AntiMessaggio di Fine Anno

Paolo Becchi - Antimessaggio di Fine Anno - Blog

Buona sera e Buon Anno a Voi tutti, italiane e italiani di ogni generazione. È con profonda commozione che mi rivolgo a Voi, cari sudditi … pardon, cari concittadini, in questi tempi così difficili, ma anche così pieni di speranza e di fiducia per il futuro che ci attende. Questo è stato un anno difficile per la nostra amata Costituzione, la nostra amatissima Carta nella quale sono enunciati i valori e i principi fondamentali cui si ispirarono quanti, sacrificando se stessi e la propria vita, hanno consegnato alle generazioni successive una Repubblica nuova e libera. Spetta a ciascuno di noi, in nome di quegli stessi principi, continuare ad amarla e consolidarla, perché, ricordatevi, chi lascia la strada vecchia per la nuova…

Ma cosa sto dicendo?!… Qui bisogna cambiare tutto, anche questi proverbi…scusate, ora ricomincio tutto da capo.

 

Poveri italiani: I proverbi dei vecchi fanno morire i giovani di fame. Non abbiamo più una Costituzione, dopo che per tutto questo anno è stata stuprata da coloro che erano incaricati di difenderla e di garantirne il rispetto. Essa è stata trasformata nel canovaccio di un indegno spettacolo.
L’anno finisce come era iniziato il precedente: con la liquidazione di ogni forma di governo rappresentativo e con l’eliminazione di ogni garanzia di democrazia a favore dei cittadini e degli elettori. Che sia in carica o dimissionario, il Governo Monti è uno spettro che si aggira dentro la nostra Costituzione. E’ un fantasma, il fantasma di una Terza Repubblica che sta nascendo a forza di interpretazioni faziose del testo costituzionale, di ossequio formale alla legalità e di violazione di ogni principio democratico di legittimità.

Come tutto ciò è cominciato lo sapete: una telefonata. A volte una telefonata allunga la vita – si diceva – una telefonata del Presidente della Repubblica tedesco Christian Wulff a Re Giorgi: “Lieber Giorgio, wie geht’s Frau Clio?” Senti, guarda, abbiamo un problema…bisognerebbe rovesciare il governo di Berlusconi. Già, proprio così. Lo capisci anche tu, ormai la situazione è diventata insostenibile, e non si tratta di Ruby… “Eine schöne Frau, übrigens”. Che ne dici di Monti? Sì, Mario Monti, lui…l’uomo che rappresenta l’Europa nel Bilderberg, consulente internazionale per molti anni di Goldman Sachs. Re Giorgio ascolta, annuisce… Lo spread che sale, sale sempre più, e noi, e noi ancora più giù. Berlusconi si dimette. Si sciolgono le Camere. Si va alle elezioni? E per quale motivo? C’è la “responsabilità” nazionale che ora, stimolati da Re Giorgio, Centro e Sinistra invocano. Monti sale al governo e lo spread scende. Strana storia, una storia sbagliata: una storia da basso impero, una storia da una botta e via, come cantava De André.

Bisogna salvare l’Italia: o meglio l’Europa, o meglio l’Euro, vale a dire gli interessi finanziari di un potere transnazionale, occulto, invisibile, di banchieri e finanzieri. Piccolo inconveniente: per fare tutto ciò, occorre “ritoccare” la Costituzione. Ma che problema c’è? In una sola seduta, nel silenzio pressoché assoluto da parte dei giornali e dei media, il Parlamento ha modificato quattro articoli. Presa in un colpo solo la quaterna: 81, 97, 117 e 119 sulla ruota della Costituzione, introducendo il principio del pareggio di bilancio. Poi si ratifica, senza nessuna obiezione, il fiscal compact. E si va avanti così a colpi di maggioranze bulgare e decreti-legge.

Certo, c’è però in giro un po’ di malcontento. E a Re Giorgio non piace che i suoi sudditi vengano resi inquieti da “facili populismi”. Meno male, dichiara, che sono stati “messi a tacere”. Sono degli irresponsabili. Cosa vogliono? Chi sono? Sono, caro Presidente, le forze di un popolo, quello italiano, che non ne può più, e che si sono organizzate, per la prima volta nella storia di questo Paese, in un MoVimento che, nonostante i continui tentativi di bloccarlo e di infamarlo, è arrivato ad essere la prima forza politica in Sicilia. Doveva accadere che un vero MoVimento di opposizione al potere, al sistema di Bruxelles, alla speculazione parassitaria, alla moneta unica, minacciasse finalmente la pax politica imposta a colpi di spread.
Poco male, per Re Giorgio. Lui, per un po’, non se ne preoccupa, ma continua a telefonare…ma quanto telefona Napolitano? La magistratura lo intercetta, nell’ambito di indagini sulla trattativa Stato-mafia. Telefonate irrilevanti, forse. Fatto sta, che bisogna distruggerle. Lo dice la Corte Costituzionale: l’immunità del Capo dello Stato non si discute. Bisogna distruggere tutto e subito, senza neppure aspettare, come vuole la legge penale, un’apposita udienza davanti al giudice.

Il messaggio indiretto a Berlusconi è chiaro: se c’è voluta persino la Corte per salvare Re Giorgio dalla giustizia forcaiola, cosa potrà mai fare un Berlusconi abbandonato da tutti? Soli si muore. E così assistiamo, anche se siamo solo a Natale, alla prima resurrezione politica della storia nazionale. Ma come: “Ancora lui, ma non dovevamo rivederlo più? E ci scappa da ridere”, su quello che succede dopo. Ritira informalmente la fiducia al Governo e spara a zero su Monti, poi cambia idea e sperando nell’amorevole compassione di Re Giorgio candida Monti alla guida dei moderati. Il pensiero è stupendo: e tu, e noi, e lui fra noi. Ma Re Giorgio, il triangolo no, non l’aveva considerato, e anzi si è proprio rotto di tutto questo teatro, e impone le elezioni, anticipate quel tanto che basta per essere ancora lui a gestire la formazione del nuovo Governo. Amen, con tanto di sacra benedizione della Conferenza Episcopale Italiana e del Vaticano, ultimi sponsor ufficiali della ditta “Rigor Mortis & Co”. Si ristabilisce finalmente quell’alleanza tra Trono e Altare che era venuta meno con la fine della res publica christiana.

