Serve una conferenza nazionale sull’economia

LorettaNapoleoni

di Loretta Napoleoni

I nuovi eletti si sono insediati in parlamento ma ancora siamo in alto mare riguardo alla formazione di un governo e non è da escludere che tra qualche mese si debba tornare alle urne. Nel frattempo, però, si potrebbe iniziare a lavorare ad un programma economico di solidarietà nazionale, o almeno avviare il dibattito per analizzare le cause e risolvere la crisi economica. Colpisce che fino ad ora nessun partito abbia presentato un programma organico di riforme o proposte economiche: come far ripartire la piccola e media industria? Dove trovare i fondi per la sanità? l’istruzione? Non c’è uno straccio di un documento sul quale discutere a tutti i livelli: dalla rete fino agli esperti del settore. Persino le proposte di vendita del patrimonio nazionale non ne quantificano i vantaggi monetari. Tutto è vago e tutto è approssimato. Colpisce anche che dopo il voto non si discuta di questi temi a livello politico ed istituzionale, invece si continua a fare tanta, troppa propaganda. Tutt’al più di producono dei punti che de facto sono solo slogan che si sommano ad altri slogan.

 

La campagna elettorale è stata infatti caratterizzata da slogan generici: rinegozieremo il fiscal compact, la spending review e così via. Frasi che non hanno alcun senso se non inserite all’interno di un progetto di rinnovamento nazionale ed internazionale. Anche se domani tutto il parlamento votasse all’unanimità l’abolizione del fiscal compact, questo non può essere rinegoziato da un singolo paese, è un trattato internazionale.

In Germania, in Gran Bretagna in tutti i paesi del nord Europa le proposte vengono articolate e spiegate nei minimi particolari alla popolazione. Perché’ da noi non succede?

La leggerezza riguardo alla gestione dell’economia che ci ha portato a questa crisi del debito sovrano continua a caratterizzare il nostro paese. Si sperava che una volta finite le elezioni si formassero dei gruppi di lavoro di esperti, perché’ c’è bisogno di esperti non solo di gente onesta. Solo gli oncologi possono curare i malati di cancro non i dentisti onesti. E dato che il problema economico è anche legato a quello politico, alla storia disgraziata di questo paese andare a cercare all’estero i primari senza prima selezionare un’equipe nostrana di oncologi forse è un errore.

Io ho lavorato con i grandi nomi dell’economia mondiale in Spagna e vi posso garantire che ad affiancarci erano economisti spagnoli, erano loro che quotidianamente interagivano con Zapatero mentre noi ci riunivano una tantum. Tutto quello che posso dire è che in Spagna fino all’estate prima delle elezioni, quando Zapatero lasciò l’arena politica, la volontà di contrastare Bruxelles era fortissima ed infatti l’economia spagnola, espansiva e non d’austerità, ha funzionato. Se ci avessero permesso di continuarla la disoccupazione spagnola non sarebbe oggi ai massimi storici.

Un modo per cambiare il modo di fare politica c’è, basterebbe organizzare una conferenza nazionale sui tempi caldi dell’economia. Nel 2005 gli spagnoli lo fecero per affrontare la minaccia del terrorismo islamico coinvolgendo molte nazioni ed istituzioni. Vennero formati 12 gruppi di lavoro che per 4 mesi analizzarono un aspetto specifico del terrorismo nell’ottica di rafforzare la democrazia quale arma più efficace contro la violenza politica. Tutti i partecipanti lavorarono in rete e si incontrarono soltanto due volte. A me venne dato l’incarico di dirigere il gruppo che analizzava il finanziamento del terrorismo.

Nel marzo del 2005 i gruppi presentarono le loro relazioni durante la più grande conferenza mondiale su terrorismo e democrazia. Fu un grande successo perché in quella sede emersero alcuni punti fondamentali usati per gettare le basi di politiche nuove. Grazie a quel lavoro la minaccia del terrorismo islamico in Europa iniziò a diminuire e l’atteggiamento europeo nei confronti della guerra al terrorismo di Bush cambiò.

Il Club de Madrid lanciò l’iniziativa che venne raccolta da tutti. Oggi il nostro parlamento potrebbe lanciare un’analoga iniziativa non solo in Italia ma in tutta Europa.

E’ arrivato il momento di fare, basta con gli slogan!

La conferenza stampa di Roberta Lombardi, questa mattina, alla Camera

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Delicious
  • Segnalo
  • Diggita
  • Reddit
  • StumbleUpon
  • LinkedIn
  • Upnews
  • FriendFeed
  • Google
  • Tumblr
  • Email
  • OkNotizie
donate

126 risposte a Serve una conferenza nazionale sull’economia

  • 53
    Cesarito

    Gli economisti eterodossi italiani:

    BRANCACCIO

    CESARATTO

    STIRATI

    GNESUTTA

    ZEZZA

    BELLOFIORE

    CATTANEO

    BAGNAI

    NAPOLEONI

    ecc. ecc.

    ….

    Oppure i professori della Modern Monetary Theory (MMT):

    Warren Mosler, Mathew Forstater, Alain Parguez, presentati in Italia da Barnard,

    ma anche Black, Kelton, Wray, Tcherneva, Auerback, Hudson..

    Mathew Forstater (professore universitario alla UMKC) in particolare ha un approccio divertente, emozionante ed anticonformista che potrebbe essere molto coerente con Grillo e il M5S..

    La MMT ha una forza d’impatto notevole, cambia tutte le carte in gioco, potrebbe risolvere molte cose anche qui in Italia, soprattutto ora che la gente non ne può veramente più di questo sistema..

