‘Mario Monti giurò il falso’ – Intervista a Magdi Cristiano Allam

MagdiAllam-BLOG

Pubblico uno stralcio di una conversazione che ho avuto con Magdi Cristiano Allam:

” Il 16 novembre del 2011 Mario Monti giurò sulla Costituzione di seguire l’esclusivo interesse nazionale dell’Italia. Giurò il falso. Lui quel giorno era nel direttivo della più grande banca d’affari al mondo, la Goldman Sachs, era nel direttivo di una delle più grandi agenzie di rating, Moody’s, era nel direttivo del Gruppo Bilderberg, così come era presidente europeo della Commissione Trilaterale. Parliamo delle istituzioni che rappresentano i poteri finanziari forti all’origine della speculazione finanziaria sui titoli derivati che ha prodotto un ammontare di titoli derivati, stimati nel 2011 a 787mila miliardi di dollari. Una cifra che corrisponde a 12 volte il valore del Pil, del prodotto interno lordo di tutti i Paesi del mondo messi insieme. Il che significa che oggi c’è la necessità, da parte di chi ha perpetrato questo crimine finanziario, di riciclare questo denaro virtuale – titoli spazzatura li definirono, quando il 15 settembre del 2008 ci fu il crack della Lehman Brothers – per inverarlo, per dargli un valore. E per poterlo fare bisogna occupare l’economia reale. E per poterlo fare bisogna occupare i governi degli Stati. Mario Monti rappresenta il garante di chi deve riciclare i titoli derivati, i titoli spazzatura, affinché si trasformino in beni reali e in servizi prodotti dal mondo delle imprese. Ecco perché le nostre imprese oggi sono sempre più in sofferenza, ed ecco perché di conseguenza gli italiani sono sempre più poveri.”

 

Il resto dell’intervista, disponibile integralmente su Youtube, qui:


MESSORA: Ciao Magdi. Tu sei qui perché sul nostro blog si parla molto di macroeconomia e di quello che è accaduto dai rovesciamenti dei governi d’Italia e di Grecia, sostanzialmente, in poi, in Europa. Sei qui perché mi ricordo che fin dall’inizio, sul tuo giornale, tu sei stato tra i pochissimi in Italia a denunciare questa supremazia e questa tecnocrazia finanziaria che stava in qualche modo avendo la prevalenza sulle democrazie, che poi ha prodotto in questo anno e mezzo quello che abbiamo visto. Ci vuoi dire che cosa ti è parso strano da subito, quando Berlusconi si è dimesso (o quando è stato dimesso) e quando è subentrato Mario Monti?

MAGDI: Intanto concordo con il legame che tu hai fatto tra la tecnocrazia e con la perdita sostanziale della nostra democrazia. Sono due facce della stessa medaglia. Io parto dalla realtà, parto dal vissuto delle persone, prendo atto di dati e di fatti che sono oggettivi. Negli ultimi 12 mesi il numero degli italiani che soffre la fame, è raddoppiato, arrivando ad essere 6,2 milioni, sono gli italiani che nell’arco delle 48 ore non consumano un pasto adeguato alla sopravvivenza. Il 41% degli italiani non raggiunge il fine mese, non riesce ad arrivare a fine mese. 47 mila famiglie italiane, sempre negli ultimi 12 mesi, sono state costrette ad abbandonare la propria casa perché non hanno soldi per pagare il mutuo. Ogni giorno mediamente 200 imprese sono costrette a fallire, paradossalmente perché sono creditrici, imprese che vantano dei crediti, che sono virtuose, ma siccome il debitore non paga, e il principale debitore insolvente è lo Stato, che deve alle imprese 100 miliardi di euro, di fronte a questa realtà mi sono domandato: come mai l’Italia, che è uno stato ricco, si sta trasformando in una popolazione povera? Questo è il crimine che Mario Monti sta perpetrando: trasformare l’Italia ricca in italiani poveri. E la ragione fondamentale è che l’Italia ha perso la propria sovranità monetaria, oltre ad avere un costo dello Stato che è stratosferico. Su questi due aspetti “Io amo l’Italia” si concentra, rivendicando sia il riscatto della nostra sovranità monetaria sia il drastico abbattimento del costo dello Stato.

MESSORA: Cosa ne pensi dei fondi salva-Stati? Concentriamoci sul MES, per esempio. Un Fondo salva-Stati creato con un debito, da parte dell’Italia, di 125 miliardi, 125 miliardi che potranno diventare 1.000, 2.000, perché nel Trattato c’è scritto che è possibile la ricapitalizzazione all’infinito. Ora non voglio concentrarmi sull’incostituzionalità o meno del Trattato, perché devi sapere che in Germania è stato modificato dalla Corte Costituzionale, per cui questa parte della ricapitalizzazione infinita è stato detto che deve passare dal Parlamento, quindi non è automatica, così come tutti i documenti devono essere trasparenti, perché siamo in una democrazia (anche questo stabilito dalla Corte Costituzionale tedesca). Siccome il nostro Trattato diventa non equo, rispetto a quello tedesco, secondo l’Articolo 11 che dice che possiamo limitare la sovranità soltanto in condizioni di parità, questo Trattato sarebbe incostituzionale. Però non voglio concentrarmi su questo, voglio soltanto dire: abbiamo dato, tra tutti i Paesi aderenti, 80 miliardi, questi 80 miliardi stanno in questo fondo, che è stato creato a Lussemburgo quando è nato il MES, e al momento non sono utilizzati.
Siccome un fondo, come tu mi insegni, deve essere investito, non è che se lo tengono in tasca o sotto il materasso, viene investito nei Paesi che hanno la tripla A, quindi stiamo rifinanziando, noi con i nostri soldi (i PIGS, i maiali!), le economie del nord Europa, Germania, Finlandia, Svezia; tra l’altro in questo fondo investono anche soggetti privati. Allora, che gioco stanno facendo con i nostri soldi?