Siamo alla fine dell’anno. “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’”, mi scrive Domenico Corradini, illustre avvocato nonché filosofo del diritto italiano e decano della disciplina, facendomi un sacco di domande imbarazzanti, del tipo:

  1. Per quanti anni Napolitano ha promulgato senza quasi batter ciglio e senza rinviarle alle Camere le leggi ad personam di Berlusconi? Si è così dimostrato un partigiano della Costituzione?
  2. Perché Napolitano non ci ha mandato alle elezioni dopo che Berlusconi è uscito da palazzo Chigi e ha preferito formare un suo governo tecnico sotto sua tutela e a dispetto della sovranità popolare che al popolo appartiene? Si è così dimostrato un partigiano della Costituzione?
  3. Perché il governo Monti-Napolitano con la Severino al ministero della Giustizia non ha provveduto ad abrogare le leggi ad personam di Berlusconi? Si è così dimostrato un partigiano della Costituzione?
  4. Perché Napolitano ha detto che Monti era incandidabile, ed ora a malincuore è anche disposto a mandare giù il rospo di una sua eventuale candidatura? Si è così dimostrato un partigiano della Costituzione?

Caro amico mio, cosa posso risponderti? Per un anno intero tutti i giornali ci hanno detto che l’Italia era sul baratro, e che solo Monti l’ha salvata. Ci voleva un quotidiano a larga diffusione inglese per rivelarci che «l’Italia ha solo un grave problema economico. Ha la valuta sbagliata». Ci voleva uno studio della Bank of America per scoprire che l’Italia avrebbe da guadagnare più di tutti gli altri membri dell’UE da un’uscita dall’eurozona e dal ripristino di un controllo sovrano sulle leve di politica economica. Ci voleva sempre quel giornale inglese per dire che «Monti può anche essere uno dei migliori gentlemen europei ma è anche il sommo sacerdote del Progetto UE e un personaggio chiave dell’adesione dell’Italia all’euro. Prima se ne va, prima l’Italia può fermare lo scivolamento nella depressione cronica».

Caro amico, siamo alla fine dell’anno. Forse c’è tempo anche per qualche vecchio ricordo. Ricordo una seduta parlamentare di tanti anni fa. Era la fine dell’anno 1978, a dicembre, ed io studiavo allora in Via Balbi 4. Esisteva ancora l’Università italiana: oggi dopo gli ultimi tagli di Rigor Mortis è morta anche quella. Governo Andreotti. Quel giorno si discute dell’adesione dell’Italia al Sistema monetario europeo. Scelta fondamentale, ma anche molto discussa e travagliata. Di quella seduta ricordo in particolare un intervento, molto incisivo, dedicato alle condizioni in cui tale sistema sarebbe potuto nascere. Ve ne leggo qualche stralcio:

Consideriamo non seria la tendenza a liquidare come problema tecnico irrilevante quello di un’attenta verifica dei contenuti della risoluzione di Bruxelles del 5 dicembre per valutarne la rispondenza alle concrete esigenze poste da parte italiana. Quello delle garanzie da conseguire affinché il nuovo sistema monetario possa avere successo, favorire un sostanziale riequilibrio all’interno della Comunità europea e non sortire un effetto contrario, contribuire ad una maggiore stabilità monetaria e ad un maggiore sviluppo su scala mondiale, è un rilevante problema politico. Ma l’ulteriore alterazione nell’ultimo vertice di Bruxelles, nella formula relativa a questo aspetto essenziale dell’accordo di cambio, è stata solo la conferma di una sostanziale resistenza dei paesi a moneta più forte, della Repubblica Federale di Germania, e in modo particolare della banca centrale tedesca, ad assumere impegni effettivi e a sostenere oneri adeguati per un maggiore equilibrio tra gli andamenti delle monete e delle economie dei paesi della Comunità. E’ così venuto alla luce un equivoco di fondo, se cioè il nuovo sistema monetario debba contribuire a garantire un più intenso sviluppo dei paesi più deboli della Comunità, delle economie europee e dell’economia mondiale, o debba servire soltanto a garantire il paese a moneta più forte, la Germania appunto, spingendo un paese come l’Italia alla deflazione.

Sono parole incisive e forti e coraggiose che denunciavano i pericoli dell’entrata dell’Italia nel sistema monetario comune e gli interessi tedeschi che spingevano all’introduzione di quel sistema. Piccolo dettaglio: sapete chi fu a pronunziare quelle parole? Un membro autorevole del Partito Comunista di allora: Giorgio Napolitano. Come si cambia, per non morire. Eppure Napolitano, in quell’occasione, aveva visto giusto. Eppure il Partito Comunista fu in quell’occasione l’unico partito italiano a votare contro l’ingresso dell’Italia nello SME. Aveva ragione, tanto che, come noto, fummo costretti in seguito ad uscire dallo SME e non fu una catastrofe. Oggi, però, il PCI non c’è più e il compagno Napolitano è diventato Re Giorgio. E il Re ha cambiato decisamente opinione. Ora, per lui, dobbiamo restare nell’Euro fino a morirne.

Cari italiane e italiani, comunque sia, l’anno che sta arrivando, tra un anno passerà. Quello che non passerà è il Governo di quel comitato d’affari della speculazione internazionale che ormai ci è stato imposto dall’Europa della finanza per i prossimi cinque anni. Da un punto di vista sostanziale, infatti, le elezioni, come del resto Re Giorgio ha dichiarato, non cambieranno nulla. Per la prima volta, però, dopo tanti anni avremo nel Parlamento una nuova forza politica antisistema, contro tutto e contro tutti: il MoVimento 5 Stelle. La nuova resistenza è appena cominciata. Siamo in guerra, ed è meglio una fine spaventosa, che uno spavento senza fine.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

44 risposte a AntiMessaggio di Fine Anno

  • 32
    Clausius

    pragmatico64 ha scritto :
    L’ultimo passaggio del tuo post è spettacolare nella sua semplicità e precisione, ma andrei cauto, nel prendere per buoni i vari sondaggi e trarre conclusioni da essi. Quanto alle percentuali del M5S è inutile preoccuparsi di quale sarà il bacino elettorale che si esprimera a favore della sua proposta politica . Portera avanti le sue visioni con le percentuali di cui dispone ( qualunque esse siano) consapevoli che il cambiamento della massa non corrisponde a quello del singolo(servono  generazioni)  

    Perfettamente daccordo,visti i risultati di Parma e Sicilia dove i risultati sono stati largamente superiori a quello che prevedevano i sondaggi.Nel frattempo ho scoperto che due persone voteranno il M5S.Due persone che pragmaticamente,pur dicendo di non crederci troppo,affermano che non è più possibile votare i partiti attuali.Spero ce ne siano tantissimi che la pensino così.

