Perché siamo entrati nell’euro? Intervista a Loretta Napoleoni

LorettaNapoleoni-Blog

Nel giugno scorso, su questo blog Nino Galloni ci informava di un accordo tra Mitterrand, Kohl e la politica italiana di fine anni ’80 circa un processo di deindustrializzazione del nostro tessuto produttivo, usato come merce di scambio per l’ingresso nell’Euro. Oggi Loretta Napoleoni, che io e voi, insieme, abbiamo intervistato in crowd funding, dà la sua risposta alla domanda fondamentale che tutti si sono posti: “perchè?“.

Nino Galloni, il “funzionario oscuro che faceva paura a Kohl“, sarà nostro ospite la settimana prossima.

 

MESSORA: Loretta Napoleoni, economista internazionale, esperta in tante cose, anche di terrorismo. Oggi sei qua perché hai scritto un libro che si chiama “Democrazia Vendesi”, ma sei qua anche perché sei largamente nota al nostro pubblico. Siccome Byoblu.com è un posto particolare, è un luogo di persone molto ispirate e soprattutto informate, intuiamo perché tu hai scritto “Democrazia vendesi”, non devi convincerci. Ma sicuramente oggi sei qui perché manderemo in galera un po’ di persone, farai qualche affermazione forte. Come cominciamo?

NAPOLEONI: Cominciamo con il motivo per il quale ho scritto un libro di questo tipo che è uscito poco prima dell’inizio della campagna elettorale: perché bisogna smettere di votare questi individui, perché se ne devono andare. Il problema economico è un sintomo del problema politico ed è per questo che il titolo del libro è “Democrazia vendesi”.

MESSORA: Ma questa democrazia l’abbiamo già venduta o possiamo ancora fare qualcosa?

NAPOLEONI: No, non l’abbiamo venduta tutta. Per prima cosa non l’abbiamo venduta noi ma l’hanno venduta loro. Il concetto fondamentale è che in tre anni di emergenza economica, che poi è diventata la normalità, diciamo, quello che è successo è che noi abbiamo perso pezzi sempre più grandi della nostra democrazia proprio attraverso questa emergenza. Decisioni importanti sono state prese da individui e organizzazioni che non sono elette da noi, quindi noi dobbiamo difendere questa nostra democrazia, perché molto presto non rimarrà nulla, rimarranno solamente le macerie. Tra l’altro è interessantissimo, e io ne parlo nel libro, il parallelo con il 1992. In realtà anche il ’92, il famoso annus horribilis dell’Italia, fu un anno in cui venne svenduto il patrimonio nazionale attraverso delle politiche di emergenza che scavalcarono completamente i principi democratici e, guarda caso, questa politica è stata portata avanti dagli stessi uomini che la portano avanti oggi; Mario Draghi era capo del Tesoro e ha guidato le grandi privatizzazioni, che poi furono delle svendite, dei saldi del patrimonio nazionale italiano, a un gruppo di famiglie, a un gruppo di poli industriali e finanziari e non al popolo, come invece avvenne in Inghilterra. L’idea della privatizzazione è sempre quella lì di allargare l’azionariato e quindi di dare la possibilità a tutti di partecipare al bene comune attraverso una struttura che è una struttura privata, per esempio la privatizzazione delle Ferrovie dello Stato Britanniche. Ecco, qui non è avvenuto questo, qui il processo di privatizzazione ha creato degli oligopoli. La stessa cosa sta succedendo oggi in Europa e, guarda caso, chi guida questo processo, secondo me altamente antidemocratico, è di nuovo Mario Draghi che si trova ad essere il governatore della Banca Centrale Europea.

MESSORA: Sono sempre gli stessi. Mario Draghi, se non mi sbaglio, era vicepresidente di Goldman Sachs quando Goldman Sachs truccò i conti, operazione che permise alla Grecia di entrare nell’euro.

NAPOLEONI: Sì, in effetti nel libro c’è un capitolo che si dedica ai soliti noti, perché sono sempre loro, e io ricordo al lettore il loro curriculum vitae, perché è fondamentale. Gran parte di questi signori che hanno svenduto il nostro patrimonio nazionale nel 1992, poi vennero assorbiti come consulenti dalle grandi banche d’affari, tra le quali appunto Goldman Sachs, che guidarono questo processo di privatizzazione, intascando lauti guadagni semplicemente per una operazione di supervisione del processo, e Mario Draghi andò appunto alla Goldman Sachs. Ma anche Mario Monti andò alla Goldman Sachs.

MESSORA: Romano Prodi.

NAPOLEONI: E Romano Prodi. Questo è l’orizzonte.

MESSORA: Cioè c’è un oligopolio economico-finanziario che tira un po’ le fila e decide un po’ le sorti. Questo ormai lo abbiamo tristemente capito.

NAPOLEONI: Sì, ma una cosa interessante, secondo me, che non succede all’estero, è questa, perché i nostri, una volta fatta l’operazione, una volta fatto il salvataggio del paese, appunto nel ’92, non rimangono in carica e quindi non ricostruiscono il paese, non danno al paese un contributo per potersi rialzare. No, se ne vanno all’estero e vanno a lavorare per i grossi finanzieri mondiali. Questo non succede in Spagna, non succede in Francia, sicuramente non succede in Germania.

MESSORA: Cioè una volta che tu compi il tuo mandato, sei chiamato a risponderne politicamente di fronte all’elettorato e quindi continuare a guidare il paese, se no così sembra che hai fatto un lavoro sporco e poi te ne sei andato.

NAPOLEONI: Sì. Insomma, uno arriva a questo tipo di conclusioni, nel senso che si entra e si esce dal sistema pubblico e dal sistema privato a seconda della convenienza personale, della propria carriera, ma anche e soprattutto degli interessi dei grandi gruppi finanziari con i quali si fanno affari nel momento in cui uno si trova nella situazione di avere una carica pubblica e subito dopo passa dall’altra parte della barricata e diventa invece un iniziatore di attività di questo tipo, vedi il caso di Draghi e la Grecia.

MESSORA: Quindi c’è una sorta di conflitto che andrebbe regolamentato, che è quasi superiore a quello di interessi di Silvio Berlusconi, è un conflitto proprio tra la guida delle moderne democrazie e la guida degli istituti finanziari privati che detengono grandi quantità di capitali. Questo conflitto secondo te come si potrebbe risolvere?

NAPOLEONI: Sì, io penso che sia proprio così. Abbiamo quasi un rapporto incestuoso tra il settore pubblico e l’alta finanza. Penso che Berlusconi, il fenomeno Berlusconi che non è così vicino tanto alla finanza quanto invece all’informazione e quindi ai media, sia un po’ la punta dell’iceberg. Come si risolve? Si risolve, secondo me, attraverso un processo culturale, non si può risolvere in nessun altro modo. Nel senso che la popolazione deve raggiungere la consapevolezza di quello che sta succedendo e per raggiungere questa consapevolezza deve sapere quello che succede. È chiaro che se i media queste cose non ce le dicono, noi dobbiamo andare a cercare questo tipo di informazione da qualche altra parte. Una volta ottenuto questo tipo di informazione ci sarà la consapevolezza. Raggiunta la consapevolezza, a quel punto si farà qualcosa per sbarazzarsi di questi individui. Però se noi rimaniamo nell’ignoranza, che poi è quello che è successo in questo paese negli ultimi trent’anni… Perché nessuno si ricorda quello che ha fatto Mario Draghi, nessuno si ricorda cosa faceva Prodi prima della fine della prima Repubblica, né tantomeno Mario Monti. Questi sono tutti democristiani.

MESSORA: Cosa faceva Mario Monti?

NAPOLEONI: Mario Monti era vicinissimo a De Mita, quindi era uno dei personaggi, giovane, chiaramente ai tempi, giovanissimo, che si muoveva nell’area di De Mita. Adesso io non è che dico che assolutamente noi dobbiamo non credere a questi individui per questo tipo di passato, però che questo tipo di passato esca fuori e se ne parli. Invece no, tutti quanti cercano continuamente di indossare abiti che sono abiti puliti e tutti quanti cercano di ricrearsi la verginità.

MESSORA: E poi se li vanno a lavare in questi grandi gruppi internazionali, dove si prendono decisioni sovranazionali nell’interesse di tutti, decisioni estremamente importanti che non vengono però discusse nei parlamenti nazionali. Anticipo una delle domande che ti sta per porre la rete, perché questa intervista è stata ampiamente promozionata in rete e una delle domande ricorrenti era proprio quella relativa al Gruppo Bilderberg, perché tu sai che ci sono delle dichiarazioni da parte di Imposimato che dice che dalle sue carte, che risalgono a 20-30 anni fa, addirittura emergerebbe un suo coinvolgimento dietro gli anni delle stragi, gli anni di piombo, il terrorismo italiano. Poi tu sei esperta di terrorismo, magari ci puoi dire qualche cosa. C’è chi dice che dentro al gruppo Bilderberg ci sono queste riunioni – lo dico a beneficio di chi non lo sapesse ancora – dove si incontrano a porte chiuse le stesse persone che poi vengono nei parlamenti nazionali a prendere delle decisioni, quindi non si tratta di essere complottisti, si tratta di domandarsi: come mai, se io ti eleggo e ti pago lo stipendio, io non posso capire che tipo di decisione prendi? Dietro queste persone sembrerebbe che ci fosse la CIA oppure addirittura che fossero dietro l’abbattimento del muro di Berlino. Qual è la tua opinione e quali sono le tue conoscenze circa questi consessi privati?

