L’eterno MoVimento

Sono tempi bui. Lo sono da duemila anni, certo, e i nostri non fanno eccezione: non abbiamo il copyright del malaffare. Non siamo originali neppure in questo. E’ una battaglia millenaria e infinita dove non si vince e non si perde mai veramente. Innanzitutto perché non è che da una parte ci siano i buoni e dall’altra i cattivi. Molto spesso i buoni diventano cattivi quando annusano il potere. Altre volte – accade anche questo – i cattivi riescono perfino a diventare buoni, folgorati sulla via di Damasco. Secondariamente, perché ci si alterna: gli schiavi si rivoltano e uccidono i padroni, le superpotenze declinano e i paesi emergenti le sostituiscono, le guerre invertono i rapporti di forza, le rivoluzioni cambiano le forme di Stato. Poi tutto si riamalgama, come una nuova tonalità di colore versato in una latta di blu acceso. E’ la complessità della chimica applicata alla società. E’ la fisica dell’entropia contro la misteriosa volontà organizzatrice della vita. E’ la forza repulsiva, il grande e continuo small bang , contrapposta al magnetismo e alla forza di gravità. Opposti che si attraggono.

 

E infatti così accade anche in politica, se ci pensate bene. La corruzione e l’illegalità attirano movimenti nati per contrastarle. I rivoluzionari attirano i reazionari che assumono come unico scopo di vita la sconfitta dei primi e la restaurazione di un’immaginario, aleatorio status quo. I neoliberisti sono pervasi dalla travolgente necessità fisica di imporsi contro i socialismi, soprattutto quelli estremi. Quelli che “i mercati” si alzano con l’unico scopo di sopraffare quelli che “il debito pubblico non è il problema”, e viceversa. Quelli che “il sogno dell’Europa” considerano folli quelli che “bisogna tornare alla lira”, e viceversa. Si combattono, ma esistono solo l’uno in funzione dell’altro. Odi et amo. La perfezione non è di questo mondo e non si raggiungerà mai. Il senso di tutto quanto è l’eterno movimento, la tensione verso un principio che appare superiore. Eraclito docet.

Il MoVimento Cinque Stelle è una variabile di questa complessa funzione macrosociale. Al momento, è l’unica variabile indipendente, e soprattutto l’unica che si muove in un intervallo abbastanza ampio da poter modificare la curva della funzione istituzionale e farla tendere all’infinito. Non è una funzione continua e sicuramente mostra qualche scalino, qualche tratto discontinuo dove assume valori indefiniti. Ma nessuna corrente di pensiero è mai stata pura: la storia è piena di scissioni e dispersioni di potenza, in tutte le correnti, a destra come a sinistra. Gli interventisti contro i pacifisti, i socialisti contro i comunisti, perfino la Chiesa ha le sue correnti interne ed è riuscita prima a combattere strenuamente i liberali, come portatori di una minaccia al suo controllo sociale, e poi a sostenerli come unica forma di opposizione ai movimenti sociali che volevano mettere in discussione la proprietà privata, di cui il Vaticano disponeva (e dispone) in abbondanza. Un movimento si valuta a seconda del momento storico e del bilancio tra l’utile cambiamento sociale che è in grado di produrre e gli eventuali svantaggi di cui si fa latore. Perfino Montanelli disse, un giorno, che avrebbe votato “turandosi il naso”.

Oggi, di fronte allo sfacelo, all’innegabile degrado istituzionale, all’immanenza di un decadentismo sul quale tutti concordano, indipendentemente dalle ragioni che adducono, c’è solo un movimento che fa proposte coraggiose, chiare, e che ha i numeri per entrare in Parlamento dalla porta principale. C’è solo un movimento che ha un principio ispiratore forse antico – la lotta alla corruzione dei valori e delle persone – ma declinato secondo una filosofia nuova, assistita dalla modernità di una tecnologia che nella storia non è mai stata disponibile prima, e soprattutto deciso e non disposto a mediare. C’è solo un movimento con una identità chiara e che mantiene saldo il timone verso l’isola che non c’è e che magari non si troverà mai, ma che intanto ti fa fare un altro tratto di mare in una direzione ostinata e contraria al vento dei tempi che soffiano grigi, e che schiaffeggiano il volto con zaffate di maleodorante rassegnazione. C’è solo un movimento che ha la credibilità per tentare il tutto per tutto e proporsi come reale alternativa, perché è l’unico movimento che è nuovo davvero, e non solo per le cose che dice, ma soprattutto per le cose che fa, come il codice di comportamento degli eletti.

C’è solo un movimento che ha l’opportunità di cambiare tutto o molto, “oggi”. E che dovrà forse necessariamente anche cambiare esso stesso, “domani”. Ma non a due passi dallo scrivere una pagina di storia. Avrà modo di voltarla, subito dopo, e scriverne una successiva, ancora migliore. E migliorabile a sua volta, come sempre…

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

66 risposte a L’eterno MoVimento

  • 21
    lordream

    bgaluppi ha scritto :
    Lordream, era una provocazione… Come dire: speriamo non sia l’unico che parla di uscita dall’Euro…

     

    si, l’ho capita ^^ ho risposto con un’altra provocazione, il fatto che adesso la lega e berlusconi parlano di uscita dall’euro significa solo che tenteranno una unione per non sparire, non lo fanno certo perchè capiscono l’importanza di avere una moneta italiana, e non capendone l’importanza lo farebbero nel modo peggiore possibile, salvando i soldi degli amici e degli amici degli amici per speculare sulla moneta, tutto qui, a me non piace neanche che ci debba essere un referendum come dice grillo, imho andrebbe fatto nel segreto ed in brevissimo tempo, mettendo gli italiani davanti al fatto compiuto con la garanzia di un parlamento responsabile, quindi bisognerebbe eliminare tutto ciò che è vecchia politica, pd e pdl devono morire il prima possibile e consentire il ricambio

  • 20
    Neopunzia

    Neopunzia ha scritto :
    a leggere certi post mi cadono le braccia, tant’è vero che sto scrivendo con il naso…

    A conferma di quello che penso da molti anni. Ogni paese hai politici che si merita. LORO sono i rappresentanti del nostro paese.

    E’ ancora poco.Alla fame ci devono portare!

    • 20.1

      Guarda che io non voto da 16 anni, né a sinistra né a destra. E tu chi hai votato? Prodi? Che ci ha portato nelle grinfie della Merkel? Bravo!

    • 20.2
      puccini

      ecco perché ti sei appropriato indebitamente della mia battuta,

      a leggere certi post mi cadono le braccia, tant’è vero che sto scrivendo con il naso…

      difficile eliminare, dopo vent’anni, le scorie ladresco-truffaldine seminate dell’abilissimo imbonitore.

    • 20.3

      Certo che se la gente lo votava… Mettiamola così: se il M5S e Grillo prendono una posizione chiara e comune su EU e uscita dall’Euro li voto, altrimenti voterò chiunque faccia una proposta seria e articolata su come pianificare un’uscita guidata dall’Euro e un ritorno alla moneta nazionale. Se nessuno la presenta, ahimé non voterò nessuno.