    Come dice Stephanie Kelton: “bisogna solo girare un interruttore”, e permetterci di vedere le cose da un altro punto di vista, terribilmente semplice e finalmente risolutivo.

    Giochiamoceli bene, queste sono persone serie.

     

  • 52
    Marte09

    Non centra molto con il post ma tutto questo argomento della crisi mi ha molto appassionato e tra le varie cose che ho trovato c’è anche questo <http://www.youtube.com/watch?v=uWDi5VcX34E&gt; Non so se si possono postare link qui ma in ogni caso lo potrete trovare facilmente su you tube : si intitola “Diario del saccheggio” di fernando Solanas, premiato alla Berlinale 2004 con l’Orso d’oro alla carriera, ha realizzato questo documentario con lo scopo di mostrare come la sua patria (l’Argentina) sia giunta alle condizioni economiche disastrose in cui versa attualmente. Punta il dito contro il liberismo sfrenato e la globalizzazione da una posizione, come sempre, chiaramente delineata. Sembra un déjà vu … petrolio a parte spiega molti dei meccanismi con cui FMI, Banche, politici corrotti e quant’altri hanno ridotto un paese ricco come l’Argentina al fallimento. Sarebbe bene farlo conoscere il più possibile se non altro per spiegare a molti cosa significano i mantra che si leggono e si sentono continuamente dai mezzi d’informazione … troppo spesso corrotti ed in malafede pure loro. Probabilmente si capisce anche perchè un serio programma di riforme economiche non sia ancora stato messo in atto.

    Teo

  • 51
    Marte09

    Non centra molto con il post ma tutto questo argomento della crisi mi ha molto appassionato e tra le varie cose che ho trovato c’è anche questo <http://www.youtube.com/watch?v=uWDi5VcX34E&gt; Non so se si possono postare link qui ma in ogni caso lo potrete trovare facilmente su you tube : si intitola “Diario del saccheggio” di fernando Solanas, premiato alla Berlinale 2004 con l’Orso d’oro alla carriera, ha realizzato questo documentario con lo scopo di mostrare come la sua patria (l’Argentina) sia giunta alle condizioni economiche disastrose in cui versa attualmente. Punta il dito contro il liberismo sfrenato e la globalizzazione da una posizione, come sempre, chiaramente delineata. Sembra un déjà vu … petrolio a parte spiega molti dei meccanismi con cui FMI, Banche, politici corrotti e quant’altri hanno ridotto un paese ricco come l’Argentina al fallimento. Sarebbe bene farlo conoscere il più possibile se non altro per spiegare a molti cosa significano i mantra che si leggono e si sentono continuamente dai mezzi d’informazione … troppo spesso corrotti ed in malafede pure loro. Probabilmente si capisce anche perchè un serio programma di riforme economiche non sia ancora stato messo in atto.

    Teo

  • 50
    Marte09

    Non centra molto con il post ma tutto questo argomento della crisi mi ha molto appassionato e tra le varie cose che ho trovato c’è anche questo <http://www.youtube.com/watch?v=uWDi5VcX34E&gt; Non so se si possono postare link qui ma in ogni caso lo potrete trovare facilmente su you tube : si intitola “Diario del saccheggio” di fernando Solanas, premiato alla Berlinale 2004 con l’Orso d’oro alla carriera, ha realizzato questo documentario con lo scopo di mostrare come la sua patria (l’Argentina) sia giunta alle condizioni economiche disastrose in cui versa attualmente. Punta il dito contro il liberismo sfrenato e la globalizzazione da una posizione, come sempre, chiaramente delineata. Sembra un déjà vu … petrolio a parte spiega molti dei meccanismi con cui FMI, Banche, politici corrotti e quant’altri hanno ridotto un paese ricco come l’Argentina al fallimento. Sarebbe bene farlo conoscere il più possibile se non altro per spiegare a molti cosa significano i mantra che si leggono e si sentono continuamente dai mezzi d’informazione … troppo spesso corrotti ed in malafede pure loro. Probabilmente si capisce anche perchè un serio programma di riforme economiche non sia ancora stato messo in atto.

    Teo

  • 49
    Mauro.Soldati

    E beh, si sa che il problema è la Castacriccacorruzzzzzionebruttatuttiacasasubito e non una moneta sbagliata per 17 stati Europei… Eh no!! Il problema è la MAFIA, la CASTA, la CORRRUZZZZIONE!!!

    Non sto dicendo che in Italia non ci siano sprechi, corruzione, mafia, casta etc. etc. ma dire che l’unico modo per uscire dalla crisi è tagliare la spesa pubblica, quindi licenziando migliaia di dipendenti pubblici (o pensate che tagliando i stipendi di parlamentari, senatori, dirigenti, abolizione province etc etc si tirino fuori parecchi miliardi da rilanciare l’economia!?!?) e di conseguenza creando ulteriori disagi economici (non si esce da una crisi creando ulteriore disoccupazione e quindi togliendo ulteriore moneta dalla circolazione. Se io non ho lavoro non spendo, se io non spendo il panettiere, barista, fruttivendolo etc etc non fattura, se il panettiere non fattura non paga i dipendenti che a loro volta rimettono in moto il circolo vizioso). Innanzitutto ci vuole la Sovranità Monetaria, quella vera, dove la Banca di Italia compra direttamente i Titoli di stato dal tesoro e dove la Banca di Italia è proprietà dello Stato e non delle altre banche private. Dopodichè si devono fare Riforme serie per diminuire il carico fiscale per le aziende in maniera tale da incentivare l’occupazione (avere una pressione fiscale del 68,6 % indubbiamente non incentiva le azienda in quanto è di almeno 20 punti superiore alla media europea per poi non guardare Stati Uniti, Giappone, Canada etc. etc.).

