Non siamo tutti uguali davanti alla legge: le prerogative di Re Giorgio.

 di Paolo Becchi
docente di Filosofia del Diritto all’Università di Genova, filosofo e giornalista

La Corte si è schierata a favore delle “prerogative” di Re Giorgio. Questo è il verdetto della Consulta, espresso per ora in un breve «comunicato stampa»[1], in attesa del deposito delle motivazioni. Ciò non ha, tuttavia, impedito ad Eugenio Scalfari di spiegare le ragioni giuridiche della decisione della Corte, nell’editoriale pubblicato oggi su “La Repubblica” (E. Scalfari, Le ragioni del diritto, 5-12-2012). Senza neppure che siano state ancora pubblicate – e, presumibilmente, redatte (sono previste, infatti, per Gennaio 2013) – le motivazioni della Consulta, Scalfari svela quello che, a suo dire, sarebbe stato l’iter argomentativo della Corte, a difesa delle “ragioni del diritto” e di Re Giorgio contro i «fascisti di sinistra» che avrebbero preteso di ledere le sue prerogative regali. Pardon, repubblicane, naturalmente…

Aiutami a continuare a fare informazione libera

La tesi di Scalfari, in breve, è la seguente. La Corte avrebbe stabilito che le intercettazioni devono essere immediatamente distrutte in forza della previsione dell’art. 271 del codice di procedura penale che dispone questo trattamento per gli avvocati e per tutti i casi analoghi che prevedano l’assoluta segretezza delle notizie connesse alla loro professione. Le prerogative del Capo dello Stato, scrive Scalfari, avrebbero pertanto «la stessa natura e quindi lo stesso grado di protezione che non deriva soltanto dall’articolo 271 ma dalla stessa Costituzione».

Secondo Scalfari, la Corte avrebbe indicato come la richiesta del Capo dello Stato di distruzione delle intercettazioni sarebbe stata giustificata non soltanto da disposizioni «ricavabili dall’ordinamento costituzionale e giudiziario», ma anche da «specifica normativa», ossia quella dell’art. 271 c.p.p. Ciò confuterebbe, pertanto, la tesi della Procura di Palermo (Messineo – Ingroia) secondo la quale «non esisteva alcuna norma specifica in materia» e che non poteva essere, di conseguenza, compito dei magistrati quello di «cimentarsi con interpretazioni ardue e comunque dubitabili».

La tesi di Scalfari è dunque la seguente:

  1. i Pubblici Ministeri avrebbero tentato, sostenendo l’inesistenza di norme specifiche in materia di intercettazioni del Capo dello Stato, di far valere soltanto «la norma che prevede per la distruzione di intercettazioni non rilevanti ai fini processuali in un’udienza davanti al Gip insieme alle parti interessate e ai loro avvocati. Il che ovviamente equivale a renderle pubbliche facendo diventare pleonastica la loro successiva distruzione»;
  2. il comunicato della Corte «stabilendo invece che una specifica norma esiste, spazza via il ragionamento della Procura di Palermo con un effetto ulteriore e definitivo: la sua sentenza si affianca e addirittura si sovrappone all’articolo 271 rendendone esplicita l’applicabilità anche al Capo dello Stato».

Queste tesi sono, a mio avviso, contraddittorie ed infondate, per una serie di ragioni che – scusandomi anticipatamente per la “cavillossità” cui mi esporrò – ritengo qui di dover precisare.

Anzitutto, a scanso di equivoci, diciamo che la sentenza della Corte non ha avuto ad oggetto l’interpretazione costituzionale dell’art. 271 c.p.p.,  ma un conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato. In altri termini, la Corte non è stata chiamata a verificare il dettato dell’art. 271 c.p.p. e la sua eventuale illegittimità costituzionale. Diversamente, si è dovuta unicamente esprimere sul quesito se la Procura di Palermo avesse agito in conflitto con le prerogative del Capo dello Stato di cui all’art. 90 Cost. oppure no.