MAGDI: Claudio, se noi partiamo dalla realtà che vede oggi l’Italia costretta ad indebitarsi per poter disporre della moneta, perché noi abbiamo conferito alla Banca Centrale Europea, che non è un’istituzione di beneficenza, ma è una Società per Azioni i cui azionisti sono delle banche e dei banchieri privati, noi acquistiamo, emettendo titoli di Stato che sono di debito, per poter acquisire la moneta attraverso le banche commerciali che hanno la moneta pagando l’interesse dell’1% alla BCE, il risultato è che noi viviamo in una situazione paradossale in cui ci indebitiamo per ripianare il debito. Nessuna impresa potrebbe sopravvivere con questa logica. Il Governo Berlusconi e successivamente il Governo di Mario Monti, hanno sottoscritto e avallato due Trattati internazionali che rappresentano il cappio al collo per l’Italia: il primo è appunto il MES, l’altro è il cosiddetto Fiscal Compact, il Trattato di stabilità finanziaria. Con il Fiscal compact noi ci siamo impegnati per i prossimi 20 anni, al fine di ridurre il rapporto tra il debito pubblico e il Pil dagli attuali 126% al 60%, a ridurre la spesa pubblica di circa 40-45 miliardi di euro all’anno per i prossimi 20 anni. Quindi non emettiamo la moneta, ma non possiamo più neppure indebitarci per avere la moneta, perché abbiamo l’obbligo i ridurre il debito pubblico rispetto al Pil. Quindi mettere soldi in un Fondo salva-Stati quando siamo costretti ad indebitarci per pagare i soldi è una follia totale. Oltretutto, qualora noi avessimo bisogno di quei soldi, dovremmo richiederli e ottenerli con delle condizioni capestro. Insomma, è veramente una trovata di qualcuno che non ama l’Italia, di qualcuno che non ama gli italiani, ma di qualcuno che vuole assoggettare sempre di più l’Italia a questi poteri finanziari forti.

MESSORA: Quindi tu credi che la soluzione possa essere uscire dall’euro e conseguentemente uscire dall’Europa? Perché spesso le due situazioni vengono legate.

MAGDI: Esatto. Allora, il punto nodale è questo: noi dobbiamo riattribuire allo Stato italiano la prerogativa di emettere direttamente moneta a credito, a costo zero. È l’unico modo con cui l’Italia potrà ripianare il proprio debito pubblico a partire dai 100 miliardi di euro che deve alle imprese, perché sono le imprese che fanno lo sviluppo, non è lo Stato che fa lo sviluppo. Quando lo Stato si improvvisa imprenditore combina solo guai. Le municipalizzate hanno totalizzato debiti per 39 miliardi di euro, le Regioni in Italia, che all’80% destinano i loro fondi per la sanità hanno debiti per 50 miliardi di euro. Noi vogliamo che lo Stato emetta direttamente la moneta a credito e abbiamo studiato, all’interno di “Amo l’Italia”, un percorso in 10 punti, dove emettendo una nuova valuta nazionale, a parità di cambio con l’euro, in un contesto dove noi assumiamo dei provvedimenti atti a salvaguardare e a prevenire, salvaguardare il potere d’acquisto degli italiani e il risparmio degli italiani, e a prevenire gli effetti speculativi e gli effetti inflazionistici che ci saranno sicuramente, perché la speculazione finanziaria cercherà di ritorcersi contro l’Italia, ma noi siamo uno Stato solido, noi siamo un Paese ricco, noi possiamo fronteggiare questa speculazione finanziaria e internazionale perché abbiamo tutti i requisiti: abbiamo un Pil di 1550 miliardi di euro, siamo il secondo Stato al mondo per riserve auree, abbiamo il 70% del patrimonio culturale mondiale, che è inestimabile, il patrimonio delle famiglie italiane, circa 8.000 miliardi di euro, è il più solido di tutta Europa. Abbiamo tutte le credenziali per far sì che una nuova valuta nazionale possa disporre di quella fiducia che è l’unico parametro che oggi è necessario per emettere la moneta. La moneta dal ’71 non è più legata all’oro. L’unica cosa che si richiede a chi emette la moneta è che sia credibile e che chi riceve la moneta abbia fiducia in chi la emette. L’Italia da questo punto di vista ha tutti i requisiti per essere credibile e per ispirare fiducia.

MESSORA: E a chi dice che uscendo dall’euro si genererebbe una grande inflazione, cosa rispondi?

MAGDI: È terrorismo psicologico. Noi abbiamo emesso direttamente moneta per oltre 100 anni. È terrorismo psicologico perché evidentemente si tratta di chi vuole mantenere l’Italia a tutti i costi in una situazione dove noi inevitabilmente andiamo verso il suicidio. Il Giappone ha un rapporto di debito pubblico/Pil del 236%, cioè il doppio di quello dell’Italia e nessuno ha mai detto che il Giappone è a rischio default o che l’economia del Giappone è a un passo dal collasso. Anzi proprio ieri il nuovo governo giapponese ha annunciato nuovi investimenti pubblici per 80 miliardi di euro e hanno un rapporto del 236% del debito pubblico rispetto al Pil. Perché la differenza è che loro possono emettere la moneta. Noi non la possiamo emettere. Poi c’è un’altra differenza fondamentale, che il debito pubblico del Giappone è tutto debito interno al Giappone. Loro non vendono i titoli di Stato all’estero. Dei 2.000 miliardi di euro di debito pubblico dell’Italia, 1.000 miliardi sono nei confronti di banche tedesche, francesi e banche o comunque entità straniere, e l’altra metà è un debito pubblico italiano. Noi possiamo tranquillamente rinegoziare questo debito pubblico estero con l’assicurazione che risarciremo, restituiremo questo debito senza alcun danno per gli enti che hanno acquistato i nostri titoli di Stato, mentre il debito pubblico interno viene automaticamente garantito dalla parità di cambio della nuova valuta nazionale che possiamo anche chiamare nuovamente lira, ma non dobbiamo però commettere l’errore di far ritenere agli italiani che torneremmo alla vecchia lira che vale la metà.

MESSORA: Infatti noi sul blog lo chiamiamo “fiorino”, tanto per non sbagliarci.Ti faccio fare un passo indietro. Fine del Governo Berlusconi. Lo spread schizza a 500 e rotti punti. Dopo un anno e mezzo di Governo Monti abbiamo più debito pubblico, più disoccupazione, più povertà, meno garanzie, perché siamo più poveri e tanti altri parametri che sono peggiorati, eppure un governo dimissionario, con lo spauracchio di formazioni politiche che tentano di fuggire rispetto all’Europa, eppure lo spread è ai minimi non storici, ma ai minimi storici da quando è cominciata la crisi, a 200 e rotti punti. Questo come si spiega? Cioè prima eravamo “maiali”, spaventavamo i mercati, adesso che stiamo molto peggio non li spaventiamo più e anzi la notizia è che le banche hanno ricominciato a investire in Italia, gli investitori esteri hanno ricominciato a comprare e quindi, conseguentemente, lo spread scende. Come si spiega questo paradosso?