NAPOLEONI: Noi non abbiamo le prove. Sicuramente il Bilderberg esiste, si riuniscono regolarmente ogni anno e quindi non è un segreto. Che poi il Bilderberg manovri il mondo nel modo in cui molti pensano, questo noi non lo possiamo provare, anche perché le riunioni sono tutte a porte chiuse. Però è significativo, secondo me, che alcuni individui ruotano sempre intorno a determinati poli di potere. È anche significativo che alcune decisioni vengono prese da questi individui. Quindi un tentativo di manovrare il mondo che conta sicuramente c’è. Che poi questo tentativo funzioni ho dei dubbi. Perché poi questi individui non sono diversi da noi, cioè non è che hanno un’intelligenza superiore, quindi il potere li consuma nello stesso modo in cui il potere consuma chiunque e quindi ogni tanto incappano in grossi problemi. Esempio: il crollo della Lehman Brothers. Se uno rianalizza il crollo della Lehman Brothers, è molto interessante come il rapporto personale che esisteva tra quei banchieri che si sono riuniti per tutto quanto il fine settimana prima dell’annuncio della bancarotta della Lehman, ha avuto un’importanza maggiore della razionalità finanziaria. La Lehman doveva essere salvata dal punto di vista razionale e lo potevano fare, perché hanno salvato organizzazione ben più grandi della Lehman.

MESSORA: La FED ha emesso 7.500 miliardi di dollari.

NAPOLEONI: Esatto. Però c’era un elemento personale all’interno di questo gruppo nei confronti dei vertici della Lehman. La Lehman stava antipatica. Alla fine, secondo me, quello che è molto interessante nel comportamento di questi individui che noi consideriamo un po’ i sacerdoti di questo nostro mondo, è che alla fine le passioni umane sono sempre quelle che governano, è la famosa buccia di banana su cui cadono tutti. Certo, poi le conseguenze le paghiamo anche noi. Quindi io penso che sicuramente il Bilderberg esiste, sicuramente il suo scopo è quello di poter riuscire a controllare, però non ci riescono e quindi ogni tanto scoppia una bella crisi, ogni tanto c’è un grande crollo, perché il mercato è la forza più indipendente e più democratica che c’è, nessuno lo controlla.

MESSORA: Il debito pubblico è brutto, sporto e cattivo ed è il motivo per cui ci troviamo in queste condizioni oppure no?

NAPOLEONI: Una buona parte del debito pubblico direi che è un debito odioso. Che cos’è il debito odioso? Il debito odioso è un debito di usura ed è un debito che viene contratto con false pretese, con false informazioni. Nel caso dell’Italia io penso che un buon 45% del debito che è nelle mani del settore estero ancora potrebbe essere rinegoziato sulla base proprio di questo concetto del debito odioso, che poi è il concetto che è stato portato avanti anche dall’Ecuador. Qual è la strategia da seguire? La strategia da seguire è che indebitarsi per pagare gli interessi sul debito è illegale, è anatocismo per quanto riguarda l’individuo privato, quindi la persona fisica. Perché non lo deve essere per uno Stato? Noi in realtà ci stiamo indebitando per pagare degli interessi e questo secondo me non dovrebbe essere accettato. Ma c’è anche un altro aspetto che è ancora più importante e che è l’origine della ricchezza finanziaria, proprio perché il sistema bancario è un sistema che poggia sul concetto di impresa privata, quindi le banche centrali sono tutte di proprietà della banche private, per esempio la Banca d’Italia, una parte della Banca d’Italia è della Deutsche Bank, un’altra parte è della BNP Paribas. Quindi qual è l’origine della ricchezza finanziaria? È il debito. Noi ci indebitiamo, gli Stati si indebitano, le banche producono liquidità, quindi le banche centrali producono liquidità, quindi stampano la moneta dal nulla e noi ripaghiamo non solo quella moneta prodotta dal nulla ma anche il tasso di interesse. Se noi ci troviamo in una situazione, tipo l’Italia, con 2.000 miliardi di debito, con un tasso di crescita a -2,6, con un decennale di crescita intorno allo 0,5%, quel debito non potrà mai essere ripagato. Quel debito può essere ripagato solamente con un tasso di crescita al 10%. La Cina cresce tra il 7 e l’8, quindi è impossibile. Allora se io sono il sistema finanziario e io vivo sulla produzione del debito e mi trovo di fronte a una situazione in cui un debito non potrà mai essere ripagato, è nel mio interesse azzerare quel debito al più presto possibile, per poi ricominciare a crearne un altro. Ed ecco quello che noi dovremmo fare, noi dovremmo rinegoziare quel debito. Chiaramente il debito che noi abbiamo con gli italiani, coi risparmiatori italiani, quello deve essere onorato.

MESSORA: Secondo un conto che avevo fatto, il debito detenuto dalle famiglie italiane ammonta a circa il 12%.

NAPOLEONI: Il debito delle famiglie italiane ammonta al 12%. Poi c’è tutto il debito che è stato ricomprato negli ultimi tre anni dalle banche italiane, e siamo circa al 50-55%. Chiaramente le banche italiane quel debito lo hanno ricomprato coi nostri risparmi. Quindi se io non lo ripago… Sicuramente io posso fare un’operazione in cui negozio quel 45%, lo riduco del 50%, mi accordo e poi esco dall’euro, creo un euro a due velocità e quel debito automaticamente mi scende, perché io avrò una svalutazione del 30-40%, ma non importa, perché tanto la moneta che viene utilizzata dal risparmiatore italiano, dalle banche italiane, è la stessa, perché non ho quel rischio di cambio che invece avrei se io mantenessi il debito in euro. Il debito con l’estero l’ho rinegoziato, ho anche rinegoziato il rapporto di svalutazione, perché è chiaro che nella rinegoziazione si parlerà anche di questo, a questo punto io mi trovo in una situazione migliore di quella in cui mi trovo adesso.

MESSORA: Mi domandano sempre dalla rete, siccome tu hai menzionato l’Ecuador prima, se soluzioni alla Ecuador e alla Argentina anche, che si è trovata a rinegoziare il debito – e adesso c’è sempre un dibattito acceso tra la Kirchner e Cristine Lagarde – sono o non sono applicabili per l’Italia, anche in vista del fatto che noi abbiamo delle risorse naturali diverse o anche più scarse, se vuoi?

NAPOLEONI: Io penso che la rinegoziazione del debito possa avvenire in Italia come è avvenuta in Ecuado e come è avvenuta in Grecia. Perché la Grecia questo ha fatto. Alla Grecia è stato abbuonato il 75% del debito, che è una rinegoziazione, è un default tecnico.

MESSORA: Controllato.

NAPOLEONI: Esatto. Però è stato fatto. Non mi sembra che il mercato sia impazzito. Anzi, alla fine del 2012 hanno ricominciato a comprarsi il debito greco.

MESSORA: La Grecia ha meno risorse di noi.

NAPOLEONI: Esatto. Adesso si sono ricomprati anche il debito portoghese. Quindi il mercato non ha nessun problema riguardo a questo. In più alla Grecia è stato abbuonato, nel 2012 – ecco perché io dico se c’è una volontà di azzerare questo debito, perché se no qui non riparte il volano della creazione di ricchezza attraverso il debito – anche quella parte di debito che aveva con organizzazioni sovranazionali e quindi la BCE, l’Unione Europea e il Fondo Monetario. Loro non hanno partecipato a quella riduzione del 75%, però hanno fatto un’altra riduzione. Questo è stato fatto in sordina, non se n’è accorto nessuno, perché era sotto Natale, e lo hanno fatto apposta, perché non vogliono che la Germania in un anno elettorale debba confrontarsi con un elettorato che le domanderà: ma allora a questi qui gli abbiamo abbuonato tutto? Esistono tutti questi meccanismi che chiaramente chi conosce la finanza, chi è operativo sul mercato finanziario tutti i giorni, queste cose le sa e quindi presumo che anche la nostra classe politica le sappia; se non le sanno allora veramente sono degli incompetenti.

MESSORA: Mario Monti è arrivato e c’era lo spread a 587, “fate presto! Fate presto!” e c’erano certi parametri nella nostra economia. Adesso se n’è andato con i parametri tutti peggiorati, in più l’incertezza delle elezioni, e lo spread è a 287, adesso 280, fintamente, per la dichiarazione di Berlusconi sull’IMU. Lui si rivende questa discesa dello spread come un suo risultato. Secondo te dipende da lui o non c’è questa stretta correlazione tra la politica di un governo e lo spread?