    Napolitano proseguiva così nel suo discorso: Che in questo sforzo si considerino
    pienamente impegnati tutta la sinistra e il movimento operaiocome dimostra la loro adesione senza riserve alla scelta dell’elezione diretta del Parlamento europeo – è un fatto che differenzia in non lieve misura la situazione italiana da
    quella inglese o francese. E’ un punto di forza per il nostro paese sul piano inter-nazionale, un punto di forza che solo polemiche pretestuose ed irresponsabili
    possono oggi tendere ad oscurare.

    Oggi non si può più parlare di movimento operaio e basta ma di salariati e precari,nonchè di disoccupati,cassintegrati,esodati ecc.

    Lo sconforto nasce proprio da questi in quanto l’OPA del PD odierno è ancora valida per moltissimi lavoratori,inconsapevoli di tutta la malafede che costoro continuano ad usare e abusare su di loro.

    Ecco perchè non mi accontento di un buon risultato del M5S.Ci vuole una vittoria,una rivoluzione pacifica sennò i prossimi 5 anni (o quanto resisterà la nuova legislatura) sarà una carneficina sociale.Lo si vede già adesso…andato in un centro per l’impiego ho trovato code interminabili di persone che certificavano il loro stato per avere sussidi di disoccupazione,esenzioni ticket….con gli impigati che chiudevano a chiave le porte per l’impossibilità di far fronte alle richieste.Cosa che,a sentir loro,non è mai successa.

    Iniziamo bene il 2013!!



    GD Star Rating
    loading...
  • 31
    Monica C.

    grazie per questo post Claudio, infinite grazie al professor Becchi . 

    p.S. se fosse per me … Professor Becchi nominabile alla Presidenza della Repubblica 

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 30
    gdk

    penso che paolo becchi sarebbe un ottimo presidente della repubblica, cosa ne pensate ? e invece ci sarà regalato mario monti. che tristezza !

    GD Star Rating
    loading...
  • 29
    che.caspita

    Grazie Signor Becchi, grazie Signor Claudio. Scusate ma vorrei segnalare che sul sito di RischioCalcolato è in atto una raccolta firme contro l’abolizione del contante, se siete contrari vi prego firmate, grazie

    GD Star Rating
    loading...
  • 28
    Clausius

    Mjollnir ha scritto :
    grazie Clausius per il link.   Molto interessante. Alcuni delle discusioni sono molto attuali anche nel tono degli Europeisti convinti di allora che è simile al tono degli Europeisti di oggi. Si disse che partecipare allo SME sarebbe stato la migore soluzione e che il non parteciparvi avrebbe potuto causare conseguenze catastrofiche……

    Questo è un passo del lungo discorso di Napolitano:

    Non è meno importante il fatto che, pur muovendo da posizioni diverse, tutte le forze politiche e sociali che si ricono­scono nei valori della Costituzione, si sia­no via via riconosciute anche nei valori dell’europeismo democratico, liberati dal­le distorsioni e dagli strumentalismi del periodo della guerra fredda; si siano ri­conosciute nel difficile sforzo di costru­zione di un’Europa comunitaria realmen­te ancorata a princìpi di solidarietà, di progresso sociale, di cooperazione inter­nazionale e di pace.

    Secondo me è importante risalire a quel periodo,e magari anche più indietro,per capire come non si sia realizzato nulla di quello che è scritto in questo passaggio e passando per ben due shock monetari che ci hanno sempre portato indietro,a scapito delle classi sociali lavoratrici,dei diritti faticosamente acquisiti (vedi Scala Mobile) e che già allora facevano finta di difendere.E consci di quel che stavano attuando,sindacati compresi.

    L’informazione di regime oggi sta crivellando le menti degli italiani e,come avevo previsto in altri post,è lì che si forma l’opinione e l’intenzione di voto.Se non si apre una breccia molto larga sarà un voto inutile e antidemocratico a prescindere.

    Alcuni sondaggi danno il PDL di nuovo attorno al 20% in risalita,il PD attorno al 30% e il M5S in perdita attorno al 14%.Vero o non vero poco cambia e il trend è quello.Il terrorismo mediatico è la loro arma di distruzione di massa.

    Napolitano ha abusato del suo potere e ha fatto in modo di poter nominare il prossimo PdC (cioè Monti).Ecco,io sono uno di quelli che lo vedrebbe alla sbarra per tradimento della Costituzione.

    Non aggiungo altro se non che sono amareggiato nella mia impotenza.Impotenza che deriva dall’incapacità di far riflettere amci e conoscenti sulle vere cause della situazione attuale.Provate voi a convincere un PDino e poi sappiatemi dire.E’ come convincere un cristiano osservante che Dio non esiste.Ed è proprio quella la sensazione,che siamo di fronte ad una nuova religione che ci sta portando inesorabilmente in un nuovo medioevo.



    GD Star Rating
    loading...
    • 28.1
      pragmatico64

      L’ultimo passaggio del tuo post è spettacolare nella sua semplicità e precisione, ma andrei cauto, nel prendere per buoni i vari sondaggi e trarre conclusioni da essi.

      Quanto alle percentuali del M5S è inutile preoccuparsi di quale sarà il bacino elettorale che si esprimera a favore della sua proposta politica .

      Portera avanti le sue visioni con le percentuali di cui dispone ( qualunque esse siano) consapevoli che il cambiamento della massa non corrisponde a quello del singolo(servono  generazioni)  

      GD Star Rating
      loading...
  • 27

    Come sempre il professor becchi merita gerande stima solo per ciò che dice e ciò che trasmette peccato che spesso la gente lo eticetta male mi dispiace molto per questo, di uomini come lui ce ne sono ben pochi, grazie ancora claudio di trasmettere queste informazioni che sono vitali per gente come me. tanti auguri di buon anno. claudio ti potrei consigliare di intervistare DAVID ICKE grazie.

