Bisogna bonificare Taranto, come hanno fatto in Germania

di Valerio Valentini

Ho intervistato Samanta Di Persio, scrittrice che si occupa di temi delicati: morti sul lavoro, condizioni delle carceri, scandali del terremoto a L’Aquila. Sull’Ilva di Taranto, oggi, ci racconta come tutti sapessero tutto, già da anni, perché i dati mortali erano già ampiamente noti. Ma ovviamente nessuno ha fatto niente. E ci racconta anche come lo spread che ci separa dalla Germania non sia soltanto quello sui titoli finanziari.

Aiutami a continuare a fare informazione libera

 

 Buongiorno a tutti. Mi chiamo Samanta Di Persio e sono autrice di “Morti Bianche, diario dal mondo del lavoro”. È un libro che ho incominciato a scrivere nel 2007, raccogliendo testimonianze di chi purtroppo si è infortunato sul lavoro o, peggio, di familiari che raccontavano l’infortunio mortale di un parente. Nel 2007 purtroppo ci sono stati più di un milione di infortuni di cui 1300 mortali. Certo la situazione oggi è cambiata, perché è cambiato il contesto economico: oggi ci sono circa 1000 operai che muoiono, ma ci sono moltissime imprese che hanno chiuso e moltissime imprese che hanno messo i lavoratori in cassa integrazione.Io mi sono chiesta fondamentalmente: perché si muore sul lavoro?Chi muore sul lavoro? E soprattutto: dopo una morte sul lavoro che osa succede? Cioè come continuano a vivere i familiari? C’è giustizia? Ecco, queste risposte purtroppo sono tutte negative: non c’è giustizia. E inoltre in “Morti Bianche” raccolgo già alcune testimonianze di un caso che è oggi eclatante: il caso Ilva. Raccolsi la testimonianza dei familiari di Antonino Mingolla, morto per asfissia, di Paolino Franco, morto per il crollo di una gru, e di Silvio Murri caduto da un’impalcatura. E poi ancora, forse la testimonianza più importante è quella di Cosimo Semeraro che mi racconta di come lui si è ammalato all’Ilva. Lui ha lavorato dal ’71 al 2001 ed è stato a contatto con fibre di amianto, e quindi contrasse un tumore alle vie respiratorie. Ma non soltanto lui si era ammalato: si erano ammalati anche altri operai, e riporto tra le note un’intervista di un operaio rilasciata all’Unità, che anche lui nel 2001 aveva dovuto lasciare il lavoro, quindi la fabbrica, ciò che lo sostentava, perché si era ammalato.Quindi che all’Ilva si moriva non soltanto per infortunio, ma anche per malattia, si sapeva già da tempo. E non soltanto perché questi operai hanno cominciato una battaglia, proprio, perché poi è difficile anche il riconoscimento della malattia professionale, ma c’era uno studio epidemiologico del dottor Sante Minerba, in cui lui rendeva noto che c’era un eccesso di mortalità a Taranto negli uomini pari al 28% per il cancro al polmone, e del 460% per il cancro alla pleura, rispetto agli standard regionali. Ma ancora, già il Sole24Ore nel 2008 dava Taranto all’ultimo posto per vivibilità.Oggi grazie alla magistratura noi sappiamo come stanno le cose: sappiamo che quella fabbrica produce morte e che purtroppo oggi i dati sono ancora più sconcertanti perché non soltanto muoiono gli operai, non soltanto muore chi abita vicino a Taranto – basta pensare al quartiere Tamburi adiacente all’Ilva: almeno un morto per ogni famiglia – ma addirittura è aumentata la mortalità nel primo anno di vita del 35% e sono aumentate del 71% le morti nel periodo perinatale. Quindi è una situazione ormai intollerabile.Che cosa bisognerebbe fare? A Genova il reparto a caldo, appunto quello che inquinava di più, è stato chiuso. A Taranto la magistratura ha chiesto la chiusura, ma poi il governo ha deciso invece di mantenere l’apertura della fabbrica. Ad un certo punto bisogna prendere delle decisioni. Queste decisioni possono essere anche impopolari, perché sì, è vero che il lavoro è indispensabile, ma è indispensabile anche la salute, perché ci sono testimonianze dei lavoratori che hanno dovuto lasciare il lavoro quando si sono ammalati.Si potrebbe prendere ad esempio la Germania, perché anche la Germania ad un certo punto ha dovuto fare una scelta. La scelta è stata quella di bonificare il bacino industriale della Ruhr, e questa scelta ha portato poi lavoro, perché non significa non dare più lavoro, ma significa continuare a lavorare, e oggi circa 3 milioni di persone ogni anno appunto vanno in visita a quello che c’è oggi, quindi questo polo funzionale, questo parco, e si continua a vivere, quindi a dare la possibilità di lavoro e di vivere.