NAPOLEONI: Lo spread non è un indicatore economico, quindi non importa se lo spread sta a 500 o a 200. Quello che dobbiamo vedere è l’economia. Se noi avessimo lo spread a 500 con un’economia che cresce al 10%, sarebbe fantastico. Noi invece abbiamo uno spread che è sceso al 2,6-2,8 e abbiamo tutti gli indicatori economici, tutti altamente negativi e in più siamo in contrazione al 2,6%. Quindi che cosa ha fatto Mario Monti? Ha fatto quello che doveva fare per riattivare il volano del debito. Ecco che con un debito vicino al 7% l’investitore straniero non vuole toccare l’Italia, è troppo pericoloso, perché chiaramente l’Italia potrebbe saltare. Saltando l’Italia, quindi bancarotta non volontaria o controllata ma vera e propria bancarotta, perderebbe tutto il suo investimento. Quindi bisogna portare giù, bisogna abbattere lo spread, il tasso di interesse. Il tasso di interesse, lo spread, è l’indicatore del sentimento di mercato nei confronti di un determinato paese.

MESSORA: Ma lo ha abbattuto Monti questo spread o lo ha abbattuto Mario Draghi con le famose LTRO e poi con la dichiarazione secondo la quale avrebbe fatto tutto il possibile per salvare l’euro?

NAPOLEONI: Lo hai detto. Lo ha abbattuto Mario Draghi. Allora, Mario Monti è stato il fiancheggiatore, quindi ha creato le condizioni in Italia per poter offrire all’elettorato del nord Europa un’immagine di un’Italia completamente diversa da quella di Berlusconi. Che vuol dire? Un’Italia non spendacciona, un’Italia più simile alla Germania, in cui si fanno grandi sacrifici e anche un’Italia che accetta la punizione, come è avvenuto in Grecia, quindi che a testa bassa dice: sì, va bene, noi faremo questi sacrifici perché abbiamo sperperato. Ma chi ha rassicurato il mercato finanziario è stato Mario Draghi che ha immesso sul mercato, nel giro di 11 mesi, 2.000 miliardi di euro. 2.000 miliardi di euro! E dove sono finiti 2.000 miliardi di euro? Sono finiti nelle banche. E che cosa hanno fatto queste banche con questi 2.000 miliardi di euro?

MESSORA: Hanno ricomprato il debito.

NAPOLEONI: Hanno ricomprato il debito. Però – interessantissimo quello che è successo – le banche italiane hanno ricomprato il debito italiano, le banche greche chiaramente hanno cercato di arginare il debito greco, ma improvvisamente, alla fine del 2012, ci si è resi conto che il ritorno dell’investimento, il guadagno dell’investimento di chi aveva comprato il debito greco, sul mercato secondario chiaramente, era stato del 74% perché la crescita non è saltata. Perché con tutte queste politiche che poi hanno fatto, questi rendimenti sono saliti, perché è inversamente proporzionale il rendimento sui titoli. Invece chi aveva investito nei titoli di Stato tedeschi aveva guadagnato il 4%. Quindi a dicembre del 2012 questa liquidità che girava ancora nel sistema si è spostata tutta verso il debito della periferia. È questa la grande rotazione di cui chiaramente in Italia non parla nessuno, nessun giornale lo ha scritto. Però diciamo che i giornali stranieri hanno fatto i titoloni su questo. Quindi si è riiniziato a comprare il debito della periferia. Parliamo del Portogallo, Grecia, Italia e via dicendo. Perché il tasso di interesse era più elevato di quello che uno poteva ottenere investendo invece nei titoli non a rischio. Perché? Perché si vuole sempre avere un guadagno rapido. Invece di investire questi soldi nel settore dell’economia reale, le banche hanno ignorato il settore dell’economia reale e hanno ricominciato a fare soldi al grande casinò della finanza. Questa è la situazione attuale.

MESSORA: Tra l’altro dei 30 miliardi che sono stati dati alla Grecia attraverso le operazioni di aiuti dell’Europa, BCE e Unione Europea, al governo greco è impressionante vedere come non sia stata devoluta che una piccolissima percentuale, tutto il resto è finito alle banche che si sono ricomprate il debito e conseguentemente hanno ritrasferito indietro i soldi alle stesse economie che avevano poi generato e prodotto i soldi che si sono presi. Quindi è un giro del fumo senza fine. Secondo te l’euro si romperà, usciremo dall’euro? E aggancio a questa domanda anche la considerazione se secondo te con una moneta sovrana ripartiremmo o sarebbe la catastrofe.

NAPOLEONI: No, io penso che noi dobbiamo uscire. L’ho sempre detto, io sono sempre stata euroscettica, anche quando non c’era nessun euroscettico in questo paese. Noi dobbiamo uscire dall’euro. L’euro è una costruzione monetaria sbagliata. L’euro doveva essere un punto di arrivo e non un punto di partenza, lo dice la teoria economica. Quindi che cosa ha fatto l’euro? L’euro in realtà ha dato ai paesi del nord Europa, in particolare alla Germania, una competitività che non aveva. Quindi ha aumentato la competitività del prodotto tedesco ed ha abbattuto la competitività del nostro prodotto. Perché non dimentichiamoci che l’euro ha bloccato non solo il meccanismo di svalutazione della lira ma anche il meccanismo di rivalutazione del marco. Un tempo tutti volevano comprarsi la BMW, però non lo potevano fare perché c’era un tasso di cambio, quindi con il tempo il marco saliva e la lira scendeva. Oggi che differenza c’è tra una BMW e una Panda? Nel senso, in termini monetari i prezzi sono fissi, quindi è chiaro che la concorrenza, specialmente in alcuni settori del prodotto tedesco, è stata schiacciata e ha portato chiaramente alla chiusura di imprese ma anche alla dissoluzione di alcune industrie. L’industria manifatturiera greca, che contribuiva al 35% del PIL nel 1981, quando la Grecia è entrata nell’Europa Unita è scomparsa, nel 2010 non c’era più nella bilancia dei pagamenti. Il 75% del PIL greco proveniva dai consumi, dove c’è sicuramente anche il turismo, e dagli aiuti economici e finanziari che arrivavano dall’Europa Unita. Quindi ecco il fenomeno della cosiddetta colonizzazione prodotta dall’euro all’interno dell’eurozona o cannibalizzazione, perché poi stiamo tutti insieme, siamo un’area economica, noi distruggiamo parti della nostra stessa economia. Quindi uscire dall’euro è l’unico modo per riprendersi una parte di questa competitività, ma anche per ricostruire quell’industria che è andata distrutta e per farlo abbiamo bisogno di una sovranità monetaria e per avere la sovranità monetaria, quindi per stampare moneta, noi dobbiamo uscire dall’euro, perché altrimenti è la BCE che decide quanto si stampa e dove finiscono questi soldi. Perché ha stampato 2.000 miliardi, che è tantissimo, però noi di questi 2.000 miliardi… Io arrivo dal Veneto, il Veneto è in ginocchio, quello era il volano dell’economia italiana. Il medio-piccolo, ma anche il grande imprenditore del Veneto di quei 2.000 miliardi non ha visto nulla.

MESSORA: Mi chiedono, sempre dalla rete, se conosci la Modern Money Theory, o MMT, e se hai una critica positiva o negativa.

NAPOLEONI: La MMT è, diciamo, una teoria che si interessa principalmente della creazione della moneta e del modo in cui poi questa moneta circola, e va benissimo, nel senso che è molto interessante come teoria. Però noi qui non abbiamo bisogno di una teoria tecnica, di teorie tecniche ce ne abbiamo tantissime. Qui noi abbiamo bisogno di una politica economica. Allora la decisione di uscire dall’euro, la decisione di rinegoziare la nostra posizione all’interno dell’Europa Unita e la decisione di come poi indirizzare la nostra economia, è una decisione politica. La MMT non mi risolve questo problema, assolutamente no. Quindi direi che è una parte tecnica di un processo molto molto più ampio, che però è un processo politico. Non dimentichiamoci che l’economia è sempre subordinata alla politica e questo è l’errore che fanno in molti. Qual è l’errore fondamentale del neoliberismo? Che l’economia funziona meglio. Ricordiamoci Reagan. Reagan è quello che ha lanciato: qual è il vostro problema? Il problema è lo Stato, è il Governo, quindi riduciamolo e sostituiamo il mercato. I risultati sono disastrosi. La teoria marxista, per esempio, anche la teoria di Ricardo, la teoria di Adam Smith, erano teorie sociologiche, politiche ed economiche. Di questo abbiamo bisogno, di tornare a quel tipo di politica che vede l’economia come una sua branca importantissima, ma che prende delle decisioni. Oggi come oggi c’è un tentativo di controllo da parte dell’élite del mercato. Il mercato è libero e quindi il mercato si regola da solo e praticamente dà a questa élite una serie di risultati negativi proprio perché il mercato è libero, quindi non crede alle élite; le élite cercano di condizionarlo. Quindi il mercato è una grandissima forza democratica, ma il mercato non è la politica. Nel senso, il mercato crea anche dei grandi squilibri nella ricerca del profitto. Quindi le due cose sono assolutamente relazionate. Cioè l’élite non può controllare il mercato. Solamente lo Stato può regolarizzare il mercato, non controllare. Ma se io do al mercato il potere dello Stato, allora è la fine. È quello che sta succedendo oggi, che alcune élite, che sono élite del denaro, cercano di manipolare il mercato. Ecco quello che sta succedendo.

MESSORA: Democrazia vendesi.

NAPOLEONI: Infatti! Democrazia vendesi.

