Un uomo che cambia, cambia il mondo – Simone Perotti

SIMONEPEROTTI-blog

Come opporsi a un sistema economico dove le decisioni vengono prese ad altezze siderali? Una sola, fondamentale domanda cui Simone Perotti risponde presentando un’alternativa affascinante, un cambio di prospettiva radicale. L’unica rivoluzione che possiamo fare è quella interiore, perché un uomo che cambia, cambia il mondo.

Intervista a Simone Perotti – scrittore

 a cura di Valerio Valentini

Sono Simone Perotti. Sono uno scrittore, scrivo saggi, romanzi. Ho 47 anni e vivo in Italia. “Downshifting” e “scollocamento” sono due parole che ricorrono spesso in quello che scrivo e in quello che faccio. Sono la conseguenza teorica e anche la premessa del cambiamento di vita che ho fatto per cercare di vivere nella maniera più autentica possibile, cercando di avvicinarmi all’idea che ho di me. Quando lavoravo tutto il tempo, quando consumavo in maniera inadeguata alla produzione di benessere per me, quando vivevo in luoghi che non erano adatti a me, quando frequentavo persone che non erano le persone che avrei dovuto frequentare, quando non passavo il tempo da solo che è necessario che io passi per cercare di essere un essere umano, di rimanere il più possibile collegato alla realtà, e tante altre cose che sarebbe lungo enumerare, non ero scollocato e avevo bisogno di cercare la mia rotta. Ognuno ha la sua, io sto tentando la mia, e questo è quello che consente a quello che scrivo e a quello che faccio di essere preso davvero per quello che è.

 

C’è un aspetto molto importante in quest’epoca che è quello del collegamento tra il pensiero e l’azione, quella che io chiamo “la catena corta”. È necessario fare ciò di cui si parla, è necessario parlare di ciò che si è. È necessario in qualche modo testimoniare, soprattutto se ci si pone l’obiettivo di avere un impatto politico, come io credo ogni scrittore dovrebbe avere. Perché fare letteratura, anche quando non si affrontano temi spiccatamente politici, è fare politica. Così come vivere è fare politica. E da questo punto di vista mi stupisco sempre un po’ di vedere quante occasioni di politica noi perdiamo, nella nostra vita quotidiana, in ogni nostra azione, magari poi rivendicando la necessità di andare a votare come se fosse un gesto politico. Il gesto politico è fino al giorno in cui si vota, e dal giorno dopo in cui si è votato, non durante.

Ciò di cui parlo io, ciò che ho fatto, e quello che appassiona anche tante persone a quello che scrivo è la conseguenza, o è un tassello, di un ampio pensiero politico e di un ampio pensiero esistenziale che fanno capo a tanti pensatori, a tanti teorici, e a migliaia di persone che stanno cambiando la loro vita. La grande informazione non dà spazio ai temi della decrescita, ai temi del cambiamento dell’obiettivo e della strategia di vita e di pensiero, che sono necessari in un’epoca in cui il sistema sta implodendo, sta crollando. La premessa che tutti avrebbero avuto parte di questo di sistema, e che il sistema sarebbe sempre cresciuto e avrebbe generato benessere, è saltata. E quindi già da molto tempo, da Latouche a tanti altri, molti intellettuali ragionano su una diversa prospettiva di vita.

Quello che forse rende diversa la teorizzazione abituale con quello che più volte mi è capitato di dire, certamente mi capita di fare, e che spesso mi è capito di scrivere, è che io credo che il grande ostacolo al pensiero della decrescita e di un diverso modo di organizzare la nostra vita sia l’attesa di una costruzione collettiva, sia l’attesa di un movimento ampio che generi massa critica per poter cambiare le cose. Io questo movimento ampio non lo aspetto, non credo molto nemmeno nel suo valore. Penso che l’ampiezza di un movimento sia data dalla quantità di singoli individui che decidono di cambiare vita, e penso che ogni singolo individuo abbia l’unica grande responsabilità di pensare, organizzare, progettare e agire individualmente. Non c’è nessuno ostacolo a farlo: tutti gli ostacoli che noi invochiamo generalmente sono ostacoli fittizi che servono solo a ritardare il giorno della partenza, mentre per la rotta che è giusto fare è possibile salpare ogni giorno. E credo che la fase nuova che ci aspetta sia già alla portata di mano.

Io ho nel mio piccolo – frase che non amo, ma che serve semplicemente a far capire l’orizzonte, diciamo, della mia visuale – ho cambiato il 70/80% del mio approccio con l’esistenza, delle cose che faccio, del mio rapporto col denaro, del mio rapporto con la produzione, col consumo, del mio apparato di relazioni, della mia gestione del tempo e della quantità di sforzo quotidiano nel tentativo di organizzare la mia vita il più possibile in maniera originale e autentica. Da questo punto di vista io sono già salpato. Bella o brutta che sia la mia rotta, non sto attendendo che altri, o un movimento, o un partito, legittimo il mio bisogno e la mia richiesta di cambiamento.