    • 20.4
      Neopunzia

      No.Ho votato Berlusconi anch’io per vent’anni.

    • 20.5
      doctorjypo

      A distanza di anni, ho dovuto anche io rivedere alcune mie considerazioni su Berlusconi. E non è stato per niente facile. E’ oggettivo affermare che B. abbia irrimediabilmente manomesso la legge, il senso delle parole, la cultura, e parte dell’economia seppure, come stra-giustamente detto da altri, il binomio destra-sinistra faceva (e fa) parte della stessa moneta. B. ha fatto molte cose che la sinistra non aveva i numeri per fare. E certamente, B. è durato così tanto perchè, mentre lavorava per sè stesso, contribuiva anche a portare avanti il progetto europeista. Ma, che volete fare, c’erano sempre le elezioni! Non ha affondato il coltello. Ripensare al suo tentativo di affiancarsi alla Russia, lasciando gli USA, pare quasi coraggioso se riletto alla luce di quanto accade oggi. Questo, chiaramente, non cancella le indicibili ed innumerevoli malefatte che ha compiuto. Ma, per onestà intellettuale, va detto che lui ci ha messo la faccia direttamente, mentre moltissimi altri che lo hanno votato o supportato hanno goduto delle conseguenze delle sue azioni senza sporcarsi la faccia.

    • 20.6

      Neopunzia, hai fatto bene, se dovevi votare meglio lui della sinistra, credimi. Se la gente avesse mandato al potere i falsi buoni, saremmo già al livello della Grecia. Non è assolutamente una apologia di Berlusconi, pane al pane e vino al vino. Guardacaso, la sinistra che ha fatto (finte) battaglie in difesa dei diritti dei lavoratori e dell’art. 18, adesso applaude e sostiene Monti che vuole semplicemente distruggere lo stato sociale e privatizzare tutto il privatizzabile, ossia l’opposto di quello in cui dovrebbero credere i Renzi, i Bersani etc.

    • 20.7
      puccini

      infatti, certi personaggi non centrano niente con la sinistra, si sono solo appropriati di alcuni termini indebitamente.

  • 19
    Neopunzia

     “Oggi, di fronte allo sfacelo, all’innegabile degrado istituzionale, all’immanenza di un decadentismo sul quale tutti concordano”

    Ecco appunto.Davanti alla quotidiana spazzatura che ci si presenta direi che è inutile andare a cercare il pelo nell’uovo.  Da perdere abbiamo ben poco quindi perchè non provare “il nuovo” ?!

    L’alternativa? E’ andare avanti ancora cosi è perdere anche le briciole che restano. Come temo comunque che avvenga.   Va bè . 

    • 19.1
      Paolo 2.0

      massì, proviamolo, se poi non va bene lo cambiamo (quanto dura la garanzia?).

      Lasictelo lavorare.

      Siete invidiosi.

      Comunisti.

       

  • 18
    lordream

    bgaluppi ha scritto :
    Chi si presenta come il “nuovo” e l'”alternativa” o la soluzione ai problemi degli Italiani, deve dimostrare di guadagnarsi questi appellativi. Quali sono i due argomenti caldi da affrontare subito ad elezioni vinte? 1. Uscita da Euro (nella maniera descritta nel Manifesto ME-MMT) 2. Ripristino della moneta nazionale. Poi c’è da vedere come uscire dal MES e dal Fiscal Compact. Cosa dice Grillo su questi argomenti? Niente. Se il M5S non prende posizione chiara su questi temi, per me fa esattamente quello che ha fatto Berlusconi a milioni di Italiani: tante promesse. Il “nuovo” non significa necessariamente giusto o buono, è solo il solito discorso che si fa al popolo quando c’è bisogno di scozzolare le carte.

     

    ma dai, non esiste una situazione come quella che proponi, se anche indessimo un referendum e vincesse l’uscita dall’euro, ogni singola persona sana di mente in italia andrebbe alla sua banca la mattina prima aspettando che entri la lira per avere maggior potere d’acquisto, partiremmo con basse premesse per la nuova moneta, se questa cosa si farà andrà fatta in pochi giorni e nel segreto mettendo gli italiani davanti al fatto compiuto, come dovrebbe fare un governo responsabile

  • 17

    ci vedremo a Roma, sarà un piacere! 
    Comunque molti criticano il metodo e la velocità, …, in realtà si possono candidare i già candidati nelle amministrative precedenti, quindi con buona probabilità persone note al MoVimento e ancora attiviste. Chi non è stato più attivista penso non abbia mantenuto la sua visibilità in rete che, spero, sia la discriminante di queste Parlamentarie on line.

    Grazie Claudio!

    sono un candidato (http://digitaldividemilano.com/2012/11/30/la-barra-dritta/) e mi sento addosso questa forza che è (che ha) il MoVimento!

    In questo momento storico italiano, la mia sensazione è che molte forze politiche dicano cose più o meno simili, in termini di programma.

    La vera differenza del MoVimento 5 Stelle è che ha la forza politica per tenere la barra delle decisioni dritta, lontana da accordi sottobanco, da commistioni affaristiche lobbistiche o personali, da tornaconto personale. Perché ha questa forza: perché veniamo dal basso, perché tutte le scelte escono da un processo democratico e fluido che coinvolge i cittadini interessati e informati, perché gli indirizzi politici sono condivisi in maniera trasparente con la rete di attivisti, perché –quindi- il politico eletto non è un individuo ma è il portavoce di una rete.

    L’integrità del M5S consiste nella sua struttura, nel suo essere rete di cittadini, rete trasparente e paritetica.

    Detto da uno che progetta reti …

  • 16
    Daniele L.

    Carissimi compagni in questa sventura che può chiamarsi “Regime tecnocratico della UE”,

    c’è un nuovo partito italiano che ha in programma -come prima azione politica- il ritorno alla lira e la rinazionalizzazione della Banca d’Italia, ponendo così fine al signoraggio fonte del nostro “debito”. E senza perdere tempo prezioso a parlare di referendum e di azioni solo eventuali ed ipotetiche, come invece sostiene Grillo.

    Vi propongo IO AMO L’ITALIA: è il partito di Magdi Cristiano Allam.

    Davvero lui ha in programma la rottura con i poteri internazionali della finanza e delle grandi banche private che ci vogliono “cinesizzare”, ossia rendere poveri uomini, costretti in condizioni precarie che per un tozzo di pane lavorano come schiavi, così da essere finalmente competitivi con la potenza asiatica… a scapito di noi stessi cittadini europei, però!

    Ebbene, il partito IO AMO L’ITALIA ha proprio le finalità cui vi ho ora accennato.

    Se, dunque, cercate qualcuno da seguire in questa impresa di opposizione al potere della UE che tramite la BCE ci “vende” il nostro stesso denaro, denaro che invece potremmo far creare -peraltro ormai elettronicamente- dalla Banca d’Italia A COSTO ZERO, ebbene: provate ad interessarvi alla proposta politica di Magdi.