    GD Star Rating
    loading...
  • 26

    Lo so che non è stato fatto niente ma è ora di svegliarsi, i cittadini “europei” devono reagire al colpo di stato europeo perpetrato con arroganza dai potenti della finanza che si sono posizionati ai vertici senza alcun legittimo mandato dei  popoli sovrani, questa non è una europa unita, questa è la creazione di una “dittatura monetaria” studiata da parte di un gruppo (bilderberg, trilaterale, banche) per parassitare sulla collettività europea.

    Noi cittadini dobbiamo reagire ed agire,  con la rete tutto è possibile, stabiliamo un collegamento con gli altri cittadini europei attraverso la creazione di un sito (nelle diverse lingue) in cui discutere e mettere le basi di un “progetto di unione europea condivisa” stabilendo per primo i “DIRITTI DI OGNUNO A PARTIRE DAL DIRITTO ALLA  SOVRANITÀ DEL POPOLO EUROPEO E ALLA FORMAZIONE DI UNA BANCA EUROPEA APPARTENENTE AL POPOLO EUROPEO E NON AI BANCHIERI”

    GD Star Rating
    loading...
  • 25
    rox

    errore mio

    GD Star Rating
    loading...
  • 24
    rox

    Scusate se insisto ma vi perdete dietro a falsi problemi,il fatto che ci ricattano attraverso una economia ormai fasulla da un bel pò,non vi accorgete che ci sono coinvolti troppi personaggi,dalla politica al vaticano,dai media alle tante  multinazionali,a mio parere è in atto una guerra invisibile contro qualche antico nemico magari,proprio per questo mi sono convinto che l’unica strada da prendere è il M5S,spero anche che facciano saltare il perverso sistema finanziario e sopratutto le tante religioni del cavolo che creano orde di pecore,siamo bloccati nel passato con queste st****te,medioevo direi,ma se il M5S non dovesse farlo subito resto convinto che sia la migliore possibilità,W il progresso(quello vero però)

    GD Star Rating
    loading...
  • 23
    gabriellab

    Intanto il M5S continua a non prendere posizione decisa nei confronti dell’euro

    Paolo Becchi ha fatto un ottimo discorso, ma io ho l’impressione che abbia investito il Movimento di una responsabilità che forse non ha il coraggio di assumere.

    Il suo programma relativo all’economia presenta ancora una profonda lacuna a mio parere, e mettere come obiettivo quello della riduzione del debito pubblico con l’abbattimento della spesa della pubblica amministrazione e contemporeanamente tacere su quello che è stato invece il vero colpevole della crisi che stiamo attraversando non mi dice niente di buono.

    Il M5S deve finirla di parare di casta e di debito pubblico, se aspira veramente a governare deve avere una politica economica di ampio respiro,

    La base del movimento sta proponendo soluzioni concrete e dettagliate per uscire dalla crisi, che aspetta Grillo a inserirli ufficialmente nel programma? Forse non crede neanche lui che il movimento potrebbe governare? Forse si propone come una forza disturbartice e niente di più?

    GD Star Rating
    loading...
    • 23.1
      james62

      E’ quanto vado dicendo anch’io, anche se i “puristi” del movimento sembrano non capire. Ho la netta impressione che Grillo non punti a vincere le elezioni, ma solo a portare una rappresentanza in parlamento. Eppure la discesa (o salita) in campo di Monti paradossalmente potrebbe riaprire i giochi, rompendo le uova nel paniere a Bersani, che potrebbe vedersi ridimensionare il risultato. Qualche timida iniziativa “indipendente” (da Grillo) da parte di alcuni Movimentisti si sta vedendo qua e la, ma la visibilita’ e’ ancora troppo poca. Aspettiamo che si entri nel vivo della campagna elettorale e speriamo bene…

      GD Star Rating
      loading...
    • 23.2

      Caro amico il prof. Becchi non ha dato nessuna responsabilità al M5S bensì l’ha data a te perché il M5S non è un partito, il M5S è “la collettività” , il M5S sei tu (sempre che tu abbia compreso la logica del modello politico che il M5S propone), quindi sei tu a doverti informare e DECIDERE tu sei il SOVRANO e vincerà democraticamente la ragione che trova il maggior consenso tra i SOVRANI CITTADINI,….pensaci

      GD Star Rating
      loading...
    • 23.3
      Angelo Trischitta

      @
      gabriellab

      “Intanto il M5S continua a non prendere posizione decisa nei confronti dell’euro”

      La posizione del M5S nei confronti dell’Euro è decisa; è per l’uscita dall’Euro con Default Controllato ma non ha lo stesso parere la maggioranza degli italiani. Scrivere sul programma che se andasse al Governo il M5S opterebbe per una scelta su cui la gran parte degli Italiani non concorda lei lo ritiene sensato?

      Proporre di lasciare la scelta al cittadino con un referendum dopo un ampio dibattito nazionale lo lo ritiene più democratico ?

      GD Star Rating
      loading...
    • 23.4
      Mjollnir

      @ Angelo Trischitta

      Non riesco a vedere una posizione decisa del M5S per l’uscita dall’Euro.

      Da sondaggi che ho visto io inoltre i favorevoli all’uscita dall’Euro sono sopra il 50%. In ogni caso M5S sembra adesso avere il 14% degli intenzionati ad andare al voto (che sappiamo essere di poco superiori al 50%). Quindi forse l’8% o 9% degli aventi diritto.

      Anche se coloro che sono per l’uscita dall’Euro fossero sotto il 50%, si tratta di una posizione molto radicale che potrebbe portare molti voti al partito che la sostenesse con convinzione.

      Dati alla mano ritengo che il M5S avrebbe solo da guadagnarci.

      Sul referendum si sono espressi in molti e non sarebbe ritenuto ammissibile per cui non la vedo una strada percorribile. L’unica strada democraticamente percorribile è quella parlamentare, ma servono i voti!

      GD Star Rating
      loading...
    • 23.5
      gabriellab

      Non si può scrivere un programma sulla base di quello che che potrebbe piacere o meno  alla maggior parte degli italiani, bisogna avere anhe il coraggio delle proprie idee,

      La battaglia politica che si sta consumando è tutta sulle scelte che si faranno in materia economica, visto la crisi che stiamo attraversando e dalla quale non usciremo tanto presto, servono scelte veramente rivoluzionarie che impongano un svolta decisa rispetto a quello che fino ad ora è stato fatto.