La richiesta, generalmente, è quella di una vidimazione del nostro percorso, di un’autenticazione da parte di un partito, di un movimento, di un apparato ideale di ciò che pensiamo, e in qualche modo del coinvolgimento della nostra storia all’interno di una storia più ampia. Quest’ordine di cose, questo presupposto comunitario e relazionale, è sempre stato un enorme ostacolo: nessuna delle soluzioni che noi attendiamo o di cui siamo alla ricerca verrà dall’alto. Ciò che è accaduto fin qui ci dimostra che nessun processo di cambiamento può esser più affrontato se non correndo il rischio che a guidarlo siano driver economici, finanziari, e quindi politici in seconda battuta. Le grandi decisioni di questo mondo, della nostra cultura, vengono tutte prese ad altezze siderali sopra la nostra testa, non tengono affatto conto della nostra vita come individui, e quindi ci impongono un cambiamento rapido, individuale, sotto la nostra responsabilità, convinti che un uomo che cambia cambi il mondo. Perdere questa convinzione significa perdere il potere dell’azione individuale e significa relegarci in un ambito d’attesa che la storia ha dimostrato non essere più possibile. Nessuna chiamata alle armi funzionerà, nessun movimento organizzato funzionerà. È dimostrato – nel mio caso certamente, ma in tantissimi altri casi – che un uomo può alzarsi, muoversi, prendere una nuova direzione e farlo in questa vita, adesso, sotto la propria responsabilità. Le azioni individuali che sono consentite oggi sono tantissime. E il fatto che il mondo sia orientato in un’altra direzione è la riprova che stiamo attendendo troppo.

Il piacere della vita, il senso della vita è nel tentativo di somigliare all’idea di uomo che si ha, a quell’uomo che ancora non si è, ma che si è certi di poter essere. Quell’uomo noi non lo siamo ancora. Occorre smettere il più possibile, nel mio caso perlomeno, di essere ciò che si è, e tentare di essere ogni giorno un po’ più simili all’idea che si ha di sé. Questa è l’autenticità. L’idea che avevo di me era molto diversa da quella che guardavo quando mi guardavo allo specchio: immaginavo un uomo più libero, più coraggioso, più in grado di intraprendere strade nuove, e un uomo, quindi, che fosse più motivato, più in viaggio e più responsabile. Quando ho tentato di cambiare la mia vita nessuno me l’ha impedito, le uniche cose che me lo impedivano erano le mie paure, e quindi è stato anche molto più semplice del previsto tentare di vincerle.

Buon vento.

 

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

42 risposte a Un uomo che cambia, cambia il mondo – Simone Perotti

  • 19
    Guit

    Lei signor Perotti, in altro sito propone la Festa dell’Uomo come giornata di pentimento maschile e di auto-coscienza, per sintetizzare, contro il femminicidio. Non posso credere che non sia al corrente del ruolo che la causa neo-femminista svolge nell’ambito del soft-power, cioè di quella tristemente nota strategia imperialista portata in nome di “giusta causa”. Il femminicidio, cioè quel reato inesistente, ennesima invenzione del femminismo per tenere la psiche degli uomini sotto la pressione del senso di colpa e dell’inadeguatezza, è un drone culturale per la destabilizzazione dei popoli e il loro assoggettamento profondo a politiche e ingegnerie sociali che trovano origine nelle stanze di quelle stesse oligarchie contro cui, in altri casi, tende a scagliarsi. Posso dal mio punto di vista permettermi di affermare che lei, e chi le fa compagnia, non avete capito il gioco. Potete strillare contro il capitalismo finanziario globale, contro la perdita di sovranità ma poi, agite al suo servizio. Questo è il vostro nuovo vecchiume, ciò che prima o poi vi toglierà credibilità e consenso. Mi sembra che Grillo si sia finora tenuto abbastanza alla larga da queste teorie, perché evidentemente lui, almeno lui, deve aver capito qualcosa di più. Ma la base traballa, si lamenta, ogni tanto chiede, come la Salsi, l’introduzione nell’agenda politica di queste faccende. Vedremo. Sono curioso di vedere come andrà.

     

     

     

    • 19.1

      Francamente molto poco ho capito del suo eloquio intriso a mio avvio di frasi fatte atte a dimostrare il tutto e il nulla. Francamente il dato che si può trarre dalla lettura/visione dell’intervista è: Aiuta te stesso ad essere libero che solo così facendo potrai liberare anche gli altri. Questo può avvenire non tanto per un senso di altruismo ma piuttosto da una convenienza personale. Tutto il resto non è pertinente alla discussione.