    In attesa di vostri commenti e nella speranza di una nuova Italia con un futuro dignitoso per noi e per i nostri figli, attendo le vostre riflessioni.

    Daniele L.

    • 16.1
      Daniele L.

      Tutte queste cose non le sapevo.

      Comunque, se davvero il mometo attuale è così tremendo come vediamo, allora è il caso di lasciare al passato tutte le eventuali pecche o anche gravi azioni (non so nulla a riguardo, ma mi fido di ciò che tu citi) e auspicare che si uniscano tutti i politici, vecchi o nuovi, “puri o impuri”, ma che hanno il coragggio di promuovere la libertà dal signoraggio. Ora questo solo conta.

      E’ come nel Signore degli Anelli: davanti al Signore Oscuro è tempo di unire tutte le forze possibili, per ottenere l’obiettivo primo LIBERI DAL SIGNORAGGIO, senza rivendicare le proprie posizioni troppo specifiche e i propri giudizi su azioni del passato, sebbene di grande importanza.

      Poi si vedrà.

      Altrimenti non ci sarà nemmeno un poi in cui fare i distinguo tra pro Israele o pro Palestina, o altre rivendicazioni tipiche di ognuno.

      Ora, di fronte al partito unico dell’euro e della UE (ossia tutti i nostri attuali parlamentari) è il tempo dell’unione, non della divisione. 

      Altrimenti si fa il gioco del nemico, che rimarrebbe l’unica e insormontabile cosa in comune.

    • 16.2
      lordream

      parli dell’alleato di berlusconi in basilicata eletto al parlamento europeo che ha millemila amici tra i politici e banchieri? lo stesso cheè stato condannato per diffamazione svariate volte tra cui una tragicomica, era stato nominato inviato a bassora quando faceva il giornalista, aveva scritto che i suoi colleghi non erano mai stati a bassora, vennero catturati e si scoprì che lui non era mai andato a bassora, lo stesso magdi allam che sembra afere contatti coi servizi segreti di vari paesi e accusa camparini di “minimizzare il pericolo islamista” proponendoni pro israele e la sua politica di sterminio, lol, spero tu stia scherzando, rappresenta la summa di ciò che è marcio e venduto, un “uomo” così andrebbe definito con una frase; colui che striscia non inciampa” (cit)

  • 15
    Diamante

    ……ed internet che permette tutto questo !!

     

     

     

  • 14
    Grigio

    bgaluppi ha scritto:

    “…1. Uscita da Euro (nella maniera descritta nel Manifesto ME-MMT) 2. Ripristino della moneta nazionale. Poi c’è da vedere come uscire dal MES e dal Fiscal Compact. Cosa dice Grillo su questi argomenti? Niente. Se il M5S non prende posizione chiara su questi temi, per me fa esattamente quello che ha fatto Berlusconi a milioni di Italiani: tante promesse…”

    Sono sicuro che se Grillo in persona, facesse una dichiarazione chiara ed esplicita sull’uscita dell’Italia dall’Eurozona con il ritorno alla moneta sovrana, dopo pochi secondi tutti i mass-media omologati aprirebbero il fuoco su di lui e soprattutto comincerebbero a dipingere scenari catastrofici (falsi) con articoli e trasmissioni farsa, che tenderebbero solo ad allontanare quella fascia di elettori indecisi che invece Grillo deve conquistare per cercare di fare il grando balzo. Fino a che la politica tradizionale sospetta le idee antieuropeiste di Grillo, ma non può accusarlo pubblicamente, lui navigherà tranquillamente comunque sui punti dell’ambiente, sul rinnovamento della politica con il taglio dei suoi costi, sulla democrazia partecipata, e soprattutto sulla protesta al governo Monti (che vedrà scendere sempre più i consensi).

    La tattica e’ giusta e noi dobbiamo solo fidarci di questa strategia confidando che se avvenisse il miracolo, il M5S non tradirà le aspettative dei suoi elettori.

    D’altronde chi è l’unico movimento/partito che ha ospitato e accettato nel suo contenitore mediatico così tanti articoli e idee sull’argomento, se non il M5S?

     

  • 13
    split

    Anche nel 94…forza italia era il nuovo.

    Una piccola formula per la demagogia…..grillo deve pagare circa 500.000 euro di Irap in 5 anni… la percentuale di tale tassa è del 3.9%.

    A voi il calcolo del reddito…in perido di crisi..del milionario salvatore di patria…Saluti

    • 13.1
      split

      Nessuno ha detto che sia un reato…nè tantomeno che non sia stato LEGALE fare ricorso per il rimborso dell’IRAP..Constato che la crisi non c’è per tutti.Faccio solo notare che spero che gli italiani siano abbastanza accorti da evitare l’ennesimo milionario che , a modo suo, scende in campo, e sempre in maniera carismatica.Sarà  un olezzo antico , ma a me la storia sembra ripetersi.

      Sulle paginette , sbandierate come programma poi, sorvoliamo: a mio parere anche un contratto per l’acquisto di pentole sà essere piu’ puntuale.

       

      Sull Euro:

      Non ho nessuna pregiudiziale , ed è anche vero che se la china non risale , non sarà piu’ una scelta quelal di sucire dall’euro e svalutare; tra l’altro storicamente svalutare è stata l’unica strategia per molti stati; in altre parole , non esiste un precedente storico dove con soli tagli nel pubblico e welfare, si sia superata una crisi economica aumentando il PIL. Al momento la Grezia sembra dimostrare l’esatto contrario.

      Ci sono vari’ pero’, come diversi modi di eventualemente, uscire dalla moneta unica.

      I salari italiani , gridano vendetta e non ho molta fiducia della classe imprenditoriale italiana:

      Un ventuale svalutazione , se non controllata  o controllata dai soliti noti produrrebbe degli effetti devastanti di segno opposto al mare che dovrebbe curare:

      1) Svalutazione dei salari dei lavoratori dipendenti e pensionati ( tu pensi che in Italia ci sia una forza per tutalare chi contribuisce al 90% delle entrate pubbliche??

      Il rischio è un salario ancora più da fame per qui pochi lavoratori e quelli che ventualemnte, saranno assunti per l’aumento della domanda “estera”.

      In altre  parole ,non vedo nessun nesso fra l’uscita dall’euro e l’aumento delal domanda interna.

      Adesso i salari sono compressi; hai mai sentito qualcuno che nella sua ricetta facile di uscita dall’euro, non ponderi l’effetto inflattivo su questa categoria??

      2) Shopping estero;Con una moneta forte, i paesi esteri farebbero acquisti a buon mercato nel nostro paese, e penso che gli imprenditori italiani, come già in passato saranno ben felice di vendere il loro apparato produttivo.

      Ci sono anche altre svariate ragioni per essere diffidenti da ricette facili e fumose, ma per adesso , mi fermo qui.

    • 13.2
      Mjollnir

      Le deduzioni che fai, secondo me, non hanno senso se cnon ollocate in un contesto di uscita ben preciso.

