La nuova Ferrari F138 e la nuova F12 di Marchionne

LaNovaFerrariF138

Pochi minuti fa è stata presentata la nuova Ferrari F138, a Maranello. L’ultimo a parlare: Luca Cordero di Montezemolo. La macchina è targata in ogni dove Santander, cioè la banca spagnola che ha rifilato la sola Antonveneta a MPS senza averla neppure realmente acquistata. E che ha beneficiato anche di una anomalia (a Mps non la chiamano stecca) da 230 milioni di euro. Di certo non esportiamo nel mondo un’immagine limpida e cristallina.

 

Cordero Di Montezemolo ricorda poi, durante il suo discorso, un simpatico aneddoto. Marchionne lo chiama e gli dice di star tranquillo che sarebbe venuto alla presentazione. E anzi: già che c’era voleva piazzare la prenotazione di una nuovissima, fiammante F12.

Intanto, mentre Marchionne legittimamente prenota la sua F12, gli operai FIAT in cassa integrazione sono disperati. E la fusione tra Fiat Industrial con Case New Hollande, passata inosservata, porta in Olanda un marchio prestigioso che non aveva nessun problema, insieme ai miliardi di tassazione che ora serviranno a concimare i tulipani.

Per Byoblu.com, Francesco Boccardo


Alla fine di novembre scorso arrivò la notizia, che non venne ripresa quasi da nessuno: lo Special Committee, l’assemblea straordinaria degli azionisti di Case New Hollande, aveva approvato la fusione con Fiat Industrial. Case New Hollande è una società che produce macchine agricole e movimento terra, nata dalla fusione tra New Hollande e Case Corporation, un’azienda americana dello stesso settore, avvenuta nel 1999. Fu proprio allora che si scelse l’Olanda come sede della nuova compagnia. La società in questione rientra nel portafoglio di Fiat Industrial grazie ad una campagna di acquisizioni portata avanti da FIAT nel secolo scorso di cui il passo più importante fu l’acquisizione di Ford New Hollande nel ‘94 .

Il nuovo accordo prevedeva che gli azionisti di CNH ricevessero 3,828 azioni della nuova società per ogni azione di CNH posseduta da costoro, mentre per gli azionisti di Fiat Industrial lo scambio sarebbe stato in rapporto di parità con le azioni della nuova società. Fiat Industrial è controllata al 30,5% da Exor, la holding della famiglia Agnelli e a sua volta controlla l’88,2% di CNH. Ai soci di minoranza, in maggioranza soci istituzionali a cui era rimasto l’11,8% di CNH, è stato assegnato un dividendo straordinario di 10 euro per azione, pagato prima della fusione definitiva.

C’è solo un piccolo dettaglio: la sede della nuova compagnia è in Olanda, cioè nella sede di CNH. Le azioni sono state scambiate a Milano ed a New York, ma le tasse vengono pagate al governo di Amsterdam. La separazione di Fiat spa in Fiat Automobiles spa e Fiat industrial spa è avvenuta nel 2010 ed ora si comprende bene la ragione: permettere ad una parte di industria italiana di svestirsi della propria nazionalità. Il danno per il fisco italiano è notevole perché quando parliamo di Fiat Industrial ci si riferisce a marchi e aziende importanti, che fanno innovazione come Iveco, FPT, New Hollande oltre che ad un gruppo che è il terzo nel mondo per i veicoli agricoli e industriali, che vanta 25 miliardi di euro di fatturato e due miliardi di utili circa. E dopo la fusione, nel 2012 ha incrementato i profitti del 6,2%. Sono aziende, quelle di questo gruppo, che sviluppano tecnologie all’avanguardia e apprezzate a livello internazionale. Infatti, tanto per dirne una, la New Hollande Agricolture ha progettato il trattore ad idrogeno con l’obbiettivo di rendere l’agricoltura indipendente dal petrolio. Fiat Automobiles, che non investe nell’auto ibrida, invece è rimasta in Italia, forse sperando di ottenere protezione economica dal governo o forse più probabilmente perché non è ancora completata la fusione con Chrysler, a quel punto potrebbe anch’essa lasciare il Belpaese.