Ma veniamo in ogni caso all’art. 271 c.p.p.. La disposizione è citata nel comunicato della Corte, la quale scrive che alla Procura «neppure spettava di omettere di chiederne al giudice l’immediata distruzione ai sensi dell’articolo 271, 3° comma, c.p.p.». Il riferimento è al comma 3 dell’articolo, il quale si limita a prevedere che «in ogni stato e grado del processo il giudice dispone che la documentazione delle intercettazioni previste dai commi 1 e 2 sia distrutta, salvo che costituisca corpo del reato». Cosa significa allora che alla Procura non spettava di omettere di chiedere al giudice la distruzione? Significa, probabilmente, che la Procura non avrebbe potuto seguire, per la distruzione delle intercettazioni, la procedura prevista in caso di «intercettazioni inutilizzabili», ossia la procedura prevista proprio per i casi di cui all’art. 271 commi 1-2 c.p.p.

La legge distingue due ipotesi di intercettazioni che debbono essere distrutte: quelle «non necessarie» (art. 269 c.p.p.) e quelle «inutilizzabili» (art. 271 c.p.p.). Diverse sono, tuttavia, le modalità stabilite per la procedura di distruzione. Nel primo caso (art. 269 c.p.p.), gli interessati possono chiederne la distruzione, a tutela delle riservatezza, al giudice che ha autorizzato o convalidate l’intercettazione, ed egli decide in camera di consiglio. Per quanto riguarda invece le «intercettazioni inutilizzabili», l’art. 271 c.p.p. (cui Scalfari si richiama), indica il giudice competente ad ordinare la distruzione, ma non stabilisce espressamente la procedura che occorre seguire. Ciò si spiega, secondo la consolidata giurisprudenza (Cass. sez. II, 26 maggio 2009, n 25590), con il fatto che «la questione della inutilizzabilità della prova illegittimamente acquisita è una questione processuale che va risolta secondo le regole ordinarie». Ove, pertanto, su di essa sorga contestazione davanti al GIP, la procedura che egli deve seguire non può che essere, anche in tal caso, quella camerale, «l’unica in grado (in questa fase) di garantire il più ampio contraddittorio fra le parti e dal quale non si può prescindere stante la particolare rilevanza ed importanza della decisione che il giudice deve assumere».

Questa è, allo stato, l’interpretazione consolidata in giurisprudenza in relazione alle modalità di distruzione delle intercettazioni di cui all’art. 271 c.p.p. Ed è su questo punto che la Consulta è intervenuta, affermando che, per quanto riguarda le intercettazioni del Capo dello Stato, la Procura non avrebbe potuto seguire quel procedimento, ossia seguire proprio quanto disposto dall’art. 271 c.p.p.. Per questa ragione la Corte specifica, nel comunicato, che la Procura avrebbe dovuto richiedere la distruzione «con modalità idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti». La Consulta ha, in questo senso, accolto la richiesta di Napolitano, il quale, nel ricorso, aveva infatti osservato che lo svolgimento di un’udienza per ottenerne l’acquisizione o la distruzione non sarebbe stato «applicabile alla fattispecie, perché produrrebbe un grave vulnus alle prerogative del Presidente della Repubblica, operando senza tenere di esse alcun conto e alterando in concreto e in modo definitivo la consistenza dell’assetto dei poteri previsti dalla Costituzione». In altri termini: Napolitano ha ottenuto che l’art. 271 c. 3 c.p.p. – nell’interpretazione datane dalla giurisprudenza della Cassazione – non trovasse applicazione nei suoi confronti, in quanto un’udienza per decidere sulla distruzione o meno delle intercettazione sarebbe stata lesiva delle sue “prerogative”. Scalfari sostiene invece l’opposto, ossia che le prerogative del Capo dello Stato avrebbero trovato copertura nella specifica normativa di cui all’art. 271 c.p.p. Anche qui, occorre distinguere:

  1. un conto è sostenere che l’inutilizzabilità delle intercettazioni riguardanti il Presidente della Repubblica si giustifichi, oltre che in forza dell’immunità prevista dall’art. 90 Cost., anche ai sensi dell’art. 271 commi 1 e 2 c.p.p. (i quali tutelano le intercettazioni di professionisti su fatti appresi nell’esercizio della loro attività);
  2. un altro è sostenere che la Consulta abbia “smentito” la tesi della Procura di Palermo – secondo la quale non esisteva una disciplina specifica per la eventuale distruzione delle intercettazioni del Capo dello Stato inutilizzabili – facendo applicazione dell’art. 271 c. 3 c.p.p.

Presumibilmente, è avvenuto proprio il contrario. La Corte, cioè, dovrà probabilmente sostenere che l’immunità del Capo dello Stato non consente di ricorrere, per la distruzione delle intercettazioni dirette o indirette di sue conversazioni, al procedimento che l’art. 271 c. 3 c.p.p. richiama.

Questa precisazione sembra poco interessante, ma in realtà svela l’autentico problema che era in gioco nel conflitto deciso dalla Consulta. Era, infatti, molto probabile, se non certo, che la Corte Costituzionale avrebbe dichiarato che il Capo dello Stato non può essere intercettato, né direttamente né indirettamente (ne avevo già parlato in un intervento a Luglio, Napolitano vuole distruggere le prove). Ciò che era in questione era, tuttavia, come le intercettazioni già acquisite andassero distrutte. E questo Scalfari lo spiega bene: se si fosse seguita la procedura dell’art. 271 c. 3 c.p.p., si sarebbe dovuta tenere un’apposita udienza, nel contradditorio tra le parti. E, come Scalfari fa notare, ciò sarebbe, di fatto, equivalso «a renderle pubbliche facendo diventare pleonastica la loro successiva distruzione».

È proprio questo che si è evitato. E lo si è evitato cancellando l’applicabilità dell’articolo al Capo dello Stato. Perché non gli è applicabile? A questa domanda la Corte risponderà solo con il deposito delle motivazioni. Certo è che, contrariamente a quanto scrive Scalfari, siamo davanti non all’applicazione di una norma ordinaria al Capo dello Stato ma, al contrario, ad una deroga particolare di quella norma a favore delle “prerogative” del Presidente della Repubblica.

Non si faccia, pertanto, passare l’idea che siamo tutti uguali di fronte alla legge. Si è trattato di una rivendicazione di “prerogative”, proprie ed esclusive del Capo dello Stato. E tali prerogative gli sono state riconosciute.


[1] Il testo del comunicato è il seguente: «La Corte costituzionale in accoglimento del ricorso per conflitto proposto dal Presidente della Repubblica ha dichiarato che non spettava alla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Palermo di valutare la rilevanza della documentazione relativa alle intercettazioni delle conversazioni telefoniche del Presidente della Repubblica, captate nell’ambito del procedimento penale n. 11609/08 e neppure spettava di omettere di chiederne al giudice l’immediata distruzione ai sensi dell’articolo 271, 3° comma, c.p.p. e con modalità idonee ad assicurare la segretezza del loro contenuto, esclusa comunque la sottoposizione della stessa al contraddittorio delle parti».

 

Guarda anche:

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

13 risposte a Non siamo tutti uguali davanti alla legge: le prerogative di Re Giorgio.