      Io direi che il contesto deve essere quello di quantomeno recuperare la sovranità monetaria e cioè la capacita di stampare moneta, controlare il tasso d iinteresse, una maggiore trasparenza interna e eventualmente l’uscita dall’unione Europea.

      Stampare moneta tendenzialmente dovrebbe portare più denaro nelle tasche di tutti. E’ ovvio che a questo deve seguire una opportuna trasparenza e corretta tassazione per far si che i risparmi rimangano nelle tasche di chi poi fa aumentare la domanda interna e che quindi si tenga sotto controllo l’inflazione. Di fatto svalutare la nuova moneta vuol dire rendere più costosi gli acquisti di beni e servizi provenienti dall’estero aumentando quindi la domanda interna, quindi il lavoro e quindi i salari (per la nota legge in cui i salari sono inversamente proporzionali al tasso di disoccupazione).

      Il rischio di shopping c’è anche se gli imprenditori non sarebbero invogliati a vendere un’azienda che ha un buon potenziale in un contesto di aumentata domanda interna (molto lavoro, bassi costi di vendita, bassi rischi di impresa).

      Sarebbe da valutare l’uscita immediata anche dall’unione Europea cosi da rendere più difficile lo shopping dei nostri beni a causa della svalutazione.

      Io credo fermamente che l’uscita dell’Italia dall’Euro vorrebbe dire la disintegrazione immediata dell’Euro e probabilmente anche dell’unione Europea.

      Credo che i problemi non sarebbero tanto quelli di economia interna (per cui vedo prevalentemente aspetti positivi), ma di natura internazionale con rinate tensioni tra gli stati e l’Italia che sarebbe attaccata pesantemente dall’incanaglita economia internazionale. Ovviamente gli aspetti tecnici e le implicazioni dovute  all’uscita non sarebbero banali.

    • 13.3
      M. Age

      ciao split 

      Anch’io come te ho molti dubbi su Grillo e il M5S, ho letto il programma e mi sembra molto generico sulla parte economica e soprattutto non c’è nessun tipo di considerazione sull’Euro e un eventuale politica monetaria.

      Sinceramente però non mi dispiace affatto che Grillo paghi 500.000 euro di tasse sarei più infastidito se guadagnasse 3 milioni di euro l’anno senza pagarle come, ad esempio, fanno partiti, sindacati, e banche che hanno alle spalle fondazioni che sono un ottimo sistema di elusione fiscale, ma di questo non parla mai nessuno!

      Per ora lavorare e guadagnare pagando le tasse non è un reato o una colpa!

      In futuro non so!

       

  • 12
    lordream

    è vero berlusconi è diverso da monti, lui non è stato imposto dal bindenberg, è entrato in politica per non finire in galera ma hai ragione, non è stato lui ad averci portati nel baratro, ha permesso in ogni caso che la classe politica rubasse a più non posso, ed anche lui si è arricchito bene

    bgaluppi ha scritto :
    A me piace la provocazione, e non mi vergogno di dire quello che penso, anche perché in democrazia non si possono giudicare le opinioni altrui specialmente se motivate da pensiero critico. Berlusconi è stato l’ anomalia italiana che non ha consentito alle oligarchie finanziarie di impossessarsi dell’Italia già alla fine della Prima Repubblica. Stranamente, tutti i partiti italiani di spicco furono fatti fuori in breve tempo tranne quella sinistra che, dopo la caduta del muro, si trasformò in PDS, una versione “aggiornata” e “modernizzata” del PCI, il cui fronte tradizionalista si staccò continuando a percorrere la sua strada. Non vi siete mai chiesti come fu possibile il crollo così repentino di un sistema politico che funzionava da 20 anni? Quali poteri erano dietro questo crollo? Chi lo ha voluto? Siete sicuri che il Muro lo abbia abbattuto la gente o magari doveva semplicemente andare giù per dare inizio ad una nuova stagione politica? La mia idea è questa: la nuova sinistra diventò l’emissario del volere delle oligarchie finanziarie che dovevano iniziare a tessere le tela per arrivare a dove siamo oggi. Non avevano messo in conto il fatto che Berlusconi, con Craxi ormai fuori gioco, doveva portare avanti i suoi interessi e l’unico modo che aveva per farlo era scendendo in campo. Per questo lo hanno odiato, non perché erano gelosi ma perché è riuscito a soffiargli sotto il naso la possibilità di andare al governo e portare avanti i disegni europei, allora solo agli inizi o quantomeno a metà strada. Berlusconi, nel suo male, ha paradossalmente aiutato l’Italia a ritardare il processo di sottomissione al potere finanziario, che ha dovuto infine farlo fuori con un mero ricatto facendo leva sui suoi guai giudiziari e distruggendo le sue aziende sul mercato con botte di -13 e -15 ogni giorno. Però, Berlusconi è stato eletto, che lo vogliate o no, mentre Monti ha usurpato il potere. Quindi non siamo banali e guardiamo i fatti: Berlusconi non stava sistematicamente distruggendo l’economia italiana seguendo un piano criminale come invece sta facendo Monti, appoggiato dai signorini della sinistra e dagli “autorevoli” leaders europei e mondiali, incluso il salvatore del mondo premio nobel per la pace speranza dell’umanità messia redivivo Obama (il cui gabinetto è Wall Street e Council of Foreign Relations).

  • 11
    Grigio

    x bgaluppi

    Eppure credevo di essere stato abbastanza chiaro nel mio post…

    Sono assolutamente contrario alla moneta unica ed alla permanenza nell’Eurozona.

    Ho perso qualche notte per leggermi le argomentazioni dei vari Bagnai, Borghi Acquilini, Musu, Cori di Modigliani (di cui ti invito a leggere l’ultimo interessantissimo post sull’Argentina) e dello stesso Barnard (sono anche fra quelli che ha contribuito con una piccola donazione alla pubblicazione della “mitica” pagina sul Corriere della Sera).

    Volevo solo dirti che si capisce bene, l’ha fatto capire bene Grillo, che anche lui vuole l’uscita dall’Eurozona, ma non può ancora dirlo per i motivi strategici cui ho accennato in precedenza.

    Ora spero di non essere stato criptico

  • 10

    X Lordream e Grigio (e tutti)

    scuste ho dimenticato di inserire il link

    Manifesto ME-MMT

  • 9
    Neopunzia

    puccini ha scritto :
    ecco perché ti sei appropriato indebitamente della mia battuta, ” a leggere certi post mi cadono le braccia, tant’è vero che sto scrivendo con il naso…” difficile eliminare, dopo vent’anni, le scorie ladresco-truffaldine seminate dell’abilissimo imbonitore.

    Non volevo appropriarmene !! Volevo evidenziarla e riprenderla nella risposta che volevo darti!!  

    P.S. Anche l’aver scritto di aver votato Berlusconi era una battuta in risposta a Bgaluppi !  

    • 9.1
      puccini

      scherzavo!!! faccina che ride simulata con la punteggiatura, due punti e parentesi tonda chiusa.

  • 8
    Inu1337

    Sintonia totale, per quanto possa essere permesso dal linguaggio che forgia la realtà, con la formula “eterno movimento”, vicina all’essenza pura del 5stelle, nel luogo in cui si troverebbe a volere esistere.