MESSORA: L’Europa Unita è un processo elitario ottenuto senza il consenso dei popoli, tutte le volte che sono stati consultati hanno spesso risposto di no. Tu sei europeista oppure credi che l’Europa debba in qualche maniera disgregarsi o come debba trasformarsi?

NAPOLEONI: No, io sono a favore dell’Europa. Secondo me l’idea dell’Europa è fantastica. Nel senso che noi ci siamo trucidati a vicenda per 2000 anni e adesso invece siamo in pace. In passato una crisi tipo questa sarebbe sfociata in un conflitto, ce lo dice la storia. Quindi sicuramente questo l’Europa ce l’ha dato, ci ha dato un’area di pace. Però l’Europa va fatta nel modo giusto, come avevano pensato i famosi padri fondatori dell’Europa. È un processo lunghissimo. Immaginiamo che noi nel giro di 50 anni riusciamo a risolvere i problemi culturali, le tensioni politiche, i risentimenti e via dicendo, di 2000 anni di sangue in Europa. È impossibile. Allora bisogna avere pazienza e non manipolare questa Europa. Perché, insomma, l’euro esiste oggi perché c’è stata una manipolazione da parte della signora Thatcher e di Francois Mitterand con la caduta del muro di Berlino. Nessuno aveva pensato che l’euro sarebbe arrivato nel 2000. Anzi l’euro era, diciamo, l’ultimo obiettivo da raggiungere dopo un processo di integrazione, che iniziava con un’integrazione commerciale, passava per un’integrazione economica, arrivava a un’integrazione fiscale, politica, e poi, alla fine, c’era questa monetina, il premio di questo lungo processo. Invece no. Crolla il muro di Berlino, Helmut Kohl riunifica la Germania. Guardate che io che l’ho vissuto molto da vicino, perché io ho lavorato oltrecortina, dall’80 all’82 io ho lavorato con la Banca Nazionale d’Ungheria e quindi ho vissuto oltrecortina e conosco quelle zone, poi ho lavorato per tre anni per una banca russa, nel 1984-85 l’idea che quel muro crollasse era assurda. Il muro è crollato improvvisamente, ha preso tutti in contropiede. Noi non ce lo ricordiamo perché noi abbiamo una memoria cortissima, infatti non ci ricordavamo che Mario Draghi aveva guidato le privatizzazioni del ’92, quindi figuriamoci se ci ricordiamo con quale velocità è crollato il muro. Allora, Mitterand e la signora Thatcher, siamo in piena guerra fredda ancora, cioè la mentalità del politico occidentale era stata forgiata con l’idea che la guerra fredda sarebbe durata per sempre, questi due vengono presi dal panico, infatti io racconto nel libro che quando fu detto a Mitterand che Kohl aveva iniziato le negoziazioni per la riunificazione, ebbe una crisi isterica che è durata mezza giornata. Nel senso, lì era il panico più totale perché la Germania riunificata è chiaro che sarebbe diventata la più grande potenza, perché la Germania è sempre stata la più grande potenza, i numeri ce lo dicono, per cui la decisione fu: acceleriamo l’euro e imponiamo l’euro alla Germania, di modo che la Germania sarà legata a noi a doppio filo e quindi noi la terremo sotto controllo. L’euro ha dato alla Germania la possibilità di essere la super potenza che è oggi. La Germania nel 1989, con la riunificazione, si trovava in condizioni economiche molto molto peggiori delle nostre, perché non dimentichiamo che la Germania dell’Ovest ha riunificato ed ha eguagliato il marco della Germania dell’Est al marco della Germania dell’Ovest. Lo sforzo economico è stato assolutamente enorme. Infatti hanno alzato i tassi di interesse perché non ce la facevano e lì c’è stato un movimento di capitali massiccio, perché chiaramente i capitali si spostano secondo il tasso di interesse, ed hanno pagato questa riunificazione attraverso questa manovra finanziaria che chiaramente gli è costata tantissimo, perché la Germania poi ha dovuto ripagare. Però adesso con i tassi praticamente allo 0,75%, all’1%, sta guadagnando su questo processo. Quindi ci ha guadagnato all’inizio e ci ha guadagnato anche alla fine. Ma tutto questo perché c’è l’euro. Se non avessimo avuto l’euro tutto questo non sarebbe successo, perché il marco tedesco oggi come oggi sarebbe alle stelle, quindi questo avrebbe frenato l’esportazione. La Germania è il secondo esportatore al mondo. Dopo la Cina c’è la Germania e poi ci sono gli Stati Uniti. Quindi quella politica isterica della signora Thatcher e di Mitterand è alla base di quello che è successo. Gli inglesi infatti nel ’92 hanno cacciato la signora Thatcher e anche in malo modo, perché la signora Thatcher insisteva sul Trattato di Maastricht, voleva appunto entrare nell’euro e l’hanno cacciata. Quindi il suo stesso partito l’ha cacciata. Hanno eletto John Major che è andato a Maastricht e ha detto “noi non c’entriamo, perché questa è una camicia di forza e potrebbe diventare un cappio al collo”.

MESSORA: E noi ci siamo entrati.

NAPOLEONI: Noi ci siamo entrati, abbiamo svenduto il patrimonio nazionale, ci hanno fatti entrare i signori appunto che poi sono andati a lavorare per Goldman Sachs. Perché ci siamo entrati? La risposta è semplice: perché l’entrata nell’euro ha sancito la transizione tra la prima e la seconda Repubblica. Non dimentichiamoci che il ’92 è stato anche l’anno delle stragi. Quindi c’è una transizione politica in cui la vecchia Democrazia Cristiana, il Partito Comunista, cioè quelle entità che erano tipiche della guerra fredda, si dissolvono e ne nascono delle altre e queste altre ottengono la loro legittimazione attraverso il progetto europeista. È l’Europa che legittima queste forze. Quindi noi dobbiamo entrare nell’euro.

MESSORA: Ci hai dato una grandissima spiegazione, perché questo dubbio mi attanagliava fin da una precedente intervista con Nino Galloni che raccontava questo processo che aveva vissuto dall’interno con Andreotti e però non riuscivamo a capire come mai i nostri politici avessero accettato questa proposta di deindustrializzazione italiana che si porta dietro l’ingresso nell’euro insieme a tutto il resto. Adesso invece abbiamo capito che è stato un gioco politico per una transizione tra un vecchio ceto politico e il nuovo ceto politico.

NAPOLEONI: Assolutamente. Infatti io ne parlo nel libro, ci sono due capitoli dedicati a questo, perché il ’92 è un anno fondamentale. Fondamentale per l’euro, è un anno fondamentale per noi, ma anche un anno fondamentale per l’Europa in genere, perché l’Inghilterra, che si trova in una situazione del tutto simile alla situazione italiana, perché l’Inghilterra non regge allo SME; il motivo per il quale noi abbiamo svalutato è perché c’è stata questa massiccia speculazione nei confronti della lira, partita da Soros, perché la lira non reggeva all’interno dello SME, quindi questo serpente monetario dentro il quale le monete potevano oscillare solamente del 2,5% in positivo o in negativo, e nel caso dell’Italia e della Gran Bretagna del 6%. Quindi non reggono queste economie. Allora che succede? Si spacca questo sistema e l’Inghilterra si trova nella stessa situazione dell’Italia. L’Inghilterra non fa una svalutazione come quella italiana perché non ha Soros che la sta minacciando, però il tasso di interesse dell’Inghilterra – io abitavo in Inghilterra in quel periodo – sale al 18%. Io avevo un mutuo e ho dovuto praticamente prendere un secondo lavoro perché non ce la facevo. Noi avevamo contratto un mutuo al 5%, nel giro di due anni è andato al 18. Quindi l’Inghilterra stava in ginocchio, assolutamente in ginocchio, esattamente come stavamo noi. Però gli inglesi non svendono il patrimonio nazionale per risanare le finanze ed entrare nei parametri di Maastricht, ammettono che non possono entrarci, ammettono che non ce la fanno perché non hanno un’economia che sia in grado di poter reggere le economie invece degli altri paesi. Noi non lo facciamo. È chiaro che noi non lo facciamo per motivi politici, non per motivi economici. L’Inghilterra non doveva legittimare nulla. Cacciata la signora Thatcher il Partito Conservatore ha continuato a gestire il paese, ma qui la Democrazia Cristiana non c’era più, qui il Partito Comunista non c’era più. Ecco qual è la spiegazione.

MESSORA: Se usciamo dall’euro dobbiamo uscire anche dall’Europa? Della sovranità nazionale cosa ne pensi?

NAPOLEONI: No, noi non dobbiamo uscire dall’Europa. La Gran Bretagna, la Svezia, la Danimarca non fanno parte dell’euro però stanno in Europa esattamente come ci stiamo noi, quindi si può benissimo uscire. Non esiste un protocollo per farlo, però lo creiamo, lo facciamo, lo negoziamo, nel senso che nulla dura per sempre, sicuramente non gli imperi né tantomeno le unioni tra nazioni. Ma soprattutto noi siamo un paese sovrano, quindi possiamo fare quello che vogliamo, possiamo negoziare quello che vogliamo fintanto che rimaniamo un paese sovrano. Certo, se poi non siamo più un paese sovrano e diventiamo una colonia, la situazione cambia.

