E il nostro sarebbe nazionalismo?

Le parole d’ordine sono “no ai populismi“, “no ai nuovi nazionalismi“. Lo ripetono tutti, a pappagallo, dal presidente del Consiglio uscente al Pd, fino a tutti i Pigi Battista dell’italica carta inchiostrata. Chiamano populismo e nazionalismo tutto ciò che non rientra nei loro piani, nel loro diktat di progressivo impoverimento e di spillaggio della sovranità. L’asse PD-SPD, la nuova “internazionale” del “Ce lo chiede l’Europa“, non ha dubbi e agisce come un regime autoritario sulle idee diverse. Cominciamo allora a mettere i puntini sulle “i”.

Non è l’Europa che ce lo chiede: ce lo chiedono loro. Il che non suona esattamente allo stesso modo, right? L’Europa non esiste, dunque non ha un pensiero, un volto, e soprattutto non parla. Facendola assurgere a divinità, a oracolo che si esprime attraverso teoremi e parametri (e si è visto come li stabiliscono), si tenta di annichilire ogni obiezione, ogni possibilità di critica, esattamente come nessun fedele contesterebbe un messaggio spirituale ricevuto dalla Madonna in persona e pervenuto attraverso le labbra di una veggente. Invece, chi trasmette i messaggi della dea Europa sono uomini e sono donne in carne e ossa. Sono i medium che comunicano con lo spirito continentale, i gran sacerdoti di una religione rivelata che vuole instaurare un nuovo Ancien Régime in cui i memorandum, redatti da un manipolo di cardinali eletti per volere di Dio, assurgono al ruolo di scritture sacre. Essi esprimono, beninteso e con titolo, le loro opinioni. Ma solo quelle: non sono per forza di cose rappresentativi di alcuna unità pretesa e indimostrata: anzi, per l’esattezza sono rappresentativi di un bel niente, se non di loro stessi e dei loro interessi.

 

Costoro hanno dunque paura di chi non sente le voci della dea Europa, che chiede sacrifici come e peggio dello Jahvè di Mosè e manda i suoi comandamenti inscritti su tavole della legge scolpite dalla Troika. Chi osa contestare il totem dello spread è il nuovo infedele. Siamo populisti e pericolosi nazionalisti. E perché mai? Perché osiamo aprire i documenti e analizzarli, con il supporto di economisti non allineati, non a libro paga, e ne traiamo deduzioni illuministiche anziché fideistiche? In nome di cosa dovremmo essere definiti così? Siamo viceversa “razionalisti“. E non combattiamo l’aspetto religioso, ma la Santa Inquisizione: combattiamo i Torquemada del “più Europa a tutti i costi”, combattiamo i crociati che conquistano la Terra Santa, l’Italia, alla ricerca del Sacro Graal, la ricchezza accumulata dagli italiani. E soprattutto, reagiamo a un’offesa. Se costoro, avendo aperto  un libro di storia, snocciolano antichi spauracchi come se dagli anni ’20 del secolo scorso il tempo non fosse mai passato, allora dovrebbero anche sapere che ad ogni pressione corrisponde una reazione. Dovrebbero sapere che se schiacciano, vessano, opprimono, prima o poi i vessati e gli oppressi reagiscono per riappropriarsi dei loro diritti: si fanno reazionari.