Quindi questa dovrebbe essere la soluzione anche per Taranto, soprattutto perché oggi ha un costo, comunque, la sanità ha un costo, e non possiamo più pensare che questo costo a un certo punto da pubblico diventa privato e quindi i cittadini che hanno i soldi potranno curarsi e i cittadini che non li hanno non potranno farlo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

5 risposte a Bisogna bonificare Taranto, come hanno fatto in Germania

  • 1
    Paolo 2.0

    Con che soldi?

    mmm… idea, vendiamo l’ILVA alla Thyssen! Sono tedeschi, no?

     

    • 1.1
      Mr. Age

      @ Paolo 2.0

      I soldi sono pezzi di carta e si possono stampare!

    • 1.2
      silviononquello

      ilva=eternit² 

      la bonifica va pagata con i miliardi di utili fatti dalla famiglia riva in questi anni.. in aggiunta ai risarcimenti per i danneggiati e alla galera per i colpevoli.

      ma certo una sentenza del genere sarebbe possibile solo grazie ad un tribunale alieno presieduto da medvedev ..

  • 0
    BettaGia

    Scrivo qui perchè su youtube non mi lascia commentare. Trovo tutto questo vero, verissimo!ma esitono anche altre realtà oltre all’ILVA, sempre nel campo dell’acciaio!C’è la mia città TERNI, che è tra le città produttrici di acciaio più storiche, ma questa fabbrica oltre a promettere di toglierci il lavoro un giorno sì e uno no, ci togli tutti i giorni la salute. Nella nostra città tra acciaierie, polo chimico (ormai dismesso ma funzionante per decenni) e inceneritore di rifiuti (dopo lunghe battaglie appena riattivato) siamo tra le città dove c’è la più alta percentuale di tumori…ora capisco il caso anche mediatico che si forma su Taranto….ma la nostra realtà, o altre realtà gravi nel Paese, le vuole far conoscere qualcuno?Almeno tu Claudio che sei un giornalista serio?

  • -1
    acimoto

    Mia moglie è di Taranto e ci siamo sposati nella chiesa del rione Tamburi. Abitava in via Alessandro Manzoni, quartiere Tamburi. Negli anni 1989-1990 il comune fece fare le radiografie alle persone che risiedevano in zona tamburi e subito dopo i prelievi dissero che era sospesa la ricerca. Il medico che le fece la radiografia disse che mia moglie aveva i polmoni di un fumatore incallito. Mia moglie è immunopatica, soffre moltissimo ed io con lei, sembra che i suoi problemi, tra l’altro, siano legati ai metalli presenti nei cibi. È in cura presso IMID di campi salentina. (è un caso che IMID sia in Puglia?). Appena finiremo la chemioterapia cercherò di capire se i problemi che ha dipendono anche dall’inquinamento delle acciaierie. Ciao

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Miracolo della Boldrini: riesce a farmi dare ragione a Pierluigi Battista

Pierluigi Battista - Fake News - Fake What di Pierluigi Battista Peccato, che delusione. Questo dibattito sulla «post-verità», sulle fake news , sul mare di bufale che si amplificano sulla Rete ha preso una brutta piega, persino un po’ paranoica. Peccato, perché da interessante discussione sul valore e la qualità dell’informazione, il nuovo...--> LEGGI TUTTO

Gianluca Ferrara: Trump? Non cambierà niente. Ecco perché.

Trump Gianluca Ferrara - Play di Gianluca Ferrara 26.172, sono il numero di bombe che gli USA hanno sganciato soltanto nel 2016 su sette paesi. Una media spaventosa di 3 ordigni ogni ora. E Dinnanzi a questa ipocrisia che ruotava intorno al Premio Nobel per la pace Barack...--> LEGGI TUTTO

Quando non paghi nulla per l’informazione, ricorda che la merce sei tu!

Valerio Lo Monaco - Se per il tuo media non paghi nulla, la merce sei tu Quanto accaduto a Claudio Messora e al suo sito Byoblu di informazione indipendente è la prova provata di due cose importanti. Google ha deciso unilateralmente e irrevocabilmente di rimuovere tutte le procedure di monetizzazione attraverso gli annunci ADSense sul sito di Byoblu, sistema utilizzato da Byoblu...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Oggi attaccano Byoblu.com. Ma sarà presto un attacco contro tutti i dissidenti.

di Pino Cabras su MegaChip Fa molto bene Claudio Messora a sottolineare che il vero obiettivo della campagna contro le 'fake news' non erano certo quei cialtroni che infestano il web di notizie false, razziste e irresponsabili per acchiappare clic, che pure ci sono e da chissà...--> LEGGI TUTTO

Anche il ministro del Tesoro UK, contro la Brexit, adesso passa tra i grandi speculatori

Ministro del Tesoro UK - Non voleva la Brexit - Ora passa in BlackRock Un altro leader politico europeo (cfr: "E Barroso passa a Goldman Sachs! Taaaaac!") imbocca la cosiddetta “porta girevole” dell’alta finanza. George Osborne, per sei anni ministro del Tesoro britannico fino al referendum sull’Unione Europea del giugno scorso, ha accettato un’offerta della BlackRock per diventare consulente del...--> LEGGI TUTTO

Le fake news su Trump di Repubblica e la post-verità di Michele Serra

di Massimo Mazza L’amaca di Michele Serra è finita in cima alla prima pagina di Repubblica, ma questo non ha evidentemente incentivato il giornalista a migliorare la qualità della sua striscia quotidiana, che oggi registra l’ennesimo scivolone figlio d’approssimazione e ignoranza dei temi...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

A Capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio: la Terra rallenta!