Il nostro fisco non può opporsi poiché, nonostante l’Olanda presenti una tassazione assai vantaggiosa per le imprese, non è considerato un paradiso fiscale e non può essere oltretutto colpito dall’ostracismo dell’Unione Europea essendo un membro illustre della zona euro. Un altro esempio di cooperazione economica ben riuscita e solidale. La cosa che colpisce di più è che Case New Hollande fa parte dell’orbita Fiat da molti
anni e non sembra che ci siano gravi squilibri aziendali a causa della mancata fusione. Non era vista come un’esigenza impellente presso la comunità economica. L’unica spiegazione logica è proprio che questa sia stata una fuga all’inglese: lo sfruttamento di un espediente elegante per prendere il largo. Il relativo silenzio dei media è dato dal fatto che non esiste, collegata a questa vicenda, un’emergenza occupazionale, almeno
non per ora. Infatti è la testa della società che si trasferisce, mentre stabilimenti e personale italiano restano confermati, per ora. Focalizzare l’attenzione su questa dinamica, comune a molte società italiane solo più nel nome, a partire dalle tante svendute nei primi anni novanta fino ad arrivare alle nuove illustri acquisizioni, può però aiutare a rispondere alle tante domande sul perché per fare carriera molti giovani laureati italiani debbano trasferirsi all’estero.

Il piano Fabbrica Italia, il miraggio di venti miliardi di investimenti, è stato utilizzato come uno specchiettoper le allodole mentre lentamente, sfruttando lo scorporo e la fusione, si mette in opera un piano di evacuazione dall’Italia. Lo si fa per le troppe tasse, forse, oppure la ragione della fuga da Torino è che il nostro Paese è diventato instabile e rischioso. Oppure, infine, semplicemente perché quello che più non si addice ad una grande multinazionale è proprio il legame con il territorio, che bisogna cercare di spezzare in ogni modo, non fosse altro che per consolidare la propria indipendenza.

L’unico ostacolo sulla via della fusione sarebbe stato il diritto di recesso riconosciuto agli azionisti Fiat Industrial per effetto dello spostamento della sede in Olanda. L’azienda torinese (per poco ancora) dovrebbe rimborsare le azioni a chi lo richiedesse a causa dello spostamento della sede. Difficile che succeda dato che è proprio agli azionisti che conviene il nuovo assetto.

Nel 2015 assisteremo probabilmente allo stesso scenario con la fusione di Fiat Automobiles con Chrysler.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

8 risposte a La nuova Ferrari F138 e la nuova F12 di Marchionne

  • 7
    1000

    ogni volta che hanno aggiunto colori al rosso, la macchina era una schiappa.

    chissenefrega: io vado a pedi.

  • 6
    Stefano B.

    Logicamente lascia amareggiati vedere la fuga delle aziende dall’Italia e vedere Marchionne comportarsi come un piccolo truffatore che strappa accordi vantaggiosi in cambio di false promesse fatte sulla pelle e la buona fede della gente fa arrabbiare. Però le multinazionali sono così: per definizione non sono legge al territorio, e d’altra parte lo Stato Italiano non può obbligare con la forza le imprese a rimanere in un territorio sovratassato, con pochi servizi inefficienti, burocratico, senza infrastrutture, senza garanzie del diritto. Ovviamente chi può va dove gli conviene di più: lo fanno le piccole imprese, figuriamoci le multinazionali. È lo stato che dee cambiare, puntando sulle piccole imprese che sono più legate al territorio, rendendo più semplice lavorare in Italia. Come prima cosa però dobbiamo renderci conto che non possiamo più permetterci di avere dei cialtroni nullafacenti e incompetenti in politica, e il voto è l’unico strumento che abbiamo.

  • 5
    Delta

    Mjollnir ha scritto :
    complottista! :)

    Demagogo! ahah

  • 4
    Elric

    C’è una domanda che vorrei fare a tutti i grandi economisti: perchè la voce Mercantilismo è male? Uno Stato degno di questo nome DEVE difendere i propri cittadini e i loro interessi. Marchionne e gli Agnelli non hanno mai avuto niente degli italiani a parte i natali perciò, per quale motivo vanno trattati con i guanti bianchi? Vuoi produrre in Italia? Sì o no? Se produci qui, bene, sennò ti tratto come una qualsiasi altra azienda estera… TI FACCIO IL MAZZO!

    Ormai è ovvio che di questo paese a Fiat non gliene frega più niente. Può produrre auto in Polonia o qualche altro paese delle CE perchè le leggi lo consentono. Dimostrazione che la CE è nata solo per dare ai signori del vapore una nuova arma contro operai e classe media. Altro che unione dei popoli…

     

    • 4.1
      Clausius

      Forse non ti sei espresso bene….la FIAT ha avuto moltissimo dagli italiani,soprattutto tantissime lire delle loro tasse.Hanno sempre privatizzato i guadagni e socializzato le perdite (vedi cassa integrazione per decine di migliaia  di operai a carico dello Stato).