MAGDI: Aggiungo che si è ridotto anche il Pil italiano del 2,4% nonostante il maggior gettito fiscale, perché abbiamo il più alto livello di tassazione al mondo. Si spiega intanto capendo che cosa è lo spread: il differenziale tra i Titoli di Stato decennali tedeschi e quelli italiani. Questo parametro, che viene definito dalle banche, quindi da una entità non imparziale, perché sono interessati all’andamento dei mercati, in realtà è comunque un parametro di lungo termine che non incide sulla realtà dell’economia reale, quella del nostro vissuto, quella di breve termine, è un parametro che però è stato ad arte introdotto per spaventare i mercati, per spaventare gli azionisti, per spaventare la gente e ha ottenuto il risultato di indurre Berlusconi ad abbandonare il potere. E voglio aggiungere una nota che concerne la questione della democrazia. Berlusconi ha rassegnato le dimissioni senza un voto di sfiducia da parte delle Camere. Mario Monti ha rassegnato le dimissioni senza un voto di sfiducia da parte delle Camere. Noi ad oggi siamo in una Repubblica parlamentare. Cioè tutti questi passaggi dovrebbero essere sanciti dal Parlamento, invece ci comportiamo come se il Parlamento fosse semplicemente una sorta di soprammobile. Questo è un qualcosa che preoccupa. Aggiungo il fatto che noi oggi stiamo andando a delle elezioni in cui abbiamo la certezza pressoché totale che a governare l’Italia continuerà ad essere Mario Monti, pur non presentandosi alle elezioni, pur non sottoponendosi al responso degli italiani. Non è mai accaduto nella nostra storia che un candidato premier non si presenta alle elezioni ma fa campagna elettorale e rivendica il diritto ad essere lui a continuare a governare l’Italia. È qualcosa di veramente inedito e preoccupante per la nostra democrazia. Ma tornando allo spread, è chiaro che si è trattato di un ricatto nei confronti di Silvio Berlusconi, dove lui ha temuto per la tenuta delle sue imprese, che sono quotate in borsa, così come ha temuto per l’accanimento da parte della Magistratura nei suoi confronti. Quindi lui ha barattato. Questa è la verità. Ha barattato. E in effetti per un certo periodo c’è stata questa tutela nei confronti di Berlusconi. Lui si era persino reso disponibile a ritirarsi dalla politica, è successo circa due mesi fa, dopo una cena a Palazzo Chigi con Monti, il giorno dopo lui ha annunciato che non si sarebbe ricandidato, ha detto “largo ai giovani”, aveva preannunciato le primarie del PdL il 16 dicembre e il giorno successivo il Tribunale di Milano lo condanna. A quel punto Berlusconi si rende conto che Mario Monti e il suo mentore, Giorgio Napolitano, non rispettano gli impegni, quindi rifà una nuova conferenza stampa in cui spara a zero nei confronti di Monti e capisce che non si può fidare né di Monti né di Napolitano. Questa è la realtà dello spread.

MESSORA: Tu prima hai parlato di “suicidio”, hai descritto una realtà simile a un incubo, al terrore, eppure c’è qualcun altro, che rischia adesso di andare al Governo, che parla di “sogno”, il “grande sogno dell’Europa”. Nel tuo programma parli di uscita dalla moneta comune, di recupero della sovranità monetaria, però sul tuo cammino hai un grande ostacolo che è il “grande sogno dell’Europa”, per l’integrazione politica della quale tutto questo a mio parere sta succedendo, cioè innescare delle crisi che poi inducono dei cambiamenti che non sono più reversibili. E lo vediamo adesso: tutti i Trattati firmati, le ratifiche e anche ciò che hanno annunciato che faranno, ovvero costringere gli Stati a firmare le condizionalità senza neanche più passare da una ratifica. Sul tuo cammino quindi c’è l’Europa. Come la vedi? Tu sei europeista? Sei antieuropeista? Cosa credi che debba essere l’Europa?

MAGDI: Io sono europeista nel senso che ritengo che tra i paesi dell’Europa ci sia un comune collante identitario e valoriale che fa riferimento alle radici giudaico-cristiane e che ha nel cristianesimo la sua ispirazione. Cioè, se noi giriamo per l’Europa, ciò che accomuna l’Europa sono i campanili, sono le chiese, è la spiritualità cristiana, a prescindere dal fatto se uno è credente, se uno è praticante, se uno è cattolico o se uno è protestante. Tuttavia questa Europa è l’Europa dei banchieri, è l’Europa dei burocrati, non un’Europa con un’anima ed è un’Europa che è profondamente antidemocratica e a mio avviso è anche, come dire… viola il diritto internazionale. Mi spiego. Nel diritto internazionale esistono gli Stati ed esistono le Organizzazioni internazionali. Solo gli Stati hanno potere invasivo nei confronti dei propri cittadini, nel senso che la legge vale per tutti e tutti i cittadini non possono sottrarsi al rispetto della legge.

MESSORA: Si chiama “monopolio legittimo della forza”.

MAGDI: Esatto. L’organizzazione internazionale, invece, non può essere invasiva nei confronti degli Stati e dei popoli che liberamente vi aderiscono, nel senso che uno Stato può dire “no, questa risoluzione non la condivido e quindi non la applico”. L’Unione Europea è l’unica organizzazione internazionale che ha potere invasivo nei confronti degli Stati e dei popoli che vi aderiscono. L’80% delle nostre leggi nazionali sono la semplice trasposizione di direttive e di risoluzioni emesse dall’Unione Europea che hanno la priorità rispetto alle leggi nazionali. Cioè se c’è un contrasto tra la legge nazionale e la risoluzione europea, prevale la risoluzione europea e se lo Stato non la applica, subisce della sanzioni. Questo è un qualcosa che non esiste in nessun’altra organizzazione internazionale. L’Europa è profondamente antidemocratica, perché mentre in uno stato di diritto i tre poteri, quello legislativo, giudiziario ed esecutivo, sono rigorosamente separati, in questa Unione Europea invece noi abbiamo il potere esecutivo e il potere legislativo incarnati dalla stessa istituzione, che è la Commissione Europea, che è sia il Governo ma sia anche chi ha la prerogativa di emettere l’istanza legislativa. Poi la proposta di legge passa al Parlamento, che la vaglia. La può approvare o la può bocciare, ma non decide quali saranno le leggi che governeranno i popoli europei. Ecco perché questa Europa è un’Europa che io rifiuto perché è un’Europa che viola la sovranità dell’Italia ed è un’Europa che viola anche la democrazia sostanziale.