      Se la ricetta è abbattere il debito pubblico e tagliare le spese della casta,  non è sufficiente, anche perchè sono temi che facilmente possono fare propri gli altri partiti, così come hanno fatto propro quello della trasparenza e delle “liste pulite”.

      Ma il tema dell’uscita dall’Euro e dall’Europa, il ritorno alla sovranità monetaria, è un tema fortemente trattato negli altri stati europei, non è un tabù come da noi, se il Movimento ne parlasse in maniera costruttiva e seria, potrebbe scatenare un dibattito che finalmente potrebbe aprire gli occhi alla maggioranza degli italiani.

      E’ lodevole la lotta che sta facendo il movimento  sul web per tutti gli altri temi che nei mass media vengono taciuti, ammiro la forza e la passione degli attivisti che mi fanno pensare che esiste ancora una speranza per il nostro paese

      per questo vorrei che il movimento spiccasse il volo e trainasse con sè le forze rivoluzionarie e progressiste, ma veramente progressiste, che abbiamo in Italia e facesse da traino per gli atri paesi deboli dell’Europa che stanno soffrendo come noi.

      GD Star Rating
      loading...
    • 23.6
      Angelo Trischitta

      @Mjollnir

      Berlusconi subito dopo averne parlato con l’annuncio di una conferenza con esperti economisti per l’uscita dall’euro ha smesso di riprendere il tema; se elettoralmente pagasse così tanto sarebbe un argomento sollevato ad ogni intervista come già accade per le tasse ed imposte. 

      Preferisco l’argomento democrazia; voler condurre un paese fuori dall’Euro quando almeno metà degli Italiani non lo desidera innescherebbe un conflitto sociale difficile da spegnere.

      @gabriellab

      L’idea del M5S che sarebbe più utile per l’Italia uscire dall’Euro è espressa in pubblico quindi il coraggio della propria idea è ben presente. Aggiungere che  verrà messa in atto quando la maggioranza degli italiani saranno concordi per farlo è segno che la democrazia per il M5S ha un valore e questo fa onore a Beppe Grillo.

      Continuiamo a spiegare vantaggi e svantaggi dell’uscita dall’euro affinchè la gente possa formare un’idea ragionata sui fatti.


      GD Star Rating
      loading...
  • 22

    Pensavo che da Balbi 4 non fosse uscito oltre a me niente di buono! Con tanta umiltà!

    GD Star Rating
    loading...
  • 21
    Clausius

    Cit. Prof Becchi: Eppure il Partito Comunista fu in quell’occasione l’unico partito italiano a votare contro l’ingresso dell’Italia nello SME.

    Caro professore condivido molte cose di quelle che ha detto nel suo antimesssaggio ma devo contestarle l’affermazione di cui sopra nella citazione.

    In rete si trovano molte informazioni su quella seduta della camera ma inserisco solo questo link chiarificatore:  http://il-main-stream.blogspot.it/2012/09/lo-sme-leuro-e-la-sinistra-italiana.html

    Il gattopardismo italiano lo conosciamo bene e Re Giorgio ne è un buon/pessimo esempio.

    IL PCI si astenne su due delle 3 parti dell’intera mozione DC.Poi non ho avuto voglia di leggermi tutto il documento della seduta per cui mi scuso delle eventuali inesattezze.

    E colgo l’occasione per augurarle un proficuo 2013.

    GD Star Rating
    loading...
    • 21.1
      Mjollnir

      grazie Clausius per il link.

       

      Molto interessante. Alcuni delle discusioni sono molto attuali anche nel tono degli Europeisti convinti di allora che è simile al tono degli Europeisti di oggi.

      Si disse che partecipare allo SME sarebbe stato la migore soluzione e che il non parteciparvi avrebbe potuto causare conseguenze catastrofiche, ma il tutto senza alcun valido supporto tecnico. Praticamente inesistenti le tesi degli oppositori allo SME

      Anche io concordo con la magggior parte del discorso del Prof. Becchi anche se preferirei che si astenesse da commenti di parte sulla politica del passato in quanto non vedo parti politiche che si possano ritenere esenti da responsabilita’ nei riguardi dell’attuale situazione Italiana.

      Non ho letto il documento in modo integrale per cui scusate anche me per eventuali inesattezze.

      GD Star Rating
      loading...
  • 20
    Lopa58

    Grazie infinite per tutto il lavoro che svolgi.

    Sinceri auguri a te ,Claudio, e alla tua famiglia.

    Se può essere utile, vi indico un articolo che ho trovato oggi

    http://www.iljester.it/primarie-non-ufficiali-del-centrodestra-vince-tosi-al-fotofinish-berlusconi-secondo-buona-prova-della-meloni.html

    mi sembrano interessanti, in particolare, i grafici che troverete in calce.

    Buon 2013 a tutti

    GD Star Rating
    loading...
  • 19
    Grigio

    Anche se personalmente non sono convinto che il M5S sia esente da critiche e che possa rappresentare la soluzione definitiva ai nostri problemi, sono consapevole che oggi esso rappresenta L’UNICA SOLUZIONE POSSIBILE.

    I partiti di Di Pietro, Storace e Ferrero, sono troppo marginali per poter pesare in Parlamento, la Lega idem (e poi mi chiedo in quale Paese hanno vissuto i suoi rappresentanti in questi ultimi anni).

    Allora propongo, a chi la pensa come il sottoscritto, di darci tutti un obiettivo, cioè quello di raddoppiare almeno il numero dei potenziali votanti al M5S.

    Ognuno di noi, simpatizzanti, attivisti ecc. del movimento in questione, dovranno impegnarsi a convincere almeno un parente, conoscente, amico ecc. che fa parte della schiera dei cosidetti “indecisi” o meglio ancora che manifesta la volontà di votare per un altro partito, a cambiare la propria opinione.

    Abbiamo meno di due mesi di tempo per provare a cambiare il destino che ci aspetta.

    P.s. La “conversione” di un voto destinato al PD o al terribile listone di centro, vale doppio!!

    GD Star Rating
    loading...
  • 18
    gabriellab

    E’ necessario imporre alla nostra politica un radicale cambiamento di rotta, un vero rinnovamento e questo è possibile solo mandando tutti a casa, ma proprio tutti.

    Non è facile contrastare il lavaggio del cervelli operato dai mass media.