I nazionalisti non siamo noi. Non sono cioè i critici di un modello di economia usato come una frusta sui lavoratori dell’Europa del sud. Nazionalista è infatti, innanzitutto, chi crede che esistano confini netti e precisi che differenziano i popoli tra di loro, tracciando una linea di demarcazione netta. E chi è più nazionalista di quelli che ci hanno dato a intendere per oltre un anno che c’è un popolo di buoni e un popolo di cattivi, che c’è un popolo di di parsimoniosi e un popolo di spendaccioni, un popolo di saggi e un popolo di stolti? Chi ha suddiviso artificiosamente i cittadini europei in classi, nonostante perfino un recente rapporto della Commissione Europea abbia scritto nero su bianco che non c’erano sostanziali differenze tra le economie di Italia e Germania, e che siamo stati penalizzati per il solo fatto di appartenere a un territorio al di qua di un confine? Sono stati loro, quelli del “ce lo chiede l’Europa“, quelli che sentono le voci come nuovi pastorelli di Medjugorje e rivolgono il viso al cielo sopra Berlino, in stato di profonda adorazione e prostrazione. Sono stati loro a menarcela per tutto questo tempo con il fatto che “abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità“, ignorando forse volutamente i fondamentali dell’economia. Sono loro che ci hanno fatto sentire come un popolo di cicale, a dispetto del fatto evidente che abbiamo sempre fatto fatica ad arrivare alla fine del mese, mentre al di là del confine ci sarebbe stato un popolo di lungimiranti formichine che non chiedeva nulla per sé, quando in realtà sono state proprio quelle formichine a dare origine alla crisi del nostro debito sovrano e alla corsa alla speculazione, liberandosi di miliardi e miliardi dei nostri titoli, allo scopo documentato di acquistarci a prezzo di saldo, realizzando grandi profitti, estendendo la loro influenza sulle nostre istituzioni e facendo il gioco delle superpotenze esportatrici di democrazia, sempre a caccia di nuove opportunità. Sono stati loro, quelli contro i nazionalismi e i populismi, a insegnarci che esistono popoli di serie A e popoli di serie B – e che noi non eravamo di certo in prima classe – e dunque è a fronte di questa offesa originaria che si sviluppa legittimamente la reazione: non siamo un popolo di serie B, ma non vogliamo neppure essere un popolo di serie A, essendo contrari a qualunque nuova apartheid di stampo europeo. Vogliamo però che la smettano di raccontare frottole per inseguire le loro velleità di chirurgia plastica sovranazionale. Vogliamo rispetto. Vogliamo confronto. Vogliamo ristabilire l’equilibrio perduto tra le dignità di popoli, lingue e culture. Vogliamo che ci venga restituita la rispettabilità che ci hanno tolto, e non i tedeschi, ma gli adepti della setta elitaria europeista ad oltranza, tutta italiana, macchiandoci di un peccato originale che non avevamo commesso e che non è connesso a questa crisi che arriva da lontano, che non ha a che fare con il debito pubblico e di cui non siamo responsabili, se non nella stessa misura in cui lo sono tutti gli altri, nessuno escluso.

Se non vogliono rigurgiti di nazionalismo, la smettano con la litania del rigore, con il mantra secondo il quale noi “non lavoriamo quanto i tedeschi”, quando ci sono studi indipendenti di istituti finanziari francesi i quali dimostrano che, al contrario, noi siamo quelli che lavoriamo di più e più a lungo. Se continuano a riferirsi al popolo italiano come a un popolo di irresponsabili fannulloni, di profittatori che viaggiano a sbafo, a rimorchio del locomotore tedesco, siamo costretti a ricordare loro che in Europa siamo quelli che hanno pagato di più e che hanno avuto indietro di meno; che la crisi greca l’abbiamo pagata noi più dei tedeschi, che pure erano quelli più esposti e che hanno avuto indietro i soldi; che grazie al fondo salva-stati di cui nessuno ha avuto mai bisogno abbiamo regalato miliardi su miliardi alle economie dei paesi dell’Europa centrale, Germania in testa; che Berlino trucca i suoi conti per nascondere un debito che altrimenti sarebbe di 7mila miliardi di euro; che aggirano il divieto di vendere i titoli di stato alle banche centrali, facendoli comprare dalla Bundesbank sul mercato secondario qualche giorno dopo l’emissione, e in questo modo “stampando moneta” nei fatti, con buona pace di italiani, greci, spagnoli, irlandesi e portoghesi. E potremmo andare avanti…