MESSORA: Anche perché stiamo firmando un memorandum di intesa su memorandum e ci stiamo impiccando con i Fondi salva-Stati come il MES, poi sarà sempre più difficile dire “no, scusate, vorremmo fare un’altra strada”.

NAPOLEONI: Certo. Apposta “Democrazia vendesi”, perché più andiamo avanti meno democrazia abbiamo, ma anche meno sovranità nazionale abbiamo, fino al momento in cui non ne avremo più nessuna. Già il debito è un cappio.

MESSORA: Ma tu la vedi una soluzione possibile, nella pratica?

NAPOLEONI: Ma certo.

MESSORA: uno potrebbe davvero farlo in Italia o è quasi impossibile? Adesso forse si attrezzeranno per un Monti bis…

NAPOLEONI: Due anni fa a chi avesse detto che la Grecia avrebbe negoziato il 95% di sconto del proprio debito e che non sarebbe implosa, la gente avrebbe detto “ma scherzi? È impossibile”. Su tutti i mercati la Grecia la davano per spacciata, invece è arrivato Mario Draghi, ha fatto queste manovre, che poi ha fatto esattamente quello che gli economisti dicevano che avrebbe dovuto fare: stampare cartamoneta. Però l’ha fatto in un modo in cui nessuno lo sa che lo ha fatto. Cioè in Germania, in Olanda, in Finlandia, c’è il sospetto però non è sicuro.

MESSORA: Sì, però non sono uscite dall’euro. Quello che vorremmo fare noi è uscire dall’euro.

NAPOLEONI: No, ma uscire dall’euro è la stessa cosa, cioè nel senso che tutto si può fare, purché si faccia bene. Noi non siamo in emergenza ancora, ma lo saremo molto presto perché questo è un debito ingestibile. 2.000 miliardi! Quindi noi alla fine del 2013 staremo peggio di come stiamo oggi. Arriveremo a un punto, magari non nel 2013 ma nel 2014, nel 2015, in cui i mercati diranno “ma questi? Gli vogliamo ancora dare dei soldi? Ma non vedete che praticamene la situazione non si risolve?”. Il Giappone è una nazione che ha un debito molto elevato rispetto al PIL, 200%.

MESSORA: Però è interno.

NAPOLEONI: Però è interno, quindi quello non è un problema. Ma nel momento in cui noi abbiamo bisogno di soldi che vengono da fuori… Il Giappone ha la sovranità nazionale, il che vuol dire che il Giappone può stampare tutti i soldi che vuole, li può mettere in circolazione nelle banche e le banche possono acquistare il debito. Ma noi questo non lo possiamo fare, quindi noi siamo dipendenti dall’estero, dalle banche estere e dal denaro all’estero. Arriverà un punto in cui non ce li daranno più o se ce li danno, ce li danno a tassi molto elevati. Quindi prima di arrivare alla crisi totale e di ritrovarci in emergenza, negoziamo prima, negoziamo in tempi di pace, diciamo. Però ci vuole una classe politica che sappia fare questo. Siccome noi abbiamo una classe politica che opera solamente in emergenza perché è una classe non democratica, perché solo chi non è democratico approfitta delle situazioni eccezionali per poter prendere delle decisioni che non sarebbero mai approvate. Noi abbiamo approvato il Fiscal Compact, che è il pareggio di bilancio, senza sapere quello che facevamo. Noi ogni anno dobbiamo tagliare 50 miliardi. Mettiamo caso che nel 2012 si verifica una grandissima alluvione e che noi dobbiamo ricostruire una parte dell’Italia, una grossa regione, noi però abbiamo il Fiscal Compact e quindi non lo possiamo fare. Perché dove li troviamo quei 50 miliardi in più dei 50 miliardi? Perché noi dobbiamo tagliare 50 miliardi! Allora tagliamo la scuola. Ma se io ho una spesa eccezionale, la scuola la taglio non del 10%, la dovrò tagliare del 70%, perché come faccio poi a trovare i soldi per risolvere questo problema di un disastro naturale? Allora io dico, ma questi che l’hanno firmata, ma a che cosa pensavano in quel momento, in Parlamento? Oppure stavano tutti sull’Ipad e stavano su Twitter e Facebook?

MESSORA: Questo è incomprensibile. Io so perché Monti l’ha firmato, perché Monti vuole costruire gli Stati Uniti d’Europa e gli servono dei paesi deboli perché così riesce a fare l’Europa politicamente unita. Quelli che, giustamente tu dici, stavano con l’Ipad in mano, non si capisce che pensavano, che cosa hanno avuto un cambio. Anche lì è un mistero incomprensibile.

NAPOLEONI: Ma io non ho capito. Ma Monti chi è? Un nuovo dittatore? Monti vuole fare l’Europa? Ma è un giocattolo? Ma stiamo giocando a Monopoli? Non ho ben capito. Questo è un paese sovrano. Siamo tutti sovrani. Se vogliamo fare l’Europa la devono fare i cittadini, la devono fare gli italiani, i francesi, gli spagnoli, no Mario Monti. Però questa è la mentalità di chi non vive nella realtà, perché questi sono individui che non vivono a contatto con la realtà, si muovono con la scorta di sei persone, hanno l’autista che li porta da A a B. Io dubito che Mario Monti sia mai salito su un autobus. Forse magari quando andava a scuola dai Gesuiti, non lo so. Però io che prendo l’autobus, prendo il treno e non ho la scorta, non ho l’autista, vivo in un’altra dimensione. Mario Monti ha scritto questo libro che è uscito quasi in contemporanea al mio, lui l’ha presentato e c’era un articolo mi sembra su La Repubblica, chiaramente, dove c’è questa foto… Mario Monti ha presentato il suo libro sull’Europa a Bruxelles, di fronte a una folla di euroburocrati. Io sono praticamente tre settimane che giro l’Italia sui treni, i traghetti e via dicendo e lo presento alla gente comune. Ecco, questa è la differenza. Noi avremmo più bisogno di gente tipo me che invece di andare a Bruxelles a parlare agli eurocrati, parla alla gente. Le campagne elettorali ormai non le fanno più così, le fanno a Bruxelles. È significativo. Bersani va a Bruxelles, Bersani va a Berlino, incontra la Merkel in campagna elettorale. Ma quando mai un politico britannico durante una campagna elettorale, a due settimane dalle elezioni, va a Berlino? Ma sarebbe uno scandalo pazzesco! Perderebbe una quantità incredibile di voti! Invece no, qui viene presentato come un bel gesto: bravo! È quello che noi vogliamo che tu faccia! Non lo so, saranno trent’anni che vivo all’estero ma certe volte non capisco.

MESSORA: Noi avevamo bisogno di qualcuno che rappresentasse gli interessi degli italiani all’estero e ci siamo trovati qualcuno che rappresenta gli interessi esteri in Italia.

NAPOLEONI: Esatto. Ecco perché vanno a Berlino. Ma guarda che questa cosa che vanno a Berlino a due settimane dal voto è molto significativa e tutti i giornali la presentano come una cosa positiva.

Grazie a Maria Laura Borruso per la trascrizione

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

27 risposte a Perché siamo entrati nell’euro? Intervista a Loretta Napoleoni

  • Pingback: BYE BYE TEDESCHI……TORNIAMO ALLA LIRA SUBITO !!!! | MAJANO GOSSIP - Patrick Pierre Bortolotti – LA DESTRA

  • 9
    tupacamaru

    Premetto, ciò di cui sento la mancanza, partendo da quello che ricordo degli anni 70 è una descrizione razionale e articolata del valore del progresso. In definitiva siamo passati attraverso una degenerazione di questo valore, senza possedere lo strumento che ora ci consentirebbe di identificare quanta civiltà è stata sepolta negli ultimi42 anni di storia.

    Detto questo, penso che il discorso sulla svendita del patrimonio pubblico (1992) e il fenomeno dello “stragismo”, comunemente ed erroneamente accomunato al fenomeno rivoluzionario armato, sia responsabilità anche della Magistratura che ancora oggi ha mancato di individuarne chiaramente le responsabilità e punire i colpevoli.

    Attribuire tutto alla élite politica, restringe ingenerosamente il campo delle complicità e corresponsabilità, le quali hanno agito a livello di sistema. Per me questo allargamento del campo è di importanza fondamentale, altrimenti si finirebbe per tradire il sentimento di un paese che vuole riscattare la propria dignità.

    Le trasformazioni degli Enti di Stato in società per azioni sono state un crimine in piena regola, contro il patrimonio e la sovranità del popolo, verso il quale Corte Costituzionale e Magistratura hanno voltato la faccia per non vedere, quest’ultima accennando solamente una timida reazione. Si sarebbe potuta fermare l’espansione del patrimonio pubblico, ma non cambiarne lo Status giuridico, soprattutto per volontà di un parlamento e di un governo non legittimati dai cittadini a tale scopo. Poi nel 93 è avvenuta la finanziarizzazione del sistema bancario, attraverso l’unificazione delle Banche d’affari con le Banche commerciali, in applicazione della II direttiva CEE. La formazione dell’Unione Europea e l’adozione dell’euro hanno costituito l’atto finale che verrà perfezionato dall’Europact, dal Fiscal Compact e dal Fondo Salva Stati, più in generale da tutte quelle forme di sottrazione della sovranità dei popoli europei attuate dagli organismi burocratici sovranazionali. Ma nelle tappe del percorso tracciato, non si può tralasciare 1982 data storica del “divorzio” della Banca D’Italia dal ministero del Tesoro. Una riforma voluta a costo della crescita “esponenziale” del debito per agevolare l’introduzione di un progetto monetario che sarà caratterizzato dall’indipendenza della Banca Centrale Europea dalle politiche economiche degli Stati.

