatti dell’Expo

Vittorio Sgarbi - 5 mesi di prigione per i fatti di Expo Ve lo ricordate Sgarbi che, il 22 maggio 2015 all'Expo, litiga violentemente con i carabinieri che vogliono verificare il suo permesso di accedere con l'auto?  Doveva presenziare a una mostra da lui curata, ma si presentò senza accredito su una Citroen C5, per di più contromano....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Euro: la prima banconota senza anima!

Diego Fusaro Il filosofo Diego Fusaro spiega perché l'Euro è una moneta priva di ogni relazione con la storia e la cultura d'Europa. Vi siete mai chiesti perché sulle banconote in Euro non ci sono quei volti noti, quegli artisti, quei pensatori che hanno dato lustro alle grandi...GUARDA

Terremoto Amatrice – Matteo Renzi: non lasceremo nessuno da solo. La conferenza stampa.

Renzi Terremoto Conferenza StampaTerremoto: la conferenza stampa di Matteo Renzi da Palazzo Chigi "Nei momenti di difficoltà l'Itala sa come fare. Tutta insieme, tutta intera mostra il suo volto più bello. Non lasceremo sola nessuna famiglia, nessun comune, nessuna frazione." (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>