Fare queste rilievi sarebbe nazionalismo? A casa mia si chiama mantenere lucidità ed equilibrio rispetto alle pressioni di chi, dopo avere mandato le nuove SS della troika a Montecitorio e a Palazzo Marino, minacciando i parlamentari come era accaduto l’ultima volta solo dopo la marcia su Roma, e dopo avere collaborato alla destituzione di un Governo, con il plauso degli utili idioti, ora vorrebbe perfino mandare un intero popolo alle cabine elettorali sotto dettatura, dando indicazioni di voto come fece in occasione delle ultime elezioni in Grecia, per fare non i nostri interessi, i quali devono essere stabiliti in completa autonomia e senza interferenze esterne, ma quelli di una non meglio precisata classe elitaria di burattinai autoproclamatisi governatori del buon senso e del mondo intero.

Se c’è un nazionalismo, questo non è che la legittima difesa di un popolo che prima hanno identificato, costretto all’angolo e compattato, chiamandolo per nome, denigrandolo, esponendolo alla pubblica gogna dei PIIGS, facendolo diventare nella vulgata uno dei maiali d’Europa, e che adesso non ci sta più, si rialza, si schicchera via la polvere dalla giacca, si presenta alla tavola imbandita degli dei, si prende una sedia e, appoggiato il palmo della mano sul tavolo, con le dita ben aperte, fissa negli occhi uno ad uno i signori che giocano a Risiko sulla nostra pelle e, con le labbra sottili e tese, sibila un perentorio “Game over!“.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

22 risposte a E il nostro sarebbe nazionalismo?

  • 22
    El Gabutti

    Perfetto, Claudio! Perfetto!
    …ora non ti resta che convincere Beppe Grillo della bontà dei tuoi ragionamenti. Se ci riesci prova anche a fargli leggere “Il tramonto dell’Euro” di Alberto Bagnai, così magari riusciremo a fare un salto di qualità nel m5s.
    Stima und rispetto.

  • 21
    Rumegusc

    GRAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAANDEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

    Sei un portento!!!!! Quando ti inc**zi sei ancora meglio!

     

  • 20
    LuigiS

    Caro Claudio,Tutto il tuo sfogo e legittimo anche se dobbiamo stare attenti ad indicare come liberale il berlusconismo, facendo confronti indicando che anche il B. sta parlando di spread. Visto che in questa situazione ci ha condotto proprio lui per l’incapacità di tenere testa all’Europa. Per la mancanza di governabilitá, per la ricattabilitá del suo non maggioranza. Per la non credibilitá della sua stessa persona. Che i mercati e gli speculatori agiscono come gli squali che appena sentono odore di sangue incominciano ad azzannare come ha fatto la DEUTSCHE BANK e non la BUNDESBANK che sono istituzioni diverse. Pertanto non per colpa dei tedeschi anche se loro sono dei furbi come hai potuto dimostrare.Ti voglio ricordare che questa é ed rimane una crisi bancaria/fonanziaria del 2008 che si é travasata prima sull’economia reale e poi sui debiti sovrani poiché, i governanti di tutto il mondo non sono riusciti a contenere e regolamentare il sistema finanziario speculativo. Che nella crisi del 2008-2009, chi ci ha guadagnato sono state solo due banche Goldmann Sachs e proprio quella Deutsche Bank che tu accennavi, con la complicitá indiretta di altre banche europe. (e per non fare nazionalismo o peggio razzismo, non centrano i Sionisti ne i Tedeschi) visto che la prima e di origine ebraica da ca. 150 anni e l’altra tedesca. C’è una udienza pubblica che il senato americano ha fatto dopo la crisi dei mutui sovrani, dove chiamava a testimoniare i due dirigenti responsabili, e gli incitava a dire la veritá, e li si scropri tutto.Purtroppo è spesso quando i problemi non si affrontano alla radice, ci sono tutta una serie di effetti e contro effetti che ci fanno arrivare fino ai tempi nostri, indicando come nuovo nemico il tizio il caio ed il sempronio. Ma la VERITA e L’ORIGINE di tutto e sempre a MONTE e spesso complessa. Ma guarda caso, nel debito greco c’era Goldmann sachs, e chi ha fatto da detonatore con 7 miliari italiani venduti c’era Deutsche Bank. C’é una bella frase di FALCONE che ritorna sempre attuale, ” segui sempre il flusso dei soldi, se vuoi scoprire il mandante “Ciao Luigi S.