      Mi sembra giusto precisarlo.

  • 3
    zarloris

    Me ne ricorderò,quando dovrò acquistare una nuova auto;per acquistare un’auto straniera(di fatto fiat)acquisterò un’auto straniera,ma quella che voglio io,bensi Citroen,Nissan purchè sia fuori dall’orbita fiat;se tutti facessero così il buon marchione,dovrebbe assuefarsi alla NOSTRA VOLONTA,e non sempre farsi i c**zi suoi a discapito di chi lo fa arricchire(operai)

  • 2
    Pippo

    Intanto sul FQ è comparsa proprio oggi la notizia che la Fiat ha annunciato si sindacati la fine del progetto “fabbrica Italia” di Pomigliano

  • 1
    Mjollnir

    complottista! :)

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

La violazione della legge sulla propaganda elettorale. Registrate e denunciate.

Registra e denuncia violazione della legge sulla propaganda elettorale Ancora adesso, mentre scrivo, a votazioni in corso, se aprite i social network vi potete imbattere facilmente nella propaganda a favore del Sì al Referendum Costituzionale. La campagna per il Sì in rete è stata invasiva e ai limiti dell'illegalità. Cosa dice la...--> LEGGI TUTTO

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Attenzione: ecco come vogliono ribaltare l’esito del referendum

come-ti-ribalto-il-referendumDopo il No del popolo italiano al Referendum sulla riforma costituzionale voluta da JP Morgan, il consigliere di Angela Merkel propone subito la contromossa che rende ora palesi i veri obiettivi della riforma: la consegna del Paese ai grandi poteri finanziari internazionali per mettere all'asta i beni pubblici così come...GUARDA

La vittoria dell’informazione e i pericoli del dopo Renzi

claudio messora Il No al referendum costituzionale è la vittoria dell'informazione contro chi pensava che per convincere gli italiani a votare basta una comunicazione semplificata, comprensibile a un bambino delle scuole medie. La sconfitta di Renzi passa anche per una ipersemplificazione della Comunicazione che non ha convinto e...GUARDA

Barbareschi ai giovani: “Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!”

Barbareschi ai giovani: "Siete superficiali! Avete votato no per ribellarvi al paterno!" Luca Barbareschi traccia un quadro deprimente dei giovani che hanno votato no al referendum: sarebbero disinformati, superficiali, privi di strumenti, e con un grosso problema con il paterno, che li induce a ribellarsi contro qualsiasi cosa senza mai entrare nel merito....GUARDA

Barbareschi: siamo ascoltati e spiati da tutti i telefonini.

barbareschi-siamo-tutti-spiati-icona-play Luca Barbareschi, il popolare showman ora direttore del Teatro Eliseo a Roma, ha un'idea ben precisa sulla società della comunicazione digitale. A RaiNews24, il giorno dopo del voto al referendum, dice: "Siamo in democrazia... Capisco che ormai siamo ascoltati e spiati...GUARDA

Massimo D’Alema: è grazie a noi se M5S non ha vinto da solo!

Massimo D'Alema Massimo D'Alema fa la sua analisi del voto del referendum. Parla sarcasticamente delle rottamazioni di Matteo Renzi e afferma che se non ci fossero stati loro, il M5S avrebbe vinto da solo. ...GUARDA

I Cinque Stelle alla stampa: ora elezioni subito!

m5s-conferenza-stampa-iconaLa conferenza stampa del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati dopo la vittoria del No al Referendum Costituzionale. Davanti ai giornalisti, a tarda ora, dopo le dimissioni di Matteo Renzi, si sono presentati Vito Crimi, Danilo Toninelli, Alessandro Di Battista e Giulia Grillo, per dire al Presidente della Repubblica...GUARDA

Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!

Renato Brunetta Brunetta canta vittoria: Renzi ora si dimetta!...GUARDA

Galloni e Rinaldi al Quirinale: ora Mattarella stralci il Pareggio di Bilancio

Galloni Rinaldi Quirinale Nino Galloni e Antonio Rinaldi salgono al Quirinale per chiedere simbolicamente a Mattarella che ora rispetti la volontà del popolo e si adoperi per rispettare la Costituzione italiana, stralciando subito il Pareggio di Bilancio ora Mattarella stralci Pareggio di Bilancio...GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>