A capodanno aggiungete un secondo extra al vostro orologio - la Terra rallentaUn "salto" di un secondo verrà aggiunto al conto alla rovescia di questo Capodanno per compensare il rallentamento nella velocità di rotazione della Terra.  Il secondo "extra" accadrà non appena l'orologio toccherà la mezzanotte e verranno "create" le ore 23:59:60, posticipando momentaneamente l'arrivo del Capodanno. Il secondo...--> LEGGI TUTTO

BIOMETRIA, IL FUTURO DELLA SICUREZZA

biometriaRiconoscimento dell'iride, facciale e del movimento della mano durante la firma: le nuove strategie per prevenire i furti e le loro possibili applicazioni Un uomo si avvicina a una stanza blindata. Per entrare niente password o codici di sicurezza, ma l'accostamento degli occhi a un...--> LEGGI TUTTO

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Beppe Grillo a Sanremo 1989 – Le penali se dico che i socialisti rubano

Beppe Grillo Sanremo 1989 play Beppe Grillo a San Remo 1989, comunica il suo compenso in diretta e legge le penali previste dal contratto se dice che i socialisti che rubano....GUARDA

Fake news e post-verità: a chi conviene?

fake news post-verità icon play Fake news e post-verità: ormai non parlano d'altro. In Germania, dove presto ci saranno le elezioni, Facebook incarica una organizzazione (finanziata tra gli altri da George Soros) di marchiare a fuoco le notizie ritenute inattendibili. Ma "Fake news", "post-verità" e "debunker" sono solo neologismi, è la neolingua per...GUARDA

Sovranità vs Inflazione – Scontro plastico tra Marco Mori e Salvo Cozzolino

Mori Vs Cuzzolino - Sovranità vs InflazioneMarco Mori vs Salvo Cozzolino è uno scontro che mette in scena il classico campionario degli argomenti contro la sovranità monetaria: inflazione, debito, helicopter money e tutto il resto. Solo una precisazione aggiuntiva per Cozzolino: qualcuno gli dica che dal 1946 al 1970 l'economia andava bene, anche in condizioni di...GUARDA

Lupi ai Cinque Stelle: il referendum sull’euro non lo farete mai. Solo demagogia!

Maurizio Lupi, durante le dichiarazioni di voto per la fiducia alla Camera sul Governo Gentiloni, si rivolge ai Cinque Stelle accusandoli di demagogia, e spiega perché il referendum sull'Euro non si può fare....GUARDA

CARLO SIBILIA: LA PSICOSI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

"Io questa psicosi non la capisco: volere necessariamente addossare delle responsabilità al Movimento 5 Stelle, che ce le ha, se le stra prendendo, sta lavorando, abbiamo già fatto delle cose nel Comune di Roma e saranno i cittadini, quelli che sono deputati a decidere. È chiaro che noi...GUARDA

E PERFINO IL DIRETTORE DE L’ESPRESSO, TOMMASO CERNO, DIFENDE M5S: SOVRANITÀ AL POPOLO!

Tommaso Cerno, direttore de L'Espresso, si accalora e sostiene con passione la causa della sovranità popolare e del diritto dei cittadini di esercitarla attraverso il voto, e difende anche la posizione del Movimento 5 Stelle rispetto alla lotta che sta conducendo dentro e fuori dal Parlamento...GUARDA

TUTTI GLI UOMINI DEL PRESIDENTE… DEL PRESIDENTE PRECEDENTE – Walter Rizzetto alla Camera

Il discorso di Walter Rizzetto a Paolo Gentiloni per la fiducia del Governo Gentiloni alla Camera: "Il Partito Democratico incarica il Partito Democratico di formare un nuovo Governo del Partito Democratico, dopo le dimissioni del Governo del Partito Democratico per il referendum del Partito Democratico. Tutti...GUARDA

Come salveranno MPS passo passo, fino al decreto Gentiloni, spiegato da Dino Pesole del Sole24Ore

MPS Pesole Mes Come salveranno MPS e (probabilmente) invocheranno il Fondo Salva Stati (MES) con la scusa di mettere una pezza ai bilanci delle banche, spiegato da Dino Pesole del Sole 24 Ore.  (altro…)...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>