     

  • 8
    rg3

    Non vi sembra strano che Napoletano sia andato in USA pochi mesi prima dell’instaurazione del governo Monti e che ci sia ritornato oggi a pochi giorni dalle elezioni.

    Cosa c’è andato e ci va a fare se non a prendere ordini?

  • 7
    Vulka

    Un affermato dirigente, laureato Bocconi, decide che quest’anno farà vacanze alternative. Basta Mar Rosso, basta Kenya, basta Maldive: sceglie quindi di passare due settimane dalla zia, che ha una fattoria.
    Il primo giorno si alza molto tardi, e si ritrova solo in casa Alla sera quando la zia rientra dai campi, le dice: “Sai zia, oggi mi sono annoiato parecchio, vorrei potermi rendere utile con qualche lavoretto, in modo da ricambiare anche la tua ospitalità. C’è niente che posso fare per aiutarti?”
    E la zia: “Volentieri. La settimana scorsa abbiamo raccolto il fieno; dovresti contare quante balle di fieno ci sono, così so quante ne posso vendere ai vicini. Io domani mi alzerò presto perché devo andare al mercato a vendere le uova, ci vediamo domani sera.”
    Il giorno dopo, il nostro amico dirigente, lo passa a contare le balle di fieno.
    Alla sera quando la zia rientra le dice: “Ho contato le balle di fieno: sono 5842!!”.
    “Bravo nipote, hai fatto proprio un buon lavoro.”
    “Grazie zia; potresti darmi qualcosa da fare anche per domani?”
    “Ma…veramente…non saprei..in effetti ci sarebbe un lavoro abbastanza urgente da fare, però mi scoccia dovertelo chiedere…”
    “Non farti problemi zia, sono contento di poterti aiutare. Di cosa si tratta?”
    “Dovresti concimare tutti i campi, così posso andare al mercato a vendere la frutta.”
    “Ottimo, così potrò stare tutta la giornata all’aria aperta. Spiegami come devo fare, e vedrai che per domani sera sarà tutto a posto.”
    Detto fatto; il giorno seguente lo trascorre a spandere letame sui campi della zia.
    Alla sera la zia: “Bravo hai fatto un lavoro perfetto, mi hai fatto proprio un gran piacere!!!”
    “Già e devi anche sapere che mi sono divertito molto. La vita di campagna comincia davvero a piacermi. Cosa posso fare domani?”
    La zia: “Io devo potare gli alberi, ma immagino che tu sarai un po’ stanco, per cui ti assegnerò un lavoretto facile e poco impegnativo: la settimana scorsa ho raccolto le patate, e prima che io vada a venderle al mercato tu dovresti dividere quelle grosse da quelle piccole.”
    Alla sera quando rientra, la zia trova ancora tutta la montagna di patate da dividere e il nipote con due patate in mano:
    “Ma come, te ne sei stato li tutto il giorno con quelle due patate in mano?
    L’altro giorno mi hai contato tutte quelle balle di fieno, ieri mi hai concimato tutti i campi e hai fatto dei lavori perfetti, non avrei potuto chiedere di meglio.
    Oggi, che dovevi semplicemente dividere le patate hai fatto nulla, come è possibile?”

    “Sai zia, il fatto è che noi della Bocconi, finché si tratta di contar balle e spandere m**da non abbiamo problema; è quando dobbiamo prendere una decisione che non sappiamo cosa fare….” 

  • 6
    Prodigio

    Voglio ringraziare Messora per questa intervista ma soprattutto ringraziare Loretta Napoleoni che con chiarezza assoluta e concetti che corrispondono a mio modo di vedere alla pura realtà, ha dato vita a quasi un’ora di giornalismo vero e diretto. 

    Veramente, ma veramente, un gran bell’ascolto!

    Grazie 

     

    P.S.: invito tutti a divulgare questo video, il più possibile

  • 5

    Dunque:

    1. è semplicemente folle chiedere la rinegoziazione del debito per riprendere a far nuovo debito. Si rende conto che nessuno le presterebbe più soldi, dopo che lei avrà fatto perdere un sacco di denaro agli investitori?
    2. si decida: l’euro è frutto di un “gomblotto” di Francia e Gran Bretagna per imbrigliare la potenza tedesca dopo la caduta del Muro e la riunificazione tra Est e Ovest, o è frutto di un “gomblotto” della Germania per deindustrializzare il resto del continente?
    3. perché l’economia italiana è così dipendente da una moneta debole, rispetto alla Germania? Come fa la Germania a vendere i suoi prodotti nonostante l’euro forte, e l’Italia che usa la stessa moneta non ci riesce?
    4. Lei davvero è convinta che una BMW e una Panda costino uguale, grazie all’euro forte?
    5. sul Fiscal Compact lei non è informata. Non chiede di ridurre il debito del 3% del PIL ogni anno, ma di ridurre il rapporto debito/PIL di 1/20 la quota eccedente il 60%. Significa quindi che non dobbiamo pagare 45/50 miliardi l’anno, come lei erroneamente dice, ma che va ridotto il rapporto debito/pil. Ad esempio, basterebbe il pareggio di bilancio e una crescita netta del PIL dell’1% per rientrare nei parametri del Fiscal Compact. Quindi altro che pagare 50 miliardi l’anno, si informi!
  • 4
    Clausius

    Sarò un catastrofica paranoico ma la Napoleoni propiro non mi convince.Ci sono molte cose condivisibli nella sua intervista,quasi banali per i frequentatori del blog.E ci sono affermazioni un po’ strane,contraddittorie.

    Posso dirlo liberamente senza esser censurato?

    Le sue incertezze,il nervosismo e quindi l’ansia con cui esprime alcuni concetti,puzzano di “me ce butto e se va va” !!

    Condivido molte cose di quelle che ha detto,poi sono rimasto incantato sulla ” democrazia dei mercati”.

    Prendiamo il mercato della prostituzione! Una me la da a 50 e l’altra,perchè più stretta me la a 60.OK…sarà antimorale………………………………………ma che cacchio sto a dì!…Con quel nome mi viene in mente Kubrik in Barry Lindon.Con tutto il risprtto per il lavoro saltuario !

    Cioè…..Claudio Messora…..La Napoleoni era fritta come n’uovo sulla pietra e tu n’c**zo?

    Ok che ha detto cose condivisibili ma sta donna “esperta in terrorismo” ti ha sedotto e abbandonato!

    Se non sapessi che sei un bravo papà e che sei buono metterei la punta più grossa sul martello pneumatico e ….no….

    Maremma che c**zate che ha detto!! Ma non è che vuole far carriera nel prossimo venturo?

    No perchè se fosse così le ricorderei di leggersi “La fortezza vuota ” di Betteleheim,ordinare,prevedere,agire.

    Ma anche Piaget diceva le stesse cose.Solo che se si tratta di risposte su un blog…!!!!

    Ah già! Quì l’IO viene sottovalutato.

    Con la poca efficienza del mo cervello rimango in attesa.Di cosa ? Delle solite pallottolele 7.62 verso i greci,portoghesi,italiani ecc….

    MA VI RENDETE CONTO CHE NOI ANDIAMO AL RALLENTATORE MENTRE IL RESTO DEL MONDO ARRANCA E MANCANO ALL’APPELLO ANCORA 2/3 MILIARDI DI INDIVIDUI,VIVI E VEGETI,CHE HANNO BISOGNO DI TUTTO?

    Se son pazzo son pronto al Serenase.

  • 3
    Steve

    Tutto molto interessante, anche se ritengo più semplice e attuabile l’idea di Marco Cattaneo già riportata da qs stesso blog, che però non vedo prendere piede nell’opinione pubblica.

    Rinegoziare il debito è in ogni caso una strada più che percorribile.

     

    Grazie a Loretta e Claudio

  • 2
    gemini24

    Nell’intervista c’è un grande assente: gli Stati Uniti. Sono stati gli sponsor dell’Unione Europea priva di autonomia politica, hanno piegato l’allargamento alle esigenze della NATO e del contenimento della Russia, hanno assunto un ruolo pesante nelle scelte politiche italiane degli anni ’90 e attuali. I conflitti e la cooperazione tra stati europei vanno considerati in un’ottica più larga con il primo attore esterno al continente

  • 1
    Euroleso

    La Grecia è il successo dell’Euro!