  • 18
    ciuni

    Certo è verisimo , cambiare  pensieri cambiare se stessi e cambiare vita è fondamentale .Contemporaneamente si può dare fiducia anche tramite il voto a movimenti che propongano cambiamenti radicali in senso umanistico

  • 17
    Girolamo Giaq.

    “SII TU IL CAMBIAMENTO CHE VUOI VEDERE NEL MONDO…” (GANDHI)

    Non si può essere LIBERI se non si è INDIPENDENTI;

    e non si può essere INDIPENDENTI senza AUTONOMIA…

    (intellettuale-culturale-economica-energetica etc. etc.)

  • 16
    MaxP.

    Ritengo questa riflessione il succo della questione moderna attuale.

    La società come si evolverà nel futuro?

    Potremo continuare sempre e solo con una di tipo consumistico come quella attuale, dove bisogna dedicare ormai tutto il tempo a disposizione, per potersi permettere di sopravvivere e continuare a consumare?

    Altrimenti, se usciamo dai parametri concessi, ci viene tolto pian piano tutto quello che abbiamo accumulato durante la nostra vita lavorativa, soldi, casa, possedimenti, ecc.

    In più ormai i peggiori nostri creditori, non sono altri come noi, ma sono le istituzioni create per favorire la crescita generale, cioè di tutti e non di qualcuno in particolare, le banche, e lo stato, (istituzione fondamentale creata per favorire il benessere tra la popolazione e appianare le varie differenze di ceto sociale)

    Dobbiamo capire noi in prima battuta e poi diffondere agli altri come noi che la scelta di privilegiare in politica, come unico rappresentante, un uomo forte, non rappresenta più la soluzione giusta ai nostri problemi, in quanto l’uomo forte è facilmente corruttibile da chiunque ha in mano il potere economico e politico, di questo mondo, secondo propri interessi.

    Bisogna rendersi conto che giunti a questo puntoi il nostro futuro dipende solo da noi, siamo noi gli autori del nostro futuro, siamo noi che contribuiremo a fare il grande cambiamento, ma per far ciò dobbiamo capire, e far capire, che valore assolutamente indispensabile è la CULTURA.

    Se non dedicheremo molto del nostro tempo attuale e futuro prima per formarci e poi per informarci, sopratutto sulle tre materie moderne fondamentali, POLITICA, ECONOMIA, e FINANZA, non avremo l’adeguata preparazione per contribuire significatamente allo sviluppo di un nuovo modo di concepire il TEMPO e quindi la VITA.

    Non possiamo dedicare tutto il nostro tempo a cercare di accumulare più possibile, finanziando nel contempo, stato, banche, varie istituzioni ecc. per poi arrivare a un momento in cui quello che abbiamo viene utilizzato come arma di ricatto per impedirci la libertà di scelta nelle nostre decisioni, minacciandoci l’esproprio, con metodi discutibilmente democratici.

    TRADUCO: In questi giorni tutte le istituzioni, nazionali e sovranazionali, ci impongono di fare in fretta, perche non c’è più tempo, Fitch ci pressa alla sua maniera declassandoci, per aumentare la pressione, i media ogni minuto ci informano che non è stata fatta nessuna scelta, e il tempo stringe, ecc.

    Insomma tanta fretta, TROPPA fretta, sembra che il destino sia legato alle scelte che prenderemo da qui a 1 mese, e non tengono più conto di quello che si è fatto finora negli ultimi 30 anni!

    Fretta di prendere una decisione, che sembra obbligata: PERPETRARE con il sistema attuale, SISTEMA GOLDMAN o sistema MONTI, IPERTASSARE tutte le ricchezze private del paese, (naturalmente nop in proporzione uguale, ma più quelle dei più deboli, meno quelle dei più forti), quindi fretta per garantire il sistema attuale che ci stà portando verso la catastrofe!

    Non conviene invece incominciare a riflettere che ora più che mai abbiamo tutti la necessità di un cambiamento, volto non solo a cambiare i vertici del comando, ma sopratutto a cambiare gli obbiettivi del percorso della nostra vita.

    Trovare un percorso sostenibile ambientalmente, sostenibile socialmente, che dia un minimo di aiuto per i più deboli (non che li mantenga, ma che attui tutte le procedure per permettere il benessere sociale) sostenibile generazionalmente (senza schiavizzare le generazioni future).

    Draghi e altri hanno detto più volte che l’ EURO è insostituibile, NULLA E’ PER SEMPRE SE NON E’ CONDIVISO DA TUTTI e sopratutto SE NON E’ FUNZIONALE AL BENESSERE COMUNE.

    Ma per far questo ci vuole preparazione e coraggio…….

  • 15
    Bill1956
  • 14

    Si può fare, si può vivere con poco! Io vivo con 500 euro al mese, taglio tutto il superfluo e riesco a risparmiare più di 10.000 euro l’anno con uno stipendio medio. Presto smetterò di lavorare!