    Ovvio che poi non sono un Economista ma è evidente, anche ad un Analfabeta, che l’ è l’ennesimo esperimento di moneta unica fallito (non ero ancora nato ma qualcuno mi ricorda giustamente l’ECU del lontano 1978 dal quale l’Italia uscì per disperazione nel 1992, anno in cui con la scusa di Tangentopoli, quindi la solita Castacriccatutticorrottimannamolituttiacasa, vennerò svendute varie aziende dello stato ma quella è un altra storia…Britannia, Amato, Ciampi, Draghi…). E vorrei ricordare a tutti che lo sganciamento dall’ECU da parte dell’ITALIA non fu così tragico come molti vogliono far credere, l’inflazione fu del 4-5% nonostante la Lira venne svalutata addirittura del 49 %

    Quindi Basta con le baggianate e Parliamo di cose serie => Sovranità Monetaria e Pressione Fiscale se poi nel farlo si costruisce una nuova classe politica con meno castacriccacorruzionebruttabrutta ben venga, ma non è quello il vero problema dell’italia e dell’EUROPA!!

    • 49.1
      sgursky

      Mi ero imposto di lasciar perdere, ma letto il tuo post mi è venuto il latte alle ginocchia. Certo non eri nato, ma penso che se nel 1789 non eri nato, hai usato i libri per sapere cosa è accaduto e non te lo sei inventato (o no?). Comunque c’è stata la presa della Bastiglia.

      L’ECU non era una moneta unica, ma parte di un sistema di oscillazione delle valute rispetto al Marco tedesco.

      L’uscita dal sistema del 1992 fu legata ad una situazione insostenibile del Paese (che porterà ad una manovra da 90 mila miliardi di lire, compresi i prelievi dai conti correnti…). La svalutazione non si tradusse  in inflazione, in primo lugo perché la relazione tra le due è complessa, in secondo luogo perché il contesto era molto diverso. I mercati se la aspettavano (avevano scommesso sull’uscita), il debito pubblico allora era considerato comunque gestibile (non come oggi), non si era in una recessione paragonabile a quella attuale e il brent era sotto i 25 dollari. Se si cambiano le condizioni di contesto non si può usare un esempio come quello, ma soprattutto, per favore, non si può dire una bestialità come affermare che l’ECU era una moneta comune. 

      Un conto è esprimere opinioni su cosa succederebbe uscendo dall’euro (e personalmente le mie sono molto diverse), un conto è sparare una sequenza di cosa a casaccio.

  • 48
    Pigi56

    Questi non vogliono parlare di economia e non hanno un briciolo di programma politico da decenni!,per il solo motivo che non gli interesse un tubo,loro vogliono soltanto le poltrone con tutti i benefici che gli comporta.La politica economica di questi parassiti è quella di ubbidire cecamente a Bruxelles.Una conferenza nazionale sull’economia sarebbe una buona idea,purtroppo sono i soggetti politici a non essere adeguati al compito!.

     

     

  • 47
    Cesarito

    baradel ha scritto :
    “Anche se domani tutto il parlamento votasse all’unanimità l’abolizione del fiscal compact, questo non può essere rinegoziato da un singolo paese, è un trattato internazionale”.MA NON DICIAMO SCIOCCHEZZE. IL POPOLO SOVRANO E LO STATO E’ LA MASSIMA AUTORITA’. In Germania, in Gran Bretagna in tutti i paesi del nord Europa le proposte vengono articolate e spiegate nei minimi particolari alla popolazione. Perché’ da noi non succede? UK E’ FUORI DALL’UE, E LA GERMANIA E’ L’UNICA A GUADAGNARE DALL’EURO, QUINDI ENTRAMBI FANNO I fr**i COL c**o DEGLI ALTRI “Un modo per cambiare il modo di fare politica c’è, basterebbe organizzare una conferenza nazionale sui tempi caldi dell’economia”.  BEATA INGENUITA’: UN’ALTRA INUTILE CONFERENZA E MAGARI UN’INCHIESTA PARLAMENTARE? QUANDO AVREMO IL CORAGGIO DI DIRE FORTE E CHIARO CHE QUESTO EURO E’ UN CANCRO E QUESTA UE UN REGIME DI TECNOCRAZIA TOTALITARIA DA ABBATTERE?

    1) non è esattamente così, ma i modi ci sono, per esempio uscire dall’area euro. Non è un’assurdità, anzi ci converrebbe parecchio, alle condizioni attuali. A quel punto i Trattati sarebbero carta straccia, la BCE non sarebbe più la nostra Banca Centrale. Potremmo sempre esserne azionisti, come fa l’UK.

    2) non vengono spiegate nei minimi particolari, ma sicuramente la stampa è meno serva del potere (in Italia ormai siamo a livelli balcanici) e i cittadini sono meno rinc*****niti da calcio e cucina e si interessano di più dei loro diritti democratici. L’UK sta dentro l’Unione Europea, ma fuori dall’area Euro.

    3) sono d’accordo con te, ma l’unico modo democratico di trovare una strada è di mettere insieme alcune teste pensanti, possibilmente tecnici eterodossi, non conformi all’Europa della austerità e delle riforme che ci spingono ancora di più verso il baratro della Grecia, se n’è accorto pure il FMI e i nostri politici ancora insistono, Grillo compreso purtroppo (con la germanica Agenda 2010 di Schroeder-Hartz, riforme alla Fornero..)