MESSORA: Quindi appena tu dovessi entrare in Parlamento, quali sono i disegni di legge che proporrete?

MAGDI: Noi proporremo il riscatto della nostra sovranità monetaria, legislativa, giudiziaria e nazionale, perché solo in questo modo noi potremo risanare il debito pubblico, potremo rilanciare lo sviluppo e potremo anche salvaguardare quei valori, quella identità, quella civiltà che ci appartiene. Questa è un’Europa profondamente relativista, è un’Europa che ci impone, ad esempio, il matrimonio omosessuale, che viene considerato come l’apice della civiltà a cui noi dovremmo guardare, perché hanno riparametrato quella che è la struttura della società, dicendo che non si articola più nel rapporto tra l’uomo e la donna, ma bisogna fare riferimento all’orientamento sessuale, dove l’essere eterosessuali, bisessuali, omosessuali, lesbiche e transessuali, deve essere considerato pari, su tutti i piani, compreso il diritto al matrimonio e il diritto alle adozioni. Ora, anche secondo la logica, la ragione, in un momento in cui l’Europa, questa Europa è precipitata all’ultimo posto al mondo per tasso di natalità e l’Italia è l’ultimo paese in Europa per tasso di natalità, anche limitatamente all’uso della ragione, noi dovremmo, per invertire questa tendenza che è un suicidio-omicidio demografico, sostenere la famiglia naturale. Perché, piaccia o meno, ma è solo il sodalizio tra un uomo e una donna, che può generare la vita. Dobbiamo sostenere la maternità, dobbiamo incentivare la natalità e dobbiamo aiutare i giovani, affinché attraverso la stabilità lavorativa possano rigenerare la vita.

MESSORA: Tu sei entrato in questo terreno che è un po’ minato… Intanto se tu per legge obblighi qualcuno che è omosessuale ad avere una famiglia naturale, non ci riuscirai mai, perché la sua natura è diversa…

MAGDI: Non dico questo…

MESSORA: Mentre invece è comunque, credo, legittimo riconoscere il diritto a due partner di qualsiasi sesso siano, che condividono comunque dei valori concreti, che sono quelli dell’amore, dell’affettività reciproca, magari della vita passata insieme, di avere alcune certezze. Per esempio qua in Italia mi dicono che se tu ti ammali e vai in ospedale, il tuo partner non ti può neanche assistere, non può neanche venire in tuo soccorso. Quindi io credo che del discorso sulle adozioni ne potremmo discutere a lungo, ma su questi cardini, questi principi generali… Si chiamano, credo, coppie di fatto, su cui non abbiamo praticamente mai fatto niente. Personalmente credo che bisognerebbe andarci un po’ con i piedi di piombo…

MAGDI: Allora, io rispetto le persone, tutte, senza alcuna discriminazione rispetto alla loro fede, alla loro cultura e rispetto al loro vissuto personale. Il rispetto nei confronti della persona non deve mai venire meno, la persona non può essere in alcun modo discriminata, siamo tutti depositari di valori assoluti e universali alla vita, alla dignità e alla libertà. Io pongo un altro problema, dico che in Italia e in Europa più in generale, noi stiamo morendo come società autoctona e stiamo morendo come civiltà perché non facciamo figli in numero adeguato alla salvaguardia dell’equilibrio demografico. Per fare ciò noi dobbiamo investire, fare politiche a favore della famiglia. Al di là dell’altro discorso. Io non voglio essere negativo, distruttivo, io voglio essere positivo e costruttivo, quindi dico che in questa situazione, così come nei confronti dell’euro, io non ho una posizione ideologica nei confronti dell’euro, dico soltanto che se fino al 2001 una famiglia italiana che guadagnava 1.500.000 lire poteva vivere dignitosamente e se ne guadagnava 2 milioni di lire poteva permettersi anche una bella vacanza e che il giorno dopo l’adozione dell’euro, quando da un giorno all’altro ciò che compravamo con mille lire lo abbiamo acquistato a 1 euro, e dove 750 euro si traducono nella miseria e con mille euro si è poveri, allora dico che partendo da questa realtà io sono per il ripristino della sovranità monetaria. Lo stesso dico per la questione demografica. Noi dobbiamo risalire la china, dobbiamo incentivare la natalità e per farlo noi dobbiamo sostenere la maternità. Ecco perché noi all’interno di “Amo l’Italia” riteniamo che bisogna considerare il valore economico del lavoro domestico, (in Francia è stato stimato pari al 33% del Pil) per riconoscere alle madri che scelgono, sottolineo scelgono, quindi senza nessuna costrizione, di dedicarsi a tempo pieno alla famiglia, alla casa e ai figli, di attribuire loro una giusta indennità di maternità che consenta a quella famiglia di potersi assumere la responsabilità di mettere al mondo dei figli.

MESSORA: E comunque asili di prossimità, asili nelle aziende…

MAGDI: Esatto. Tutti i servizi che servono per quelle madri che invece scelgono di continuare a lavorare. Noi vogliamo mettere al centro la persona, la famiglia naturale, la comunità di uomini e donne libere. Vogliamo mettere al centro i valori, le regole, il bene comune. Questa è la differenza sostanziale che ci porta a ribaltare quella piramide che oggi ci vede dipendere in toto da una cupola in cui ci sono: la Commissione Europea, la Banca Centrale Europea, il Fondo Monetario Internazionale, gli Stati, le Regioni, le Province. E quando si arriva a livello dei Comuni, che è l’ambito dove i cittadini effettivamente lavorano e producono, vivono, mettono su le proprie famiglie, si scopre che non ci sono più soldi, si scopre che ci si deve limitare a sottomettersi a delle direttive, a degli ordini che vengono calati dall’alto. Noi vogliamo ribaltare tutto questo e partiamo dal basso, partiamo dai cittadini, partiamo dalle famiglie, partiamo dagli imprenditori, partiamo dai Comuni.