  • 19
    FrancescoBs

     

     

    Si Claudio !  SSSIIII !!!!!

    Condivido ogni parola!

    Sentire ancora ieri la Merkel che dice si a Monti, no a Berlusconi (per quanto bassa la mia stima sia verso di lui), mi ha fatto venir ancora più voglia di essere libero.  Libero da questa ragnatela di poteri, informazione, educatori del pensiero comune, opinionisti dall’opinione comune!

     

     

     

  • 18
    cipiglio

    macché formichine…quelle sono locuste!

  • 17
    cipiglio

    macché formichine…quelle sono locuste!

  • 16
    cipiglio

    macché formichine…quelle sono locuste!

  • 15
    moshedayan

    la cosa bella di studiare storia è che è possibile usarla per come si vuole. mi pare i essere in pieno medioevo, quando il sacro romano impero scendeva in Italia per fare la spesa e possedere la penisola. due sole potenze si schierarono contro esso e vinsero, anche se si odiavano a morte: lo stato della chiesa, per via di quel diritto sancito nel vangelo che dice; date a cesare quel che è di cesare, ma date a Dio quel che è di Dio. quindi l’impero si poteva pure attaccare se voeva governare sulla chiesa ed eleggere lui i vescovi, guarda caso vicini all’imperatore.

    la seconda forza furono i comuni del nord italia che, purtroppo la lega di bossi ha ripreso appieno, sfidarono il barbarossa e pontida e lo sconfissero. fu così che la longa manus dell’impero si allontanò per un po dalla ricca penisola, per poi rientrare dalla finestra.

    è la lunga guerra fra germania e italia, un rapporto di amore ed odio, odi et amo, per cui solo chi riesce a mettere le mani sull’altro e a tenerlo fermo vince la guerra. la francia e la GB fanno delo loro meglio per impedire che scoppi una nuova guerra e cercano, chi di dividere la germania o usare la frase machiavellica “un nemico o lo si distrugge o lo si compra: mai renderlo martire” per cui si si allea visto che non lo può distruggere, (francia), chi invece effettua una poitica di equilibrio delle forze (Gran Bretagna), ma non entra in merito del conflitto se non usando attori o banche o denaro per impedire che avvenga uno squilibrio fin troppo netto.

    quindi squilibrare l’europa vuol dire trascinarci in una guerra mondiale. quello che loro chiamano nazionalismo o populismo è solamente il rigurgito di una imposizione artificiale… la germania avrà sempre quella sindrome di accerchiamento per cui le cose sono due: o la si rade nuovamente la suolo, la si ribastona per bene per farle capire coe si gioca e quindi se ne sta buona buona, oppure la si ridivide! se stiamo nell’europa della germania e dei suoi dicktat saremo schiavi. domanda: perchè essere schiavi quando possiamo dominare l’intero continente??

  • 14
    Mr. Age

    Nazionalisti?

    Da che pulpito viene la predica?

    Il diritto di resistenza è il diritto di resistere al potere illegittimo. Trova le sue origini in epoche precedenti all’affermazione del Cristianesimo, tuttavia fu solo nella Germania medioevale che iniziò ad assumere valore giuridico, come strumento dei ceti contro le imposizioni del Principe.

    Questo diritto è contemplato:

    Nella dottrina politica di San Tommaso, in cui si prevede addirittura il tirannicidio per il Principe che abbia violato l’ordine divino;

    Nello Stato moderno. In alcune costituzioni odierne (in particolare quella tedesca) possiamo ancora trovare il diritto di resistenza, anche se nello Stato di diritto il diritto alla resistenza è stato formalmente escluso.

    Art. 20 comma 4. Tutti i tedeschi hanno diritto di resistenza contro chiunque si appresti a sopprimere l’ordinamento vigente, se non sia possibile alcun altro rimedio.