    Aggiungo per Grillo: non è vero che l’Agenda 2010 Schroeder-Hartz ha portato risultati alla Germania, non da sola. Il contributo più pesante all’attuale successo del PIL tedesco (non dei tedeschi, si badi bene) è dovuto all’Euro, che ha determinato fortissimi squilibri tra Paesi con economie profondamente diverse. Basta guardare l’evoluzione delle bilance commerciali (rapporto export/import) di Germania e Italia negli ultimi dieci-dodici anni. Con l’Euro la Germania ci ha pesantemente guadagnato, e l’Italia è distrutta dal punto di vista industriale e artigianale.

    L’Euro è la più grande vittoria dei tedeschi sull’Europa periferica, di cui l’Italia è il principale rappresentante.

    Vogliamo svegliarci???? 

  • 46
    Euroleso
  • 45
    maurizio

    A me Zapatero era simpaticissimo così a pelle, ma anche perchè aveva abolito tutti i privilegi alla chiesa cattolica, ed a tutte le confessioni religiose insomma era laico al 100%.Perchè sia uscito dalla politica per me resta un mistero e c’è sotto qualcosa che non sapremo mai.

  • 44
    Cesarito

    Euroleso ha scritto :
    Scusate, potrei fare una piccola ricetta io? 1)      Stampa immediata di moneta parallela per affrontare l’emergenza 2)      Statalizzazione della cassa depositi e prestiti 3)      Statalizzazione della Banca d’Italia 4)      Separazione delle banche commerciali da quelle speculative (legge Roosevelt) 5)      Finanziamenti immediati alle imprese e mutui ai cittadini, per annullare l’effetto IMU 6)      Uscita dall’Euro con relativo pernacchione Siccome in cucina sono un dilettante, aspetto parere dagli esperti.

     

    Ottimo e condivisibile, sul serio …!!!

  • 43
    Euroleso

    Scusate, potrei fare una piccola ricetta io?

    1)      Stampa immediata di moneta parallela per affrontare l’emergenza

    2)      Statalizzazione della cassa depositi e prestiti

    3)      Statalizzazione della Banca d’Italia

    4)      Separazione delle banche commerciali da quelle speculative (legge Roosevelt)

    5)      Finanziamenti immediati alle imprese e mutui ai cittadini, per annullare l’effetto IMU

    6)      Uscita dall’Euro con relativo pernacchione

    Siccome in cucina sono un dilettante, aspetto parere dagli esperti.

    • 43.1
      luxor

      caro euroleso, ti quoto al 100%, pero’ dire statalizzazione e’ brutto, sa’ di soviet…nazionalizzazione e’ piu’ indicato. :)

    • 43.2
      NeroLucente

      Ma questa ricetta non mi è nuova, non sono esperto ma sembra una strada ottimale.

      Ma come ho scritto poco sotto, l’elettorato non è pronto e PD e PDL non sono soggetti capaci di portare avanti tale proposta, anzi mi aspetto che farebbero di tutto per ostacolare e purtroppo per noi avrebbero i numeri dalla loro.

    • 43.3
      Clausius

      Ti quoto ma la ricetta non è solo farina del tuo sacco eh eh !Io metteri,come primo punto urgente nel primo Ordine del Giorno la statalizzazione della Banca d’Italia.Si manda un segnale preciso e si è pronti per “ogni eventualità”. ;)

      Poi,con calma,mentre la commissione Napoleoni fa il suo bel lavoro,e se le cose vanno come devono andare,tireremo le somme anche della commissione.Ma una commissione a stipendio precario,se no che cosa garantisce?

      Più leggo la Napoleoni più mi vien da pensare Alicia Florrick.Poi guardo delle foto su Pompei e capisco che con l’Italia centra un po’ meno che con la cupola del Congresso USA.

      Ma se manca Bagnai in quella commissione?……….

       

       

  • 42
    luigicifra

    Grande Loretta!!!!!!! Peccato che a) tu non abbia mai lavorato con nessuno dei grandi dell’economia. B) la tua visione della curva di Phillips è stata superata nel 1970… C) Veramente la disoccupazione è costante dai tempi che ci lasciò il caro Zapatero… e prova a pensare aveva toccato i massimi storici durante il suo governo 

  • 41
    Chill

    Non ho le competenze per aiutare con proposte valide, tuttavia anche se con “qualche” (virgoletto come bryoblu) questo sito secondo me propone cose ragionevoli , altre meno sono da prendere in considerazione! Valutate Voi.

     

    http://www.rischiocalcolato.it/2012/12/programma-politico-diamo-un-futuro-ai-nostri-figli.html

  • 40
    mettjus

    Sono s’accordo. Credo sarebbe molto utile.

  • 39
    jimmy_ver2.0

    C’è già gente che ha voglia di confrontarsi:

    http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=598

    lei signora Napoleoni potrebbe essere un’ottima partecipante.

  • 38
    Bill1956

    Il piano da fare immediatamente è quello dell’uscita dall’Euro. Sperando di uscire prima che si sgretoli da solo con dentro l’Italia: sarebbe peggio.

    Indipendenza da ogni struttura sovranazionale e nazionalizzazione delle banche.

    Difficilmente la decrescita sarà graduale, ma sarà lo scopo dello Stato.

    Ovviamente, insieme alla democrazia diretta è d’obbligo la Sovranità Monetaria.

    Il reddito di cittadinanza, con moneta emessa dallo Stato, dovrà garantire la sopravvivenza, insieme ad un piano statale di acquisto e distribuzione dei beni di base, meglio se prodotti in Italia. Penso che un periodo di autarchia forzata vada messa in conto. La popolazione dovrà temporaneamente rinunciare al profitto e lavorare per aiutare gli altri.

     

    Dalle macerie uscirà un’Italia trsformata sia moralmente, sia fisicamente.