    (Mario Monti all’Infedele il 26 settembre 2011)

    Oggi secondo me, stiamo assistendo, non è un paradosso, al grande successo dell’Euro, e qual è la manifestazione più concreta del grande successo dell’Euro? La Grecia, perché? Perché l’Euro è stato creato, sì per avere una moneta unica, ma soprattutto per convincere la Germania, che ha fatto il grande sacrificio di rinunciare al Marco per avere una moneta comune europea, che attraverso l’euro, attraverso i vincoli che nascevano con l’euro, la cultura della stabilità, il Presidente Ciampi richiamava sempre la cultura della stabilità tedesca, si sarebbe diffusa un pò per volta a tutti, quale caso di scuola si sarebbe mai potuto immaginare, caso limite, di una Grecia che da, è costretta a dare abbastanza peso, alla cultura della stabilità che sta trasformando se stessa.

  • 0
    BatMan

    Evito di entrare nella macchinosa macchina da guerra del bilderberg finanziario globale.

    Faccio un semplice ragionamento:

    Per entrare a far parte dell’euro dei massoni e delle banche il popolo Italiano è stato chiamato in causa ad esprimere il suo parere?Direi di no

    Allora perchè dobbiamo accettare questi meccanismi e queste regole fiscali da un qualcosa che viene servito come unica portata quando al tavolo ci sono altre portate nel menù?

    L’italia è guidata da politici senza palle e prospettive a livello socialnazionale ,senza uomini di stoffa e petto si cede il passo ai pupazzi messi dai poteri internazionali che inpongono modelli di espansione geoeconomico errate.Noi, senza renderci conto che le ricette elaborate da quelle menti malate della serie “o ti bevi questa minestra o ti butti dalla finestra” sono un cancro per i cittadini stiamo facendo la fine dei tracchi.Bisogna riprendersi la sovranità decisionale mentale e patrimoniale. 

  • -1
    bigme

    Messora, quando fai quella faccia pensante somigli a Lucarelli.

    Paura, eh?

  • -2
    Innovazione

    Sta per scoppiare una GUERRA delle valute…

    • il Giappone stampa soldi,
    • gli USA idem,
    • la Gran Bretagna idem,
    • noi vogliamo uscire dall’Euro per stampare soldi e svalutare,
    Se l’Euro di disintegra, la Germania sarà costretta a stampare soldi per non far rafforzare troppo la sua moneta (Marco?);
    Peccato che la seconda Guerra Mondiale è iniziata proprio così!!
    A una guerra delle valute, segue sempre una Guerra reale con le armi… e noi vogliamo dare il nostro contributo a tale catastrofe.
    Secondo voi la Cina che sta accumulando oro a non finire, accetterà che i suoi oltre mille miliardi di dollari che ha investito diventico carta straccia per la svalutazione del dollaro.
    Si sta creando un circolo vizioso molto pericoloso!
     

  • -3
    Zon

    giug ha scritto :
    infatti nell’ intervista specifica e sottolinea bene che il mercato andrebbe anche regolamentato dalla politica (certo non quella di oggi dei finanzieri, scontato).

     

    Allora vediamo di attribuire correttamente le caratteristiche “nobili” all’origine da cui provengono ed impieghiamo questa come punto di paragone e non, usando un termine finanziario, i suoi “derivati”. Peraltro specifico che, a mio parere, nemmeno la politica è la vera origine di una seria riflessione sulla democrazia, almeno non questa politica corrotta e partitocratica: alla radice ci sono da sempre domande che riguardano l’uomo nella sua interezza e una buona politica e democrazia non possono non tenerne conto.

  • -4
    Vulka

    Guardi: non sono economista internazionale, ma almeno so dividere le patate piccole da quelle grosse..!

  • -5
    Zon

    L’articolo e le argomentazioni sono d’indubbio interesse, anche perché provengono da una voce che sembra fuori dal coro. Tuttavia mi preoccupa alquanto leggere che il mercato venga definito una grandissima forza democratica, dopo aver affermato e riconosciuto che il medesimo (e non solo) sia frequentemente mosso da forze irrazionali od orientate all’esclusivo interesse di parte. Seguendo questo principio, allora anche il Far West era democratico, nel senso che si poteva portare una pistola e chi estraeva per primo aveva ragione (magari puntando alle spalle). Mi pare che il mercato abbia più volte dimostrato di muoversi sotto spinte compulsive e imprevedibili e che, fino a prova contraria, si fondi su necessità immediate che spesso danno prova di saper ragionare davvero poco. Al confronto, l’entropia fisica è quantomeno neutra poiché segue la logica delle cose naturali e non delle speculazioni umane indotte da semplici bisogni, desideri incontrollati o vere megalomanie. Forse ho una strana concezione della democrazia, ma se il principio su cui si fonda non rimane super partes e si identifica con ciò che accade ipso facto, c’è il serio rischio che si modelli sempre più sulle caratteristiche intrinseche di quei settori che dovrebbe invece contenere e regolare.

    • -5.1
      giug

      infatti nell’ intervista specifica e sottolinea bene che il mercato andrebbe anche regolamentato dalla politica (certo non quella di oggi dei finanzieri, scontato).

    • -5.2

      La Napoleoni intendeva dire che il mercato nella sua versione base, lasciato libero di regolarsi, è “democratico” nel senso che si basa sulla legge della domanda e dell’offerta, e premia i “prodotti” che riscuotono maggiore consenso (per fare un’analogia).
      Ma certo, il mercato non si pone problemi di stato sociale, di redistribuzione della ricchezza, di welfare e così via. Questo è (o dovrebbe) essere il compito della politica, cioè della “disciplina politica”, che dovrebbe essere, in quanto per definizione amministratrice del bene comune, la sola autorità in campo di ogni regolamentazione.

    • -5.3
      Zon

      Allora vediamo di attribuire correttamente le caratteristiche “nobili” all’origine da cui provengono ed impieghiamo questa come punto di paragone e non, usando un termine finanziario, i suoi “derivati”. Peraltro specifico che, a mio parere, nemmeno la politica è la vera origine di una seria riflessione sulla democrazia, almeno non questa politica corrotta e partitocratica: alla radice ci sono da sempre domande che riguardano l’uomo nella sua interezza e una buona politica e democrazia non possono non tenerne conto.

  • -6
    Zon

    L’articolo e le argomentazioni sono d’indubbio interesse, anche perché provengono da una voce che sembra fuori dal coro. Tuttavia mi preoccupa alquanto leggere che il mercato venga definito una grandissima forza democratica, dopo aver affermato e riconosciuto che il medesimo (e non solo) sia frequentemente mosso da forze irrazionali od orientate all’esclusivo interesse di parte. Seguendo questo principio, allora anche il Far West era democratico, nel senso che si poteva portare una pistola e chi estraeva per primo aveva ragione (magari puntando alle spalle). Mi pare che il mercato abbia più volte dimostrato di muoversi sotto spinte compulsive e imprevedibili e che, fino a prova contraria, si fondi su necessità immediate che spesso danno prova di saper ragionare davvero poco. Al confronto, l’entropia fisica è quantomeno neutra poiché segue la logica delle cose naturali e non delle speculazioni umane indotte da semplici bisogni, desideri incontrollati o vere megalomanie. Forse ho una strana concezione della democrazia, ma se il principio su cui si fonda non rimane super partes e si identifica con ciò che accade ipso facto, c’è il serio rischio che si modelli sempre più sulle caratteristiche intrinseche di quei settori che dovrebbe invece contenere e regolare.

  • -7
    Zon

    L’articolo e le argomentazioni sono d’indubbio interesse, anche perché provengono da una voce che sembra fuori dal coro. Tuttavia mi preoccupa alquanto leggere che il mercato venga definito una grandissima forza democratica, dopo aver affermato e riconosciuto che il medesimo (e non solo) sia frequentemente mosso da forze irrazionali od orientate all’esclusivo interesse di parte. Seguendo questo principio, allora anche il Far West era democratico, nel senso che si poteva portare una pistola e chi estraeva per primo aveva ragione (magari puntando alle spalle). Mi pare che il mercato abbia più volte dimostrato di muoversi sotto spinte compulsive e imprevedibili e che, fino a prova contraria, si fondi su necessità immediate che spesso danno prova di saper ragionare davvero poco. Al confronto, l’entropia fisica è quantomeno neutra poiché segue la logica delle cose naturali e non delle speculazioni umane indotte da semplici bisogni, desideri incontrollati o vere megalomanie. Forse ho una strana concezione della democrazia, ma se il principio su cui si fonda non rimane super partes e si identifica con ciò che accade ipso facto, c’è il serio rischio che si modelli sempre più sulle caratteristiche intrinseche di quei settori che dovrebbe invece contenere e regolare.

  • -8
    Shank

    Personalmente non concordo con la lettura della Signora a riguardo del gruppo Bilberberg… saranno anche comandati dalle passioni come dice lei, ma il punto é che se lo possono permettere. Lei parla della razionalità che si sarebbe potuta applicare nel salvare la Lehman; ma quella razionalità é figlia del teatrino dell’economia mondiale, il Bilberberg ne sta ben al di fuori, é il marionettista… operano per destabilizzare e distrarre, gliene frega relativamente dei soldi, quelli già ce li hanno, e possono acquisirne quantità assurde facendo crollare un paio di stati dall’oggi al domani se solo volessero o ne avessero bisogno. A loro interessa il potere assoluto, sono bramosi, ben oltre l’umana avidità. Non si può trarre il profilo psicologico del marionettista guardandolo come fosse una marionetta… é un pensiero che può fare solo una marionetta. Senza offesa per la signora o altri, é solo un esempio per far comprendere il mio pensiero.