    Consapevole, chiara e lungimirante per chi dispone dei mezzi per sentire l’assouto, e lo spazio in esso in cui un uomo può effettuare le scelte che compiranno la sua umanità. 

     

  • 7
    rinodesideri

    claudio messora,sei fra i pochi piu bravi giornalisti che ci sono in italia ,grazie per quello che stai facendo, cioè parlare del movimento 5 stelle, e diffondere le idee a cui si ispira,tutti i cittadini onesti di questo paese dilapidato per 60 anni da questi criminali, ti ringrazieranno, per aver cercato disperatamente di salvare questo paese. spero voterai per il movimento. grazie e ci vediamo in parlamento, sarà un piacere.

  • 6

    X grigio e lordream

    Scusate, mi ero perso nella mia risposta. Ho capito il vostro punto di vista, spero che sia effettivamente così. Ormai non mi fido più di nessuno e questo è un male. Tendo ad esagerare e vedere cospirazioni ovunque, perché preferisco rimanere stupito se le cose vanno bene piuttosto che scottato ogni volta che vanno male. Darò fiducia al M5S. Se non va, bisogna fondare una cosa simile al Council of Canadians e prendere in mano la situazione di persona.

  • 5
    Neopunzia

    Neopunzia ha scritto :
    massì, proviamolo, se poi non va bene lo cambiamo (quanto dura la garanzia?).

    Non c’è niente da cambiare. Possiamo andare benissimo avanti cosi dov’è il problema??   Cantiamo tutti assieme  destra sinistra di Gaber. 

    Và bene cosi. A tutto vapore!!

     

  • 4

    X Lordream e Grigio

    L’uscita dall’Euro è l’unica cosa che può ridare all’Italia la benzina per ripartire. Finché prenderemo i soldi in prestito a interessi da soggetti privati, il nostro futuro sarà quello di bestie da soma per arricchire le tasche della Germania e i tedeschi si beccheranno l’industria del turismo come garanzia per i soldi che ci daranno sotto forma di “aiuti”. Tempo fa, scrissi a Noam Chomsky sulle mie perplessità nei riguardi dell’Euro e della EU e sulla situazione della Grecia: la sua risposta fu quantomeno scioccante. Mi disse che non solo la mia idea che ci fosse una sorta di congrega di potere occulta era vera (rispose che ormai non sono affatto occulti), ma anche che la Grecia avrebbe dato isole, territorio e l’intera industria del turismo come garanzia per ripagare i debiti.

    Adesso, ragazzi: l’unica cosa che bisogna fare al più presto è uscire dall’Euro, e per fortuna c’è chi ha studiato come fare. Scaricate il Manifesto ME-MMT qui e leggetevelo. Tante cose sono criticabili ma in linea di massa il programma è davvero forte. Non credete a chi vi dice che uscire dall’Euro è impensabile o che costituirebbe un disastro economico per l’Italia. Se non usciamo dall’Euro, siamo fottuti per generazioni. Questa è l’unica cosa in cui potete credere al 100%.

    • 4.1
      lordream

      sono d’accordissimo con il manifesto da te linkato, è vero la grecia si appresta a cedere pezzi dello stato, noi a breve assisteremo alla svendita della sanità o almeno alcune parti, il mio discorso era improntato su quello che il movimento 5 stelle dovrebbe dire o non dire, è una mossa strategica non schierarsi anche perchè la maggior parte della popolazione non sarebbe in grado di capirne il motivo, spero tanto che il m5s vinca

  • 3
    ciccino

    concordo sulla sostanza dell’articolo, poco sulla sua introduzione (2000 anni di tempi bui? pensiero eracliteo?), potevi scegliere meglio invece di cadere nel qualunquismo, nei luoghi comuni e nel presocratico degli opposti.

    detto questo, totalmente in sintonia sulla tesi sostenuta: il momento politico in cui viviamo può essere portatore di grandi e positive novità in ogni ambito del sociale, il M5S può diventare il l’esecutore di diritti ad oggi calpestati e di libertà volutamente ignorate. tuttavia è necessario prestare attenzione per evitare di cadere nuovamente in un’era giacobina e rivoluzionaria (le similitudini ci sono). è quello che più di ogni altra cosa mi fa diffidare del movimento. d’altronte non vedo alternative altrettanto valide e consolidate.

     

  • 2
    Campisi

    E’ stato detto di tutto e di più sul Movimento: populista, demagogico, fascista, disfattista. Sicuramente, data la giovane età, soffre di una qualche disfunzione “ormonale”. Molte cose sicurmente dovranno essere corrette, smussandone qua e la  gli spigoli. Non di meno possiamo però negare i grandi meriti primariamente attribuibili a Grillo che ha saputo catalizzare nel M5S le tante voci di protesta e sofferenza che covano tra i cittadini ormai schifati da certa politica. Pur nella dialettica espressiva del suo leader, considerata da tanti aggressiva e priva di contenuti bisogna riconoscere di aver  portato in primo piano temi di cui non si parlava e che ora troviamo nei tanti discorsi blaterati dai politici di professione. La paura di questo salto nel buoi lasciamola a chi ha tutte le ragioni di temere di dover lasciare la poltrona, noi cittadini comuni, dopo aver subito i vari Brunetta, Gelmini, Bondi, La Russa, Matteoli, Romano capeggiati dal grande Berlusconi, non possiamo aver paura di niente: peggio di così non può andare.

  • 1
    bgaluppi

    Che ti devo dire Claudio, sai come la penso sul M5S e su Grillo, anche se ci si può sempre sbagliare e vorrei sbagliarmi, francamente. Certamente, le alternative non sono soltanto pessime, non esistono proprio (anche se confesso che se Berlusconi facesse una lista con l’obbiettivo di portare l’Italia fuori dall’ Euro, lo voterei…). Ma sono piuttosto bravo ad “annusare” quando c’è qualcosa che puzza e il M5S non emana un odore del tutto inebriante. Gli alberi buoni si riconoscono dai frutti che producono e per adesso non ne ho ancora visti di belli dal M5S. Non hanno detto o fatto niente sul MES e Fiscal Compact, non hanno detto o fatto niente quando Napolitano e Monti hanno usurpato il potere, non prendono posizioni chiare su Euro/Lira ed EU… Sono perplesso. Credo che solo una forza che proviene direttamente dal popolo, senza leaders carismatici o esperti di marketing dietro, abbia il potere di produrre frutti buoni e cambiare veramente le cose alla radice.

    Per guidare un gruppo allargato di persone e tenerle insieme, ci vuole sempre una sorta di leader, ma questo non può essere una persona singola, che detta regole e stabilisce il percorso e che può facilmente essere corrotto dal potere, come succede SEMPRE; credo che la forma migliore sia una sorta di confederazione o sindacato del cittadino, che informi (senza distinzioni professionali o di classe), insegni a non dare la democrazia per scontata e a riflettere con mente critica e guidi il popolo in eventuali azioni legali o class actions ogni qualvolta la politica abusa del suo potere e agisce al di fuori del suo mandato. Questo fa il Council of Canadians e non vedo perché non possiamo farlo anche noi.