  • 13
    Anto57

    Caro Claudio,

    ho sempre trovato nel tuo blog articoli interessanti, ma l’intervento di questo Perotti l’ho trovato davvero poco nulla interessante, un già visto e sentito di “aria fritta” in salsa europea-New-Age, dei lontani ed ormai vecchi anni ’70, vedi Osho Rajneesh.

    Non abbiamo certo bisogno di questo, tanto più che poi questi articoli, sviluppano poi commenti, di persone che sognano di vietare a tutti, di mangiare carne, un nuovo “Islamismo estremista”, di cui oggi non si sente proprio la necessità.

    Io invece credo nella Libertà, perchè la libertà di tutti finisce dove comincia quella degli altri.

    E su questo almeno, penso sarai d’accordo.

     

  • 12
    Guit

    E quanto ho scritto è talmente vero che ieri Draghi ha detto di non essere preoccupato del successo m5s perché tanto, chiunque governi, le *riforme* (non si capisce mai quali), vanno a “pilota automatico”. Perché ci sono i geni come lei che intanto agiscono, non si sa quanto in buona o cattiva fede.

     

  • 11
    suser76

    Grazie per il tuo pensiero! Condivido la preminenza dell’agire individuale anche se credo che pure la dimensione sociale conti.

  • 10
    GrilloArtista

    Un articolo meraviglioso, grazie Simone Perotti e grazie Claudio Messora.

  • 9
    Zon

    Disse il maestro del tè al maestro di sciabola: “Vorrei imparare la vostra arte.” Rispose il maestro di sciabola: “Da quel che vedo, non ho nulla da insegnarvi che voi già non sappiate.” “In vita mia non ho mai preso in mano una sola sciabola”, replicò il maestro del tè “come potrei conoscere già qualcosa di quest’arte?” “Che cosa dunque avete appreso dalla vostra?”, riprese il maestro di sciabola. Rispose il maestro del té: “Ora che ci rifletto bene, non provo più alcun timore per la morte.” “Quindi non ho visto male”, concluse il maestro di sciabola “avete imparato tutto ciò che v’è da imparare. Io non vi servo più: prendete, questo è il diploma di maestro della sciabola”. 

  • 8
    Barbaranotav

    Scusami di nuovo l’off topic.

    Ma non resisto. Repubblica dopo aver passato giorni a denigrare 5S, non sa come fare per leccargli il fondo schiena.

    Tira fuori gli intellettuali, come è evidente che siano a servizio del sistema, come potrebbe essere altrimenti? Li ha resi ricchi e servono il padrone.

    Idem per i sindacati. La Camusso, che è contraria all’uscita dall’euro, non avevo dubbi da brava tutrice DELLE BANCHE, intendono disporre del Movimento 5S come fosse cosa loro.

    Dice cosa dovrebbe fare, in che modo impsotare le alleanze con il Pd che niente da fare, AI PIDDINI NON ENTRA IN QUELLA ZUCCA che NON SPORCHERANNO IL 5S!!!

    Camusso: si’ all’intesa Pd con M5S, no al governo tecnico

    http://www.imolaoggi.it/?p=43889

    Camusso contraria all’uscita dall’euro

    http://www.imolaoggi.it/?p=43897

     

    L’talia giusta ha davvero uno strano senso della tolleranza e del rispetto delle decisioni altrui. E della democrazia. 

    E’ una fazione che nemmeno si pone il problema di ammazzare qualcuno per coprire i suoi scandali. Ma sono la parte migliore del paese a loro dire.

     

     

     

  • 7
    maurizio

    Ho terminato il mio commento precedente dicendo : ben venga la recessione profonda così l’aria sarà più pulita e smetteremo di produrre tante c**zate.Ma tu Claudio proponendo Simone mi hai letto nel pensiero ! Conosco già Simone Perotti e “cambia te stesso e cambi il mondo” è una cosa che ho sempre pensato.Ma questo non significa che non si possano cambiare delle cose anche tutti insieme!Uscire dall’euro e riprenderci la nostra sovranità monetaria prima di tutto lo possiamo e lo dobbiamo fare insieme ! Perotti è alla ricerca di se stesso ma io sono già me stesso in continua evoluzione non c’è un “maurizio ideale da raggiungere, non lo raggiungerò mai !: hai presente la spirale della vita mi pare quella di Fibonacci ( ? ) quella che da forma agli organismi più semplici come alle galassie che si apre e si espande sempre di più ? Ecco la nostra coscienza deve seguire questo processo, non il nostro conto in banca :la vita è continua acquisizione di coscienza e per questo oggi sono estremamente diverso ( ed anche migliore,senza presunzione ) da quello che ero per esempio trent’anni fa.Cominciamo con l’uscire dall’euro tutti insieme e smettiamo di produrre e di acquistare armi per esempio e con i risparmi creiamo subito il reddito di cittadinanza.E sviluppiamo l’agricoltura biologica e rinunciamo ad uccidere animali per la nostra alimentazione ! Pensa per pasqua quanti agnellini saranno uccisi in nome di una tradizione stupida. E per ultimo aboliamo il concordato.