  • 7
    puccini

    ci sono verità troppo scomode, non ho capito se scomode per loro o scomode per tutti… immagino che chi segue questo blog l’abbia già visto altrimenti lo consiglio vivamente perché trattasi di capolavoro…

    IL DIVO di sorrentino

  • 6
    alecs

    Non posso credere a che livello è la stupidità e la demagogia. C’è qualcuno che vorrebbe parlare di sovranità e pretenderebbe che un pm di palermo possa spiare il presidente della repubblica!! E’ comico, non merita nessun commento. Solo il seguente: che se non ci affranchiamo dalle posizioni acritiche verso la magistratura, cioè, se non ci separiamo dalla falsa opposizione dei magistrati, non possiamo costruire niente. tanto peggio per il prof. paolo becchi, e per Byoblu

  • 5
    Euroleso

    Comunicazione di servizio per Claudio Messora.

    Claudio, scusa se importuno, ma c’è un problema nella Home Page. Gli “ultimi commenti”, le “categorie” nonché l’accesso, sono accodati sotto in fondo ai thread.

    • 5.1

      è un bug che conosco, ma sul quale non posso intervenire. Dipende da alcuni post pubblicati, ma non se ne comprende l’elemento interno scatenante. Se clicchi sul titolo del post per espanderti e andare alla pagina del post, troverai tutto come prima in alto a destra. E’ un workaraound provvisorio.

    • 5.2
      puccini

      il problema lo crea il div ccon id =widgetzone_rightzone_upper nella home è nel posto sbagliato

      spostarlo dal div content-area

      nel

      div con id right dopo div class right-col

    • 5.3

      sì ma non sempre: lo fa in dipendenza sporadica dal post pubblicato – occasionalmente. E non ho mai capito qual è la condizione, o evidentemente il testo, del post che fa verificare questa condizione.
      Cmq spostiamoci in posta privata, che qui siamo ot e inquiniamo la discussione.. 

  • 4
    puccini

    OT

    il sito di beppegrillo è OFF-LINE…

  • 3
    Euroleso

    Forse, dico forse, il governo non mangia il panettone.

    Il Pdl si astiene sul voto di fiducia al maxiemendamento al dl sviluppo sul quale il Governo ha posto la questione di fiducia in Senato. Finocchiaro: Monti non ha più la fiducia, salga al Quirinale. Bersani incontra i capigruppo del Pd. Al via vertice Berlusconi-stato maggiore del partito.

    http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=172354

  • 2
    sebastiano

    Quand’è che si dirà che le bombe di Capaci, D’Amelio, Uffizi, Milano e Roma sono bombe di stato? Ok non sono più i fascisti a metterle, ma vi sono sempre i servizi segreti a coordinare, membri dello Stato a coprire, funzionari di polizia a depistare… insomma vi sono delle analogie non piccole.

    • 2.1
      Mr. Age

      Ciao  Sebastiano se permetti vorrei completare la lista.

      Attentato Banca Nazionale dell’agricoltura (Milano piazza Fontana 12/12/69)

      Ordigno inesploso Banca Commerciale italiana (12/12/69)

      Attentato Banca Nazionale del Lavoro (12/12/69)

      Attentato all’altare della patria (Roma 12/12/69)

      Attentato Museo centrale del risorgimento (Roma 12/12/69)

      Rapimento Moro (Roma 16/04/78)

      “Incidente” Mattei (27/10/62)

      “Suicidio” Gardini (23/07/93)

      La lista può essere allungata a vostro piacimento ma non raccontatemi che sono stati brigatisti o fascisti perchè mi metto a ridere!

    • 2.2
      puccini

      …italicus 1974

      bologna 1980…

      to be continued…

  • 1
    Euroleso

    Monti: il governo ha «lavorato sodo non solo in Italia» per mettere il nostro paese «in sicurezza e per evitare che dall’Italia si propagassero nuovi incendi all’Eurozona»., afferma il premier Monti in un intervento video al congresso Pde a Bruxelles, aggiungendo di pensare «che in buona misura ci siamo riusciti». 

    Te la diamo noi l’Eurozona, ma tu prova a immaginare dove.

    Vuoi vedere che sono saltati i patti sotteranei e Mr. Monti si trova con giocattolo (Eurozona) rotto?

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>