     

     

     

    • 1.1
      lordream

      mi chiedo come hai fatto a sentire l’odore del movimento 5 stelle con la m**da che ci sta in giro, se poi dici di voler votare berlusconi che ci porta fuori dall’euro devi esserci ben abituato alla puzza eh

    • 1.2

      Lordream, era una provocazione… Come dire: speriamo non sia l’unico che parla di uscita dall’Euro…

  • 0

    ” Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare” (Seneca)

  • -1
    yoyo_su_byoblu

    Piccolo appunto sul m5s..ma sono impazziti? Hanno proposto le primarie del movimento in pochi giorni, infra settimana e senza aver presentato nessun candidato (che comunque nessuno o quasi conosceva). Pronti al massacro da parte dei media di regime? :)

  • -2

    Grande Claudio, mi auguro davvero una più ampia ed effettiva presa di coscienza collettiva grazie anche a questo tuo ottimo intervento. 

  • -3
    Paolo 2.0

    A quando l’iconografia ufficiale? Io ce lo vedrei bene Grillo con le stigmate…

  • -4
    Grigio

    Se mi trovo qua, in questo ottimo blog, con una certa assiduità e costanza, proporzionali al tempo che riesco a ritagliarmi dalle altre occupazioni che la vita ci offre, è perchè da qualche mese ho deciso a chi dare il mio voto alle  prossime elezioni primaverili (se ci saranno).

    Prima di questa decisione, che è stata successiva alla fase della “scoperta” e quindi della conoscenza, eravamo già in una fase avanzata di scollamento etico delle forze politiche, con le macchine del fango che, lavorando a  pieno regime stava, come si dice, gettando via tutta l’acqua sporca con il bambino dentro.

    La crisi economica (se è vero che esiste  una crisi economica propriamente detta) iniziava a mordere e si stava nel frattempo materializzando un pauroso spettro chiamato “spread”.

    Tutti ricorderete il terrore mediatico che fu sparso a piene mani fra la  popolazione attonita ed impotente, anche di fronte a quelli che, pochi mesi dopo, verranno classificati per quello che sono stati, cioè squallidi magheggi istituzionali.

    Di fronte a quuesto scenario, di smarrimento totale, scoprii il M5S di Grillo.

    E’ la sensazione che  è  provato è stata quella che ti pervade quando intravedi  un raggio luminoso di sole che filtra dietro una coltre di nubi grigie e  pesanti.

    Sono consapevole, come altri forumisti, che potremmo anche rimanere delusi perchè magari ci immaginiamo aspettative che non si potranno verificare, che magari il loro programma risulterà irrealizzabile, che magari farà la fine di Lega e IDV, che magari la  loro organizzazione politica risulterà insufficente ed  inadeguata ecc.

    Però ritengo che  oggi come oggi, dopo anni di prese per il c**o da parte di politici gattopardeschi che hanno solo pensato ai cavolacci loro, convinti che per mangiarsi la torta ripulendosi la coscienza, bastava concederci le sole briciole, il movimento di Grillo rimanga l’unico strumento che possa garantire quella svolta popolare che tutti auspichiamo.

    E di fronte alle rimostranze delle vecchie cariatidi degli apparati politici tradizionali che rinfacciano sempre al movimento la  mancanza di esperienza ed il classico mantra “ma chi ci fate parlare con la Merkel, Grillo?” (denotando anche ignoranza politica oppure, che è  anche peggio, falsità ideologica), mi si rinnovano energie antiche, quel senso di sfida, quella voglia di saltare i cavalli di frisia come  in una battaglia  immaginaria, che invoglia a rispondere:

    “Meglio provare a combattere con il M5S che continuare a subire i torti, le arroganze e le umiliazioni che la politica ci ha riservato fino ad oggi, succeda quel che succeda”.

     

    • -4.1

      Chi si presenta come il “nuovo” e l'”alternativa” o la soluzione ai problemi degli Italiani, deve dimostrare di guadagnarsi questi appellativi. Quali sono i due argomenti caldi da affrontare subito ad elezioni vinte? 1. Uscita da Euro (nella maniera descritta nel Manifesto ME-MMT) 2. Ripristino della moneta nazionale. Poi c’è da vedere come uscire dal MES e dal Fiscal Compact. Cosa dice Grillo su questi argomenti? Niente. Se il M5S non prende posizione chiara su questi temi, per me fa esattamente quello che ha fatto Berlusconi a milioni di Italiani: tante promesse. Il “nuovo” non significa necessariamente giusto o buono, è solo il solito discorso che si fa al popolo quando c’è bisogno di scozzolare le carte.

  • -5
    Nuke976

    Grazie Claudio: forse unico personaggio “pubblico” ( almeno con un certo seguito online) che tenta di spiegare il M5S.E’ vero, Grillo non si sbilancia con nessuno (in positivo) ma quasi nessuno si sbilancia verso le idee del m5s (a parte il buon Messora).Ho notato i tweet di ieri su#ultimaparola Rai2; molti di essi erano pesanti critiche verso @byoblu solo per averci ricordato l’esistenza di un movimento che ha circa 3 anni di vita, e’ contro ogni tipo di aberrazione istituzionale e soprattutto fa ciò che dice. Spot elettorale di Grillo, sviolinata verso Grillo, portavoce di Grillo. Probabilmente l’elettore medio identifica il M5S con Grillo, non si riesce ad andare oltre…Quindi esorto @byoblu a continuare per questa strada, cercare di far capire alla gente l’enorme opportunità che il M5S ci offre: chi meglio di Claudio Messora e dei suoi colleghi blogger può riuscire in questo intento?Noi si cerca di farlo a livello Micro. Alla sua proverbiale capacita’ comunicativa spetta farlo a livello Macro.

  • -6
    Lopa58

    Claudio, a chi ti sprona a proporti come parlamentare, perchè rispondi  “Anche se volessi, sarebbe impossibile secondo le stesse regole del MoVimento.” ??

    Se non sono troppo curioso, cosa te lo impedisce?

  • -7
    Homo Liber
    • -7.1
      puccini

      nei meetup se ne parla dal 2006… la conclusione fu di dare fiducia perché la loro forza (casaleggio-sassoon-grillo) sta nelle persone che li seguono e sostengono, e certamente li perderebbero tutti se non facessero quello che fin’ora hanno divulgato e proposto.

      non sono del M5S, seguo il fenomeno con curiosità e attnzione.

  • -8
    doctorjypo

    Concordo che il M5S si ponga come nuovo rispetto al vecchio, che abbia in nuce delle idee contrastanti e, soprattutto, che si collochi a perfetto contrasto dal basso con “il tecnico” imposto dall’alto.

    Ma che abbia delle idee chiare non è purtroppo sempre vero.