    • 7.1
      BatMan

      Antò vallo a dire agli Asiatici e gli Americani che le risorse son poche.In termini di voracità nei consumi l’Europa è al terzo posto su scala mondiale.Sembra tanto che noi Italiani europei nel mondo stiamo giocando ad un gioco su scala mondiale dove partecipiamo solo noi all’autoflagellazione socioeconomica. 

    • 7.2
      Anto2981

      Concordo pienamente! Un’altra visione del mondo è necessaria perchè le risorse sono limitate e se non si cambia velocemente la fine del ns sistema è alle porte! La devastazione del territorio con impianti insalubri e non ecocompatibili  ha raggiunto livelli non più tollerabili. Una gestione sana ed onesta delle risorse disponibili a vantaggio di tutti e non dei soliti pochi privilegiati è doverosa. Ci vuole equilibrio e armonia con l’ambiente che ci circonda e ripensare anche l’alimentazione, con drastico consumo di carne (causa anche dell’effetto serra) e utilizzo di proteine vegetali. Basta sprechi inutili, sotto ogni profilo, dato che l’italia, tra l’altro, ripudia la guerra! 

  • 6

    Andiamo Lontano! … Basta volerlo e non aver paura. e finiamola con sta lagna, bella, intensa; partiamo e bon! :-D

    http://youtu.be/3wHLyvzYKiM

  • 5

    Ciao ragazzi, sto cercando di denunciare alcuni fatti sconcertanti che ho potuto riscontrare alla Borsa internazionale del turismo a Berlino, se anche secondo voi questi fatti sono preoccupanti fate in modo che la notizia non si fermi qui! qua il link dell’articolo:http://enricoporceddu.blogspot.de/2013/03/borsa-internazionale-del-turismo.html

  • 4

    Ma … PER CARITA’ ! … ma … la volete smettere di salire&cavalcare il carro del successo ! … SOLAMENTE PER FARVI … PUBBLICITA’ !GRATUITA ! … suvvia ! … LA GENTE NON é SCEMA ! … predicate bene ma … RAZZOLATE MALE ! … chi ha da capì ! … ha da capì ! … amen

    • 4.1
      Euroleso

      Prima abbiamo pensato e poi abbiamo votato. Tu, invece, pensi che prima abbiamo votato e poi siamo venuti a scrivere qua per farci la pubblicità. Ti puoi rassegnare. Capito mi hai?

    • 4.2
      Girolamo Giaq.

      Carissimo Romybeat non si tratta del solito “carro sul quale salire”,in questo caso è un pensiero nuovo da “spingere”…capito la metafora? :)

  • 3
    Barbaranotav

    sagge e oneste parole. Perotti è degno di essere chiamato intellettuale, oltre alle parole proposte concrete non politicanti mascherati come quelli della pattuglia Pd

    Altro che questi intellettuali a servizio per il pd che per suo conto continuano lo stalking ai grillini.

    http://www.repubblica.it/politica/2013/03/09/news/grillo_m5s_appello-intellettuali-54193855/?ref=HRER1-1

    Come mai non si sono appellati affinché IL PD cambiasse?

    http://temi.repubblica.it/repubblica-appelli/?action=vediappello&idappello=391293&ref=HRER1-1

    La riconsiderazione del tav poi, strumentalizzatori di basso rango LO DICANO AL PD di riconsiderarlo non certo al 5stelle.

    Il pd QUANTE OCCASIONI HA AVUTO PER PERSEGUIRE I PUNTI che gli intellettuali ORA considerano importanti? Devono rompere le scatole al 5S che si sta comportando in modo integerrimo e con coerenza cosa COMPLETAMENTE SCONOSCIUTA AL PD?

    Ed agli stessi intellettuali se vanno a chiedere ste cose al 5S e non al Pd. Buffoni al pari dei giornalisti.

    Vadino a fare un appello a Draghi che ha detto che anche senza governo c’è il pilota automatico. E sai qual’è il dramma? 

    Che ha ragione. Chiedete prima al Pd di cancellare il Fiscal Compact ed il two pack.

    Di quali punti programmatici parla il PD se non contesta NULLA di ciò che l’Ue impone? Che dice il Pd del two pack,  che lconsente all’Europa di avere l’ultima parola sulle finanziarie dei singoli stati?

    Vedi dettagli qui

    http://www.professionefinanza.com/scheda.php?id=7813

    A che gioco gioca? Il solito, quello del BARO. E gli intellettuali non lo sanno?

    La risposta di Grillo? Semplicemente magistrale ed onesta come mai si è visto nella politica. Grandioso.