    Se questo è nazionalismo spero che tutti gli Italiani lo siano!

  • 13
    zulio

    Condivido! Come sempre!!

  • 12
    Stefano.T

    Claudio, questo articolo è eccezionalmente lucido e ben argomentato.

    Descrive esattamente quello che sta succedendo e lo fa in modo esuriente, affrontando tutti i molteplici temi coinvolti.

    Ti ringrazio per ciò che stai facendo e ti saluto.

  • 11
    che.caspita

    da far accapponare la pelle, e adesso tutta l’Italia in un sol uomo deve sedersi a quel tavolo e guardare veramente negli occhi senza abbassare lo sguardo tutti coloro che ci vogliono schiavi e dirgli  a voce alta non vogliamo più giocare con voi! game over

  • 10
    Euroleso

    Se avete lo stomaco forte, potete leggere questo:

    http://www.mentereale.com/articoli/bilderberg-italia-tutto-ruota-intorno-all-aspen-institute-ecco-nomi-intrecci-e-obiettivi

    Il comitato esecutivo dell’Aspen Institute Italia:

    http://www.aspeninstitute.it/istituto/comunita-aspen/comitato-esecutivo

    Gli organi direttivi dell’Aspen Institute Italia:

    http://www.aspeninstitute.it/istituto/comunita-aspen/organi-direttivi

    I soci sostenitori dell’Aspen Institute Italia:

    https://www.aspeninstitute.it/system/files/inline/Pagine%20da%20soci%20ita%2015-11-12.pdf

    A buon intenditor poche parole.

  • 9
    dani56

    Grazie Claudio. Ho 56 anni e la terza media. Sono disoccupata da quasi 20 anni ma il disagio che ho dentro me lo porto dietro da una vita. Non ricordo infatti di essermi mai sentita rappresentata da nessuno in questo paese. Forse perkè ho vissuto per anni vicino ad un confine che confinava tutta lamia città e la relegava ad un piccolo pezzo di terra da depredare. Quando le barriere sono cadute e siamo diventati europei mi sono sentita finalmente libera confidando che l’Europa in cui entravamo fosse divenuta una terra materna non essendo stata minimante informata a cosa andavamo incontro. Mi sono accorta subito che c’era qualcosa che non andava e non solo qui da noi ma anche nella terra vicino alla nostra che veniva fuori da una dittatura. Quando le persone cominciano a rimpiangere quello che c’era prima sicuramente qualcosa non va. Ora finalmente abbiamo aperto gli occhi e ci rendiamo conto che questa Europa è una matrigna malevola che approfitta del popolo italiano grazie a politici e teconcrati dalla bocca larga. Ma se sono riuscita ad aprire gli occhi è grazie a te ed a tutte le persone come te che, anche a costo di molti sacrifici, mi informano di quello che sta succedendo. Caro Claudio ti sarò grata in eterno, soprattutto oggi con il tuo post, liberatorioin tutti i sensi, per aver dato voce a tutto quello che penso e che ho dentro ma che purtroppo non riesco ad esprimere. dani

  • 8

    Mi sorge spontaneo un “e che c..zo” ci voleva proprio, pugno sul tavolo e diciamogli che li mandiamo tutti a cagare.

  • 7
    Clausius

    Sul blog mi sembra di averlo già scritto: ” Gobbels avrebbe avuto molto da apprendere dai disinformatori italiani (perchè questo sono e stanno facendo dappertutto sui media di regime).

    In poche parole i Nazisti erano dei dilettanti confronto i nostri.

    Il problema rimane come fare a far passare un’informazione corretta.

    Quì ho letto un buon esempio matematico :  http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/12/10/regimetv-pompare-primarie-e-ritrovarsi-berlusconi/441791/

    Come votare,noi che abbiamo una discreta informazione grazie soprattutto alla Blogsfera?

    A parte che alcune cose devono essere ancora definite,a parte la difficoltà della questione fime da raccogliere e l’informazione drogata io mi pongo un obiettivo: dare il voto a chi vuole rinegoziare i trattati europei in senso democratico dando la possibilità di uscire dall’euro agli Stati membri.