MESSORA: Hai sentito le recentissime dichiarazioni di Ferdinando Imposimato che sostiene che dietro alla strategia della tensione degli anni di piombo, del terrorismo in Italia, ci sia addirittura il Gruppo Bildelberg?

MAGDI: Non ho sentito questa dichiarazione, ma se la dice un magistrato che si occupò negli anni ’80 del terrorismo brigatista in Italia, credo che avrà delle buone ragioni, perché diversamente dovrebbe rispondere a chi di dovere di queste sue affermazioni, che sono effettivamente affermazioni molto molto pesanti.

MESSORA: So che devi andare via. Un egiziano che ama l’Italia. Come mai?

MAGDI: Io sono in Italia dal 1972, quindi da 40 anni. Oggi mi considero orgogliosamente italiano. Ho sempre amato l’Italia. Io ho iniziato a studiare nelle scuole italiane dall’età di 4 anni, quindi l’Italia è sempre stata nel mio cuore. Amo gli italiani. Questa è la casa in cui io mi sento pienamente e autenticamente me stesso.

MESSORA: Quindi ogni tanto l’immigrazione produce qualcosa di positivo…

MAGDI: Ma sicuramente! Noi dobbiamo favorire quella accoglienza in un contesto di condivisione dei valori fondanti della società italiana e di quelle regole che sono alla base di un sano concetto di cittadinanza. Io sono per l’applicazione integrale del detto evangelico “ama il prossimo tuo così come ami te stesso”, dove l’amore per il prossimo e l’amore per se stessi devono bilanciarsi, devono andare di pari passo. Nel momento in cui noi realizziamo questo equilibrio, noi conseguiamo il bene comune, il bene per gli italiani e il bene per gli immigrati.


Trascrizione a cura di Maria Laura Borruso.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

33 risposte a ‘Mario Monti giurò il falso’ – Intervista a Magdi Cristiano Allam

  • 22
    Euroleso

    Vorrei segnalare agli amici del Blog questo agevole (e dal costo irrisorio) Ebook di Gabriele Sannino, nel quale si descrivono la “congiura bancaria globale” e la formazione dei debiti pubblici (detestabili) degli Stati Sovrani, così come li definì Alexander Sack.

    I segreti del debito pubblico

    Il testo spiega in modo semplice chi sono i personaggi del tipo “Monti”, e a cosa essi siano funzionali.

    Sulle elezioni non darei nulla per scontato. Lo Tsunami Tour di Grillo per il M5S, sta avendo un successo più grande del Tour siciliano di ottobre. E questo fa ben pensare a un grande risultato.

  • 21

    Mi sono un po’ allam-mato. Impressionante questa incitazione alla crescita demografica fatta da Magdi, di memoria biblica: “crescite et multiplicamini”. La Bibbia è d’altri tempi. La popolazione mondiale si aggirava sui, diciamo, qualche milione di persone, no?… Oggi 7.000.000.000, se sono aggiornato, siamo sulla faccia della terra, di cui un 60 milioni e passa in Italia. Dovunque ti muovi, ci sono persone che si amano o meno, poca importa. Non so’ se amano l’Italia. Comuqnue, io penso che il più delle volte si odino. Una questione di sovrannumero e di interesse particolare, più che di schieramento politico.

    • 21.1
      Clausius

      Allam dovrebbe acculturarsi un poco studiando anche il povero Luigi De Marchi.E lo dovrebbe fare a mente aperta perchè i problemi che poneva e le sue analisi molto argute sono più che mai attuali.Ormai si trova poco in rete(i suoi blog non esistono più e su Wikipedia la pagina è stata svuotata).Ma è rimasto questo…https://www.youtube.com/watch?v=pXq4-DbziGo   (in due parti)

      ……e i suoi libri.

      Psicoterapeuta, umanista, autore di scritti spesso controversi perché lontani dall’ortodossia, si definiva Solista ed amava stare fuori dall’Accademia. Attivista per il riconoscimento dei diritti alla contraccezione, al divorzio, all’interruzione di gravidanza e all’eutanasia, ha fondato il CISA (Centro Informazioni Sterilizzazione Aborto) che negli anni ’70 anticipò la legge sull’aborto in Italia, e l’AIED (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica). Ha costantemente sostenuto l’importanza del problema della abnorme crescita demografica e dei problemi economici, ecologici, sociali e psicologici ad essa connessi.

  • 20
    Flare

    Salve Claudio,

    Comincio ringraziandoti per ciò che fai e per come lo fai.

    (Volevo dirlo da un pezzo…:-).

     

    Molto interessante questo articolo.

    Viene quasi voglia di intentare una Class Action dei cittadini Italia, contro Mario Monti,

    sulla base dei fatti riassunti in questo intervento.

    Anzi, più ci penso e più mi sembra un’idea talmente folle, che merita di essere presa in seria considerazione.

    Tu che ne pensi?

    Sarebbe così difficile provare fatti, che sostanzialmente si provano da soli?

     

    Saluti.

  • 19
    Mjollnir

    Preferisco fare un commento in merito a quello che Magdi Allam dice nell’intervista piuttosto che commentare la persona o i suoi trascorsi.

    La prima parte dell’intervista sulle relazioni tra banche, stato e sistema monetario è di rara chiarezza e estremamente diretto al punto di tutta la questione. Altri illustri economisti o giornalisti ci espongono il problema solo in modo parziale, senza chiarire a fondo il problema della sovranità monetaria. Apprezzo invece Magdi Allam che è l’unico che in un’intervista su questo blog parla chiaramente di questi aspetti.

    Non mi esprimo sulla seconda parte dell’intervista perché sono agnostico e un po’ distante dalla tematiche religiose anche se riscontro nel suo discorso un’incongruenza quando dice di rifarsi alla cultura giudaico-cristiana che è la stessa cultura che ha prodotto questo sistema economico/monetario.

    • 19.1
      Raffaele C.

      In effetti sono i paesi di origine giudaico-cristiana che hanno creato il problema economico in cui ci troviamo, ma gli altri paesi come sono messi? Credo che il livello di “libertà” che possiamo avere nei paesi occidentali, con tutte le pecche e le contraddizioni, non sia paragonabile a quello degli altri paesi. Forse Magdi Allam ha avuto, per ragioni di nascita, la possibilità di conoscere entrambi e questo può significare qualche motivazione o argomento in più.