    Da più parti si critica la mancanza di un contesto internazionale alle idee del M5S. Dice: “Verranno”. Infatti, è un voto di fiducia. Ed essendo in perfetto contrasto con il “sistema”, è con esso in equilibrio. Dunque, voti comunque dentro al sistema. Con questo non intendo dire che dovremmo sfasciare le vetrine e fare la rivoluzione armata ché tanto Grillo non è credibile, ma che è bene ribadire che è sempre un voto “turandosi il naso”, perchè non c’è garanzia. Dice: “M5S non tratta argomenti scottanti in modo netto ora (tipo su moneta, politica internazionale, sanità pubblica, tasse, etc.) perchè potrebbe spaventare l’elettore. Adesso è il momento di vincere, poi dopo di metterà nero su bianco la rivoluzione, riforma dopo riforma”. Beh, a meno che il M5S non vinca le politiche in modo da avere il 51% delle sedie, ciò è impossibile. E, se anche fosse, questo ragionamento da cortile di casa, visto come noi occidente esportiamo la democrazia, è incredibilmente ottuso.

    Il rischio che stiamo correndo è immensamente più grande: in virtù di morte speranze, perdere definitivamente per le prossime decadi la credibilità che un movimento dal basso ben organizzato possa creare alcunché di buono. Se ciò fosse, appare più probabile che il contrasto tecnico/popolo abbia il solo ruolo di sgomberare il campo per un terzo soggetto, che davvero imporrà il cambiamento, proprio come destra e sinistra hanno gestito la transizione verso il tecnico eletto da nessuno che decide ciò che vuole, e senza che nessuno gli faccia nulla.

    • -8.1
      doctorjypo

      Pur rimanendo d’accordo che i cittadini, in massa e/o singolarmente, hanno il diritto-dovere di prendersi le loro responsabilità, e che al momento questo “movimento” è rappresentato esclusivamente dal M5S, il tuo commento purtroppo non risponde ai quesiti posti prima. Se non si forma una classe di individui ben chiara, indipendente dai comandi ipercentralizzati di Casaleggio e Grillo, il rischio più grande sarà quello di trovarsi a tagliare l’erba del prato quando al di là della staccionata arriva l’uragano. Ognuno vale uno, si sta trasformando in “le idee ce le mettiamo noi, la faccia voi”. La leadership forte di M5S è in mano a soggetti che non si sono mai esposti direttamente. Grillo ha l’autorità per cacciare chi non rispetta le regole del M5S. Non è che c’è una votazione intranet, lo decide lui. Andava bene quando era un movimento di protesta, non quando questo gruppo si candida a prendere il 20% di voti in parlamento. Questo non modifica il ruolo che si è ritagliato oggi, ma bisogna chiarire che il futuro non ha alcuna prospettiva migliore. Ci devi solo credere. Se poi si avvera, tanto meglio.

    • -8.2
      lordream

      non è esatto, non credo affatto che serva vincere, secondo me serve di più portare via poltrone in parlamento, anche se sono solo il 20% creerebbe uno squilibrio negli altri partiti che sarebbero costretti a rinunciare a molto, il pd senza il pdl cosa sa fare? lo ha dimostrato, anzi lo hanno dimostrato 20 anni di governi di destra e sinistra, se entra gente diversa, qualunque sia il numero creerà uno scompenso nei traffici corruzioni brutture e forzature che paralizzera il vecchio modo di fare le cose

  • -9
    Daniele Attimo

    Concordo pienamente,
    bella visione “cosmica”  Claudio, il popolo ha una responsabilità storica, garantita dalla democrazia, di cui si deve finalmente fare carico politicamente: la responsabilità di spostare gli equlibri, anche se poi il M5S dovesse fallire o accartocciarsi su se stesso.
    Credo, a prescindere da tutte le aspettative che si possano avere su di loro (e  dalla leadership – passami la parola – “populista” di Grillo), che se solo riuscissero a realzzare almeno la prima pagina del loro programma sarebbe un segnale forte di cambiamento per questo paese. 
    So che molti, a ragione, guardano alla crisi economica come fattore di valutazione e che il programma economico del M5S non appare così saldo come altri punti programmatici; so anche che si imputa la mancanza di esperienza di politica nazionale (leggi su ampia scala e non locale)  ai cives che animano il MoVimento; ma la combinazione di questi due fattori non deve distrarre dal fatto che se non cambia la mentalità e la responsabilità negli uomini che fanno politica in Italia non ci si può auspicare un’ipotesi di cambiamento sostanziale ma solo misure emergenziali che di volta in volta troveranno un ex di turno pronto a garantirne la risoluzione temporanea.
    Ecco, ripeto, se solo riuscissero a realizzare la prima pagina del loro programma getterebbero dei semi non facili da estirpare nel terreno elettorale italiano.
    Non mi aspetto miracoli, non mi aspetto perfezione e assenza di delusioni ma capacità di lottare per quei punti e di ammettere i propri errori, cosa quest’ultima che non appartiene alla nostra classe politica. 
    Quando le cose vanno male e le proteste di piazza non sono più efficaci, il popolo ha il diritto/dovere di spostare gli equlibri col voto. Speriamo che sia arrivato questo momento. 

    Attimo

  • -10

    Il contenuto di questo tuo articolo mi pare evidente ed ineccepiblie e, forse, questa è una delle mie debolezze dal punto di vista comunicativo.

    Non so se capita anche te.

    Come te, sto cercando di far presente ai miei amici che il Movimento 5 Stelle non va idolatrato e non è la soluzione magica a tutti i male: però bisogna valutarne tutti i pregi in modo da forzarne l’estensione agli altri partiti.

    Quando chi mi ascolta mi guardan e ride di questa mia opinione, notando che i partiti attuali non accetteranno mai di abbandonare i loro equilibri interni e privilegi consolidati, io non riesco a far capire che quelle ingiustizie non sono eterne ma potranno essere corrette nel futuro.

    A scanso di equivoci, voglio dire che la mia opinione è che dsaremo sicuramente costretti a buttare via completamente i vari: SEL, PD, PDL, UDC etc e creare nuovi partiti socialdemocratici, popolari, liberali etc, (senza però escludere miracoli).

    In ogni caso, questi nuovi partiti dovranno prendere e raffinare molte idee e comportamenti alla base del M5S.

    Mi sembra che queste cose siano evidenti e, forse per questo, non riesco a comunicarle.

    Tu ci riesci meglio di me, e per questo, ti ringrazio.

    Nel mentre, sono contento della possibilità offertami dal M5S di rimuovere un bel po’ di spazzatura dal comune di Roma, dalla Regione Lazio e dal parlamento e spero che molti miei concittadini siano della stessa mia idea.

    Spero infatti che i regolamenti di conti, che si genereranno nei partiti quando le sedie saranno molto meno dei deretani di sponibili, portino a squilibri capaci di far emergere la parte pulita presente in ogni movimento politico.

    Guido Mastrobuono – http://www.delusidalbamboo.org

    • -10.1
      BeppeSimone

      Sono completamente daccordo!! Ragazzi svegliamoci dobbiamo far si che l’italia si svegli e ritorni un vero paese. utilizziamo tutti questo colore con calore! il fucsia: il colore di coloro i quali colorano la loro vita in fucsia!!! grazie byo perche ti fai delle domande dai delle risposte grazie perche ci sei

  • -11
    miccky

    Claudio, GRAZIE!