  • 37
    Pok

    road77 ha scritto :
    la riforma Schoreder  è l’unica cosa reale e sperimentata, Le altre cose di cui si parla sono teorie mai verificate. Certo, le riforme portano sacrifici (soprattutto nel breve) per avere vantaggio nel medio periodo, i sacrifici li devono fare chi più ha…ma di certo quella riforma Schoreder all’epoca tanto odiata dai tedeschi ha portato benefici concreti in termini di occupazione alla parte più debole (Germania est, immigrati, precari e disoccupati). In Italia siamo troppo egoisti per fare scelte di questo tipo…e piace fantasticare sulla “decrescita felice” e sulle conferenze sui “tempi (?) caldi” economici della Napoleoni. Basta solo un po’ di coraggio per redistribuire risorse e diritti e far ripartire tutto. Tre/quattro idee: – patrimoniale, taglio delle pensioni sopra 3000 € nette e del 5% per stipendi sopra 50000€ nel pubblico impiego. – pagamento immediato debiti pregressi PA, eliminazione IRAP e taglio cuneo fiscale per contartto a tempo indeterminato – bilanciamento diritti tra dipendenti a tempo indeterminato con art.18 e precari (sostegno al reddito universale). – incentivi fiscali (zone franche o simili) per investimenti produttivi nel Sud Italia  

     

    1) La riforma tedesca si fonda unicamente su una strategia mercantilistica: tenere bassi i salari per avere prezzi più competitivi e reprimere la domanda interna. I “vantaggi in termini occupazionali” che ha dato sono legati agli svantaggi (sempre in termini occupazionali) che ha portato nei partner commerciali: disoccupazione e recessione in Italia, Spagna, Portogallo e Francia. In pratica hanno conquistato le quote di mercato del resto d’europa sottopagando il lavoro. E questo sarebbe il modello da seguire a cui ci dovremmo ispirare?!?!? E chi dovremmo scegliere come vittima designata del nostro dumping sociale? Verso quale stato abbiamo intenzione di esportare la nostra disoccupazione?

    2) La riforma tedesca è esattamente il contrario del “redistribuire risorse e diritti”: se redistribuisci stimoli la domanda interna mentre per seguire il modello tedesco la domanda interna la devi reprimere e devi fondare la crescita unicamente sulle esportazioni.

    3) Se accettiamo l’idea di fare dei sacrifici “nel breve periodo” per avere dei vantaggi nel lungo termine allora tanto vale uscire direttamente dall’euro e patire le conseguenze della svalutazione per poi trarre i profitti della crescita economica che verrebbe una volta tolti i vincoli sull’emissione di moneta e sulla politica fiscale che soffocano l’economia?

     

  • 36
    Gabriel88

    Dobbiamo uscire dall’euro prima che sia troppo tardi! vorrei farvi notare che la crisi non troverà mai fine!

  • 35
    giovanni cococcia

    Hai pienamente ragione Loretta, la penso anchio cosi’, bisogna formare subito una task force, per porre rimedio a questa economia agonizzante , spero che si rendano conto della situazione che stiamo vivendo, ancora parlano di CRISi, non hanno capito che non siamo neppure piu’ in RECESSIONe ma siamo entrati in una fase disperata che pochi nominano che e’ la DEPRESSIONE, spero che si metta in atto subito qualcosa di importante, e spero con i nuovi arrivi di MARTINELLI e MESSORA, riescono a mettere in atto il problema che ci hai fatto notare.

    Saluti

  • 34
    giuseppe bertor

    Mi congratulo con tè, Claudio Messora, per l’incarico ricevuto dal Movimento Cinque Stelle.

    Sono veramente felice per i frutti del tuo costante operato.

     

  • 33

     

    .

     

    Prima ancora di una conferenza nazionale sull’economia

    occorre, con grande urgenza, una:

    Ridefinizione del Patto Sociale – proposta per le Cinque Stelle
    http://www.hyperlinker.com/ars/patto_sociale.htm

    Poi si potrà impostare l’economia su basi razionali.

     

    Danilo D’Antonio

     

    .

  • 32
    bakib62

    Cos ac’entra il signoraggio con l’Euro ?Il signoraggio ce lo hai anche se stampi lirette

    o mi sbaglio ?

    novecento ha scritto :
    Una cura per te puo’ essere solo alberto bagnai sul sito di messora ma devi ascoltare per due ore e passa, se ce la fai a perdere tutto quel tempo potresti cambiare idea e rivedere le tue posizioni sull’inflazione monetaria e sul signoraggio bancario

    • 32.1
      yoyo_su_byoblu

      Il signoraggio è il guadagno (enorme..) di chi stampa moneta, qualunque essa sia e chiunque la stampi.

  • 31
    pidario

    Daccordissimo sul fatto che si debba cominciare  a parlare di problemi concreti. fatevi portavoce presso gli altri.

  • 30

    Ecco caro Claudio… finalmente ci siamo  dobbiam ofare qualcosa.

     

    PRIMO PUNTO IMPRESCINIDIBILE

    MEssa in opera del portale liquid feed back

    SECONDO PUNTO CONTATTARE  DIVERSI ECONOMISTI DI AREA PUDE  E CONTRO EURO e fornire almen odue / tre diverse strategie.

    TERZO PUNTO lasciare che le varie  strategie proposte acquisiscano il consenso popolare e quindi sia possibile  definire quale sarà quella attuata.

    Capisco che ognuno dei due / tre schieramenti che si creeranno  saranno antitetici ma io confido che le persone non siano poi così stupide da non capire chi ha ragione e chi no. 

    Se poi anche vincesse lo schieramento che a mio avviso è il traditore pazienza, vorrà dire che chi non è consenziente se ne andrà definitivamente da questa nazione se non vuole sottostare a regole dementi. Almeno così i cittadinini non potranno dire che sono stati fraintesi!