      Raffaele

  • 18

    vota il sondaggio per le politiche 2013 e scopri qual’è il partito più votato dagli internauti : http://www.nalsystem.com/stats/?p=25

  • 17
    Predatore

    @claudiorossi:

    chiaramente, se ad esprimere un parere o affermare una verità è un cattolico o un fedele di altra fede, questi è sempre un invasato pronto a fare una guerra santa…ma per favore! cosa vuol dire “più propenso all’uso della fede”? in questa affermazione è presente il classico pregiudizio di chi non ha un credo: la fede la vivi oppure sei un ipocrita. il secondo caso non tocca minimamente allam. se c’è una religione che va di pari passo con la ragione, questa è la fede cattolica. hai mai sentito parlare di “fides et ratio”?

    in ogni caso siamo in campagna elettorale, il partito da lui fondato ha ben poca visibilità…fosse stato grillo a ripeterlo suppongo che questa sterile polemica non sarebbe nemmeno stata da te concepita.

    basta guardarsi attorno per vedere che non esiste solo il movimento 5 stelle ad avere un timbro anti-europeista e che non è l’unico nel fare le stesse battaglie civili.

    per quanto concerne il giuramento, eviterei di accennare allo scandalo, oggi in politica la parola data non ha alcun valore al pari degli uomini che la cestinano, pertanto nemmeno i giuramenti di palazzo contano qualcosa. per questo attendiamo l’ingresso nei palazzi di eletti tra le file del movimento 5 stelle, di io amo l’italia, e di altri.

    • 17.1
      pragmatico64

      1) La tua affermazione che chi non è annebbiato da quel plagio culturale, humus nel quale proliferano le religioni, non abbia un credo rispecchia una visione dogmatica (limitata) e fatalistà veramente di basso profilo intellettuale.

      Ci sono tanti credo : nell’uguaglianza sociale , nel diritto , nella cultura e l’autodeterminazione , nel pensiero libero e critico ecc.. ecc.. e tutti per quanto mi riguarda di livello piu elevato di un qualsiasi credo religioso.

      2) Il M5S non è antieuropeista è contro una unione monetaria artatamente costruita e forzatamente mantenuta e sostenuta a discapito dei suoi stessi cittadini .

      Ma sono due cose ben diverse , ma molto, molto, molto, diverse. 

  • 16
    james62

    Al di la di qualche radicalismo cattolico, espresso comunque con molto rispetto per chi non la pensa come lui, per me e’ stata una scoperta positiva. Credo che in questo momento i temi economici abbiamo una priorita’ assoluta su tutto il resto, per l’impatto concreto che hanno sulle nostre vite. Su certe affermazioni di principio, che non creino impatto sulla mia vita, ci posso passare tranquillamente sopra.

  • 15
    cipìglio

    Ora, chiedo scusa, ma credo di dover dar luce alla mia perblessità…
    Premettendo che la Verità sia ben accetta da chiunque la proferisca, vorrei però esprimere il mio disappunto a sentire queste verità proprio da Allam…verità che sono ormai scontate, visto che le abbiamo conosciute grazie al contributo di molti intervistati prima di lui! Le dichiarazioni veritiere (ma scopiazzate!) dette da questa persona sono veramente imbarazzanti, visto che si definisce cristiana, ma che fino a poco tempo fa non faceva altro che soffiare sul fuoco delle guerre preventive…ed incitare alla discordia tra le varie civiltà Cristiane e quelle Islamiche…un vero cristiano professa la Pace, non il suo contrario! Un vero cristiano non fa il panegirico (scrivendo libri!) di uno stato che pratica l’apartheid come fa Israele!

    Pensavo che le persone intervistate venissero scelte secondo criteri diversi…peccato!

  • 14
    occam

    Allam e’ un personaggio emblematico.

    fino a ieri charamente orientato verso la politica imperialistica americana e contro le idee e le politiche che dovrebbero essere proprie del proprio popolo.

    ora improvvisamente scopre una vena umanitaria,etica e giustizialista(non nel senso deteriore del termine,come va di moda oggi),delle quali sinceramente non ne credevo capace o incline.

    Forse il suo nuovo impegno politico giustifica e spiega questo repentino cambio di orizzonte?

    • 14.1
      cipìglio

      No, il fatto è che lui è come Fiamma Nirenstein: li paghiamo noi, ma lavorano per Israele!

  • 13
    proid

    Non ricordo bene i trascorsi di Magdi, ma del poco che ricordo non me lo ricordo di certo Jihadista e se i prevenuti avessero letto il suo programma, al punto 19 cita “Stop alla costruzione di nuove moschee per salvaguardare la nostra civiltà laica e liberale dalla minaccia islamica“!

    Discorso c**zutissimo e se non fosse di un’altra religione (immagino) direi BIBBIA! è solo una battuta.

    Se avesse qualche speranza di superare il 5%, se tutti i suoi candidati fossero suoi cloni e se questi candidati fossero stati selezionati dai cittadini tra i cittadini come nel M5S lo voterei senza pensarci un secondo!

     

    • 13.1
      francirinaldi

      Certo che se tutti la pensassero come te non raggiungerebbe nemmeno l’1%!!! Bisogna provarci!! Magari ci soprenderà tutti prendendo anche più del 5%!

  • 12

    capisco far ridire le solite cose quando a dirle è qualcuno con una particolare credibilità.

    Ma sinceramente stavolta questa mossa non l’ho capita

  • 11
    roby67

    tutto ok…tutto liscio come l’olio…egiziano, ovviamente!

  • 10
    Clausius

    Eh EH Eh ! Il Sultano Jafar ha colpito ancora !

    Sicuramente Allam è intellingente ma quanto a sincerità,onestà intelletuale e coerenza…decidete voi.

    Si parla di verità! Uhh che parola grossa e abusata!

    Lui ha preso una Transiberiana,un lungo viaggio.Senza nemmeno un comizio vero e proprio.

    Gioca la carta protestaria non perchè ha idee ma per ambizione.E l’ambizione è l’anticamera dei falliti.