  • 2
    BatMan

    Mi viene subito a mente la canzone di Albano Carrisi-Felicità
    Felicità  è tenersi per mano andare lontano la felicità è il tuo sguardo innocente in mezzo alla gente la felicità è restare vicini come bambini la felicità, felicità 
    Tutto questofiume di parole,pensieri di perrotti e luminari associati fila liscio come l’olio fin quando sussistono le condizioni e un equilibrio economico nelle cose.
    si puo essere felici anche (canzone albano Carrisi) “è un bicchiere di vino con un panino la felicità.”
    ma il giorno dopo devi fare i conti con una società sviluppata sulla logica del “senza soldi non si può far nulla” e in certi paesi(america) neanche curarti.
    Chissà quanti di voi siano disponibili ad accettare meccanismi di baratto per vivere proliferare verso un futuro migliore.La speranza di vita s’allunga con l’avanzare delle generazioni ,logica vuole che l’homo sapiens conduca una vita migliore per se e i suoi cari e invece cosa succede!?!?! ci autoflagelliamo in nome di un dio supremo detto “finanza globale del rating dello spread della classificazione di una AA più più BBBpiù”.
    In quest’ultimi anni qualcuno cerca di voler cambiare le regole del vivere sul pianetà terra e a mio avviso in quest’anni s’è partito con i piedi sbagliati.Bisognava impoverire i ricchi del pianeta e le controllate che decidono il buono e cattivo tempo su scala globale e cosa s’è fatto? Se la son presi con i ceti bassi e mediobassi,costringendoli a cambiar tenore di vita ,tipo di lavoro e pensiero.
    Dalle mie parti imporre un qualcosa alle persone senza chiedere a priori un parere è ritenuto “golpe sociale”.

    Mi viene subito a mente la canzone di Albano Carrisi-Felicità ♪♫♫♪

    Felicità  è tenersi per mano andare lontano la felicità è il tuo sguardo innocente in mezzo alla gente la felicità è restare vicini come bambini la felicità, felicità.

    Tutto questo fiume di parole,pensieri di perrotti e luminari associati fila liscio come l’olio fin quando sussistono le condizioni e un equilibrio economico nelle cose.Si puo essere felici anche (canzone albano Carrisi) “è un bicchiere di vino con un panino la felicità.”ma il giorno dopo devi fare i conti con una società sviluppata sulla logica del “senza soldi non si può far nulla” persino curartiin alcuni stati.Chissà quanti di voi siano disponibili ad accettare meccanismi di baratto per vivere proliferare verso un futuro migliore.La speranza di vita s’allunga con l’avanzare delle generazioni ,logica vuole che l’homo sapiens conduca una vita migliore per se e i suoi cari e invece cosa succede!?!?! ci autoflagelliamo in nome di un dio supremo detto “finanza globale del rating dello spread della classificazione di una AA più più BBBpiù”.

    Voler cambiare le regole del vivere in italia in europa sul pianetà terra  a mio avviso s’è partito con i piedi sbagliati in quest’ultimi anni.Bisognava impoverire i ricchi del pianeta e le controllate che decidono il buono e cattivo tempo su scala globale e cosa s’è fatto? Se la son presi con i ceti bassi e mediobassi,costringendoli a cambiar tenore di vita ,tipo di lavoro(fortunato chi lo trova) e pensiero.

    Dalle mie parti imporre un qualcosa alle persone senza chiedere a priori un parere è ritenuto “golpe sociale”.Se un qualcuno :) trova il colpevole che lo ha ,li ha portato/i al vicolo cieco del baratro e lo massacra di botte non può definirsi un atto terroristico ma bensì giustizia sociale..

  • 1
    karlo

    credo che interessanti proposte per un cambiamentosistemico verso una nuova etica di sostenibilita’ globalesiano contenute nel lavoro di un signore gia’ segnalatoin questo blog:en.wikipedia.org/wiki/Bernard_Lietaersu youtube c’e’ parecchio, ad esempio:www.youtube.com/watch?v=Y15z-5Gai_w&list=PL82F389B8364EBA93mi ha soprattutto colpito l’approccio umanistico emultidisciplinare; e’ quanto di piu’ convincente edintellettualmente onesto abbia trovato in rete

  • 0
    luxor

    quante belle parole…

     pero’ bisognerebbe dirle anche ai

    Brasiliani, Russi, Indiani, Cinesi, Sudafricani ed anche agli Australiani, che sono nel pieno dello sviluppo, vediamo cosa vi dicono!

    scusate ma non mi convince. Non siete contenti di questa societa’ schifosa? bene, Gino Strada vi aspetta! oppure anche qualche missione in giro per il mondo. aiutare il prossimo in maniera piu’ diretta e’  piu’ difficile ma anche piu’ appagante.

    saluti

  • -1
    Anto57

    Caro Claudio,

    mi dispiace vedere che invece di rispondere al mio post, l’hai semplicemente cancellato!