     

  • 29
    NeroLucente

    Sacrosante parole, ecco quello che mi sarei aspettato, ma siamo sempre in tempo, dal M5S.

    Ma come è stato detto, per parlare di economia bisogna affidarsi ad economisti non a industriali, muratori o vallette.

    Fatta questa premessa però bisogna tenere ben presente che esistono purtroppo economisti capaci ed incapaci ma anche onesti o disonesti. Sappiamo tutti che l’economia tocca INTERESSI ECONOMICI ENORMI con i quali si gioca l’equilibrio di grandi nazioni ed è facile per un piccolo uomo farsi corrompere perfino nuocendo al proprio paese.

    Dovremmo ragionare sulla storia, per capire gli errori fatti nel passato e sul contemporaneo per capire chi vuole cosa e perchè. Quello che appare chiaro a molti è che qualcuno pretende austerità, anzi la impone. Bisognerebbe comprenderne le ragioni e soprattutto analizzare alcuni dati.

    Io ho votato M5S, con tante perplessità, prime fra tutte proprio questa dell’economia. La vaghezza mi lascia scettico e parlare di uscita dall’euro equivale a scatenare terremoti nell’ambito della finanza. Ma possiamo stare zitti e fingere che MES e FISCAL COMPACT e ora per chi non lo sapesse il 2PACK, non siano vincoli per cercare di evitare la nostra fuga?

    QUI SI TRATTA DI FAR SENTIRE IL NOSTRO PESO, siamo pur sempre un paese di 60 milioni di abitanti, abbiamo ancora tante eccellenze, dobbiamo smetterla di piegarci al volere di furbacchioni mercantilisti. Ci siamo piegati con Kohl, abbiamo bisogno di qualcuno che possa dialogare in maniera decisa e basta farci calpestare!

  • 28
    NeroLucente

    DAi ragazzi, siamo realisti, con l’elettorato che ci ritroviamo ora non andiamo da nessuna parte.

    Il M5S ha avuto un buon successo, l’astensione è aumentata, ma pensate davvero che con questi numeri si possa parlare di USCIRE DALL’EURO? PDL e PD sono tutti favorevolissimi a rimanere nell’euro, il PD con il sogno degli SUE e il PDL schiavo delle decisioni estere.

    E aggiungo che se per ipotesi riuscissimo ad avere Bagnai ministro dell’Economia, si scatenerebbe un offensiva mediatica e politica mai vista prima al minimo accenno di ritorno alla lira o magari al fiorino. E non solo sul piano nazionale, ma a livello mondiale.

    Per me sarebbe l’uomo giusto, preparato nel suo campo, poliglotta, di ottima cultura, di sicuro decisionista e pragmatico. Ma dovremmo avere un VERO GOVERNO e altrettanti Ministri all’altezza, non mi meraviglierei in un altro golpe morbido per impedire il ritorno alla sovranità nazionale, non solo monetaria…

  • 27
    Rasti2

    È da un pò di tempo che seguo gli interventi di Loretta Napoleoni sul web, sono molto chiari e concisi anche per chi di economia non ne capisce le teorie economiche e finanziarie, ma essendo un imprenditore colgo subito il sunto dei suoi interventi. Penso che la politica economica di uno stato non è così complicata come ci hanno fatto credere fino a qui, e che una vera democrazia può chamarsi tale solo se detta le regole al mercato e alla finanza. Se al contrario come fino ad oggi sono il mercato e la finanza a dettare le regole, allora non possiamo più parlare di democrazia. Ci sono ormai nel sistema di governo mondiale, dei conflitti di interessi colossali che impediscono che ciò avvenga. Ora in Italia abbiamo un’occasione unica che è quella di portare in parlamento dei cittadini che non hanno nessun conflitto di interessi, il conflitto di interessi è un pensiero tipicamente mafioso, per il quale se io ricopro una qualunque carica istituzionale lo faccio per i miei interessi o per la lobby che rappresento. La legge sul conflitto di interessi non è da considerare, come tanti pensano, solo relativamente ai media, ma bisogna far si che imprenditori del calibro dei Caltagirone, dei Ligresti ecc. non possano più sedere nei consigli di amministrazione delle banche e non possano possederne più di un certo numero di azioni. Con la creazione dell’ultima crisi economica mondiale, attraverso le banche, l’oligarchia mondiale, tramite un conflitto di ineressi colossale, sta commettendo il furto di denaro e di risorse più grande della storia. Bisogna anche fare delle distinzioni tra mercato e finanza a livello legislativo e contributivo, io produco un bene e faccio parte del mercato, la finanza produce guadagni per chi beni non ne produce. Dobbiamo dettare delle regole che solo economisti illuminati come la Napoleoni possono aiutarci a scrivere.BOUNA RIVOLUZIONE A TUTTI!

  • 26
    Zia Lella

    tv5stelle.info/economia-5-stelle-conferenza-nazionale-sulleconomia-me-mmt/

  • 25
    Cesarito

    Euroleso ha scritto :
    Scusate, potrei fare una piccola ricetta io? 1)      Stampa immediata di moneta parallela per affrontare l’emergenza 2)      Statalizzazione della cassa depositi e prestiti 3)      Statalizzazione della Banca d’Italia 4)      Separazione delle banche commerciali da quelle speculative (legge Roosevelt) 5)      Finanziamenti immediati alle imprese e mutui ai cittadini, per annullare l’effetto IMU 6)      Uscita dall’Euro con relativo pernacchione Siccome in cucina sono un dilettante, aspetto parere dagli esperti.

     

    SEI UN GRANDE !!!!!