    Jafar ipnotizzava Agrabah per smania di potere.Voleva la figlia,il potere,il diamante grezzo e il genio ai suoi piedi.E tutto il popolo.

    Il parallelismo con il Cartoons Disney è perfetto.

    Nel mio post sopra si capisce,tra le righe,che dalla sua intervista nasce una contraddizione irrisolvibile.E’ così rispettoso degli altri,delle loro idee o tendenze di vita che sembra un Allam quasi laico.Anzi,il più laico di tutti.Infatti Claudio nell’intervista è titubante e replica un po’ indeciso.Ma Jafar ha un potere ipnotico micidiale.Il suo solo problema è che non riesce a contenere il suo ego smisurato.

    Mi ricorda tanto la sofistica greca e per quanto bravo sia,da questo blog che ospita me e lui,gli manfo una bella V maiuscola.Quella che sta nel moVimento 5 stelle.Non nella stella cometa di biblica memoria!

    Scusate ma lo trovo pesante quanto 2 Kg di cozze in 75 grammi di spaghetti aglio e olio.

    Io amo l’Italia…A me l’Italia così com’è fa un po’ schifo.

     

  • 9

    beh… Claudio,

    dopo l’interivsta a quella macchietta di Magdi Allam (quello che faceva il tifo per le invasioni dell’Afghanistan  Iraq e ovunque si osasse disobbedire agli oligarchi dell’occidente che ora rinnega) ti attendiamo per le prossime interessanti interviste a :

    Mario Borghezio

    Domenico Scilipoti

    Sara Tommasi

    Vittorio Sgarbi

    Topo Gigio

    Silvio Berlusconi

     

    Attendiamo con ansia.

     

    Ciao

     

    • 9.1

      La mia filosofia è: in democrazia tutti hanno diritto di parola. Tu parli e la rete giudica quello che hai detto. Filtrare in base a giudizi o pregiudizi significa farsi censori, né più né meno. 

  • 8
    teleabuso

    Clausius ha scritto :
      Allam dovrebbe acculturarsi un poco studiando anche il povero Luigi De Marchi.E lo dovrebbe fare a mente aperta perchè i problemi che poneva e le sue analisi molto argute sono più che mai attuali.Ormai si trova poco in rete(i suoi blog non esistono più e su Wikipedia la pagina è stata svuotata).Ma è rimasto questo…https://www.youtube.com/watch?v=pXq4-DbziGo

    Purtroppo la mia connessione è lenta, va e viene, oltre ai problemi aggiuntivi del browser; mi è difficile usufruire del contenuto del link consigliato https://www.youtube.com/watch?v=pXq4-DbziGo.
    Credo che Magdi Allam sa perfettamente quello che vuole ed è abbastanza acculturato, un gigante tra i vari vendola e bersani. Di una chiarezza assoluta – è magistrale in questo!… – sembra sentire le stesse cose dette e ridette  da Messora su questo blog, nella prima parte del video, con annessi e connessi; nella seconda Allam manifesta un’accentuata tendenza arcaico-conservatrice. Coerente però con la sua ideologia, bisogna dargliene atto. Chissà, forse la sua “strategia” risulterà vincente alla fin fine, considerato tutto il sistema di valori in crisi, a cominciare da quello politico-istituzionale, famiglia, ecc…

  • 7
    Clausius

    Trascendiamo le opinioni di Allam sulle questioni “eticamente sensibili” su cui non sono daccordo ma per il resto questa intervista risulta interessante non solo per quel che afferma sulla situazione economica,su Monti,sull’Europa e sugli altri concetti che i frequentatori del blog conoscono bene,ma anche perchè riesce a dar voce ad una lista di cui nessuno parla (ma proprio nessuno!).  http://ioamolitalia.it/

    Evabbè! Se rimane sintonizzato su quel che afferma può darsi che trovi i consensi per un suo spazio.(Cosa ci fa allora nel Parlamento Europeo?)

    Come si fa a non esser daccordo su tante delle cose che ha detto?

    Adesso mi beccherò qualche nome ma ,chissà perchè,non lo so nemmeno io e lo giuro,subito dopo aver visto l’intervista mi è balenato in mente Jafar,il Gran Visir del film Aladdin.

    A parte questo trovo il programma della lista abbastanza interessante ma quando parla di : Considerando che la promozione della cultura della vita s’ispira alla ragione e al sano amor proprio, Io amo l’Italia è contraria a tutto ciò
    che nega la promozione della vita, quale l’aborto, l’eugenetica, l’eutanasia e il matrimonio omosessuale, pur nel rispetto della dignità e libertà
    di ciascuna persona.
    … non posso proprio prenderlo in considerazione,nemmeno sulle origini giudaico-cristiane italiane ed europee.

    L’ho detto altre volte e lo ripeto: Monti e soprattutto Napolitano andrebbero indagati e probabilmente accusati e processati per tradidemento della Costituzione.Mi sarebbe piaciuto sentirglielo dire.


     

  • 6
    manuela77

    Sono felice di non essere l’unica persona a credere che questa Europa non porta niente di buono all’Italia, che una unione di stati che non si rispettano a vicenda e che, invece di valorizzare le proprie peculiarita’ , approfittano delle debolezze altrui per creare dei rapporti di sudditanza innescando addirittura meccanismi distorsivi e spesso anche distruttivi per fornirsi nuovi mercati di sbocco, per riprodurre degli scenari che altrimenti sarebbero proibiti da trattati precedenti a quelli con cui i sei hanno fondato questa pseudo unione…

  • 5
    calimero

    Un solo appunto: peccato che la lista non sia presente in Sicilia !!!!!!!

  • 4
    Elric

    AH AH AH… dice cose non meritevoli, solo perchè è crisitano praticante… Scusate, ma le pensate veramente queste cose o è il vostro credo che ve la fa dire?Eh, sì… cari miei, perchè vedete, non serve credere a un dio per essere dei talebani. Basta dire: questo è un paese laico. E con ciò? Cosa dovrebbe stare a significare questa frase un po’ sibillina? Che se io sono praticante di una fede non ho diritto di dire la mia? Anzi, che sono responsabile di quanto fa il clero della mia fede? Pura follia!!

    p.s. io sono agnostico

  • 3
    Axel

    Scusate se vado OT ma voglio segnalare questo Regolamento 1924/2006/CE.