    Non mi sembra un buon contributo alla discussione e alla Democrazia.

    Ciaoo!

    • -1.1
      Anto57

      Ciao Claudio,

      scusami! ho trovato il mio post, che pensavo cancellato!

      Come se non avessi scritto questo qui sopra.

      Grazie! Ciao!

  • -2

    La chiamano “La decrescita felice”, io la chiamerei “la triste rassegnazione”.

    La rassegnazione che le risorse (specialmente energetiche) siano limitate e in esaurimento (mentre di denaro se ne può creare all’infinito).

    Forse sarò uno dei pochi ottimisti che pensa che ci sia ancora una possibilità di ottenere tanta energia per migliorare le nostre condizioni di vita, magari inquinando meno.

    Io penso che sia possibile avere più servizi e di qualità senza perforza inquinare e distruggere di più.

    La rassegnazione di molte persone, li porta a pensare che: una riduzione dei consumi possa permettere l’umanità di poter vivere in armonia con l’ambiente.

    Quello che ci può permettere di ottenere questo è solo più innovazione (ricerca); la strada è a senso unico.

    Molte delle persone che pensano che la decrescita sia migliore, non capiscono che se fatta male è peggio!

    Consumare meno imballaggi per gli alimenti, può far pensare che si stiano risparmiando risorse e che sia positivo; ma il risparmio degli iballaggi si trasforma in una minore igiene e quindi in un danno nettamente superiore.

    Ci sono già molti batteri killer in giro che non sono più curabili con gli antibiotici, e molti pensano di risparmiare qualche imballaggio / busta nel fare la spesa di alimenti al supermercato.

    Se questa idea diventasse diffusa, moriremmo presto con una pandemia!

    Abbiamo una sola strada possibile: innovazione e ricerca.

    Le altre soluzioni solo solo illusioni!!

     

     

     

  • -3
    Guit

    massi3860 ha scritto :
    Francamente molto poco ho capito del suo eloquio intriso a mio avvio di frasi fatte atte a dimostrare il tutto e il nulla. Francamente il dato che si può trarre dalla lettura/visione dell’intervista è: Aiuta te stesso ad essere libero che solo così facendo potrai liberare anche gli altri. Questo può avvenire non tanto per un senso di altruismo ma piuttosto da una convenienza personale. Tutto il resto non è pertinente alla discussione.

    Ovvio che ho spaziato sul pensiero di Perotti, mettendo in croce ciò che scrive qui con ciò che scrive altrove e che dà una visione un po’ completa del fine. Aiuta te stesso per aiutare gli altri, non mi sembra una cosa così nuova, mi sembra vaga, individualista, da società atomica, smembrata e non coesa. Non capisco la mozione di fondo. E’ puro e semplice ecologismo? E serve scendere nei meandri della coscienza, mettere tutto dentro, pure i sessi come fa lui, per parlare di ecologismo, che è una questione soprattutto tecnica ed energetica? No. La cosa mi puzza.

  • -4
    Guit

    Io credo che lei sia al servizio della logica imperialista occidentale e del soft-power, malgrado scriva le sue teorie in luoghi che poi criticano i droni USA. Lei e tutti quelli della sua risma, che ammassano metri cubi di scrittura creativa senza senso spacciandola per filosofia, siete, politicamente parlando, dei doppio-giochisti.

    • -4.1
      oraz1949

      guit…19-10 marzo ore 10. Perfetto quello che dici…solo che quando arrivi a Beppe Grillo…vai fuoristrada…!!! Attenzione: Grillo è al servizio degli stessi…guarda bene… e lo vedrai chiaramente…!! Forse è anche oltre quel potere distruttivo in atto…!!!

  • -5

    Concordo: non siamo prigionieri di una prigione di mattoni, non siamo incatenati con manette vere: siamo solo prigionieri delle nostre paure.

     E come fanno ad alimentare le nostre paure? Semplice, con una serie di inganni: inganno monetario, alimentare, coi vaccini, con la paura del terrorista, ec. ecc. Per questo svelare gli inganni ha un effetto liberatiorio. Lo dice Gesù: "conoscerete la Verità, e la verità vi farà liberi".

  • -6
    lucvit

    come dire: maurizio pallante decrescita felice,    silvano agosti utopista-possibile. capisco bene ciò che si vuol far capire perchè ho fatto anch’io un radicale cambiamento di vita in quel senso filosofico. io e altri, purtroppo ancora pochi (ma la crisi ci aiuterà in questo) ci siamo arrivati da soli, altri non riescono per 2 semplici motivi, mancanza di cultura e di esempi giusti: il “si può fare” “il crederci”, nella speranza di una visione di vita diversa e migliore che altrimenti non pensano praticabile! e la maggiorparte lo potrebbe fare senza rinunciare, ai vari molti agi a cui ho dovuto rinunciare io. ecco perchè il m5s ha avuto successo, ha unito quelli hanno già cambiato, con quelli che sanno che si può fare, con quelli che ci voglino credere. e cmq se non cambia la filosofia della politica le cose saranno solo per pochi privilegiati, o dal proprio cervello e/o anche dal proprio reddito. per questo cominciamo con                abolire il ministero della difesa e gli armamenti
    lucio-vitali, biofuturo a tutti.