    La gente vede Bersani, Casini, Fini, che parlano con un eloquio pacato e leggero, sono così rassicuranti, così tranquilli, così sicuri di sè.

    Intanto ci hanno portato alla rovina,

    ma si può esssere così ciechi da non vedere che stiamo cedendo la nostra sovranitè all’oligarchia della finanza speculativa? Basterebbe andare a vedere cosa è il Fondo salva stati, nato con il beneplacito di tutte le forze politiche.

    anche un bambino, che abbia la possibilità di informarsi correttamente avrebbe chiaro il disegno che si sta evidenziando

    chi ci governa andrebbe processato per tradimento, e chi ha lasciato che le cose accadessero senza fare opposizione è complice cinico e consapevole

    spero che la gran parte degli italiani riesca a capire tutto ciò

    GD Star Rating
    loading...
  • 17
    Alieno1606

    Ciao a tutti, sono nuovo nel blog.

    Condiviso ogni cosa scritta da Paolo Becchi.

    Il problema tuttavia è rappresentato dal fatto che la stragrande maggioranza degli italiani (80-90 %) è soddisfatta di questa classe politica e continua a dare il proprio consenso ai soliti.

    La situazione economica italiana peggiorerà ulteriormente nel corso del 2013 e i maggiori responsabili saranno gli italiani stessi.

    Siamo senza speranza

    GD Star Rating
    loading...
  • 16
    Alieno1606

    Ciao a tutti sono nuovo.

    Pienamente d’accordo con Paolo Becchi; tuttavia rilevo che quest’anno la situazione economica italiana peggiorerà ulteriormante e la responsabilità sarà degli italiani che, nonostante tutto, daranno il loro voto ai soliti.

    Siamo senza speranza.

    GD Star Rating
    loading...
  • 15
    Grigio

    Bene, dopo questo bellissimo discorso del prof.Becchi, possiamo proprio dire che è cominciato l’inizio della “campagna di guerra” delle elezioni, unico mezzo legale che è rimasto nel brevissimo periodo a tutti coloro che non intendono arrendersi a questo economicidio pianificato a tavolino dalle grandi elites economiche.

    Che possa piacere o no, che possa comunque non convincerci al 100%, l’unico movimento/partito che potremmo immaginare fattivamente utile allo scopo di portare in Parlamento la voce del popolo della rete contro la potenza della propaganda dilagante dei media mainstream, è il M5S.

    Certo non i partiti di Di Pietro, Ferrero, Storace per evidenti limiti di voti.

    Certo non la Lega, perchè comunque saranno sotto il 10% e soprattutto perchè “ma fino ad oggi non si sono mai accorti di nulla?”.

    Quindi propongo di attivare l’obiettivo “convinci almeno un amico a votare M5S”.

    Molto semplicisticamente, ogni simpattizzante e/o attivista del movimento di Grillo, dovrà convincere un amico che faccia ancora parte della categoria degli “incerti” ovvero, meglio ancora, che pensava di votare PD o peggio la terribile lista di centro, a concedere la sua preferenza al M5S.

    L’ovvio risultato da raggiungere è quello di raddoppiare le percentuali, contando nell’effetto volano che si otterrebbe (sempre che non si bari sui sondaggi) quando l’opinione pubblica potrà capire che anche l’impossibile potrebbe avverarsi.

    GD Star Rating
    loading...
  • 14
    giugno

    Abbiamo bisogno di una politica diversa, una politica non partitocratica ma democratica che si manifesti all’insegna dell’esercizio della sovranità del popolo e non con la logica partitica – clientelare – capitalistica/massonica/bancaria costituendo un sistema che parassita sulla società schiavizzata perché costretta a produrre e a lavorare a condizioni miserabili.

    Molte persone hanno un orizzonte mentale oscurato dal lavaggio psicologico di una cultura partitico/fanatica che impedisce loro di vedere una “politica diversa” , provate a porre la domanda se può esistere una “politica democratica” senza la presenza dei partiti nelle istituzioni, vi assicuro che le risposte sono “no, non è possibile” e non è dipendente dalla  intelligenza o intellettuaità di chi si interpella, semplicemente  non sono in grado di concepire una visione diversa da quella in cui sono cresciuti e psicologicamente impacchettati.

    Per quanto riguarda la visione di una europa unita o addirittura di un mondo unito è certamente l’aspirazione umana più grande che si possa immaginare per la pace ed il BENESSERE  DI OGNI ESSERE UMANO.

    Nella Costituzione c’è un articolo che promuove gli accordi internazionali a fin di pace e di benessere, anche economico, e che per queste finalità gli italiani devono essere pronti a cedere parte della sovranità nazionale, quello che molti politicanti non hanno capito è che la Costituzione si esprime così per intendere che “si deve perseguire e promuovere” il passaggio da una sovranità nazionale ad una sovranità europea o internazionale (mondiale), ma la Costituzione non dice che la SOVRANITÀ in questo percorso di unione deve passare dal POPOLO alle BANCHE.

    L’intendimento della Costituzione è evidente, abbandonare una sSOVRANITÀ del POPOLO nazionale per passare ad una “migliore e maggiore” SOVRANITÀ del POPOLO europeo o mondiale e NON per cedere e porre la sovranità nelle mani di TECNOCRATI / MASSONI EUROPEI a cui come Popolo Italiano ci RIFIUTIAMO.

    EUROPA SI, ma  con la SOVRANITÀ nelle mani dei CITTADINI dell’EUROPA e non nelle mani dei BANCHIERI TRILATERALI 

    GD Star Rating
    loading...
    • 14.1
      Euroleso

      giugno, quando dici “L’intendimento della Costituzione è evidente, abbandonare una SOVRANITÀ del POPOLO nazionale per passare ad una “migliore e maggiore” SOVRANITÀ del POPOLO europeo o mondiale” alludi al fatto che i “cittadini europei” hanno avuto ben trent’anni per realizzarlo e sicuramente undici dall’ingresso dell’Italia nell’eurozona. Il risultato è che, non solo sull’argomento non si è fatta una emerita cippa, ma ci ritroviamo Van Rompuy, Barroso, il traditore Napolitano, il sacerdote Monti e i lecchini, codardi e corrotti parlamentari italiani, senza escludere (fatta salva qualche debita eccezione) nessuno, che sono diventati i camerieri dei criminali finanziari europei ed internazionali. Quindi, qualora tu dovessi essere piddino; torna al partito e digli che su Byoblu non ci sono né fessi né allocchi. Se inveve non lo dovessi essere, smettila di sognare e torna con i piedi per terra, prima che sia troppo tardi per ripensarci.