    Nulla da eccepire sul resto cmq.

    Buona serata.

  • -9
    Ross_1

    Beh, il succo è quello/questo:

    Abbiamo tutta una classe politica che si ostina ad andare contro gli interessi del popolo, questa è la verità. (punto!)

    La moneta unica è un ERRORE COLOSSALE, lo sanno benissimo, ma a questa classe dirigente fa comodo rimanerci e della gente, a loro, non gliene po’ fregà de meno.

    Continuiamo così? …

  • -10
    lalla

    http://www.vocidallastrada.com/2013/02/chi-controlla-il-denaro.html

    CHI CONTROLLA IL DENARO?

    LO FA IN SEGRETO LA BANCA CENTRALE MONDIALE NON ELETTA E SENZA  RENDERE CONTO A NESSUN GOVERNO

    Un’organizzazione internazionale immensamente potente, di cui la maggior parte delle persone non ha mai nemmeno sentito parlare, controlla segretamente l’offerta di moneta del mondo intero. Si chiama Banca dei Regolamenti Internazionali, ed è la banca centrale delle banche centrali. Si trova a Basilea, in Svizzera, ma ha filiali anche a Hong Kong e Città del Messico. Si tratta essenzialmente di una banca centrale non eletta, indipendente e che ha la totale franchigia dalle imposte e dalle leggi nazionali. Anche Wikipedia ammette che ” non risponde a nessun singolo governo nazionale.” 
    La Banca dei Regolamenti Internazionali è stata utilizzata per riciclare denaro per i nazisti durante la seconda guerra mondiale, ma in questi giorni lo scopo principale della BRI è quello di guidare e dirigere il sistema finanziario globale destinato ad essere unificato. Oggi, 58 banche centrali globali appartengono alla BRI, e influiscono sul modo in cui l’economia degli Stati Uniti (o qualsiasi altra economia) si svolgerà nel corso del prossimo anno molto più di un qualsiasi politico.
    Ogni due mesi, i banchieri centrali del mondo si riuniscono a Basilea per un “Convegno di Economia Mondiale”. Le decisioni che vengono prese durante questi incontri  interessano ogni uomo, donna e bambino sul pianeta, eppure nessuno di noi ha voce in capitolo su quello che succede. La Banca dei Regolamenti Internazionali è un’organizzazione  fondata dall’élite globale, opera a vantaggio delle élite globali ed è destinata ad essere uno dei cardini principali del nascente sistema economico mondiale. E’ imperativo che le persone vengano informate su ciò che è questa organizzazione e dove ha intenzione di portare l’economia globale.

    Purtroppo, solo pochissime persone  sanno veramente cos’è la Banca dei Regolamenti Internazionali, e ancora meno persone sono a conoscenza delle riunioni di economia globale che si svolgono a Basilea su base bimestrale.
    Questi incontri di economia globale sono stati discussi in un recente articolo del Wall Street Journal

  • -11

    Qualche domanda che avrei fatto io alla Napoleoni

    1) 14 mesi fa aveva previsto la fine dell’euro (nel giro di 3-4 mesi). L’euro è ancora lì e sembra per ora aver superato la sua crisi. Come economista ritiene di aver sbagliato?

    2) Lei spesso si è fregiata del titolo di professoressa pur senza avere una cattedra. Ritiene che il titolo sia più importante della sostanza?

    3) Lei faceva (o fa) parte del piccolo pool di “super-esperti” che avrebbe dovuto dare una mano al comune di Parma guidato da Pizzarotti. Quando è stata l’ultima volta a Parma? E di quali atti del comune lei si attribuisce la paternità?

    • -11.1

      la terza c’è e sarà pubblicata a parte, perché in questo contesto che si riferisce al macro scenario internazionale non era pertinente. Per le altre, bastava che tu le inviassi, seguendo la procedura che ho descritto quando ho lanciato l’intervista.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Grazie Giorgio Napolitano!? Chapeau!? Si sono bevuti il cervello!?

M5S Grazie Giorgio Stiamo parlando di Giorgio Napolitano? Quello che nel 2011 ha spianato la strada alla troika del governo Monti? Quello che ha firmato qualunque cosa? Quello che nel 2013, quando c'erano le consultazioni per formare un nuovo governo, ha chiamato al Quirinale Pdl e Pd ignorando il...--> LEGGI TUTTO

Ce lo chiede Beppe

Ce lo chiede Beppe Quindi, ricapitolando, il "collegio dei probiviri" di un movimento di democrazia diretta come il M5S è composto da tre nomi fatti per intero dal capo politico, senza che la "rete" possa nominarli non dico tutti, ma almeno un paio o anche uno solo. Peggio del direttorio dove...--> LEGGI TUTTO

Vota Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Mancano poche ore! Hai votato!?

macchianera internet awards 2016 vota byblu Vuoi contribuire in qualche modo a far conoscere questo blog? Ci sono tre giorni di tempo per votare Byoblu ai Macchianera Internet Awards 2016. Votate per almeno 10 categorie e usate un vostro indirizzo email reale, altrimenti il vostro voto sarà nullo. Byoblu si trova nella categoria "30....--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Dai siti web agli oggetti web: la rete delle idee che sta per arrivare.

Libro digitale su una panchina internet delle cose Che lo crediate o no, c'è stato un tempo in cui per costruire un sito web di successo bastava conoscere un po' di html. Era la fine degli anni '90 ed è stato così anche per una buona parte degli anni 2000. Affittavi un po' di spazio...--> LEGGI TUTTO

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Renzi vs Gruber: volata finale sul Referendum

Renzi Gruber Referendum Otto e 1/2 Sintesi dell'intervento di Matteo Renzi, questa sera, a Otto e Mezzo, per la volata finale sul Referendum Costituzionale....GUARDA

La Santanché furiosa sui pallisti Pd diventa una bestia

la santanche furiosa sui pallisti pd diventa una bestia Daniela Santanché si infuria a Coffee Break sul voto di Forza Italia alla Camera sulla Riforma Costituzionale, e chiede il fact checking. Guarda anche: ...GUARDA

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì

Referendum: le COJONATE di Franceschini e Poletti sulle ragioni del Sì Le cojonate di Franceschini e Poletti, ministri della cultura e del lavoro, a Tribuna Politica di Semprini, nel tentativo imbarazzante di difendere le ragioni del sì al Referendum Costituzionale, fanno sembrare le forziste Laura Ravetto e Anna Maria Bernini due emerite costituzionaliste. Tante fesserie tutte insieme...GUARDA

Scontro Berlusconi Berlinguer sul Referendum: “Qualcos’altro da aggiungere?”. “Sì: sarebbe un regime!”

Berlusconi Berlinguer Referendum Scontro tra Silvio Berlusconi e Bianca Berlinguer, che non gli permette di elencare le ragioni del No al Referendum Costituzionale. - "Ha qualcos'altro da aggiungere?". - "Sì... Sarebbe un regime!"....GUARDA

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi

Fusaro: se vince il No, arriverà un governo tecnico guidato da Mario Draghi Diego Fusaro: "Se al Referendum Costituzionale vince il sì, come vogliono le élite, distruggono la Costituzione, desovranizzano lo Stato e impongono l'Unione Europea come Banca Centrale che decide per tutti. Se vince il no l'élite ha pensato anche al piano B, perché il popolo si sta...GUARDA

MELONI A RENZI: SCIOCCATA DA QUANTO SEI BUGIARDO!

giorgia meloni vs matteo renzi sei un bugiardo Giorgia Meloni si scontra violentemente con Matteo Renzi, durante la campagna per il referendum costituzionale, sul Porcellum e sulle liste bloccate, che Renzi sostiene di avere tolto dall'Italicum....GUARDA

Silvio Berlusconi su Beppe Grillo: “Non posso parlarne bene”.

Berlusconi su GrilloSilvio Berlusconi su Beppe Grillo a Matrix: "Mi piace parlare delle persone quando posso parlarne bene. Quando devo parlarne malissimo, ...evito". ...GUARDA

Nino Galloni mena schiaffoni anche alla Presidenza del Consiglio

galloni marattin Nino Galloni si scontra con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del Consiglio di Matteo Renzi, su banche, Referendum, privatizzazioni, debito pubblico, mercati e scenari catastrofici....GUARDA

Film, libri e Dvd

Il ritorno alla bellezza passa anche dall’acquisto di un oggetto di design

Design e bellezza Ci sono oggetti che devono semplicemente funzionare, non importa quanto siano brutti. E, soprattutto, devono rompersi in fretta, in maniera da poter essere acquistati nuovamente, e poi ancora, e ancora, infinite volte. Tante quante bastano a soddisfare le esigenze del sistema produttivo. Altri devono semplicemente essere...==> GUARDA TUTTO ==>

Le cuffie migliori per la musica

Cuffie Pryma C'era un tempo in cui il mangiadischi la faceva da padrone. La cosiddetta alta fedeltà era un lusso per pochi, spesso riservata agli studi di registrazione dove le celebrità registravano le loro nuove hits. Poi vennero gli Hi-Fi, prodotti consumer ma con la capacità di riprodurre un'ampia...==> GUARDA TUTTO ==>

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>