  • 24
    sgursky

    Complimenti per la censura stile Komintern che ha cancellato il mio intervento precedente. La prendo come un bell’esempio della politica di apertura al dibattito del nuovo conservatore del verbo ufficiale…

    Mi ero permesso solo di dire che è risaputo che Loretta Napoleoni non è un’economista, che ha diritto di esprimere le sue idee, ma che appare spesso millantare credito nel modo con cui si presenta. I peggiori nemici del nuovo sono i parvenu, soprattutto quelli che blaterano a vanvera per ottenere il consenso e che fanno poi fare figure barbine a chi li elegge a propri vate. 

    Se questo era il cambiamento, francamente mi fate rivalutare la conservazione. Cambiare non vuol dire che ogni idea anche la più strampalata è giusta solo perché si è nuovi. Sarebbe come sostenere che è meglio prendere una persona qualsiasi e metterla a fare il cardiochirurgo. Io non mi farei operare e meno che mai mi farei governare da qualcuno scelto nello stesso modo.

  • 23
    giovanni61

    Ciao a tutti, io non capisco quasi niente di economia, forse per questo mi sembra tutto molto chiaro, la costituzione dice che la sovranità’ della moneta appartiene al popolo,poi  attraverso una serie di tranelli, di chiara incostituzionalità’, anche se non rivelati tali dagli organi competenti, nell’arco di 20 anni circa i nostri politici corrotti, i nostri costituzionalisti venduti, e tutta una cricca di burocrati asserviti ai banchieri, tradendo i cittadini ci hanno tolto la sovranità’ monetaria, e non solo.

    Tutto questo è semplicemente illegale oltreche immorale, dobbiamo denunciare fatti e persone che hanno fatto quegli accordi, dobbiamo denunciare tutti quegli uomini dello stato preposti a controllare i nostri interessi,e non lo hanno fatto, in base a questo i relativi accordi devono ritenersi nulli, frutto di truffa ed alto tradimento, quello che hanno fatto all’ITALIA e gravissimo, questi signori hanno sulla coscienza tante morti, e tanta sofferenza, la magistratura anche se fino ad ora non lo ha fatto dovremo costringerla ad agire.

    Quindi sovranetà’ monetaria, indipendenza energetica perche si puo già’ in mile modi diversi, riequilibrio della ricchezza, niente ruberie, i cervelli italiani non aspettano che di poter fare, non credo che staremmo peggio,almeno  cominceremmo a costruirci un futuro migliore, cosa che adesso ci viene reso impossibile.

    W ITALIA

«12

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di ByoBlu.


Non sono consentiti:
* messaggi non inerenti al post
* messaggi privi di indirizzo email
* messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
* messaggi pubblicitari
* messaggi con linguaggio offensivo
* messaggi che contengono turpiloquio
* messaggi con contenuto razzista o sessista
* messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane
  (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)
* messaggi il cui contenuto rappresenta un'aggressione alla persona e non alle sue idee
* messaggi eccessivamente lunghi
* messaggi formattati in modo da diminuire la fruibilità delle discussioni

Non è possibile copiare e incollare commenti di altri nel proprio. Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi. In ogni caso il proprietario del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.

I Mini Blu

Pepe (ex M5S) scatena l’inferno su vaccini e autismo al Senato. Che lo censura.

vaxxed vaccini autismo bartolomeo pepe Vaxxed, la prima europea del film sui vaccini messo alla berlina Il 4 ottobre 2016, Bartolomeo Pepe (senatore ex Movimento 5 Stelle), doveva presentare "Vaxxed - from cover up to catastrophe", il film documentario di Andrew Wakefield sulla discussa relazione tra la vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia e l'autismo. Il...--> LEGGI TUTTO

Tutti gli statuti del Movimento 5 Stelle

ma-quanti-statuti-ha-il-movimento-5-stelledi Paolo Becchi Mentre la stampa è occupata dal gossip a 5 stelle su telefonate in punto di morte tra l’Ayatollah e il guru e dalla kermesse che si è aperta a Palermo per la quale oggi è annunciata l’esibizione di Raggi-o di luce che canterà "Io...--> LEGGI TUTTO

Come mai Jp Morgan, proprio adesso, vuole più deficit?

JP MORGAN AUSTERITY VS SPESA PUBBLICAGli economisti di JP Morgan, la grande banca d’affari Usa, segnalano che per la prima volta dal 2009 tutti i bilanci pubblici dei governi nelle zone industrializzate, Europa, Usa, Giappone e Regno Unito, daranno un contributo positivo alla crescita globale. Merito, secondo loro, di un aumento della spesa pubblica in tutte...--> LEGGI TUTTO

Notizie dal web

La lettera di una mamma lavoratrice che fa venire il magone

Mamme lavoratrici: la triste realtà che si cela dietro alla famiglia del Mulino BiancoPubblico questa lettera (inviata a Beppe Severgnini sul Corriere della Sera), che fa venire il magone non solo a chi l'ha scritta ma anche a me che l'ho letta, e nella quale credo si riconoscano tante, troppe mamme lavoratrici, perché sia motivo di riflessione sul modo in cui si è...--> LEGGI TUTTO

La lobby dello zucchero uccide – i nuovi documenti tenuti nascosti

la lobby dello zucchero uccideNEW YORK: Decine di scienziati, negli Anni 60, furono pagati dall'industria americana dello zucchero per sminuire il collegamento tra consumo di zucchero e problemi cardiaci e spostare così l'attenzione sui grassi saturi. A rivelarlo sono una serie di nuovi documenti scoperti recentemente da un ricercatore della University of California di...--> LEGGI TUTTO