  • -7
    Ferval

    E’davvero confortante e liberatorio osservare l’evoluzione spontanea che singoli individui hanno, come Perotti che ha tutta la mia approvazione, piano piano da un certo momento in poi prendono coscienza, un minimo risveglio, un barlume di meraviglia che si dipana mostrandone lentamente l’indicibile bellezza nascosta. Un meraviglioso mondo nascosto che si mostra reale piu’ della stessa realta’, che diventa fonte di una forza incredibile, che fa si che l’uomo percepisca il suo vero potere, talmente smisurato da far intuire la possibilita’ concreta di cambiare un mondo. Questa possibilita’ e’ tremendamente vera, e questo tremendamente accadra’. Un Bravo! a tutti i Perotti che ci leggono, ma ricordati che sei solo all’inizio, devi andare avanti, diffida del tuo ego, non gloriarti di nulla, ricordati che non sei nessuno, stai rilassato, cerca la quiete, allontanati da persone e situazioni che ti disturbano, abbandona ogni attaccamento. Attraverso la calma della mente, stai ricettivo, apriti alle intuizioni che verranno, c’e’ un fiume in piena la’ fuori che non vede l’ora di inondarti. E ricordati che il tuo nemico piu’ temibile e’ furbissimo e non dorme mai: sei tu stesso! 

    Ferval

     

  • -8

    l’unico modo che abbiamo per superare la crisi è diventare autonomi sia psicologicamente che fisicamente. Psicologicamente eliminando il superfluo, imparando a stare da soli e a pensare… Fisicamente cercando di essere più autonomi con un orto, un pannello solare e tante piccole cose che ci fanno dipendere meno dalla società. “Non cambierai mai le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa , costruisci un modello nuovo che renda la realtà obsoleta” (Buckminster Fuller)

  • -9
    maurizio

    Dimenticavo : il mio mondo è meraviglioso e lo puoi vedere nelle foto che ti ho inviato a parte e Perotti nell’intervista mi sembra che non abbia l’aria di essere un uomo felice ma forse è solo carattere.

  • -10

    «la rivoluzione umana di un singolo individuo contribuirà al cambiamento nel destino di una nazione e condurrà infine a un cambiamento nel destino di tutta l’umanità» Josei Toda.

     

    Tale cambiamento diventa necessariamente prima o poi una pressione politica verso la collettività, per questo scatena cambiamenti anche nella nazione ed infine in tutta l’umanità.


  • -11

    Le verità nascoste

    I popoli devono saperlo: possiamo vivere in pace ed in armonia con la natura, possiamo vivere con un reddito sufficiente per crescere i nostri figli, possiamo farlo senza rinunciare ai nostri interessi ed al tempo libero da trascorrere con le persone che amiamo, possiamo farlo. Abbiamo le conoscenze e le tecnologie per fare tutto questo, senza inquinare e senza avvelenare il cibo che mangiamo con l’inevitabile destino di uccidere proprio i nostri figli. Domani sorgerà il Sole e donerà tutta l’energia di cui abbiamo bisogno, tutte le specie viventi di questo pianeta non si scambiano una moneta per sopravvivere, solo l’uomo ha inventato una religione inutile e dannosa: monetarismo, avidità e liberismo.

    In questi giorni di fibrillazione post elettorale il mainstream sta usando tutta la sua forza mediatica per manipolare la percezione dell’opinione pubblica, l’élite sente di aver perso il controllo delle masse. Una importante visione politica del M5S è tratta dalla filosofia della “decrescita felice”, nel 2005 il blog di Grillo pubblicizzava il testo di Maurizio Pallante, La decrescita felice.

  • -12
    VecchiaCiabatta

    ..questi filosofi dell’ultima ora fanno sorridere…. ci sono 25 secoli di pensatori che spiegano chiaramente i mali della ns società: “quando l’uomo divinizza se stesso, perde la capacità di stare con gli altri e la sua missione di vivere…, poi alcuni si assurgono a demoni..”

    il resto sono bubole…. l’Europa sta demolendo la cultura italiana, proprio per la sua capacità di opporsi ai suoi piani di dominazione…

  • -13
    vincenzo mastruzzo

    Grazie.

  • -14
    Guit

    Un ultimo chiarimento. In quello che ho scritto qui sopra sono andato un po’ a fiuto. Io non vi conosco. Se siete grillini vale la mia critica, altrimenti, se siete piddini, allora siete incurabili e fate finta che non ho scritto niente.

     

     

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>