    Se dovesse rimanere questa rigidità,cosa certa…anzi certissima,allora va bene chiunque proponga,anche col populismo che è leggittima arma di lotta politica,delle alternative tutte interne all’Italia ma alternative al Dogma EU+euro.

    Qualcosa di sensato e non demagogico.

    Altre alternative non ne ho e ne sono cosciente.Quello che ha fatto la Germania,ma non solo,lo sappiamo e ne abbiamo l’esempio Greco come riferimento e non è certa l’unico Stato che sta giocando sporco sulla pelle dei cittadini!

    Siamo in una situazione estrema,antidemocratica e si combatte una guerra finanziaria ai danni dei popoli.Ma chi crede di aver calcolato tutte le variabili fa un grosso errore.Basta una scintilla per far esplodere la polveriera ed questa,oggi,l’Unione Europea.

     

  • 6
    Giampi

    Discorso SPLENDIDO, complimenti d’obbligo!!!!!

    Però vorrei capire una cosa : voi pensate che si possa venirne a capo in maniera pacifica???? Io, visto il “bottino” in ballo, credo di no….

  • 5
    Grigio

    Questo articolo deve essere fatto girare come una trottola  per il web.

    Stampatene pure delle copie e distribuitele dal fruttivendolo, dal salumiere, in lavanderia ecc.

    Mandate mail ai vostri amici con questo link.

    Chi può farlo organizzi brevi seminari economici nella propria città, coinvolgendo Bagnai, Borghi, Tringali, Galloni ecc. non è complicato, basta volerlo.

    Bisogna attivarsi, la consapevolezza è la nostra grande ed unica arma rimasta.

    Ed occorre essere veloci, le elezioni sono alle porte…

  • 4
    Morris Vincent

    GRAN BEL PEZZO!!! COMPLIMENTI!!! CREDO IL MIGLIORE DEL 2012!!!

  • 3
    angi1968

    Olé, sempre molto chiaro e conciso, non voglio cadere nel banale ma ti voglio dire una  cosa: “GRAZIE DI ESISTERE”. Condivido  tutto, la mia coscenza, ti ringrazia.

    Una possibile, probabile idea di mandare tutti a casa c’é, e io credo sia il M5S, e se anche questo ci tradisce … bhe! allora sono c…i amari!

    SONO I NOSTRI FIGLI A CHIEDERCELO.

    Angela

  • 2
    MaxP.

    Non posso astenermi dal’applaudire questo post, vero vero vero!!!

    Quando ascolto i TG, TUTTI!!!, Sky, Mentana e Mineo compresi, non ascolto mai neppure il 10% delle verità che leggo sempre qui in questi numerosi post che giornalmente o plurigiornalmente Claudio ci scrivi, loro però sono seguiti da milioni di persone purtroppo.

    Peccato non aver a disposizione una TV a livello nazionale per poter informare i troppi cittadini per nulla informati in merito che troppo facilmente si fanno condizionare, o vanno a fidarsi delle interpretazioni della realtà pro Troika “per il nostro bene” e mi fanno orrore!

    E’ incredibile il potere di convincimento che certe istituzioni riescono a esercitare su tutti i direttori dell’informazione per far avallare le loro deliranti tesi, nell’esclusivo interesse delle varie lobby.

    Una volta che Silvio dice la verità sullo spred, l’aveva già fatto alla fine di Ottobre, e tutti, ma proprio tutti a negare l’evidenza (tranne quelli che sono sul suo libro paga, ovvio).

    Non c’è nessun dubbio, vogliono CONCENTRARE la ricchezza in sempre più poche mani e venire a comprarsi pezzi d’Italia per 4 soldi.

    Amenochè qualcuno non glielo impedisca……………

     

  • 1
    franzraz

    Anche questo non è male, non fatevi spaventare dalla lunghezza…

    https://www.youtube.com/watch?v=BRsCvIFP1U0

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>