Caro M5S, volete allargare il direttorio? Bene, ma dovreste fare così…

votazione online democrazia direttaBarbara Lezzi, senatrice M5S, ha rilasciato un'intervista al Fatto Quotidiano sulle questioni romane. L'ipotesi, che alcuni organi di stampa dicono condivisa anche dalla Casaleggio Associati, è quella di allargare il direttorio a 30/40 persone. Una vera e propria struttura di intermediazione (di quelle che ancora oggi non sono previste dal "Non...--> LEGGI TUTTO

CURIOSITA’

Come funziona l’Italia: noi siamo quelli con il fiore in mano

Come funziona l'ItaliaCome funziona l'Italia Ecco come funziona la nostra società. Questa è l'Italia. E, ...caso mai cercaste il pallino "voi siete qui", in questo disegno noi siamo quelli con il fiore in mano....--> LEGGI TUTTO

I nanorobot a controllo mentale che vi osserveranno.

I NANOROBOT A CONTROLLO MENTALE CHE VI OSSERVERANNOPer la prima volta, una creatura vivente è stata controllata dall'uomo utilizzando esclusivamente il pensiero, grazie a nanorobot che hanno rilasciato all'interno di alcuni scarafaggi dosi programmate di farmaci, in risposta all'attività cerebrale di chi ha condotto l'esperimento. Una tecnica che - sostengono già alcuni - potrebbe essere molto utile per il trattamento...--> LEGGI TUTTO

Come fare soldi con un blog

Innanzitutto, come "non" fare soldi con un blog Se vuoi fare soldi con un blog, non aprire un blog di informazione. Tantomeno libera. Se poi vuoi fare un blog di informazione indipendente, inizia a cercarti su AirB&B un paio di metri quadri ancora disponibili, a prezzi stracciati, sotto a qualunque ponte...--> LEGGI TUTTO

Categorie
Le vostre email

Volete sapere perché siamo 73° per libertà di stampa? Eccovi serviti!

Libertà di stampa - in Italia siamo semi-liberi di Godot_74 L'Italia nel 2015 è scesa al 73° posto nella classifica sulla "libertà di stampa". Viene definita anche "semi-libera". Più che parlare di libertà di stampa, però, forse sarebbe il caso di concentrare l'attenzione sulla sua completezza, indipendenza ed obiettività. (altro…)...--> LEGGI TUTTO

tasto_newsletter
Video dal web

Alfano: M5S peggio di fascisti e comunisti

ALFANO: M5S PEGGIO DI FASCISTI E COMUNISTI"Alcuni dirigenti M5S hanno la cecità ideologica di alcuni vecchi comunisti e la feroce violenza di alcuni primi fascisti". Così Angelino Alfano ieri al Corriere della Sera. Di seguito, nel video, la replica di Di Battista: ...GUARDA

Donald Trump Vs Hillary Clinton – Il primo confronto TV Integrale

Donald Trump Vs Hillary Clinton - Il primo confronto TV IntegraleDonald Trump e Hillary Clinton si sono sfidati questa notte nel primo confronto tv delle presidenziali Usa 2016. Ecco il video integrale. ...GUARDA

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo

Di Battista e Di Maio vs Lucia Annunziata al Foro Italico di Palermo L'intervista di Lucia Annunziata, a In Mezz'ora, dal Foro Italico di Palermo, ad Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio....GUARDA

Sgarbi caga sulla Swiss Air

Vittorio Sgarbi caga sulla Swiss Air Sgarbi "caga" sulla Swiss Air, le hostess gli chiedono di uscire a metà: quello è un bagno di prima classe. Immaginate il seguito (la questione nasconde una discussione sui diritti sottostante: di fronte alle emergenze, è possibile che valga la distinzione "prima classe/seconda classe"?):...GUARDA

USA: la polizia fredda un altro afroamericano, Terence Crutcher

terence-crutcher omicidio polizia USA In Oklahoma la polizia ha ucciso un altro afromericano. Una lunga sequela di uccisioni che dal 2015 porta a 400 l'elenco delle vittime. Gente freddata spesso senza alcuna ragione apparente. (altro…)...GUARDA

Becchi: la stampa contro al M5S? Ma se il blog di Grillo ormai è il Corriere della Sera!

BECCHI: STAMPA CONTRO AL M5S!? MA SE IL BLOG DI GRILLO ORMAI È IL CORRIERE DELLA SERA!Paolo Becchi a Checkpoint parla del grande colpo di stato dell'Euro, dei rapporti tra la stampa e il M5S e del grande spettacolo politico della Casaleggio Associati. ...GUARDA

Roma: Nino Galloni assessore al Bilancio nella giunta Raggi?

Nino Galloni - Io assessore al Bilancio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi? Nino Galloni, ospite a Tagadà su LA7, risponde alle domande sulla sua candidatura ad Assessore al Bilancio e al Patrimonio del Comune di Roma, nella giunta di Virginia Raggi. (altro…)...GUARDA

Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: “complotto su Roma”.

matteo renzi sfotte paola taverna su roma complotto Matteo Renzi sfotte Paola Taverna: "ci fanno il complotto su Roma"....GUARDA

Film, libri e Dvd

Lights Out: Terrore nel Buio – Trailer Hd ITA ufficiale #NonSpegnereLaLuce – film horror

LIGHTS OUT TERRORE NEL BUIO TRAILER ITA HD UFFICIALEIl trailer HD ITA (in italiano) di Lights Out: terrore nel buio. #NonSpegnereLaLuce I migliori film horror a casa tua: Film Horror al Cinema. Dal produttore James Wan (“L’evocazione-The Conjuring”), è in arrivo il racconto di un terrore sconosciuto in...==> GUARDA TUTTO ==>