      GD Star Rating
      loading...
  • 13
    tuttogalante05

    Ho ascoltato l`antimessaggio stamattina alle 5 perchè sono in francia a festeggiare il nuovo anno con i miei familiari(francesi di adozione) a Parigi. Spero che il tutto faccia breccia nelle menti e nelle azioni degli italiani che a volte seguono spesso i proverbi.Io voglio il cambiamento perchè altrimenti non avro` ne lavoro quindi niente reddito quindi niente famiglia e quindi niente futuro. W  l`Italia e gli italiani del cambiamento.

    GD Star Rating
    loading...
  • 12
    gabriellab

    W Paolo Becchi Presidente della Repubblica

    Io personalmente avrò 2 criteri per scegliere a chi andrà il mio voto

    1 non deve appartenere a nessuna forza politica che ha governato negli ultimi 30 anni

       anzi, i suoi appartenenti devono essere lontani mille luci dai governi passati, non     devono   essere stati mai neanche all’opposizione

    2 deve avere chiaro tra i programmi l’uscita dell’euro

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 11
    Ross_1

    Messaggio di Becchi eccezionale!.

    Qui bisogna fare chiarezza. Chiunque vincerà le elezioni si troverà davanti 2 scenari che sono:

    1° Uscire dalla moneta unica.

    {[ PS: Chiunque proponga un referendum sull'Euro in questo momento sarebbe un ecatombe in quanto la maggior parte dei media è di regime. Oltremodo, farebbero cadere il governo che lo proponesse il giorno dopo (Vedi Grecia) Verrà il momento di proporlo, ma prima bisogna SCARDINARE alcune porte.]}

    2° Rimanere con l’euro, ma dover rigorosamente rispettare i trattati. (non hanno manipolato la Costituzione per nulla! Per cui, adesso, ci diranno anche che: è previsto nella Costituzione)

    Ora sappiamo che la 1° soluzione sarebbe la migliore (almeno per me al 100% e Paolo, come da sua frase finale). Comunque, è la 2° situazione che troveremo a breve (salvo che prima di febbraio non succeda qualcosa di diverso). Quindi chiunque vincerà dovrà applicare:

    1° il fiscal compact (si legge: “massacro” del 95% degli italiani)

    2° la seconda rata da 5 miliardi di euro al: Mes (Fondo affama stati) E ne mancano altri 115 miliardi di euro E per i prossimi anni saranno: TAGLI, TAGLI, TASSE, su TASSE e svendita ad amici, parenti, e all’estero, (sopratutto Germania) a saldo dei beni dello Stato, (i Nostri)

    3° iniziare la privatizzazione nonchè svendita della sanità.

    Bene! Questo è quello che aspetta il nuovo Governo, chiunque sia eletto se rimarremo nella moneta unica. Solo per chiarezza.

    PS: Questa è la 3° guerra mondiale. Se la vince la Germania rimarremo una colonia tedesca, forse: a pane ed acqua. Dove… Nell’acqua ci faranno pipì, e non so se ci lascieranno il pane? Buon Anno a Tutti !

    GD Star Rating
    loading...
  • 10

     

    Dalla sconfitta nella seconda guerra mondiale gli italiani hanno rinunciato alla loro sovranità. Attenzione, rinunciato e non perduto.
    Collocati dagli accordi di Yalta nell’alleanza atlantica, le elezioni politiche non sono mai state veramente libere, così come liberi non erano i paesi nell’orbita sovietica (anche se ungheresi e cecoslovacchi hanno pagato per il loro coraggio).
    Quando il comunismo è crollato, agli italiani è stato imposto il nuovo vincolo europeo, e da allora tutti i partiti si sono allineati per mantenere potere e privilegi.
    Non c’è peggior schiavo di chi non reclama la propria libertà e a noi, a differenza dei tedeschi, piace essere succubi di potenze straniere, perché in fondo pensiamo di non essere in grado di governarci autonomamente.
    E dunque, che sia la Nato o l’euro a condizionare le nostre scelte, poco importa. L’importante per i nostri governanti è conservare i propri privilegi, e per il popolo non assumersi mai le proprie responsabilità

    Il vincolismo italico

    Dalla sconfitta nella seconda guerra mondiale gli italiani hanno rinunciato alla loro sovranità. Attenzione, rinunciato e non perduto.


    Collocati dagli accordi di Yalta nell’alleanza atlantica, le elezioni politiche non sono mai state veramente libere, così come liberi non erano i paesi nell’orbita sovietica (anche se ungheresi e cecoslovacchi hanno pagato per il loro coraggio).


    Quando il comunismo è crollato, agli italiani è stato imposto il nuovo vincolo europeo, e da allora tutti i partiti si sono allineati per mantenere potere e privilegi.


    Non c’è peggior schiavo di chi non reclama la propria libertà e a noi, a differenza dei tedeschi, piace essere succubi di potenze straniere, perché in fondo pensiamo di non essere in grado di governarci autonomamente.


    E dunque, che sia la Nato o l’euro a condizionare le nostre scelte, poco importa. L’importante per i nostri governanti è conservare i propri privilegi, e per il popolo non assumersi mai le proprie responsabilità.

    GD Star Rating
    loading...
  • 9
    gibuizza

    Piaccia o non piaccia c’è un’altra forza politica alternativa che andrà in Parlamento (almeno spero) ed è la Lega, forte del suo 30% (almeno il 20% è sicuro) al Nord.

    GD Star Rating
    loading...
    • 9.1
      heloimilano

      La lega forza alternativa??? ha ha ha

      dopo 20 anni in cui la lega non ha ottenuto niente. ha ha ha

      La lega he he he… quella che ha votato a favore tutte le leggi vergogna. Mah

      Secondo me i leghisti arriveranno a malepena al 8-9% a livello nazionale.

      Arriverà un ondata pazzesca sul parlamento. Ma sarà solo la prima, poi seguiranno ondate a serie di tre. 

      GD Star Rating
      loading...
    • 9.2
      bertox

      La Lega ? Si è appena accordata con l’anziano erotomane di Arcore. E il popolo leghista? Quelli con le scope che volevano fare piazza pulita? Poveri ridicoli pecoroni. Dei milioni di € che i vostri capi intascheranno da B. per questa svendita non avrete neanche un centesimo.