    Se il nostro paese mutilato, ferito, umiliato, demonizzato, sfruttato, ridicolizzato, distrutto e senza più sovranità, conserva ancora un pò di fiato per mantenere viva la SPERANZA, è grazie a persone come te che cercano di non far dimenticare che l’alternativa c’è!

  • -12
    Neopunzia

    (anche se confesso che se Berlusconi facesse una lista con l’obbiettivo di portare l’Italia fuori dall’ Euro, lo voterei…)

     . . e ci sono ancora persone che credono a questo pagliaccio!!

    Poi guardiamo i difetti del M5S. Il nostro paese merita proprio quello che ha.   

    Claudio: Ma dove vuoi che andiamo??    Aff . . . .

    • -12.1
      bgaluppi

      A me piace la provocazione, e non mi vergogno di dire quello che penso, anche perché in democrazia non si possono giudicare le opinioni altrui specialmente se motivate da pensiero critico. Berlusconi è stato l’ anomalia italiana che non ha consentito alle oligarchie finanziarie di impossessarsi dell’Italia già alla fine della Prima Repubblica. Stranamente, tutti i partiti italiani di spicco furono fatti fuori in breve tempo tranne quella sinistra che, dopo la caduta del muro, si trasformò in PDS, una versione “aggiornata” e “modernizzata” del PCI, il cui fronte tradizionalista si staccò continuando a percorrere la sua strada. Non vi siete mai chiesti come fu possibile il crollo così repentino di un sistema politico che funzionava da 20 anni? Quali poteri erano dietro questo crollo? Chi lo ha voluto? Siete sicuri che il Muro lo abbia abbattuto la gente o magari doveva semplicemente andare giù per dare inizio ad una nuova stagione politica?

      La mia idea è questa: la nuova sinistra diventò l’emissario del volere delle oligarchie finanziarie che dovevano iniziare a tessere le tela per arrivare a dove siamo oggi. Non avevano messo in conto il fatto che Berlusconi, con Craxi ormai fuori gioco, doveva portare avanti i suoi interessi e l’unico modo che aveva per farlo era scendendo in campo. Per questo lo hanno odiato, non perché erano gelosi ma perché è riuscito a soffiargli sotto il naso la possibilità di andare al governo e portare avanti i disegni europei, allora solo agli inizi o quantomeno a metà strada. Berlusconi, nel suo male, ha paradossalmente aiutato l’Italia a ritardare il processo di sottomissione al potere finanziario, che ha dovuto infine farlo fuori con un mero ricatto facendo leva sui suoi guai giudiziari e distruggendo le sue aziende sul mercato con botte di -13 e -15 ogni giorno. Però, Berlusconi è stato eletto, che lo vogliate o no, mentre Monti ha usurpato il potere. Quindi non siamo banali e guardiamo i fatti: Berlusconi non stava sistematicamente distruggendo l’economia italiana seguendo un piano criminale come invece sta facendo Monti, appoggiato dai signorini della sinistra e dagli “autorevoli” leaders europei e mondiali, incluso il salvatore del mondo premio nobel per la pace speranza dell’umanità messia redivivo Obama (il cui gabinetto è Wall Street e Council of Foreign Relations).

    • -12.2

      Puccini, buona analisi, sono d’accordo. Infatti la sinistra non ha sfiorato Berlusconi nemmeno con un dito quando poteva, dopo aver inveito contro di lui fino all’esasperazione. Aspettiamo il programma del M5S e vediamo…

    • -12.3

      Puccini, buona analisi, sono d’accordo. Infatti la sinistra non ha sfiorato Berlusconi nemmeno con un dito quando poteva, dopo aver inveito contro di lui fino all’esasperazione. Aspettiamo il programma del M5S e vediamo…

    • -12.4

      Puccini, buona analisi, sono d’accordo. Infatti la sinistra non ha sfiorato Berlusconi nemmeno con un dito quando poteva, dopo aver inveito contro di lui fino all’esasperazione. Aspettiamo il programma del M5S e vediamo…

    • -12.5

      Ribadisco la provocazione: se alle elezioni (se ci saranno) Berlusconi sarà l’unico a prendere posizione chiara sull’uscita dell’Italia dall’Euro, io lo voto. Perché questa è l’unica cosa che conta adesso: l’uscita dall’Euro. Chiaro?

    • -12.6
      puccini

      Fammi capire, se B. proponesse l’uscita dall’euro tu lo voteresti??? cioè gli crederesti??? oh mio dio…

      La posizione CHIARA del sig. B. l’abbiamo sentita in vent’anni un numero infinito di volte, promesse, propaganda, e al momento dei fatti… niente o addirittura l’opposto…

      possibile , dico io, che in italia ci siano ancora persone che si attaccano o ataccherebbero a quello che propone o proporrebbe quel signore lì???

      a leggere certi post mi cadono le braccia, tant’è vero che sto scrivendo con il naso…

      bgaluppi fatte ‘na pera de fosforo… anzi due una al mattino e una la sera per cinque giorni, se la terapia non dovesse funzionare rivolgiti a un esorcista di quelli bravi…

    • -12.7
      puccini

      il centro sinistra e B. sono due facce della stess medaglia, tutti al servizio di qualcuno, Prodi veniva chiamato in causa per fare quello che B. non poteva, ti immagini la reazione che ci sarebbe stata se certi provvedimenti li avesse lui? Prodi, oltre a godere della fiducia quasi illimitata dei suoi sostenitori, era anche meno controllato da stampa e lettori quindi faceva quello che doveva fare e poi toglieva il disturbo.

      Le elezioni, se ci saranno, sono lontane, aspetta almeno di vedere i programmi quando avranno una stesura definitiva. Inoltre stanno nascendo diversi movimenti (di ieri la notizia di DeMagistris-Ingroia) che vanno vagliati.

    • -12.8

      Allora proprio non capite o fate finta di non capire. E’ ovvio che votare Berlusconi sarebbe una bestialità e che non sarebbe per il futuro dell’Italia. Ma attenzione, perché a questa situazione ci siamo arrivati grazie al lavoro fatto da Prodi e dalla sinistra post-comunista ed europeista, non grazie a Berlusconi. B ha soltanto curato i suoi interessi, ma non certo quelli della Merkel come ha fatto Prodi e il suo amico Napolitano. E allora votiamo qualcuno che si presenta come il solito “nuovo” ma non prende posizioni chiare sull’Euro. Io voglio che l’Italia ESCA DALL’EURO, tutto il resto per me sono c**zate. Io non posso votare qualcuno, che non dice quello che voglio sentire, solo perché è il “nuovo”, come se il nuovo significasse per forza migliore. Berlusconi per adesso è L’UNICO che parla di ritorno alla Lira, fate un po’ voi. Parliamo dei finanziamenti ai partiti e di robetta del genere, come se fossero i veri problemi dell’Italia in questo momento. Che p****nate…

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetarizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>