     Trovate l’articolo tradotto Qui : http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=11417&mode=&order=0&thold=0

     Articolo originale Qui : http://ecocosas.com/salud-natural/medicina-prohibida/

     Penso ad esempio ad una antichissima oltre bellissima erboristeria dei frati capuccini della mia città e mi viene male pensare che questi pazzi burocrati tecnocrati coligarchi debbano distruggere secoli e secoli di conoscenze popolari e non

    Buona lettura. 

  • 2
    Antonio1901

    Allam ha ragione anche sui MATRIMONI GAY, vero scempio morale della società moderna. Altro che progresso, siamo tornati a Sodoma e Gomorra! le adozioni dei gay,poi, sono parificabili, per violenza sul minore (psicologica) alla pedofilia (e fra poco i progressisti “emanciperanno” anche i minori al sesso libero!!).

    I diritti dell’individuo sono una cosa, il matrimonio, invece, é un istituto con rilevanza sociale e pubblica che nulla ha da spartire con il riconoscimento di patologie comportamentali come quelle dei vari trans, omo, bi, ecc sessuali.

    Solo la manipolazione dllle menti ha portato ad accettare comportamenti che un tempo erano autentici reati penali (adulterio e sodomia appunto), e sul penale non ho voluto fare un doppio senso….

     

    P.s. se vado in ospedale a farmi impiantare le branchie (finte, necessariamente) perché mi sento “un pesce” mi ricoverano al manicomio, chi si va ad impiantare organi finti li chiamano progressisti…. FOLLIA aLLO STATO PURO….

     

    Chissá quanti idioti commenteranno a difesa di diritti inesistenti…. 

  • 1
    claudiorossi

    Magdi Allam e’ sempre stato un invasato, piu’ propenso all’uso della fede (quella che sia) invece della ragione. Pero’ in questa sua frase iniziale c’e’ buona parte di verita’.

  • 0
    alekasteddu

    Ciao Claudio,

    Interessante intervista anche se il nostro Cristiano cavalca l’onda, tutto il discorso macroeconomico non fa una piega…ma il suo sfondo religioso é assolutamente incompatibile con uno stato laico….io gli avrei chiesto cosa pensa dei patti lateranensi e dell’ottoxmille….dello IOR….mmhhh

    Ha detto delle scemenze paurose quando ha parlato di omossessualità e declino demografico….all’altezza di un Giovanardi qualunque!

    Non ci serve in parlamanto qualcuno che vuole un europa dei campanili

    Trovo comunque interessante dar voce a idee diverse, bravo Claudio

  • -1
    fabio1969

    w grillo!!!

  • -2
    malsano

    Se non altro dimostra di avere idee proprie o di avallare quelle che ritiene giuste senza fondamentalismi.

    Non dimentichiamo che è un cristiano che va contro il processo di beatificazione di Monti da parte del Vaticano.

    Mi chiedo quanti laici hanno la stessa indipendenza critica.

    Ed inoltre, non mi pare che la Chiesa abbia avviato un processo di scomunica perché non allineato…

  • -3
    Claudio B

    Ma Magdi Cristiano Allam non ha la mia stima. E’ una personaggio oscuro nel cui DNA si percepisce una destra ultra conservatrice. E’ ritenuto il piu’ assenteista del parlamento europeo e quindi non rispetta il mandato dei propri elettori. Ha dichiarato di non andare perche’ e’ inutile. Avrebbe potuto dimettersi ma gli serve lo stipendio per mangiare a pranzo e a cena. Meno male che noi siamo a dieta altrimenti il dovremmo esigere il nostro turno al parlamento. Creatore di “Io amo…” tutto basta che questo serva a non lavorare e a vivere di chiacchiere politiche.”

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

In India schedature biometriche di massa ed eliminazione del cash oltre le 500 rupie.

india schedatura di massa e via i contanti La demonetizzazione dell'India Lo scorso 8 novembre il nuovo primo ministro indiano Narendra Modi dichiarava fuori corso le banconote da 500 e 1000 Rupie, responsabili di circa l'85% del cash in circolazione in India. Sarebbe come se in Europa venissero eliminate in poche ore le banconote da...--> LEGGI TUTTO

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

Il terribile errore: “È il momento più pericoloso per l’umanità: le élite imparino ad essere umili”. Stephen Hawking

stephen hawkings attente elite di Stephen Hawking, fisico teorico e scrittore Essendo un fisico teorico che vive a Cambridge, ho vissuto la mia vita in una bolla di eccezionale privilegio. Cambridge è una città insolita, tutta incentrata su una delle grandi università del pianeta. All'interno di questa...--> LEGGI TUTTO

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle a volere il vitalizio!

Rosi Bindi Rosi Bindi: sono i Cinque Stelle che vogliono il vitalizio!...GUARDA

Roberto Fico (M5S): basta con gli uomini soli al comando!

Roberto FicoRoberto Fico, deputato M5S a capo della Commissione di Vigilanza Rai, risponde sulla questione della legge elettorale e sulle voci di una sua candidatura alla guida di un possibile Governo a 5 Stelle. ...GUARDA

Renzi si è dimesso: il video dell’annuncio in diretta dal Quirinale

renzi-dimissioni-quirinale Matteo Renzi ha dato le dimissioni. Aperta la crisi di Governo. L'annuncio in diretta dal Quirinale, dopo il colloquio con Sergio Mattarella. Da domani alle 18 partono le consultazioni. Il calendario sarà reso disponibile dall'ufficio stampa del Quirinale....GUARDA

Referendum: vinta una battaglia, ma la guerra continua – Diego Fusaro

fusaro-vinta-la-battaglia-ma-non-la-guerra "L'élite mondialista tornerà presto o tardi ad attaccare la Costituzione e lo Stato sovrano nazionale. Il suo obiettivo è quello della distruzione degli stati sovrani nazionali, che dopo il 1989 sono i soli ancora a resistono come luoghi del primato della politica sull'economia. La battaglia è...GUARDA

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumATTENZIONE: ieri sera ho fatto questo video. E stamattina... zac: La Stampa conferma tutto: Padoan vuole chiedere aiuti all'ESM. Sapete cosa significa? Significa RIBALTARE IL NO AL REFERENDUM e prendersi in casa la Troika. QUESTO NON DEVE ACCADERE. Non c'è nessun Governo legittimo attualmente nel Paese, e qualunque decreto legge...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>