      Fate solo pena.

      GD Star Rating
      loading...
  • 8
    illupodeicieli

    Di certo voterò il M5S, premetto che voto in Sardegna e noi, sfigati da sempre o incapaci di conoscere e sfruttare i meccanismi elettorali, abbiamo sempre avuto rappresentanti o addirittura anche 2 presidenti della repubblica, che non hanno mai fatto niente di buono per la propria regione. Dopo la premessa vorrei far osservare che chi del M5S andrà a rappresentarci sarà scafato per fare qualcosa di buono? Perchè come tutti sappiamo certe informazioni arrivavano lo stesso a tutti noi, o meglio erano in rete: Eurogendfor, trattati vari, spese pazze per gli aerei e altre, non ultime quelle con cui finanziamo progetti e tanto altro in paesi “esteri” attraverso la Ue (ma come? non abbiamo soldi per le scuole o per ricostruire nelle zone terremotate e ci manca il denaro ma forse la voglia, di monitorare il territorio, e abbiamo però soldi per progetti da realizzare all’estero e per terromoti altrui?): scrivo queste righe non per demolire, ma perchè ci sono ancora due mesi di tempo per ragionare.E il mio ragionamento verte su questo punto: che cosa possono fare i nostri del M5S in parlamento? Sanno come funzionano le cose? (occhio perchè si ha a che fare con gente che stravolge i regolamenti e non li rispetta)E che cosa cambia per noi dato che certe info le ricevevamo e le continueremo a ricevere?Non dò per scontato che siano pochi, anzi credo che ci saranno sorprese in meglio per il M5S , ma penso se come movimento è previsto un piano B o C. Concludo con un dato di fatto: qui da noi,come forse sapete, ci sono partiti con idee,anche giuste, di autonomia e separatismo ma, come si sa hanno poco seguito e pochi rappresentanti.Il risultato è andare in consiglio e dire la propria, votare spesso contro provvedimenti ritenuti iniqui, e riferire agli elettori. Però cosa cambia? Ritorniamo come sempre a fare manifestazioni in piazza (sono curioso di sapere cosa ne pensano quelli del Pd e di Sel o arancioni su possibili proteste di piazza prima e dopo le elezioni: lo chiederei anche a Monti e ai suoi) e non ottenere risultati. A mali estremi estremi rimedi. Uno che può fare? emigra: un mio amico, con moglie e figlia piccola, nemmeno un anno, parte oggi da questa terra ingrata. Buon anno a loro e a tutti voi.

    GD Star Rating
    loading...
  • 7
    Euroleso

    Il Video del Prof. Becchi (prossimo Presidente della Repubblica) è stato da me trasformato in formato DVD5. Sarà duplicato e distribuito in giro dappertutto (localmente); il link di Yuotube, invece, farà il giro d’Italia come Coppi e Bartali! Invito tutti gli amici di questo Blog a fare altrettanto. Grazie.

    A Claudio Messora, và il mio particolare e sentito ringraziamento. Non è solo, come ebbi a dire, il migliore giornalista che abbia conosciuto, ma sono sicuro che diventerà in futuro uno dei padri della nostra nuova patria. W il M5S!, W l’Italia!

    GD Star Rating
    loading...
  • 6
    vascolabile

    Bello, bello bello… Mette inquietudine perché si sa, la dittatura finanziaria è in atto, ma allo stesso tempo da coraggio Becchi! Forza movimento 5 stelle

    GD Star Rating
    loading...
  • 5
    NeroLucente

    chi lascia la via vecchia per la nuova sa quello che lascia ma non sa quello che trova!

    Sarà vecchio questo proverbio ma io sono ben felice di lasciare la via vecchia.

    Mi sono rotto di camminare tra i banditi che ti rapinano e ti dicono che è per il tuo bene. Sono stanco di gente che mi fa promesse che non mantiene o che mantiene promesse che non avrei mai voluto nemmeno sentire.

    Li conosco bene, sono quelli che dicono che in politica è importante l’esperienza, e in quell’istante penso: “Ma se conta l’esperienza com’è che l’Italia è ridotta in questo stato?”

    Sono quelli che li vedi in ogni dove, ti percuotono con i loro slogan, guadagnano dieci, quindici, venti volte lo stipendio di un operaio e non avendo mai lavorato pretendono di stabilire cos’è che un operaio deve fare per il bene del paese! Ovviamente gudagnare meno, dimenticare la pensione, lavorare di più, accettare di buon grado il licenziamento, con un bel sorriso, mentre candidamente c’è chi la pensione la prende dopo qualche anno in parlamento (meglio che la rendita della lotteria), che da totale assenteista nullafacente, percepisce uno stipendiobuono per 10 operai.

     

    La via nuova non sappiamo cosa ci riserverà, possiamo immaginarlo e la mia immaginazione mi dice che difficilmente sarà cosi terribile da farci rimpiangere un mare di pallonari, ipocriti, incapaci e ignoranti, una serie di personaggi che a confronto quelli dei peggiori horror rabbrividiscono mentre a me vengono i brividi quando sento quelli che ancora oggi sono capaci di mettere la loro croce su Pd, PDL, UDC e tutta quella cacca che continua a sommergerci!

     

     

    GD Star Rating
    loading...
  • 4
    RobertSmith

    Paolo ha sintetizzato l’essenza della situazione di m…. che stiamo vivendo.

    Ora che si andrà a votare, dovranno essere solo gli italiani a mandare via con un calcio nel c… questi partitocrati e compagni. Nessuno voti questi maledetti partiti di qualsiasi colore siano, sono tutti dello stesso colore quando si tratta di euro, quindi…. FORZA 5 STELLE!!!

    GD Star Rating
    loading...
  • 3
    airenzo

    visto, piaciuto e diffuso!

    GD Star Rating
    loading...
  • 2
    igr70

    GRANDE PAOLO BECCHI. Sono rimasto senza parole…

    GD Star Rating
    loading...
  • 1
    ska

    …è meglio una fine spaventosa che uno spavento senza fine.

    GD Star Rating
    loading...

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

Seguimi
facebook twitter google+ streamit youtube tzetze oknotizie rss
tasto_newsletter
Dal Videoblog
Categorie
Commenti più votati